Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘plauso’

Roma: Statua Wojtyla

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 Mag 2011

In merito a quanto pubblicato ieri da “L’Osservatore romano” che giudica “indistinto” il monumento dedicato a Papa Giovanni Paolo II inaugurato ieri, il Campidoglio tiene a precisare che in numerose occasioni sia da parte della Pontificia Commissione per i Beni culturali, sia dal Pontificium Consilium de Cultura, sia dal Mibac che dalle Sovrintendenze sono arrivati nei mesi scorsi numerosi attestati di plauso e di apprezzamento del bozzetto presentato. Lo comunica l’Ufficio stampa del Campidoglio.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Roma contro Trenitalia

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 settembre 2010

Il popolo dei 20.000 pendolari della tratta laziale Nettuno – Roma si è mobilitato con una raccolta firme per avviare una class-action, ovvero una richiesta di danni, diretta a Trenitalia.  L’iniziativa potrebbe presto diffondersi e trovare il plauso di passeggeri di altre linee anch’essi alle prese con le difficoltà giornaliere patite durante il tragitto ferroviario. “Si cerca in ogni caso – interviene Roberto Soldà vicepresidente dell’Italia dei Diritti – di alleggerire il traffico invitando i cittadini a non prendere l’auto propria e ad usare il trasporto pubblico. Per le linee più distanti però, in cui lo spostamento si effettua tramite un mezzo come metropolitana o come in questo caso treno, i passeggeri devono sopportare numerosi disagi, non del momento ma da anni. I vagoni sovente sono insufficienti per quanti sono costretti a prendere i treni per andare al lavoro, a scuola, o comunque  per muoversi. Le carrozze sono fredde d’inverno e moltissime non climatizzate nel periodo estivo. Tutto questo crea un danno e un disagio ai cittadini fruitori che vengono trattati come animali e non come esseri umani”. La sollevazione,sta raccogliendo l’appoggio di alcuni consiglieri regionali e soprattutto dei sindaci del città litoranee maggiormente coinvolte : Enrico De Fusco per Pomezia, Carlo Eufemi per  Ardea e Alessio Chiavetta per Nettuno, i quali stanno pensando ad un confronto tra le giunte e Trenitalia.  “Si sta creando – prosegue l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – una giusta mobilitazione degli amministratori delle varie città che sono al confine col comune di Roma, per segnalare in modo inconfutabile questo stato di stress e di disagio che ormai dura da anni. Come si fa – conclude Soldà – ad incentivare il mezzo pubblico e il suo uso, specialmente quello su rotaia se poi non soddisfa le esigenze di un paese civile come il nostro il quale, con cadenza quasi giornaliera, si trova di fronte a ritardi, treni sporchi e superaffollati?”.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Hockey prato femminile

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 giugno 2010

Roma Campidoglio. «La Libertas San Saba è di nuovo campione d’Italia di Hockey Prato Femminile avendo battuto nella cittadina piemontese per 3 a 2 la Bra Lorenzoni nella sfida scudetto. Desidero ringraziare i dirigenti che tra mille sacrifici, non solo hanno permesso di far sopravvivere una realtà sportiva con un grande curriculum come quello della società romana, ma addirittura di farla rimanere ai vertici conquistando proprio oggi l’ottavo scudetto. A loro, agli allenatori e alle atlete vada il plauso e il ringraziamento di quella Roma sportiva che degnamente rappresentano, che segue con passione tutte quelle discipline che vanno ben oltre il calcio, così come dimostrano da anni le ragazze dell’Hockey Femminile Libertas San Saba».  È quanto dichiara Alessandro Cochi, Delegato alle Politiche Sportive del Comune di Roma.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Roma: “Una certa storia romana”

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2009

E’ andata in scena a Roma al teatro Tordinona, in centro vicino Piazza Navona, la  commedia in vernacolo Romanesco e napoletano di Giulio de Nicolais, Franco Palumbo e Enzo Stavolo,  intitolata “Una certa storia romana”, per la regia di Donatella Cotesta. La commedia rimarrà al Tordinona sino alla sera del 7 dicembre 2009.  L’opera di prosa ha riscosso il successo ed il plauso di quanti, intervenuti hanno gremito la sala dedicata a Pirandello. Tra il pubblico una platea di rilievo fatta di teste coronate della nobiltà romana tra cui la principessa Conny Caracciolo, il marchese ed autore Giulio de Nicolais, la contessa Rosalba Monti Pacelli ed altri nomi e volti noti del mondo dello spettacolo e della politica come l’attore Mario Donatoni, le attrici  Antonella Salvucci ed Elena Presti, il M° Angelo Martini conduttore Rai 2 “Numeri Uno”, Francesca Guidato Berger e sua figlia Salomè, il cantautore Gianluca Grauso in arte G&G premio della critica al Festival Roma Pop 2009, il soprano Irene Rinaldi, la sinuosa Top Model  ucraina Mariana Bilyk, gli On.li Bertoini ed Eichberg della Camera dei Deputati e, per il Comune di Roma, che ha concesso alla commedia il Patrocinio, il consigliere comunale Tetyana Kuzyk.  Sempre sul palcoscenico del teatro Tordinona di Roma, dopo la rappresentazione teatrale, Angelo Martini ed Elena Presti hanno dato vita di fronte alle telecamere di Sky Tv, ad un simpatico talk show nel quale attori, autori, vip intervenuti, cantanti e tutto il pubblico si sono confrontati intervenendo sulle tematiche sociali e profili della capitale, sottolineati  dalla commedia. Nella nuova storia, dove il dramma umano, riproposto in agrodolce, monta dalla necessità di due famiglie, di diversa estrazione sociale, di ottenere assegnata per ciascuna una propria casa in affitto, dopo tanta attesa dal giorno della richiesta fatta ad un Istituto di Case Popolari. Per un disguido amministrativo, degno esso stesso di comparire sulla Cronaca della capitale, sette persone già provate dal dissesto economico, dalla piaga del gioco d’azzardo di Michele e da quella dell’alcolismo con l’amore per il vino di Romolo, affronteranno assieme le peripezie per riottenere quel diritto alla casa, che sembravano aver raggiunto e che invece è venuto meno. Una trama ricca, una commedia recitata magistralmente in dialetto romanesco, dove vedremo ricomporsi  drammi familiari e personali, uno dopo l’altro nel susseguirsi di colpi di scena. (bonanno)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Obama in Terra Santa – Il plauso dei cristiani americani

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 giugno 2009

Una lettera di plauso al presidente Barack Obama per il discorso pronunciato a Il Cairo giovedì scorso. È l’iniziativa di un vasto gruppo – circa una sessantina – di esponenti religiosi cristiani degli Stati Uniti, tra i quali il vescovo di Albany, Howard J. Hubbard, presidente della Commissione giustizia e pace della Conferenza episcopale. Nel messaggio si esprime gratitudine per gli sforzi di Obama di dialogare con il mondo musulmano e per aver posto la questione della pace fra israeliani e palestinesi in cima alle priorità dell’Amministrazione. Allo stesso tempo si esprime grande preoccupazione sul “deterioramento della situazione in Terra Santa” e si sollecita l’Amministrazione Obama a fare passi concreti per raggiungere una giusta pace. Ha detto il vescovo Hubbard al Catholic News Service: “Sono molto contento che il presidente abbia scelto di prendere la personale iniziativa di affrontare tale questione e di aver detto in maniera molto chiara nel suo discorso che il tema sarà in cima alle priorità dell’amministrazione. Questa lettera è una risposta molto positiva al messaggio che egli ha lanciato e mostra l’appoggio di molti leader religiosi affinché quello che è stato iniziato venga proseguito”. Come cristiani americani – si legge nella lettera spedita a Obama – che condividono l’impegno “per una giusta e risolutiva pace fra israeliani e palestinesi” i firmatari della lettera hanno deciso di rivolgersi al presidente degli Stati Uniti per evidenziare come si sia arrivati “a un momento nel quale si presenta – scrivono – una grande urgenza e una grande opportunità. Dopo decenni di tragici conflitti, molti israeliani e molti palestinesi sono sfiduciati circa la possibilità di una pace. Tuttavia noi crediamo che con la sua guida determinata la promessa di due Stati sicuri e indipendenti possa essere realizzata. Lodiamo il suo messaggio alle popolazioni del Medio Oriente e la sua sfida a tutti noi di lavorare per la pace in Terra Santa in modo da cercare di costruire un futuro più positivo per le popolazioni di quella regione e di tutto il mondo. Le siamo grati per avere individuato la soluzione della controversia israelo-palestinese come una priorità e per aver chiarito l’impegno della sua amministrazione”. Tuttavia – continua la lettera – “mentre la comunità internazionale e la maggioranza del popolo palestinese e israeliano sono convinti che la soluzione dei due Stati sia la migliore per raggiungere la pace e la sicurezza, la finestra aperta da questa opportunità si sta rapidamente chiudendo. La continua crescita ed estensione degli insediamenti sta rapidamente erodendo ogni possibilità di creare uno Stato palestinese. I razzi che continuano a prendere di mira i civili israeliani e l’insistente rifiuto al diritto di Israele di esistere rafforza il distruttivo status quo”. Occorre dunque agire con determinazione e celerità: “Condividiamo – si legge ancora nella lettera – il comune impegno per tutte le popolazioni della Terra Santa – ebrei, cristiani e musulmani – ma siamo particolarmente preoccupati dalla situazione della comunità cristiana palestinese. Nel luogo di nascita della nostra fede, una delle più antiche comunità cristiane del mondo sta rapidamente diminuendo di numero e con essa la possibilità un giorno che le tre comunità di fede possano vivere in una pace condivisa a Gerusalemme. Signor presidente, è evidente che senza un accordo di pace israelo-palestinese i cristiani in Terra Santa potrebbero cessare di esistere come comunità a sé stante”. Azioni che diano seguito agli impegni assunti sono quindi ormai inderogabili. I firmatari della lettera sollecitano il presidente degli Stati Uniti a presentare proposte che vadano al di là del mero principio dei due Stati e forniscano una giusta ed equa soluzione che assicuri dignità, sicurezza e sovranità ai due popoli. Fra i cristiani che hanno firmato il messaggio figurano evangelici, protestanti, ortodossi orientali e afroamericani. (fonte Osservatore Romano del 7/6/2009)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »