Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Posts Tagged ‘pranzo’

Berlusconi e il Pranzo ad Arcore

Posted by fidest press agency su sabato, 23 luglio 2016

parisi“Se Forza Italia intenderà puntare su Stefano Parisi ne prenderemo atto, ogni partito ha diritto a esprimere i suoi leader come ritiene. Sinceramente mi fa orrore la modalità ‘pranzo ad Arcore’ che ritengo oltretutto figlia di un’epoca che non c’è più e che non tornerà, ma finché si tratta del capo di Forza d’Italia la vicenda coinvolge loro. La fase storica dell’uomo solo al comando del resto ha avuto una lunga sperimentazione e una sua conclusione. Oggi servono idee vincenti per governare le criticità del nostro tempo, non più monarchi illuminati, semmai serve una fase repubblicana, all’insegna di confronto, approfondimento e decisione partecipata. Tuttavia la nostra coalizione è composta da più soggetti e in nessun caso la scelta di un partito può essere considerata vincolante per gli altri. Fratelli d’Italia nasce a causa di un drammatico deficit di democrazia nel PDL e da una conseguente richiesta di elezioni primarie. La proposta è di ripartire da lì, anzi, visto che in queste ore qualche malalingua blatera di nuovi Patti del Nazareno su referendum e legge elettorale, recepiamo alcuni legittimi giudizi di Berlusconi sulla facile manipolabilità delle primarie e chiediamo a tutto il centrodestra di fare un fronte unico per inserirle nella legge elettorale, per renderne seri e oggettivi lo svolgimento e il risultato. Intanto però c’è il referendum e occorre far vincere i no per mandare a casa Renzi”. È quanto ha dichiarato il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli intervistato da Intelligonews, il quotidiano on line diretto da Fabio Torriero.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’attore de “La sposa turca”

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 febbraio 2011

Sarà Birol Unel, attore de “La sposa turca” e di “Soul Kitchen”, l’interprete principale del cortometraggio “Il grillo” del regista Stefano Lorenzi – in passato assistente di Paolo Virzì, Spike Lee e Giacomo Campiotti- che in questi giorni incontrerà l’attore a Berlino durante il festival per lavorare alla preparazione del personaggio.  “Il grillo” è un corto senza battute, “muto”, fatto di suoni e immagini, una storia di immigrazione e libertà. Il ruolo che Birol Unel sarà chiamato a interpretare, è quello di un operoso manovale immigrato in Italia, che per pochi soldi lavora rinunciando persino alla pausa pranzo. Uno sguardo ruvido che alla fine si rivelerà in tutta la sua umanità.  Il cortometraggio che sarà  girato la prima settimana di marzo all’aeroporto di Pisa è prodotto dalla neonata Wop Film dello stesso Lorenzi e di Cosimo Savio. Il lavoro vedrà l’amichevole partecipazione tra gli attori di Edoardo Gabbriellini, mentre Clemente Cecchi, visto in diverse fiction Rai, oltre che nel cast sarà presente anche in veste di co-produttore.  Direttore della fotografia è Daniele Ciprì, che sarà coinvolto anche nel prossimo lungometraggio di Lorenzi dal titolo “I calcianti”, film che ha ricevuto il riconoscimento di interesse culturale dal MiBac e che racconterà il calcio storico fiorentino. “I calcianti” sarà prodotto da Gianfranco Piccioli noto per aver realizzato la maggior parte dei film di Francesco Nuti.  (birol)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pranzo Natale al S. Egidio

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 dicembre 2010

Roma 25/12/2010  nella Basilica dei Ss. Severino e Sossio e Sossio  ci sarà il pranzo natalizio con 500 poveri con la partecipazione del cardinale Sepe. I pranzo è stato offerto in parte dalla Camera di Commercio e dalla IV Municipalità, Nel palazzo Filangieri, sede del Forum delle culture ci sarà un pranzo per gli studenti della scuola di lingua e cultura italiana della Comunità di Sant’Egidio. Sempre il giorno di Natale altri pranzi sono previsti alla Biglietteria della Circumvesuviana di Ponticelli, nella sede della Comunità di Sant’Egidio a S. Giovanni a Teduccio e nell’Istituto per anziani “Signoriello”.
Il pranzo di Natale con i poveri è una tradizione della Comunità di Sant’Egidio da quando, nel 1987, un piccolo gruppo di persone povere fu accolto attorno alla tavola della festa nella chiesa di San Nicola al Nilo. Erano circa 20 invitati: c’erano alcuni anziani del quartiere, di cui eravamo amici da tempo, che in quel giorno sarebbero rimasti soli, e alcune persone senza fissa dimora conosciute nelle strade di Napoli. Da quel primo pranzo del 1987 la tavola si è allargata di anno in anno e ha raggiunto tanti luoghi della città e della regione dove la Comunità è presente. Il menu
Cannelloni
Polpettone di carne
Funghi
Patate
Dolci di Natale, frutta secca, panettone, spumante
Poi…Babbo Natale!
Quest’anno sarà un Natale straordinario: la festa si farà nelle chiese, nelle case, ma anche negli istituti per anziani, bambini, disabili, nelle carceri, negli ospedali, perfino nelle strade. Perché vogliamo portare la festa – anche negli angoli più bui, più freddi, più sperduti e dimenticati – nella convinzione che Natale è il giorno più bello dell’anno, ma può diventare anche una data triste per quanti sono in difficoltà.
Nelle carceri sono previste varie iniziative: il 27 dicembre tombolata nel carcere di Pozzuoli, il 29 dicembre pranzo all’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Napoli a cui parteciperà il cardinale Sepe, e il 3 gennaio pranzo con i detenuti del Centro Clinico del carcere di Secondigliano.
Durante le feste sono previste cena e festa con i bambini della Scuola della Pace della Comunità di Sant’Egidio, pranzi negli istituti per anziani e feste nei campi rom.
L’Epifania concluderà il ciclo di festeggiamenti con il “tradizionale” pranzo nella sede della Comunità di Scampia con la Befana che porterà i doni e le calze ai bambini e la cena al Dormitorio Pubblico.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bossi e Alemanno fanno pace con la polenta

Posted by fidest press agency su martedì, 5 ottobre 2010

Roma 6 ottobre davanti a Montecitorio il buffet della pace a cui parteciperanno il sindaco di Roma Gianni Alemanno e il ministro per le Riforme Umberto Bossi. Dopo le infelici esternazioni del “senatur” su Roma e i romani, sarà affidato a un piatto di coda alla vaccinara e polenta il compito di ricucire lo strappo tra il leader del Carroccio e la Capitale. Un alto momento di politica mista a gastronomia che vedrà anche la partecipazione dei ministri Calderoli e Tremonti e di diversi deputati di Pdl e Lega. Non è previsto alcun confronto tra il primo cittadino e Bossi, ma solo un pranzo in pieno relax. A testimoniare l’intento rabbonente del goliardico evento è arrivata anche la precisazione di Alemanno sul Gran Premio di Roma, cui il sindaco si è detto pronto a rinunciare. In occasione della Festa della Libertà in corso al Castello Sforzesco di Milano si è segnalata anche la governatrice del Lazio Renata Polverini, che ha espresso il desiderio di essere almeno per un giorno la presidente della Regione Lombardia, così da non avere debiti. Duro il commento di Oscar Tortosa, vicesegretario laziale dell’Italia dei Valori: “Ormai sorprendersi è dir poco – ha dichiarato –, il sindaco si smentisce tutti i giorni. Avrebbe dovuto prendere iniziative contro la volgarità di un personaggio che si permette costantemente di sparlare nei confronti del Lazio e dei romani, dimenticando il significato che ha avuto Roma nello sviluppo della civiltà. Alemanno vuole liquidare tutto in una battuta goliardica secondo l’esempio di Berlusconi, ma la partecipazione del sindaco a un banchetto con il leader del Carroccio significa non avere cura della dignità di Roma e dei romani. Stesso discorso vale per la Polverini – incalza Tortosa –, a cui nessuno ha ordinato di candidarsi per le regionali nel Lazio. Anzi, se non fosse stata eletta avrebbe evitato a noi di sopportare le lamentale dei consiglieri del centrodestra che stamattina le hanno contestato una gestione troppo personale e sindacalista. In ogni realtà mette uomini con cui ha avuto rapporti nel sindacato, dimenticando di ricoprire un ruolo forse troppo importante per lei. Stiamo vivendo una stagione veramente folkloristica. Non so se il popolo romano meriti questa classe dirigente; io credo di no. Quanto al Gran Premio di Roma – conclude il rappresentante del partito guidato da Antonio Di Pietro – dovremmo tutti sentirci beffati quando Alemanno afferma di potervi rinunciare su due piedi. Credo non ci sia da aggiungere altro, bastano le parole del sindaco capitolino a testimoniare la sua insensibilità ai problemi di questa città”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Trenta candeline per la Festa Popolare di Olcella

Posted by fidest press agency su martedì, 17 agosto 2010

Dal 20 al 30 agosto, la frazione di Busto Garolfo (Mi) si anima con la tradizionale manifestazione sostenuta dalla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate La Festa Popolare di Olcella, che si apre ufficialmente venerdì 20 agosto alle 19.30, propone tutte le sere la possibilità di cenare e di ballare; alla domenica è possibile fermarsi anche a pranzo. C’è un motivo in più per festeggiare quest’anno a Olcella: sono trenta le candeline che la tradizionale Festa Popolare si appresta a spegnere, forte di una crescente partecipazione e di continui successi. La frazione di Busto Garolfo si anima dal 20 al 30 agosto con la sua apprezzata formula: buona cucina, buona musica e un profondo legame con il territorio. E, anche quest’anno, come tradizione vuole, la Festa di Olcella è stata organizzata con il contributo della Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate. «Come banca locale non abbiamo potuto rinunciare a dare voce e corpo ad una manifestazione che in trent’anni di presenza costante è diventata il punto di riferimento per quanti si trovano a casa alla fine di agosto», commenta il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Lidio Clementi. «Il valore sociale e aggregativo di questa festa, si somma al grande impegno che il nutrito gruppo di volontari mette nella preparazione e nell’allestimento dell’area parrocchiale. Quest’anno, la Festa oltre a celebrare il suo importante traguardo, diventa anche l’occasione per salutare il parroco di Olcella e Busto Garolfo, don Piero Roveda». Infatti, oltre alle tradizionali giornate dedicate ai ragazzi con disabilità e ai pensionati, la giornata di domenica 29 agosto sarà dedicata a don Piero: una santa messa solenne alle 10, quindi l’aperitivo e il pranzo comunitario per ringraziare il parroco per l’attività svolta ad Olcella. Per il resto, il programma viene confermato. «La formula che proponiamo è all’insegna della tradizione e delle realtà locali», sottolineano gli organizzatori. Sabato 21 agosto, la giornata sarà dedicata ai ragazzi con disabilità: alle 10 una “camminata in compagnia”, poi il pranzo, quindi il pomeriggio con i giochi organizzati che si concluderà con l’estrazione dei biglietti vincenti della sottoscrizione a premi. Giovedì 26 agosto, invece, sarà la “Giornata del pensionato”: alle 11 la messa in suffragio dei pensionati defunti, quindi il pranzo che ai pensionati olcellesi sarà offerto del Comitato organizzatore della Festa. Immancabile, nell’ultimo giorno, lunedì 30 agosto alle 22.30, lo spettacolo di fuochi d’artificio, presentato dalla premiata ditta Martarello, che ha sempre rappresentato un appuntamento di grande richiamo.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Amleto a pranzo e a cena

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 giugno 2010

Roma Teatro India  22-27 giugno .10 Sala B lungotevere dei Papareschi Emilia Romagna teatro Fondazione e Compagnia de Summa  presentano  Amleto a pranzo e a cena  tratto da Amleto di William Shakespeare  ideazione e regia Oscar De Summa con  Oscar De Summa, Angelo Romagnoli, Armando Iovino, Roberto Rustioni . Dato per acquisito nella memoria collettiva lo stereotipo di un uomo in calzamaglia nera con un teschio in mano, e la celeberrima  frase ‘Essere o non essere’  De Summa propone un lavoro che riesce a parlare sia  a chi solitamente non è abituato al frequentare il teatro ed il suo linguaggio  ma anche ad un pubblico solitamente avvezzo a frequentare le platee teatrali.   La scena è  essenziale, un piazzato di luci ed una tastiera a bordo palco, suonata a turno dagli stessi attori. Proprio come accadeva nelle compagnie di commedia dell’arte, gli attori decidono sul luogo cosa mettere in scena, un semplice escamotage (peraltro suggerito dal testo stesso) che aiuta a svelare come si crea uno spettacolo, cosa c’è dietro quella che sembra pura creatività. I rapporti umani si confrontano con i ruoli degli attori, tutto per svelare quanto verità e finzione siano due facce della stessa medaglia e i piani della realtà e del teatro si mescolino continuamente uno nell’altro.  Il sipario si alza e la compagnia, tra invidie e gelosie tenta di mettere in scena Amleto. Tra liti e complicità gli attori si scambiano consigli non propriamente disinteressati e lasciano venire a galla velenosi grovigli familiari. (amleto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

«Pranzo al bar, ma sempre di qualità»

Posted by fidest press agency su martedì, 11 maggio 2010

Maggiore efficienza, razionalizzazione delle risorse, più attenzione ai prezzi e accorciamento della filiera. Sono questi gli imperativi della ristorazione di necessità in uno scenario profondamente cambiato negli ultimi quindici anni. È questo il messaggio principale emerso dalla ricerca del Centro Studi Fipe “I luoghi, i prodotti, gli stili di consumo nel settore del Fuori Casa” presentata nella prima della quattro giorni di Cibus, la fiera internazionale dedicata all’alimentazione. La ricerca ha evidenziato come al cambiamento radicale di offerta dei pasti consumati fuori casa abbia influito in maniera particolare proprio il cambiamento degli stili di vita. Dal lavoro allo studio, è sempre più frequente che la consumazione avvenga fuori dalle mura domestiche. È infatti nel bar che nascono e mutano le mode e gli stili alimentari. La crescita maggiore di questo genere di consumi è stata registrata – secondo la ricerca – dagli anni Novanta fino ai primi anni del nuovo millennio. Poi, prima per l’introduzione della moneta unica, poi per l’avvicinarsi e il concretizzarsi della crisi economica, la crescita dei consumi fuori casa ha subito una battuta d’arresto, mantenendo un livello piuttosto costante e smentendo le previsioni di ulteriori aumenti. Nel 2009 ben nove milioni sono state le persone che per necessità hanno consumato abitualmente il pranzo fuori casa. Sempre nel 2009 sono stati serviti circa un miliardo e ottocentomila pasti che hanno generato un fatturato complessivo pari a 12 miliardi e mezzo di euro. «Dobbiamo prendere atto di questa situazione – ha affermato il presidente Fipe e vice presidente Confcommercio, Lino Stoppani – e dobbiamo studiare nuove formule più accattivanti per un consumatore attento e sensibile alle esigenze salutistiche. Anche il canale bar, dove maggiormente si trascorrono i pasti funzionali più importanti della giornata, deve continuare a fare attenzione sulla qualità dei prodotti alimentari impiegati per la preparazione delle pietanze. Nelle scelte di approvvigionamento va bene privilegiare le filiere corte, ma l’importanza maggiore deve essere riposta nella razionalizzazione delle risorse per rendere più efficiente il sistema di produzione dei pasti veloci e offrire un prezzo competitivo e sostenibile a livello quotidiano». La ricerca Fipe e altri documenti sono scaricabili dal sito http://www.fipe.it cliccando nel riquadro a destra “Cibus”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caffè a pranzo contro il diabete

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 marzo 2010

Coloro che consumano caffè a ora di pranzo sono meno esposti al rischio di sviluppare diabete di tipo 2. Lo hanno stabilito alcuni ricercatori brasiliani prendendo in esame oltre 70mila donne francesi, d’età compresa tra 41 e 72 anni, le cui abitudini alimentari sono state seguite per oltre 11 anni. In breve, nelle partecipanti che hanno consumato almeno una tazza di caffé durante la pausa pranzo è stata riscontrata una riduzione del rischio di sviluppare la patologia diabetica di circa il 30% rispetto alle donne non consumatrici. Gli autori, però, sottolineano che per osservare l’effetto protettivo del caffé, la bevanda deve essere consumata rigorosamente senza nessuna aggiunta di altre sostanze, nemmeno di latte. «Non siamo ancora in grado di capire il meccanismo alla base della protezione offerta da questa bevanda nei confronti del diabete, ma il fatto che l’effetto si osservi solo se il caffé viene bevuto all’ora di pranzo lascia ipotizzare che ci sia qualche legame con il tipo di cibo consumato in questo momento della giornata» ha commentato Daniela S. Sartorelli, principale autore dell’indagine. Am J Clin Nutr. 2010 Feb 10. [Epub ahead of print] (fonte doctor news)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Circumnavigando l’isola del Gusto

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 luglio 2009

elbaIn barca si gira intorno all’Elba e ci si ferma per gustare. Le sue attenzioni per gli ospiti sono eccezionali, e l’ultima idea è davvero straordinaria. Maurizio Testa, patron e anima del Boutique Hotel Ilio di Capo Sant’Andrea all’Isola d’Elba, accompagna i suoi clienti in un tour particolare, per viziare uno dei sensi più sviluppati: il senso del Gusto… Non sarà semplicemente un “Taste-Tour”, ma una giornata ricca anche per gli occhi. In barca si gira intorno all’isola e ci si ferma per gustare le specialità tipiche nei migliori ristoranti, per un pranzo a tappe davvero straordinario. Pronti? Si parte… Ci si accomoda su un’imbarcazione che parte da Capo Sant’Andrea per la prima meta, Marciana Marina dove ci si ferma al “Capo Nord”, un ristorante molto famoso in tutta l’isola d’Elba per la qualità dei prodotti e la cura dei piatti. Qui si può gustare l’antipasto a base di pesce e frutti di mare. Ma non ci si ferma molto…si continua, passando davanti alla famosa spiaggia della Paolina ed al golfo di Procchio per arrivare nel golfo dell’Enfola, dove si sbarca da “Emanuel”, che aspetta gli ospiti con il primo piatto degno della sua fama, appagando il palato e lo stomaco! Ma non è finita qui. Tutti a bordo, perchè già è in caldo il secondo piatto in un altro ristorante assolutamente da non dimenticare: “Da Lido” a Portoferraio, uno dei posti più segreti dell’Isola, con tantissime specialità di pesce fresco, preparato alla griglia, ma non solo…un ottimo vino rallegrerà la tavola. Manca ancora il dolce? Naturalmente si completa il tour gustando una tradizionale “Torta Briaca”, rigorosamente originale accompagnata da un buon bicchiere di Aleatico Doc al ristorante “Grigolo” a Rio Marina. Appagati e sazi i marinai del gusto sono pronti per il rientro a Sant’Andrea, cogliendo ancora momenti e panorami deliziosi lungo la costa sud dell’isola, ammirando il paesaggio che offre una vista unica su alcune delle isole che circondano l’Elba. Le suggestive Monte Cristo e Pianosa e, naturalmente, la Corsica. Il costo per l’escursione in barca, comprensiva del pranzo itinerante, è di 200 euro a persona, mentre il soggiorno al Boutique Hotel Ilio va da 50 a 130 euro a seconda della stagione, con trattamento di mezza pensione, a seconda della tipologia di camera prescelta. (elba)

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Benvenuto re calamaro

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2009

Firenze, 11 luglio 2009 Piazza San Firenze angolo Via della Condotta dalle 12 alle 20 benvenuto re calamaro! Re Calamaro è una giovane catena di raffinate friggitorie di pesce, luogo per eccellenza dove rivivere la tradizione del cibo di strada. Il Re Calamaro è anche luogo del mito perché in questi bellissimi negozi fatti come chiglie di pescherecci si rinnova la storia di Italo Parodi, ristoratore ligure inventore della frittura di calamari “costretto” a trasferirsi a Torino per prestare servizio a Sua Altezza Reale. Ma soprattutto è il luogo dello sfizio: una vera frittura di mare per una pausa pranzo diversa, un break o un piatto da portare a casa per una cena indimenticabile. E il Re Calamaro, dopo i tre negozi torinesi di Via Carlo Alberto e di Piazza Palazzo di Città e quello romano di Piazza delle Vaschette, inaugura una nuova sede a Firenze! Sabato 11 luglio in Piazza San Firenze angolo Via della Condotta, in pieno centro città, si festeggia la nuova apertura con tantissimi assaggi gratuiti! Tante le proposte con cui deliziarsi: dagli anellini di calamari, ai gamberetti sgusciati, senza tralasciare i succulenti cubetti di baccalà, la tempura di verdure, la pasta cresciuta, le patatine più fragranti e tanto altro ancora! Al Re Calamaro tutto è preparato davanti ai vostri occhi e servito in pratici cartocci take away. Chi ha fretta li porta via mentre chi lo desidera si può fermare a mangiare nell’area lunch che ha la suggestiva forma della chiglia di un peschereccio, mentre i tavoli d’appoggio sono le casse di legno grezzo con cui i pescatori trasportano il pesce e le luci sono le lampare della pesca notturna.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Checkpoint israeliani

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 luglio 2009

Il checkpoint è quello di Sha’ar Efraim, a sud di Tulkarem, e ad amministrarlo per conto del Ministero della Difesa israeliano è la compagnia di sicurezza privata Modi’in Ezrahi. Ad essere fermati, invece, e impediti al loro passaggio sono tutti quei Palestinesi che lavorano in Israele e che portano con sé cibo fatto in casa, caffé, tè e persino zaatar (timo) ma anche bottiglie d’acqua gelata o bevande analcoliche per il pranzo della loro giornata lavorativa. Acquistare le merci nei negozi in Israele sarebbe troppo caro per la misera paga che ricevono. Sembra assurdo eppure è vero. La compagnia di sicurezza israeliana stabilisce le quantità massime dei cibi che ogni lavoratore deve magiare e che possono passare attraverso il check point:  cinque pite, un contenitore di humus e tonno in scatola, per le bevande ammesse solo bottigliette inferiore al mezzo litro o lattine, una o due fette di formaggio, poche cucchiaiate di zucchero, e da 5 a 10 olive. Vietati anche posate e utensili da lavoro.  Le merci superiori a quelle decise vengono sequestrate e i lavoratori trattenuti per ore. Le quantità di cibo ammesse dalla Modi’in Ezrahi non sono in nessun modo sufficienti al fabbisogno giornaliero di calorie dei lavoratori .  Queste persone, uomini e donne, partono dalle loro case nella Cisgiordania occupata alle due del mattino per essere in anticipo e aspettare al check point anche più di due ore: arrivare in ritardo comporterebbe un licenziamento immediato. La loro giornata lavorativa quindi comprende anche tutte quelle difficoltà e umiliazioni cui sono soggetti i Palestinesi a causa dell’occupazione militare israeliana e appare come un inferno interminabile.   Quei palestinesi, però, il cibo in più non lo portano con l’intenzione di venderlo ma per consumarlo per l’intera settimana: per molti infatti risulta impossibile alzarsi ogni mattina alle due per recarsi al lavoro e scelgono di  dormire in Israele rischiando in ogni momento di essere arrestati perchè il loro permesso è giornaliero ed ogni sera dovrebbero rientrare nel loro villaggio entro le ore 19, restano, a volte con la complicità dei datori di lavoro –israeliani- che preferiscono lavoratori “freschi” e pronti all’uso, dormono  in alloggi di fortuna, cantieri dismessi, bugigattoli, edifici in costruzione o alle stazioni dei bus, in condizioni precarie e insicure, le stesse in cui vediamo spesso vivere da noi i migranti senza permesso di soggiorno né un tetto dove ripararsi. Da anni  ormai  Gaza è alla fame a causa dell’assedio e ora con questi episodi anche nella West Bank si vuole controllare la quantità di cibo che ogni persona può mangiare. Questa è solo l’ultima in ordine di tempo delle sopraffazioni. (Luisa Morgantini parlamentare europea)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »