Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Posts Tagged ‘piaga’

La piaga della corruzione

Posted by fidest press agency su sabato, 6 agosto 2016

Il Ministero Infrastrutture e Trasporti è esposto alla piaga della corruzione che tenta di insinuarsi senza sosta nei settori ispettivi, degli appalti, dei trasporti e della motorizzazione civile e ci riesce quando gli interessi illeciti dei privati, in combutta con amministratori disonesti, riescono a trovare il terreno fertile.
Quando accade, oltre al pesante onere economico e sociale, è più a rischio la vita stessa dei cittadini e troppo spesso, dopo la conta dei morti, emergono episodi di corruzione. La USB Pubblico Impiego ed i lavoratori del MIT sono impegnati in prima linea alla lotta ai fenomeni di malaffare ed alla malamministrazione.I vertici del ministero rilevano una situazione talmente degradata e fuori controllo in alcuni settori, per esempio alla Motorizzazione di Napoli ma non solo, da richiedere ora interventi drastici.Ma, invece di mandare a casa i vertici della Motorizzazione Civile che rimangono invece saldi al loro posto da decenni, il ministro Graziano Del Rio pensa bene di prendersela con i più deboli, spostando i lavoratori da una città all’altra della Campania, senza un piano organico anticorruzione che preveda un reale potenziamento dei servizi ispettivi, un ridimensionamento drastico del predominio dei privati nel settore, lo sblocco del turn over, la rotazione coerente degli incarichi.Si spara nel mucchio criminalizzando tutti i lavoratori, mettendo in crisi intere famiglie, con il rischio di rafforzare le cause del malaffare, poiché la rotazione dell’impiego sul territorio è un elemento efficace solo se inquadrato entro misure d’insieme
La USB ha proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori della Motorizzazione Civile della Campania ed ha chiesto al ministro Del Rio un urgente tavolo di confronto, sulla base delle direttive dell’ANAC, facendo propria con determinazione la vertenza per la lotta alla corruzione in tutti i Ministeri ed assorbendola nella piattaforma dello Sciopero generale di autunno.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

O.N.U.: programma alimentare

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2011

Roma – Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) ha annunciato che i cantanti maliani Amadou & Mariam, noti internazionalmente, sono stati nominati Ambasciatori contro la Fame del WFP per l’Unione Europea. I pluripremiati musicisti sono i primi Ambasciatori che si dedicheranno a sensibilizzare il pubblico europeo sul dramma della fame nel mondo e sull’impegno del WFP e del Dipartimento per l’Aiuto Umanitario e la Protezione Civile della Commissione Europea (ECHO) nel combattere tale piaga.  Negli ultimo anni, ECHO e WFP hanno sviluppato un forte partenariato. Nel 2010, ECHO ha aiutato il WFP a fronteggiare 34 crisi umanitarie e a dare risposta ai bisogni nutrizionali essenziali delle popolazioni colpite, con particolare riguardo a donne e bambini.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I difetti e le virtù di un uomo

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 novembre 2010

Gli scritti di Rosario li accolgo sempre con interesse perché hanno il merito di esprimersi con franchezza. Vanno dritto al cuore del problema senza fronzoli e imbellettature di vario genere. I suoi scritti sono, a volte, impietosi. Sono a volte aggressivi. Ci rendono, tuttavia, consapevoli di una realtà nella quale siamo immersi dove c’è chi non è l’incensiere di turno ma ha il grandissimo merito di saper mettere il dito nella piaga ed esternare ciò che altri sanno e non osano, ciò che preferiscono ignorare per quieto vivere, ciò che può renderli invisi al signore di turno. Ciò che Terenzio faceva dire ai suoi guitti nelle commedie dell’antica Roma: Veritas odium parit ed è tanto più reale ai giorni nostri. E quando mi scrive: “Invio i miei commenti agli indirizzi della mia rubrica, che oggi si compone di oltre 800 indirizzi, tra i quali agenzie di stampa, forum, siti di informazione, parlamentari etc. tant’è che pochi minuti dopo averli inviati si ritrovano in rete. Si è sparsa la voce che basta scrivermi, anche con un semplice saluto, per entrare in automatico nella rubrica; è questa la ragione per la quale è in costante aumento. Ovviamente ci sono anche i dissidenti infiltrati, che criticano (e spesso inviano virus), ma senza scendere nell’argomento trattato, preferendo generiche accuse non motivate da un contraddittorio completato da argomenti”. Io sono lieto di far parte della sua mailing list.
“E’ accaduto anche in questi giorni,  – scrive Rosario – con generiche accuse di antiberlusconismo di principio, pur con il mio sforzo di cercare sempre di motivare i miei commenti. Si è fatto anche appello alla umana pietas per lanciare un invito/sfida a parlare, almeno per una volta, in maniera “umana”, capace di comprendere i difetti, accettando e verificando anche i pregi. Non mi sento di calarmi nella piaggeria che costituisce il leit motif di tanti personaggi che ruotano intorno al cavaliere, sempre pronti a correre alla tavola imbandita, arrivando, anche, a parlare con la bocca piena. I nomi di questi personaggi sono noti, anche perchè nulla fanno per passare inosservati, anzi partecipano alla perenne gara di chi meglio vanta le performances del cavaliere. C’è  da prendere atto che l’immagine stessa del cavaliere andrebbe ridimensionata e limitata a ciò che è, senza prendere per buono ciò che appare e ciò che i laudatores vorrebbero far apparire. Su questa linea cercare di trovare argomenti difensivi diventa arduo. Il Cavaliere non è un uomo libero, a dispetto della Casa delle Libertà.  Come tutti gli uomini avvolti e avvinghiati nella spirale del potere, non è libero, ma è un ostaggio di quanti lo circondano, è ostaggio del ruolo che ricopre, senza riconoscerne i doveri e i limiti, è ostaggio delle sue pulsioni che il delirio di onnipotenza derivante dal suo immenso potere ha aggravato rispetto al ruspante gallismo naif  con il quale conquistò la seconda moglie  (e poi tutte le altre).. Sex addiction? May be. Lo sostiene non troppo velatamente Veronica, invitandolo a curarsi, Ma l’aspetto più grave è il suo essere ostaggio della coorte che lo circonda, che gli filtra la realtà (“Fini avrà un seguito di 3 o 4 persone… insignificante” così affermarono La Russa e Gasparri, rivendicando per se stessi la leadership dell’ex An),  gli dice  cosa fare,  cosa dire e dove si trova, lo tiene letteralmente in piedi adulandolo, assecondandolo, plaudendo e ridendo alle melense barzellette, organizzando la claque che si presenta ad ogni uscita pubblica, sventolando sempre le medesime bandiere e recitando i medesimi slogan….  Le foto di tale folla plaudente, nelle varie città d’Italia ci mostrano sempre le medesime persone, con le fanciulle iscritte nella lista delle aspiranti comparse di Cinecittà, sempre in prima fila, per distrarre l’occhio consumato alle analisi. Per costoro Berlusconi non è più il leader; è diventato ed esibito come  il “corpus domini” che viene dato in pasto alle folle affinché faccia girare la macchina del potere. E chi non si adegua più…. quella è la porta, come Mentana, Fini e i finiani e poi ancora… Chi vivrà vedrà.!!!! La moglie fece  l’errore di pregare coloro che gli sono vicini  di invitarlo a curarsi. Non lo hanno fatto e non lo faranno.   Hanno bisogno di lui così com’è.  Hanno bisogno del simulacro liftato per l’adorazione degli adepti, reso immortale, da tenere in cima alla piramide del loro potere: non molleranno l’osso; lo spolperanno fino in fondo.  Chi lo ama davvero (se ce né qualcuno), ormai può solo abbandonarlo”. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Impegni su piaga prostituzione minorile

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2010

“La prostituzione minorile in Italia è una piaga sociale e culturale. Chiedo un impegno deciso per contrastarla da parte di tutti i ministri competenti su questa materia”.  È quanto chiede Andrea Sarubbi (Pd) annunciando la presentazione di un’interrogazione parlamentare sul tema al presidente del Consiglio ed ai ministri dell’Istruzione e della Pari opportunità. “Centinaia di ragazze provenienti dall’estero, illuse da un’aspettativa di vita migliore, finiscono in un meccanismo di sfruttamento del quale sono vittime. Ma di altrettanta gravità è la deriva culturale – alimentata da diffusi programmi televisivi così come da notizie di cronaca sempre più frequenti che vedono coinvolti personaggi delle istituzioni – che rende l’idea dell’utilizzo a fini di lucro del proprio corpo un’opzione possibile, accettabile ed ormai quasi accettata, anche da fasce di popolazione giovane e giovanissime. Il problema – conclude – non è purtroppo legato solo a qualche noto personaggio pubblico, ma ha assunto i connotati di una vera emergenza sociale. Il governo agisca immediatamente”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: piaga borseggi e altro

Posted by fidest press agency su sabato, 25 settembre 2010

“Vivere di espedienti, di furti e scippi a danno dei cittadini romani non è un modo legale per garantire il proprio sostentamento, requisito primario per permanere nel nostro Paese”  – lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, Presidente della Commissione sicurezza del Comune di Roma, che commenta positivamente i servizi anti – borseggio da parte dei Carabinieri che hanno consentito nei giorni scorsi l’arresto di 17 persone provenienti da diversi campi regolari della Capitale ed oggi quello di altri  6 cittadini, due dei quali romeni, due nomadi e due tunisine in diversi quartieri della città. “Oltre al contrasto alla microcriminalità ed all’abusivismo, all’applicazione di misure repressive volte ad arginare il perpetrarsi di illeciti ed occupazioni su aree pubbliche e private, è necessario individuare strategie europee unitarie ed efficaci alla risoluzione della questione dei cittadini comunitari che vivono di espedienti, garantendo provvedimenti di espulsione per chi non rispetta le regole e non ha diritto a permanere sul territorio nazionale. Controlli più serrati devono essere indirizzati, inoltre, al commercio abusivo di ferro e di rame, altra fonte di guadagno illecito”– conclude Santori.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Focolari: sulla piaga degli abusi

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 aprile 2010

Dalla Presidente del Movimento dei Focolari Maria Voce: “In questo momento così grave e doloroso, condividiamo quest’”ora di passione” con il Papa, con la Chiesa tutta e con tutti coloro che sono stati feriti dalla  grave piaga degli abusi.  In particolare, a nome mio personale e dell’intero Movimento  dei Focolari ho espresso al Santo Padre la nostra vicinanza e preghiera in questo momento in cui assistiamo al moltiplicarsi di attacchi alla Sua persona. Ci appaiono come un’insipiente reazione alla linea di chiarezza e fermezza che caratterizza il suo pontificato.  Nella fede che l’Amore del Padre conduce la storia, siamo certi che quest’ora prepara una nuova resurrezione, proprio perché “costringe” noi e tutta la Chiesa ad una nuova radicalità evangelica”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Polizia provinciale in spiaggia

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 febbraio 2010

L’inchiesta della Procura di Venezia sulla polizia provinciale in spiaggia a Venezia ha provocato una nota del sindacato di polizia a firma di Franco Maccari, Segretario generale del Coisp: “Questa indagine, indipendentemente dagli aspetti strettamente giudiziari, ha messo il dito in una piaga, quella delle gestione piuttosto dilettantistica di risorse preziose, di uomini e mezzi cui sono affidati incarichi gravosi ma di fondamentale importanza. Aria, acqua e monti da tenere sotto controllo non sono esattamente poco. E veramente non si comprende in base a quale criterio di efficienza e di razionalizzazione le poche decine di unità a disposizione della Polizia provinciale siano state mandate in spiaggia ‘contro i venditori ambulanti’ e ad occuparsi di viabilità. Chi conosce dal di dentro il settore della sicurezza si accorge subito quando si trova di fronte a interventi dal puro sapore pubblicitario, che però sono profondamente irrazionali, inefficaci e creano un vero e proprio vulnus alle attività ampie e complesse che i tutori dell’ordine devono portare avanti”.  Risale alla scorsa estate la decisione della presidente della Provincia, la leghista Francesca Zaccariotto, di spedire 21 delle 38 guardie provinciali a pattugliare le spiagge, per affrontare il problema degli abusivi che lei stessa definì di enorme importanza per i cittadini e per la tutela dell’ordine pubblico. A stretto giro, l’intera opposizione aveva tuonato, denunciando “un utilizzo del tutto improprio del Corpo di Polizia provinciale”.  “Non è che vogliamo esultare davanti ad un’inchiesta -aggiunge oggi Franco Maccari-, non lo facciamo mai, e non ne avremmo alcun interesse. Non interveniamo certamente per un prurito politico, ma come sempre ci preme evidenziare la gestione che riteniamo sbagliata in un settore delicato come quello della sicurezza, che ha bisogno di gente appositamente preparata e competente in materia, e non decida sull’onda di ciò che ‘può funzionare meglio col pubblico a casa’!”

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »