Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘precauzioni’

Barbecue al coperto è pericoloso

Posted by fidest press agency su martedì, 20 gennaio 2015

barbecueCuocere in ambienti chiusi con barbecue che utilizzano carbone e’ pericoloso. Il carbone incandescente rilascia notevoli quantita’ di gas tossici, in particolare il monossido di carbonio (CO). Anche quando le finestre, le porte e la porta del garage sono aperte per “motivi di sicurezza”, le concentrazioni di CO possono fatalmente accumularsi. Questo rischio e’ presente con i dispositivi che vengono pubblicizzati come speciali “barbecue al coperto”. Lo stesso vale per le pentole carbone-powered, i cosiddetti “vasi a caldo”, se vengono utilizzati in luoghi chiusi come il soggiorno di casa o nel ristorante. L’avvertenza ci arriva dalla BFR tedesca che esaminato la concentrazione di CO che si raggiunge quando griglie a carbone sono utilizzate in luoghi chiusi e quanto tempo ci vuole prima che questo rappresenti un pericolo per le persone. Risultato: anche dopo un tempo relativamente breve si raggiungono livelli pericolosi di monossido di carbonio. Ricordiamo che il monossido di carbonio e’ gas velenoso particolarmente insidioso in quanto inodore, incolore e insapore, interferisce con l’emoglobina, diminuendo la quantita’ di ossigeno ai tessuti ed in particolare al cervello che, ricevendo meno ossigeno, porta ad uno stato di incoscienza e poi alla morte. Il consiglio, ovviamente e se proprio si vuole, e’ quello di fare barbecue all’aperto stando comunque distanti dai fumi.(Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arriva il grande caldo

Posted by fidest press agency su sabato, 27 luglio 2013

Le previsioni meteo parlano chiaro. Il caldo di questi ultimi giorni annuncia un fine settimana, quello di sabato 27 e domenica 28 luglio prossimi, rovente con temperature che saliranno ben oltre le medie del periodo e che si protrarranno anche nella prossima settimana. Si registreranno sul territorio valori dai 31 ai 34 gradi centigradi soprattutto nelle ore centrali della giornata e fino a 13 ore giornaliere in cui potrebbe essere avvertito disagio dovuto al caldo.
L’attenzione si rivolge, quindi, alla fascia di popolazione più fragile costituita dagli anziani e dai bambini più esposti ai disturbi provocati dalle temperature elevate. A loro, in particolare, si ricordano gli accorgimenti necessari per contrastare gli effetti del caldo; consigli validi, comunque, anche per tutte le altre persone.
In casa
· scegli le prime ore del mattino per rinfrescare i locali dell’abitazione;
· impedisci l’ingresso dei raggi solari con tende alle finestre, persiane, veneziane e scuri per controllare la temperatura delle stanze;
· soggiorna nelle zone più fresche della casa e preferisci gli ambienti ventilati;
· cerca di trascorrere poco tempo ai piani alti delle abitazioni con tetti e solai non bene isolati e nelle zone esposte al sole: non ricevono la giusta areazione;
· limita l’uso dei fornelli e del forno che tendono a riscaldare l’ambiente domestico;
· lavati con acqua tiepida: rinfresca e dà una sensazione di benessere;
· privilegia l’uso di un condizionatore d’aria, ma è buona regola non abbassare eccessivamente la temperatura rispetto all’esterno per evitare bruschi sbalzi termici;
· se usi ventilatori meccanici non indirizzarli direttamente sulle persone e regolali in modo che l’aria circoli in tutto l’ambiente;
· bevi molti liquidi e preferisci bevande non alcoliche e senza caffeina. Adotta un’alimentazione leggera a base di frutta, verdura, pesce e conserva al fresco gli alimenti;
· a letto evita coperte e pigiami aderenti, meglio un lenzuolo.
Fuori casa
· evita di uscire nelle ore calde della giornata (dalle 11 alle 17) ed evita l’esposizione diretta al sole;
· preferisci i vestiti di colore chiaro, non aderenti e possibilmente di cotone e lino (evita fibre sintetiche). Non dimenticare occhiali da sole e cappello;
· se svolgi attività fisica, programmala al mattino presto o dopo il tramonto;
· trascorri più tempo possibile in ambienti climatizzati (negozi o altri luoghi pubblici).
In auto
· se l’auto non ha climatizzatore, evita di viaggiare nelle ore più calde della giornata;
· se hai parcheggiato l’auto al sole, prima di iniziare il viaggio, ventila l’abitacolo per abbassare la temperatura interna;
· se devi fare un lungo viaggio porta dell’acqua con te, potrà essere utile soprattutto nel caso di code o rallentamenti;
· non lasciare persone o animali, nemmeno per brevi periodi, nell’auto parcheggiata al sole;
· se l’auto è climatizzata, prima di fermarsi per la sosta, regola la temperatura su valori di circa 5°C inferiori a quella esterna;
· usa tendine parasole;
· evita di orientare le bocchette della climatizzazione verso il conducente e i passeggeri.
Uso dei farmaci
· leggi attentamente le modalità di conservazione riportate sulle confezioni dei farmaci. Qualora non fossero esplicitate, conserva i farmaci nella loro confezione, lontano da fonti di calore e da irradiazione solare diretta e, comunque, a temperatura inferiore ai 30°C;
· il caldo può potenziare l’effetto di molti farmaci utilizzati per la cura dell’ipertensione e di molte malattie cardiovascolari. E’ opportuno quindi effettuare un controllo più assiduo della pressione arteriosa ed eventualmente richiedere il parere del medico curante. Ogni decisione sulla terapia deve essere presa sempre in accordo con il medico alla luce di ogni singola situazione clinica.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campionati mondiali e precauzioni sanitarie

Posted by fidest press agency su martedì, 8 giugno 2010

Il Centro di Medicina del Turismo, già Centro Collaboratore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dal 1988 al 2008, raccomanda ai viaggiatori italiani che si recheranno in Sud Africa per seguire il Campionato Mondiale di calcio di adottare precauzioni nei confronti di malattie trasmesse da alimenti, da artropodi e nei confronti di malattie sessualmente trasmissibili.  Per quanto riguarda la prevenzione delle malattie trasmesse da alimenti ed acqua si raccomanda di seguire scrupolosamente le seguenti norme di sicurezza alimentare: • Evitare il cibo che è stato tenuto a temperatura ambiente per parecchie ore per esempio il cibo del buffet non coperto, il cibo dai venditori di strada o di spiaggia • Evitare gli alimenti crudi, ad eccezione della frutta e della verdura che possono essere pelate e sbucciate e non mangiare frutta la cui buccia è alterata • Evitare il ghiaccio che non sia fatto con l’acqua potabile • Evitare i piatti contenenti uova crude o insufficientemente cotte • Evitare i gelati di origine dubbia, compresi quelli venduti per strada • Evitare di lavarsi i denti con acqua non potabile • Le bevande imbottigliate sono generalmente sicure se l’imballaggio è intatto. • Le bevande e i cibi interamente cotti serviti caldi sono generalmente sicuri. Si raccomanda inoltre la vaccinazione contro colera e febbre tifoide. Il vaccino contro il colera (Dukoral) conferisce anche una protezione crociata contro l’Escherichia Coli Enterotossica (ETEC) con conseguente riduzione del rischio di diarrea del viaggiatore. Tra i farmaci da mettere in valigia si raccomanda di inserire un antibiotico ad uso topico intestinale come rifaximina (Normix) per trattare una eventuale diarrea.  Per quanto riguarda le malattie trasmesse da artropodi, si ricorda che il rischio malarico non è presente nelle grandi città. Il rischio di malaria, principalmente da P. falciparum, esiste tutto l’anno nelle aree di bassa altitudine della provincia di Mpumalanga (compreso il Parco Nazionale Kruger), della Provincia settentrionale e dell’area nord-orientale del Kwazulu-Natal fino al fiume Tugela. Il rischio è minore da maggio ad ottobre. L’eventuale profilassi va fatta con farmaci come il Lariam o il Malarone. Il rischio di malattie sessualmente trasmesse si riduce o si azzera adottando comportamenti responsabili.  Ogni italiano che si recherà in Sud Africa deve sentirsi ambasciatore del proprio paese ed adottare in generale comportamenti che rechino prestigio ed onore all’Italia. (Dr. Walter Pasini)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aids: importanza di fare il test

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2010

La trasmissione del virus, che avviene soprattutto per via sessuale, può riguardare chiunque: a quasi 30 anni dall’inizio dell’epidemia, persiste la disinformazione e la tendenza a ignorare il proprio stato sierologico. “È in aumento il numero delle persone che scoprono di essere sieropositive solo al momento della diagnosi di AIDS, ovvero in uno stadio di malattia molto avanzato: siamo passati dal 21% nel 1996 al 60% nel 2008” dichiara Filippo von Schloesser, Presidente della Fondazione Nadir onlus.“Questo dato” – aggiunge Simone Marcotullio, Vice-presidente – “ci suggerisce che una buona parte di persone infette ignora per molti anni la propria sieropositività. Questo porta a non entrare tempestivamente in trattamento e a non adottare le precauzioni che diminuiscono il rischio di diffusione dell’infezione”. Sottoporsi allo screening periodico di malattie a trasmissione sessuale (tra cui l’HIV) è un comportamento intelligente, civico e responsabile.“Perché tanta reticenza e paura del test quando una eventuale risposta positiva, ancora in buone condizioni di salute, permette di affrontare il problema più serenamente, e avere maggiori scelte terapeutiche per combattere il virus e mantenere una buona qualità della vita?”, incalza David Osorio, Consigliere della Fondazione e sceneggiatore del video. http://www.testhiv.it

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »