Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘perseguitati’

Il Papa invita a pregare per i cristiani perseguitati

Posted by fidest press agency su sabato, 9 marzo 2019

L’intenzione di preghiera del Santo Padre per il mese di marzo è dedicata ai cristiani che soffrono a causa della propria fede, come annuncia lo stesso Pontefice in un video prodotto dalla Rete Mondiale di Preghiera del Papa in collaborazione con la Fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre.«Forse sembrerà difficile da credere – esordisce Papa Francesco nel videomessaggio – ma oggi ci sono più martiri che nei primi secoli. Sono perseguitati perché dicono la verità e annunciano Gesù Cristo a questa società». Come documentato anche dal recente Rapporto ACS sulla libertà religiosa nel mondo, in molte parti del mondo farsi il segno della croce, andare a messa la domenica o recitare il rosario significa rischiare la propria vita, essere assassinati, lapidati o finire in campi di lavoro forzato.«Questo avviene – nota il Papa – in particolare laddove la libertà religiosa non è garantita. Ma anche in Paesi che in teoria e sulla carta tutelano la libertà e i diritti umani».Il 2019 è iniziato con un attentato durante una Messa nella cattedrale di Jolo, nelle Filippine, che è costato la vita a 23 persone. L’anno scorso nel mondo sono stati assassinati 40 missionari, 35 dei quali erano sacerdoti, come Blaise Mada e Célestine Ngoumbango massacrati il 15 novembre insieme a 80 fedeli nel campo profughi di Alindao.
Non bisogna poi dimenticare Asia Bibi, la madre pachistana che è stata condannata a morte con l’accusa di blasfemia e che è stata liberata dal carcere solo dopo 9 anni. Si stima che oltre 25 cristiani siano attualmente in carcere in Pakistan con le stesse accuse.Anche i cristiani copti in Egitto soffrono persecuzione. Tutti ricordiamo le immagini dei 21 egiziani decapitati in Libia nel 2015. Ma non mancano altri episodi ignorati dall’opinione pubblica, come l’uccisione di pellegrini copti in due attacchi a Minya avvenuti nel 2017 e nel 2018.Vi sono migliaia di casi di persecuzione e discriminazione che passano inosservati perché non vengono segnalati dai media. Secondo il Rapporto ACS sulla libertà religiosa nel mondo, il Cristianesimo è la religione più perseguitata al mondo. Questo fondamentale diritto umano è gravemente minacciato in 38 Paesi; 21 dei quali sono addirittura classificati come paesi in cui si verifica la persecuzione.ACS è grata al Santo Padre per il suo messaggio e in questo mese di marzo si unisce in particolar modo a lui pregando per questa particolare intenzione. «Preghiamo per le comunità cristiane, in particolare quelle che sono perseguitate, perché sentano la vicinanza di Cristo e perché i loro diritti siano riconosciuti».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nadia Murad: Primo Nobel fra i perseguitati per la fede

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2018

«Istituzioni non confessionali si rendono finalmente conto che nel mondo la libertà religiosa è violata in modo drammatico». Così Alfredo Mantovano e Alessandro Monteduro, presidente e direttore di Aiuto alla Chiesa che Soffre, plaudono al Premio Nobel per la Pace oggi conferito a Nadia Murad, yazida rapita e ridotta in schiavitù dallo Stato Islamico a causa della sua religione.«E’ un riconoscimento a tutte le donne che come Nadia sono state perseguitate e hanno subito violenza in nome della fede professata», affermano Mantovano e Monteduro ricordando in particolar modo la storia di Rebecca Bitrus, cristiana nigeriana rapita e violentata da esponenti di Boko Haram, che ACS ha portato all’attenzione del mondo in occasione del Colosseo illuminato di rosso lo scorso febbraio.«Nel giugno scorso ACS ha lanciato una campagna di sensibilizzazione in favore delle donne abusate e oppresse perché appartenenti a minoranze religiose. Abbiamo chiesto che il movimento #MeToo andasse oltre Hollywood, interessandosi pure del dramma delle yazide rese schiave da Isis. Il Nobel a Nadia Murad mostra che eravamo nel giusto».ACS continuerà a richiamare l’attenzione sulla persecuzione e sulle violenze subite dalle donne nel mondo per motivi di fede. Il prossimo 22 novembre a Roma, in occasione della presentazione della nuova edizione del Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo, la Fondazione ospiterà un’altra ragazza yazida rapita nell’agosto 2014 dallo Stato Islamico e tenuta in schiavitù fino al luglio 2017, che narrerà la sua storia.Congratulandosi per l’assegnazione del Nobel per la Pace a Nadia Murad – premiata assieme al ginecologo congolese Denis Mukwege – ACS coglie l’occasione per un nuovo appello alle istituzioni italiane. «Dal governo italiano – dichiarano Mantovano e Monteduro – attendiamo azioni concrete che pongano al centro il tema della libertà religiosa violata».

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Perseguitati cristiani in Corea del Nord

Posted by fidest press agency su domenica, 10 settembre 2017

Kim Jong-UnEssendo scontati l’indignazione e l’allarme per le minacce poste dal regime di Kim Jong-Un, va ricordato quel che oggi larga parte dei media trascurano: l’ultimo Rapporto ACS sulla Libertà Religiosa documenta quanto la Corea del Nord sia l’esempio più cruento di Stato-persecutore; la scheda completa è consultabile cliccando qui. Ogni cristiano, o persona con antenati cristiani, è di norma inserito nella classe “ostile”, l’ultima delle tre categorie sociali individuate in base alla fedeltà al regime: tale appartenenza religiosa è infatti recepita come vicinanza ai nemici occidentali.
Nei campi di lavoro un numero enorme di detenuti è rappresentato da cristiani imprigionati per aver avuto con sé una Bibbia o per aver organizzato incontri di preghiera. Sin dal 2014 la Commissione d’inchiesta ONU sulla Corea del Nord ha denunciato le «indicibili atrocità» di cui si è macchiato il regime, e fra di esse vi è la feroce persecuzione religiosa. Cittadini stranieri, tra cui diversi missionari, sono reclusi in Corea del Nord per il loro impegno in attività religiose e umanitarie. Fonti autorevoli riferiscono di aborti forzati, privazione di cibo e casi di crocifissioni ai danni dei nostri fratelli nella fede.
La minaccia nord-coreana non è solo quella degli ordigni ad altissimo potenziale, capaci di mettere a rischio la sicurezza delle altre nazioni. La minaccia è pure quella – nascosta ma non per questo meno letale -, della più crudele, violenta ed estesa persecuzione, soprattutto religiosa.
Alle conseguenze concrete di uno degli ultimi brandelli di un’ideologia uguale a quelle che hanno insanguinato il XX secolo non si risponde con una pubblica reazione “settoriale” e interessata, mirata alla pur importante neutralizzazione delle bombe. L’Occidente si mostrerà degno della sua storia se saprà valutare con lo stesso metro quel che in Corea del Nord viene fatto a ogni singolo perseguitato per quella fede che ha dato e continua a fornire vita alle maggiori comunità politiche mondiali.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ACS a Notre-Dame di Parigi per i Cristiani perseguitati

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 marzo 2017

notre-dameParigi venerdì 24 marzo ore 18,15 ACS organizza a Parigi un nuovo grande evento per attirare la pubblica attenzione sulla dura realtà della persecuzione anticristiana. ACS, Aide à l’Église en Détresse in Francia, presenta “La Notte dei Testimoni. Veglia di preghiera per i Cristiani perseguitati”. Il luogo prescelto è altamente simbolico: la Cattedrale di Notre-Dame. Dopo la celebrazione eucaristica (ore 18.15) inizierà la Veglia (ore 20 – 22) presieduta da Mons. Jérôme Beau, Vescovo ausiliare di Parigi, durante la quale si avvicenderanno diverse testimonianze: per il Niger Suor Marie-Catherine Kingbo, Fondatrice della Congregazione delle Serve di Cristo, per la Siria Padre Jacques Mourad, Membro della Comunità di Mar Moussa, per la Corea del Nord Padre Philippe Blot, Missionario della Società delle Missioni estere di Parigi. “La Corea del Nord mantiene il triste primato fra i Paesi che violano la libertà religiosa” commenta Alessandro Monteduro, Direttore di ACS-Italia. “Il diritto alle libertà di pensiero, coscienza e religione è quasi completamente negato. Il regime considera la diffusione del Cristianesimo come una minaccia particolarmente grave, per cui chi viene sorpreso nell’atto di compiere attività religiose subisce arresti, torture ed esecuzioni.”. Nel Niger il problema principale è il fondamentalismo islamico. “In questa nazione – prosegue Monteduro – Boko Haram sta espandendo costantemente il proprio raggio di azione. L’obiettivo della formazione terroristica è dar vita ad uno Stato islamico con la più rigida applicazione della sharia. Che dire infine della Siria? Proprio oggi ricorre il sesto anniversario dell’inizio della crisi (15 marzo 2011). Prima di essa i Cristiani erano circa un milione e mezzo, cioè il 10% della popolazione. Secondo una stima della Diocesi cattolica caldea di Aleppo, nel 2016 nell’intera Siria ne sono rimasti circa 500.000. Il restante milione ha abbandonato la nazione. Ad Aleppo prima della guerra erano circa 160.000; secondo una stima riferita a settembre 2016 ne sono rimasti circa 35.000, cioè oltre il 78% in meno rispetto al 2011. La situazione è ancora peggiore ad Homs, dove siamo passati da 40.000 Cristiani prima della guerra a 2.000 circa nel 2016: il 95% in meno rispetto al 2011!”. Per tutti questi motivi è necessario continuare nell’opera di sensibilizzazione. “Il fenomeno è gravemente sottovalutato. In Europa l’attenzione si desta solo quando si verifica qualche fatto di cronaca, ma una volta passato il clamore si ritorna alla consueta indifferenza. Per questa la nostra Fondazione organizza questi grandi eventi. Ora è la volta di Parigi, e la Cattedrale di Notre-Dame è il luogo più appropriato per lanciare questo drammatico messaggio”, conclude il Direttore di ACS-Italia.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra documentaria Schedati, perseguitati, sterminati

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 marzo 2017

vittorianoRoma Giovedì 9 marzo 2017, ore 11.30 Monumento a Vittorio Emanuele II, Sala Zanardelli Piazza dell’Aracoeli 1, mostra documentaria Schedati, perseguitati, sterminati Malati psichici e disabili durante il nazionalsocialismo arricchita dalla sezione Malati, manicomi e psichiatri in Italia: dal ventennio fascista alla seconda guerra mondiale. Presentata per la prima volta nel 2014 al Parlamento tedesco a Berlino, l’esposizione è stata portata a Londra, Vienna, Osaka, Città del Capo e Toronto. Attraverso fotografie, documenti d’archivio e inediti e ricostruzioni biografiche viene raccontata l’assoluta disumanità perpetrata nei confronti dei malati psichici e dei disabili durante il nazionalsocialismo. Intervengono:
Edith Gabrielli – Direttore Polo Museale del Lazio
Prof. Claudio Mencacci – Presidente Società italiana di psichiatria
Prof. Frank Schneider – Presidente Società tedesca di psichiatria
Gerardo Favaretto – Vice Presidente Società italiana di psichiatria
Dr. Annelore Homberg – Netforpp Europa

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Perseguitati e persecutori

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 marzo 2013

La giustizia in Italia ha toccato il fondo. I suoi limiti sono sotto gli occhi di tutti. E’ il caso “Berlusconi” a renderlo evidente in maniera davvero sconvolgente. E’ una giustizia che può essere imbrigliata come si vuole se si hanno gli ingredienti giusti e si adottano i suoi difetti per giustificare i propri. La mancanza è dei processi lunghi. L’anomalia è nei suoi tre gradi di giudizio. Il difetto sta nel legislatore che può cambiare a comando le leggi mentre si celebrano i processi depenalizzando il falso in bilancio, riducendo la prescrizione trasformando il legittimo impedimento in una farsa. Così questa giustizia ante litteram trasforma l’imputato in inquisitore e gli consente di prendersi beffa delle istituzioni trasformando le aule dei tribunali in tribune elettorali e per fare in modo che si proclami vittima e perseguitato. Ora che i processi “rischiano” di arrivare al loro naturale epilogo si trovano mille stratagemmi per umiliare non i giudici e i pubblici ministeri ma il sistema nel suo complesso. E questa farsa è destinata perpetuarsi perché la vittima-imputato ha da guadagnarci in termini elettorali riscuotendo negli ingenui elettori simpatie e complicità. Siamo noi come cittadini di questo paese che si chiama Italia a doverci vergognare che questa melina continui a rubare le prime pagine della carta stampata e dei media, più in generale, invece di parlare dei problemi reali del paese tra disoccupazione e miseria, ricchezza e povertà. Smettiamola una volta per sempre, diventiamo adulti. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Equitalia e il debito delle famiglie

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2012

Preso atto che gli aggiustamenti dei mesi scorsi, se così vogliamo chiamarli, tra contribuenti ed Equitalia hanno prodotto risultati scarsissimi, considerato l’entità importante del debito complessivo delle Famiglie e delle Imprese raggiunti da cartelle esattoriali, ritengo che su questa vicenda c’è urgenza di fare un ragionamento particolare perché la situazione è tale da costituire una vera e propria emergenza economica. Le difficoltà delle imprese per l’accesso al credito e i ritardi gravissimi nei pagamenti degli Enti Pubblici alle imprese hanno generato in questi ultimi anni forti dilazioni nei pagamenti delle imposte e tasse più per continuare a sopravvivere e non certo per la volontà di non pagare quanto dovuto. I debiti con l’Erario hanno causato inoltre l’esclusione delle imprese da molti bandi di gara nella pubblica amministrazione aggravando di fatto una situazione economica del nostro tessuto imprenditoriale che è già difficile per la grave crisi provocata da “altri”. Alla luce di quanto sopra ritengo che un po’ tutti dovremmo pensare concretamente a come uscire da questa situazione di impasse che sta causando chiusure di molte piccole aziende e molte situazioni difficili in tantissime famiglie. Per far fronte a questa situazione sono necessarie misure urgenti che potrebbero alleviare il peso del debito fiscale affinchè non sia la causa primaria di chiusura per tanti piccoli imprenditori e motivo di disperazione per tanti nostri concittadini. La soluzione potrebbe essere la seguente: procedere all’incasso dei debiti fiscali maturati e conclamati, con tutti gli Enti Pubblici al 31 12 2010 concedendo a chi necessita un piano di ammortamento congruo, eliminando completamente sanzioni, aggi, balzelli e aumentando gli importi dei soli interessi legali maturati. Dare inoltre nei pagamenti la possibilità di scontare eventuali crediti vantati nei confronti della Pubblica Amministrazione. Un’operazione del genere potrebbe effettivamente essere definita un provvedimento di crescita economica in una fase di stallo come quella attuale, eliminando di fatto tutto un contenzioso che si trascina da anni e anni con Equitalia. L’obiettivo non è quello di tutelare gli evasori ma è quello che i cittadini paghino tutti per pagare meno. Questo per quanto di mia conoscenza è un problema a cui non si è dato o non si vuole dare la giusta importanza perchè gli incaricati di eseguire gli incassi e la Politica non hanno compreso minimamente lo stato di disagio, l’impossibilità di molti , il grande stress e la depressione che procura all’interno delle nostre famiglie incappate in questa spirale. Spero che queste criticità nel 2012 vengano affrontate nella giusta misura anche per eliminare quelle dicerie di tantissimi nostri concittadini più indigenti che di fatto si sentono dei veri perseguitati da parte della società esattrice. Il rapporto tra Stato e Cittadino, è interesse di tutti, deve continuare ad essere collaborativo. Spero che chi di dovere, Politici, Associazioni e Sindacati diano il giusto peso a queste proposte sicuramente semplici ma certamente esaustive e condivise da tantissimi. (Salvatore Lucà – Consigliere Provinciale)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Perché mi perseguiti?

Posted by fidest press agency su domenica, 10 luglio 2011

Al 70% della popolazione mondiale è negata la libertà religiosa, di coscienza e di pensiero. Tale diritto è oggi negato in molte parti del mondo a fedeli di ogni credo: cristiani, ebrei, indù, musulmani, buddisti o diversamente credenti. La premessa – dal significativo titolo «Perseguitati perché testimoni – Libertà di credere: chi non la vuole?» – fornisce una panoramica mondiale delle negazioni della libertà religiosa, esponendo in box riassuntivi i risultati di alcune ricerche; secondo i dati forniti da “Amnesty International”, da almeno due decenni il cristianesimo sembra essere la religione più perseguitata del mondo. I cristiani messi a morte ammontano a ben 12.692. Di questi, 5.343 sono sacerdoti e seminaristi, 4.872 religiosi e religiose, 126 vescovi e 2.351 laici. Tratte dall’Edizione 2010 del Rapporto ACS sulla libertà religiosa nel mondo, chiude questo sussidio una selezione di 21 Schede di Paesi in cui le persecuzioni sono più diffuse, acute e violente. Perchè mi perseguiti? Libertà religiosa negata. Luoghi e oppressori, testimoni e vittime Aiuto alla Chiesa che Soffre – Lindau – 2011 – pp. 176 – € 10,00

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Veglia preghiera cristiani perseguitati

Posted by fidest press agency su sabato, 22 gennaio 2011

Roma 5 febbraio alle ore 22 e si protrarrà fino alle ore 7 di Domenica 6 P.zza  delle  Cinque Scole, 3 il Movimento dell’Amore Familiare organizza una Veglia di Preghiera per i Cristiani perseguitati e per la libertà religiosa. S. E. Mons. Giovanni D’Ercole aprirà la Veglia, che si terrà nella Parrocchia San Gregorio VII in Via Gregorio VII n. 8 per tutta la notte, in preghiera e in adorazione davanti al Santissimo Sacramento. concludendosi con la Santa Messa. Sarà animata dalle famiglie del Movimento, e aperta a tutti coloro che desiderano unirsi in preghiera. Saranno invitate Parrocchie, Associazioni e Movimenti e avvisati i Mass-Media.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Negazionismo, una legge per punirlo

Posted by fidest press agency su sabato, 16 ottobre 2010

Negare la persecuzione degli ebrei è certamente un reato, innanzitutto contro la Storia e contro la Verità; perseguire il negazionismo “ope  legis” renderebbe quel minimo di giustizia che i perseguitati di tutte le razze e di tutte le religioni e di tutte le culture  hanno diritto ad avere. Cosa vorrebbe negare  il negazionismo?   I campi di concentramento  i forni crematori, le camere a gas, le sperimentazioni mediche in vivo ? Vada per una legge che con rigore persegua chi attenta alla Verità che la Storia ha già certificato. E dovrebbe trattarsi di una legge “retroattiva”, che punisca anche i negazionisti che tali si sono dimostrati, con dichiarazioni estemporanee; una legge che, paritariamente e indistintamente,  metta nel medesimo calderone tutti i personaggi, di maggiore o minore  rilevanza, che negano o hanno negato le brutture ordite dal nazismo e dallo schiavetto fascismo. Il mio riferimento va ad una affermazione dimenticata, grazie a quella memoria corta degli italiani che salva quel salvabile che non meriterebbe di essere salvato. Mi riferisco all’imprudente affermazione secondo la quale    Mussolini non ha mai ammazzato nessuno, Mussolini mandava la gente a fare vacanza al confino. (settembre 2003)    Un’affermazione del genere nega le leggi razziali, nega i treni con carri bestiame con dentro stipati gli ebrei del ghetto romano, che partivano dalla stazione Tiburtina all’alba; la destinazione finale era  nei campi di concentramento tedesco e non  una amena isoletta. Qualora una legge del genere fosse, correttamente e giustamente, approvata, dovrebbe risultare il presidente del consiglio Berlusconi il primo ad essere denunciato. (Il Messaggero del 15 ottobre) (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cristiani perseguitati

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 gennaio 2010

“E’ bene ricordare che ogni giorno in aree critiche come alcune paesi islamici centinaia di cristiani sono oggetto di  terribili persecuzioni nonostante molti di questi tra laici e religiosi si attivino quotidianamente per il bene della popolazione e per portare un sorriso ai bambini che soffrono. Lo ha dichiarato Aldo Di Biagio, Responsabile Italiani nel Mondo del PdL. “Questo piccolo mondo spesso viene lasciato a latere delle grandi notizie e delle vicende politiche internazionali, ma sfortunatamente se ne comincia a parlare solo quando qualcuno di essi cade vittima di qualche gesto estremo, come dimostra l’ondata di violenza di questi giorni. Bisogna avere il coraggio e la forza di difendere questa gente, molti dei quali cittadini europei, ed invitare i paesi dell’UE a farsi carico di un atto di rispetto e di coerenza nei confronti della loro storia e soprattutto nei confronti della società e della cultura europea. Di Biagio ha continuato: “plaudo all’intervento del Ministro Frattini, uno dei pochi referenti di governo europei che ha inteso gettare luce sull’esigenza da parte dell’UE di difendere le comunità cristiane, e di salvaguardare e proteggere la loro opera come interesse dell’intera Europa e mi auguro che questo suo appello possa essere raccolto dagli altri leader europei”. “Bisogna ritornare a riscoprire la forza delle nostre radici – conclude – e soprattutto guardare con ammirazione e rispetto ai tanti che sotto il simbolo della croce aiutano il prossimo e sostengono la ricostruzione di comunità e di realtà devastate da guerra e fame. Non bisogna inquadrare questo come solo spirito confessionale, ma inquadrarlo come chiara espressione della nostra cultura, della nostra storia e del sentire comune del popolo europeo”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’imbroglio continua

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 dicembre 2009

Lettera al direttore. Il sindaco di Milano, Letizia Moratti, ha deciso di dedicare una via, una piazza, o un giardino a Bettino Craxi. Sconsiglierei la via, perché è difficile poi costruirvi nel mezzo un bel monumento, sul quale scrivere, magari:”Politico, perseguitato dalla giustizia”. Per tale, infatti, lo fece passare con un piccolo evangelico imbroglio il vescovo di Tunisi nel dicembre del 1999. Celebrando i funerali nella cattedrale Saint Louis, lesse dal Vangelo: «Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli», ed esplose un fragoroso applauso. E i giornali riportarono la notizia. E nessuno si accorse del sottile inganno. L’ottava beatitudine, infatti, come ben doveva sapere il vescovo, non allude ai perseguitati dalla “giustizia”, ma ai perseguitati in quanto difensori della giustizia. Fa preciso riferimento alle persecuzioni religiose, e significa: beati coloro che saranno perseguitati a causa dell’impegno e del desiderio di attuare e far attuare, in sé e nel mondo, il piano salvifico di Dio. In qualche modo il piccolo imbroglio continua. (Renato Pierri)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »