Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘priorità’

Salute Mentale e priorità

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 marzo 2019

Napoli. La Società Italiana di Psichiatria (SIP) in collaborazione con la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO), il Coordinamento Toscano delle Associazioni per la Salute Mentale e la Fondazione Progetto Itaca Onlus, si sono confrontati a Napoli con i rappresentanti di diverse Regioni sullo stato dell’arte dell’assistenza dei pazienti affetti da disturbi mentali con l’obiettivo di definire una serie di azioni da attuare in stretta collaborazione con il Ministero della Salute.“Già nel 2017 avevamo le idee chiare – spiega Enrico Zanalda, Presidente della Società Italiana di Psichiatria – il nostro obiettivo era sensibilizzare le Istituzioni sull’emergenza rappresentata dalle malattie psichiatriche. Lo abbiamo fatto mettendo a punto la Carta della Salute Mentale, che è stata presa in considerazione nel modo corretto, considerato che a gennaio il Ministero della Salute ha istituito un tavolo ministeriale dedicato a questa tematica al quale anche la Società Italiana di Psichiatria è stata invitata a far parte”.La Carta della Salute Mentale è figlia di due Risoluzioni (WHA65.4 e WHA66.8) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha predisposto un Piano d’azione globale per la salute mentale 2013-2020. Obiettivo: sollecitare gli Stati Membri ad adottarlo, a intraprendere le dovute azioni programmatiche e a stanziare le necessarie risorse.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Riscatto laurea: Per il M5S deve essere una priorità del governo per estenderne i benefici

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 febbraio 2019

“Dobbiamo occuparci di una generazione dimenticata dalla vecchia politica, che ha conseguito un titolo di studio a fronte di grandi sacrifici e che oggi dobbiamo permetterle di riscattare”, lo afferma la sottosegretaria all’economia Laura Castelli, nell’ambito di un incontro svoltosi stamattina a palazzo Chigi, insieme al sottosegretario all’istruzione Salvatore Giuliano, con il Coordinamento Nazionale Riscatta Laurea.
L’incontro è avvenuto a seguito dell’approvazione in consiglio dei ministri del decreto 28 gennaio 2019, n. 4 “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni”, che nei prossimi giorni arriverà in aula al Senato.
“Il Governo del Cambiamento non riforma dall’alto ma trasforma con un processo che parte dal basso, partecipato. Il riscatto della laurea ai fini pensionistici è un diritto e va trattato nell’ambito di un più ampio e generale ripensamento della formazione superiore nel nostro Paese”, dichiara Giuliano.
“È stato un momento di confronto significativo”, proseguono i sottosegretari, “tanti i temi affrontati: dall’esigenza di rivalutare il ruolo della laurea, a quella di trasformare la metodologia didattica di Scuola e Università, favorendo un migliore orientamento per la scelta degli studi e del lavoro”.
Sul tavolo alcune richieste specifiche da parte dei promotori del Coordinamento per i quali il Governo ha dimostrato la massima apertura: l’estensione della rateizzazione del riscatto della laurea da 60 a 120 mesi, l’abolizione del limite d’età a 45 anni per i beneficiari delle agevolazioni e l’inclusione tra questi degli studenti lavoratori (che la norma già prevede per chi si è laureato dopo il 1996).
“Siamo soddisfatti dell’incontro e dell’attenzione mostrata da parte del Governo per le istanze presentate, sulle quali come Organizzazione ci impegniamo da anni”, lo affermano Luigi Napolitano e Rosario Pugliese, promotori nazionali del Coordinamento Riscatta Laurea.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Per l’80% delle imprese italiane la priorità è la digitalizzazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 febbraio 2019

La digitalizzazione come opportunità unica per invertire la curva che porta in basso l’Italia sul fronte della produttività, facendo rimanere al palo il nostro Paese non solo nei confronti della Germania o della Francia, ma anche di paesi come la Spagna. È questa la visione che accomuna i direttori risorse umane delle imprese italiane: l’80,77% infatti mette la digitalizzazione fra le priorità dell’azienda, insieme a esigenze pragmatiche come incremento della produttività e riduzione dei costi (indicati fra le tre opzioni possibili rispettivamente dal 65,38% e dal 57,69% degli intervistati). È quanto emerge dalla ricerca The future of HR in the digital era, realizzata da Business International in collaborazione con Osservatorio Imprese Lavoro INAZ, intervistando un centinaio di HR executives e dirigenti di aziende medio-grandi. Il report 2018 completo, di cui è stata presentata un’anteprima lo scorso novembre a Roma in occasione di HR Business Conference, è ora disponibile sul sito dell’Osservatorio Impresa Lavoro Inaz.
La ricerca, che comprende anche una serie di interviste a manager e specialisti del personale, è tesa a indicare gli elementi chiave della roadmap della trasformazione digitale nel nostro paese in ambito HR. «Se è vero che scontiamo ancora uno scarto importante rispetto all’Europa, è anche vero che le imprese manifestano una forte voglia di guardare al futuro – commenta Linda Gilli, presidente e amministratore delegato di Inaz –. È il digitale infatti a rendere possibili tutte le iniziative sulle quali oggi ci si concentra in ambito HR per lavorare meglio, in modo più produttivo e con modalità di organizzazione che rispondono alle sfide di oggi. Per esempio lo smartworking (il 38% degli intervistati prevede di introdurlo in azienda), lo sviluppo del welfare aziendale (su cui si concentrerà il 31% degli intervistati), nuove modalità di performance management e misurazione dei risultati, ma anche formazione continua, employee retention e talent acquisition». La funzione HR è inoltre consapevole di doversi digitalizzare essa stessa (54% delle risposte alla richiesta di indicare tre obiettivi di investimento) e di avere bisogno di nuove competenze specifiche (una necessità avvertita dal 53,85% degli intervistati).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Parlamento indica le priorità per BCE e unione bancaria

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 gennaio 2019

Strasburgo. I deputati hanno definito le priorità per le azioni della Banca centrale europea per il 2019 e per il completamento dell’unione bancaria. In due risoluzioni distinte, la prima sui lavori della Banca centrale europea (BCE), redatta da Gabriel Mato (PPE, ES) e la seconda sui progressi compiuti e da realizzare nel settore dell’unione bancaria, redatta da Nils Torvalds (ALDE, FI), i deputati hanno manifestato le loro preoccupazioni e gli elementi su cui si dovrà prestare particolare attenzione nel corso del prossimo anno.Con riferimento all’Italia, il Parlamento si è detto d’accordo con l’argomentazione del Presidente della BCE Mario Draghi, secondo il quale le dichiarazioni incoerenti fatte dal nuovo governo hanno prodotto nel corso del 2018 un aumento dei rendimenti dei titoli di Stato italiani.
I deputati concordano con il piano della BCE di iniziare a ridurre gradualmente le misure monetarie eccezionali, introdotte al culmine della crisi finanziaria, invitando tuttavia alla cautela sulla velocità con cui tale riduzione dovrà essere effettuata.Hanno inoltre chiesto alla BCE di prestare particolare attenzione alle crescenti preoccupazioni per la recrudescenza delle bolle immobiliari e del debito del settore privato, alla necessità di continuare a incoraggiare gli investimenti pubblici e privati e di garantire che il denaro “a basso costo” che fornisce alle banche sia effettivamente trasferito, sotto forma di prestiti, all’economia reale.I deputati hanno poi incoraggiato la BCE a garantire la stabilità dei mercati finanziari dell’UE, anche nel caso di una Brexit senza accordo. Infine, hanno chiesto alla Banca centrale europea di seguire da vicino gli sviluppi della tecnologia per un registro distribuito (blockchain) delle finanze.I deputati hanno rilevato la necessità di una maggiore armonizzazione per quanto riguarda la valutazione della stabilità di una banca, del suo fallimento o della sua probabilità di fallimento, nonché una distinzione più chiara tra poteri di vigilanza e poteri di intervento precoce. Hanno inoltre espresso serie preoccupazioni sul cattivo stato delle norme antiriciclaggio nell’unione bancaria, chiedendo un approccio comune dell’UE per la vigilanza e il rispetto di tali norme. Inoltre, la Commissione deve intervenire per ridurre il settore bancario ombra, che rappresentava il 40% del sistema finanziario dell’UE alla fine del 2017.Infine, il Parlamento ha ribadito la sua richiesta di raggiungere un accordo sul sistema europeo di assicurazione dei depositi (EDIS), strumento essenziale per il completamento dell’unione bancaria.La risoluzione sulla Banca centrale europea è stata approvata con 500 voti favorevoli, 115 contrari e 19 astensioni. La risoluzione sull’unione bancaria è stata approvata con 497 voti favorevoli, 125 contrari e 14 astensioni.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le priorità del Paese, il rischio di fermare la crescita: l’appello degli industriali italiani oggi a Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 maggio 2018

Durante l’Assemblea Pubblica di Confindustria, tenutasi questa mattina presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma, il Presidente Vincenzo Boccia è tornato a parlare delle priorità del sistema economico italiano: “Meno debito pubblico, riduzione del cuneo fiscale, detassazione e decontribuzione delle assunzioni dei giovani: se continuiamo a produrre più debito e più deficit non solo non aiutiamo né le nostre imprese né il Paese, ma tradiamo le giovani generazioni ostacolandone la realizzazione sociale e professionale.” Di fronte a 5mila delegati intervenuti da tutte le Confindustria d’Italia, il numero uno di Viale dell’Astronomia ribadisce le parole chiave che aveva già espresso durante le Assise generali tenutesi lo scorso 16 febbraio a Verona “Lavoro e crescita: queste sono le basi su cui costruire quella società aperta ed inclusiva che sta alla base dell’ideologia di Confindustria. Senza lavoro non c’è crescita, dobbiamo riuscire a creare delle concrete opportunità di occupazione affinché i nostri ragazzi decidano di investire nella loro formazione professionale qui in Italia”.
Il Presidente di Confindustria Toscana Sud Paolo Campinoti si unisce a quanto detto da Boccia: “Le nostre sono proposte concrete, volte a raggiungere la nostra mission, ovvero la crescita della nostra economia, che può trovare realizzazione solo tramite la creazione di posti di lavoro” e sugli ultimi dati dell’export e degli investimenti privati dichiara “I numeri delle esportazioni italiane sono incoraggianti, si è registrato un +7% rispetto allo scorso anno, ed anche gli investimenti privati sono aumentati del +30%, segnale che ci stiamo avvicinando alla ripresa. Il salto decisivo può essere fatto solo attraverso l’azione congiunta delle imprese, dell’Europa e della politica italiana: le imprese devono accelerare il cambiamento ed essere in grado di rispondere alla domanda mondiale, l’Europa deve fungere da motore di crescita economica e la politica italiana deve creare le condizioni migliori per gli investimenti.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il lavoro deve essere la priorità nel 2018

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 gennaio 2018

opportunita-lavoro«Il sostegno al lavoro è indubbiamente l’elemento da valorizzare in questo 2018 per poter guardare al futuro con fiducia. Senza lavoro non è ipotizzabile lo sviluppo e non si creano le condizioni necessarie per il progresso: i segnali incoraggianti che da qualche tempo l’Istat registra sul fronte dell’occupazione (le ultime rilevazioni per novembre parlano di un aumento degli occupati, +0,3% su base mensile e +1,5% su base annua) devono essere colti e sostenuti sia dallo Stato, sia dai principali attori della nostra economia. Univendita fa proprie le indicazioni fatte dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione del discorso di fine anno rilanciando l’impegno a essere strumento per la creazione di opportunità di lavoro e di crescita. Davanti a una politica che è ancora in cerca di un’identità e di azioni strutturali per far veramente ripartire il Paese, la vendita diretta a domicilio ha sempre fatto la sua parte: è un settore in forte espansione che ha saputo reggere con grande forza al pesante impatto della crisi economica rappresentando un punto di approdo per migliaia di giovani che cercavano un futuro nel lavoro. Abbiamo saputo crescere e siamo stati capaci di creare fiducia nei consumatori attraverso una rete di venditori a domicilio affidabile e garantita. Anche in questo inizio di 2018 Univendita è promotrice di crescita attraverso il lavoro: le oltre 18.500 posizioni aperte in tutta Italia nelle reti di vendita delle aziende associate testimoniano l’impulso concreto alla creazione di posti di lavoro. Quando si guarda con fiducia al futuro, Univendita c’è e c’è con le proprie aziende associate che rappresentano un valore aggiunto per quanti sono alla ricerca di un’occupazione dinamica, moderna e stimolante».Ciro Sinatra, nato nel 1961, è il presidente di Univendita, l’associazione di categoria che riunisce le più importanti aziende operanti nel settore della vendita diretta a domicilio in Italia. Le imprese associate a Univendita contano oltre 156mila collaboratori in tutta Italia e hanno realizzato nel 2016 un fatturato complessivo di 1 miliardo e 643 milioni di euro. La vendita diretta in Italia ha fatturato complessivamente 3,6 miliardi di euro nel 2016. Univendita, con oltre 1,6 miliardi pari al 46% del valore dell’intero comparto, rappresenta quasi la metà del mercato (fonte: Format Research, marzo 2017).

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Preparazione di farmaci antiblastici: le 3 priorità

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 settembre 2017

Interno farmacia

Sono, secondo l’Ufa: nel rispetto degli standard, selezione e formazione del personale e informatizzazione dei processi. Da un’indagine nazionale di QuintilesIMS, con il supporto incondizionato di Baxter, è emerso infatti, dai circa 400 centri ospedalieri che hanno partecipato, un quadro frammentato. Il 30% gestisce internamente la preparazione e manipolazione dei chemioterapici antiblastici in misura e in funzione delle esigenze dei reparti ma in assenza di una strutturale centralizzazione delle attività. Il 45% gestisce i processi all’interno di un’UFA (Unità Farmaci Antiblastici), con elevato livello di centralizzazione di attività e strutture, ma presenta comunque elementi di criticità e margini di miglioramento rispetto all’ideale a cui tendono i presupposti normativi. Il restante 25% si approvvigiona da strutture esterne.
Fare sistema avvalendosi di UFA già esistenti e realizzate con i migliori standard (centralizzazione) o, laddove necessario, dotarsi di UFA, anche grazie a partnership pubblico-private, è la possibile soluzione individuata dai partecipanti ai tavoli di lavoro di Milano e Roma, che hanno discusso di altri fattori chiave di miglioramento come la selezione e formazione specifica del personale dedicato e l’informatizzazione dei processi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europa: Le priorità per il prossimo Vertice europeo

Posted by fidest press agency su martedì, 20 giugno 2017

strasburgo-parlamento-europeoSTRASBURGO, Francia. In un dibattito con la Presidenza maltese e il Presidente della Commissione Juncker, i deputati hanno discusso le priorità per il Vertice europeo del 22 e 23 giugno.I deputati hanno criticato fortemente la mancanza di progressi da parte del Consiglio sulla riforma del sistema di Dublino e hanno bollato la mancanza di solidarietà tra gli Stati membri quale “deludente” e “vergognosa”. Molti deputati hanno anche sottolineato la necessità di controllare le frontiere esterne e hanno notato i progressi compiuti su questo aspetto.La questione relativa a ulteriori accordi con i Paesi extra-UE, come la Libia, ha diviso l’Aula. Alcuni deputati si sono opposti con convinzione alla cooperazione con quello che hanno definito uno “Stato allo sbando”, mentre altri hanno chiesto un accordo UE-Libia per porre fine alla perdita di vite nel Mediterraneo.Come previsto, molti leader dei gruppi politici hanno affrontato la situazione relativa alla Brexit, in seguito alle elezioni generali nel Regno Unito della scorsa settimana. Alcuni hanno affermato che le elezioni hanno chiaramente indicato che la Brexit “hard” è caduta, mentre altri hanno espresso la loro frustrazione per la mancanza di progressi nei negoziati e la crescente incertezza. I leader hanno inoltre chiesto di garantire che la Brexit non oscuri tutto il lavoro essenziale in altre aree politiche che deve andare avanti.Infine, alcuni leader dei gruppi politici hanno anche affrontato la rinnovata spinta dell’UE sulla cooperazione in materia di difesa.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il risanamento ambientale deve essere una priorità per il governo

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 giugno 2017

cinzia pellegrinoTaranto “I tarantini stanno pagando e pagheranno ancora per i veleni che per oltre 50 anni l’industria siderurgica ha riversato nella loro città. Lo confermano anche i dati del Registro Tumori della ASL TA: per alcune patologie ci si ammala molto più che nel resto d’Italia e del Mezzogiorno. Le diossine, i PM 10 e i PCB causano cancro e tumori e capire che c’è un nesso fra chi emette inquinamento e le neoplasie che si sviluppano nella zona non è poi così assurdo.
Lunedì arriverà il decreto di assegnazione dell’ ILVA alla nuova cordata industriale. Non vogliamo un nuovo carrozzone statale che succhia soldi pubblici, licenzia i lavoratori e non provvede alla bonifica dei terreni contaminati.
Ci aspettiamo, invece, che la priorità assoluta sia il risanamento ambientale del quartiere Tamburi.Pretendiamo anche che vengano assegnate più risorse al Registro Tumori, eccellenza tarantina che lavora senza mezzi economici adeguati, per la quale come Fratelli d’Italia tramite i nostri Deputati portammo già un anno fa una interrogazione in Parlamento.Interrogazione a tutt’oggi rimasta senza risposta, perché è evidente che questo Governo ha da sempre altre priorità, non certamente la salute degli italiani.” (Cinzia Pellegrino, Coordinatore Nazionale Dipartimento tutela Vittime di FdI-AN Giovanni Caragnano, Referente del dipartimento per la Provincia di Taranto) (foto: cinzia pellegrino)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’epatite C è una questione prioritaria di salute pubblica

Posted by fidest press agency su sabato, 22 aprile 2017

medicina sociale parte primaAmsterdam. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità sono circa 170 milioni le persone infette. Solo nel nostro Paese la prevalenza di individui positivi all’HCV potrebbe sfiorare il 2% della popolazione, con una stima di circa 1,2 milioni di infetti, dei quali un numero importante con infezione in atto. Sono sei i genotipi che causano l’infezione cronica. Il GT1 è il più comune in Europa, rappresentando più del 66% dei casi, e il sottotipo 1b è il più diffuso nella maggior parte dei Paesi europei, tra i quali l’Italia, dove costituisce il 51% del totale dei casi. Da qualche mese, nel nostro Paese, il Servizio Sanitario Nazionale ha a disposizione una nuova opzione terapeutica per l’eradicazione dell’epatite C: la combinazione di due antivirali diretti (DAAs), elbasvir, inibitore della proteasi NS5A del virus HCV e grazoprevir, inibitore della proteasi NS3/4A, entrambe necessarie per la replicazione virale.
Il profilo di efficacia, sicurezza e tollerabilità del farmaco è stato dimostrato in un ampio corpus di studi clinici (oltre 2000 pazienti arruolati), nel quale il tasso di Risposta Virologica Sostenuta (SVR) è sempre risultato superiore al 92%, raggiungendo anche il 100%. Un altro dato significativo emerge dallo studio sui pazienti con malattia renale avanzata o terminale, o in attesa di trapianto di rene (abstract THU-234): in questi pazienti la SVR12 viene raggiunta nel 94% dei casi.
Migliaia di pazienti con epatite C cronica sono stati coinvolti nel programma di sviluppo clinico di elbasvir/grazoprevir, sia naïve che experienced al trattamento, con e senza cirrosi, con comorbidità o coinfezioni. L’obiettivo, infatti, è l’individuazione di una risposta terapeutica per il maggior numero di persone con HCV.In questa direzione si sta muovendo la ricerca MSD, che punta a un regime semplificato a tre farmaci con una sola pillola al giorno, senza ribavirina, ridotta tossicità e minore durata di trattamento. I risultati degli studi di fase III sulla terapia MK-3682/grazoprevir/ruzasvir (abstract PS-159) saranno presentati in anteprima al congresso EASL.“Le nuove triplici combinazioni sono un ulteriore passo avanti nel trattamento dell’HCV – dichiara il prof. Antonio Craxì, Ordinario di gastroenterologia presso l’Università degli Studi di Palermo. “Gli studi disponibili sono promettenti, anche per quanto riguarda il superamento del problema delle resistenze che possono svilupparsi nei pazienti experienced e che, anche in Italia, hanno già generato un pool consistente di pazienti da ritrattare”. (n.r. La Fidest ha trattato i vari aspetti dell’epatite C nella sua annuale pubblicazione di medicina sociale di cui riportiamo il frontespizio del testo)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma Patrimonio: delibera Giunta, priorità a sgomberi immobili non utilizzati per attività socio-culturali

Posted by fidest press agency su sabato, 25 febbraio 2017

campidoglioRoma Dare priorità all’esecuzione degli sgomberi degli immobili in concessione, attualmente privi di regolare autorizzazione, gestiti da soggetti che non svolgono attività di rilievo prevalentemente socio-culturale. Così da privilegiare la riacquisizione di quelli utilizzati da movimenti e partiti politici o da organismi che svolgono attività puramente commerciali. E’ quanto prevede la delibera approvata ieri dalla Giunta Capitolina, a integrazione della precedente delibera 140/2015 sulle “Linee guida per il riordino del patrimonio indisponibile in concessione”.Il provvedimento è stato adottato in ragione dell’effettiva sostenibilità organizzativa degli interventi di rilascio degli immobili, che spesso comportano importanti ricadute di rilievo sociale e di ordine pubblico. Pertanto, si stabilisce che l’esecuzione degli atti di sgombero, oltre a rispettare le suddette priorità, debba essere concertata tra Dipartimento Patrimonio e strutture interessate a seguito di mirate azioni di verifica sulle attività concretamente svolte all’interno degli edifici di proprietà comunale.Inoltre, la Giunta ha deliberato di dare impulso a ogni intervento finalizzato a una rapida approvazione, da parte dell’Assemblea Capitolina, del nuovo Regolamento sulle concessioni del patrimonio demaniale e indisponibile, che porterà anche un beneficio per le casse del Campidoglio.
“In attesa del nuovo Regolamento, che ripristinerà la legalità assegnando gli immobili con procedure a evidenza pubblica, bisogna evitare che venga compromessa l’esistenza di associazioni che svolgono funzioni di interesse pubblico in ausilio a quelle istituzionali dell’amministrazione capitolina – spiega l’assessore al Bilancio e Patrimonio di Roma Capitale, Andrea Mazzillo– . L’obbligo di procedere alla riacquisizione dei beni va dunque riconsiderato alla luce delle esigenze di tutela delle attività socio-culturali svolte al loro interno: posto che gli sgomberi non possono essere realizzati tutti contestualmente, decidiamo di dare priorità al rilascio degli immobili utilizzati da partiti e movimenti politici, che già godono dei contributi pubblici, o da chi svolge attività meramente commerciali”, precisa l’assessore.Il presupposto dell’atto della Giunta è infatti quello di recuperare la disponibilità degli immobili attualmente utilizzati senza un titolo valido o i cui concessionari risultino morosi, come prevede la stessa delibera 140/2015 e come ha disposto la magistratura contabile imponendo all’amministrazione di richiedere anche il pagamento dei canoni d’uso pregressi.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Napolitano sul voto differito o subito e le priorità

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

napolitano“Al di là delle continue e inutili offese di Salvini, sulle parole del presidente Napolitano le forze politiche dovrebbero aprire una seria riflessione. C’è chi dice che la legislatura dipende anche dalla spinta del Governo nel dare le risposte ai problemi del Paese: vero, ma se il principale partito di maggioranza si trova in congresso permanente a mezzo stampa e ogni giorno finisce col delegittimare il governo di cui ha la golden share, allora è chiaro che questa azione risulta molto difficile”. E’ quanto dichiara il deputato di Area popolare Nino Marotta.
“Riteniamo piuttosto non si debba perdere di vista l’interesse primario dei cittadini, che potrebbe essere compromesso da una nuova sfiancante campagna elettorale senza la garanzia, tra l’altro, di avere assicurato, dopo eventuali elezioni anticipate, un sistema governabile. E in quel caso sarà di nuovo caos. Per questo – prosegue Marotta – non bisogna paralizzarsi, ma procedere in maniera spedita sia nella riforma elettorale quanto nel provare a dare soluzioni alle emergenze del Paese e, per quel che mi riguarda, portando avanti la riforma del processo penale e civile”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio e ministero Ambiente: confronto su priorità Roma Capitale

Posted by fidest press agency su martedì, 29 novembre 2016

ministero-ambienteRoma. Implementare percorsi per promuovere una migliore tutela ambientale, individuare bandi che garantiscano risorse a supporto di Roma Capitale e incrementare l’efficienza energetica degli edifici capitolini. Sono i principali obiettivi condivisi nel corso di un incontro, svoltosi presso il ministero dell’Ambiente, tra il ministro Gian Luca Galletti, la sindaca Virginia Raggi e l’assessora alla Sostenibilità ambientale Paola Muraro. Lo riferiscono, in una nota congiunta, Roma Capitale e il ministero dell’Ambiente.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ricerca scientifica e terremoto sono solo delle priorità a parole

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 ottobre 2016

luca-coscioniDichiarazione di Marco Cappato, Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni e Presidente di Radicali italiani: “Nella retorica politica e mediatica gli investimenti in ricerca scientifica e nel riassetto idrogeologico del Paese sarebbero da molti anni la priorità assoluta.
Quando però si arriva a discutere di conti veri, come si fa in queste ore, scopriamo che le priorità non sono più tali e che nessuno più ne parla. Come risultato, le scarse risorse sono disperse a pioggia sulle varie categorie sociali, senza una reale possibilità di incidere sul benessere economico di medio periodo. Invece di prepararsi a commentare -con la consueta indignazione- i prossimi dati umilianti sulla cosiddetta fuga dei cervelli o sulla mancata messa in sicurezza del territorio a fronte della prossima catastrofe naturale, Governo e Parlamento dovrebbero concentrare le risorse in investimenti per la ricerca scientifica di base e per la prevenzione del rischio idrogeologico”. (foto: luca coscioni)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PE: utilizzare la flessibilità disponibile per riforme e crisi rifugiati

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

europa-261011-cLe priorità UE economiche, sociali e del mercato unico per il 2016 sono state adottate giovedì con tre risoluzioni separate. I deputati hanno dato il loro contributo all’imminente Consiglio europeo economico di marzo, concentrandosi sull’attuazione del Patto di stabilità e crescita, i suoi aspetti sociali e come sfruttare ulteriormente il potenziale economico del mercato comune.La risoluzione preparata da Maria João Rodrigues (S&D, PT), adottata con 395 voti favorevoli, 203 contrari e 50 astensioni, sottolinea che il Patto di stabilità e crescita dovrebbe essere attuato in modo completo, mentre lo spazio previsto per la flessibilità dovrebbe essere utilizzato per gli investimenti e le riforme strutturali e per affrontare le sfide della migrazione e della sicurezza. Inoltre, i deputati chiedono un cambiamento delle politiche fiscali sul lavoro, una migliore adesione nazionale alle raccomandazioni specifiche per Paese, più investimenti nazionali nei Paesi con gli avanzi di bilancio più alti e azioni contro una pianificazione fiscale aggressiva.
La relatrice ha affermato che: “In un periodo di crisi, dobbiamo rinforzare la coesione interna dell’UE con un recupero economico più forte ed equilibrato. Quello di cui ha bisogno l’Europa oggi è una maggiore attenzione su investimento e domanda interna, dato soprattutto l’elevato surplus esterno dell’eurozona. Allo stesso tempo, è necessaria una seconda ondata di riforme, migliorando l’istruzione, l’innovazione, l’amministrazione pubblica, la riscossione delle tasse e garantendo sistemi di welfare sostenibili ed equi che riducano le ineguaglianze sociali.” Una risoluzione a firma Sofia Ribeiro (PPE, PT), adottata con 404 voti favorevoli, 201 contrari e 35 astensioni, pone l’accento sull’importanza degli indicatori sull’occupazione recentemente introdotti nell’Analisi annuale della crescita così da monitorare anche gli sviluppi sociali negli Stati membri. I deputati chiedono una definizione a livello europeo della giustizia sociale, che dovrebbe essere rispettata dalle politiche sociali e d’occupazione, in particolare quando si applicano le riforme strutturali che colpiscono in modo più forte i gruppi vulnerabili. In fine, sostengono che i governi nazionali dovrebbero gradualmente spostare l’imposizione fiscale dal lavoro ad altre settori tassabili.Per la relatrice Ribeiro “l’introduzione degli indicatori sociali – percentuale degli occupati, disoccupazione giovanile e disoccupazione di lungo termine – assicurerà una valutazione degli squilibri interni negli Stati membri, garantendo quindi una possibilità di rivedere le loro riforme economiche e sociali quando necessario. Questo è un grande passo che ci permette di rafforzare il pilastro sociale nel processo del Semestre europeo, dando risposta alle aspettative, ai dubbi e ai bisogni dei nostri cittadini.”
In una risoluzione di Catherine Stihler (S&D, UK), adottata con 462 voti favorevoli, 166 contrari e 7 astensioni, i deputati insistono affinché venga incluso il mercato unico come pilastro nel Semestre europeo, “con un sistema per monitorare e identificare periodicamente gli ostacoli specifici per Paese” al mercato unico e una valutazione della sua integrazione e competitività. I deputati aggiungono che l’attenzione dovrebbe essere rivolta alla crescita e al lavoro, incluse le PMI. “Il Mercato unico è una risorsa fondamentalmente importante da cui dipende la futura prosperità economica dell’Unione Europea e il suo potenziale sinora inutilizzato, stimato essere di 1 bilione di euro, è l’opportunità per assicurare che esso vada bene tutti noi. Per garantire in modo efficace lavoro, crescita e competitività, il progresso dell’integrazione del Mercato unico negli Stati membri deve essere accompagnato da una migliore gestione e da una più ampia trasparenza, incluso il rafforzamento e l’attuazione della legislazione UE esistente”, ha affermato Catherine Stihler.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Demenza: una priorità di salute pubblica

Posted by fidest press agency su sabato, 14 aprile 2012

(Centro Maderna) Un rapporto diffuso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e Alzheimer’s Disease International (ADI), intitolato “Demenza: una priorità di salute pubblica”, invita governi, politici e le altre parti interessate a considerare le demenze una priorità mondiale di salute pubblica. Il testo fornisce una panoramica autorevole sull’impatto di questi disturbi in tutto il mondo, inclusi i Paesi a basso e medio reddito, oltre a dati sulle migliori pratiche e a studi di casi pratici provenienti da tutto il mondo.
Per preparare il rapporto, Oms e Adi hanno commissionato un report a 4 gruppi di esperti. Nella sua prefazione alla relazione, il direttore generale dell’Oms, Margaret Chan, ha definito il rapporto «un importante contributo alla nostra comprensione delle demenze e del loro impatto sugli individui, le famiglie e la società».
Il rapporto viene diffuso nel nostro Paese grazie alla Federazione Alzheimer Italia, che rappresenta nel nostro Paese l’Adi. La presidente Gabriella Salvini Porro ricorda che per l’Italia si stima che ci siano un milione di persone con demenza «di cui 600mila malate di Alzheimer. Il nostro Paese non possiede ancora un Piano nazionale per le demenze, urgenza espressa e richiesta non solo oggi dall’Oms ma dichiarata già 4 anni fa dal Parlamento Europeo con l’adozione della Dichiarazione Scritta 80/2008, in cui si riconosceva la malattia di Alzheimer come priorità pubblica e si auspicava lo sviluppo di un Piano d’azione comune. Paesi vicini al nostro come la Francia e la Gran Bretagna hanno varato nel tempo Piani nazionali per migliorare la vita dei malati e di chi li assiste, per aumentare la conoscenza della malattia, per garantire l’accesso a migliori servizi di assistenza e sostegno sul territorio. In Italia non è stato fatt o ancora nulla di tutto ciò, ma urge programmare iniziative concrete».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riforma del lavoro, Manconi: “L’articolo 18 non è una priorità”

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2012

Riguardo alla riforma del lavoro che il Governo Monti sta preparando il Presidente dell’Associazione Sviluppo Lavoro Gabriele Manconi ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui esterna tutta la sua preoccupazione: “A mio avviso ad oggi l’abolizione dell’articolo 18 di cui tanto si parla negli ultimi tempi non deve essere assolutamente considerata una priorità. In un contesto come quello attuale continuare a parlare di posto fisso e di flessibilità non ha senso.” Secondo Manconi, i veri problemi che dovrebbero essere affrontati dalla riforma sono altri: “La nostra economia è in grande difficoltà soprattutto perché le imprese italiane non sono abbastanza tutelate: tutte le grandi industrie del paese Italia non posso competere con chi produce in Cina o in India e vende i propri prodotti in Italia. Bisogna fermare questo fenomeno tassando chi produce all’estero e vende in Italia garantendo più equità e concorrenza leale nei mercati e premiando chi produce e vende in Italia.” Il punto di vista di Manconi è quello di un imprenditore che vuole, anche attraverso Sviluppo Lavoro, partecipare al rilancio dell’Italia attraverso investimenti sul territorio italiano, e per fare ciò le imprese del nostro Paese devono essere assolutamente incentivate: “Se i prezzi dei prodotti dei paesi emergenti diventassero più costosi e i nostri prodotti più competitivi, grazie alla tassazione sulle importazioni, potremmo garantire una crescita del Paese. Bisogna trovare un sistema per tutelare le aziende: solamente in questo modo potremo garantire posti di lavoro.”

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legge elettorale: priorità

Posted by fidest press agency su martedì, 27 marzo 2012

«Presentarsi alle urne con una nuova legge elettorale è il primo passo che la politica deve compiere per iniziare un vero percorso di rinnovamento e recuperare credibilità. Le forze politiche devono impegnarsi per trovare un’intesa su questo tema, certamente più urgente della discussione sulle nomine Rai. Nel caso in cui non si riesca a raggiungere un accordo insisto nel proporre la modifica dei due aspetti che non funzionano con l’attuale formulazione: introduciamo le preferenze per consentire agli italiani di scegliere i singoli parlamentari e modifichiamo il premio di maggioranza al Senato per garantire la governabilità. Si tratta di un’operazione che richiederebbe pochissimo tempo, ma sarebbe assolutamente necessaria in caso di assenza di soluzioni alternative, perché ripresentarsi al voto con le liste bloccate sarebbe improponibile, per gli italiani e per la dignità dei parlamentari». È quanto dichiara il deputato del PdL, Giorgia Meloni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Infrastrutture e il ministro Matteoli

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 giugno 2011

“La disfatta del Governo sul fronte delle infrastrutture ha in Matteoli il suo miglior rappresentante”. Lo ha affermato l’europarlamentare del Pd, membro della commissione Trasporti, Debora Serracchiani, commentando le parole del ministro per le Infrastrutture Altero Matteoli, il quale oggi ha specificato che le priorità infrastrutturali non sono ‘solo al Nord del Paese’ e che ‘il piano per il Sud è un obiettivo altrettanto prioritario dell’intero Governo per la seconda parte della legislatura’. “Berlusconi aveva promesso agli italiani che le infrastrutture sarebbero state la punta di lancia della ripresa – ha osservato Serracchiani – e invece sono il termometro con cui misuriamo la nostra distanza dall’Europa: investimenti a picco, burocrazia insostenibile, costi più alti, disoccupazione in crescita nel settore. Così interi pezzi del Paese sono abbandonati e lasciati privi delle opere strategiche necessarie a far ripartire la loro economia e quella di tutto il sistema Italia”. Secondo Serracchiani “quando al Governo l’inefficienza si somma alla demagogia, quando non si riesce nemmeno a spendere le risorse comunitarie o approfittare degli investitori privati, finisce che si scontentano tutti. Vale per il sud come vale per il nordest affamato di Alta velocità e Alta capacità, al quale – ha concluso – sarebbe un errore storico non dare risposte all’altezza delle attese”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emergenza in Costa d’Avorio

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2011

L’UNICEF è riuscito a distribuire aiuti e rifornimenti a Abidjan per la prima volta dopo settimane. Gli aiuti includono: medicine, integratori alimentari, saponi e coperte. L’UNICEF sta organizzando anche un primo ponte aereo con 32 tonnellate di aiuti umanitari, che giungerà nella capitale nei prossimi giorni. “Mentre ancora persiste un certo livello di insicurezza ad Abidjan, siamo fiduciosi di poter  continuare  le nostre operazioni umanitarie nella capitale e ovunque sia necessario nel paese. La nostra assoluta priorità è ristabilire i sistemi idrici e distribuire kit sanitari di pronto soccorso. Intendiamo riprendere le campagne di vaccinazione di emergenza per prevenire focolai di malattie soprattutto tra i bambini che sono i più vulnerabili “, ha detto Hervé Ludovic de Lys, rappresentante L’UNICEF sta aiutando i bambini che hanno assistito alle violenze e, eventualmente, visto familiari uccisi o feriti; sono bambini che hanno bisogno di cure particolari, ora e in futuro; l’UNICEF, non appena le condizioni lo permetteranno, sta lavorando per far tornare i bambini a scuola e sta preparando la distribuzione di kit scolastici per oltre 600scuole in tutto il paese. Oltre al problema dell’acqua potabile, c’è grande preoccupazione perla scarsità di farmaci essenziali; nel nord del paese, le scorte sono sufficienti solo per due-quattro settimane. L’UNICEF ha lanciato un appello per 32 milioni di dollari, finora ne ha raccolti solo 5,3. Serve urgentemente trovare i fondi per rispondere alle esigenze più pressanti: scuola, acqua e igiene, salute, nutrizione, protezione dei bambini dai rischi e dalle conseguenze del conflitto.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »