Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘professionali’

Aggiornamenti professionali per i medici di famiglia

Posted by fidest press agency su domenica, 21 luglio 2013

Un’applicazione per aggiornare i medici di medicina generale sulle ultime recensioni della letteratura scientifica, sui percorsi formativi e sulle linee guida più aggiornate. Si chiama ASCO ed è un’APP gratuita per iOS (iPhone e iPad), presto disponibile anche per Android. Rientra nel più ampio progetto ASCO (Aggiornamento Scientifico Continuo Online – http://www.progettoasco.it), l’iniziativa editoriale di Aggiornamento e di Formazione Continua predisposta da SIMG (Società Italiana di Medicina Generale). “Il valore aggiunto di ASCO – spiega il dott. Claudio Cricelli, presidente SIMG – risiede nella stretta collaborazione con i Medici di Medicina Generale che sviluppano i contenuti secondo le peculiari necessità operative della professione. La nuova APP è uno strumento fondamentale di aggiornamento e permette di conoscere le più recenti acquisizioni emerse dalla letteratura internazionale, accedere a percorsi formativi (anche con crediti ECM), consultare un vasto patrimonio di contenuti di approfondimento clinico-gestionale ed in sintonia con le moderne dinamiche assistenziali”. L’APP consente inoltre di ricevere notifiche “push” sugli aggiornamenti, di esplorare i contenuti del portale in mobilità e di iscriversi alla newsletter informativa inviata a circa 13.500 professionisti della sanità. Il portale ASCO, online dal 2007, espone tutta la produzione editoriale di SIMG ed è inoltre integrato con il software di Governo Clinico “GPG” (www.millegpg.it, circa 4.000 utenti ad oggi), con cui è possibile effettuare analisi approfondite dei dati registrati nella cartella clinica al fine di monitorare i risultati di cura in termini di salute, costi e sicurezza.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Concorsi comune Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 5 aprile 2011

«Nella Gazzetta Ufficiale del prossimo 17 giugno verranno pubblicati i calendari delle preselezioni relative alle 22 procedure del maxi-concorso, bandito dal Campidoglio, per 1995 posti di lavoro». Lo dichiara, in una nota, l’assessore alle Risorse umane, Enrico Cavallari. «Le preselezioni coinvolgeranno in primis le figure di cui l’amministrazione ha necessità più urgente, come i tecnici e gli agenti della Polizia municipale – aggiunge Cavallari – poi si procederà con tutti gli altri profili professionali». «In totale sono pervenute circa 310mila domande di partecipazione al maxi-concorso e, tra queste – conclude l’Assessore alle Risorse umane – 82460 per istruttori amministrativi, 51222 per istruttori di Polizia municipale, 46031 per istruttori di servizi culturali e 24901 per funzionari amministrativi».

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Calo fatturato studi professionali

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2011

Capri. In Italia, Veterinari, avvocati, sociologi, giornalisti, medici, dottori commercialisti e biologi sono le  professioni stanno risentendo maggiormente della crisi con un calo del fatturato del 39% e con la chiusura del 20%  degli studi professionali.  La crisi degli studi professionali in Italia è particolarmente significativa se messa a  confronto con quella europea. L’indagine presentata oggi a Capri – elaborata da KRLS Network of Business Ethics per il magazine “Contribuenti.it” – nella giornata conclusiva del sesto summit internazionale, al quale hanno partecipato  i massimi rappresentanti delle associazioni dei contribuenti dei principali paesi europei, mette in evidenza che nel  2010, in tutti i principali paesi europei, si registra una ripresa: in Francia, + 4,1% del fatturato, +3,2% in
Inghilterra, + 2,9% in Germania, + 2,2% in Spagna, + 2,1% in Olanda e + 1,7% in Svezia. In Italia, invece, le  professioni che fanno da trainano e supporto all’economia sono in forte difficoltà. Secondo l’indagine del magazine  Contribuenti.it, che ha preso in esame alcuni indicatori economici del 2010 ed incrociato i dati del fatturato, delle  prenotazioni, dell’occupazione e delle forniture professionali, nel bel Paese la situazione è davvero preoccupante.Il settore giuridico-economico (avvocati e dottori commercialisti) è uno dei comparti più colpiti dalla crisi. Nel  2010, il fatturato globale è diminuito del 46% rispetto al periodo precedente, segnando un -38% nelle prenotazioni,  un -20% nell’occupazione ed un -59% nelle forniture professionali. Il settore medico (veterinari, medici e biologi), altro comparto di punta nelle professioni, presenta anch’esso tutti
gli indicatori negativi: il fatturato globale, nel 2010, ha segnato un -37% rispetto all’anno precedente, il – 41%  nelle prenotazioni, il -24% nell’occupazione ed il – 51% nelle fo rniture professionali. Male anche il settore della  comunicazione (sociologi e giornalisti). Del 36% la contrazione del fatturato, dell’ 29% le prenotazioni, del 26%  l’occupazione e del 52% le forniture professionali.”Di fronte alla chiusura del 20% degli studi professionali,
costituiti prevalentemente da piccoli studi ed al crollo del fatturato” – commenta Vittorio Carlomagno presidente di  Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani a conclusione del terzo simposio internazionale – ”è impensabile  che il governo non intervenga sostenendo anche il comparto delle professioni, prevedendo per i professionisti misure
straordinarie, come il credito d’imposta sugli acquisti e il bonus occupazione per chi assume”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fatturato studi professionali

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 ottobre 2010

In Italia, Veterinari, avvocati, sociologi, giornalisti, medici, dottori commercialisti e biologi sono le professioni stanno risentendo maggiormente della crisi con un calo del fatturato del 39% e con la chiusura del 20% degli studi professionali.  La crisi degli studi professionali in Italia è particolarmente significativa se messa a confronto con quella europea. L’indagine presentata oggi pomeriggio a Capri da Contribuenti.it nella giornata conclusiva del quinto summit internazionale, al quale hanno partecipato i massimi rappresentanti delle associazioni dei contribuenti dei principali paesi europei, mette in evidenza che nei primi otto mesi del 2010 in tutti i principali paesi europei si registra una ripresa: in Francia, + 4,1% del fatturato, +3,2% in Inghilterra, + 2,9% in Germania, + 2,2% in Spagna, + 2,1% in Olanda e + 1,7% in Svezia. In Italia, invece, le professioni che fanno da trainano e supporto all’economia sono in forte difficoltà. Secondo l’indagine di Contribuenti.it, che ha preso in esame alcuni indicatori economici riferiti ai primo otto mesi del 2010 ed incrociato i dati del fatturato, delle prenotazioni, dell’occupazione e delle forniture professionali nel bel Paese la situazione è davvero preoccupante. Il settore giuridico-economico (avvocati e dottori commercialisti) è uno dei comparti più colpiti dalla crisi. Nei primi otto mesi del 2010, il fatturato globale è diminuito del 46% rispetto al periodo precedente, segnando un -38% nelle prenotazioni, un -20% nell’occupazione ed un -59% nelle forniture professionali.  Il settore medico (veterinari, medici e biologi), altro comparto di punta nelle professioni, presenta anch’esso tutti gli indicatori negativi: il fatturato globale, nei primi otto mesi del 2010, ha segnato un -37% rispetto all’anno precedente, il – 41% nelle prenotazioni, il -24% nell’occupazio ne ed il – 51% nelle forniture professionali. Male anche il settore della comunicazione (sociologi e giornalisti). Del 36% la contrazione del fatturato, dell’ 29% le prenotazioni, del 26% l’occupazione e del 52% le forniture professionali. “Di fronte alla chiusura del 20% degli studi professionali, costituiti prevalentemente da piccoli studi ed al crollo del fatturato” – commenta Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani a conclusione del terzo simposio internazionale – ”è impensabile che il governo non intervenga inserendo anche il comparto delle professioni tra quelli in crisi, prevedendo l’estensione ai lavoratori autonomi degli ammortizzatori sociali e di tutte le misure straordinarie, come il credito c’imposta sugli acquisti e il bonus occupazione per chi assume”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riforma ordini professionali

Posted by fidest press agency su martedì, 28 settembre 2010

Via alla libera alla riforma degli ordini professionali di medici, odontoiatri, farmacisti e medici veterinari. Lo prevede l’articolo 8 del disegno di legge sulle Sperimentazioni cliniche, approvato venerdì mattina in Consiglio dei ministri. «Entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge – si legge nel ddl – il Governo è delegato ad adottare uno o più decreti legislativi per il riordino della disciplina degli albi, degli ordini e delle relative federazioni nazionali dei medici chirurghi e degli odontoiatri, dei farmacisti e dei medici veterinari».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli stranieri muoiono a Nord-Est

Posted by fidest press agency su domenica, 4 luglio 2010

Sono la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto le regioni dove i lavoratori stranieri più frequentemente sono vittime di infortuni, confermando l’andamento a macchia di leopardo degli incidenti sul lavoro nel nostro Paese, strettamente connesso alla diversa densità occupazionale registrata nelle varie zone d’Italia. Nel 2008, secondo il rapporto INAIL, queste regioni insieme hanno totalizzato il 57,3% delle denunce e il 50% delle morti bianche tra i lavoratori stranieri. In particolare è la Lombardia la regione più interessata dal fenomeno: 1 infortunio ogni 5 denunciati a danno dei lavoratori stranieri si è verificato nelle province lombarde e ha coinvolto soprattutto giovani operai provenienti dal Marocco, Romania e Albania.  Questa tendenza si conferma anche per le malattie professionali: nel 2008 il 13% sono state registrate in Lombardia, preceduta da Emilia Romagna (25%) e seguita dal Veneto (11%), che insieme fanno quasi la metà di tutte le denunce arrivate all’INAIL. Sempre secondo l’INAIL, considerando la quota degli infortuni degli immigrati rispetto al complesso delle denunce, le incidenze oscillano intorno ai  4-5 punti percentuali  per la quasi totalità delle regioni del Sud mentre quelle del Nord raggiungono anche il 25%. Da questa prospettiva è il Friuli Venezia Giulia la regione più interessata dal problema, dove un infortunio su quattro riguarda un lavoratore nato all’estero. La punta massima si raggiunge invece nella provincia di Pordenone, dove ogni tre infortuni uno coinvolge un immigrato, seguita da Treviso e Piacenza.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Palermo: i primi conciliatori professionali

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Prestigioso successo a Palermo per avvocati dottori commercialisti e neo-laureati in materie giuridiche ed economiche: più di venti conciliatori che si sono iscritti al corso A.N.P.A.R., dei quali solo 19 hanno superato la prova finale di valutazione ed  hanno ricevuto l’attestato valido per iscriversi attraverso un organismo di conciliazione nel Registro tenuto presso il Ministero della giustizia.  C’è soddisfazione ma anche tanta voglia di continuare a formare conciliatori specializzati su tutto il territorio Siciliano, è quanto affermato dal presidente dell’associazione dott. Giovanni Pecoraro. Il nostro intento, continua Pecoraro, è quello di istituire, in Comuni e quartieri con una media densità abitativa, uffici di conciliazione di prossimità a disposizione della comunità Siciliana. “Ci aspettano giorni di intenso lavoro nei prossimi anni a causa dell’entrata in vigore dell’esperimento obbligatorio nel campo della mediazione civile. Il ruolo di questi neo conciliatori specializzati, è quello di svolgere questa professione come soggetto terzo ed imparziale al fine di assistere le parti nel tentativo di raggiungere un accordo volto a comporre la controversia al di fuori delle procedure giudiziarie, nonchè a formulare una proposta di risoluzione della controversia stessa” – afferma Pecoraro. La difficile ripresa economica passa, anche, attraverso il nuovo istituto giuridico, “non più cause lunghe e costose, ma tempi brevi e senza costi di giustizia”, questo è quanto affermato dal Ministro della giustizia Angelino Alfano. Un fatto positivo commentato con favore dai neo conciliatori che hanno chiesto all’A.N.P.A.R., una più capillare presenza sul territorio di uffici di conciliazione. Di seguito, i loro nomi: Arico’ Gianfranco,  Damiano Elena, Di Franco Marco, Failla Anna, Filippazzo Pietro, Fricano Cornelia Maria, Galiano Ciro, Giambalvo Baldassare, La Rosa Angela Fanny, Mortelliti Maria, Musacchia Tiziana Caterina, Napoli Calogero, Pace Maria Enza Marinella, Pagano Cristiano, Pannizzo Ninfa, Quadra Sergio, Soldo Sergio, Sunseri Antonio, Torina Maria Grazia.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Processo Eternit a Torino

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 dicembre 2009

“Questo è un caso che deve fare scuola nella giurisprudenza europea, poiché vede coinvolta un’azienda che merita di essere condannata per responsabilità oggettiva, in quanto i danni da essa procurati travalicano i confini della sicurezza sul lavoro, avendo colpito la salute non solo dei dipendenti ma anche dei loro familiari e dell’intera cittadinanza”. Così Carmine Celardo, vice responsabile per il Lavoro e l’Occupazione dell’Italia dei Diritti, commenta la prima udienza del maxi processo Eternit a Torino, che vede sul banco degli imputati due dirigenti della multinazionale svizzera produttrice di amianto, accusati di “disastro doloso e omissione volontaria di cautele contro le patologie professionali” negli stabilimenti piemontesi, emiliani e campani. Quasi 3 mila le parti lese per le morti legate alla lavorazione dell’amianto, poiché le polveri-killer uccisero non solo gli operai, ma anche chi abitava nei pressi delle fabbriche. Oltre 2 mila le richieste di costituzione di parte civile che chiamano in causa anche il governo e l’Unione europea, colpevoli di scarsa vigilanza. “I magistrati dovrebbero valutare molto severamente la posizione degli imputati – rileva con forza l’esponente del movimento fondato da Antonello De Pierro – poiché è doveroso parlare di strage. Se lo si è fatto per le 33 vittime dell’incidente ferroviario di Viareggio, lo si dovrebbe fare anche per questo disastro costato la vita a migliaia di persone. I responsabili della Eternit sapevano bene dei rischi per la salute legati alla lavorazione di questo pericolosissimo materiale, eppure hanno taciuto per meri interessi economici, speculando con indifferenza sulla vita della gente”. Quello di Torino potrebbe trasformarsi nel più grande processo europeo su un simile argomento, come testimoniano anche il numero esorbitante di persone presenti alla prima udienza, contando le  parti offese, gli avvocati e i giornalisti italiani e stranieri. “Come rappresentante dell’Italia dei Diritti – incalza duro Celardo – chiedo alla magistratura di emettere una condanna esemplare per i responsabili, che sia da monito per tanti altri casi italiani di disastro umano e ambientale come le centrali nucleari dismesse o il petrolchimico di Marghera, affinché non si ripetano mai più situazioni del genere. Pretendo che questo processo sia da esempio per la politica internazionale e che non dia l’immagine della solita Italia ‘cenerentola’ della giustizia e dei diritti civili”.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corsi di conciliatori professionali

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 dicembre 2009

Si è concluso il primo corso per il conseguimento dell’attestato di conciliatore specializzato per i 30 professionisti che hanno partecipato all’iniziativa promossa dall’A.N.P.A.R. –  Associazione Nazionale per la Conciliazione & l’Arbitrato – ente formativo accreditato presso il Ministero della giustizia. Tutti i candidati hanno superato la prova di valutazione finale e dimostrato di ben meritare il titolo di conciliatore professionale. Per questo, avvocati, commercialisti, neo laureati in materie giuridiche-economiche e titoli equipollenti, laurea triennale compresa, che hanno frequentato il corso, hanno la possibilità di esercitare la nuova attività professionale, attraverso l’Organismo Internazionale di Conciliazione & Arbitrato, iscritto nel registro tenuto presso il richiamato Ministero. Insomma, un vero e proprio incentivo per far crescere l’istituto della CONCILIAZIONE, anche tra i più giovani e farne un modello educativo di crescita per quelli che verranno, questo è quanto affermato dal presidente Dott. Giovanni Pecoraro, che ha partecipato come osservatore, alla manifestazione di consegna degli attestati.La manifestazione – fortemente voluta sia dai nuovi neo-conciliatori che dalla delegata Regionale A.N.P.A.R., Avv. Rosanna Cafaro è servita anche a far conoscere alle istituzioni ed ai cittadini che la provincia di Lecce è la prima in assoluto ad aver formato 30 conciliatori (tetto max ammissibile per corso) che possono già risolvere, attraverso l’istituto giuridico della mediazione civile le controversie civili e commerciali, così come prevede il decreto legislativo in fase di attuazione ed approvato il 28 ottobre 2009. Saranno, dice ancora l’Avv. Cafaro,-  istituiti i primi 30 uffici di conciliazione di prossimità spalmati sul territorio provinciale e comunale, ai quali si aggiungeranno gli altri trenta del secondo corso, se supereranno la relativa prova di valutazione.(A. Bove)

Posted in Diritti/Human rights, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »