Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘pietro giordano’

Lotta alla povertà

Posted by fidest press agency su sabato, 9 Maggio 2015

crisi-economicaPer la prima volta – dichiara Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum – il Governo ammette che nella lotta alla povertà il nostro Paese è in grave ritardo e che per questo sta lavorando ad un disegno organico per affrontarla. Accogliamo favorevolmente l’annuncio dell’impegno del Governo – prosegue Giordano – ma vogliamo far notare al Ministro Poletti che il piano di intervento deve essere immediato ed incisivo. Troppi sono i poveri, troppe le famiglie che hanno perso il lavoro o che comunque si sono viste drasticamente ridurre il proprio potere d’acquisto e non è più possibile attendere oltre.Da tempo stiamo chiedendo al Governo e alle Istituzioni, ma invano – continua ancora Giordano – che venga varata una riforma fiscale che defiscalizzi beni e servizi sostenibili sulla falsariga degli incentivi per l’efficienza e il risparmio energetico.Il futuro dell’economia e della crescita del Paese – prosegue Giordano – si misurano oramai sulla capacità di produrre secondo i dettami della sostenibilità economica, sociale ed ambientale. Basti pensare ad esempio alla crescente domanda di prodotti biologici, tra i pochi mercati in ascesa, nonostante la crisi. Il segnale che arriva è di un cambiamento epocale che chiede a gran voce la revisione di tutte le vecchie logiche della politica, della finanza, del credito. Per fare questo c’è bisogno, però, dell’impegno di tutti: Istituzioni, Consumatori e Imprese. Noi ci siamo.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caro bollette

Posted by fidest press agency su sabato, 14 aprile 2012

Adiconsum: basterebbero 50 centesimi su ogni bolletta, a carico delle aziende energetiche, per realizzare un Fondo di solidarietà paritetico capace di intervenire a sostegno di quelle famiglie che vivono al di sotto della soglia di povertà” “Finalmente il Governo mostra sensibilità sociale”, dichiara Pietro Giordano Segretario generale di Adiconsum, “cominciando a rendersi conto del peso insostenibile sopportato dalle famiglie sui costi dell’energia”. E aggiunge: “fa bene il Ministro Clini, recependo parzialmente la proposta di Adiconsum, a proporre un tavolo tecnico con l’Autorità per l’energia elettrica e il gas ed il Ministero per lo Sviluppo economico per ridurre il costo della bolletta elettrica,” ma sottolinea Giordano, “è necessario che il tavolo tecnico sia aperto anche alle Associazioni dei Consumatori rappresentanti degli cittadini sui quali sono ricaduti e continuano a ricadere gli aumenti vertiginosi delle bollette”. “Nel nostro Paese”, continua Giordano, “su trenta miliardi di euro di crediti inesigibili, la metà riguardano le utenze domestiche non pagate, cioè bollette della luce, del gas, del telefono. Basterebbero 50 centesimi su ogni bolletta, a carico delle aziende energetiche, per realizzare un Fondo di solidarietà paritetico capace di intervenire a sostegno di quelle famiglie che vivono al di sotto della soglia di povertà, sviluppando così il ruolo sociale di tali imprese che fino ad oggi hanno pensato solo al business e non ai clienti-consumatori, unica vera loro ricchezza”. “Adiconsum chiede che il tavolo tecnico”, conclude Giordano “affronti il vero tema dell’eliminazione degli oneri impropri che le famiglie pagano nelle bollette e soprattutto tempi rapidi e certi nelle decisioni.” Adiconsum nelle prossime settimane presenterà pubblicamente uno studio sui costi impropri delle bollette e le proposte per ridurle.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La pressione fiscale in Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2011

No More Taxes!!!!

Image by Topato via Flickr

Molto preoccupante – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum – la valutazione di Banca d’Italia sulla pressione fiscale nel 2012 al 43,8% senza contare gli effetti della delega fiscale ed assistenziale che peseranno, sempre nel 2012 dello 0, 25%, ma addirittura dell’1% nel 2013. Questo significa – prosegue Giordano – che a fronte della forte evasione fiscale le persone oneste che non possono evadere il fisco, cioè dipendenti e pensionati, avranno una tassazione non inferiore al 47-48%. Ciò significa anche che lavoreranno per metà della loro vita per lo Stato. È necessario – conclude Giordano – che la delega non aggravi la pressione fiscale, ma anzi la riduca concretamente. Questo significa che non vi possono essere ulteriori condoni che vanificano la lotta all’evasione fiscale, ma che deve essere introdotta una patrimoniale (esclusa la prima casa) per persone e società, l’alienazione di almeno il 30% del patrimonio immobiliare e demaniale pubblico, il taglio ai costi della politica, in maniera tale da riequilibrare una pressione fiscale che grava sui soliti noti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi Italia: dati allarmanti

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2011

Giulio Tremonti during the 2006 World Economic...

Image via Wikipedia

Ancora dati allarmanti sulla condizione del nostro Paese. Stavolta li ha rilevati la ricerca Ipsos-Acri condotta in occasione della celebrazione della Giornata del Risparmio. Il 2011 è stato un anno terribile per gli italiani e ben il 50% si dichiara insoddisfatto della propria situazione, mentre l’80% è preoccupato per la propria vita da pensionato.
La ricerca Ipsos-Acri conferma – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum – quanto Adiconsum sta sostenendo da tempo sulla base delle denunce e delle segnalazioni dei cittadini che fanno fatica ad arrivare alla fine della terza settimana, e dalle evidenze economiche a partire dall’aumento dell’inflazione e della povertà e dalla riduzione del reddito e della conseguente drastica riduzione dei consumi delle famiglie. Gli italiani perderanno, alla fine, dieci anni della propria vita economica, essendo in una situazione peggiore del 2005-2006. Per questo non è solo l’Europa a chiedere un cambio della politica, ma la società civile a partire dalle rappresentanze dei cittadini e dei lavoratori. Non è più tempo di “pezze calde” – prosegue Giordano – È necessaria subito una imposta patrimoniale che, esentando la prima casa, faccia pagare le tasse a chi più ha e più può e non ai soliti noti. “No” quindi al condono che vanifica i risultati finanziari e politici della lotta all’evasione fiscale, ma una riforma fiscale che metta il contribuente nella possibilità di pagare le tasse arretrate, ma stornando tutti i costi accessori, le penali, gli aggi, gli interessi, che rendono impossibile per i contribuenti di onorare i propri impegni con Lo Stato. Una scelta che consentirebbe immediatamente degli introiti consistenti e regolarizzerebbe milioni di posizioni contributive.
In questo contesto la ricerca di motivi di ottimismo e di orgoglio del Paese, tentato dal presidente dell’Acri, rischiano di rimanere solo auspici. Adiconsum condivide le puntuali proposte del presidente dell’Abi che ha richiamato tutti a riattivare un circolo virtuoso a favore del Paese, a condizione però, che prima di tutto il Governo attui una politica che non seguiti a penalizzare sempre e solo giovani, lavoratori e pensionati e che il sistema bancario attui una politica concertativa con le rappresentanze dei consumatori, valore primario delle banche e quelle del Governatore Draghi, a partire dalla necessità di nuove politiche per supportare i giovani che più delle altre generazioni stanno pagando la crisi.
Poco incisivo, invece – conclude Giordano – l’intervento del ministro Tremonti, che nulla ha detto circa le possibili soluzioni per la nostra crisi, affermando solo che la rivalutazione del Pil ci rende migliori di altri importanti paesi europei e che la ricchezza dell’Italia è cresciuta, senza alcun richiamo alle differenze sociali, alla concentrazione della ricchezza e alla povertà che ormai colpisce oltre il 10% della popolazione. Non è certo con queste uscite propagandistiche che l’Italia riuscirà a superare la crisi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi reale, governo irreale

Posted by fidest press agency su sabato, 10 settembre 2011

Palazzo Chigi

Image by Simone Ramella via Flickr

La situazione italiana è drammaticamente sotto gli occhi di tutti, dichiara Pietro Giordano Segretario Generale di Adiconsum. Una crisi economica e politica da cui, ormai da mesi, il Paese non riesce ad uscire. Lo sanno i politici e i cittadini italiani e lo sanno le istituzioni che stanno chiedendo continuamente all’Italia di rispettare gli impegni presi. Ma come si permettono le agenzie di rating americane, Moody’s, Standard’s & Poors e Fitch, continua Giordano, di dichiarare che il Pil italiano diminuirà e che loro stanno studiando la situazione. Sono anni che non ne azzeccano una: Argentina, default bancari, Subprime, Lehman e solo per dire gli errori più madornali che hanno fatto, per non parlare dei loro enormi conflitti di interesse. Le agenzie di rating con il loro comportamento ormai compromettono i bilanci di interi Stati. Come non ricordare l’ultimo sul declassamento del debito francese: tutto inventato. Lo stato di salute dell’Italia, come di qualsiasi altro Paese, dipende da molti fattori non solo economici e tanto meno solo finanziari ma le agenzie americane, che operano in sostanziale regime di monopolio, con il loro operato rendono instabili il mercato, alimentano la speculazione e rendono più o meno oneroso il finanziamento dei debitori, il prezzo titoli,la valorizzazione di mercato degli investimenti. E’ sufficiente ricordare il procedimento in corso a Trani contro le agenzie e la risoluzione di condanna della Commissione Finanze della Camera che nel luglio 2011 ha approvato una risoluzione di condanna verso le agenzie in quando “incapaci di valutare con il dovuto anticipo alcune patologie registratesi con riferimento ai mutui sub prime” e per la presenza di “conflitti di interesse” e per operare in “sostanziale oligopolio”. In questo contesto, la Banca Centrale Europea deve, quindi, accelerare la ricerca di metodologie di valutazione che possano sostituire le agenzie di rating. Intanto, le agenzie devono rispettare le regole che l’Europa indica e che invece secondo la Consob non rispettano.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 luglio 2011

Pietro Giordano, Adiconsum: Manovra necessaria, ma tagliando i costi della politica e la spesa pubblica eliminando le piccole province e gli enti inutili, non le norme che hanno portato benefici occupazionali e fiscali, come il 5 per mille e le detrazioni a favore dei contribuenti per gli interventi di risparmio energetico nelle case! Se pur indispensabile per non mandare in default il Paese – dichiara Pietro Giordano Segretario Generale di Adiconsum – la manovra economica deve eliminare le ingiustizie e mantenere, sviluppandole, quelle norme che hanno portato benefici occupazionali e fiscali. Adiconsum ribadisce la necessità di tagliare i costi della politica e non i benefici per i corpi intermedi della società. Si taglino i mille rivoli della spesa pubblica, quali le piccole province o la miriade di enti parassitari anziché tagliare ad esempio il 5 per mille, unica risorsa dei corpi intermedi della società, che fa risparmiare miliardi di euro ad uno Stato troppo spesso assente nelle politiche di sostegno ai più deboli. Si investano i miliardi a disposizione per la realizzazione delle infrastrutture indispensabili per il Paese e non si tagli il 55% a favore dei contribuenti, una detrazione fiscale che ha realizzato risparmio energetico, emersione del lavoro nero e stabilizzazione di imprese artigiane.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aumenti tariffari

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 luglio 2011

Dal 1 luglio la bolletta elettrica aumenta dell’1,9%, pari ad 8 euro in più l’anno a famiglia, che si vanno ad aggiungere ai 16,5 euro del precedente trimestre, per un totale di 24,5 euro in più in soli 6 mesi. Ancora una volta la bolletta energetica aumenta per pagare le speculazioni sugli incentivi al fotovoltaico – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum – Su 58 euro l’anno di oneri di sistema, ben 32 euro l’anno sono dovuti al conto energia, e sono destinati ad aumentare. E non finisce qui! La bolletta energetica delle famiglie italiane è aggravata da un ulteriore aumento quello del 4,2% del gas, pari a 44 euro l’anno in più, che si somma ai 21 euro del precedente trimestre. Nel settore gas continuano a pesare le forti diseconomie legate alla scarsa concorrenza e al ritardato sviluppo delle infrastrutture, quali rigassificatori e stoccaggi – prosegue Giordano – che non permettono di approfittare delle positive novità del mercato del gas internazionale. Per Adiconsum – conclude Giordano – è necessario intervenire su una reale liberalizzazione della rete affinché si possa creare, anche nel gas, un mercato concorrenziale, come nell’elettrico. L’Italia deve investire in infrastrutture che la porterebbero ad avere un ruolo di assoluto rilievo per il dispacciamento del gas naturale, in Europa.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pietro Giordano Segretario Generale Adiconsum

Posted by fidest press agency su martedì, 28 giugno 2011

Siciliano, di Messina, ma trapiantato a Roma dal 1999, Giordano ha maturato la sua esperienza e la sua militanza in Sicilia con incarichi di Segretario Generale Provinciale e Regionale nella FISBA (Federazione dei Braccianti della Cisl), nella FILCA (Federazione degli edili della Cisl) e nella FISASCAT CISL (Federazione Italiana Sindacati Addetti Servizi Commerciali Affini e del Turismo). In quest’ultima ha anche ricoperto l’incarico di Segretario Nazionale, di responsabile del mercato del lavoro, di responsabile della contrattazione per Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro quali quelli del Commercio e della Vigilanza Privata e con le aziende, tra cui citiamo American Express, Gruppo Carrefour, Gruppo Rinascente, Auchan, Standa, Upim, Sma, Gruppo Coin, Gruppo Conad, Gruppo Ikea, MediaWorld, Ciga Hotels, ecc. Giordano è stato anche Presidente provinciale e Segretario nazionale del Consiglio Centrale della F.U.C.I. (Federazione Universitaria Cattolica Italiana). “Rinnovamento nella continuità” è la linea programmatica scelta dal nuovo Segretario Generale Pietro Giordano presentata al Consiglio generale e all’Assemblea dei quadri Adiconsum, alla presenza del Segretario Generale della Cisl, Raffaele Bonanni. Pietro Giordano succede a Paolo Landi, alla guida di Adiconsum dal 1987.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Investimento di Terna

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 Maggio 2011

L’Italia si è impegnata, nei confronti della Commissione Europea, a realizzare una riduzione delle emissioni di CO2 investendo sulle Fonti Rinnovabili. Rinnovabili a cui sono stati recentemente rinnovati gli incentivi, incentivi che comportano un costo sulla bolletta degli utenti. “Proprio per questo, essendo i cittadini a pagare – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Vicario di Adiconsum – tutti gli interventi rivolti a valorizzare gli investimenti sulle FER devono essere incoraggiati, soprattutto quando questi prevedono stazioni di pompaggio per sfruttare cadute d’acqua nei momenti di punta della richiesta di energia o sistemi di stoccaggio” “Tutto ciò infatti può portare ad un uso più razionale dell’energia – continua Giordano – e portare ad un contenimento delle tariffe”. Adiconsum, tuttavia, ritiene che questi provvedimenti debbano essere regolati dall’Autorità per l’Energia elettrica e il gas, nell’ambito della nuova direttiva europea.
Secondo Adiconsum è inoltre auspicabile la massima collaborazione tra tutti i soggetti che operano nel settore per realizzare un efficiente sistema di pompaggio che permetterebbe di ridurre le richieste di dispacciamento ed abbassare i prezzi dell’energia, a tutto vantaggio delle tasche dei consumatori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Risparmio energetico e nucleare

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Maggio 2011

Oristano, 7 maggio – ore 9.00 Hotel Mistral 2 convegno sulle energie rinnovabili, risparmio energetico e nucleare. Temi di assoluta attualità in vista del referendum consultivo del 15-16 maggio con la partecipazione di tutti i soggetti interessati alla filiera energetica: consumatori, artigiani, agricoltori, operatori del turismo, industria, sindacato e istituzioni. Dichiara  Pietro Giordano, Segretario Generale Vicario di Adiconsum: “Abbiamo voluto organizzare un evento di confronto e di informazione che non vuole dare indicazioni sul come votare in occasione del referendum, ma porre il cittadino in condizione di poter scegliere con maggiore consapevolezza. Siamo anche convinti che purtroppo l’istituto del referendum in Italia, in quanto abbrogativo e non propositivo, non risolve compiutamente i temi complessi che affronta”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Equitalia: rateizzare le multe

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2011

La scelta di Equitalia di allungare il periodo di rimborso delle rate di debito con il fisco – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Vicario di Adiconsum – è un passo importante per i contribuenti, ma non risolutivo. La stessa forma trovata per concedere il rimborso rateale non è delle migliori: concederlo, infatti, solo a  fronte di un peggioramento della situazione economica della famiglia, attraverso la presentazione della certificazione ISEE, è insufficiente, perché in questa fase di diminuzione del potere di acquisto, anche a parità di reddito, le famiglie sono comunque più in difficoltà che in passato. La proposta di Adiconsum – prosegue Giordano – è quella di consentire la rateizzazione a tutti i contribuenti a semplice richiesta. Altra proposta è quella di riaprire il condono, consentendo il pagamento solo dell’ammontare originario del tributo o della multa. Ciò porterebbe tre conseguenze positive: permetterebbe all’Erario di incassare subito fondi, ridurrebbe l’enorme contenzioso tributario e sosterrebbe concretamente le famiglie in difficoltà.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Allarme RC Auto

Posted by fidest press agency su sabato, 12 marzo 2011

Pietro Giordano, Adiconsum: “Senza concertazione non ci saranno soluzioni nel breve periodo e la RC Auto diverrà un problema sociale” Il forum di Adiconsum sull’allarme Rc auto ha posto l’accento su alcuni precisi problemi. Sono in arrivo dall’ISVAP alle compagnie assicurative sanzioni per milioni di euro – dichiara Pietro Giordano, Segretario Nazionale Adiconsum – Denari che l’imprenditoria assicurativa italiana avrebbe potuto utilizzare per sanare situazioni di criticità e che invece ha preferito volatilizzare in sanzioni per perseguire il tentativo di sottrarsi all’obbligo a contrarre la RC Auto. Un tentativo futile e provocatorio che non è passato inosservato all’Authority di settore.  L’Italia è oramai un paese tagliato in due grazie ad una politica tariffaria delle compagnie che pratica sconti superiori al 30% nelle regioni gradite (quelle del Nord), mentre applica tariffe di gran lunga superiori nelle regioni del sud, esercitando una sorta di discriminazione territoriale che ricadrà su tutti gli assicurati a prescindere dalla propria localizzazione geografica. In assenza di un confronto urgente e permanente con i consumatori l’Ania rischia di caricarsi per intero il peso e la responsabilità di ciò che potrebbe derivare da quella che è la crisi più cruenta dell’assicurazione Auto negli ultimi 15 anni. Il Governo – conclude Giordano – non aspetti ulteriormente ad intervenire e renda operativi nell’immediato i suggerimenti dell’Isvap, primo passo verso una soluzione duratura della crisi. All’Ania rilanciamo la proposta di un incontro urgente, i consumatori tendono la mano con responsabilità, ma non se ne abusi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Inflazione: dati preoccupanti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 gennaio 2011

Gli indici dei prezzi al consumo provvisori dell’Istat per Adiconsum – dichiara Pietro Giordano – sono fortemente preoccupanti e se confermati non promettono nulla di buono, in quanto se l’economia esce dal tunnel della crisi, come tutti speriamo, gli indici d’inflazione schizzerebbero in alto e diverrebbero un freno per lo sviluppo futuro. L’inflazione è la tassa più iniqua che possa esistere perché finisce per colpire i redditi fissi e più deboli delle nostre famiglie. Altro dato fortemente preoccupante rilevato dall’Istat è quello degli incrementi tendenziali. I più elevati si sono registrati nei capitoli Trasporti (più 4,2 per cento), Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (più 3,5 per cento) e Altri beni e servizi (più 3,2 per cento). Come sempre – prosegue Giordano – piove sul bagnato! Proprio i beni ed i servizi indispensabili per le famiglie sono quelli che hanno il maggiore incremento in termini percentuali e purtroppo visti i tagli dei trasferimenti dallo Stato centrale alle amministrazioni periferiche, a giudizio di Adiconsum, tali aumenti sono destinati a crescere, con il rischio di innescare una spirale inflattiva proprio a cavallo tra la crisi e la ripresa economica.Adiconsum è convinta che solo una reale politica di lotta all’evasione fiscale ed ad una concreta politica che ridimensioni la pressione fiscale sui redditi da lavoro dipendente e da pensione, oltre che una equiparazione della tassazione sulle transazioni finanziarie, riuscirà a liberare risorse capaci di mettere in sicurezza i redditi e quindi l’economica del nostro Paese, oltre che rilanciare veramente un’economia ancora in sofferenza.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aerei: fonol per risarcire i passeggeri

Posted by fidest press agency su sabato, 21 novembre 2009

Adiconsum ormai da tempo chiede norme più incisive a tutela dei tantissimi consumatori europei e italiani che subiscono vessazioni attraverso i disservizi in aeroporto. Perdita di bagagli, ritardi insopportabili, annullamenti dei voli, vacanze rovinate – dichiara Pietro Giordano, Segretario Nazionale Adiconsum – sono vessazioni quotidiane che migliaia di consumatori in Italia ed in Europa subiscono senza ottenere poi i risarcimenti dovuti. Con la sentenza della Corte di Giustizia Europea si fa un ulteriore passo avanti nella tutela dei diritti dei passeggeri. Adiconsum è convinta che solo un Fondo bilaterale paritetico risarcitorio, realizzato tra Associazioni dei consumatori, Associazioni delle aziende di gestione degli aeroporti, Associazioni delle compagnie aeree. possa assicurare risarcimenti immediati e reali ai passeggeri, evitando contenziosi giudiziari con costi elevati per i consumatori. Adiconsum chiederà in questo senso, anche alla luce della sentenza della Corte europea, all’Unione europea ed al Governo italiano precise norme a tutela dei consumatori.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »