Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Posts Tagged ‘processo’

Processo d’appello per genocidio contro Ratko Mladic

Posted by fidest press agency su martedì, 1 settembre 2020

Aia. Martedì prossimo 25 agosto, inizierà all’Aia il processo di appello per Ratko Mladic. Il tribunale dell’ONU aveva condannato il comandante in capo dei serbi bosniaci all’ergastolo nel 2017 per genocidio, crimini contro l’umanità e violazioni delle leggi o degli usi di guerra. Le udienze di appello sono già state rinviate tre volte. La difesa del carnefice di Bosnia ha ovviamente tentato una tattica dilatoria affinché il settantasettenne possa non vivere abbastanza per vedere la sentenza finale. Tuttavia, il tribunale responsabile del procedimento ha smascherato la tattica e ha annunciato la sua intenzione di iniziare definitivamente le udienze il 25 agosto. Nove anni dopo l’inizio delle trattative e 25 anni dopo il genocidio di Srebrenica, i parenti delle vittime meritano finalmente giustizia. Dopo 16 anni di fuga, Mladic è stato arrestato nel marzo 2011. Nel 2018 ha presentato ricorso contro la sentenza del Tribunale dell’Aia. Già prima della prima udienza, la difesa di Mladic aveva chiesto la ricusazione di tre giudici per presunta mancanza d’imparzialità e terzietà. Una seconda udienza ha dovuto essere rinviata a causa di un intervento medico. Al terzo tentativo, le restrizioni di viaggio dovute alla pandemia hanno impedito ad alcuni giudici di partecipare. Mladic stesso se lo desidera potrà partecipare al processo in video dalla sua cella.La comunità internazionale continua a fallire nella prevenzione del genocidio e nella coerente attuazione della sua responsabilità nella protezione delle vittime. Ma anche l’azione penale dopo tali atrocità deve diventare più efficace. Perché se i colpevoli la fanno franca per anni di impunità, altri sono incoraggiati a commettere atti simili. Mladic è anche responsabile di genocidio in sei comunità bosniache vicine a Srebrenica, e deve essere condannato anche per questo. Tuttavia, poiché inizialmente è stato assolto per i crimini commessi a Kljuc, Kotor Varoš, Sanski Most, Prijedor, Vlasenica e Foca, l’accusa ha fatto ricorso anche in appello. Ci aspettiamo che il tribunale confermi il verdetto di prima istanza e riconosca la responsabilità di Mladic per i crimini commessi anche nelle altre sei comunità bosniache. Per l’Associazione per i popoli minacciati (APM) si spera che la glorificazione di questo brutale massacratore termini con questo processo e la narrazione della negazione del genocidio sia così messa a tacere per sempre.Il Meccanismo internazionale per le funzioni residue dei tribunali penali ad hoc (IRMCT) è responsabile del caso Mladic. Questo tribunale è il successore legale del Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia e del Tribunale penale internazionale per il Ruanda. Sono previste due giornate, il 25 e il 26 agosto, per le udienze d’appello. Il pubblico non avrà accesso all’aula, ma il procedimento sarà trasmesso sul sito web dell’IRMCT (www.irmct.org/en/cases/mict-courtroom-broadcast) con un differimento di 30 minuti.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il processo di Internazionalizzazione dell’Università di Parma

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 luglio 2020

20 docenti di elevata qualificazione scientifica, provenienti da 15 Paesi di 3 continenti, sono stati selezionati grazie al bando Unipr dedicato ai Visiting Professor.I nuovi Visiting Professor insegnano in alcune delle più prestigiose Università del mondo, quali Cambridge o l’Istituto Nazionale di Salute di Washington DC, ma non solo: l’Università di Parma ha infatti esteso le relazioni e i rapporti internazionali anche con Atenei di regioni diverse e di centri grandi e medio-piccoli, a livello globale, per rafforzare la possibilità di realizzare progetti e ottenere fondi europei e internazionali congiunti.Si tratta di docenti stranieri di chiara fama che, assumendo un incarico in Ateneo, si impegnano formalmente non solo a insegnare nei corsi di laurea di primo e secondo livello, ma anche a sostenere l’attività di ricerca dei dottorandi e a implementare e rafforzare le partnership e i progetti scientifici esistenti, finalizzando la loro collaborazione alla creazione di titoli multipli, doppi e congiunti.Il 90% degli insegnamenti sarà tenuto in lingua inglese, anche se non mancheranno insegnamenti in altre lingue straniere. I corsi si terranno in modalità blended oppure in presenza, quando sarà di nuovo possibile, in base alle misure di prevenzione sanitaria dettate dall’emergenza COVID-19.L’Ateneo ha introdotto infine nuove importanti novità, quali un questionario di valutazione rivolto agli studenti che seguiranno le lezioni e nuove forme di monitoraggio e audit dell’attività svolta dai Visiting Professor.
Ecco i nomi dei Visiting Professor, con Università di provenienza e Paese, divisi per Dipartimento:
Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali
Maria Teresa Schettino, Università dell’Alta-Alsazia (Francia), Inmaculada Gonzalez Falcon, Università di Huelva (Spagna)
Dipartimento di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali: Anna Wysocka-Bar, Università Jagellonica di Cracovia (Polonia)
Dipartimento di Ingegneria e Architettura: Giuseppe Caire, Politecnico di Monaco di Baviera (Germania) Uwe Schroder, Università Tecnica di Aquisgrana (Germania) José Colaço, Università di Rio de Janeiro (Brasile) Adalberto Da Rocha Gonçalves Dias, Università di Porto (Portogallo) Marat Dosaev, Università statale Lomonosov di Mosca (Russia) Francesco Iannuzzo, Università di Aalborg (Danimarca)
Dipartimento di Medicina e Chirurgia: Luigi Notarangelo, Istituto Nazionale di Salute (NIH) Washington DC (Stati Uniti)
Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale: Lia Addadi, Istituto Weizmann per le Scienze (Israele), Jurriaan Huskens, Università di Twente (Olanda), Ben Francesco Luisi, Università di Cambridge (Regno Unito)
Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali: Pedro Dario Reissig, Università di Buenos Aires (Argentina), Dao Thi Thanh Binh, Università di Hanoi (Vietnam)
Dipartimento di Scienze Matematiche, Fisiche e Informatiche: Federica Bianco, Università del Delaware (Stati Uniti) Maximiliano Cristià, Università Nazionale di Rosario (Argentina), Nicolas Saintier, Università di Buenos Aires (Argentina)
Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie: Maria del Mar Blanco Gutierrez, Università Complutense di Madrid (Spagna) Manuela Schnyder, Università di Zurigo (Svizzera)

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pediatria: Il processo diagnostico dell’IDO

Posted by fidest press agency su domenica, 28 giugno 2020

“Al convegno per i 50 anni dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) parlerò del processo diagnostico che l’Istituto utilizza da molto tempo e che ha la caratteristica di non tralasciare nulla riguardo al problema del bambino. Infatti, nel valutare e sostenere una diagnosi, l’IdO tiene conto di tutti gli aspetti che ruotano intorno a una difficoltà, un disturbo e una disabilità”. A dichiararlo è Andrea Pagnacco, neuropsichiatra e psicoanalista IdO, spiegando i temi che affronterà nel corso delle quattro giornate del convegno in programma a Roma dal 22 al 25 ottobre. “In particolare- prosegue il medico- parleremo dell’individuazione dell’elemento centrale del disturbo, approfondendo l’aspetto relazionale, emotivo e ambientale. Quest’ultimo- conclude Pagnacco- può scatenare il problema o essere addirittura un fattore di resilienza nelle difficoltà che il bambino presenta”.
Guardando al periodo della pandemia, Pagnacco sottolinea come “in questa fase di riapertura stiamo vedendo delle manifestazioni comportamentali molto diverse tra loro. Nella famiglia che ha saputo mantenere una struttura organizzativa della giornata e delle attività durante il lockdown si sta rivedendo una lenta ripresa della normalità. Invece, nella famiglia che non è riuscita a gestirsi nell’organizzazione vediamo reazioni contrarie, con bambini e ragazzi che hanno difficoltà a uscire e a rivivere una situazione di normalità che ancora, purtroppo, non è tale”. Il medico evidenzia poi un aspetto che ha aiutato genitori e figli a mantenere uno stile di vita simile a quello normale nella fase acuta della pandemia: “La scuola ha ricoperto un ruolo importantissimo- spiega- lì dove è riuscita a far funzionare le videolezioni della didattica a distanza con regolarità e a invogliare la partecipazione degli alunni”. L’intervento di Andrea Pagnacco al convegno IdO è previsto per sabato 24 ottobre alle 15 all’interno della sessione ‘Gli apprendimenti dai 6 ai 10 anni’.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Wilhelm Furtwängler: Processo all’Arte di Ronald Harwood

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 gennaio 2020

Roma In prima nazionale, dall’8 gennaio al 9 febbraio 2020, al Teatro Stanze Segrete – Via della Penitenza 3 dal martedì al sabato ore 21.00; domenica ore 19.00, domenica 8 dicembre doppia replica ore 16.30 e 19.00. Prezzo biglietti 17 e 13 euro + tessera semestrale obbligatoria 3 euro Wilhelm Furtwängler. Processo all’Arte, tratto dall’opera dell’autore britannico, con l’adattamento, l’allestimento scenico, e la regia di Ennio Coltorti: uno spettacolo filosofico, un’indagine storica unica sul ruolo dell’Arte e dell’impegno.In scena due “mattatori” contemporanei, eccellenze del doppiaggio italiano, Ennio Coltorti e Marco Mete, affiancati da Tomaso Thellung, Virna Zorzan, Licia Amendola, Federico Boccanera.“Chi è senza peccato scagli la prima pietra”. Nessuno è tanto puro da poter giudicare. Ma di fronte a milioni di morti freddamente pianificati? Il titolo originale di questa straordinaria pièce (da cui è stato tratto anche un magnifico film) che mette in scena lo stringente interrogatorio a cui un inflessibile e volgare maggiore americano alla fine della seconda guerra mondiale, durante il processo di denazificazione, sottopone il più grande direttore d’orchestra di tutti tempi, è “Taking side”: “Prendere posizione”. Si è responsabili di ogni azione, nel bene e nel male. Vale anche per l’artista? Per Caravaggio, Rimbaud, Byron, Marlowe, D’annunzio etc.? O l’artista è al di sopra dei comuni mortali e non può essere giudicato per colpe riguardanti il vivere civile? È recente il caso del grande attore Kevin Spacey. L’autore, abilmente, non dà risposte. Il delicato momento che sta attraversando il nostro paese rende estremamente attuale questo testo che esorta in ogni caso a “Prendere” coraggiosamente “posizione”. Un inquietante viaggio quasi “artaudiano” nei misteriosi, e a volte mostruosi, meandri dell’animo umano. Un allestimento e una recitazione prettamente “cinematografici”. Uno spettacolo che, anche grazie allo spazio magico di Stanze Segrete, porta lo spettatore “dentro un film”.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il processo a Gesù

Posted by fidest press agency su martedì, 12 novembre 2019

Giovedì 14 novembre 2019, alle 10:45, all’Università Europea di Roma (via degli Aldobrandeschi 190) si terrà una conferenza sul tema “Il processo a Gesù”, con il Prof. Luigi Garofalo, Ordinario di Diritto Romano nell’Università di Padova e autore del libro “Gesù. La crocifissione di un giusto”, Ed. Corriere della Sera – RCS Group 2019, nell’ambito del corso di Fondamenti Romanistici del Diritto Europeo (Prof. Lorenzo Franchini). L’incontro sarà aperto dal saluto introduttivo del Prof. Alberto Gambino, Pro-Rettore dell’Università Europea di Roma. Interverranno il Rettore Padre Pedro Barrajón LC e il Prof. Umberto Roberto, Direttore del Dipartimento e Ordinario di Storia Romana. Conclusioni del Prof. Emanuele Bilotti, Coordinatore del Corso di Laurea in Giurisprudenza.Il convegno “Il processo a Gesù” affronterà l’appassionante tema da una prospettiva originale ed ignota ai più: quella del diritto e del processo. Si tratta di una vicenda, come si sa, di importanza cruciale, realmente verificatasi, ma di solito indagata sul piano esclusivamente religioso, sia esso cristiano od ebraico. Qui invece, con il prezioso aiuto dell’autore del libro, il prof. Luigi Garofalo, si cercherà di porsi nell’ottica, tutta romana, propria di un giudice che si trova a dover accertare la fondatezza di un’accusa (la lesa maestà imperiale), ai fini dell’emissione di una sentenza che tenga conto della sola verità processuale emersa nell’ambito di una inchiesta penale, condotta secondo le regole ordinariamente applicate nelle province dell’impero.Ponzio Pilato avrà compiuto sì o no il suo dovere, per come lo si è descritto? Il prestigioso conferenziere, che è un giurista dell’Università di Padova, dovrà poi confrontare il suo punto di vista con quello di un teologo, Padre Pedro Barrajón LC, e con quello di uno storico, il Prof. Umberto Roberto.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Processo di beatificazione di Chiara Lubich: si conclude la fase diocesana

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 ottobre 2019

Il 10 novembre prossimo si concluderà a Frascati (Italia) la fase diocesana del processo di beatificazione della fondatrice dei Focolari. Proseguirà in Vaticano, presso la Congregazione delle Cause dei Santi. Si concluderà presso la cattedrale di San Pietro, a Frascati, alle 16.30 di domenica 10 novembre prossimo, la fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione di Chiara Lubich, con lo svolgimento dell’ultima sessione dell’Inchiesta diocesana presieduta da Mons. Raffaello Martinelli, Vescovo di Frascati.Con la chiusura definitiva di questa fase tutti gli atti dell’inchiesta, sigillati, saranno inviati in Vaticano, al termine di quasi cinque anni di indagini e approfondimenti sulla vita, le virtù, la fama di santità e di segni della Lubich.Con questo passaggio lo studio degli atti proseguirà presso la Congregazione delle Cause dei Santi.L’iter per l’avvio della causa era iniziato il 7 dicembre 2013 – a cinque anni dalla morte della Lubich – con la presentazione della richiesta ufficiale al vescovo di Frascati da parte del Movimento dei Focolari. Il 27 gennaio 2015 Mons. Martinelli ha dato seguito alla richiesta aprendo solennemente la causa.In quell’occasione Papa Francesco si fece presente con un messaggio in cui ricordava il luminoso esempio di vita della fondatrice del Movimento dei Focolari a quanti «ne conservano la preziosa eredita` spirituale». Inoltre esortava «a far conoscere al popolo di Dio la vita e le opere di colei che, accogliendo l’invito del Signore, ha acceso per la Chiesa una nuova luce sul cammino verso l’unità».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il processo del futuro

Posted by fidest press agency su sabato, 6 luglio 2019

Come sarà la giustizia di domani? In un mondo dove la tecnologia e l’intelligenza artificiale penetrano sempre più profondamente nelle nostre vite, il Professore Jordi Nieva-Fenoll analizza presente e futuro dell’utilizzo di questi strumenti nel suo nuovo libro “Intelligenza artificiale e processo”, edito da Giappichelli con traduzione e prefazione di Paolo Comoglio.In una società dove la maggior parte del lavoro all’interno dei Tribunali viene impiegato per dirimere cause semplici e che vengono risolte in maniera meccanica applicando procedure sistematizzate, Jordi Nieva-Fenoll disegna un futuro dove saranno le macchine a poter svolgere questo tipo di mestiere, eliminando le motivazioni delle sentenze e rendendo la figura dell’avvocato non più necessaria in molti casi.
Negli Stati Uniti già esistono algoritmi in grado di valutare la pericolosità di una persona sulla base delle sue caratteristiche personali, titolo di studio, area di residenza, fedina penale e altri. Questi programmi sono oggi utilizzati solo per reati minori, ma c’è chi pensa a un loro utilizzo anche per casi più complessi, che vedranno addirittura l’eliminazione della presunzione di innocenza: in mancanza di prove gli imputati potranno essere condannati poiché associabili ai profili criminali costruiti dall’algoritmo sulla base dei dati forniti. Un futuro allarmante, e non troppo lontano.
Come evitare quindi il rischio di una giustizia basata su pregiudizi razzisti o il mantenimento di discriminazioni già presenti nella società? Ad esempio, sottolinea Fenoll, i dati ci dicono che negli Stati Uniti i membri di alcune minoranze sono più spesso sottoposti a misure di custodia cautelare. L’algoritmo è dunque portato a considerare queste persone come maggiormente pericolose, aumentando le loro probabilità di condanna.
Oggi tutti questi cambiamenti riguardano soprattutto gli Stati Uniti, ma non è escluso che un giorno possano estendersi anche in Italia per velocizzare il funzionamento dei tribunali. Il controllo umano sarà fondamentale per evitare scenari nei quali non sarà necessario commettere alcun reato per essere condannati e basterà rispondere ai modelli di criminale elaborati dai computer: l’opera di Jordi Nieva-Fenoll costituisce uno strumento importante per fronteggiare queste sfide ed evitare una giustizia discriminatoria, specie verso le minoranze.
Jordi Nieva-Fenoll: Professore ordinario di diritto processuale nell‘Università di Barcellona e Visiting Professor presso diverse università europee e americane. È autore di dieci monografie e di più di cento articoli su svariati argomenti di diritto processuale civile e penale. E’ co-fondatore della collana “Derecho y proceso”.
Paolo Comoglio: Paolo Comoglio è ricercatore in Diritto Processuale Civile presso l’Università di Genova, ove è incaricato dell’insegnamento “Intelligenza artificiale, processo civile e avvocatura”. È autore di vari saggi e di opere monografiche (fra cui, in particolare, “Nuove tecnologie e disponibilità della prova. L’accertamento del fatto nella diffusione delle conoscenze”, Giappichelli, 2018).

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Valore probatorio degli atti notori nel processo tributario

Posted by fidest press agency su domenica, 19 maggio 2019

Con un’importante ordinanza, n. 13174 del 16 maggio 2019, la Corte di Cassazione ha accolto il ricorso proposto da un contribuente, rappresentato e difeso dall’Avv. Maurizio Villani, avente ad oggetto due avvisi di accertamento emessi dall’Agenzia delle Entrate a seguito di indagini bancarie.In particolare, mediante la produzione in giudizio di dichiarazioni sostitutive dei familiari che avevano affermato che le ingenti somme contestate erano pervenute al contribuente per donazione paterna, veniva dimostrata l’illegittimità ed infondatezza delle contestazioni mosse dall’Agenzia delle Entrate.Tuttavia, mentre i giudici di primo grado accoglievano in toto le doglianze del contribuente, i giudici di seconde cure ritenevano che le dichiarazioni sostitutive non potevano assurgere a prova idonea a giustificare le ingenti somme di moneta contante transitate dal padre defunto al figlio.Avverso la sfavorevole sentenza dei giudici di secondo grado, il contribuente ha proposto ricorso per Cassazione, in particolare eccependo l’insufficiente e contradditoria motivazione della sentenza della CTR che si era limitata a ritenere le dichiarazioni sostitutive non idonee ad assurgere a fonte di prova, senza tenere in considerazione alcuna l’ulteriore produzione documentale esibita in giudizio, costituita da assegni, estratti conto, atti di vendita e ricevute di pagamento.Il contribuente rilevava, altresì, come gli atti notori costituiscono valida giustificazione delle operazioni segnalate in sede di verifica, rivestendo valore di elementi indiziari, considerato che il divieto di cui all’art. 7 del D. Lgs. n. 546/1992 si riferisce alla sola prova testimoniale nella sua accezione tipica, ma non preclude al giudice tributario di porre a fondamento della decisione dichiarazioni di soggetti terzi acquisite dalle parti processuali.Ebbene, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, i giudici di legittimità nell’accogliere le tesi difensive dell’Avv. Maurizio Villani, hanno avuto finalmente la possibilità di chiarire che:
– il divieto di cui all’art. 7 del D.Lgs. n. 546 del 1992 fa riferimento alla sola prova testimoniale, ma non preclude al giudice tributario di porre a fondamento della decisione dichiarazioni di soggetti terzi acquisite dalle parti processuali;
– gli atti notori hanno il valore probatorio proprio degli elementi indiziari e, qualora rivestano i caratteri di gravità, precisione e concordanza di cui all’art. 2729 c.c., danno luogo a presunzioni;
– anche al contribuente, al pari dell’Amministrazione finanziaria, è consentito introdurre in giudizio innanzi alle Commissioni tributarie dichiarazioni rese da terzi in sede extraprocessuale per far valere le proprie ragioni e tali dichiarazioni devono assurgere a rango di indizi, che necessitano di essere valutati congiuntamente ad altri elementi.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il linguaggio del processo”

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 novembre 2018

Milano Giovedì 8 novembre 2018 alle ore 18:30 presso l’Auditorium “Piero Calamandrei” di La Scala, in via Correggio 43 La Scala Società tra Avvocati e la sua Toogood Society presentano “Il linguaggio del processo” di Filippo Danovi. La parola e le forme del linguaggio svolgono un ruolo fondamentale all’interno del processo e intorno a esso, che lo si consideri come un necessario e dialettico confronto, come un viaggio, come una rappresentazione, una battaglia o un gioco. Ne “Il linguaggio del processo” (Giuffrè editore), Filippo Danovi – Professore Ordinario di Diritto processuale civile presso l’Università degli Studi di Milano–Bicocca – intende esplorare le differenti prospettive del rapporto tra processo e linguaggio, anche contestualizzato nell’evoluzione – e talvolta involuzione – della società.Alla presentazione del volume interverranno, con l’autore, Giuseppe La Scala (Senior Partner di La Scala Società tra Avvocati), Alberto Tedoldi (Associato di diritto processuale civile, Università di Verona) e Antonio Valitutti (Consigliere della Corte di Cassazione).Nel libro, suddiviso nelle due parti Le forme del processo e Le forme nel processo, si analizzano discipline e regole che finiscono per rafforzare ed estremizzare le forme del giudizio, e altre che al contrario tendono alla loro semplificazione, nella crescente emersione del principio di sinteticità degli atti. In relazione alle forme, l’autore raffronta istituti ormai desueti, altri che si pongono come alternativa al processo ordinario e si interroga sulle sfide del prossimo futuro, come quelle legate all’intelligenza artificiale. Nella seconda parte, Danovi indaga le gradazioni e le sfumature delle parole, dei luoghi e dei personaggi che animano i processi e conclude con riflessioni sul profondo e misterioso legame tra la parola, il processo e la vita.Ciò che emerge da una approfondita lettura del volume è il nesso tra il degrado dei modi di pensare e delle formule espressive che caratterizza il nostro tempo e la necessità di ripensare il linguaggio giuridico in funzione del nuovo porsi del diritto nell’esperienza contemporanea. Il diritto è da sempre lo specchio della società e la parola è indispensabile veicolo conoscitivo anche per il diritto, nel quale assume un ruolo vincolato da rigore e tecnicismo.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Processo ENI Nigeria

Posted by fidest press agency su domenica, 22 aprile 2018

Si è svolta a Milano la seconda udienza del processo civile intentato dalla comunità nigeriana Ikebiri contro la multinazionale petrolifera ENI e la sua controllata nigeriana NAOC per il danno ambientale causato dalle attività estrattive nel territorio della comunità, ubicato nella regione del Delta del Niger. Durante l’udienza è emersa la possibilità di una risoluzione concordata della controversia tra le parti. Colin Roche, extractive industries campaigner di Friends of the Earth Europe, ong che da principio ha sostenuto e accompagnato l’iter per il giudizio civile, dopo l’udienza ha dichiarato: “Il caso giudiziario presentato dalla comunità Ikebiri, attraverso il rappresentante e leader della comunità, Francis Ododo, ha spinto ENI/NAOC a trovare una soluzione per il danno causato con la fuoriuscita di petrolio del 2010. Oggi, entrambe le parti hanno chiesto al Tribunale il permesso di sospendere il caso per consentire loro di esplorare ulteriormente la possibilità di una soluzione extragiudiziale che potrebbe porre fine al conflitto. Prevediamo che la società offrirà un adeguato risarcimento e si impegnerà nelle procedure di bonifiche in base alle legittime richieste avanzate dalle comunità“. La Corte ha fissato la prossima udienza per il 23 ottobre 2018. (fonte: Avv. Luca Saltalamacchia e medias] OSSERVATORIO ENI)

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diritto alla presunzione di innocenza e il diritto di presenziare al processo

Posted by fidest press agency su sabato, 7 aprile 2018

La nuova normativa dell’UE in base alla quale agli indagati e imputati è riconosciuta la presunzione di innocenza fino a quando non ne sia stata legalmente provata la colpevolezza è in vigore da domenica 1º aprile.
La normativa assicura inoltre una migliore tutela dei diritto di restare in silenzio e del diritto di presenziare al proprio processo. Essa garantirà infatti che chiunque in tutta l’UE possa beneficiare di tali diritti procedurali, attualmente non tutelati allo stesso modo in tutti gli Stati membri. Vĕra Jourová, Commissaria per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere, ha dichiarato: “Ogni anno nell’UE 9 milioni di persone devono affrontare procedimenti penali. La presunzione di innocenza è un diritto fondamentale e deve essere rispettato nella pratica in tutta Europa. Ogni cittadino deve sempre avere la garanzia di un processo equo. Invito tutti gli Stati membri ad attuare le norme al più presto.”In base alla direttiva gli Stati membri devono anche garantire che fino a quando la colpevolezza di un indagato o imputato non sia stata legalmente provata, le dichiarazioni pubbliche rilasciate da autorità pubbliche e le decisioni giudiziarie non presentino la persona come colpevole. Inoltre è garantito il diritto al silenzio per l’imputato. Qualora sia stato violato il diritto di presenziare al processo, è garantito il diritto a un nuovo processo.La direttiva fa parte di un pacchetto di sei disposizioni legislative volte a fornire norme minime comuni sui diritti processuali degli indagati e degli imputati nei procedimenti penali. Il pacchetto garantisce che le persone fisiche indagate o imputate in procedimenti penali godano di diritti uguali nel proprio paese d’origine o in un altro paese dell’UE, e consente una migliore cooperazione giudiziaria in tutta l’UE.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Processo e tecniche di attuazione dei diritti

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 novembre 2017

giustiziaRoma Venerdì 17 Novembre 2017, ore 0:00 / 18 Novembre 2017 Aula Magna del Rettorato Via Ostiense 159 si terrà nell’Aula Magna, un convegno dal titolo “Processo e tecniche di attuazione dei diritti”, a trent’anni dallo storico convegno tenutosi a Palermo sul medesimo tema, quanto mai attuale. L’iniziativa costituisce un omaggio a chi, di quel convegno, fu l’animatore: il prof. Salvatore Mazzamuto, che ha dato lustro e prestigio al Dipartimento di Giurisprudenza, avendovi per molti anni insegnato Diritto civile. Il convegno vede la partecipazione d’illustri studiosi di Diritto civile, e non solo.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Processo di internazionalizzazione delle imprese

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

lecceLecce Mercoledì 20 aprile, presso HILTON GARDEN INN, si svolgerà la 5°tappa del 2016 del Roadshow “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri”. Lecce, città poliedrica dalle mille vocazioni, prime fra tutte turismo e agroalimentare, si sviluppa in un’area che ambisce ad internazionalizzarsi per far apprezzare, anche sui mercati globali, le eccellenze delle proprie produzioni e le bellezze del territorio. Importante sottolineare come sia fondamentale per il rilancio dell’economia nazionale saper individuare per ogni territorio le eccellenze produttive, che se ben seguite e assistite, potranno avere successo e farsi apprezzare sui mercati internazionali, con vantaggio per l’intero sistema Paese.Alcune aziende dell’area salentina, che hanno avuto modo di beneficiare dei servizi di assistenza e consulenza offerti dal sistema Paese, realizzando positivi percorsi di internazionalizzazione, hanno voluto raccontare la loro esperienza di crescita e di sviluppo sui mercati globali.
Giovanni Melcarne dell’Oleificio Forestaforte, azienda con più di 500 anni di storia, e anche Presidente del Consorzio camerale Olio D.O.P. Terra d’Otranto, racconta: “Il percorso di internazionalizzazione della nostra azienda é stato intrapreso grazie alle conoscenze dirette degli importatori che, durante soggiorni presso la nostra sede, hanno avuto modo di conoscere nei dettagli le varie fasi di lavorazione e apprezzarne i prodotti. Riteniamo che far conoscere direttamente le nostre aziende ai potenziali acquirenti esteri sia, se non il migliore, uno dei metodi più efficaci per internazionalizzare una realtà italiana, che ha l’obiettivo di produrre alta qualità e conquistare mercati esteri”. “Di grande rilevanza è il rapporto con l’Ente Camerale salentino, al quale siamo legati da una stretta collaborazione, soprattutto per quanto riguarda le attività di promozione internazionale che ci hanno visto protagonisti in questi anni. Un’attività che certamente sarà incrementata anche nel futuro” conclude.
Pastificio Benedetto Cavalieri, azienda fondata nel 1872 e diventata pastificio nel 1918, produce vari formati di pasta secca di diverse varietà di grano duro, lavorata ed essiccata con il metodo delicato.Sin dagli anni ’80, dichiara Andrea Cavalieri: “Il Pastificio Benedetto Cavalieri ha avviato un percorso di internazionalizzazione attraverso esportazione indiretta ovvero tramite importatori e distributori. I primi Paesi sono stati USA, Germania, Regno Unito, Svizzera e Australia.
La distribuzione avviene in un segmento di mercato ben preciso: siamo presenti esclusivamente in negozi gourmet, enoteche, prestigiosi ristoranti e nei migliori premium quality food department stores, escludendo il mass retail channel. Attualmente, la nostra pasta è stabilmente presente in USA, Europa, Canada, Australia, Giappone, Russia, Singapore, UAE, Corea del Sud, Nuova Zelanda, Hong Kong ed Egitto”.Nel nostro processo di internazionalizzazione, prosegue Cavalieri: “Ci siamo appoggiati a missioni imprenditoriali all’estero, incoming di buyer e fiere di settore promosse da ICE Agenzia, Camere di Commercio e Camere di Commercio Italiane all’estero”.
In conclusione, quando vi è un perfetto “matching” tra segmento di mercato nel quale opera l’impresa e i buyer selezionati, per esperienza, è possibile ottenere buoni risultati.Un altro caso di successo ci viene presentato da Giorgia Marrocco di PIMAR, azienda dalla lunga esperienza di estrazione, consulenza tecnica, manodopera specializzata nella pietra leccese.
“Gli oltre 150 anni di storia e tradizione artigianale, poi imprenditoriale, hanno permesso a PIMAR di collocarsi nei mercati internazionali come impresa italiana altamente riconoscibile e fortemente concentrata sulla qualità e sull’eccellenza, non solo dei materiali ma di tutti i processi produttivi. L’internazionalizzazione dell’impresa si è svolta in maniera fluente ma dinamica, sfruttando strumenti commerciali sviluppati da enti promotori, ma allo stesso tempo coinvolgendo nomi e figure professionali dall’elevato carisma e sensibilità, che con i loro progetti internazionali hanno portato lontano il nome PIMAR”.
“L’azienda”, prosegue Giorgia Marrocco: “ha sempre ricevuto grandi attenzioni da parte degli enti regionali ed internazionali, e tra i vari strumenti utilizzati negli anni ci sono numerosi progetti regionali di carattere commerciale e culturale, partecipazione ad eventi dal respiro internazionale, a B2B con importanti buyer e professionisti del settore, ed ovviamente la presenza presso esposizioni e fiere in qualsiasi Paese, dagli Stati Uniti alla Russia, dal centro-nord Europa ai Paesi Arabi e dall’Oriente”.
“Tra le principali istituzioni che ci hanno sostenuto – conclude – la Camera di Commercio, la Regione Puglia e i suoi organismi, manifestazioni turistiche ed ovviamente l’ICE con le sue numerose iniziative dalle più svariate attività. Prendere parte a questi eventi significa riconoscere le loro potenzialità, sapere che sono investimenti, non solo economici, ma anche di impegno, passione e forza lavoro. Col tempo, PIMAR ha raggiunto confini lontani, firmando progetti di elevato prestigio”.
Un’altra testimonianza ci viene raccontata da Piernicola Leone de Castris, dell’omonima azienda vinicola attiva dal 1665, prima in Puglia dal 1925 per l’imbottigliamento.
“La nostra azienda – dichiara De Castris – dagli anni ‘40 si presenta sui mercati europei e negli Stati Uniti e poi in Asia, Canada, Centro e Sud America, Australia, Nuova Zelanda.
Partecipa al Vinitaly dalla prima edizione e da tempo alle altre principali fiere internazionali.
“Per internazionalizzarci – prosegue – in alcuni anni abbiamo utilizzato l’Ocm Paesi Terzi e la legge 133, Agea e Regione Puglia. I risultati si giudicano interessanti anche perché consentono a più aziende di raggiungere obiettivi, a breve termine, difficilmente ottenibili da singole realtà”.Maglio, azienda dolciaria dal 1875, riporta la sua esperienza: “Negli ultimi anni la nostra Azienda ha partecipato a varie iniziative di internazionalizzazione promosse sia dalla Camera di Commercio che dall’ICE. In particolare abbiamo intensificato la nostra partecipazione a fiere di settore in paesi per noi di particolare importanza, quali Germania (ISM, ANUGA), Francia (SIAL), Paesi Arabi (SIAL di Abu Dhabi), Giappone (FoodEx) e Sud-Est Asiatico (Thaifex di Bankok).
Inoltre, abbiamo partecipato a diversi workshop e incontri B2B volti sia ad ampliare la conoscenza delle norme e delle culture dei Paesi verso cui intendevamo allargare la nostra rete commerciale che ad entrare in contatto con nuovi buyer interessati ai nostri prodotti.
I risultati, per quanto non immediati e probabilmente in alcuni casi non così eccellenti da giustificare certi investimenti, si sono comunque avuti.
Di sicuro, adesso il nostro prodotto è molto più conosciuto all’estero rispetto a qualche anno fa, abbiamo avviato diverse importanti collaborazioni con partner in aree strategiche, il fatturato export è sicuramente aumentato e le prospettive per l’anno in corso sembrano piuttosto buone”.Il Roadshow “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri” è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre all’ICE-Agenzia, a SACE e a SIMEST, l’evento si avvale della collaborazione di Confindustria, Unioncamere e di Rete Imprese Italia.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il primo processo della storia in diretta tv

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 gennaio 2016

primo processo

Programme Name: The Eichmann Show – TX: 20/01/2015 – Episode: n/a (No. 1) – Picture Shows: ***EMBARGOED UNTIL 13th JAN 2015*** Roy (DYLAN EDWARDS), Milton (MARTIN FREEMAN), Leo (ANTHONY LAPAGLIA), Ron (BEN ADDIS) – (C) Feelgood Fiction – Photographer: Steffan Hill

Fu il primo processo ad un criminale nazista celebrato in Israele. Fu il primo processo ripreso dalle telecamere e trasmesso in tv in tutto il mondo (l’80% dei tedeschi ha seguito all’epoca tutte le puntate). L’allora presidente di Israele, Ben Gurion, accettò la proposta del produttore americano Milton Fruchtman di riprendere con telecamere nascoste le scene e gli interrogatori sul caso Eichmann, il vero “padre” dell’Olocausto, l’uomo che confessò di aver contribuito a uccidere 5 milioni di ebrei. Eichmann show – nelle sale The Space il 25, 26 e 27 gennaio – è l’appassionante storia di quel processo, celebrato dopo la lunga fuga di Eichmann, catturato dagli israeliani in Argentina nel 1960. La condanna fu “morte per impiccagione” il 31 maggio del 1962. Un film sulla realizzazione di un film con Martin Freeman nei panni del produttore Milton Frutchtman e Anthony LaPaglia che recita la parte del regista Leo Hurwitz. Definito il processo del secolo, venne mandato in onda in 37 paesi e per la prima volta i campi di sterminio vennero raccontati in diretta dai protagonisti sopravvissuti ai campi di sterminio. Il film racconta la storia del team di produzione di fronte ad una impresa irripetibile.
Eichmann show è uno dei contributi offerti alle giovani generazioni nell’ambito della “Giornata della memoria”. Il ricordo è dedicato a quel terribile 27 gennaio 1945 quando gli alleati parteciparono alla liberazione di Auschwitz.
Eichmann show è distribuito da Lucky Red.

primo processo1

Programme Name: The Eichmann Show – TX: 20/01/2015 – Episode: n/a (No. 1) – Picture Shows: ***EMBARGOED UNTIL 13th JAN 2015*** Eichmann (VAIDOTAS MARTINAITIS) – (C) Feelgood Fiction – Photographer: Algimantas Babravicius

THE SPACE CINEMA The Space Cinema, nato nel 2009 dalla fusione di Warner Village Cinema e Medusa Multicinema, è il leader del mercato italiano dell’esercizio cinematografico. A fine 2014 la proprietà della società è passata da 21 Investimenti e Mediaset a Vue Entertainment International, il gruppo fondato nel 2003 nel Regno Unito da Timothy Richards e Alan McNail. Il controllo azionario è nelle mani di due fondi canadesi: Omers e Alberta Investment Management Corporation. Giuseppe Corrado, amministratore delegato di The Space Cinema dalla sua fondazione, è stato confermato alla guida della società anche dalla nuova proprietà. Vue è presente in Uk, Irlanda, Germania, Danimarca, Polonia, Lituania, Lettonia e Taiwan con un fatturato di 900 milioni di euro, pari a una volta e mezzo l’intero mercato italiano. La mission di The Space Cinema – 36 multiplex in ogni regione italiana e 79mila posti a sedere- è quella di porre al centro del proprio lavoro lo spettatore a cui offrire l’eccellenza sia per quanto riguarda il livello delle proprie strutture cinematografiche sia nell’offerta sempre più ampia di contenuti esclusivi. Proprio per questo nel 2012 è nato The Space Extra, un palinsesto di contenuti speciali dedicati a cultura, musica, scienza, sport, intrattenimento e arte. E dal 2014 ha preso inoltre il via The Space Movies, il nuovo marchio del circuito dedicato alla distribuzione dei prodotti cinematografici. http://www.thespacecinema.it (primo processo)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Interoute riceve il via libera all’acquisizione di Easynet da parte del Competition and Markets Authority

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 novembre 2015

londraLondra, Interoute, l’operatore proprietario del più grande network e piattaforma di servizi cloud in Europa, annuncia il completamento dell’acquisizione del provider europeo di servizi gestiti Easynet, un’operazione del valore di 402 milioni di sterline. Il Competition and Markets Authority (CMA), l’equivalente britannico dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, ha autorizzato ufficialmente l’acquisizione in data 3 novembre, dando il via libera alla fase finale del processo.Con questa acquisizione, Interoute vede quasi raddoppiare dimensioni e portata dei propri servizi ICT aziendali (che rappresentano ora oltre il 70% del business complessivo del gruppo). Sulla base dei valori attualmente disponibili, a conclusione dell’acquisizione il fatturato globale di Interoute degli ultimi dodici mesi, chiuso al 30 giugno 2015, avrebbe superato i 700 milioni di euro.
L’acquisizione consentirà ai clienti del gruppo nato da questa fusione di accedere alla suite completa di prodotti e servizi di entrambe le aziende. Oltre all’estensione di prodotti e servizi, l’acquisizione amplierà le skill e le competenze a disposizione dei clienti attuali e dei futuri prospect di entrambe le aziende, in tutto il mondo. In futuro, il nuovo gruppo opererà con il marchio di Interoute. Fino al completamento dell’acquisizione, Easynet continuerà ad operare con il proprio marchio e verrà presentata come “Easynet, una società proprietà di Interoute”. Nell’attesa del completamento delle procedure di integrazione, entrambe le aziende lavoreranno in stretta cooperazione.Gareth Williams, CEO di Interoute, ha affermato: “Il completamento dell’acquisizione rappresenta un ulteriore passo in avanti e ci avvicina al nostro obiettivo di diventare il più importante provider ICT indipendente in Europa. Aggiungendo scalabilità, competenze e servizi al gruppo nato da questa fusione, siamo in grado di offrire dei vantaggi significativi ai nostri clienti e ai futuri prospect, sia nazionali sia internazionali.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il processo diagnostico nell’infanzia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 ottobre 2015

camera deputati2Roma giovedì 15 ottobre alle ore 11,30 nella Sala Stampa della Camera dei deputati (in Via della Missione 4) a cui parteciperà Davide Faraone, sottosegretario all’Istruzione, e Paola Binetti, deputato di Area popolare si parlerà dei comportamenti di risposta sensoriale elevati rispetto alla risposta tattile e/o alle modalità uditive dei bambini alle elementari.
L’evento ha lo scopo di presentare il XVI convegno nazionale IdO su ‘Il processo diagnostico nell’infanzia. Cosa e come valutare clinicamente sintomi e comportamenti del bambino’ – da venerdì a domenica a Roma (nella Sala Congressi di Via Rieti e in diretta streaming gratuita sul sito http://www.ortofonologia.it) – e le ultime ricerche dell’IdO nell’ambito dell’autismo: il Test sul Contagio Emotivo e il Test sulla comprensione dell’intenzione dell’altro.La conferenza stampa sarà quindi l’occasione per anticipare brevemente i temi oggetto della tre giorni dell’IdO sugli indicatori di rischio nelle diverse fasi dello sviluppo del bambino (nidi, materne, elementari). Elena Vanadia, neuropsichiatra infantile dell’IdO, si soffermerà infatti sul concetto di ‘Regolazione’: “Un tema sul quale è oggi focalizzata l’attenzione del mondo scientifico sia in ambito neuropsichiatrico che psicologico. Si richiama inevitabilmente al concetto di omeostasi, ovvero equilibrio: l’organismo umano, nella sua immensa complessità, è un sistema talmente delicato che bastano minime variazioni a mettere a rischio la vita- spiega il medico- basti pensare a tutti quei processi fisiologici che l’organismo mette in atto per mantenere al suo interno un livello di acidità compatibile con lo svolgimento delle principali funzioni metaboliche. Grazie a questi processi, il pH del sangue è normalmente mantenuto su valori compresi tra 7,35 e 7,45, laddove variazioni anche mini me che superino questo piccolo range determinano danni potenzialmente letali. Perché non dovrebbe essere lo stesso per l’equilibrio psico-affettivo?- si chiede la neuropsichiatra- In un’epoca in cui si presta tanta attenzione all’unità mente-corpo e al benessere psico-fisico, sta accadendo che le conoscenze sempre maggiori in ambito neuroscientifico e neurogenetico rischiano di provocare una nuova scissione: attribuire cause organiche a manifestazioni di altra natura. In altre parole la lettura del sintomo sta perdendo la possibilità interpretativa che è insita nella sua definizione”.Quali sono i possibili fattori di rischio associati al disturbo di elaborazione sensoriale? “Basso peso alla nascita (meno di 2.200 grammi); prematurità (meno di 36 settimane di gestazione); complicazioni prenatali; lo stress materno; malattia materna; l’uso materno di farmaci; complicazioni di consegna; metodi parto assistito; minoranza etnica; vivere con un solo genitore; status socio-economico più basso. Nei nostri riscontri- approfondisce l’esponente dell’IdO- anche la tarda prematurità (late preterm) sembra essere un fattore di rischio. Abbiamo riscontrato un’alta correlazione statistica tra la presenza di alterazioni della sostanza bianca periventricolare alla risonanza magnetica e il disturbo della processazione sensoriale in bambini nati late-preterm. Ciò- conclude Vanadia- è confermato da altri studi quali Abnormal white matter microstructure in children with sensory processing disorders. Julia P. Owen et al, NeuroImage Clinical 2013”.Oltre Davide Faraone e Paola Binetti, interverranno alla conferenza stampa Teresa Rongai, segretario Fimp (Federazione italiana medici pediatri) di Roma; Magda Di Renzo, psicoterapeuta dell’età evolutiva e responsabile del servizio Terapie dell’IdO; e, infine, la testimonianza di un genitore: Maurizia Brugé. Sarà presente anche Raffaele Calabrò, capogruppo Area Popolare della commissione Affari sociali.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il processo diagnostico nell’infanzia

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

Paola-BinettiRoma 15 ottobre, alle ore 11 nella Sala Stampa della Camera dei deputati in via della Missione 4 Paola Binetti, esponente della commissione Affari sociali, e l’Istituto di Ortofonologia (IdO) presenteranno il XVI convegno nazionale dell’IdO sulla comprensione dei sintomi e dei comportamenti dei bambini (in programma nella Capitale dal 16 al 18 ottobre, nella Sala Congressi di Via Rieti e in diretta streaming gratuita sul sito http://www.ortofonologia.it. Interverranno alla conferenza stampa Davide Faraone, sottosegretario all’Istruzione; Paola Binetti, deputata del gruppo Area Popolare; Teresa Rongai, segretario Fimp – Federazione italiana medici pediatri di Roma; Raffaele Calabrò, capogruppo Area Popolare della commissione Affari sociali; Magda Di Renzo, psicoterapeuta dell’età evolutiva e responsabile del servizio Terapie dell’IdO; e infine la voce di un genitore: Maurizia Brugé Manni.Al XVI convegno dell’IdO Binetti delineerà lo stato dell’arte della legge sull’autismo, perché “non basta trovare una legge, anche se nuova, se non si fanno arrivare i suoi contenuti agli utenti finali. Il testo avrà significato solo se le famiglie, i docenti e i medici ne capiranno il senso. In questa prospettiva- afferma il neuropsichiatra infantile- il convegno è un’opportunità straordinaria per far conoscere in dettaglio ciò che oggi la scienza, la scuola, le istituzioni e la società mettono a disposizione dei bambini che hanno avuto una diagnosi di spettro autistico. Una diagnosi che deve innescare processi a favore di uno sviluppo corretto, evitando sia i falsi negativi che i falsi positivi”.
La conferenza stampa del 15 ottobre darà quindi il via alla tre giorni di lavori del convegno dell’IdO, che riunirà nella Capitale esperti provenienti da tutta Italia per affrontare gli indicatori di rischio nelle diverse fasi dello sviluppo del bambino: 0-3 anni (nidi), 3-6 anni (scuole di infanzia), 6-10 anni (mondo della scuola).Tantissimi i relatori: si inizierà il 16 ottobre alle ore 14 con Vito De Filippo, sottosegretario alla Salute, su ‘I Livelli essenziali di assistenza (LEA) alla Salute dei minori con disturbi in ambito psichiatrico’. Il sottosegretario lascerà poi la parola agli esponenti delle istituzioni, dell’università, dell’ospedalità pubblica e privata per una riflessione condivisa sulla necessità di una valutazione clinica più ampia, capace di rivalutare le diagnosi partendo dalla conoscenza delle linee di sviluppo del bambino.Nel corso della tre giorni verranno presentate le ultime ricerche nell’ambito dell’autismo (il Test sul Contagio Emotivo e il Test sulla comprensione dell’intenzione dell’altro), unitamente a una ricerca condotta con l’Università degli studi di Padova sui Disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa) e l’assestment dell’attaccamento genitoriale. Infine, saranno esposti i ‘Modelli di rilevazione ai fini dello screening e della diagnosi in età precoce’. Tutte le informazioni sul sito http://www.ortofonologia.it.
Per partecipare alla conferenza stampa del 15 ottobre è necessario accreditarsi scrivendo a binetti.stampa@gmail.com.
I giornalisti che verranno con attrezzatura (macchina fotografica, telecamera, ecc.) dovranno indicare i loro dati anagrafici e il numero di tesserino e/o di un documento di riconoscimento.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Como un workshop sui meccanismi del processo innovativo

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

comoComo 17 e 18 settembre presso l’Auditorium Spazio Como dello Sheraton Lake Como Hotel il workshop sarà dedicato a “Innovation & Growth: a process entangling public and private sectors”. La linea guida del workshop sarà proprio il fenomeno dell’entanglement, l’intreccio indissolubile tra pubblico e privato, ricerca e industria, distruzione creativa ed evoluzionismo industriale, politiche economiche e finanza che, se non si trasforma in un groviglio, può portare magicamente al fiorire del processo innovativo.Il workshop sarà suddiviso in sette sessioni durante le quali si parlerà del ruolo dello stato nel processo di innovazione, analizzando sia l’approccio liberale sia quello conservatore; delle politiche nazionali e regionali a supporto dell’innovazione; del rapporto di collaborazione tra le imprese e il mondo della ricerca e dell’università; degli incubatori e dei Parchi Scientifici Tecnologici; di proprietà intellettuale, analizzando sia l’approccio “open” sia quello “proprietario”; dei vari meccanismi di finanziamento e, infine, di alcune storie di successo come, ad esempio, quelle di Coelux e D-Orbit (Lomazzo, IT), Energy Power System (Troy, Michigan, US) e Amypopharma, (Milano, IT).Le iscrizioni saranno aperte a tariffa ridotta a 210 euro fino al 17 agosto. Sarà possibile iscriversi fino al giorno prima del workshop al costo di 250 euro. Le tariffe comprendono workshop, coffee break, pranzi e cena sociale.
Per gli studenti sono previste due tariffe speciali: 170 euro (workshop, coffee break, pranzi e cena sociale) e 110 euro (workshop, coffee break e pranzi; cena sociale esclusa).Il workshop è organizzato con il sostegno di Università degli Studi dell’Insubria, Camera di Commercio di Como, UNICREDIT, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, SysBio – Centro di Systems Biology (Università degli Studi Milano-Bicocca).

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IBM: realizzati i primi chip con processo produttivo a 7 nanometri

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2015

cognitiveI ricercatori IBM, in collaborazione con i Colleges of Nanoscale Science and Engineering del SUNY Polytechnic Institute, hanno realizzato i primi chip funzionanti, con processo produttivo a 7 nm (nanometri).Questo risultato è stato raggiunto grazie all’esclusiva partnership pubblico-privato di IBM con lo Stato di New York e all’alleanza per lo sviluppo congiunto di GLOBALFOUNDRIES, Samsung e altri fornitori di apparecchiature, ed è frutto dell’investimento quinquennale da 3 miliardi di dollari nella ricerca e nello sviluppo dei chip annunciato da IBM nel 2014. Nell’ambito di questo progetto i ricercatori IBM che lavorano presso il NanoTech Complex del SUNY Poly ad Albany stanno espandendo i limiti della tecnologia dei chip verso la frontiera dei 7 nm per far fronte alle nuove sfide introdotte dalle tecnologie del cloud computing, dei Big data e del cognitive computing.Sviluppare una tecnologia a 7 nm è stata una delle grandi sfide del settore dei semiconduttori. Raggiungere dimensioni così ridotte, attraverso i processi tradizionali, portava finora ad un degrado delle prestazioni del chip che vanificava i benefici attesi dalla riduzione delle dimensioni: prestazioni più elevate, minore fabbisogno di energia e riduzione dei costi (per fattori di scala). I microprocessori che utilizzano la tecnologia a 22 nm e 14 nm sono quelli che troviamo oggi nei server, nei data center cloud e nei dispositivi mobili; la tecnologia a 10 nm è ormai una tecnologia matura, ma i 7 nm erano finora rimasti fuori dalla portata per una serie di barriere tecnologiche fondamentali. Molti hanno messo addirittura in dubbio la possibilità di realizzare chip di dimensioni così ridotte ottenendo i vantaggi attesi.Un chip di prova a 7 nm, con transistor funzionanti, è stato realizzato mediante processi e tecnologia sperimentate per la prima volta dai ricercatori IBM. Lo sviluppo ha richiesto l’introduzione di una serie di innovazioni mai realizzate nel settore, come i transistor con giunzioni miste silicio-germanio (SiGe) e l’integrazione cognitive1della litografia ultravioletta estrema (EUV) a più livelli.Grazie all’introduzione delle giunzioni SiGe, a processi innovativi per impilarle al di sotto dello spazio di 30 nm ed alla piena integrazione della litografia EUV a più livelli, IBM è riuscita a realizzare miglioramenti vicini al 50 per cento rispetto alla più avanzata tecnologia dei 10 nm di oggi. Questi sforzi potrebbero tradursi in un analogo miglioramento del rapporto potenza/prestazioni per la prossima generazione di chip che verranno impiegati nell’era dei Big data, del cloud e del mobile.
La pietra miliare della realizzazione di gate a 7 nm è una conseguenza del tradizionale impegno della IBM nell’innovazione nell’area del tecnologie di produzione dei semiconduttori. Tra le tappe più importanti del passato: l’invenzione o la prima realizzazione di DRAM a cella singola, l’uso del rame per le interconnessioni, le tecnologie “Silicon on Insulator” e “High-K Dielectric”, i microprocessori multi-core, la litografia a immersione, le giunzioni SiGe, l’uso di DRAM integrata nei chip, lo stacking in 3D e “Air Gap Insulator”.IBM e SUNY Poly hanno stretto una partnership di successo, riconosciuta a livello internazionale presso il NanoTech Complex di Albany, del valore di molti miliardi di dollari, il cui programma Center for Semiconductor Research (CSR) dell’istituto, del valore di 500 milioni di dollari, coinvolge anche le società leader mondiali nel campo della nanoelettronica. Il CSR è un programma di collaborazione congiunto, multi-fase e a lungo termine dedicato ad attività di Ricerca e Sviluppo per la tecnologia dei chip che offre anche borse di studio e borse di ricerca agli studenti presso l’università per contribuire all’evoluzione della nanotecnologia. (foto: cognitive)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Processo di pace in Irlanda del Nord: i deputati sollecitano la ripresa del dialogo tra tutte le parti

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 novembre 2014

parlamento europeoIn una risoluzione il Parlamento europeo ha chiesto a tutte le parti in causa di riavviare il processo di pace in Irlanda del Nord. I deputati hanno sottolineato la necessità di combattere il problema della disoccupazione e quello dei bassi salari, in modo tale da fermare le azioni criminali e violente che minano il processo di pace. I colloqui si erano interrotti nel dicembre 2013 a causa di alcune discussioni su temi come la spesa sociale, bandiere ed emblemi e manifestazioni.Il testo, approvato per alzata di mano, esorta tutte le parti a partecipare ai colloqui avviati lo scorso 16 ottobre per risolvere le questioni ancora in sospeso, in modo da sostenere il funzionamento e la stabilità della istituzioni democratiche nord irlandesi.
Si esorta, inoltre, a impegnarsi per una soluzione duratura del conflitto e a dare piena attuazione all’Accordo del Venerdì Santo del 1998 che riguarda il sistema di governo dell’Irlanda del Nord nel Regno Unito, le sue relazioni con la Repubblica d’Irlanda e le relazione della Repubblica con la Gran Bretagna.
Per consolidare il processo di pace, i deputati hanno ribadito la necessità di migliorare le relazioni tra le comunità e di promuovere lo sviluppo economico e sociale. Hanno quindi osservato che il programma EU PEACE, che sta fornendo 150 milioni di euro per affrontare questioni prioritarie in Irlanda del Nord e nella regione di confine, debba essere di aiuto per tutti, nord e sud.Infine, la risoluzione ha accolto con favore la nomina del senatore americano Gary Hart da parte del Segretario di Stato del Presidente Obama, John Kerry, come inviato personale ai colloqui e sottolinea la volontà del Parlamento a offrire qualsiasi supporto alle parti nel processo di pace.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »