Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘preside’

Scuola – Incidente a un alunno, condanna definitiva in Cassazione per la preside

Posted by fidest press agency su sabato, 25 maggio 2019

La dirigente condannata per lesioni colpose gravi, per la caduta di un alunno da un balcone durante gli esami di Stato. Per Udir in questa sentenza è affermato un principio pericoloso: il DS è responsabile comunque sui temi di sicurezza indipendentemente dalle prove, dai fatti oggettivi e dalle evidenze.Sentenza definitiva per la dirigente scolastica del polo liceale di Sapri, per l’incidente a uno studente avvenuto a scuola nel 2011. La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso, confermando la sentenza di secondo grado e la preside è stata condannata, per lesioni colpose gravi, a un mese di reclusione, pena sospesa, col beneficio della non menzione nel certificato penale, e a una provvisionale di 15mila euro. «È una sentenza che deve preoccupare tutti i presidi d’Italia», afferma l’avvocato. «La mia assistista è stata condannata per fatti che sono avvenuti all’interno di un’area dell’edificio che non era nelle competenze della scuola ma della Provincia di Salerno e in un giorno in cui la stessa si trovava fuori Sapri per presiedere una commissione d’esame.»Per Udir questa sentenza afferma un principio molto pericoloso, ovvero che il dirigente scolastico è responsabile comunque sui temi di sicurezza indipendentemente dalle prove, dai fatti oggettivi e dalle evidenze. In questo caso come in molti altri il D.Lsg. 81/2008 presta il fianco a tutta la sua ottusità nel voler considerare il DS alla stregua di datore di lavoro e comunque di responsabile unico in tema di sicurezza. Ricordiamo come il sindacato da anni ormai lanci moniti su questo tema: il dirigente scolastico non è proprietario dell’immobile e nemmeno ha fondi sufficienti per poter intervenire, non è datore di lavoro nel senso esteso della parola e nemmeno può gestire strutture complesse come quelle scolastiche che spesso si estendono su più comuni, con tutte le difficoltà di controllo.Eppure la Cassazione e prima di lei due gradi di giudizio hanno ritenuto la dirigente scolastica, da tutti stimata per la sua precisione, operosità e correttezza, colpevole dei fatti e questo nonostante le evidenze dibattimentali che hanno provato che il ballatoio da cui era caduto il ragazzo non era di pertinenza della scuola. Questo deve allarmare sopra ogni cosa, perché una legge non può esser strutturata per ritenere colpevole al di sopra di ogni prova a discolpa.Ma il fatto che più sconcerta è come la responsabilità in carico al dirigente scolastico sia fortemente sbilanciata rispetto alle leve che ha per difendersi dall’eccessiva responsabilità che la legge stessa carica in seno al DS.Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir, afferma che “questa condanna non può che portare a un irrigidimento delle posizioni del sindacato che si vedrà costretto a dare indicazioni per l’eventuale chiusura degli istituti scolastici con problematiche legate alla sicurezza tramite segnalazione in prefettura; lo Stato non può colpire i suoi servitori senza dare gli strumenti per assolvere a quanto ottusamente le sue leggi richiedono”.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Preside superman: dirige 29 plessi, 3.200 alunni e 450 dipendenti

Posted by fidest press agency su domenica, 10 dicembre 2017

scuola-montagna-pianoIl dirigente scolastico si chiama Maurizio Driol: 59 anni, 26 di carriera direttiva prima in provincia di Pordenone e dal 2001 in servizio all’Istituto comprensivo di Sedegliano e Basiliano, in provincia di Udine, reggente per il quinto anno consecutivo di due istituti della provincia e dal 1° dicembre scorso anche di un terzo collocato in ulteriore Comune. Per riuscire ad assolvere le incombenze di una situazione a dir poco complessa, il dirigente esce di casa alle 8 del mattino e vi rientra alle 8 di sera.Il caso segnalato in Friuli non sorprende l’Anief: prima di tutto, centinaia di sedi scolastiche oggi non sarebbero scoperte se si fosse provveduto nel 2015 a svolgere il corso-concorso per sanare il contenzioso aperto della selezione del 2011, questione affrontata anche nei giorni scorsi dalla Commissione Bilancio del Senato; come se non bastasse, ci sono voluti due anni e mezzo per allestire l’attuale concorso a preside, con 2.450 posti messi a bando e 2.900 idonei da ammettere al corso di formazione.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Alla fine della fiera, si è organizzato un concorso pure con delle norme di ammissioni che lasciano molto a desiderare, perché il regolamento ha escluso i docenti precari, il personale neo-immesso in ruolo o di ruolo che non ha superato l’anno di prova. Noi ci siamo opposti e attraverso i giudici puntiamo ad allargare la selezione ai precari e alle altre categorie escluse. Non possiamo immaginare cosa potrà accadere tra otto mesi, quando a seguito dei pensionamenti e del mancato turn over, le reggenze con decine di plessi diventeranno la norma. Perché in questa situazione si troveranno 2.500 presidi. I quali dovranno fare i conti con tutte le necessità scolastiche, ad iniziare da quella della sicurezza degli istituti, metà dei quali costruiti prima degli anni Settanta. Il nostro sindacato, con Udir, aveva portato una serie di emendamenti alla Legge di Stabilità al Senato, dove sono stati respinti. Questa settimana ci abbiamo riprovato alla Camera. Se anche questi decadranno, la via giudiziaria diventerà l’unica percorribile.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso a preside, a giorni in Gazzetta Ufficiale

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 settembre 2017

scuola1Secondo le anticipazioni, gli interessati devono essere di ruolo in scuole statali (confermati dopo l’anno di prova, cioè immessi in ruolo almeno nel 2016-17). Non possono partecipare, quindi, docenti attualmente in servizio nella scuola paritaria. Nemmeno possono partecipare docenti al momento non di ruolo. Una delle novità di questa selezione è che potranno parteciparvi anche i docenti di ruolo che raggiungono i cinque anni con il servizio da precari. L’Anief non ci sta: il Miur dovrà spiegare ai giudici per quale motivo un docente precario laureato con cinque anni di anzianità di servizio, non debba mettersi in gioco e partecipare al concorso. Anche perché ci sono precedenti in tribunale, su casi analoghi, che reputano l’assunzione a tempo indeterminato non fondamentale per essere ammessi. Come quello del Tar Lazio che, con la sentenza 5011/2014, mai sospesa dal Consiglio di Stato, ha dato il via libera ai candidati alla precedente selezione. Anche in quell’occasione fu l’Anief a patrocinare la causa giudiziaria. Ed oggi il giovane sindacato ha già predisposto un nuovo ricorso, per le stesse motivazioni.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Al Miur sanno bene che a favore della partecipazione dei precari ai concorsi pubblici si è espressa anche la Corte di Giustizia europea con il procedimento C-177/10 dell’8 settembre 2011. Allo stesso modo, tuteleremo vicari, collaboratori, responsabili o fiduciari di plesso che hanno svolto questo ruolo per almeno tre anni anche non consecutivi, qualora il punteggio riservatogli non sia adeguato al lavoro profuso. Inoltre, sempre per i cosiddetti vice-presidi, è importante che sia riservato il 50% dei posti a bando. Così come nella quota riservata, inoltre, andrebbero collocati anche quegli aspiranti dirigenti scolastici che non sono stati ancora assorbiti a seguito della rinnovazione delle graduatorie del concorso bandito nel 2011.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola Emergenza reggenze: da settembre 2mila istituti senza preside

Posted by fidest press agency su domenica, 4 giugno 2017

Palermo-Panorama-bjs-2Se ne è parlato a Palermo, nel corso di un incontro svolto da rappresentanti della neonata associazione nazionale dei collaboratori dei dirigenti scolastici A.N.Co.Di.S. con i vertici dell’Anief: vicari e collaboratori lamentano il mancato riconoscimento giuridico e contrattuale per le attività ulteriori svolte rispetto a quanto previsto dal contratto senza avere alcun genere di riscontro salvo una diaria forfetaria annua. Eppure, solo grazie all’apporto di questi fac totum della scuola, infatti, i presidi possono organizzare e gestire la mole di responsabilità che la scuola dell’autonomia ha aumentato in maniera esponenziale. Inoltre, molti di loro, pure quando responsabili di un plesso scolastico, non sono esonerati dalle attività didattiche. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): non possiamo che condividere le richieste formulate dall’A.N.Co.Di.S., perché i collaboratori dei presidi nel corso degli ultimi anni sono stati progressivamente penalizzati. Dal 2010 non percepiscono più l’indennità di reggenza, a seguito dell’avvio della spending review adottata sui dipendenti pubblici. Con la Buona Scuola hanno perso anche l’esonero dal servizio di docenza, riuscendo questo a scattare solo in presenza (casuale) di un docente potenziatore della stessa classe di concorso del collaboratore del preside, individuato da quest’ultimo. È poi fondamentale che la loro preziosissima opera venga riconosciuta e inquadrata formalmente nell’ambito del ‘middle management’, di cui si parla da 20 anni senza che però nessuno abbia mai presentato una proposta concreta da condurre in porto.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dirigenti scolastici, è allarme rosso

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2016

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cScuola. A seguito dei prossimi pensionamenti, in diverse regioni nemmeno coperti dal turn over, il numero di scuole prive del proprio preside supererà quota 2mila. Come se non bastasse, in base alla Legge 107/15, questi istituti sarebbero dovuti essere affidati ai neo-assunti del ‘potenziamento’, privi di esperienza. Rimane, poi, ancora tutto da risolvere il problema dello sblocco del Fondo Unico per le retribuzioni di risultato e posizione: Anief-Dirigenti Scolastici ha calcolato che quell’importo doveva essere del 40% più grande, perché mancano all’appello 60 milioni di euro. Il sindacato, pertanto, conferma l’intenzione di impugnare in Tribunale il decreto di assegnazione del FUN, la cui sottoscrizione dovrebbe arrivare forse già in questa settimana.
Marcello Pacifico (presidente Anief-Cisal): nel prossimo anno scolastico, ci ritroveremo con una scuola su quattro scoperta. Con tutti i problemi di funzionamento che ne derivano. Intanto, continuano a mancare i commissari e i presidenti del concorso a cattedra: attendiamo che il Governo mantenga almeno la promessa di adeguare i compensi e rinnoviamo la proposta di spostare in avanti il calendario delle prove scritte.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Preside manager? No grazie

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 marzo 2015

scuola-pubblicaUna buccia di banana enorme attende dietro l’angolo la riforma della scuola voluta dal governo Renzi: non tutti i presidi, su cui loro scommettono, sono all’altezza del compito richiesto. Quando poi i docenti si accorgeranno che 35 milioni dei loro scatti se ne andranno per arrotondare i già pingui stipendi dei dirigenti scolastici e altri 200 milioni finiranno a favore dei loro protégé, spiace dirlo, ma il governo rischierà da vicino l’effetto noto come “Berlinguer e il concorsone”.A essere sinceri, di dirigenti scolastici capaci e preparati ce ne sono e molti, ma non sono pochi neppure quelli che si arroccano sulle cose che non sanno e, forti della loro inadeguatezza, mettono a ferro e fuoco le scuole loro affidate. Sono cose sapute e risapute, nelle scuole e nei Provveditorati (e pure negli USR e magari anche al Ministero). Come è successo, che da una categoria di galantuomini (e ovviamente gentildonne) ferrei e preparati, tutti dediti alla scuola, forse non molto aperti al dialogo, ma comunque attenti a rispettare il ruolo di chi seriamente si pone nei confronti della scuola, si sia scivolati nel volgere di pochi anni in troppe situazioni di arbitrio totale? Indubbiamente, enormi carichi di responsabilità sono stati posti sulle spalle di chi ha fatto il concorso principalmente per insegnare: sicurezza, privacy, contrattazione sindacale, gestione del personale, tutti con gravosi carichi di lavoro nonché con annesse pesanti sanzioni. Poi c’è il fattore stipendio: troppo appetibile per non suscitare legittime ambizioni.
Insomma: Presidi manager? NO, grazie. Per far viaggiare su gambe sicure LaBuonaScuola di Renzi, occorrono professionisti appassionati di scuola con una preparazione mirata, più che dei managers gestionali; una radicale riduzione dei loro compiti amministrativi e il contenimento della dimensione degli istituti, specie di quelli comprensivi, dove coesistono tre ordini di scuola. Ricordiamo la proposta di un limite massimo di 1200 alunni, che nella consultazione LBS ha ricevuto un buon numero di ‘mi piace’.
”Come Associazione di genitori siamo molto preoccupati –afferma Rita Manzani Di Goro, presidente di A.Ge. Toscana- Si moltiplicano nelle scuole i casi di palese illegittimità e di pari passo le ritorsioni nei confronti dei genitori che osano chiedere il rispetto delle regole. E il fatto che la riforma della scuola sia contenuta in una proposta di legge che, dopo una settimana che è stata approvata dal governo, ancora nessuno conosce, e che si vogliano regolare aspetti fondamentali come il testo unico della scuola e gli organi collegiali tramite decreto, presumibilmente altrettanto blindato, certo non ci rassicura”. Abbiamo notizia che negli ultimi mesi in Toscana due ottimi Presidenti di Consiglio d’istituto si sono dimessi “in quanto non esistevano più le condizioni di una serena collaborazione con il dirigente scolastico”, che non li riceveva, non rispondeva alle loro comunicazioni e faceva quello che meglio riteneva opportuno, invadendo anche competenze altrui.In un’altra scuola, i genitori hanno chiesto di aprire una prima classe elementare a 40 ore invece di 36 e si sono sentiti rispondere picche. La dirigente, da noi contattata per far garbatamente notare che la loro consuetudine di avere classi di primaria a 36 ore è in violazione della normativa (riforma Gelmini), ha ammesso l’illegittimità della situazione, ma ha risposto che le maestre si rivolterebbero vedendosi assegnare una classe a 40 ore (infatti adesso hanno il venerdì pomeriggio libero), che lei è solo reggente e che farà quello che ritiene opportuno. Quando poi è stata inviata una protesta scritta, sono state messe in giro voci secondo cui, proprio per colpa di quei genitori, l’anno prossimo si avranno una classe a 40 ore e una a 32 (che non esiste), suscitando lo scontento generale. In una scuola media in cui il Consiglio d’istituto ha deliberato (a maggioranza e contro il parere del dirigente) di ampliare le classi di spagnolo, mantenendone però alcune di francese, è partito un attacco sui media locali e un consistente numero di docenti ha contestato con una lettera al Consiglio l’illegittimità di tutte le delibere a partire dall’aprile del 2013, quando è stata effettuata una surroga errata, invece delle elezioni suppletive. I genitori intravedono la mano del dirigente scolastico, riconoscono le sue espressioni tipiche, ma ci permettiamo di dissentire: quale dirigente di buon senso si auto-accuserebbe di aver sbagliato un adempimento, inficiando ben due bilanci e due conti consuntivi (senza parlare dei criteri del POF, delle liste d’attesa e della contrattazione d’istituto), quando era lui in persona quello tenuto a vigilare?“E’ urgente rivedere la riforma, aprire un serio dibattito all’interno della scuola –conclude Di Goro- in modo che buone iniziative (come l’organico funzionale, la riduzione delle ‘classi pollaio’, l’introduzione nella primaria di insegnanti di inglese madrelingua o specialisti e di professori di educazione fisica e di musica, gli investimenti sulla scuola) non vadano in malora insieme ad altre scelte assai meno felici”.

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presidi davanti alle Prefetture

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 novembre 2010

18 novembre in concomitanza con l’incontro al Ministero del Lavoro. L’Unione Sindacale di Base Lavoro Privato chiama alla mobilitazione il personale ATA ex-Lsu della Scuola contro i licenziamenti, per il prepensionamento e per la reinternalizzazione del servizio di pulizia tramite l’assunzione diretta dei lavoratori da parte del Ministero della Pubblica Istruzione. La riapertura delle procedure per il licenziamento collettivo sta per espellere dalla scuola circa 14.000 lavoratori ATA ex-Lsu. La politica governativa di tagli alla Scuola e le difficoltà a reperire di anno in anno i fondi per i servizi, evidenziano ancor più il fallimento della linea di Cgil Cisl e Uil le quali hanno ostacolato la vera stabilizzazione degli ex-Lsu puntando su appalti che ogni anno hanno difficoltà di rifinanziamento. Secondo USB, la vera soluzione sta nella migliore gestione dei servizi accompagnata dalla loro reinternalizzazione, che porterebbe sia ad un risparmio economico sia a dare vere certezze a lavoratori da anni impegnati nelle scuole e ai quali sono già stati tolti diritti e opportunità. Per tali ragioni USB, in concomitanza con l’incontro sulla vertenza fissato al Ministero del Lavoro, indice per giovedì 18 novembre presìdi davanti alle Prefetture di: Napoli, Bari, Potenza, Frosinone, Cagliari, dalle ore 9.30. A Roma i lavoratori si concentreranno davanti alla sede del Ministero del Lavoro, in Via Fornovo 8, alle ore 10.00.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo preside facoltà medicina veterinaria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 maggio 2010

Parma. Si sono svolte le elezioni per il rinnovo della carica di Preside della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Parma. Su 73 aventi diritto al voto hanno votato in 71. La maggioranza richiesta in questa prima giornata di votazioni era di 37 voti. La Commissione elettorale, presieduta dal Decano della Facoltà di Medicina Veterinaria, Prof. Cesidio Filippo Flammini, ha comunicato il seguente risultato: Prof. Attilio Corradi 55 Prof. Paolo Borghetti 1 Prof. Paolo Martelli 1 Prof. Enrico Parmigiani 1 Schede bianche 13 Il Prof. Attilio Corradi, docente ordinario di Anatomia patologica veterinaria, è stato quindi riconfermato nella carica che ha ricoperto nel quadriennio 2006-10, e resterà in carica per il quadriennio 2010-20

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Laurea honoris causa a Gheddafi

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2009

Dichiarazione di Antonella Casu, Segretaria di Radicali italiani e candidata per la Lista Bonino-Pannella nella circoscrizione isole per le europee del 6-7 giugno prossimi “563 professori universitari hanno già sottoscritto il nostro appello che chiede al Senato accademico dell’Università di Sassari di non dar seguito alla proposta di conferire la laurea honoris causa in giurisprudenza al colonnello Gheddafi. Allo stesso tempo decine di iniziative spontanee di docenti sassaresi e non hanno rafforzato il fronte di chi pratica l’onestà intellettuale contro le accondiscendenze di Regime. Conferire la massima onorificenza accademica italiana a un leader non democratico sarebbe una ferita alla tradizione e reputazione dell’Università italiana nonché un elogio della dittatura! Auspichiamo che il preside della facoltà di legge di Sassari, forte delle motivazioni espresse da un così consistente numero di colleghi, decida di soprassedere. Invieremo l’appello con la lista dei sottoscrittori per conoscenza anche al Rettore dell’Università di Sassari e ai ministri Gelmini e Frattini a cui tre settimane fa i Senatori Radicali hanno rivolto un’interrogazione parlamentare che ancora attende risposta”. L’elenco completo dei firmatari è disponibile sul sito http://www.radicali.it

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »