Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Posts Tagged ‘premio cultura’

Museo Ferrari, Salvo Nugnes riceve il Premio internazionale di cultura

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 luglio 2016

SALVO NUGNES(fidest) Il manager Salvo Nugnes è stato premiato per i suoi venticinque anni di carriera dall’Istituto Internazionale di Cultura. La premiazione è avvenuta nello storico Museo Ferrari a Maranello, simbolo per antonomasia del Made in Italy e dell’eccellenza italiana nel mondo. Nugnes, seppur giovane, ha già ottenuto molti e meritati successi a livello nazionale e internazionale.
Come manager della cultura ha infatti organizzato numerosi ed importanti eventi che hanno coinvolto artisti di fama e nomi di calibro del panorama attuale. È infatti presidente e fondatore di Spoleto Arte, famosa organizzazione che gestisce importanti mostre d’arte in Italia e all’estero. È inoltre titolare della Milano Art Gallery, rinomato circuito di gallerie con sedi in tutta Italia e temporary a Londra e New York, che dall’ottobre 2015 è anche in franchising.
Titolare della storica Agenzia Promoter, da lui creata 25 anni fa, è manager e agente di noti personaggi, da Romina Power, che ha seguito fin da giovanissimo, a Vittorio Sgarbi, Francesco Alberoni, Katia Ricciarelli, Bruno Vespa, Alessandro Sallusti, fino all’indimenticabile Margherita Hack.
Nugnes dichiara: “Ricevere questo prestigioso riconoscimento, è per me un grande incentivo a proseguire nella mia attività e a trovare sempre nuovi canali di comunicazione per coinvolgere anche i giovani e le nuove generazioni, alla ricerca di spunti arricchenti e costruttivi per sviluppare occasioni di dialogo e di riflessione su tematiche di rilievo. In questo momento così difficile a livello sociale e collettivo, l’arte e la cultura sono dei pilastri fondamentali e imprescindibili di riferimento da tenere ben saldi”. (Christian Flammia) (foto: SALVO NUGNES)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio Napoli per la lingua e la cultura italiana

Posted by fidest press agency su martedì, 27 ottobre 2015

serena vitaleNapoli dal 28 ottobre all’11 dicembre 2015 Serena Vitale, Roberto Paci Dalò, Bianca Pitzorno e Paolo Poli – saranno protagonisti di una rassegna di incontri pubblici a ingresso libero in diversi luoghi della città per testimoniare la bellezza della lingua italiana in tutte le sue declinazioni, dal teatro sperimentale a quello comico, dalla letteratura per l’infanzia all’arte della traduzione. Nel segno del primo e unico riconoscimento italiano consegnato a personalità che si distinguono per il loro contributo alla lingua e alla cultura, indipendentemente dalla produzione eminentemente letteraria. “Da quando è diventato un premio culturale, sostanzialmente l’unico del nostro Paese – afferma il presidente della Fondazione Premio Napoli Gabriele Frasca – il Premio Napoli ha innanzitutto contribuito a far saltare gli steccati disciplinari e settoriali. Un premio che si prefigge di dare un giusto riconoscimento a chiunque difenda e diffonda la cultura italiana non può essere miope, e limitarsi a setacciare il campicello sempre più stento del mercato editoriale nazionale. Quest’anno il Premio è dedicato a Ernesto De Martino e Mario Pomilio, due grandi figure della cultura europea, prima ancora che italiana e partenopea”.
Prima tappa con Serena Vitale (28 – 30 ottobre 2015)La scrittrice e traduttrice Serena Vitale sarà al centro di una conferenza/confessione al Convento di San Domenico Maggiore mercoledì 28 ottobre (evento aperto al pubblico, ingresso gratuito – ore 18 – piazza San Domenico Maggiore, 8), giovedì 29 parlerà agli studenti del liceo classico “Garibaldi” mentre venerdì 30 incontrerà i detenuti del Centro Penitenziario di Secondigliano.
Erede della migliore tradizione italiana di slavistica, Serena Vitale utilizza inizialmente la traduzione come pratica di conoscenza della cultura russa attraverso alcune delle sue figure centrali per aprire un varco di contatto con la cultura italiana. Ciò la porta a individuare una sorta di processo mimetico che scatta con una ristretta selezione di autori di cui offre non solo traduzioni e saggi, ma anche ricostruzioni biografiche e storie (esempio più alto di questo scambio simpatetico è stata la Cvetaeva). In parallelo, al di là delle traduzioni e della saggistica, prende corpo anche una sorta di autoriflessione: il rapporto con il mondo slavo vissuto con la frequenza della passione e dell’amore, ma anche con la costanza della disciplina porta a narrazioni, dove lo sguardo dell’autrice alterna l’Italia e la Russia raccontando, costruendo e decostruendo la sua biografia intellettuale ma anche quella italiana letta finalmente al centro degli scambi internazionali. Una storia culturale tanto esemplare quanto avventurosa.
Dopo Serena Vitale sarà la volta di Roberto Paci Dalò che dall’11 al 12 novembre incrocerà gli studenti dell’Accademia di Belle Arti per una lezione/concerto, terrà una conferenza al Museo Nitsch e incontrerà i detenuti del Centro Penitenziario di Secondigliano. A seguire sarà Bianca Pitzorno a confrontarsi con il pubblico partenopeo con un doppio incontro alla Fondazione Quartieri Spagnoli “Foqus” il 25 novembre e, il giorno successivo, una lezione con gli ospiti della Casa circondariale di Poggioreale. Anche Paolo Poli farà tappa al Carcere di Secondigliano il 10 dicembre. Gli incontri pubblici saranno tutti introdotti e moderati dal giornalista e scrittore Piero Sorrentino.
La cerimonia finale è in programma venerdì 11 dicembre 2015 all’Auditorium della Rai di Napoli. In occasione della cerimonia, come ormai da prassi, la Fondazione Premio Napoli offre alla città uno spettacolo che vede coinvolto uno degli artisti insigniti (l’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti). Quest’anno, in via eccezionale, gli spettacoli saranno due. Ad aprire la serata sarà “Fronti”, di Roberto Paci Dalò che evoca atmosfere e tracce di un conflitto devastante, quello della Grande Guerra, in chiave singolare tra cori, musica elettronica dal vivo, estratti da film originali provenienti da rari materiali in pellicola dell’epoca. Chiuderà l’evento Paolo Poli con un uno dei suoi diverenti recital. A partire da quest’anno anche il Premio Napoli avrà una sua “statuetta” da consegnare ai vincitori: si tratta di “Partenope”, opera del maestro Quintino Scolavino. I manifesti saranno corredati quest’anno da un disegno di Carmine Rezzuti, anch’esso ispirato al tema della “sirena bicaudata”, diventata l’immagine simbolo del Premio. Cura la comunicazione visiva delle iniziative del Premio Napoli la fotografa Monica Biancardi. (foto: serena vitale)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »