Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Posts Tagged ‘personale scolastico’

Orientamento della giurisprudenza rispetto ai contratti a termine del personale scolastico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 ottobre 2018

La causa si concluse quattro anni fa con un verdetto favorevole per Anief e i suoi legali, ma ad oggi non si vede la sua effettiva realizzazione. Con essa si riconosce il diritto dei lavoratori che hanno prestato servizio per 36 mesi in modo continuativo a essere finalmente assunti a tempo indeterminato. Il Presidente nazionale Anief, Marcello Pacifico, ci illustra l’orientamento della giurisprudenza italiana riguardo ai contratti a termine del personale della scuola.
“Anief ha vinto in Corte di Giustizia con i suoi avvocati e abbiamo vinto anche in Corte Costituzionale e in Corte di Cassazione. Di fatto dopo 4 anni ormai c’è una giurisprudenza granitica della Corte suprema italiana che riconosce al personale precario la parità di trattamento economica e giuridica col personale di ruolo. Quindi, laddove ci siano dei precari che continuano a prendere sempre lo stipendio iniziale è evidente che debbano ricorrere perché la legge purtroppo non è cambiata e bisogna rivolgersi al tribunale per avere, per esempio, gli scatti di anzianità; stiamo parlando di 12 – 15 mila euro di arretrati per 10 anni di supplenza. Dopo di che, sempre la Corte di Cassazione ha stabilito che il personale precario, che rimane in tale stato e che ha avuto più di 36 mesi di supplenza al 31 agosto o al 30 giugno nella stessa scuola, ha diritto anche a un risarcimento che per 10 anni di precariato si quantifica in altri 15 mila euro. In tutto questo, se si va a dimostrare pure che durante le mensilità estive, di luglio e agosto, il posto era vacante e disponibile, si vanno a recuperare ulteriori 1500 euro per anno. Quindi, sono azioni che si devono intraprendere anche se si è entrati di ruolo perché, come dimostra la causa Rossato ma indipendentemente da questa, già oggi al personale di ruolo sono riconosciuti gli scatti di anzianità che gli erano stati negati da precario e tutto questo non c’entra niente con la ricostruzione di carriera. Quindi, invitiamo tutto il personale docente e Ata a ricorrere nei tribunali, i ricorsi sono gratuiti, per avere finalmente lo stipendio che gli spettava”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mobilità personale scolastico

Posted by fidest press agency su martedì, 17 aprile 2018

La Corte di Cassazione, che in questo senso si è espressa a sezioni unite con la sentenza n. 22552/16, risolvendo l’annoso problema della mancata parità di trattamento tra personale di ruolo e precario, accorda le richieste di non discriminazione patrocinate dal sindacato. Lo stesso principio vale per la validità dei servizi svolti, che vanno per forza di cose considerati tutti per intero. E ciò vale, ovviamente, anche per i docenti di sostegno. I quali, lo ricordiamo, sono insegnanti abilitati con diritti analoghi ai colleghi su disciplina. Detto questo, rimane un mistero il perché al Miur si continui a considerare il loro servizio pre-ruolo non utile per il raggiungimento del quinquennio di servizio e a chiedere, in questo modo, il ritorno sulla loro disciplina d’insegnamento. Secondo il giovane sindacato, risulta quindi illegittima la norma contrattuale laddove non riconosce il servizio pre-ruolo come utile per la valutazione del servizio obbligatorio da svolgere nei trasferimenti. A questo proposito, nel periodo di consegna delle domande di trasferimento, che rimarrà aperto fino al prossimo 26 aprile, Anief ricorda di dichiararlo nella domanda, per poter impugnare il tutto. Per aderire al ricorso vai al seguente link.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Appena Anief diverrà rappresentativa, al fine di ottenere il punteggio spettante in fase di richiesta di mobilità ed in particolare di trasferimento annuale, si batterà al massimo sia per questa istanza, sia per revisionare la tabella di valutazione dei titoli, per valutare il servizio nella paritaria, tutto quellopre-ruolo nelle graduatorie interne d’istituto e per garantire i trasferimenti attraverso l’adeguamento degli organici di fatto agli organici di diritto. Proprio in questi giorni è indispensabile rivolgersi in tribunale per presentare anche altri ricorsi Anief e non soccombere dinanzi alle norme ingiuste incluse nel contratto vigente sulla mobilità del personale scolastico.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »