Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘porto’

Porto è la nuova regina d’Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 18 febbraio 2017

portoporto1Porto. (Portogallo) Una città splendida e una scelta unanime. Porto ottiene il titolo di Best European Destination per il 2017: è il trionfo della sua storia e della sua bellezza, unita all’amore di chi l’ha visitata e allo stesso tempo l’ha scelta come regina d’Europa. Sono stati infatti oltre 138.116 – su un totale di oltre 420.000 – i turisti provenienti da 174 paesi a incoronare la città portoghese, al suo terzo trionfo dopo quelli del 2012 e del 2014. Sul podio anche Milano (2°) e la polacca Danzica (3°). Superate città gettonatissime come Barcellona, Parigi, Londra e Amsterdam. Il prestigioso riconoscimento assegnato alla città riafferma il Portogallo come destinazione turistica di riferimento in grado di attrarre visitatori, prima per notorietà e oggi ancor di più per la credibilità di questo premio.
Visitportugal è il sito ufficiale di promozione turistica del Portogallo creato da Turismo de Portugal, I.P., l’ente turistico nazionale.
Integrato nel Ministero dell’Economia, Turismo de Portugal, I.P., è l’ente preposto alla promozione, valorizzazione e sostenibilità dell’attività turistica, e riunisce in un’entità unica tutte le competenze istituzionali relative alla promozione del turismo, dall’offerta alla domanda. Turismo de Portugal si avvale di una rete di uffici che coprono 21 paesi di prioritaria importanza per la promozione turistica internazionale. Per informazioni: https://www.visitportugal.com/it (foto: porto)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ampliamento porto di Ostia

Posted by fidest press agency su martedì, 17 Mag 2011

«L’ampliamento del porto di Ostia, insieme alla riqualificazione e sistemazione dell’area del lungomare, è un traguardo importante che la città di Roma aspettava da tempo e che si inserisce nel disegno di rilancio turistico del water front di Ostia». Lo dichiara il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. «Oggi l’assemblea capitolina, approvando la delibera di sottoscrizione dell’accordo di programma – afferma Alemanno – ha rimediato a un errore del passato: finalmente la Capitale d’Italia, paese della nautica, avrà un porto all’altezza del suo ruolo. Il nuovo assetto di quest’area inciderà sullo sviluppo del turismo del litorale e di tutta la città, senza contare le ricadute occupazionali dovute all’aumento della cantieristica navale e i benefici per tutto il territorio»

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pozzallo: una grande occasione perduta

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 marzo 2011

Il sindaco di Pozzallo Giuseppe Sulsenti ci scrive: “In un articolo intitolato Pozzallo, una grande occasione perduta, pubblicato il 2 marzo, da “La Sicilia” di Catania (pag. 4), Tony Zermo ha svolto una riflessione storica sul porto di Pozzallo, su quello che poteva essere e non è stato, su quello che sarà, anche se con notevole ritardo. «Una dozzina di anni fa – ha scritto Zermo – venne il rappresentante di una grande impresa americana, la Cooper & Smith, che propose di investire 30 miliardi per allungare il molo. Le trattative andarono avanti bene, arrivò a Pozzallo anche l’amministratore delegato della società internazionale, sembrava che tutto fosse a posto e che presto si sarebbe arrivati alla firma. Ma all’improvviso l’allora sindaco del paese, Roberto Ammatuna, ora deputato regionale del Pd, disse di no, probabilmente perché le cinque piccole aziende che operano al porto temevano che l’arrivo della multinazionale potesse danneggiare la propria attività. Erano prossime le elezioni comunali ed il sindaco Ammatuna non voleva inimicarsi la gente del porto. Così sfumò il grande progetto». «Senza alcun intento polemico – ha affermato il sindaco Giuseppe Sulsenti in una nota trasmessa dall’Ufficio di Gabinetto del Comune di Pozzallo – desideriamo sottoporre l’articolo del noto giornalista all’attenzione dei cittadini, perché, alla luce dei risultati raggiunti con il finanziamento europeo di 41 milioni di euro, essi sappiano valutare e apprezzare l’impegno costante dell’amministrazione che mi onoro di presiedere, che è riuscita a recuperare il tempo perduto con la prossima realizzazione dei lavori di messa in sicurezza e di potenziamento dell’importante infrastruttura, il cui rilancio inciderà in modo determinante sul processo di crescita e sviluppo del territorio e della provincia iblea».

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La marina militare batte cassa

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 aprile 2010

Il Psd informa: “E’ un momento difficile per il personale imbarcato sulle unità della Marina militare. Lo stato maggiore della Marina ha diffuso una nota nella quale spiega che a causa “dell’incapienza dei fondi resi disponibili sul pertinente capitolo”, non potrà pagare i “compensi forfettari di impiego” maturati dal personale imbarcato nell’ultimo quadrimestre del 2009. Una legge dello Stato dispone che “il personale dell’Esercito, della Marina e dell’Aeronautica impegnato in esercitazioni od in operazioni militari caratterizzate da particolari condizioni di impiego prolungato e continuativo oltre il normale orario di lavoro, non è assoggettato, durante i predetti periodi di impiego, alle vigenti disposizioni in materia di orario di lavoro ed ai connessi istituti, a condizione che le predette attività si protraggano senza soluzione di continuità per almeno quarantotto ore” (legge n. 86/2001). In sostanza, agli appartenenti alle Forze armate che lavorano”senza soluzione di continuità per almeno quarantotto ore”, viene negato il normale pagamento delle ore straordinarie maturate, preferendo lo Stato trasformarli i lavoratori a tariffa “flat”, riconoscendo loro un compenso ridotto, molto inferiore a quello che percepirebbero conteggiandolo con i criteri ordinari.
Sempre la medesima legge dispone che “il personale può essere impegnato nelle attività di cui al comma 1 fino ad un massimo di centoventi giorni l’anno e per non più di dodici ore giornaliere, salvo il verificarsi di comprovate ed inderogabili esigenze di carattere operativo. Durante lo svolgimento delle predette attività devono essere garantiti al personale il recupero delle energie psicofisiche e comunque la fruizione di adeguati turni di riposo.”Quello che è capitato ai nostri marinai è di una gravità senza precedenti”. E’ il commento di Giuseppe Paradiso, leader del PSD – Partito per gli Operatori della Sicurezza e della Difesa, alla vicenda che penalizza i marinai . “Una decisione senza precedenti che non rimarrà senza conseguenze. Decidere unilateralmente ed ex post di non retribuire il servizio prestato dai dipendenti è come cercare di spiegare all’idraulico che ha riparato la cucina di casa che non si hanno più i fondi a disposizione per pagarlo ed accompagnarlo alla porta”.  “Ma ciò che ci stupisce e che ha fatto giustamente infuriare i nostri marinai – sottolinea Paradiso – è l’ulteriore beffa dei vertici della Marina che si sono inventati un sistema di calcolo dello straordinario con cui compensare il “CFI ” del tutto stravagante. A fronte di un’attività operativa che si protrae per oltre 48 ore, i legulei della Marina hanno disposto di calcolare giornalmente solo quattro ore e trenta minuti di straordinario”. “Stiamo già promuovendo – conclude Paradiso – le opportune iniziative parlamentari affinchè questo pericoloso precedente sia al più presto risolto. Se il Governo non dà abbastanza fondi per l’attività delle nostre navi, ebbene i dirigenti della Marina devono avere il coraggio di dire chiaro e tondo al vertice politico che le navi restano in porto!”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Porto Civitavecchia: possibili soluzioni

Posted by fidest press agency su domenica, 7 febbraio 2010

«E’ stato un grande successo l’iniziativa che ci ha visto ieri fare tappa in tre significative cittadine del Litorale nord di Roma: Ladispoli, Santa Marinella e Ladispoli, per affrontare le problematiche di mobilità, viabilità e porti». E’ quanto dichiara Luigi Celori, consigliere del Pdl alla Regione Lazio che ha partecipato ieri insieme al ministro delle Infrastrutture, Altero Matteoli, ad una serie di convegni organizzati a Ladispoli dal consigliere del Pdl Giovanni Ardita, a Santa Marinella dall’esponente locale del Pdl Pino Tosi e a Civitavecchia dal Presidente di Asso.G.I.P. Paolo Sbrozzi. «Per trovare una soluzione alla drammatica  situazione  del porto di Civitavecchia, – ha precisato Luigi Celori –  urge il Piano della Costa, il piano dei Porti ed un piano infrastrutturale.  In questi anni di centrosinistra in Regione Lazio, non ci sono state risposte ai problemi del Litorale per la disomogeneità delle 14 formazioni che sostenevano il presidente Marrazzo e per il fatto che  le competenze sulla costa sono attualmente in capo a cinque assessorati, Attività produttive, Turismo, Lavori Pubblici, Ambiente, Urbanistica. Sarà quindi una priorità  della prossima amministrazione regionale, varare uno strumento unico per decidere una volta per tutte ed in capo ad un unico assessorato cosa si può e non si può fare sulla nostre coste e permettere soluzioni rapide per lo sviluppo del Litorale».  «Per quanto riguarda le infrastrutture – ha continuato Celori –  non necessitano nuovi progetti ma occorre riprendere quelli vecchi che erano stati già approntati dalla vecchia amministrazione di centrodestra cinque anni fa». «Per affrontare i problemi del porto di Civitavecchia e per trovare soluzioni, – ha concluso il ministro Matteoli – sono pronto ad aprire un tavolo istituzione tra Ministero, Comune  e Regione. I porti  devono fare sistema, per questo sono necessari i collegamenti viari. Per essere competitivi con gli altri paesi europei e far decollare il turismo, ci vogliono le infrastrutture».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ad Ancona un mega impianto fotovoltaico

Posted by fidest press agency su martedì, 22 settembre 2009

Porto AnconaDa una vecchia struttura in amianto nascerà uno degli impianti fotovoltaici più grandi d’Italia. A realizzarlo nel porto di Ancona sarà Energy Resources, realtà leader nel settore delle rinnovabili, che si è aggiudicata, in associazione di impresa con Conscoop, il bando di gara indetto dall’Autorità Portuale.  L’impianto sarà in grado di produrre 3.200 KWp (sufficiente per alimentare il fabbisogno di circa 1.600 abitazioni) e la sua realizzazione verrà preceduta da un intervento di bonifica dall’amianto, materiale altamente nocivo, di un ex stabilimento industriale in un’area depressa oggetto di riqualificazione da parte dell’Autorità Portuale. L’impianto coprirà il tetto dell’edificio con 15.248 moduli fotovoltaici ad altissima efficienza Sunpower, leader americano nella produzione di pannelli fotovoltaici, di cui Energy Resources è il principale partner italiano. “Con l’installazione di impianti fotovoltaici non solo è possibile produrre energia elettrica da fonte rinnovabile ma anche risolvere ulteriori questioni di natura energetica. L’unione di fotovoltaico e geotermico permette l’eliminazione del problema dei combustibili fossili e allo stesso tempo la soluzione di ulteriori problemi ambientali, come accade con la riqualificazione di aree depresse o contaminate da amianto – spiega Enrico Cappanera, amministratore delegato di Energy Resources – Ad oggi tutto questo si può fare a costo zero, avvalendosi di società come Energy Resources, che in qualità di Esco (Energy Service Company, ovvero società di servizi energetici) è specializzata nell’effettuare interventi nel settore dell’efficienza energetica, fornendo le risorse finanziarie e gestendo progettazione, realizzazione e manutenzione”.
Energy Resources è un’azienda di riferimento nel panorama delle energie rinnovabili, orientata alla ricerca, alla progettazione alla realizzazione di impianti fotovoltaici, geotermici ed eolici nel rispetto dell’ambiente. Nata nel 2006 ad Ancona dall’esperienza di professionisti operanti nel settore dal 1989, si distingue per l’impiego di nuove tecnologie e le importanti partnership internazionali. Alcuni numeri significativi: Energy Resources si avvale di 70 ingegneri professionisti specializzati nelle energie rinnovabili; tra il 2008 e il 2009 ha realizzato impianti per 15 MegaWatt di potenza, pari a 20 milioni di kWh prodotti e 8 milioni di Kg di CO2 non immessa nell’atmosfera; dai 14 milioni del 2008, l’azienda stima di raggiungere per il 2009 i 40 milioni di euro di fatturato. (porto ancona)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , , | 1 Comment »