Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘previsioni’

Padova: Pericolo ozono

Posted by fidest press agency su martedì, 12 luglio 2011

Padova Soglia di informazione ozono superata oggi alla Mandria, 200 µg/m³ di veleni. Ed è il terzo giorno con il 27 giugno e il 4 luglio che il Comune mantiene un assoluto silenzio. Non c’è obbligo di legge che tenga: la sua pagina web è ferma ai dati del 29 giugno. Se poi seguiamo le indicazioni del sito del Comune e andiamo a leggere le previsioni Arpav ci dicono che il bollettino ozono è sospeso dal settembre 2010. Le blande misure contro l’inquinamento atmosferico che il Comune di Padova adotta nel periodo invernale si fermano ad aprile. Come se di colpo i veleni nell’aria sparissero col sole dell’estate. Ed invece l’ozono è un inquinante molto pericoloso e le sue concentrazioni dipendono fortemente dalle condizioni atmosferiche, oltre che dalla presenza di sostanze inquinanti prodotte da varie sorgenti tra veicoli a motore, industrie, processi di combustione. Gli effetti acuti per esposizioni a breve termine dell’ozono sono modificazione della funzionalità polmonare, aumentata reattività delle vie respiratorie, esacerbazioni dell’asma nelle persone suscettibili che fanno attività fisica e infiammazioni delle vie aeree. La soglia di informazione viene raggiunta quando almeno una delle centraline di rilevamento della qualità dell’aria registra una concentrazione di ozono nell’aria di 180 microgrammi al metro cubo e si chiama soglia di informazione o di allarme proprio perché, quando viene superata, le autorità cittadine hanno l’obbligo di informare la popolazione su: data, luogo, ora e durata in cui si è verificato tale superamento; possibile evoluzione del fenomeno; gruppi di popolazioni a rischio; possibili effetti sulla salute e sulle precauzioni da adottare per prevenire eventuali danni alla salute.
In città ci sono molte scuole, tra primarie e dell’infanzia e ci sono i centri estivi del Comune e quelli organizzati dalle parrocchie e dalle associazioni, luoghi in cui i bambini sono spesso impegnati in attività fisiche intense all’aperto nelle ore in cui si manifestano i massimi livelli di ozono, dalle ore 13/14 alle ore 18. Lo sanno i genitori che i loro bambini a causa della maggior frequenza degli atti respiratori inalano quantità maggiori di inquinanti e hanno anche maggiori probabilità di sviluppare l’asma o altre malattie respiratorie. L’asma è la malattia cronica più comune nei bambini e può essere aggravata dall’esposizione ad ozono. Ci rivolgiamo, nuovamente, all’amministrazione comunale affinchè emetta una ordinanza rivolta ai dirigenti dei centri estivi pubblici e privati affinchè sia evitata l’esposizione alle alte concentrazioni di ozono ai bambini, che hanno il diritto di vivere in un ambiente sano. (Maria Grazia Lucchiari ADUC)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il lavoro non decolla

Posted by fidest press agency su domenica, 10 luglio 2011

Tra luglio e settembre le maggiori opportunità per chi in Italia è in cerca di lavoro sembrano provenire dal settore Finanziario e Servizi alle Imprese e da quello Ristoranti e Hotel, secondo quanto emerso dall’indagine trimestrale di Manpower sulle Previsioni Occupazionali. L’ottimismo già espresso dai datori di lavoro di questi due comparti nel secondo trimestre dell’anno continua infatti nei prossimi tre mesi con previsioni che si rafforzano ulteriormente.Sono le uniche prospettive confortanti di una situazione occupazionale generale del Paese che sembra continuare a soffrire gli effetti di una ripresa incerta e a macchia di leopardo, che spinge le aziende alla massima prudenza nell’assumere nuovo personale. In otto dei dieci comparti oggetto dell’indagine i datori di lavoro esprimono infatti intenzioni di assunzione con segno negativo per questo terzo trimestre dell’anno, determinando un andamento complessivo dell’occupazione che frena ulteriormente il passo rispetto al già debole secondo trimestre appena concluso. A seguito degli aggiustamenti stagionali, la Previsione Netta sull’Occupazione raggiunge quota -5%, in flessione di 2 punti percentuali rispetto ai tre mesi precedenti, seppur in miglioramento di 4 punti percentuali dal confronto con lo stesso periodo del 2010.
Intenzioni di assunzione in ribasso in tutte le quattro macroaree geografiche d’Italia, in particolare nel Nord Ovest e nel Sud e Isole dove la Previsione scende in entrambi i casi fino a toccare quota -11%. Mentre i datori di lavoro del Centro Italia esprimono per il trimestre a venire discordanti intenzioni di assunzione che determinano una Previsione pari a 0%, stabile rispetto ai tre mesi precedenti e in leggera crescita dal confronto con il 2010. Nel Nord Est le aziende intervistate fanno registrare una Previsione che si attesta a -1%, mantenendo una sostanziale stabilità rispetto al secondo trimestre dell’anno ma anche un lieve miglioramento rispetto a un anno fa.
Tra i dieci settori industriali presi in esame dall’indagine, i datori di lavoro del comparto Finanziario, Assicurativo, Immobiliare e Servizi alle Imprese e quello Ristoranti e Hotel sono gli unici del Paese a esprimere intenzioni di assunzione con segno positivo per il trimestre a venire, con una Previsione che per entrambi si attesta su un confortante +7%. In particolare, la Previsione per il settore Finanziario e Servizi alle Imprese migliora leggermente da un trimestre all’altro e in maniera considerevole rispetto allo stesso periodo del 2010, facendo registrare il quinto trimestre consecutivo di progressiva crescita delle prospettive di occupazione. Incremento che viene riportato anche dai datori di lavoro del comparto Ristoranti e Hotel con una Previsione che migliora lievemente rispetto ai tre mesi precedenti e notevolmente il rispetto al terzo trimestre del 2010.
Il maggior pessimismo proviene invece dai datori di lavoro del settore Trasporti e Comunicazioni con una Previsione che scende a quota -16%, in considerevole calo sia sul trimestre che sull’anno precedenti. Anche i datori di lavoro del compartoManifatturiero prospettano un andamento decisamente rallentato delle assunzioni con una Previsione pari a -11%, mentre quella del settore Commercio all’Ingrosso e al Dettaglio raggiunge quota -10%.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autovie venete: previsioni traffico

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 luglio 2011

Scuole chiuse, vacanze in arrivo, traffico in aumento anche sulla rete autostradale. Per questo primo week end di luglio, le previsioni di Autovie Venete segnalano traffico sostenuto, fin da oggi (venerdì 1 luglio) in particolare sulla A4 Venezia Trieste in entrambe le direzioni di marcia, con un’intensificazione del flusso veicolare nelle ore serali. Possibili rallentamenti alla barriera di Trieste Lisert e sulla A23 Palmanova Udine Sud, in direzione Palmanova. Bollino rosso per sabato 2 luglio, con traffico intenso sulla A4 Venezia Trieste in direzione Trieste e possibili code ai caselli di Latisana, San Donà di Piave e San Stino di Livenza. Anche sulla A23 Palmanova Udine Sud è previsto un incremento del flusso sia in direzione Palmanova sia verso Tarvisio durante tutta la giornata. Rallentamenti, in serata, sulla A4 Venezia Trieste. Più fluido il flusso previsto per domenica 3 luglio, con traffico ancora sostenuto sulla A4 Venezia Trieste in entrambe le direzioni di marcia, con possibili rallentamenti alla barriera di Trieste Lisert e, per quanto riguarda la A23 Palmanova Udine Sud, in prossimità del bivio con la A4. Al traffico di rientro, infatti, si aggiunge quello dei pendolari diretto principalmente verso le località balneari della costa. Divieto di transito per i mezzi pesanti, sia sabato sia domenica dalle 7 del mattino alle 24,00. Il calendario con le previsioni del traffico è consultabile sulla home page del sito di Autovie Venete (www.autovie.it). I giorni della settimana sono caratterizzati da colori diversi: giallo per il traffico sostenuto; rosso per il traffico intenso; nero per il traffico critico. Inoltre cliccando sulle giornate contrassegnate da uno di questi tre colori, si aprirà una finestra con i dettagli del traffico previsto per quella data. Autovie Venete raccomanda agli utenti di informarsi prima di partire, di mantenere uno stile di guida corretto e di rispettare le norme del codice della strada, in particolare il mantenimento della distanza di sicurezza. La trasgressione di questa regola, infatti, rappresenta la causa principale dei tamponamenti.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Inps più ricca

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2011

Aumenta la riscossione contributiva da parte dell’INPS che ha portato quasi due miliardi in più nelle casse dell’ente nei soli primi cinque mesi dell’anno. Il dato preciso, circa 1,9 miliardi di euro, infatti, si riferisce all’aumento delle riscossioni correnti nel periodo gennaio-maggio 2011. Nella sola prima parte dell’anno solare, sono stati riscossi contributi per un importo globale pari a 51,8 miliardi di euro, a fronte dei 49,9 miliardi dello stesso periodo del 2010. Un incremento percentuale pari al 3,8%. Al di sopra anche delle previsioni, quindi, l’incremento degli incassi che nel bilancio preventivo erano stimati pari a +1,5% rispetto all’anno precedente. L’incremento degli incassi della contribuzione rispetto al 2010 arriva al + 4,7% per le aziende e il +3,8% per i co.co.pro. Se si sommano anche gli incassi derivanti dal recupero dal lavoro nero e dall’evasione contributiva nei primi cinque mesi del 2011, l’Inps ha incassato poco meno di 54 miliardi di euro, contro i 52,1 dello stesso periodo del 2010. Alla luce di tali dati, Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” coglie l’occasione per ricordare che le sanzioni in vigore per chi omette di versare i contributi sono pesanti perchè i datori di lavoro che continuano a perseverare in tali prassi ledono i diritti fondamentali dei lavoratori. Ricordiamo, infatti, che se il datore di lavoro omette o ritarda la comunicazione obbligatoria all’Inps, deve pagare una sanzione amministrativa alla Direzione Provinciale del Lavoro che va da 200 a 500 euro per ogni lavoratore di cui non si è comunicata l’assunzione. In caso di mancata iscrizione del lavoratore domestico all’Inps, sempre la direzione provinciale del Lavoro può applicare al datore di lavoro una sanzione che va da 1.500 euro a 12.000 euro per ciascun lavoratore “in nero”, maggiorata di 150 euro per ciascuna giornata di lavoro effettivo, cumulabile con le altre sanzioni amministrative e civili previste contro il lavoro nero. Nel caso di “lavoro nero” (lavoratore assunto senza Comunicazione e senza iscrizione all’Inps) la legge prevede che, per l’omesso pagamento dei contributi di ogni lavoratore, il datore di lavoro debba pagare le sanzioni civili al tasso del 30 per cento in base annua calcolate sull’importo dei contributi evasi con un massimo del 60 per cento ed un minimo di 3.000 euro, indipendentemente dalla durata della prestazione lavorativa accertata.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europa: Previsioni di primavera 2011-12

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 Mag 2011

L’economia dell’Ue è avviata verso un ulteriore consolidamento della propria graduale ripresa, con prospettive per il 2011 che appaiono leggermente migliori di quanto si fosse previsto in autunno. Il Pil dovrebbe aumentare dell’1¾ per cento circa quest’anno e di quasi il 2 per cento nel 2012. Questo quadro è confortato dalle migliorate prospettive per l’economia mondiale e dal complessivo miglioramento del sentimento delle imprese nell’UE A L’inflazione, tuttavia, cresce più rapidamente, rispecchiando l’aumento dei prezzi delle materie prime. L’inflazione complessiva dovrebbe mantenersi in media attorno al 3 per cento nell’Ue e al 2½ per cento nell’area dell’euro quest’anno, prima di scendere a circa l’1 per cento e all’1¾ per cento rispettivamente nel 2012 A Nel contempo, le condizioni del mercato del lavoro dovrebbero migliorare lentamente nel prossimo futuro * È previsto un calo del tasso di disoccupazione di ½ punto percentuale a poco più del 9 per cento e al 9 ¾ per cento nell’Ue e nell’area dell’euro entro il 2012 A Il consolidamento di bilancio sta progredendo, mentre il disavanzo pubblico è destinato a scendere a circa il 3¾ per cento del Pil entro il 2012. Le prospettive, tuttavia, continuano a essere notevolmente diverse per i singoli Stati membri. (fonte Buon Giorno Impresa)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Famiglie: previsioni spese 2011

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 dicembre 2010

Gli ultimi dati Istat evidenziano che le retribuzioni si sono mosse in linea con l’inflazione (+1,7%), mentre l’aumento delle pensioni è leggermente superiore all’1%. Aumenti insufficienti a bilanciare gli aumenti ben più consistenti che si preannunciano sia  per il carrello della spesa che per le principali tariffe.
•    Carrello della spesa Molti fornitori hanno richiesto alla distribuzione aumenti dei propri listini attorno al +4/+5%. Aumenti all’ingrosso che rischiano di essere trasferiti al carrello della spesa (nonostante il calo dei consumi!) con aggravi che possono oscillare dai 200 ai 300 euro.
•    Bollette luce e gas Si riduce per la luce e aumenta per il gas. Può sembrare una contraddizione, ma questa è la realtà. Le ragioni si chiamano concorrenza. Nel settore dell’elettricità da dicembre 2009 a dicembre 2010 il costo della bolletta elettrica si è ridotto del 6,5%, al contrario di quanto è avvenuto per il gas dove nello stesso periodo la bolletta è aumentata dell’11%.  Considerato che la famiglia spende mediamente dai 200 a 350 euro per l’elettricità e dagli 800 ai 1500 euro per il riscaldamento, è da prevedere un aggravio di spesa che può oscillare dagli 80 ai 150 euro.
•    Carburanti L’aumento nei 12 mesi per la benzina e per il gasolio è stato di 16 cent/litro. Poiché ogni veicolo consuma mediamente 1000 litri l’anno e in ogni famiglia ci sono 1-2 veicoli ciò implica una previsione di maggiore spesa di circa 150-250 euro/anno.
•    Assicurazioni Aumenti consistenti sull’Rc auto sono in corso già da alcuni mesi. La situazione è differenziata in relazione al territorio, al veicolo, all’età del conducente, ecc.. In media gli aumenti sono attorno a +10/+15% che rapportato ad un premio medio di circa 550 euro per 1-2 veicoli per famiglia implica una previsione di maggior spesa dai 50 ai 150 euro. Per i giovani il costo medio è invece di oltre il doppio.
•    Acqua e rifiuti Molte sono le segnalazioni di aumenti consistenti sia della tariffa dell’acqua che di quella dei rifiuti con aumenti anche del 20-30% giustificati dal fatto che la tariffa era ferma da alcuni anni o dai nuovi costi della differenziata. Poiché la spesa media per l’acqua è di 200 euro/anno con oscillazioni che vanno dai 100 ai 300 euro a seconda delle città e analoga situazione è quella dei rifiuti urbani, gli aumenti prevedibili possono oscillare da zero dove non ci sono variazioni ai 50 euro.
•    Autostrade e autovie Previsti aumenti anche per Autostrade. Anche in questo caso gli aumenti sono molto differenziati: dal 2 al 20%. Ricordiamo inoltre che l’Anas ha preannunciato aumenti per le c.d. autovie di raccordo fra le autostrade e le circonvallazioni. Ipotizzando una spesa media dai 100 ai 300 euro annui a famiglia, l’aumento può essere quindi dai 2 euro ai 10 euro.
•    Ferrovie Anche per il trasporto ferroviario in particolare per i pendolari sono stati preannunciati aumenti dell’ordine del 20-25%. Aumenti che dovranno essere concordati con le Regioni e quindi anche in questo caso la realtà sarà molto differenziata. Prevedendo anche in questo caso una spesa dai 50 ai 150 euro, la maggior spesa prevedibile per il 2011 potrà essere dai 10 ai 30 euro.
•    Multe Mentre gli indici a favore di chi lavora sono stati aboliti, non così è per lo Stato. Tutte le multe del Codice della Strada aumenteranno del 3,5%.
•    Canone Rai L’aumento sarà di 1,5 euro, passando così dagli attuali 109 a 110,5 euro.
Una maggiore spesa per le famiglie può oscillare dai 500 ai 1000 euro, aumenti che, per il segretario Generale di Adiconsum Paolo Landi, avranno un’incidenza molto differenziata sulle famiglie: più pesanti per i pensionati dove il recupero si limita ad aumenti delle pensioni poco più dell’1% e per i monoreddito. In mancanza di provvedimenti le differenze sociali tenderanno ad aumentare come pure il livello di povertà.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governo si andrà al voto: dichiarazione Rotondi

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 dicembre 2010

“La mia previsione? Si andrà alle elezioni perché fortunatamente noi non siamo come la sinistra. Se cadiamo, si va al voto”. Lo ha detto il ministro per l’attuazione al Programma Gianfranco Rotondi intervenuto a “24 Mattino” su Radio 24. Rotondi ha fatto un paragone con la caduta di Prodi del 2006: “In una situazione analoga il presidente della Camera Bertinotti fece cadere Prodi. Se la sinistra allora andava al voto, i cittadini magari dicevano ‘Bertinotti si è stancato, noi no’. Anche perché il primo governo Prodi aveva ottenuto risultati, siamo entrati nell’euro, non eravamo in una fase in cui la sinistra perdeva le elezioni. Ma hanno fatto l’errore già a quel tempo e da allora non ‘toccano più palla’. Noi questo errore non lo faremo. Se cadiamo, si va al voto”.  Rotondi ha aggiunto: “Quando alcuni parlamentari eletti sotto il simbolo ‘Berlusconi presidente’ a metà legislatura dicono Berlusconi a casa, la conseguenza più probabile è che Berlusconi vada a casa ma quella ancora più probabile è che si vada alle elezioni”. Per il ministro il responsabile della crisi è Fini e lo ha indicato rispondendo a una domanda sulle accuse di ‘compravendita’ di parlamentari in vista del 14 dicembre: “I parlamentari sono tutti uguali e i voti mai come in questo caso si contano, non si pesano – ha detto il ministro -. La celebrità non è un valore e visto che a gettare il Paese nella tragedia è stata una celebrità politica, Fini, viva i parlamentari semplici. La scelta di Fini ha come conseguenza la crisi politica che, intrecciandosi con quella economica e internazionale, dà la misura di come la classe politica a volte si chiuda occhi e orecchie”.
Infine le polemiche sul suicidio di Mario Monicelli e il dibattito che ne è scaturito in Parlamento. Rotondi, senza criticarlo, commenta così le parole di Napolitano che ha parlato di ‘scelta di Monicelli da rispettare’: “Il presidente Napolitano, a cui voglio notoriamente molto bene, ha fatto l’intervento più forte della sua presidenza. Non mi permetto di giudicarlo, ma è sicuramente il più forte della sua presidenza” ha detto a Radio 24 che ha aggiunto: “Bisognava stare tutti zitti. Io ho solo contestato la rottura del silenzio. Invece del silenzio si è usata la morte di Monicelli per elogiare il suicidio. Il suicidio è un reato, tant’è che c’è il reato di istigazione al suicidio, dunque nessuno ha il diritto di togliersi la vita”. (da marialuisa.chioda ilsole24ore.com)

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Crisi di Governo al Quirinale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 novembre 2010

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha ricevuto i presidenti della Camera e del Senato per verificare la continuità, o meno, dell’attività parlamentare messa in crisi dopo le dimissioni presentate dai ministri di Futuro e Libertà.  Di fronte a  tale situazione, la soluzione auspicata dal PDL, riunitosi ad Arcore, è quella di andare avanti per ultimare i lavori sulla finanziaria e sul federalismo. Nelle previsioni della maggioranza, un’altra possibilità è data dallo scioglimento della Camera e dalla convocazione delle elezioni qualora il Governo ottenga  il via libera dal Senato. In caso contrario, si potrebbe verificare ciò che invece spera l’opposizione, ovvero la mozione di sfiducia e la fine del berlusconismo.
“Quello che stiamo osservando negli ultimi mesi è inaudito, dichiara Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti, analizzando la crisi politica in cui versa il Paese.  “Alle problematiche inerenti a una maggioranza ormai incapace di governare – prosegue Soldà – si aggiungono  le richieste degli italiani i quali chiedono una nuova legge elettorale, che in questi ultimi anni è mancata, inibendo, così, la scelta della preferenza parlamentare ed eliminando di fatto quel rapporto storico tra cittadini-elettori e parlamento. Per non portare danni alla macchina dello stato bisognerebbe approvare prima il patto di stabilità, che tutti vogliamo, ma subito dopo il voto.”
Il dibattito sulla crisi si terrà il 13 dicembre prossimo e vedrà impegnati, contestualmente,entrambi i rami del parlamento. L’agenda dei lavori prevede che la mattina del 13 il presidente del Consiglio si presenterà al Senato e nel pomeriggio farà la stessa cosa alla camera mentre il giorno successivo il parlamento si pronuncerà sul voto di fiducia all’esecutivo.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Better, serie A: Previsioni

Posted by fidest press agency su sabato, 16 ottobre 2010

Settima giornata del campionato di serie A. Ecco le quote Better. Si parte con gli anticipi di sabato: alle 18, il Milan (a 1,45) contro il Chievo (a 7,75) cerca i tre punti che, in coincidenza con altri risultati, potrebbero proiettarla in testa alla classifica. Alle 20:45 la Roma (a 1,85) vuole uscire dalla crisi di risultati e cerca la vittoria contro il Genoa (a 4,25). Domenica s’inizia alle 12:30 con il Cagliari (a 4,25) che vuole sfruttare la situazione di un’Inter (a 1,90) con diversi calciatori infortunati. Alle ore 15 le altre partite. Il derby del sud tra il Catania (a 2,75) e il Napoli (a 2,60). Il derby romagnolo-emiliano tra il Cesena (a 2,50) e il Parma (a 2,85). Il neo promosso Brescia (a 2,45), dopo due sconfitte consecutive, cerca punti contro l’Udinese (a 2,85). La Juventus (a 1,35) e il Palermo (a 1,65), in casa, vorranno esercitare la loro supremazia tecnica contro il Lecce (a 9,50) e il Bologna (a 5,50). Match molto interessante al Ferraris di Genova tra la Sampdoria (a 2,10) di Di Carlo e la Fiorentina (a 3,50) di Mihajlović. Chiude la settima giornata il posticipo serale, equilibrato e spettacolare, tra l’entusiasmante Bari (a 2,55) e la capolista Lazio (a 2,80).  Ecco tutte le quote elaborate e proposte da Lottomatica Scommesse:
Data    Campionato di serie A 2010-11                    1         X        2
16.10 ore 18.00    MILAN     CHIEVO                    1,45    4,00    7,75
16.10 ore 20.45    ROMA    GENOA                      1,85    3,40    4,25
17.10 ore 12.30    CAGLIARI    INTER                  4,25    3,25    1,90
17.10 ore 15.00    BRESCIA    UDINESE              2,45    3,20    2,85
17.10 ore 15.00    CATANIA    NAPOLI                 2,75    3,10    2,60
17.10 ore 15.00    CESENA    PARMA                  2,50    3,15    2,85
17.10 ore 15.00    JUVENTUS    LECCE               1,35    4,50    9,50
17.10 ore 15.00    PALERMO    BOLOGNA           1,65    3,55    5,50
17.10 ore 15.00    SAMPDORIA    FIORENTINA    2,10    3,25    3,50
17.10 ore 20.45    BARI     LAZIO                         2,55    3,10    2,80

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La lezione della pandemia

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 ottobre 2010

In concomitanza dell’inizio della prossima campagna vaccinale, non si può ignorare il flop della campagna vaccinale antipandemico ed in particolare gli errori di valutazione della pandemia con le conseguente erronee indicazioni da parte dell’OMS: Con la risoluzione 1749 del 24/6/2010 il Consiglio d’Europa  ha fortemente stigmatizzato il comportamento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in merito alla gestione della recente pandemia influenzale criticandola per avere mal giudicato il grado di contagiosità e di gravità del virus A/H1N1, per avere espresso previsioni assolutamente sbagliate in merito alla morbilità ed alla mortalità, per aver fatto sperperare ai governi denaro pubblico per l’acquisto di vaccini dimostratisi inutili,per aver procurato insomma un allarme ingiustificato distogliendo fondi, personale e tempo ad altre priorità in materia di sanità pubblica. Eppure vi erano segnali che avrebbero dovuto indurre maggior prudenza come la benignità delle epidemie nell’emisfero australe ( ad es. in Australia ed in Argentina) durante la nostra primavera del 2009 ( loro inverno) ed il fatto che  a circolare fosse un H1N1, geneticamente non troppo dissimile dagli atri H1N1 circolanti durante le epidemie influenzali stagionali. In Italia il numero di vaccini acquistati dal nostro Governo è stato di  20.912.580, di cui solo 867.556 utilizzati. Oltre 20 milioni di vaccini, per altro consegnati in grave ritardo dall’Azienda farmaceutica che si aggiudicò l’ordine, sono andati e andranno al macero.
La risoluzione 1749/2010 ha segnalato la presenza di conflitti di interesse in coloro che all’interno dell’OMS hanno gestito la pandemia. Non è sfuggito a nessuno che il dr Stohr, che si sbilanciò nella previsione di milioni di morti sia stato immediatamente assunto dalla Novartis a Basilea o che il vaccino promosso nei paesi africani fosse sia stato di origine cinese, paese che esprime con Margaret Chan la carica più alta all’interno dell’OMS.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bcc CrediFriuli: previsioni

Posted by fidest press agency su domenica, 26 settembre 2010

Reagisce alla crisi meglio delle previsioni la Bcc CrediFriuli, secondo i dati semestrali appena messi a punto. A giugno 2010, infatti, l’utile netto ammonta complessivamente a 1,891 milioni di euro, con un patrimonio di vigilanza che, a seguito di tale risultato, si attesta a 91 milioni di euro. La raccolta diretta è passata da 602 a circa 622 milioni di euro, con una crescita, rispetto ai 12 mesi precedenti, del 3,2 per cento. Entrando nel dettaglio degli aggregati, si è assistito soprattutto a una forte crescita dei conti correnti passivi, aumentati di oltre 40 milioni (+15,2 per cento), così come il cosiddetto risparmio gestito che, se a giugno 2009, rappresentava il 41,6 per cento dell’intera raccolta indiretta, ora è risalito al 42,8 per cento. Anche nel comparto degli impieghi, nonostante il forte calo della domanda di credito sia da parte delle imprese che delle famiglie, i risultati ottenuti vedono tale aggregato passare da 454 a circa 481 milioni di euro, con un miglioramento di quasi 27 milioni (pari al 5,9 per cento), con un incremento dei mutui di circa 12 milioni (+3,7 per cento). Tale crescita testimonia la costante presenza della banca a sostegno delle famiglie e delle imprese anche nei momenti di difficoltà, in netta controtendenza rispetto alla generale contrazione registrata nel restante sistema bancario. Ai tradizionali impieghi si sono altresì affiancate diverse azioni a sostegno dei settori più colpiti dalla crisi: dall’anticipazione della cassa integrazione a iniziative speciali di sostegno alla liquidità aziendale; alla moratoria sui mutui casa e, più recentemente, alla fornitura di garanzie sussidiarie per il sostegno del capitale circolante delle imprese agricole, singole o associate. «I risultati conseguiti fin qui – afferma il presidente Luciano Sartoretti – consentono a CrediFriuli di guardare al futuro con ragionevole ottimismo permettendogli di proseguire con una certa serenità nei programmi di consolidamento ed espansione che prevedono anche l’apertura di nuovi sportelli nei primi mesi del 2011».   CrediFriuli, oggi, è la Bcc del Friuli Venezia Giulia più diffusa sul territorio con 33 sportelli aperti in 29 comuni, 4.100 soci e 164 dipendenti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Consumi: Le previsioni di spesa per le famiglie

Posted by fidest press agency su domenica, 5 settembre 2010

Passate le ferie si guarda all’autunno e in assenza di provvedimenti economici, la ripresa legata alle sole esportazioni resterà debole e ancora più deboli resteranno i consumi gravati dalla pesante disoccupazione e dalla cassa integrazione. Adiconsum tuttavia non condivide le previsioni allarmistiche di maggior spesa delle famiglie (stimate in più di 1.000 euro) fatte da alcune associazioni. Previsioni che finiscono per essere funzionali solo a coloro che sono alla ricerca di qualche alibi per aumenti ingiustificati. Tuttavia Adiconsum ritiene che le previsioni per le famiglie siano di una maggior spesa nella scuola e nei servizi locali.
1.   Scuola: la maggiore spesa è dovuta alla mancanza di un tetto di spesa per i libri di testo e alla richiesta del c.d. contributo volontario (dai 150 ai 300 euro) il cui pagamento viene oramai vincolato all’iscrizione.
2.   Tariffe dei servizi pubblici locali (acqua, rifiuti, trasporti, asili): la maggior spesa è dovuta al taglio dei trasferimenti statali delle risorse agli enti locali con richieste, da parte di questi ultimi, di aumenti a due cifre,  nonostante l’inflazione sia ancora sotto il 2%.
Inoltre occorrerà vigilare sul prezzo dei prodotti derivati del grano per impedire eventuali speculazioni a seguito degli incendi occorsi in Russia.
Per l’autunno, quindi – conclude Paolo Landi, Segretario generale Adiconsum –  non ci sono da aspettarsi riprese significative, in quanto il livello di povertà degli italiani è cresciuto sia al nord che al sud e al momento mancano, né a breve sono previsti, provvedimenti di rilancio economico da parte del Governo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Veneto: piccola impresa e occupazione

Posted by fidest press agency su sabato, 28 agosto 2010

La piccola impresa veneta ha ridotto dello 0,5% l’occupazione impiegata nel primo semestre del 2010, con il comparto edile ad evidenziare le maggiori flessioni tra tutti i settori di attività: -2,6%. Anche la richiesta di manodopera straniera è in calo (-1,5%) e le previsioni per la seconda parte dell’anno non promettono ancora nullo di buono: -0,7% l’andamento dell’occupazione che si registrerà a livello complessivo e -1,2% quello degli stranieri. Questi alcuni dei risultati dell’indagine semestrale sull’occupazione nelle piccole imprese venete condotta dalla Fondazione Leone Moressa riferita ai primi sei mesi del 2010 e che ha coinvolto 900 imprese venete con meno di 19 addetti.
Come il sistema Veneto, anche la piccola impresa mostra dei segnali negativi in termini occupazionali. In particolare, si stima come nella prima parte del 2010 il numero di occupati in queste aziende sia calato del -0,5%. Le maggiori difficoltà sono state evidenziate nei settori dell’edilizia dove il calo è stato del -2,6%, mentre la manifattura e i servizi alle persone, pur mostrano variazioni negative, hanno fatto segnare, rispettivamente, il -0,1% e il -0,2%. Unico segnale positivo proviene dai servizi alle imprese dove addirittura il numero di occupati è aumentato nei primi sei mesi del 2010 dello 0,7%.
Anche la richiesta di manodopera straniera è in calo: sebbene su livelli molto più contenuti rispetto alla precedente indagine congiunturale, nella prima parte del 2010 gli stranieri occupati nelle piccole imprese venete sono calati del -1,5%. E’ il settore dei servizi alle imprese ad aver ridotto di più il numero dei lavoratori immigrati (-5,2%), seguito dall’edilizia (-4,2%) e dai servizi alle persone (-3,0%). Opposte le indicazioni che provengono dal settore manifatturiero che nel periodo in esame ha incrementato il numero degli stranieri dell’1,9%. Per quanto riguarda le previsioni per la fine dell’anno, si dovrà aspettare ancora del tempo per vedere un segnale positivo, dal momento che gli operatori del settore ipotizzano un calo ulteriore della manodopera occupata nell’ordine del -0,7%. Sarà ancora una volta l’edilizia a veder ridotta la numerosità occupazionale (-1,2%) insieme alla produzione (-1,1%). Anche per la componente straniera si registra un’ulteriore contrazione del -1,2% a livello generale, che si farà più evidente, ancora una volta, nell’edilizia (-3,3%) e nella manifattura (-1,2%).
La piccola impresa, che fa parte integrante della struttura produttiva veneta, risente dell’impatto negativo della crisi che si è tradotto in una forte ripercussione sulle dinamiche occupazionali a livello regionale. Grazie ai dati Excelsior-Unioncamere si può evidenziare come nel 2010 saranno le imprese di più piccola dimensione (fino a 9 dipendenti) a registrare le maggiori emorragie occupazionali (-2,3%), specie a Rovigo (-4,7%), Treviso (-4,5%) e Belluno (-3,2%). Rispetto ai primi sei mesi del 2009, nel primo semestre 2010 sono aumentate del 27,9% le aperture di crisi aziendali (Veneto Lavoro) e sono incrementate del 152,4% le ore di cassa integrazione autorizzate. Osservando i dati Istat nei primi tre mesi del 2010 l’unico settore ad aver incrementato il numero dei propri occupati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, sono i servizi (+7,1%), mentre la manifattura, il commercio e le costruzioni hanno segnato, rispettivamente, il -6,5%, il -1,1% e il -0,6%.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Previsioni traffico per il week end 23-25 luglio

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 luglio 2010

Per il prossimo fine settimana dal 23 al 25 luglio 2010, sulla rete autostradale gestita da Autovie Venete, è previsto un consistente aumento del traffico
Venerdì  23 Luglio: traffico intenso per i primi flussi turistici di esodo verso le località balneari dell’Alto Adriatico, in entrambe le direzioni sulla A4 Venezia – Trieste,  particolarmente più sostenuto il traffico in direzione Trieste anche per i mezzi pesanti diretto oltre confine, con possibili rallentamenti in uscita alla barriera di Trieste Lisert durante il pomeriggio e la serata. Traffico sostenuto anche sulla A23 Palmanova Tarvisio verso il confine con l’Austria.
Sabato 24 Luglio: traffico molto intenso lungo la A4 Venezia – Trieste in entrambe le direzioni con rallentamenti e code in uscita, soprattutto durante la mattinata e il primo pomeriggio, alla barriera Trieste – Lisert. Rallentamenti previsti anche ai caselli di Latisana, San Stino di Livenza, San Donà di Piave e Portogruaro per i turisti diretti verso la costa. Traffico intenso, con possibili attese superiori alla norma, durante tutta la mattinata, in entrata  ai caselli di Latisana e San Stino di Livenza.  Sulla A23 in entrambe le direzioni traffico intenso per tutta la giornata con possibili rallentamenti nei pressi dell’interconnessione con la A4 Venezia Trieste.  Divieto di circolazione per i mezzi pesanti di massa superiore alle 7,5 tonn dalle ore 7 alle ore 23.
Domenica 25 Luglio: traffico sostenuto in entrambe le direzioni sulla A4 Venezia – Trieste con possibili intensificazioni del traffico in uscita alla barriera di Trieste Lisert e ai caselli di Latisana, San Stino di Livenza e San Donà di Piave, in particolare durante la mattinata, per gli spostamenti locali verso le spiagge. Durante la prima serata intensificazione del traffico con possibili rallentamenti in uscita alla barriera Trieste Lisert e in direzione dei principali centri del Friuli Venezia Giulia e del Veneto
Divieto di circolazione per i mezzi pesanti di massa superiore alle 7,5 tonn dalle ore 7 alle ore 24.Qualsiasi informazione sulla situazione del traffico sulla rete di Autovie Venete è sempre disponibile, 24 ore su 24, chiamando il numero telefonico 89.24.89 (a pagamento), gestito dal Centro Informativo Viaggiando, da dove gli Operatori rispondono alle richieste dei viaggiatori, oppure chiamando il centralino di Autovie Venete (0432 925 111 o 040 31 89 111), collegato al risponditore automatico che fornisce le informazioni sul traffico aggiornate in tempo reale.
Tutte le informazioni, sono pubblicate sul sito internet http://www.autovie.it, dove è stata predisposta la rappresentazione grafica degli eventi principali sulla cartografia digitale interattiva. Disponibili on line anche i percorsi alternativi.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Previsioni traffico: Autovie Venete

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 luglio 2010

Traffico intenso durante il prossimo weekend, sulla A4 Venezia Trieste e sulla A23 Palmanova Tarvisio in entrambe le direzioni. Gli spostamenti di chi va in vacanza, ormai, caratterizzeranno tutti i fine settimana estivi. Particolarmente sostenuti i transiti verso le località turistiche e balneari di Veneto e Friuli Venezia Giulia e il confine di stato della Slovenia. Il divieto di transito per i mezzi pesanti (di massa complessiva superiore alle 7,5 tonnellate) entra in vigore da sabato 10 luglio dalle ore 7 fino alle ore 23 e domenica 11 luglio dalle ore 7 alle ore 24. Già nella giornata di venerdì 9 luglio, il traffico si presenterà intenso sulla A4 Venezia Trieste, soprattutto in direzione Trieste con possibili rallentamenti in uscita alla barriera di Trieste Lisert (durante il pomeriggio e la sera). Sabato 10 luglio flusso veicolare sostenuto lungo l’intera A4 Venezia Trieste in entrambe le direzioni. Potranno verificarsi dei rallentamenti in uscita e in entrata ai caselli di Latisana, S.Stino di Livenza e attese superiori alla media in uscita ai piazzali si stazione di S.Donà di Piave, Portogruaro e la barriera di Trieste Lisert. Previsto traffico intenso anche per domenica 11 luglio sia sulla A4 Venezia Trieste, sia sulla A23 Palmanova Tarvisio in entrambe le direzioni di marcia, con possibili rallentamenti in uscita ai caselli di Latisana, S.Stino di Livenza, S.Donà di Piave e alla barriera di Trieste Lisert. Autovie Venete raccomanda agli utenti di mantenere uno stile di guida corretto e di rispettare le norme del codice della strada, in particolare  il mantenimento della distanza di sicurezza. La trasgressione di questa regola, infatti, rappresenta la causa principale dei tamponamenti.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autovie venete: cantieri e previsioni traffico

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Ultimi cantieri aperti lungo l’autostrada prima dello stop estivo. Dal primo luglio, infatti,  rimarranno attivi solo i cantieri inamovibili e quelli legati a interventi d’urgenza. Per quanto riguarda questo fine settimana, nella notte tra domenica 27 e  lunedì 28  è in programma il passaggio di un trasporto eccezionale. Si tratta di una fresa, molto pesante  movimentata da un autoarticolato lungo 26 metri il cui ingombro complessivo è di 6 metri e 80, mentre il peso complessivo è di 96 tonnellate.  Il trasporto eccezionale entrerà a mezzanotte al casello di Latisana e proseguirà lungo la A4 Venezia-Trieste per poi dirigersi verso Tarvisio lungo la A23 a una velocità non superiore ai 40 chilometri orari. Possibili rallentamenti, quindi, potranno verificarsi lungo la tratta autostradale interessata. Prosegue la potatura della siepe centrale lungo la A4 Venezia-Trieste.
Questa settimana, il tratto interessato dai lavori, effettuati in orario notturno (dalle ore 21 alle ore 6 del mattino) è quello compreso tra Latisana e S. Giorgio di Nogaro in entrambe le direzioni. Il cantiere mobile, che in caso di criticità verrà sospeso, comporterà la chiusura delle corsie di sorpasso. Ancora in corso, sulla A4 Venezia-Trieste,  i lavori di dismissione della vecchia barriera di Roncade.  Dal nodo con la A57 tangenziale di Mestre a S.Donà di Piave, sia in direzione Trieste che in direzione Venezia, le corsie sono a larghezza ridotta. Lungo la A57 tangenziale di Mestre, infine, ancora attivo il cantiere per lo smantellamento di una vecchia corsia della  A4. Il cantiere comporta la chiusura della corsia di sorpasso della bretella d’innesto che, dal Casello di Venezia Est porta in A4. La carreggiata non più utilizzata e ora esterna all’autostrada, verrà dismessa entro la metà di luglio.
Primo fine settimana estivo e primo traffico “da vacanza” sulla rete autostradale di Autovie Venete, anche se gli spostamenti, come sempre, saranno influenzati dalle condizioni metereologiche, soprattutto per quanto riguarda i flussi diretti verso le località turistiche del Veneto e del  Friuli Venezia Giulia. Per venerdì 25 giugno, sulla A4 Venezia Trieste, in direzione Venezia (in mattinata) e in direzione Trieste (verso sera) è previsto flusso veicolare sostenuto (anche per l’arrivo dei turisti sloveni che in patria festeggiano l’indipendenza nazionale), che andrà intensificandosi ulteriormente sabato 26 giugno, lungo l’intera A4, in particolar modo in direzione  Possibili rallentamenti lungo i nodi  delle interconnessioni autostradali e in uscita alla barriera di Trieste Lisert e al casello di Latisana (in mattinata).  Incremento dei transiti anche sulla A23 Palmanova Tarvisio, soprattutto tra Udine Sud e il bivio con la A4, in entrambe le direzioni. Domenica 27 giugno, traffico locale intenso soprattutto nelle prime ore del mattino e nelle ore serali, con possibili rallentamenti ai caselli di San Stino di Livenza, San Donà di Piave, Latisana e alla barriera di Trieste Lisert.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Turismo e meteorologia

Posted by fidest press agency su martedì, 8 giugno 2010

Milano Marittima 18 giugno alle ore 20.45, presso il Centro Congressi in Via Jelenia Gora, convegno dedicato al rapporto sempre più stretto che si è venuto a creare fra mondo del turismo e le vicende meteorologiche. Ospiti della serata, il Colonnello Mario Giuliacci del Centro EPSON Meteo e Pierluigi Randi di Meteoromagna.  “Il turismo degli anni 2000, e l’economia del suo settore, sono condizionati in maniera importante dalle condizioni meteorologiche” – spiega Biondi Claudio organizzatore dell’incontro – “oggi la vacanza media è composta dai giorni di una settimana, o addirittura dal solo weekend, è quindi logico che la sua pianificazione passi attraverso ad una attenta consultazione delle previsioni meteo, nella speranza che il bel tempo sia un gradito compagno di viaggio.  E’ quindi facile intuire quale “responsabilità” viene attribuita ai meteorologi quando il servizio di previsioni non rispecchia la realtà dei fatti.” Il Colonnello Mario Giuliacci e Pierluigi Randi, saranno lieti di illustrare al pubblico, in modo sobrio ed efficace, le ultime evidenze scientifiche, utili per comprendere meglio il complesso mondo della meteorologia.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Latterie friulane

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 Mag 2010

Bilancio in tenuta per Latterie Friulane, in un anno particolarmente difficile: il fatturato si è ridotto dell’8,75% (attestandosi su 66,687 mln di Euro), ma è stata mantenuta la positività dei conti e, soprattutto, è stata garantita una buona liquidazione del prezzo del latte alla stalla: 0,3586 euro per litro, più Iva (in Lombardia: 0,32 euro più Iva). Il lavoro della più importante impresa agroalimentare del Friuli Venezia Giulia, nel 2009 si è sviluppato in una situazione di mercato particolarmente instabile. A fronte di una diminuzione della produzione italiana di latte pari all’1%, i consumi hanno subito una riduzione del 12,1% con un calo conseguente del prezzo del latte alle aziende e del formaggio, Montasio compreso (-7% su base annua sul prodotto a due mesi). Le previsioni per il 2010 non sono migliori. Le vendite degli alimentari continuano a calare come pure il prezzo del Montasio, mentre i conferimenti dei soci sono in sensibile crescita. Nel 2009, con 225 collaboratori, il consorzio cooperativo ha lavorato 780.766 ettolitri di latte (conferiti da 250 allevatori regionali) e ha esportato prodotti finiti per un valore pari al 7,2% del proprio fatturato (in Austria e Russia, principalmente). Lo yogurt di Latterie Friulane continua a essere apprezzato dai consumatori e cresce del 5,63%.  Intervenendo ai lavori assembleari, quale unico rappresentante sindacale di diritto, il presidente di Confcooperative Fvg, Franco Bosio, ha detto: «Il problema vero non è se la filiera è lunga o corta, l’importante è che sia una filiera efficiente ai fini della remunerazione del prodotto. Il ruolo delle organizzazioni di rappresentanza – ha sottolineato Bosio – deve essere quello di difendere il reddito degli allevatori mantenendo alto il prezzo del latte, con tutti i mezzi a disposizione».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ibm e il traffico di Stoccolma

Posted by fidest press agency su sabato, 17 aprile 2010

IBM ha collaborato con la città di Stoccolma per monitorare il flusso di traffico durante le ore di punta. Il sistema di gestione degli ingorghi ha ridotto il traffico nella capitale svedese del 20%, ha quasi dimezzato i tempi medi di percorrenza, ha diminuito la quantità di emissioni del 10%, mentre la percentuale di veicoli ecologici esenti da imposta è salita al 9%.Inoltre, IBM ha annunciato una nuova versione del suo software di analitica in streaming, che comprende un potenziamento della velocità di elaborazione fino a tre volte e l’analisi predittiva in tempo reale per i dati in transito. La nuova versione comprende funzionalità di analitica predittiva, che consente alle organizzazioni di effettuare predizioni e rilevazioni in tempo reale, basate sui dati in transito. L’analitica predittiva consente alle organizzazioni di comprendere meglio e di prevedere il comportamento futuro, nonché di rispondere a domande come quale parte di un veicolo ha la maggiore probabilità di guastarsi, dove saranno commessi reati in un dato momento della giornata, qual è la probabilità che un paziente abbia un infarto durante un intervento chirurgico? Poiché i modelli predittivi possono essere direttamente applicati a enormi volumi di dati in InfoSphere Streams, si genera un’analisi in tempo reale e si determinano i probabili esiti nel giro di secondi e minuti.Il software di analitica in streaming fa parte di un investimento IBM da 12 miliardi di dollari, per la creazione di un portafoglio di analitica che comprende innovazione organica e acquisizioni. Inoltre, IBM ha riunito 4.000 consulenti di analitica con competenza del settore e ha aperto una rete di sette centri di eccellenza nell’analitica.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Angola: Previsioni d’investimento 2010

Posted by fidest press agency su sabato, 17 aprile 2010

Il Programma esecutivo per l’industria di trasformazione in Angola lanciato lo scorso anno, nonostante la crisi economica, ha rilevato previsioni d’investimento per il 2010 che superano l’iniziale stima globale fissata in US$ 8,7 bilioni. “Il sottoprogramma riguardante la sostituzione competitiva d’importazioni – rivela il Segretario  di Stato dell’Industria Kiala Ngone Gabriel – e la stima delle esportazioni, la cui spesa d’investimento è stata rivista in US$ 4,11 bilioni, oggi supera, in termini di progetti proposti, gli US$ 6 bilioni”.  “Sono appena rientrato da Lunda Norte; – continua Kiala Ngone Gabriel – portavo 22 progetti dell’ordine di US$ 171 milioni e sono tornato, dopo due giorni, con 24 progetti per un ammontare complessivo di US$ 180 milioni. La mia presenza ha fatto sì che altri promotori si presentassero. E anche queste cifre risultano già obsolete”.  E’ con queste parole che il Segretario di Stato sottolinea  l’importanza di questa azione di sensibilizzazione e della dinamica del programma. “Ci stiamo impegnando – anticipa – sulla qualità dei processi e perciò abbiamo creato un’unità tecnica di valutazione del programma. La crisi non ha colpito, anzi, contrariamente alle aspettative, l’interesse per il programma, che intende modificare nel Paese il panorama dell’industria di trasformazione, riduce le importazioni e stimola le esportazioni”.
“Stiamo dibattendo – continua il Segretario Gabriel – con gli altri ministeri per cercare una versione di tariffa doganale che soddisfi le parti. Ad oggi non abbiamo ancora trovato una soluzione ottimale. E’ impossibile accontentare tutti. La crisi dell’economia internazionale non potrà non riflettersi sull’andamento del programma e, pertanto, obiettivo del Governo è che il settore si sviluppi ad un ritmo nell’ordine del 25%, al di sopra del 10-11% registrato in questo periodo”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »