Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘preoccupazione’

Ci si interroga con preoccupazione sul futuro

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 aprile 2020

Se non c’è uno scossone, un recupero di iniziative sensate, una progettualità politica, rischiamo di trovare, dopo le tragedie di questi giorni, enormi macerie economiche, sociali e istituzionali. Avremo difficoltà di rimuoverle se resisteranno le gestioni inadeguate della crisi pandemica, affrontata con insufficiente lucidità e scarso buon senso. Si dice che la gente ha risposto e il Paese ha trovato unità. Ci auguriamo che questo clima continui e che non si sia stato determinato solo dal terrore ma da un sentimento profondo. E’ mancata la guida politica. Le emergenze si gestiscono con la definizione delle responsabilità e con una funzionante catena comando. Ci siamo trovati, invece, con una “folla” di decreti del presidente del consiglio, di ordinanze ministeriali e innumerevoli atti delle regioni. Poi c’è stata una moltiplicazione di consulenti, di commissioni. Una pletora di organismi con un numero di componenti, quasi 500, sproporzionato e indecente. Commissario straordinario, protezione civile, comitato e le tante commissioni a livello ministeriale e delle regioni spesso non all’unisono. Ogni regione ha assunto proprie decisioni. E l’unità del Paese? E’ stata messa in discussione per la debole e quasi inesistente catena di comando a livello centrale. Dopo questo dramma si dovrà affrontare il tema della riforma del titolo V della Costituzione. Non è accettabile che un governo, con l’alibi dell’emergenza, con decreti presidenziali, regoli materie che investono la libertà e i diritti esautorando il Parlamento e violando la Costituzione. In ultimo le regioni non sono Stati in una Federazione. L’Italia non è una repubblica federale. Ci sono i presidenti delle giunte regionali e non i governatori. Questa figura è evocata con superficialità e sciatteria. Parlare ancora di regionalismo differenziato è un inganno. Bisogna rivedere le competenze delle regioni. Temi come la sanità’, ambiente, scuola debbono ritornare al centro. Impossessiamoci della politica. Oggi parlano in tanti di De Gasperi e quei tanti sono felicemente allocati in formazioni politiche che lo hanno contrastato (ricordiamoci il 18 aprile 1948) e dileggiato la Democrazia Cristiana. Ritroviamo i pensieri forti, le idee e scrolliamoci da un lungo presente senza passione e senza proiezioni culturali. (by Mario Tassone)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Autonomia: Cgil Cisl Uil, forte preoccupazione effetti su Beni Culturali

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 agosto 2019

Bonisoli preservi unitarietà del Mibac, no a deregolamentazione. “Fortissima preoccupazione per l’impatto dell’autonomia differenziata sulle attività oggi di competenza del Ministero per i Beni e le attività Culturali, bisogna preservare l’unitarietà del dicastero”. Ad affermarlo sono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Pa, in vista, fanno sapere, dell’annunciato vertice ristretto del Governo e delle regioni interessate con il Ministro Bonisoli avente come tema l’autonomia differenziata in materia di tutela, gestione e promozione dei beni culturali.Per i sindacati, l’autonomia differenziata sulle attività di competenza del Ministero “metterebbe in seria discussione il principio di unicità della gestione statale della tutela dei beni culturali, producendo uno strappo gravissimo, un precedente difficilmente giustificabile che apre un fase di deregolamentazione in un settore fondamentale per la crescita civile, sociale ed economica del nostro paese”.
Per queste ragioni, Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Pa, “nel condividere l’appello lanciato nei giorni scorsi dal Comitato per la Bellezza, auspicano che il Ministro Bonisoli sappia resistere al tentativo di sottrazione alla titolarità del Mibac di territori strategici per la gestione del nostro patrimonio culturale. In caso contrario si valuteranno tutte le iniziative conseguenti di mobilitazione e di protesta”, concludono.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

San Raffaele Roma: “Gruppo rispetti accordi sottoscritti”

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2011

“Chiediamo al Gruppo di tener fede agli accordi sottoscritti con la Regione Lazio a salvaguardia dei livelli assistenziali ed occupazionali delle strutture ospedaliere”. Lo dichiara il segretario Ugl Sanità Roma e Lazio, Antonio Cuozzo al termine dell’incontro di oggi presso il Ministero del Lavoro tra i vertici del San Raffaele e le parti sociali per l’espletamento della fase amministrativa della procedura di mobilità, ed evidenziando come “è ancora forte la preoccupazione tra i 1431 lavoratori che, nonostante siano in attesa che venga reso esecutivo l’accordo di riconversione firmato dalla Regione Lazio e dallo stesso management del Gruppo lo scorso 28 giugno, vedono il proprio posto di lavoro minacciato dalle dichiarazioni della direzione sulle sorti dell’intera rete ospedaliera”.“Il 19 luglio si terrà un nuovo incontro al Ministero del Lavoro – conclude il sindacalista – e per quella data speriamo davvero che si possano dare certezze ai lavoratori e ai degenti ricoverati nelle strutture”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Muoiano tutti in pace e così sia

Posted by fidest press agency su martedì, 16 novembre 2010

Lettera al direttore. Per me  il problema dell’esistenza di Dio non ha mai costituito  una grande preoccupazione, perlomeno per quanto riguarda la mia sorte dopo la morte. Sto tranquilla, perché nella mia vita ho sempre cercato di non far del male a nessuno, e quando ho potuto, ho cercato di fare del bene. Così, sono certa che se Dio esiste, una brava persona come me sarà accolta in paradiso a braccia aperte. Se Dio non esiste e quindi neppure l’anima, parimenti e forse a maggior ragione, non devo preoccuparmi di nulla, giacché neppure saprò d’essere morta (e come potrei?). A pensarci bene, una colpa forse ce l’ho. Ma siccome Dio dovrebbe essere misericordioso, perlomeno secondo i cristiani, sicuramente me la perdonerebbe. Ho sempre desiderato la morte, magari anche improvvisa, indolore, dei potenti cattivi della terra, ma anche dei cattivi non potenti,  di tutti i violenti in genere. Ho sempre pensato: se gli venisse un colpo, l’umanità ci guadagnerebbe, un po’ di sofferenza in meno sulla terra! Tiranni, guerrafondai, assassini, sfruttatori, torturatori, stupratori,  muoiano tutti in pace e così sia. (Elisa Merlo)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Esuberi del Banco Popolare

Posted by fidest press agency su sabato, 6 novembre 2010

Giorni fa si è  tenuto, a Verona, il 1° incontro sulla procedura dei 500 esuberi del Banco Popolare. Gli incontri proseguiranno anche oggi 5 novembre.  Il Segretario Generale della Falcri/Confsal Aleardo Pelacchi, in merito alla trattativa finalizzata ad ottenere risparmi strutturali di costo per circa 50 milioni di euro, sostiene che eventuali sacrifici dovranno essere equamente condivisi ed esprime profonda preoccupazione per il piano di ristrutturazione che mette in discussione il sistema di organizzazione su base multipolare.  La multipolarità  – prosegue Aleardo Pelacchi – in un efficiente sistema organizzativo, consente di dare risposte in termini occupazionali ai territori di riferimento e di maggior radicamento in un Gruppo bancario, specie se organizzato su base “federale”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abbuffata di additivi

Posted by fidest press agency su domenica, 22 agosto 2010

Negli ultimi dieci anni sono aumentati al ritmo del 4% all’anno. Sono i coloranti, i conservanti, gli antimicrobici e gli antiossidanti, gli esaltatori di sapore, gli agenti di rivestimento, gli aromi naturali e artificiali, gli stabilizzanti, i gelificanti, i lievitanti, gli emulsionanti gli acidificanti, insomma gli additivi alimentari, che in occasione delle vacanze estive i consumatori ingurgitano in quantità notevoli per via degli eccessi alimentari o anche di una alimentazione più permissiva nei menù dei ristoranti. Aumentano con il processo di industrializzazione dei prodotti alimentari e creano qualche preoccupazione perche’ sommati tra loro diventano responsabili dell’aumento del 5% delle allergie alimentari. Comunque un uso eccessivo degli additivi puo’ causare danni alla salute, poiche’ il potenziale effetto dannoso e’ in rapporto alla dose e al peso del consumatore e i primi a soffrirne sono i bambini, per l’uso di prodotti contenenti additivi e per il minor peso corporeo.
Qualche esempio serve a dare la dimensione del fenomeno: i nitrati e nitriti di sodio e potassio, contenuti nelle carni preparate (salumi, prosciutti, ecc), interferiscono con la presenza di vitamina A e B1 e possono modificare il funzionamento della tiroide; in particolare i nitriti possono trasformarsi in nitrosammine, composti cancerogeni. I solfiti, contenuti nei crostacei, nel vino, nella frutta secca e candita, funghi secchi, ecc., possono dar luogo a reazioni allergiche come le asme bronchiali e l’orticaria. I fosfati, contenuti in budini, gelati, latte concentrato, prosciutto cotto, possono determinare una insufficiente calcificazione delle ossa. Si potrebbe continuare per un bel po’ e il consiglio che possiamo dare ai consumatori e’ sempre lo stesso: consumare prodotti freschi (siamo il giardino d’Europa, perche’ dobbiamo mangiare le fragole a dicembre?), congelati o trattati con il calore (pastorizzazione), o che comunque non contengano additivi (meno la lista e’ lunga meglio è) (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ragionando sulle dichiarazioni di Bossi

Posted by fidest press agency su domenica, 15 agosto 2010

Bossi si dichiara scettico sulla possibilità che il contrasto Fini-Berlusconi possa risolversi senza ricorrere alle elezioni anticipate. E’ quanto emerge dall’ultima sua conversazione notturna con i giornalisti in un bar di un hotel di Ponte di Legno. La prima impressione che se ne trae, di là di una sicurezza di facciata, è l’evidente preoccupazione di conservare il primato della Lega nel rapporto con Berlusconi, un alleato che gli permette di tenere centrale il ruolo del suo partito e di favorirlo nel suo progetto politico che è privilegiato sino al punto da sacrificare gli stessi interessi e l’autonomia decisoria del Pdl. E’ ovvio, quindi, che altre soluzioni come quella di un eventuale governo di transizione, post berlusconiano, è fortemente osteggiato dalla Lega anche se a guidarlo potrebbe essere l’amico Tremonti. In altre parole il garante per la Lega è e resta Berlusconi. Sostituirlo significa ricacciare la lega ad un ruolo di secondo piano se non al suo inevitabile “esaurimento”. E su tale aspetto cerca di rincarare la dose su due punti: la maggioranza siamo noi, io e Berlusconi e i miei “uomini” sono fedeli e sicuri. D’altra parte una situazione di stallo sotto l’effetto della spada di Damocle di un’opposizione interna del Pdl impedirebbe a Berlusconi di assecondare in toto i desiderati della Lega e avere “un colpo di freno per tre anni…” Questo è il momento, per la Lega di consolidarsi sul territorio prendendo possesso delle stesse leve dell’economia incominciando dalle banche del Nord. Ecco cosa serve Berlusconi per la Lega: ad ampliare la sua base elettorale e ad assumere posizioni di controllo dell’economia e della finanza del Nord e che è poi un’arma che, al tempo stesso, può condizionare la restante parte del Paese. E la partita Fini-Berlusconi si gioca proprio su questo punto, di là della cortina fumogena degli scandali e delle rivelazioni. (A.R.)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stress legato al lavoro

Posted by fidest press agency su sabato, 5 giugno 2010

Come rivela l’indagine europea fra le imprese sui rischi nuovi ed emergenti (ESENER), quattro dirigenti europei su cinque esprimono le loro preoccupazioni in merito allo stress legato al lavoro, rendendo per le aziende (79%) lo stress sul lavoro altrettanto importante degli incidenti sul luogo di lavoro. Lo stress legato al lavoro è molto presente nei lavori in ambito sanitario e sociale (il 91% delle imprese lo considerano un elemento che causa una certa o forte preoccupazione) e in quello dell’istruzione (84%). Jukka Takala, direttore dell’EU-OSHA, in occasione della conferenza di Barcellona ha affermato che: “Nel pieno della crisi finanziaria, il 79% dei dirigenti europei esprime la propria preoccupazione per lo stress sul lavoro, già riconosciuto quale peso notevole sulla produttività europea”. “Ma nonostante gli alti livelli di preoccupazione, è senza dubbio allarmante che soltanto il 26% delle organizzazioni dell’UE abbia predisposto procedure per affrontare lo stress. L’indagine ESENER evidenzia quanto sia importante fornire un sostegno efficace perché le imprese affrontino lo stress. Ciò sarà fondamentale per garantirci una forza lavoro sana e produttiva necessaria per incrementare le prestazione e la competitività economiche europee”.
L’indagine rivela anche che il 42% dei rappresentanti dei dirigenti ritiene che affrontare i rischi psicosociali sia più difficile rispetto ad altre questioni legate alla sicurezza e alla salute. Stando ai risultati, la sensibilità del problema (53%) e la mancanza di consapevolezza (50%) rappresentano gli ostacoli principlali per affrontare efficacemente i problemi psicosociali. Il coinvolgimento dei lavoratori è un fattore chiave nella gestione della salute e della sicurezza

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’amore e il cardinale Poletto

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 febbraio 2010

Lettera al direttore. L’arcivescovo di Torino, cardinale Severino Poletto, a margine della cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario ecclesiastico, ha affermato: “I diritti dei singoli vanno tutelati, ma le unioni di fatto non devono essere equiparate alla famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna”.  Leggiamo questi due versetti di Matteo: “Quindi stese la mano sui suoi discepoli e disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli; chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, questi mi è fratello, sorella e madre»” (Mt 12, 49-50). Secondo il Signore “i legami naturali passano in seconda linea rispetto alla vera parentela che si forma tra coloro che fanno la volontà del Padre” (cf. Angelo Lancellotti, Nuovissima Versione della Bibbia, ed. Paoline). La preoccupazione di Gesù, a differenza del cardinale Poletto, era l’amore, ed è questo e solo questo che forma la vera famiglia. Mi dispiace per il cardinale. (Francesca Ribeiro)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In Italia un clima inquietante e pericoloso

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2009

“Il clima che in questi giorni si respira a Milano è torbido e inquietante. Dalle contestazioni durante le commemorazioni di piazza Fontana, all’aggressione al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, passando per l’ignobile gesto compiuto da chi ha messo alla berlina su internet le foto degli Operatori della Digos di Milano, invitando al linciaggio, fino ad arrivare al ritrovamento del pacco bomba di ieri.  Tutto troppo inquietante e pericoloso.”. Ad affermarlo è Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp – il Sindacato Indipendente di Polizia, che commenta con preoccupazione le vicende di cronaca di queste ultime ore. “Preoccupante – dice Maccari – che Milano sia tornata ad essere il centro di pericolosi focolai di violenza che, se ancora non può definirsi sistematica e organizzata, di certo ha trovato terreno fertile nelle pieghe negli strati di una società che sta facendo del malessere sociale una pericolosissima arma da usare contro lo Stato.  C’è una sorta di antistato – continua il Segretario Generale del Coisp – che sta provando a imporre le sue leggi perverse veicolandole attraverso motivazioni politiche che nulla hanno a che fare con il dibattito che, pure quando diventi serrato, deve essere contenuto nei canoni del rispetto”. “Da Operatori del Comparto Sicurezza – conclude Franco Maccari – siamo seriamente preoccupati e, senza voler avvelenare il clima né scendere in sterili polemiche, non possiamo esimerci dal ricordare al Governo che tali gesti non sono estemporanei e isolati, ma sono figli di una preparazione studiata da parte di chi vuole attaccare lo Stato di diritto. E, ribadiamo, non saranno né ronde né esercito a risolvere situazioni che rischiano di esplodere.  Solo l’investimento in sicurezza, che significa mettere in grado le Forze di Polizia di condurre indagini serrate, garantirà l’estirpazione di tutti quei mali che avvelenano in maniera subdola la convivenza civile.”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gelmini riceve le associazioni dei disabili

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2009

Roma 19 novembre. Subito dopo la riunione della Consulta delle Associazioni delle Persone con Disabilità del 4 novembre scorso presso il MIUR, i presenti avevano espresso forti perplessità circa l’ opportunità di proseguire la collaborazione con il Ministro.  La perdurante assenza di risposte da parte del mondo politico sull’attuale grave condizione della scuola pubblica italiana, che vede seriamente compromesso il processo di inclusione degli alunni con disabilità, è fonte di così grande preoccupazione per le Associazioni, che FAND e FISH, le federazioni più rappresentative del mondo della disabilità, hanno fatto fronte comune per chiedere un immediato e inderogabile incontro con il Ministro Gelmini. La risposta non si è fatta attendere. La richiesta congiunta della FAND e della FISH ha avuto quale esito la convocazione della Consulta delle Associazioni delle Persone con Disabilità ad un incontro con il Ministro Gelmini  per il 19 novembre. La Federazione tra le Associazioni Nazionali delle Persone con Disabilità e la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap hanno accolto con soddisfazione questa convocazione. Si augurano che, nel corso dell’incontro, il Ministro possa indicare soluzioni concrete per risolvere positivamente le emergenze che,  dall’inizio del nuovo anno scolastico, si pongono quali ostacoli per l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità. Le questioni più urgenti, che riguardano fra le altre, il numero degli alunni con disabilità inseriti nella stessa classe e il conseguente rischio di un ritorno alle classi differenziali, sono state già segnalate al Ministro Gelmini attraverso un documento a firma congiunta delle due Federazioni, FAND e FISH. Rispetto alle risposte che il Ministro dovrà fornire, vi è grande attesa da parte  di tutte le Associazioni aderenti alle Federazioni firmatarie e del mondo della disabilità. Nel  frattempo, le due Federazioni confermano una iniziativa per il 3 dicembre, Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Roma studenti contro la Gelmini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 settembre 2009

Numerosi studenti dell’Università La Sapienza di Roma hanno dimostrato la loro solidarietà ai precari delle scuole pubbliche accampandosi sul tetto dell’edificio con striscioni che denunciano la riduzione dei fondi destinati all’istruzione contenuta nel decreto Gelmini. Gli universitari, che si firmano << Coordinamento dei Collettivi della Sapienza>>,  hanno affermato che continueranno la loro protesta anche nei prossimi giorni per contestare i tagli di 8 miliardi di euro alla scuola e di un miliardo e mezzo all’università pubblica. Oscar Tortosa, vicesegretario per il Lazio dell’Italia dei Valori, ha dichiarato: “Continuo a nutrire grandi preoccupazioni per un governo che non fa altro che mortificare le aspirazioni dei precari e a tagliare i fondi per l’istruzione. Inoltre – prosegue l’esponente del partito guidato da Di Pietro – tutto il mio appoggio va ai giovani che hanno contestato il ddl Gelmini e mi auguro che in tutte le scuole nascano questi comitati di protesta. Si sta portando avanti l’idea di una scuola di regime che, affossata dai tagli ai fondi, manda a casa 1400 precari aggiungendo al problema economico anche una grande batosta alla dignità di tanti lavoratori. Qualcuno dovrebbe insegnare al nostro governo che i problemi non si risolvono in questo modo.”

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il motore dei cambiamenti

Posted by fidest press agency su martedì, 18 agosto 2009

Se partiamo dalla storia tormentata del Mediterraneo la visione che ne scaturisce a livello della finanza e dell’economia non può andare mai disgiunta dall’integrazione politica. E’ chiaro, infatti, che nell’attuale costruzione dell’Unione Europea la carenza della sua visione politica rischia di accendere conflitti e tensioni nella zona mediterranea, accentuando l’emarginazione. Sta proprio nell’Europa e, nello specifico, nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, riprendere in mano i destini di questo mare reinventando, in chiave moderna, le esperienze antiche di straordinaria cooperazione e di convivenza civile tra i popoli, in un nuovo sviluppo culturale, sociale ed economico. Questo è un motivo di preoccupazione non infondato. La nuova prospettiva, infatti, avviata a Barcellona non sembra abbia aperto a sufficienza le menti delle classi dirigenti dei paesi del mediterraneo sulla gravità e pericolosità delle tensioni e dei conflitti più o meno latenti presenti localmente, sulla possibilità di ancora più ingenti flussi migratori incentivati dagli enormi divari economici delle varie aree contigue ed aggravati dalla carenza delle varie prospettive occupazionali per le nuove generazioni.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La rivolta del Centro identificazione di Gradisca

Posted by fidest press agency su martedì, 11 agosto 2009

“Non vorremmo peccare di presunzione né tanto meno essere scambiati per uccelli del malagurio. Ma quello che è accaduto al Cie di Gradisca era prevedibile. E non solo. Questo è solo l’ennesimo episodio che si aggiunte ai tanti già successi ed a quelli che potrebbero ancora accadere. Esattamente come avevamo abbondantemente previsto”. Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, commenta gli episodi di violenza accaduti al Cie di Gradisca. La situazione – sempre secondo le informazioni riferite dalla Questura di Gorizia – è ora sotto controllo ed al momento, non desta particolari preoccupazioni.  “Ma questo non significa – dice Maccari – che la cosa ci debba far ignorare che i Centri di identificazione ed espulsione a volte possano trasformarsi in focolai di violenza che i nostri uomini sono costretti a fronteggiare in presenza di una situazione di scarsità di mezzi. Ci viene in mente una cosa che forse sembrerà banale, ma ci sembra anche la più sensata – continua Maccari – la legge sulla sicurezza che è entrata in vigore ieri e che che istituisce il reato di clandestinità, infatti, allunga i tempi di permanenza degli immigrati all’interno dei Centri d’identificazione ed espulsione da 60 fino a un massimo di 180 giorni: allora prima di fare la legge non era forse meglio sincerarsi delle condizioni di vivibilità dei Cie o magari trovarne e/o costruirne dei nuovi?”. “Crediamo che in tema di sicurezza il Governo stia navigando davvero a vista – conclude Maccari – speriamo solo che non vada a finire contro un iceberg frantumandosi in mille pezzi: a pagare le conseguenze di tutto ciò sarà sempre e solo la comunità intera”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

G8: Frattini contraddice Berlusconi

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2009

Nel giorno in cui Berlusconi riconosce i ritardi dell’Italia sugli stanziamenti per lo sviluppo e si impegna per un riallineamento, è preoccupante che il Ministro degli Esteri sorvoli sull’impegno fissato per il 2010 – che richiede invece interventi immediati – rinviando direttamente al 2015. ActionAid torna dunque a chiedere al Presidente del Consiglio di garantire personalmente sul raggiungimento del target del 0.51% APS/PIL entro il 2010, così come da impegni presi in sede europea e G8. Preoccupazione sollevano anche le parole del Ministro riguardo la sinergia pubblico-privato: gli impegni presi dai singoli stati in sede internazionale, sono e devono rimanere vincolanti per le istituzioni nazionali. Il ruolo del finanziamento privato è fondamentale ma non può essere assolutamente confuso con quello pubblico.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Legambiente boccia il nuovo porto di Imperia

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 luglio 2009

“E’ ora che i cittadini si riapproprino di un ruolo attivo nella vita politica comunale e provinciale per impedire gli scempi che deturpano il paesaggio e compromettono l’ambiente.” La responsabile dell’Italia dei Diritti per la provincia di Imperia Lorenza Garbolino manifesta la propria preoccupazione per il già realizzato porto nuovo della città, uno degli approdi più grandi della Liguria con oltre 1000 posti barca, definito da Legambiente ‘una mega speculazione con un danno pesante al territorio costiero e all’ambiente marino ‘. “La nostra terra – prosegue la Garbolino – è devastata dalla speculazione edilizia. Cosa aspettiamo a dire basta? E non è tutto, il report di Legambiente è chiarissimo: occupiamo il quarto posto nella classifica delle infrazioni e multe comminate per la pesca di frodo e altri reati connessi e non mancano segnali preoccupanti di infiltrazioni mafiose. Abbiamo bisogno – conclude l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – di politici capaci di tutelare noi e il nostro territorio. Dobbiamo mandare a casa tutti coloro che continuano a disporre del bene comune guidati dalla sola logica del profitto.”

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intesa politica MPA PDI

Posted by fidest press agency su domenica, 31 maggio 2009

E’ stata siglata presso la sede romana del MPA, un’intesa tra il Movimento di Raffaele Lombardo e il presidente del popolo degli italiani Giovanni Acelti.”L’accordo raggiunto – ha spiegato Acelti – rappresenta il primo passo verso una federazione tra i tre movimenti, legati dal forte impegno in difesa del federalismo, insieme a Lega Italia di Carlo Taormina . Ci accomuna – ha proseguito il leader del MPA – la voglia di cambiare realmente questa societa’ attraverso la valorizzazione delle autonomie e la ricostruzione di uno Stato moderno che sia davvero al servizio dei cittadini”.Popolo degli Italiani sosterra’ i candidati MPA, in corsa nella lista L’Autonomia, alle prossime elezioni Europee e amministrative del 6 e 7 giugno. Insieme nutriamo la preoccupazione per la crisi della democrazia che il nostro Paese sta vivendo a causa di uno strapotere personalizzato che invade tutti settori della politica.Riteniamo, quindi, che il federalismo e il radicamento nel territorio siano l’unica ancora di salvezza. Il primo riscontro di questa scelta oculata – ha concluso il presidente del Popolo degli Italiani Giovanni Acelti- sara’ dato dagli esiti della campagna elettorale per la quale ci impegneremo a sostegno dell MPA

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“5 per mille ai terremotati” : un terremoto nel terzo settore!

Posted by fidest press agency su martedì, 14 aprile 2009

“Il Ministro dell’Economia e Finanze Giulio Tremonti ha attivato presso il ministero le procedure per introdurre il terremoto dell’Abruzzo nell’elenco delle causali di destinazione del 5 per mille”. Senza contare che il principio della sussidiarietà consente al cittadino di devolvere  il 5 per mille  a un’organizzazione non profit, non  allo stato. La  notizia allarma il mondo delle Associazioni non profit, in particolare  le Associazioni che si occupano di sostegno a distanza, spesso di piccole dimensioni, cui  il 5 per mille é un  supporto importante e indispensabile per proseguire la propria attività, in Italia e nel mondo. “Chiediamo al Ministro  Tremonti – precisano i rappresentanti delle associazioni – di considerare la ricaduta negativa che avrebbe la sua attuale proposta e di ritirarla.  Invitiamo tutte le Associazioni che condividono la nostra preoccupazione a far proprio questo appello, a sottoscriverlo   e a diffonderlo attraverso tutti i canali possibili”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »