Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘piano sanitario’

Piano sanitario e sociale integrato regionale

Posted by fidest press agency su sabato, 16 luglio 2011

Empoli E’ la prima concreta opportunità di partecipazione che si è presentata per le associazioni di volontariato della zona formalmente costituite nelle Consulte del Terzo Settore e nei Comitati di Partecipazione delle Società della Salute di Empoli e del Valdarno Inferiore. Si tratta di un’opportunità pienamente colta da tutte le associazioni aderenti, che hanno presentato alla Regione Toscana un documento elaborato a quattro mani e sottoscritto dai presidenti Vanna Profeti e Marino Lupi per i Comitati di partecipazione e da Fabrizio Sestini e Sara Remorini per le Consulte del terzo settore. Ciò è stato possibile nell’ambito delle iniziative promosse dalla Regione Toscana per favorire la partecipazione della cittadinanza e degli operatori alla elaborazione del piano sanitario e sociale integrato regionale (PSSIR), documento di pianificazione quinquennale delle attività sociali e sanitarie. Nel documento, che è pubblicato sui siti delle Società della Salute, si condivide la scelta della Regione di valorizzare ogni intervento sui determinanti di salute non sanitari e per questo si coglie l’opportunità di richiedere una particolare attenzione al tema attualissimo della esclusione sociale e delle politiche del lavoro e abitative che, mai come oggi, necessitano di un forte lavoro di rete e di integrazione tra le istituzioni e il terzo settore. In particolare, viene sottolineata l’importanza della realizzazione di una programmazione condivisa che coinvolga le associazioni nell’analisi dei bisogni e per l’individuazione delle priorità di intervento. Ai nuovi organismi di partecipazione delle due SdS del territorio va il plauso delle amministrazioni locali componenti l’assemblea dei soci, per aver saputo rappresentare con il loro contributo la realtà locale nel contesto regionale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In piazza contro la Polverini

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 marzo 2011

Roma 31 marzo dalle ore 10, l’Italia dei Diritti scenderà in piazza per sostenere la battaglia di medici e pazienti contro la chiusura dell’unità di chirurgia maxillo-facciale della casa di cura Villa Betania, parte del polo ospedaliero Santo Spirito. La sentenza per il reparto dell’ospedale capitolino, è prevista tra le righe del nuovo piano sanitario regionale. L’Italia dei Diritti sta organizzando un sit-in davanti alla sede della Regione Lazio, al quale prenderanno parte Antonello De Pierro e Roberto Soldà, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’Italia dei Diritti. Il movimento organizza la protesta per sottolineare all’amministrazione regionale l’inadempienza ad uno dei compiti governativi più rilevanti, quello di soddisfare la domanda di prestazioni sanitarie.  Si fa portavoce dell’iniziativa Giuliano Girlando, viceresponsabile per Roma del movimento extraparlamentare: “Auspichiamo che Renata Polverini, in quanto presidente della regione, accolga le richieste del personale sanitario, e dei pazienti, molti dei quali ancora in lista d’attesa, che chiedono di poter godere del diritto alle prestazioni sanitarie pubbliche. Ci auguriamo altresì – conclude l’esponente del movimento presieduto da Antonello de Pierro – che possa avvenire in tempi brevi un incontro con la governatrice del Lazio”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sanità lucana: stop alle illegalità?

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 febbraio 2011

Il Comitato Cittadiniattivi di Bernalda e Metaponto, nell’apprendere le decisioni della Giunta Regionale di “congelare” gli assetti della Sanità fino ad approvazione del nuovo Piano Sanitario regionale, esprime soddisfazione per l’atto di responsabilità assunto dall’Assessore Regionale al ramo, Attilio Martorano, e dallo stesso organo esecutivo regionale. I Cittadiniattivi di Bernalda e Metaponto, costantemente impegnati sul fronte della difesa della Sanità pubblica e della legalità nel Materano apprezzano questa decisione che rilancia, come dovuto, le prerogative di sovranità del Consiglio Regionale di Basilicata, organo legislativo legittimato a individuare e a sancire le eventuali modifiche previste nel nuovo Piano, in funzione di un più efficiente riassetto della Sanità pubblica. Lo stop adottato è evidente soprattutto nei confronti dello strapotere decisionale dei Direttori Generali, nominati dalla politica, e proprio in virtù di ciò caratterizzati da un operato dubbio e contraddittorio in riferimento alle gestioni accentrative e antipopolari fin qui dimostrate, e trova il forte plauso del Comitato. I Cittadiniattivi di Bernalda e Metaponto si dichiarano pertanto fiduciosi per l’inversione di tendenza percepita, che sperano possa viaggiare nella giusta direzione di un effettivo ripristino della legalità, ma anche di una più funzionale efficienza della Sanità, secondo le sacrosante aspettative dei cittadini del Materano.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano sanitario nazionale

Posted by fidest press agency su sabato, 27 novembre 2010

“I medici di Medicina Generale costituiscono una risorsa da utilizzare: siamo i soli in grado di cogliere in tempo reale lo stato di salute del Paese. Per la prima volta un documento importante come il Piano Sanitario Nazionale 2011-2013 ci valorizza pienamente”. Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) esprime tutta la soddisfazione. “I medici di famiglia sono in grado di offrire un contributo essenziale, perché dispongono degli strumenti per governare con consapevolezza, appropriatezza ed efficacia i percorsi clinico-assistenziali dei pazienti – spiega Ovidio Brignoli, vicepresidente della SIMG -. Abbiamo introdotto modelli organizzativi nuovi, da Health Search, al progetto SISSI, alla rete Mille GPG.  Strumenti che ci permettono di ricavare una fotografia sempre aggiornata dei nostri assistiti e di capire giorno per giorno i nuovi bisogni e le emergenze.
Una delle criticità evidenziate dal Piano Sanitario Nazionale è rappresentata dalla sostenibilità del sistema. La spesa sanitaria nel 2009 è pari a circa 105 miliardi di euro ed è destinata a crescere nei prossimi anni, raggiungendo percentuali pari all’8% del PIL. Dati allarmanti che impongono di adottare con urgenza contromisure. “Vi sono Regioni che presentano disavanzi eccessivi – continua il dott. Cricelli -. Perché il processo di governance si realizzi, è necessario valorizzare anche i nostri  strumenti di valutazione economica e di audit che permettono di indicare non il costo di una misura sanitaria, ma quale risultato si ottiene attraverso l’impiego di ogni singola unità monetaria. La sostenibilità infatti non può essere separata dalla valutazione dei risultati”. Altro punto evidenziato dal Piano, su cui la SIMG è impegnata da tempo, è quello delle azioni di controllo dei  “determinanti di salute”, cioè i fattori ambientali, sociali, legati agli stili di vita e all’alimentazione, che svolgono un ruolo fondamentale nella pratica della medicina, quali innovativi e poliedrici strumenti di prevenzione e promozione del benessere dei cittadini.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“A rischio i lavoratori del gruppo Ini”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 dicembre 2009

Il Gruppo INI chiede al sindacato un incontro per il 15 Gennaio 2010 a seguito della volontà di avviare la procedura di collocazione in mobilità ex L.223/91 con conseguente licenziamento del personale. Lo dichiarano in una nota il Dirigente Regionale Ugl Sanita Lazio Pietro Bardoscia e il Segretario Provinciale Ugl Sanità di Roma Antonio Cuozzo. Il motivo, si evince dal fax, dipende dal Piano Sanitario 2010 -2012 firmato dal Commissario Guzzanti che prevede un ulteriore riduzione dei posti letto. Questo  Piano Sanitario – proseguono i sindacalisti – è l’atto finale di una politica sanitaria Laziale che la Ugl Sanita di Roma definisce fallimentare: dai licenziamenti avvenuti nella sanità privata, dal Gruppo Tosinvest a Valle Fiorita, al decreto commissariale a firma dell’allora Presidente Piero Marrazzo sul Recup che ha comportato il rischio di licenziamento per centinaia di lavoratori Capodarco molti dei quali disabili, alla chiusura del San Giacomo che oggi si vuole riconvertire, alla grave situazione della Fondazione Santa Lucia, Polo di Eccellenza nazionale, che rischia di mandare a casa circa il 50% del personale, alla situazione drammatica in cui versano i lavoratori della Ri.rei e cosi via. Non si deve parlare di tagli di posti letto degli ospedali – concludono i sindacalisti – ma di razionalizzazione ed eliminazione degli sprechi; occorre pertanto rinegoziare con il Governo il Piano di rientro.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lazio: Guzzanti firma il Piano Sanitario

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 dicembre 2009

In seguito alla firma del Piano Sanitario Regionale da parte del commissario Guzzanti, il Presidente della Commissione Sanità Canali affida ad un articolo su Libero una sua dichiarazione: “è per me motivo di soddisfazione ed orgoglio, poiché è stata riconosciuta la bontà dell’operato della commissione Sanità”. Il Vicepresidente Montino nella manifestazione denominata “Regione Lazio: i fatti separati dalle opinioni”, tenutosi all’Auditorium Parco della Musica di Roma ha esaltato i 5 anni di governo regionale, dedicando una parte del discorso al suo impegno nella gestione della sanità laziale. Noi della UGL abbiamo affidato alla Commissione Sanità e ai vari incontri con il vice Presidente le nostre critiche, al piano sanitario regionale, abbiamo più volte ribadito che il risparmio non si ottiene tagliando i posti letto ma rendendo efficiente il sistema con la centralizzazione degli acquisti, la internalizzazione degli appalti esterni, il taglio delle consulenze, l’imposizione del controllo di gestione e dei rendiconti anche alle AUSL. La UGL Sanità ha sempre chiesto a tutti gli interlocutori politici che il piano non tagliasse i posti di lavoro degli operatori sanitari. Evidenziamo che da 48 mesi i lavoratori della sanità privata attendono il rinnovo del contratto rinunciando ogni anno, di fatto, ad una mensilità stipendiale. Sacrifici ne abbiano fatti abbastanza! Speriamo che Montino e Canali, oltre ad esprimere soddisfazione a mezzo stampa per il loro operato,  si ricordino delle promesse che hanno fatto ai lavoratori di mantenere i livelli occupazionali. Promesse e parole; chiediamolo ai lavoratori del Gruppo Tosinvest, di Valle Fiorita, ai dipendenti dell’Ospedale Cristo Re rimasti senza stipendio, provate a chiederlo alle mamme dei disabili assistiti dal consorzio Ri.Rei, ex Anni Verdi come passeranno il Natale. Caro Luigi Canali la bontà è un’altra cosa, iniziamo con il mantenere la parola data ai sindacati e ai lavoratori. (Dott. Mario Cesare Secci Segretario Regionale UGL Sanità Lazio)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano sanitario regionale

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 ottobre 2009

Roma. «Più che rivoluzione, si tratta di calma piatta. Del resto proprio la mancanza d’azione ha contraddistinto questi quattro anni e mezzo di amministrazione Marrazzo ». E’ quanto dichiara Luigi Celori, presidente della Commissione per la Riforma del Sistema sanitario della Regione, commentando le dichiarazioni del presidente Marrazzo sul nuovo  Piano sanitario regionale. «Questo piano sanitario – prosegue –  è un libro dei sogni da utilizzare unicamente come clava con il Governo nazionale che finora è stato fin troppo tollerante nei confronti del centrosinistra regionale asservita ai poteri forti, a cominciare dalla casta dei direttori generali che utilizzano presunte competenze solo per tutelare non si sa bene quali interessi. Chiediamo con forza una sanità diversa che veda al centro i legittimi interessi dei malati e non quelli delle case farmaceutiche e di un mondo sindacale corporativo che, invece di valorizzare le tante professionalità, ha favorito e coperto solo raccomandati. Al contrario, bisogna cominciare dalla valorizzazione del ruolo dei medici di famiglia, per poi passare a presidi territoriali dislocati sul territorio in maniera strategica che possano fare da filtro per i pronti soccorsi per le tante strutture di eccellenza che abbiamo nella nostra regione».  «All’iniziativa del Forlanini– conclude Celori –  ne seguiranno altre per fare in modo di portare le nostre proposte dove devono essere recepite, perché crediamo che sia inutile parlare ad un commissario ma soprattutto ai colleghi di maggioranza esautorati da  qualsiasi ruolo sulle scelte future che l’amministrazione regionale dovrà fare».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riforma sanitaria Usa

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 ottobre 2009

“Sono convinto che tutti questi soldi hanno una profonda influenza”. Parla il dottor Quentin Young, direttore del Physicians  for a National Health Program, un gruppo che sta spingendo per un sistema sanitario single payer in cui il governo pagherebbe tutte le spese di sanità. In effetti, ciò che avviene in Europa e Canada. L’influenza dei soldi si riferiva ai contributi finanziari che il senatore Max Baucus, democratico del Montana, ha ricevuto dalle aziende assicurative. Baucus, il presidente della commissione finanza al Senato, ha appena annunciato la bozza del nuovo piano sanitario. In grande misura si tratta di un programma che farebbe piacere agli interessi corporativi anche se include qualche osso per i cittadini.Quanto ha ricevuto Baucus dalle aziende assicurative? Fra il 2003 e il 2008 il senatore del Montana ha ottenuto 3,4 milioni di dollari, ossia il 25% di tutti i suoi contributi ricevuti. Una cifra significativa dato che il Montana è uno Stato con una popolazione molto bassa dove le aziende possono avere molta più influenza di quelli con milioni di cittadini. Un voto al Senato vale un voto non importa se viene dalla California (36 milioni di abitanti) o dal Montana (meno di un milione). Un altro membro della commissione finanza ha anche lui ricevuto somme considerevoli da aziende assicurative. Il senatore Charles Grassley, repubblicano dell’Iowa, un altro Stato con popolazione molto bassa, ha anche lui ricevuto 2,3 milioni di dollari, ossia il 23% di tutti i contributi ricevuti. Ovviamente è difficile provare che questi contributi avranno influito sulla bozza del disegno di legge. Grassley si è disassociato dal programma di Baucus riflettendo in  tal modo lo status quo che certamente non sarebbe opposto dalle compagnie di assicurazioni. Ma il vantaggio principale per le compagnie di assicurazione privata nel piano di Baucus sarebbe l’obbligazione di tutti i cittadini di comprare una polizza assicurativa. Si tratta di 30 milioni di nuovi clienti. Per coloro che non potrebbero pagare il costo totale il governo fornirebbe sussidi. I datori di lavoro con più di 50 impiegati che non offrono assicurazione sarebbero obbligati a rimborsare il governo di una parte del sussidio. Fino ad ora sembra che i repubblicani al Senato si opporranno alla riforma sanitaria. L’unica eccezione potrebbe essere Olympia Snowe, repubblicana del Maine, la quale supporterebbe il piano di Baucus se diventerà meno costoso e non aumenterà il deficit. Se Nancy Pelosi, presidente della Camera e Harry Reid, presidente del Senato, insistono che la scelta sarà fra nessun cambiamento e un sistema sanitario progressista, i “blue dogs” saranno costretti ad approvarlo. Si tratta di una riforma sanitaria non ideale ma che si avvicina al sistema usato in Canada ed in Europa. Se i “blue dogs” diserteranno il loro partito commetteranno il suicidio politico che avrebbe serie conseguenze anche per il resto del mandato di Obama.(Domenico Maceri in sintesi)
Domenico Maceri PhD della Università della California a Santa Barbara, è docente di lingue a Allan Hancock College, Santa Maria, California, USA.  I suoi contributi sono stati pubblicati da molti giornali ed alcuni hanno vinto premi dalla  National Association of HispanicPublications.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Apertura degli studi di medicina generale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 aprile 2009

Lo Smi-Lazio in un appello rivolto al presidente della regione Lazio Piero Marrazzo esprime forti dubbi e perplessità in merito alle  notizie annunciate dagli organi di stampa inerenti all’apertura degli studi di medicina generale prevista ogni giorno per dodici ore, compreso il sabato mattina sino alle ore 13. Il Sindacato Medici Italiani sottolinea come il succitato piano sanitario, in vigore dal prossimo mese di giugno, sia stato concordato in maniera del tutto discutibile dai vertici regionali e senza alcun filtro o sinergia con la totalità dei sindacati, ma con il solo consenso di un sindacato. Lo Smi-Lazio sottolinea, altresì, che nell’agosto u.s. é stata pubblicata una delibera regionale relativa al piano di rientro nella quale non sarebbero chiari i criteri relativi ai fondi aggiuntivi necessari per finanziare il progetto in questione. «Mentre i mass-media annunciano accordi da milioni di euro stabiliti unicamente dal presidente Marrazzo con i soliti noti – dichiara Cristina Patrizi, segretario organizzativo dello Smi-Lazio – oltre ai già deliberati 5 milioni di euro attribuiti al Centro regionale di formazione per il quale si prepara una mega centrale operativa presso il nosocomio San Camillo-Forlanini, i nostri colleghi ci informano che alcune Aziende sanitarie del Lazio (ad esempio la RmH), non pagherebbero gli emolumenti del mese di marzo (competenze di febbraio 2009). Per di più – aggiunge la sindacalista –  siamo ancora debitori, da circa un anno, di numerose competenze proprio per aver mantenuto gli studi medici aperti a nostre spese, utilizzando il nostro personale, le nostre linee telefoniche, il nostro impianto elettrico, i nostri appartamenti e via discorrendo, per garantire l’apertura H 10/die degli studi medici. Non va dimenticato che lo Smi-Lazio ha sottoposto all’attenzione dell’assessorato alla sanità un piano strategico che, da un lato permetterebbe un monitoraggio sanitario di tutta la popolazione laziale, e dall’altro ottimizzerebbe le scarse risorse della Regione stessa. Pertanto – conclude Cristina Patrizi – il Sindacato Medici Italiani, chiede a chi di competenza e con estrema urgenza un incontro per presentare quanto già sottoposto all’assessore Augusto Battaglia nel Febbraio 2008. Siamo stanchi di roboanti e insulsi annunci, non è più concepibile né accettabile questa politica degli slogan, mentre i lavoratori non percepiscono neanche gli stipendi. Servono risposte concrete, non chiacchiere».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »