Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘pianura’

“Ridiamo il sorriso alla Pianura Padana”

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 luglio 2021

Buono il risultato raggiunto, visto che complessivamente hanno aderito 342 amministrazioni comunali (337 nell’edizione 2020) i cui cittadini avranno ora a disposizione un mese e mezzo (scadenza 1° settembre) per prenotare gratuitamente le piante presso il sito internet dedicato all’iniziativa (https://www.ridiamoilsorrisoallapianurapadana.eu/).Ad oggi sono già state prenotate quasi 46.000 piante sulle circa 70.000 previste in consegna. Non manca però una nota stonata: per l’edizione in corso, le uniche città capoluogo di provincia venete aderenti sono state Verona e Rovigo, tutte le altre (esclusa Belluno che è fuori dai giochi perché il progetto è riservato alle aree di pianura) evidentemente hanno ritenuto di non partecipare.Ricordiamo che tutte le piantine in consegna ai Comuni aderenti, che a loro volta poi distribuiranno ai propri cittadini richiedenti, sono prodotte dal Centro Biodiversità Vegetale e Fuori Foresta di Veneto Agricoltura di Montecchio Precalcino, cuore pulsante del progetto. L’iniziativa “Ridiamo il sorriso alla Pianura Padana” punta a sensibilizzare i cittadini sulle tematiche ambientali e i cambiamenti climatici, nello specifico sull’importante ruolo svolto dagli alberi. E a proposito di alberelli, potrebbero essere davvero di tante specie quelli in consegna nei prossimi mesi da parte del Centro di Montecchio (tutto dipenderà dall’andamento della campagna vivaistica che comunque si annuncia già interessante); tra queste sono comprese querce, frassini, bagolari, tigli, aceri campestri, carpini bianchi, sorbi, meli selvatici, biancospini, prugnoli, sanguinelle, lantane, ecc. che presto andranno ad arricchire i giardini e gli spazi verdi dei veneti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nella Pianura padana nel tardo Pleistocene c’erano i leoni delle caverne

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 marzo 2021

È l’assunto di fondo di uno studio condotto da Davide Persico, docente di Paleobiologia all’Università di Parma, e pubblicato dalla rivista “Quaternary International”. L’articolo parte dal rinvenimento, nell’estate 2017, di una emimandibola sinistra fossile di leone, appartenente alla cronosubspecie Panthera spelaea intermedia, nei depositi alluvionali del Po vicino a Cremona, e ne ripercorre lo studio.Il fossile costituisce la prima e unica testimonianza della presenza del Leone delle caverne nel paleoambiente tardo pleistocenico della Pianura padana. Finora, in Italia, resti fossili di leone speleo erano stati rinvenuti in depositi di grotta soltanto sui rilievi appenninici e alpini, ma mai in pianura. Vi è solo un precedente ritrovamento, in centro Europa (Germania), di un fossile in depositi di pianura. La scoperta del fossile del Po migliora quindi le conoscenze su questa specie estinta.Il Leone delle caverne appartiene alla specie Panthera spelaea. Nel corso della sua esistenza Panthera spelaea ha dato vita a tre sottospecie cronologiche succedutesi nel tempo: la Panthera spelaea fossilis, la Panthera spelaea intermedia e la Panthera spelaea spelaea. Attraverso i dati raccolti è stato possibile osservare che i caratteri mandibolari di Panthera spelaea fossilis sono discordanti rispetto all’emimandibola studiata, mentre l’analisi comparativa, in particolare sui denti, ha consentito di attribuire il fossile alla cronosubspecie Panthera spelaea intermedia, differenziandola da Panthera spelaea spelaea.Il fossile studiato è stato identificato come appartenente a una leonessa subadulta di 132 kg grazie a dati morfometrici generali, e in particolare al confronto tra le dimensioni del dente molare.La presenza della Panthera spelaea intermedia conferma, per la prima volta, l’esistenza di un predatore apicale nel Quaternario della Pianura padana, un leone arcaico in cima alla catena trofica in grado di completare un quadro paleofaunistico di mammiferi fossili costituito da rinoceronte di Merck (Stephanorhinus kirchbergensis), mammut (Mammuthus primigenius), megacero o cervo gigante (Megaloceros giganteus), bisonte (Bison priscus), elefante (Elephas antiquus), alce (Alces alces), cervo nobile (Cervus elaphus), carnivori come leopardo (Panthera cf. pardus), iena (Crocuta crocuta), orso (Ursus arctos), lupo (Canis lupus), volpe (Vulpes vulpes) e primati come l’Uomo di Neanderthal (Homo neanderthalensis) e l’Homo sapiens. Ricerche bibliografiche indicano che questa scoperta sia il primo caso di Panthera spelaea intermedia in Italia.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Domenica e martedi ancora neve al nord

Posted by fidest press agency su sabato, 27 novembre 2010

Dopo la prima nevicata che nelle ultime ore ha sbiancato diverse città del Nord, anche per i prossimi giorni sarà maltempo. “Dopo una breve pausa infatti” spiegano dal centro 3bmeteo “fin dalla sera di Sabato le precipitazioni riprenderanno al Nordovest.  Massima allerta per forti piogge su tutto il centronord, con neve a tratti ancora in pianura su Piemonte, Lombardia ed entroterra ligure.
Domenica la neve cadrà ancora in pianura su basso Piemonte, entroterra Ligure e ovest Lombardia. Nuovamente imbiancate, con buona probabilità, Milano, Monza, Varese, Novara, con accumuli fino a 5cm. Neve oltre i 500 metri sul Triveneto. Italia divisa in due, molto mite al Sud con punte di 25° in Sicilia, non oltre i 5° sulla pianura padana. Una più intensa perturbazione raggiungerà il Nordovest Martedì e potrebbe portare una nevicata più abbondante: anche 15/20 cm di neve su Torino e Varese, 5cm a Milano.  Sul Triveneto sarà invece pioggia.
“Aria calda richiamata dall’Africa investirà invece il centro sud, dove i venti di scirocco rinforzeranno. In particolare sia Domenica che Martedì venti fino a 60/80Km/h di scirocco investiranno tutte le regioni centromeridionali, con mareggiate lungo le coste esposte. Probabile ritorno dell’acqua alta a Venezia Martedì.” concludono da 3bmeteo. 3bmeteo è considerato uno dei principali portali meteo in Italia visitato da circa 2 milioni di utenti unici al mese. Caratteristica fondamentale un nuovo modo di fare meteorologia di qualità integrando ai calcoli e ai modelli automatici previsioni consolidate da un intervento umano e manuale che aumenta considerevolmente l’attendibilità del dato. Fondamentale anche il dettagliato giornale meteo con articoli, analisi tecniche e approfondimenti multi giornalieri, analisi sul territorio italiano ed estero, anche extraeuropeo.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festa della Cultura Contadina

Posted by fidest press agency su martedì, 14 luglio 2009

festaTrecasali (PR) dal 30 luglio al 4 agosto, 6 giorni di folclore ed enogastronomia in pianura 140° compleanno della Sagra.  Più di una sagra tradizionale. Più di una festa folcloristica che riscopre le origini di un paese a vocazione agricola. Più di una grande fiera dove dal 1869 gli agricoltori della pianura parmense portavano i migliori capi equini e bovini, mentre gli artigiani esponevano e commerciavano aratri, otri, carri.
La storia: un po’ di Amarcord Era il 6 maggio 1869 e il sindaco Giuseppe Corradi istituì con delibera di Consiglio Comunale la prima fiera annuale per merci e bestiame – come riportano le “Cronache di Trecasali e del suo territorio” a firma di Enzo Giuffredi –  con un premio: al primo classificato sul podio un compenso di 50 lire e al secondo 30 lire. All’epoca gli agricoltori portavano in piazza i migliori cavalli, asini, buoi e mucche. I mezzadri e i fittavoli si vestivano a festa per partecipare alla sagra con spose e bambini al seguito. I più anziani radunati negli spiazzi commentavano il ciclo delle stagioni e l’andamento del raccolto. Gli artigiani esponevano attrezzi agricoli, carri, aratri in legno, vasi, ceramiche, otri. I più piccoli giocavano a campana, con i cerchi e le bilie. E una commissione con il cappello calcato sulle tempie e l’abito elegante valutava opere, ingegno e animali, assegnando poi il premio. Da allora 140 sono trascorsi. L’euro ha preso il posto della lira. I macchinari agricoli si sono industrializzati, ma i tempi della campagna sono rimasti simili con le rotazioni dei prati e dei seminati nei campi. E Trecasali – toponimo che rievoca quei tre casali o casati attorno ai quali è nato l’abitato – punta a tenere viva la memoria storica, attualizzandola e facendo rivivere il sapore di due secoli ormai trascorsi. Gli abitanti del parmense ritroveranno sapori e gesti cari anni nonni e bisnonni e trisavoli. I turisti che – da lontano – scelgono la pianura per scoprire il paesaggio parmense e l’enogastronomia saranno presi per la gola ogni sera, con un gusto diverso tutto da scoprire! (festa)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bruno Bruni: tra Pasolini e la gondola

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 luglio 2009

Casarsa della delizia 12 luglio ore 17,30 (la mostra resterà aperta fino al  30 agosto 2009)  centro studi Pier Paolo Pasolini mostra fotografica “Bruno Bruni – Tra Pasolini e la Gondola”,  curata da Manfredo Manfroi e Fabio Amodeo, realizzata  dal CRAF in collaborazione  con il  Centro Studi Pier Paolo Pasolini e il Circolo “La Gondola” di Venezia.  Bruno Bruni (Santa Lucia di Tolmino,1929 – Campalto di Mestre, 1997) collaborò con il Circolo la Gondola di Venezia e ancor prima, insieme a Nico Naldini, fu tra i più giovani fondatori dell’ “Academiuta di lenga furlana” , costituita da Pier Paolo Pasolini nel 1945.  Dopo la guerra e le esperienze casarsesi, Bruno Bruni si trasferì a Venezia.  L’obiettivo di Bruni si posa sulla pianura friulana, si concentra su una linearità interrotta da alcuni elementi di contrasto, alberi, fili d’erba, orizzonti frastagliati. Bruni scioglie il tema dell’infanzia, lontano dai clichés e vicino ad una rappresentazione di povertà dignitosa, priva di elementi compassionevoli o struggenti. Prevale, e di gran lunga, nell’osservazione delle immagini esposte, lo stupore per una stagione in cui sentimenti, ansia di comunicare, aspettative nella possibilità di costituire la società e la vita anche con lo slancio  civile contenuto nella creatività personale, erano così tenaci e limpidi.  Alla cerimonia d’apertura, presso il Centro studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa della Delizia, saranno presenti Antonio Marinelli, Piera Rizzolatti, Angela Felice, rispettivamente vice presidente, presidente e neodirettore del centro Studi; saranno presenti inoltre  il Presidente de “La Gondola”, Manfredo Manfroi e Fabio Amodeo, curatori della mostra, l’Assessore Provinciale alla Cultura, Giuseppe Bressa, il Presidente del CRAF, Renzo Francesconi, il coordinatore del CRAF, Walter Liva, e la famiglia Bruni.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »