Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 28 n° 305

Posts Tagged ‘produzioni’

“Maggie & Bianca Fashion Friends” e “Regal Academy“ le nuove produzioni di Rainbow

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

Maggie

Loreto (AN), 25 luglio 2016 – Grande entusiasmo alla Maggie1Cittadella del Cinema del Giffoni Film Festival per le due serie animate di Rainbow, la content company di Iginio Straffi nota in tutto il mondo per le sue produzioni animate e multimediali. Al Giffoni Film Festival, Rainbow ha presentato le due nuove produzioni 2016: la serie animata “Regal Academy” – che dopo il successo dell’anteprima mondiale dei primi 6 episodi andati in onda a maggio su RAI YoYo, tornerà in tv a settembre sempre su RAI YoYo – e il live action “Maggie & Bianca Fashion Friends” – che andrà in onda su RAI GULP a settembre -, entrambe nate dal genio e dall’estro creativo di Iginio Straffi – Presidente e Fondatore di Rainbow – e in collaborazione con Rai Fiction.
Grandissimo è stato il successo dell’anteprima di “Maggie & Bianca Fashion Friends”: due ragazze compagne di studi alla Fashion Academy di Milano che, nonostante le loro diversità, diventeranno grandi amiche. Tantissima è la forza e l’energia che ha suscitato la proiezione e il successivo blue Maggie2carpet dove i protagonisti si sono esibiti con la crew di ballerini in una travolgente perfomance di canto e ballo.Grande performance anche per “Regal Academy”, la produzione che rivisita con toni ironici le fiabe classiche e racconta di avventure di Rose Cenerentola: giovane studentessa della Regal Academy, scuola fondata dai grandi eroi delle favole che, ormai invecchiati, hanno creato un’accademia per futuri eroi. Sul blue carpet, coloratissimi personaggi, hanno interpretato i protagonisti del cartoon fantasy per la gioia dei giovanissimi fan, felici di poter vedere in carne e ossa la loro nuova beniamina, Rose Cenerentola.Rainbow è una content company fondata nel 1995 per la realizzazione di produzioni animate e multimediali. Oggi è uno dei maggiori e riconosciuti studi di animazione a livello internazionale, primo in Europa. Rainbow ha assunto ancora di più una dimensione globale grazie ad una strategia di crescita e di sinergia industriale che ha portato all’acquisto di Bardel Entertainment Inc., prestigioso studio di animazione canadese. Rainbow è l’unica casa di produzione in Italia in grado di realizzare internamente tutte le fasi di produzione di un cartone animato. (foto: Maggie)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

TTIP: chi difende l’interesse dell’Europa?

Posted by fidest press agency su domenica, 19 giugno 2016

europa-261011-cSi sta facendo di tutto affinché in Europa la stessa politica e la società civile non siano in grado di esprimere in modo sovrano e pacato un giudizio consapevole sul Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP), il Trattato di libero scambio tra Stati Uniti e Unione Europea in cantiere da ben tre anni. Da una parte è stata imposta una peculiare quanto ingiustificata ed intollerabile segretezza sui documenti, sulle procedure e sul contenuto del Trattato. Dall’altra, avendo radicalizzato l’argomento e avendolo portato nelle piazze con forti dimostrazioni, a volte anche provocatoriamente degenerate in scontri, si tenta di etichettare come “facinoroso” chiunque chiede chiarezza e vuole esprimere la sua democratica opposizione. Eppure, dal poco che è trapelato, il TTIP potrebbe avere un impatto profondo, per alcuni anche devastante, sulle nostre produzioni, soprattutto, ma non solo, nel settore agricolo ed agroalimentare, sul nostro sistema sociale di mercato e sul nostro commercio.
I promotori vorrebbero la sua ratifica prima della scadenza della presidenza Obama, che ne è stato uno dei grandi promotori. Hilary Clinton lo ha già definito la nostra ‘Nato economica’. Alcuni parlamentari tedeschi hanno recentemente chiesto di visionare i documenti presso il Ministero dell’Economia di Berlino. Ne hanno fatto un resoconto desolante. Si possono leggere alcuni documenti solo sul computer in una stanza controllata, per poche ore senza consultazioni con altri e senza prendere appunti. Del materiale letto non se ne può neanche parlare pubblicamente. E’ grave che il commissario europeo per il Commercio, Cecilia Malmström, sostenga che la stesura del trattato non sia di competenza dei parlamenti nazionali. L’obiettivo del TTIP sarebbe la creazione della più grande zona di libero scambio commerciale del pianeta, con circa 800 milioni di consumatori. Questa rappresenterebbe quasi la metà del Pil mondiale e un terzo del commercio globale. L’Ue è la principale economia e il maggior mercato del mondo. In gioco, quindi, ci sono enormi interessi economici. Ma in gioco c’è anche il futuro delle relazioni politiche internazionali.
Non si tratta di mettere in discussione il rapporto di amicizia con gli Stati Uniti, ma la mancanza di trasparenza fa dubitare della bontà dell’accordo. Gli interrogativi che i cittadini e gli operatori economici, non solo italiani, si pongono sono tanti. Gli Usa usano gli ogm in agricoltura. Sarà anche l’Europa costretta a introdurli nelle sue coltivazioni? L’Italia ha 280 prodotti a denominazione d’origine protetta. E’ il numero più grande in Europa. Gli Usa li rispetteranno oppure avremo il ‘parmisan della Virginia’ o il ‘san danny del Minnesota’? Eventualmente venduti anche nei nostri mercati?
Molti, anche negli Stai Uniti, credono che uno dei principali pericoli del TTIP sia la possibilità che investitori privati possano iniziare procedimenti legali e querele milionarie contro gli Stati in tribunali internazionali d’arbitraggio. L’intenzione positiva di proteggere l’interesse pubblico potrebbe essere interpretata dalle multinazionali come una “limitazione dei profitti degli investitori stranieri”, un ostacolo al business e alla libera concorrenza.
E’ molto importante notare che questa è anche la maggior preoccupazione della London School of Economics che punta appunto il dito sulle camere arbitrali, i tribunati istituiti dal Trattato. Nel suo studio l’istituto inglese cita come esempio una serie di querele passate, come quelle della Phillips Morris contro l’Uruguay e l’Australia per aver lanciato delle campagne contro il fumo.
In Europa si sentono voci di grande preoccupazione, anche se ancora espresse troppo sottovoce. Il governo francese afferma che dirà un forte no se il Trattato dovesse mettere in discussione la struttura della sua agricoltura. Ci si augura che l’Italia non si dica soddisfatta di qualche generica garanzia di rispetto del nostro ‘made in italy’.
Per il sistema agroalimentare italiano, a partire da quello del Sud, il Trattato sarebbe esiziale. La geopolitica ed il business tout court non possono mortificare le prerogative democratiche e indisponibili dei popoli e dei loro parlamenti, a partire dal diritto alla conoscenza. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ma l’olivicoltura italiana ha ancora un valore?

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 gennaio 2015

oliviCon la terribile raccolta delle olive del 2014 i nodi sono arrivati al pettine di un comparto che ha bisogno ora di scioglierli tutti. Nodi propri e nodi ereditati dalla crisi dell’agricoltura, che si sono formati e ingrossati nel corso di tanti anni a causa di numerosi e pesanti limiti politico – amministrativi, oltre che culturali.
C’è chi ha pensato di scioglierli puntando tutto sulla possibilità di raccogliere olivo e olio in tutto il Mediterraneo affidando tutto alla grande capacità di blending dell’industria olearia italiana e, in seconda battuta, indicando al mondo dell’olivicoltura la scelta degli impianti super specializzati spinti dalla Spagna che, a loro parere, dovrebbero fare i miracoli. Altro che miracoli, così si distrugge solo quel poco che è rimasto e che serve per ripartire!
Il pensiero diffuso fino ad ora è tutto rivolto alla quantità, lasciando a quel poco che resterà dell’olivicoltura tradizionale, il compito di fare la qualità. Uno spiraglio di luce sui produttori e i territori italiani che riusciranno a rimanere ancora salvi dalla cementificazione. Per esempio, lasciare alle Dop e all’unica Igp il compito di rappresentare le produzioni locali da mettere a disposizione di quei pochi fortunati amatori dell’olio che sanno del valore e del significato del marchio Dop e Igp.
Tutto rientra nella logica propria di quelli che si sentono padroni del mondo, o, comunque, del loro mondo, che è quella della semplificazione che porta all’omologazione e all’uniformità. L’arte del momento, soprattutto da parte di chi, sposando la moda del neoliberismo, pensa solo al profitto e alla quantità come unico elemento di competizione che può vincere sul mercato.
Questa loro arte di semplificare il mondo, lo stesso pianeta, e di trasmetterlo a chi il mondo lo governa, sta tutto nella potenza del denaro, accumulato e da accumulare!
Dentro tutto questa logica della semplificazione ci sono i disastri, le macerie, i pericoli che il mondo vive ogni giorno e, ogni giorno, sempre più.
L’Italia olivicola, quella delle colline e delle aree interne che, bontà loro, possono anche rimanere, ma solo come elemento decorativo, è solo un esempio della logica della semplificazione con la quantità unico obiettivo, dovunque e comunque si possa raccattare.
L’olivicoltura con la sua agricoltura contadina, quella che ha dato un fondamentale contributo alla notorietà e all’immagine di qualità che oggi l’olio italiano vive nel mondo, e, c’è di più, allo stesso senso e significato “qualità” dell’olio di oliva, fino a definirne i caratteri e renderli punti di riferimento di tutti gli oli provenienti dalla frantumazione delle olive.
Contro la tentazione della facile semplificazione serve davvero avere chiaro il quadro rappresentativo della nostra olivicoltura e della nostra agricoltura fondamentalmente contadina. La sola possibile da noi e, come tale, da rafforzare, e non da cancellare con l’idea di una sua industrializzazione, se si vuole dare una continuità a questo settore primario e parlare ancora di agricoltura. Cioè dell’attività che da sempre dà cibo e, che da sempre, nutre l’uomo, anche con il suo patrimonio di cultura, storia, tradizioni come pure di ambienti e paesaggi, che vanno a definire e offrire la qualità e non solo, la diversità .
Ecco, diversità, quale valore aggiunto della qualità, che l’olivicoltura italiana, con il suo ricco patrimonio di biodiversità, può mettere in campo, nel momento della globalizzazione dell’olivo, come una carta di sicuro vincente. Un patrimonio di biodiversità olivicola che raddoppia quello complessivo del resto dei paesi olivicoli, costruito da una storia antica dell’attività agricola, ma, soprattutto, dai suoi differenti territori, che già ora ci vede primeggiare e fare la differenza sui mercati. Basti pensare soprattutto ai successi che vivono le nostre indicazioni geografiche, Dop e Igp, nonostante il vuoto della comunicazione del valore e del significato di un marchio di garanzia del consumatore – valido, oltretutto, per tutte le eccellenze europee – grazie al rispetto del disciplinare di produzione e i relativi controlli.
Un aspetto, quello della biodiversità, che diventa decisivo per competere, sia con le quantità che con le qualità offerte dal mercato.
Bisogna partire da qui, dalla qualità e dalla diversità che la nostra olivicoltura è capace di mettere a disposizione del consumatore più esigente, e non dalla quantità, se si vuole ridare all’olivicoltura italiana la motrice più adeguata e, così, dare una risposta alla pesantezza della situazione prodotta da un andamento climatico sfavorevole che ha caratterizzato la raccolta delle olive 2015.
Non servono le semplificazioni, le facili scorciatoie perché non portano da nessuna parte e, soprattutto, perché impercorribili domani, quel domani che non è nella natura e nella mente del denaro. Serve, invece, fare una respirazione a bocca a bocca al mondo dell’olivicoltura, dare spazio a un dialogo e ciò è possibile solo se c’è il rispetto reciproco dei protagonisti del confronto. Soprattutto la consapevolezza che, quando si parla di territorio, del luogo che contiene ed esprime un insieme di valori e di risorse, si sta parlando di un bene comune e non di proprietà di qualcuno.
Sta alla regia attenta dell’istituzione pubblica far capire il significato di “bene comune” per non dare spazio a interessi personali e pensare alla propria terra.
Il dialogo, e solo il dialogo, è in grado di dare all’olivicoltura italiana la possibilità di continuare, con la predisposizione di un piano e di una strategia di marketing, a esprimere meglio il suo ruolo e a far capire che essa è, ancora una volta, vincente sul mercato, per la qualità e la diversità che riesce a esprimere con dovizia di particolari.
Questo fa dire che anche chi, curando soprattutto la quantità, ha svolto un suo importante ruolo nella ricerca e conquista dei mercati e di milioni o miliardi di consumatori, non può, ora più che mai, fare a meno della motrice qualità e diversità. Si sa che il mercato globale ha bisogno di quantità, ma dimenticare che il valore aggiunto di un successo vissuto che ci ha sempre visto primeggiare nel mondo con le professionalità espresse dai nostri confezionatori, stava nella qualità e nell’immagine del nostro Paese. Tant’è che le nostre industrie olearie, fra le più conosciute al mondo, da qualche anno sono patrimonio della Spagna.
Pensare bene al proprio ruolo ma anche al ruolo svolto e che possono svolgere gli altri per fare squadra, sapendo che distinguersi con le peculiarità a disposizione vuol dire farsi notare e, non solo, andare al superamento delle confusioni vissute fino ad oggi sul mercato del consumo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prezzi prodotti alimentari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 aprile 2012

Prosegue l’attività di monitoraggio dell’Osservatorio prezzi dei prodotti alimentari di Adiconsum. Ricordiamo che i prodotti alimentari monitorati dall’Osservatorio sono suddivisi nelle seguenti categorie: verdure e ortaggi, frutta, carni, prodotti ittici e altri generi alimentari. Dal monitoraggio svolto dall’Osservatorio prezzi di Adiconsum il carrello della spesa settimanale di una famiglia italiana di 4 persone è aumentato nel periodo settembre 2011-marzo 2012 di circa 4,28 euro, cioè del 3,07%, passando dai 139,38 euro di settembre 2011 ai 143,66 di marzo 2012. Su scala mensile, la maggiore spesa, quindi, è di circa 18 euro. Ecco, nel dettaglio, l’andamento degli ultimi 6 mesi Settembre 2011-Marzo 2012:
Verdure e ortaggi: aumenti generalizzati, sia per i prodotti a forte connotazione stagionale come le zucchine chiare (da 1,85 euro/Kg di settembre a 2,65 euro/kg di marzo) e le zucchine scure (da 1,50 a 2,15 euro/kg), e non come le insalate. Ad es. il prezzo dell’insalata cappuccina è passato da 1,60 euro/kg di settembre a 1,90 (+18,75%), mentre il costo all’origine nello stesso periodo era sceso da 0,39 a 0,38 euro/kg. Così pure per il prezzo della lattuga da 1,50 a 1,85 euro/kg (+23,33%) contro una diminuzione del prezzo all’origine sempre da 0,30 a 0,38.
Frutta: prezzi stabili con riduzioni tra le pere abate, ananas e kiwi
Carni: aumenti generalizzati, più consistenti tra le carni suine, nonostante una contrazione dei prezzi all’origine (circa -0,13 euro/kg)
Prodotti ittici: aumenti generalizzati, più significativi tra quelli da acquacoltura: sgombri (+6,16%), orate (+6,25%), spigole (+8,19%), contro una diminuzione dei prezzi all’ingrosso del 12,07%
Altri prodotti: aumentati i prezzi del fior di latte (+4,05%), del prosciutto crudo tipico (+4,44%), della farina (+7,69%) e della ricotta di mucca (+8,93%). Sul sito http://www.adiconsum.it tutti i dati nel dettaglio

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Politica agricola più vicina allevatori

Posted by fidest press agency su domenica, 27 marzo 2011

Integrazione economica dei produttori; burocratizzazione; sostegno del reddito agli agricoltori, applicazione delle quote latte in modo serio e senza privilegi. Sono queste le priorità per lo sviluppo del comparto latte, emerse nella riunione organizzata a Campoformido da Fedagri-Confcooperative Fvg, alla presenza dei responsabili nazionali del settore, Tommaso Mario Abrate e Angelo De Meo. In vista del 2013 è stato detto, infine, serve continuare con determinazione sulla linea della tutela delle nostre produzioni di qualità che, in Friuli Vg, è sinonimo in primis di Montasio.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ulassai Film Fest

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 marzo 2011

i documentari in gara sono nove nella prima attesissima edizione dell’Ulassai Film Fest, il festival cinematografico dedicato alle produzioni indipendenti, nato dall’esperienza dell’associazione senese Visionaria in collaborazione con Primaidea di Cagliari e con il sostegno della Regione Sardegna e del Comune di Ulassai e in programma dal 22 al 26 marzo ad Ulassai. La rassegna che ruota intorno al tema del Mediterraneo e dei popoli e le esperienze che si affacciano su questo mare, premierà il miglior film attraverso il giudizio di una giuria di esperti composta da Antioco Floris, Paolo Piquereddu, Maria Paola Masala, Franco Cugusi e Nicoletta Nesler. «Fino a pochi anni fa il documentario era confinato prevalentemente all’interno della gabbia della produzione istituzionale – ha dichiarato Mauro Tozzi, direttore artistico del festival – oggi invece il cinema indipendente in Italia mostra una nuova vitalitàproprio nel solco nel documentario di creazione, del lungometraggio non di fiction, grazie anche all’uso del digitale che ha reso la produzione non soltanto più economica ma anche più “leggera”».Ecco i titoli dei film in gara, selezionati da Nicola Contini e Giuseppe Gori Savellini: “Oil” di Massimiliano Mazzotta, Italia 2009, 77′ sul polo sarrocchese, oggi una delle realtà industriali più rilevanti in Europa; “Almost Married” di Fatma Bucak e Sergio Fergnachino, Italia 2010, 52′, un viaggio nell’universo femminile della Turchia attraverso la storia di una giovane fotografa turca comunica alla sua famiglia di voler sposare un italiano;”This is my Land…Hebron” di Giulia Amati, Stephen Natanson, Italia 2010, 72′ che racconta la vita ad Hebron, l’unica città dei Territori Occupati ad avere una colonia israeliana; ”La baia dei lupi” di Bruno e Fabrizio Urso, Italia 2010, 62′, una toccante indagine sullo scempio della baia di Priolo-Siracusa, a causa della presenza di  raffinerie e industrie chimiche pericolose per la salute dei cittadini; “Heart quake” di Mark Olexa, Italia 2010, 52′ la storia di Shpresa, un giovane kosovara che a 26 anni lascia il suo paese per guarire Shpetim, il minore dei figli da un grave problema al cuore, per cui l’unica speranza è un ospedale milanese; “Magna Istria” di Cristina Mantis, Italia 2010 77′ il racconto di un viaggio verso l’Istria alla ricerca di un’antica ricetta istriana; ”La Repubblica delle Trombe”di Stefano Missio, Alessandro Gori, Italia 2008, 48′, la scommessa di Gvozden Rosic, capo orchestra di un gruppo di suonatori in un piccolo paesino agricolo nel cuore della Serbia, che si prepara alla più grande competizione di ottoni d’Europa; “Il Canto scaltro” di Michele Mossa e Michele Trentini, Italia 2009, 63′, omaggio toccante ai “cantadoris” sardi e alle loro “gare poetiche”, vere e proprie maratone in cui improvvisano in versi; ”Il futuro del mondo passa da qui” di Andrea Deaglio, Italia 2010, 63′, un’analisi attenta della questione Rom in Italia, attraverso la storia di alcuni ragazzi rom che vivono nei campi italiani.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Mei premia: “Parla con me”

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 febbraio 2011

Durante la puntata di Venerdì 11 febbraio, in onda alle 23 su Rai Tre, il Mei – Meeting degli Indipendenti, insieme al cantautore genovese Zibba e alla sua band Almalibre, consegnera’ al programma “Parla con Me” condotto da Serena Dandini insieme a Dario Vergassola, un premio speciale per l’impegno, costante e continuato, volto alla valorizzazione nella trasmissione di tantissimi giovani artisti musicali emergenti del nostro paese. Il programma, noto al grande pubblico, dall’anno scorso ha una grandissima novità: quella di aprirsi alle nuove musiche del nostro paese dando spazio alle produzioni indipendenti ed emergenti, talenti da sempre fuori dai grandi circuiti dei network radio e tv pubblici e privati, svolgendo un ruolo di promozione culturale della nuova musica italiana veramente significativo e di grande rilievo.  Tra i tanti ospiti musicali a “Parla con Me” sono intervenuti, i carismatici romagnoli Nobraino, la band barese La Fame di Camilla, il cantautore romano Pino Marino, i bravissimi musicisti cesenati dei Quintorigo, il trombettista Roy Paci con gli Aretuska e i suoi suoni globali, la Bandabardò con la sua divertente patchanka all’italiana, il cantautore e compositore Luca Faggella, il musicista livornese Bobo Rondelli, il cantautore emergente Alessandro Mannarino con le sue musiche di confine e ballate metropolitane e tantissimi altri, tutti provenienti in gran parte dall’esperienza del MEI, che ogni anno dal 1997 raduna tutte le migliori esperienze indipendenti ed emergenti italiane, e dalle tante produzioni indipendenti e dai tanti festival indies e rassegne per band emergenti presenti in Italia. Nella puntata di venerdì l’ospite musicale sarà Zibba, cantautore ligure, classe ’78, da più di 10 anni sulle scene con diverse formazioni rock e blues: rock poetico e impegnato con testi che raccontano sentimenti ed emozioni, richiamando i grandi cantautori italiani e la musica tradizionale, presente con un suo brano, “Aria di Levante”, nella compilation “La Leva Cantautorale degli Anni Zero, promossa dal Mei e dal Club Tenco insieme ad Ala Bianca, per la promozione delle straordinarie giovani leve della nuova musica d’autore presenti oggi in Italia. http://www.meiweb.it

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Produzioni orticole friulane

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 dicembre 2010

Udine 15 dicembre – ore 15Camera di Commercio di  Sala Valduga I prodotti orticoli locali, pur rappresentando prodotti di eccellenza del territorio, hanno la necessità di una riorganizzazione produttiva e commerciale per un loro utilizzo sia su piccola sia su ampia scala. L’incontro, organizzato dalla Camera di Commercio di Udine in collaborazione con le associazioni di categoria di riferimento, si prefigge di individuare le esigenze dei vari settori della filiera, per intraprendere percorsi di coltivazione e commercializzazione tali da soddisfare le esigenze del mercato.
Introdurrà i lavori Giovanni Da Pozzo, presidente della Camera di Commercio di Udine. Seguiranno le relazioni di Lorenzo Bazzana, capo servizio tecnico-economico Coldiretti nazionale; Diego Rolvaldo, tecnico orticolo; Giuseppe Basei, direttore Cooperativa Agricola di Bibione; Fabrizio De Paulis, Camst società cooperativa a r. l.; Claudio Bressanutti, vicedirettore Coldiretti Udine; e Nereo Peresson, Confederazione Italiana Agricoltori. Le conclusioni saranno a cura di Alessandro Sensidoni, ordinario di Scienze e Tecnologie Alimentari dell’Università di Udine.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola di teatro

Posted by fidest press agency su sabato, 25 settembre 2010

Bologna teatro Dehon via Libia 59. Da martedì 2 Novembre iniziano i corsi della Scuola di teatro del teatro Dehon organizzata e promossa dal Centro Culturale Teatroaperto/Teatro Dehon – Teatro Stabile dell’Emilia-Romagna e patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Dipartimento dello Spettacolo, dalla Regione Emilia-Romagna e dal Comune di Bologna. La scuola ha lo scopo di formare giovani attori da inserire nelle produzioni della Compagnia Stabile del Teatro Dehon, con la possibilità di avere esperienze di palcoscenico col pubblico anche durante i corsi. Il corso ha una durata biennale e comprende una serie di insegnamenti e di attività laboratoriali e seminariali finalizzate a una completa formazione degli attori. Sono previsti inoltre incontri con gli attori e i registi ospiti della stagione del teatro Dehon. Il numero massimo di allievi ammessi per corso è di 25 persone.  Le iscrizioni sono aperte tutti i giorni dalle ore 15 alle 19 presso il Teatro Dehon, via Libia 59, tel. 051/342934 (foto per scuola)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rischio contaminazione Ogm

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2010

La deputata del Pd saluta con soddisfazione il seminario promosso dalla Task force per un’Italia libera dagli Ogm Cenni (Pd):“Fondamentale avere il supporto della comunità scientifica per legiferare e difendere le nostre produzioni dal rischio di contaminazione Ogm” “Un incontro molto positivo che, grazie alla competenza scientifica dei relatori ed al livello degli interventi, rappresenta un ulteriore passo in avanti per capire meglio, semplificare la divulgazione e legiferare nel migliore dei modi sulla complessa materia degli organismi geneticamente modificati”. Questo il commento di Susanna Cenni, deputata del Pd e membro della Commissione agricoltura della Camera dei Deputati, sul convegno “Agricoltura e biotecnologie”, organizzato dalla “task force per un’Italia libera dagli Ogm”, in corso a Roma.  “Più ricerca pubblica e più condivisione delle conoscenze e dei risultati – sottolinea Cenni – sono gli ingredienti fondamentali per la tutela della biodiversità e la crescita dell’agricoltura nel nostro Paese e per svolgere un dibattito concreto che rifugga il rischio semplificazione molto utilizzato quando si individua da un lato la modernità e dall’altro l’arretratezza. Gli interventi di oggi al convegno, tutti di grande competenza e provenienti da tutto il territorio nazionale, confermano invece come la comunità scientifica sia preparata per sostenere la qualità del nostro ambiente e delle nostre produzioni agroalimentari. Un supporto fondamentale che, oggi, sarà ancora più importante, visto che l’Unione europea ha deciso di demandare agli stati membri e alle regioni il compito di legiferare e di scegliere in materia di Ogm”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

VIII Asian Film Festival

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 luglio 2010

Roma 2 luglio h. 19.00 Cinema Farnese – Persol (Campo de’ Fiori 56,) Giunto alla sua ottava edizione, l’Asian Film Festival, diretto da Antonio Termenini, torna ad offrire al pubblico
romano, la migliore produzione cinematografica dell’Estremo Oriente e del Sud-Est
Asiatico. Le opere selezionate  quest’anno si concentrano, in particolare, su 8 paesi asiatici (Thailandia, Vietnam, Corea del Sud, Singapore, Hong Kong, Taiwan, Filippine, Giappone) ed il programma del Festival propone 16 titoli in concorso, 5 fuori concorso e 2 Newcomers. Tra questi, saranno presentate 3 anteprime internazionali (How Are You Dad?, The Little Heart, Don’t Burn), 2 europee (Tears, Taipei Exchanges) e 8 anteprime italiane (One Day, Face, Memories of a Burning Tree, Flooding in a Time of Drought, Like You Know It All, Face, Au Revoir Taipei, Spring Fever). Molto atteso è Thirst, il film vincitore del Premio della Giuria a Cannes 2009, diretto dal regista Park Chan-wook, noto al grande pubblico per la trilogia della vendetta, iniziata nel
2002 con Sympathy for Mr. Vengeance, seguito da Old Boy e Sympathy for Lady Vengeance.
Due gli appuntamenti monografici di maggior risalto: un omaggio al regista filippino Brillante Mendoza – già ospite e protagonista della retrospettiva dell’Asian Film Festival nel 2008 – ed una retrospettiva di 10 film dedicata al cineasta di Hong Kong Stanley Kwan, entrambi ospiti della
manifestazione.
Alla Conferenza Stampa, interverranno: Mr. Alex Hu, vice ambasciatore di Taiwan, Mr. Wong Yuet-wah, deputy representative dell’ HKETO-Hong Kong Economic and Trade Office di Bruxelles, Ugo Papi, responsabile PD per l’Asia, Michele Misuraca, Direttore del Roma Fiction Fest, Bruno
Astorre, Vice Presidente del Consiglio Regionale del Lazio, Cristina Priarone, direttrice della Roma Lazio Film Commission ed Antonio Termenini, direttore dell’Asian Film Festival. Ideato ed organizzato dall’Associazione Cineforum “Robert Bresson”, il Festival è stato realizzato con il contributo del Comune di Roma-Assessorato alle politiche culturali e della comunicazione, del Ministero dei Beni Culturali-Direzione Generale Cinema, e dei seguenti organismi: GIO-Government Information Office, R.O.C. Republic of China (Taiwan), MOFA R.O.C, Ministry of Foreign Affairs Republic of China (Taiwan), Media Development Authority di Singapore, Singapore Film Commission, Ufficio di Rappresentanza di Taipei in Italia, Ambasciata della Repubblica Socialista del Vietnam, Associazione Italia-Estremo Oriente, Persol, Cathay Pacific, China
Airlines. Saranno presenti nel corso della manifestazione illustri esponenti dell’industry orientale come Jason Lai, produttore di Singapore –  tra i realizzatori nel 2006 de La stella che non c’è di Gianni Amelio – e Kenneth Tan, direttore della Singapore Film Commission. Di particolare
rilievo la collaborazione avviata quest’anno con il HKETO/HKSARG (Hong Kong Economic and Trade Office) di Bruxelles che consentirà di dare maggiore spazio al cinema di Hong Kong, anche grazie all’importante legame con l’Hong Kong Film Archive. Fra i Media Partner della manifestazione, la Roma-Lazio Film Commission, la Fondazione per l’Audiovisivo Roberto Rossellini ed il Roma Fiction Fest, oltre a Frameonline e LostinMovies.it.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torna “Stile Artigiano Made in Liguria”

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 aprile 2010

Savona  23 aprile alla Vecchia Darsena di Savona sarà inaugurata la sesta edizione di Stile Artigiano – Made in Liguria, manifestazione dedicata all’artigianato d’eccellenza della Liguria.  L’evento è organizzato dall’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Savona, con il contributo e il patrocinio di Regione Liguria, di Provincia di Savona, del Comune di Savona, della Camera di Commercio di Savona e con la collaborazione di Confartigianato Liguria.   Per tre giorni –dal 23 al 25 aprile- la manifestazione offrirà al pubblico la possibilità di vedere dal vivo i maestri artigiani – Laboratori Open Air – al lavoro attraverso le dimostrazioni, i laboratori di degustazione – presso l’Arena Eventi del Mare – ed i laboratori per bambini – presso lo spazio Il Piccolo Artigiano.   Tra le chicche: il pubblico potrà vedere all’opera gli artigiani nei loro laboratori di ceramica, del vetro, sui nodi marinari, sui monili, sugli orologi, su vignette&sport; inoltre, laboratori sulla focaccia ligure, sui prodotti enogastronomici liguri, laboratori sul pesto per i più piccoli e molto altro. La parte espositiva vedrà  la presenza di oltre 50 imprese provenienti da tutta la Liguria – da levante a ponente – che proporranno prodotti artigianali di elevato livello qualitativo. Il pubblico potrà  trovare svariate produzioni suddivise in due categorie :  eno-gastronomia ed artigianato artistico.  Nel settore food saranno presenti : vino, pasta, birra, dolci, confetture, gelatine, liquori e distillati, funghi e conserve, olio, caffè, pesto e salse liguri, formaggi, panissa, focaccia savonese, chinotto ed altro. Nel settore design saranno presenti : ceramica, raku, monili, candele, fotografie, sete e velluti di Zoagli, pittura, restauro, arredo per la nautica, macramè, filigrana, pellicceria, elementi d’arredo, maglieria, sedia di Chiavari, oggettistica in legno, vetro soffiato, abbigliamento ed accessori.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le fatine Winx in “Winx on Ice”

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 marzo 2010

Milano il 17 e il 18 aprile 2010 al Mediolanum Forum di Assago approda lo spettacolo impegnato nella tournée europea insieme alle magiche fatine Winx scenderà in pista una coppia d’eccezione del pattinaggio internazionale: Silvia Fontana e John Zimmerman  30 artisti in scena, 70 tecnici per uno staff di 100 persone circa – è uno show da primato.  Si tratta infatti del primo spettacolo italiano su ghiaccio, e insieme, della prima produzione italiana di un musical esportata all’estero: attualmente impegnato nella tournée Europea,  dopo le date di Parigi (12 – 14 marzo),  Lisbona ( 6 e 7 marzo) e  Mosca (24 e 28 marzo), arriverà a Milano, al Mediolanum Forum di Assago, il 17 e il 18 aprile 2010. Il musical é interamente progettato su ghiaccio dalla  Società italiana Poltronissima che nel 2005, con Mas – Music Arts & Show –  il Centro Internazionale  di Formazione per lo Spettacolo -,  ha lanciato in Italia il genere Family show grazie alle produzioni “Winx Power Show”,  “Scooby Doo Live on Stage”,  “Il Mondo di Patty, il Musical più bello” e il Musical “Hello Kitty the Show”. Winx On Ice si propone come un progetto educativo e culturale di Edu-tainment, in parte Educational e in parte Entertainment: bambini e genitori sono di fatto accompagnati con un linguaggio innovativo e coinvolgente – adatto ai primi ma vicino anche ai secondi – a esplorare il magico mondo delle Winx. Tutto questo grazie ad uno show capace di coniugare sapientemente le emozioni dell’intrattenimento per più piccoli al fascino raffinato del pattinaggio artistico. (winx)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prestazioni laboratorio: annullato tariffario

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 marzo 2010

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso proposto dall’Avvocatura Generale dello Stato, confermando l’annullamento del Decreto del Ministero della Salute (D.M. 12.09.2006), concernente la “Ricognizione e primo aggiornamento delle tariffe massime per la remunerazione delle prestazioni sanitarie” “Il Provvedimento di annullamento del Decreto Ministeriale – ha detto Vincenzo D’Anna, presidente di FederLab Italia – a causa della mancanza di un’adeguata istruttoria sulla corretta rilevazione dei costi di produzione delle prestazioni di laboratorio, rende inapplicabile la norma riguardante lo sconto sulle prestazioni stesse. E’ una sentenza, che abbiamo accolto con grande soddisfazione e che apre la strada all’adozione di un nuovo tariffario – l’ultimo risale al Ministro Bindi – che sarà stilato secondo il criterio dei costi standard, conseguentemente al programma di riorganizzazione della rete dei laboratori, attraverso cui saranno definiti i requisiti e la soglia di efficienza minima delle strutture stesse”.

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il MEI di Faenza al MusicNet di Lugano

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2010

8-9-10 gennaio 2010 Speciali MEI su Tele 1 in onda Mercoledì 6 gennaio alle 18 e alle 20,30 Tra gli appuntamenti esteri anche il Midem di Cannes dal 24 al 27 gennaio Il MEI, Meeting degli Indipendenti di Faenza e il coordinamento AudioCoop saranno in giro per l’Europa nei prossimi mesi per presentare le proprie iniziative e attività, esportando e promuovendo all’estero le produzioni e la cultura musicale indipendente italiana. Il primo appuntamento è previsto al Centro Esposizioni di Lugano dall’ 8 al 10 gennaio, dove si svolgerà il MusicNet, il primo expo-evento musicale in Ticino: http://www.luganonetwork.ch/musicnet/. Il MEI e AudioCoop saranno presenti con un proprio spazio dedicato alle produzioni indipendenti italiane, al fianco di artisti, negozi musicali, scuole di musica, rivenditori, associazioni, etichette, emittenti radiofoniche, produttori, studi di registrazione e tanti altri operatori provenienti da tutta Europa. Il MEI continuerà a promuovere l’attività della scena indipendente italiana anche al Midem di Cannes in programmazione dal 24 al 27 gennaio, ritenuto uno tra gli eventi internazionali più importanti dell’industria musicale. E’ in onda lo Speciale Mei 2009 su Tele 1 Faenza, una produzione di grande qualità che ha accompagnato le feste natalizie degli utenti tv di Tele 1 di Germano Zama con la musica indipendente proposta dall’ultima edizione di successo del Mei. Dopo lo speciale andato in onda il 4 gennaio alle h 9,35, i prossimi speciali riguardanti il Meeting andranno in onda Mercoledì 6 gennaio alle ore 18,00 e alle ore 20,30. Inoltre, lo speciale Mei 2009 è disponibile anche sul web di Tele 1 al link  http://www.tele1.tv/speciali/mei.htm

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »