Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘privato’

Sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 febbraio 2019

L’Unione Sindacale di Base indice per venerdì 12 aprile lo sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private contro le politiche di austerity che l’Unione Europea impone ai Paesi del sud dell’Europa; per l’abrogazione totale della legge Fornero; per l’istituzione di un vero reddito di cittadinanza, universale e incondizionato; per la crescita dei salari e l’abbassamento delle tasse anche al lavoro dipendente.Il Coordinamento nazionale di USB ha dato il via libera alla proclamazione dello sciopero generale, mentre le modalità di effettuazione saranno decise e comunicate dalle categorie e dai territori nei prossimi giorni.Nel percorso verso la giornata di sciopero generale, USB organizza:
il 15 febbraio la manifestazione a Montecitorio, ore 11,00, contro i tentativi di secessione e di rottura della solidarietà nazionale attuati con il cosiddetto “federalismo aumentato”;
il 22 febbraio lo sciopero nazionale del settore logistica con manifestazione al Ministero del Lavoro;
il 6 marzo il Sanità Day, con iniziative di lotta, presidi, volantinaggi, flash-mob presso tutte le principali aziende sanitarie e ospedali del Paese per la difesa e il rilancio della sanità pubblica nazionale;
la consegna delle firme di Iniziativa Popolare per l’abrogazione della modifica dell’articolo 81 della Costituzione e per il diritto a pronunciarsi tramite referendum sui trattati europei;la consegna all’ ARAN della piattaforma contrattuale per il rinnovo del contratto dei lavoratori pubblici.
Queste tappe saranno accompagnate fino al 12 aprile da incontri, dibattiti, seminari e assemblee in tutti i territori e in tutti i luoghi di lavoro per discutere con i lavoratori e i cittadini la piattaforma di lotta dell’USB.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pensioni: Fp Cgil, con quota 100 disparità intollerabile tra pubblico e privato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 gennaio 2019

“Una disparità intollerabile. Propagandavano la riforma della legge Fornero, hanno finito col peggiorare le norme relative ai dipendenti pubblici con un trattamento differenziato rispetto ai lavoratori del privato”. Così la Fp Cgil Nazionale commenta le anticipazioni relative al provvedimento ‘quota 100’, e ai riflessi sul lavoro pubblico, che il governo dovrebbe approvare nel corso di questa settimana, annunciando che “sono già in corso verifiche sulla legittimità del provvedimento, in attesa di avere un testo definitivo, visto che il governo non discute con nessuno, tiene fuori il Parlamento e le parti sociali, agendo in maniera autoritaria”. Secondo quanto si apprende, infatti, osserva la categoria dei lavoratori dei servizi pubblici della Chil, “‘quota 100’ sarà differita per chi lavora nel pubblico, con la prima finestra disponibile a luglio e con un preavviso, per chi vorrà usufruirne, di sei mesi. Ma soprattutto ai dipendenti pubblici che andranno in pensione con ‘quota 100’ o in pensionamento anticipato, il trattamento di fine rapporto verrà corrisposto ‘al momento in cui il soggetto avrebbe maturato il diritto alla corresponsione’. Tradotto: per alcuni dei circa 140 mila dipendenti pubblici interessati dal provvedimento c’è il rischio concreto che aspettino anche fino a 8 anni per avere ciò che gli spetta, la liquidazione”.
Per la Funzione Pubblica Cgil, inoltre, “c’è poi confusione sull’intervento delle banche per l’erogazione anticipata del Tfr. Gli oneri per gli interessi saranno o meno a carico dell’interessato? Da come pare essere scritta la norma, gli interessi saranno a carico dei lavoratori. E in ogni caso ‘quota 100’, correlata alla possibilità di farsi anticipare la liquidazione dalle banche, creerà un’evidente discriminazione verso tutti coloro che andranno in pensione ordinariamente e che continueranno a dover subire gli attuali, intollerabili, termini di pagamento. Dovevano cambiare la Fornero e dovevano valorizzare il lavoro pubblico e invece, senza ascoltare chi quei lavoratori rappresenta, non faranno altro che peggiorare le norme, con l’assurdità di far pagare alle lavoratrici e ai lavoratori gli interessi su ciò che spetta loro di diritto”, conclude la Fp Cgil.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vale ancora lo slogan: “Privato è bello?”

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 settembre 2018

Il crollo del ponte Morandi a Genova, con il suo tragico bilancio di vite umane, ha mostrato a tutti quanto esaltare le privatizzazioni servisse a coprire un unico vero scopo: far realizzare immensi profitti a poche famiglie del capitalismo italiano, a scapito della sicurezza collettiva, delle nostre finanze,e dei posti di lavoro. Autostrade, ILVA, Alitalia, Telecom, solo per citare i casi più famosi: migliaia e migliaia di esuberi, aziende portate al fallimento.Genova dimostra, più che simbolicamente, quanto lo slogan “privato è bello”, così in voga dai primi anni ‘90 in poi e declinato da tutti i governi che da allora si sono succeduti alla guida del nostro paese, sia stata una vera e propria truffa, perpetrata ai danni della collettività. Come lo sono del resto tutte le cosiddette grandi opere, dal ponte di Messina al TAV al TAP, solo per citarne alcune tra le più inutili e dannose, agognate dai padroni del cemento e sollecitate dall’Unione Europea che ha fatto delle privatizzazioni uno dei suoi mantra più importanti.Il vergognoso abbandono che avvolge i paesi del terremoto, lo stallo nelle grandi vertenze ILVA e Alitalia, il degrado della rete autostradale, la devastazione dei servizi pubblici e dei territori, impongono ormai scelte immediate e decisive.La strada delle nazionalizzazioni, che porti con sé anche una nuova e diversa concezione del modello di sviluppo, che preveda partecipazione delle comunità e controllo popolare, salvaguardia del territorio, del bene comune, del lavoro NON ammette più ritardi, né tentennamenti da parte di questo governo. Governo di cui fa parte una forza come la Lega che in passato ha sottoscritto concessioni e, come tutti gli altri partiti, ha preso soldi da Autostrade, votando come gli altri il decreto Salva-Benetton e che oggi, non a caso, frena sulle ipotesi di ripublicizzazione del settore.Occorre quindi mobilitarsi perché la richiesta di nazionalizzazione che è venuta dal basso e che è stata populisticamente evocata dal Governo, sia effettivamente esaudita, per rimettere in campo, qui ed ora, il rilancio del lavoro pubblico come rilancio dei servizi sociali a partire da sanità, istruzione, abitazioni, del carattere pubblico dell’acqua, per sottrarli agli appetiti dei privati e degli speculatori, con un piano di finanziamento, assunzioni e di reinternalizzazioni che porti al superamento del precariato.Per questo rivolgiamo un appello a tutte le forze sociali, politiche, ai comitati dei territori, alle lavoratrici e ai lavoratori, alle/ai precarie/i, per costruire insieme entro settembre un’assemblea nazionale a Genova e una grande manifestazione il 20 Ottobre a Roma.Per difendere il territorio, i servizi, la salute, il lavoro, per fare sentire la voce di chi in questi anni di crisi ha pagato tutto con aumento dello sfruttamento, delle tariffe, dell’inquinamento.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Minniti valorizzi i 50 mila addetti della sicurezza privata nella difesa del patrimonio pubblico e privato

Posted by fidest press agency su sabato, 28 ottobre 2017

marco minniti“Il ministro dell’Interno Marco Minniti valuti l’opportunità di predisporre una vera regolamentazione della sicurezza privata con l’obiettivo di utilizzare gli oltre 50 mila addetti degli istituti di vigilanza nella difesa del patrimonio pubblico e privato”. E’ quanto chiede in una nota il parlamentare di Fratelli di Italia, Edmondo Cirielli, responsabile del dipartimento Giustizia di Fdi, al termine di un incontro con il collega Filippo Asicerto e Longobardi Castrese, rappresentante di Union sicurity.
“Con questa azione – spiega il deputato di Fdi – centriamo un doppio risultato: da un lato, seguendo il modello già risultato vincente nella gestione degli aeroporti, l’impiego degli addetti privati ottimizza il lavoro delle forze dell’ordine, dall’altro si ha la definizione di un quadro normativo chiaro del comparto della sicurezza privata, che nel tempo ha acquisito professionalità e competenze specifiche, vedendosi così riconosciuto non solo il trattamento riservato ai lavori usuranti ma anche la qualifica di ps nell’espletamento dei compiti”. “Una risposta in tempi rapidi alla nostra sollecitazione rappresenta la strada migliore per concorrere alla sicurezza dell’Italia” – conclude Cirielli auspicando che “i nuovi assunti siano selezionati tra i volontari delle forze armate.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Incontri con la dottrina di Diritto internazionale privato

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 maggio 2017

Roma Lunedì 15 Maggio 2017, ore 10:00 Dipartimento di Giurisprudenza, Edificio Tommaseo, Aula 4 Via Ostiense 139. L’avvocato Francesca Prietrangeli, patrocinante presso le Giurisdizioni superiori, autrice di numerose pubblicazioni su riviste autorevoli in materia di Diritto internazionale privato e dell’arbitrato, ha da poco ultimato un lungo articolo relativo al tema dell’incontro del prossimo 15 maggio, di estremo interesse per gli studiosi e per gli operatori del diritto.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incontri con la dottrina di Diritto internazionale privato

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 aprile 2017

Roma Lunedì 10 Aprile 2017, ore 10:00 / 15 Maggio 2017 Dipartimento di Giurisprudenza, Aule 4 e 2 (v. calendario) Via Ostiense 139 e 159 (v. calendario) Come ogni anno, si svolgeranno dei seminari con la partecipazione di docenti ed esperti su tematiche di Diritto internazionale privato, nell’ambito del corso tenuto dalla professoressa Antonietta Di Blase e rivolto a gli studenti, dottorandi e professionisti interessati.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La ricerca frutto della sinergia tra pubblico e privato

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 dicembre 2016

ecotilesCamerino Dal terremoto alla ricostruzione. Tentando però di riutilizzare i rifiuti da costruzione e demolizione per ideare materiali innovativi per l’edilizia ecosostenibile. Questa la sintesi di Ecotiles, il progetto europeo finanziato dall’Unione Europea alla Scuola di Scienze e Tecnologie dell’Università di Camerino e con la partecipazione di Grandinetti srl di San Severino Marche, azienda leader nella produzione di materiali a base cementizia.“Lo smaltimento e il riciclo dei rifiuti da costruzione e demolizione (CDW) – spiega la prof.ssa Eleonora Paris, coordinatrice del progetto Ecotiles – è un problema particolarmente sentito su cui si sta investendo molto in Europa, visto il volume dei materiali coinvolti e la necessità di ridurre l’estrazione di risorse naturali da cava e l’emissione di anidride carbonica. Nel progetto Ecotiles vogliamo dimostrare che sommando le conoscenze scientifiche, le competenze e l’inventiva delle nostre aziende, è possibile ottenere risultati promettenti anche in questo ambito, partendo proprio dalle Marche”.La bontà del progetto è confermata anche dal partner privato del progetto, la Grandinetti srl di San Severino Marche: “C’è un crescente interesse nell’ambito dell’edilizia e del restauro – aggiunge l’ing. Valentino Grandinetti, socio dell’omonima azienda – per materiali ecosostenibili con una buona percentuale di materiale riciclato. Il loro utilizzo in architettura permette di avere un minore impatto sull’ambiente e un aumento del valore di ecosostenibilità degli immobili”. Le piastrelle Ecotiles infatti soddisfano lo standard Leed (Leadership in Energy and Environmental Design), uno degli strumenti di misurazione della sostenibilità ambientale degli edifici più utilizzato.Ecotiles è stato presentato recentemente al Comitato dei Sostenitori dell’Università di Camerino, che ha apprezzato sia il tema del progetto, innovativo e di interesse specialmente nel dopo-terremoto, sia l’efficace sinergia attivata tra azienda e università che ha permesso di ottenere il finanziamento europeo e di produrre già i primi demo da presentare alle fiere del settore. (foto. ecotiles)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Perché i partenariati pubblico-privati non funzionano

Posted by fidest press agency su martedì, 17 marzo 2015

Onu palaceEsiste una strana contraddizione tra l’euforia per i cosiddetti partenariati pubblico-privati (PPP) e gli scarsi risultati ottenuti con questi strumenti negli ultimi 30 anni. Molti governi ricorrono ancora ai partenariati pubblico-privati nella speranza che il settore privato finanzi le infrastrutture e i servizi pubblici.Tale speranza permea anche il G20, l’OCSE e i negoziati in corso alle Nazioni Unite sugli obiettivi di sviluppo sostenibile, che saranno confermati dai capi di stato nel settembre 2015.
La privatizzazione sta per diventare politica ufficiale delle Nazioni Unite. L’esperienza con i PPP dimostra tuttavia che è fondamentalmente fallace.Il rapporto “Why Public-Private-Partnerships don’t work” (Perché i partenariati pubblico-privati non funzionano) redatto da PSIRU (Public Services International Research Unit) valuta l’esperienza dei PPP nei paesi ricchi come in quelli più poveri.In esso si giunge alla conclusione che i PPP rappresentano un modo costoso e inefficace di finanziare le infrastrutture e i servizi, perché occultano l’indebitamento pubblico e allo stesso tempo offrono a società private garanzie di Stato a lungo termine per i profitti. La ricerca svela le pratiche oscure dei PPP, in gran parte tenuti segreti e nascosti dietro negoziati riservati per proteggere vantaggi commerciali. Non ci sono consultazioni pubbliche, bensì molte false promesse e contratti commerciali estremamente complessi, tutti studiati allo scopo di proteggere gli utili delle imprese.“I governi e le Nazioni Unite sono fortemente influenzati da una potente lobby composta dalle maggiori società di servizi finanziari, di consulenza e legali, che cerca di trarre profitto da servizi pubblici primari come la sanità, l’acqua e l’energia“, sostiene Rosa Pavanelli, Segretario generale di PSI (Public Services International).“Dobbiamo tenere presente che le imprese del settore privato devono massimizzare i profitti se vogliono sopravvivere. Ciò è incompatibile con la necessità di assicurare un accesso universale a servizi pubblici di qualità, soprattutto per chi non è in grado di pagare tali profitti”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

22 operatori in Friuli Vg per visitare le cooperative aderenti al Consorzio il Mosaico

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 marzo 2012

Udine giovedì 29 marzo, con inizio alle ore 16 centro ippico del Preval con l’assessore regionale Roberto Molinaro. Nei prossimi giorni arriveranno in regione 22 operatori provenienti dalla Francia, dalla Spagna e dal Portogallo per visitare le cooperative sociali aderenti al Consorzio Il Mosaico (28 – 30 marzo 2012). Quest’ultimo aderisce ad un Progetto Grundtvig, dal titolo “L’accompagnement des personnes en grandes difficultés en milieu rural” (l’assistenza a persone svantaggiate in contesti rurali). Si tratta di un Sottoprogramma del più ampio “Programma d’azione comunitaria nel campo dell’apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP)”, che riunisce al suo interno tutte le iniziative di cooperazione europea nell’ambito dell’istruzione e della formazione dal 2007 al 2013. Grundtvig si occupa di sostenere la formazione permanete tra gli adulti. Nel programma della tre giorni, la visita al Centro Ippico del Preval sarà il momento culminante e vedrà la presenza dell’assessore regionale Roberto Molinaro. Il centro ippico (www.centroippicopreval.it ), è stato realizzato dalle cooperative associate al Consorzio il Mosaico: «A distanza di poco più di un anno dalla sua attivazione, fu inaugurato da Kosic il 24 settembre 2010» dichiara Mauro Perissini, Presidente del Consorzio Il Mosaico «vogliamo “rendere conto” alla comunità regionale di quanto è stato realizzato, anche grazie ai soldi dei contributi pubblici: 3 persone svantaggiate sono già state assunte. Possiamo, perciò, definirlo un primo incoraggiante obiettivo raggiunto. Ci piace, inoltre, evidenziare come lo stesso sia stato perseguito in un contesto di investimento e di imprenditorialità che valorizza le risorse locali lavorando in una prospettiva di rete che associa Enti pubblici, Servizi territoriali e partner del privato sociale».

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Estensione nuove norme del lavoro

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 marzo 2012

“La marcia indietro fatta dal Governo sull’estensione delle nuove norme del lavoro agli statali è un grave segno di incertezza che lascia intuire tutta la debolezza della nuova regolamentazione” lo dichiara l’on. Americo Porfidia Presidente nazionale dell’NpS- Noi Sud-per il partito del Sud. “Altro aspetto che lascia fortemente dubbiosi sull’operato del Governo in materi di lavoro è il tentativo palese di dividere il corpo sociale, con l’evidente scopo di scatenare una guerra tra poveri, facendo risultare come dei fastidiosi privilegi i diritti sacrosanti dei lavoratori. E’ un gioco davvero sporco quello che si sta giocando sui tavoli del Governo, ma noi di Nps-NoiSud non cadremo vittime di questi tranelli, e il nostro rifiuto – conclude il deputato campano – riguarda il sistema delle riforme del lavoro nel suo insieme, sia che riguardi il settore pubblico che quello privato”

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Connubio tra pubblico e privato

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 dicembre 2010

Roma 2 dicembre 2010 Ore 11:00 Sala della Stampa Estera Via dell’Umiltà 83 Merck Serono, da sempre impegnata nel campo della ricerca scientifica e dell’innovazione, intende oggi dar vita, insieme ad i suoi illustri ospiti, ad un dibattito che si preannuncia di grande attualità e vivacità culturale, in un momento particolarmente delicato per l’intero settore della ricerca scientifica e dell’innovazione.  Da sempre attenta alla valorizzazione dei talenti del nostro Paese, MS si propone in veste di “partner” al fianco delle Istituzioni pubbliche nel riconoscimento delle eccellenze. L’Azienda sosterrà una serie di grant formativi finalizzati allo svolgimento di stage retribuiti della durata di due anni, da svolgersi presso i propri siti di Bari, Guidonia Montecelio e Colleretto Giacosa. Modera l’incontro Prof. Leonardo Santi Presidente del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita (CNBB)
I lavori iniziano con Leonardo Santi per il Saluto di benvenuto e introduzione seguono  Antonio Messina – Amministratore Delegato Merck Serono S.p.A: l’impegno di Merck Serono nella ricerca e innovazione scientifica e nella valorizzazione delle risorse umane e dei talenti individuali. Fabrizio Cobis – dirigente dell’Autorità di gestione del PON R&C –       Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca: Il ruolo delle politiche pubbliche nel rapporto tra Universita’ e Imprese: l’azione del Miur Leonardo Santi – l’importanza strategica di individuare nuove forme di “dialogo” tra le aziende radicate sul territorio e le Istituzioni. In rappresentanza delle università interverranno  Prof Pier Luigi Canonico, Preside Facoltà di Farmacia dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale  Prof. Renato Lauro, Rettore dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata (TBC) Prof. Roberto Perrone, Preside della Facoltà di Farmacia dell’Università’ Degli Studi di Bari Prof.ssa Fiorella Altruda, Presidente Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie, Università degli Studi di Torino Prof. Lorenzo Silengo, Prof. Ordinario Dipartimento di Genetica, Biologia e Chimica Medica Università degli Studi di Torino Leonardo Santi: chiude i lavori.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lettera al direttore tra il privato e il pubblico

Posted by fidest press agency su sabato, 11 settembre 2010

Egregio direttore. Scrivo la lettera che riporto qui in fondo, alla redazione de Il Giornale, la quale ovviamente non pubblica. Però, come si può accertare, la mail mi torna indietro con la risposta privata di Ariel Feltri. Risposta che non trascrivo, poiché privata appunto. Però trascrivo qui di seguito la mia replica, che ovviamente non solo non è stata pubblicata, ma non ha avuto cenno di riscontro.
Veronica Tussi
Perché, gentilissimo Ariel Feltri,  risponde personalmente, e non pubblicamente? Teme forse il giudizio dei lettori? Mi darebbe il permesso di divulgare la sua risposta privata?  Vede, gentile signore, io non ho detto che le notizie fornite da Il Giornale non interessino i lettori, me compresa; affermo semplicemente che il fine vero (può negarlo?) non è quello di informare il lettori, ma quello preciso di colpire Gianfranco Fini. Alla stessa maniera, il fine vero de La Repubblica non era quello di informare i lettori sulle vicende di Silvio Berlusconi, bensì di colpire Berlusconi. Se così non fosse, non ci sarebbe motivo di uscire ogni giorno insistentemente con titoli a caratteri cubitali sulle stesse notizie. E’ ovvio che in tal modo si fa anche informazione, ma l’informazione diventa volutamente lo strumento per raggiungere un altro fine. Ora, lei sa bene che il fine, anche se buono (resta da stabilire se è buono), non giustifica il mezzo, se questo è cattivo. Solo l’assoluta necessità (caso della legittima difesa) ci consente di ricorrere ad un mezzo cattivo per raggiungere un fine buono. Chiaro il concetto? Però, io capisco che ci vuole coraggio, ma non crede sarebbe opportuno sottoporre il problema agli intelligenti obiettivi lettori de Il Giornale e magari anche de La Repubblica? Un caro saluto (Veronica Tussi)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trasparenza pubblico privato in sanità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 aprile 2010

“Per gli uomini nulla è più utile di una prudente diffidenza”. Ma quando viene meno l’aggettivo, la diffidenza pregiudica i rapporti tra pubblico e privato, mortifica l’impresa e frena lo sviluppo. Ben venga, allora, la definizione di un codice di comportamento basato su valori etici, regole e criteri condivisi, capace di spingere i rapporti tra i vari livelli delle Istituzioni e il settore privato della sanità in un’area di trasparenza, come condizione imprescindibile per creare una nuova cultura delle relazioni istituzionali. Lo ha dichiarato il Sen. Luigi D’Ambrosio Lettieri, Segretario della XII Commissione Sanità del Senato, alla presenza del Presidente, Sen. Antonio Tomassini, nel corso della prima assemblea di Public Affairs Association, neonata associazione per lo sviluppo delle relazioni istituzionali in sanità, presieduta da Claudio Cricelli, sostenendo che creare nuove e proficue sinergie tra organo legislativo, esecutivo, regolatorio e mondo dell’impresa è condizione necessaria e irrinunciabile per dare nuovo impulso all’economia e concreti benefici alla comunità.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Africa ed i suoi drammi esistenziali

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 agosto 2009

E’ un continente troppo grande per poterlo descrivere. Forse così grande e complesso, per molti lontano, scriveva Sara Melchiori su Avvenire anni fa, che risulta più facile tacere o ricordarsene solo di fronte all’emergenza, all’esplodere di nuovi drammi, di nuovi focolai di guerra, in breve dimenticati. »  E’ questa l’Africa. Una realtà che ha come minimo denominatore la povertà e che è alimentata dai disastri ambientali e dal retaggio dei vari colonialismi  che l’hanno predata in largo e in lungo come tante cavallette che dove passano lasciano solo miserie e distruzioni. Oggi i paesi africani debitori sono tanti per nulla aver saputo fare per la costruzione di una società civile aperta alla democrazia e alla civiltà. Oggi i 715 milioni di abitanti risultano essere i più indebitati del mondo. Sono riusciti a trovare soldi solo per acquistare armi e scannarsi a vicenda. E’ una soglia della povertà che spaventa: nell’Africa subsahariana il 75% della popolazione vive di sotto la soglia della povertà, l’80% non ha accesso all’energia elettrica, il 75% non dispone di adeguate strutture igieniche, ogni anno circa  tre milioni di africani muoiono di Aids ed oltre 23 milioni ne restano contagiati. Per non parlare di altri mali come la malaria, la tubercolosi, la diarrea, il morbillo, le infezioni respiratorie che in Africa diventano facilmente malattie mortali in specie per i bambini fino ai 5 anni. Basterebbe una sola cifra in comparazione per capire il dramma di questo continente: la spesa sanitaria pro-capite mediamente in Africa si attesta sui 10-15 dollari su base annua contro i 1.855 dell’Italia ed i 4.187 degli U.S.A. Di questa spesa sanitaria in Africa il 60-65% è in carico al privato.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »