Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘profondità’

X20, il primo SoC mobile al mondo con architettura CPU Tri-Cluster™

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 maggio 2015

helioMediaTek annuncia il nuovo MediaTek Helio™ X20 – il primo processore mobile al mondo con architettura CPU Tri-Cluster™ e dieci core di elaborazione (Deca-core). Helio X20 è frutto della mission di MediaTek intesa a offrire le più elevate performance di elaborazione del settore combinate a un’efficienza energetica senza paragoni. Con l’integrazione del modem LTE Category 6 MediaTek WorldMode con carrier aggregation e il nuovo algoritmo di schedulazione avanzato CorePilot® 3.0, Helio X20 è destinato a rivoluzionare l’industria dei processori mobili, rispondendo alla domanda globale di dispositivi mobili di fascia alta. Si prevede che il nuovo Helio X20 sia disponibile all’interno dei prodotti consumer dalla fine dell’anno.I moderni dispositivi mobili devono supportare un ventaglio di attività più ampio che mai. Nell’ambito delle funzioni a carico elevato vi sono i giochi, che richiedono alte prestazioni a livelli sostenuti, mentre le funzioni di imaging avanzato e registrazione video necessitano di picchi di potenza da parte dei processori. A queste attività si affiancano le funzioni a carico minore come l’audio o la navigazione Internet. Anche l’autonomia delle batterie riveste enorme importanza per ogni tipologia di utente. Eppure le architetture per elaborazione mobile esistenti non soddisfano in maniera efficiente l’ampia varietà di scenari di utilizzo. Attualmente la maggior parte degli smartphone di alta fascia si avvale di architetture dual cluster, che da un lato riducono la possibilità di minimizzare i consumi e dall’altro limitano la granularità dei livelli di calcolo nelle differenti configurazioni.L’architettura CPU MediaTek Tri-Cluster utilizzata per il nuovo Helio X20 invece mette a disposizione tre cluster di processore, ciascuno dei quali progettato per gestire più efficientemente tipologie di workload differenti. La CPU Tri-Cluster è formata da un cluster di due core ARM Cortex-A72 (operanti a 2,5GHz per prestazioni estreme) e due cluster di quattro core ARM Cortex-A53 (uno funzionante a 2,0GHz per carichi medi e uno operante a 1,4GHz per le attività meno impegnative). Proprio come avviene con le marce del cambio nelle autovetture, la suddivisione dei core in tre cluster rappresenta un’allocazione più efficiente delle attività favorendo performance ottimali e una prolungata autonomia delle batterie.L’architettura CPU Tri-Cluster è resa possibile dall’algoritmo di schedulazione CorePilot 3.0, che programma i task eterogenei di tutte le CPU e GPU presenti nel SoC gestendone gli effetti termici e di alimentazione in modo da raggiungere performance estreme generando meno calore. La soluzione arriva a ridurre del 30% i consumi elettrici rispetto alle architetture dual cluster tradizionali.“All’avanguardia nell’innovazione multimediale e delle architetture per CPU mobili, MediaTek continua a potenziare i livelli di efficienza energetica e prestazioni di picco”, dichiara Jeffrey Ju, Senior Vice President di MediaTek. “Siamo entusiasti di vedere come i produttori di dispositivi possano a loro volta innalzare i termini di paragone nelle foto-videocamere, nei display, nell’audio e in altre funzionalità per il mondo consumer. MediaTek ha aggiunto alle proprie piattaforme capacità multimediali innovative fin dall’inizio, migliorando l’esperienza multimediale e di elaborazione complessiva nel quadro di una strategia che punta a mettere la tecnologia più avanzata nelle mani di tutti”.
Il nuovo MediaTek Helio X20 vanta diverse caratteristiche senza precedenti progettate per massimizzare le prestazioni di visualizzazione e l’esperienza multimediale del consumatore:
· doppia fotocamera con engine integrato per la gestione della profondità 3D, permettendo un’esperienza più rapida nella creazione di immagini dalla profondità di campo complessa
· engine di de-noising multi-scale per la produzione di immagini di qualità elevata con livelli inediti di dettaglio, fedeltà dei colori e nitidezza persino in condizioni estreme
· display mobile con 120Hz di frequenza di refresh video, che abbatte l’attuale barriera dei 60Hz per garantire una navigazione nitida e reattiva con una visione del movimento priva di compromessi
· processore per sensori integrato a basso consumo – ARM Cortex-M4 – per supportare diverse applicazioni always-on come la riproduzione MP3 e l’attivazione vocale. L’hub dei sensori opera all’interno di un dominio isolato a basso consumo per assistere le varie attività con una maggiore efficienza energetica.
Il nuovo MediaTek Helio X20 sarà disponibile per test dal terzo trimestre 2015 e si prevede che appaia all’interno dei prodotti consumer alla fine del 2015.
Per maggiori informazioni sul nuovo Helio X20 è possibile visitare l’indirizzo: http://www.heliox20.com (foto: helio)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove tecnologie e sviluppo mercato

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 maggio 2011

Diversamente da altre fonti di energia rinnovabili intermittenti come vento, sole e onde, le centrali geotermiche possono rilasciare una carica di base al sistema di energia elettrica e sono in grado di sostituirsi con successo alle centrali nucleari e a quelle alimentate a carbone. L’energia geotermica è una delle tecnologie disponibili più pulite e può produrre elettricità con un’emissione minima se non addirittura inesistente di gas a effetto serra. L’energia geotermica è principalmente generata da “reservoir” idrotermali situati a 2-3 km di profondità. Inoltre, questi serbatoi non sono presenti ovunque ma si concentrano principalmente nelle aree vulcaniche attive. Una nuova analisi condotta da Frost & Sullivan (http://www.technicalinsights.frost.com), intitolata “Geothermal Energy Generation: Technology Penetration and Roadmapping”, rivela che la nuova tecnica di trivellazione più promettente è la spallazione idrotermale che usa un fluido caldo ad alta pressione per micro fratturare la roccia e risciacquarla dal pozzo di trivellazione. I maggiori problemi che l’industria geotermica deve affrontare sono rappresentati dagli elevati costi iniziali e dai rischi coinvolti nello sviluppo dei progetti geotermici. I procedimenti consentiti rappresentano l’11% del costo totale dello sviluppo del processo geotermico prima che la trivellazione del primo pozzo inizi. Il passo successivo è la trivellazione, che solitamente rappresenta il 30% dei costi totali. Un solo pozzo può costare fino a 5 milioni di euro e ne servono sempre almeno due. Un’accurata esplorazione dei “reservoir” geotermici e una raccolta delle informazioni sulle loro proprietà sono fondamentali prima di iniziare la trivellazione. Il modo migliore per valutare un “reservoir” è perforare un pozzo per raggiungere le risorse geotermali e controllarne le proprietà. Dato che la trivellazione di pozzi geotermali profondi è molto costosa, la maggior parte degli sviluppatori non inizia a trivellare il primo foro senza avere un certo grado di certezza che saranno trovate delle risorse geotermali con un preciso indice di flusso a una precisa profondità. Altri fattori che ostacolano la crescita del mercato geotermico sono l’accesso limitato agli impianti di trivellazione e la mancanza di specialisti esperti per lo sviluppo di nuove tecnologie, che permettano l’utilizzo dell’energia geotermica sfruttando sistemi come gli EGS . La riduzione dei costi così come il tempo impiegato per la trivellazione sono elementi vitali per un ulteriore sviluppo dei sistemi EGS. La spallazione idrotermale sembra una tecnologia di trivellazione promettente che potrebbe soddisfare i requisiti summenzionati. Essa implica la trivellazione senza contatti, e quindi l’eliminazione del consumo dell’utensile causato dalle tecniche di trivellazione convenzionali aumentando così l’affidabilità delle attrezzature. Investitori e sviluppatori di questo settore dovrebbero puntare a un miglioramento delle tecnologie esistenti e allo sviluppo di nuovi sistemi per una trivellazione profonda e un’esplorazione dei “reservoir” geotermali. L’analisi “Geothermal Energy Generation: Technology Penetration and Roadmapping” fa parte della Technical Insights Subscription. Il gruppo di ricerca Technical Insights di Frost & Sullivan offre analisi tecnologica a livello internazionale fornendo una varietà di nuovi spunti tecnici, bollettini di informazione e servizi di ricerca.
Frost & Sullivan, la Growth Partnership Company, permette ai suoi clienti di accelerare la loro crescita e di raggiungere posizioni di rilievo in termini di progresso, innovazione e leadership di mercato. La Growth Partnership Service di Frost & Sullivan offre al Ceo e al suo team una ricerca accurata e dei modelli “best practice” da seguire per guidarli nella creazione, nella valutazione e nell’attuazione di significative strategie di crescita. Frost&Sullivan vanta oltre 50 anni di esperienza come partner delle prime 1000 società a livello globale, aziende emergenti e investitori di più di 40 uffici in sei continenti. Per far parte della nostra Growth Partnership, visita il nostro sito

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sondaggi geotermici a Bagnoli

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 ottobre 2010

Intervento della senatrice Donatella Poretti, parlamentare Radicale: “Come è noto, l’area del territorio del napoletano su cui sorgono tra gli altri i quartieri di Bagnoli e il comune di Pozzuoli, è interessata da un’intensa attività geotermica e vulcanica effusiva che trae sua origine nella caldera magmatica flegrea, localizzata sotto lo specchio di mare antistante il Comune di Pozzuoli.Da notizie stampa si apprende che è prevista, nel corrente mese di ottobre 2010, un’attività di sondaggio geotermico fino a 500 metri, destinato a proseguire entro il prossimo anno fino alla profondità di 4 km, ad opera dell’organizzazione scientifica ICDP (International Continental Drilling Project), da una zona all’interno della municipalità di Bagnoli (Napoli) a ridosso dei quartieri di Cavalleggeri Aosta, Fuorigrotta e Posillipo (area che conta circa 300 mila abitanti), per acquisire nuovi dati di conoscenza scientifica. Dal punto di vista vulcanologico e geotermico un sondaggio a Bagnoli che si prevede fino a una profondità di 4 km non sembrerebbe trovare invece alcuna giustificazione scientifica: negli anni ’70 già avevano avuto luogo da parte di una joint venture AGIP-ENEL dei sondaggi analoghi che avevano già scoperto tutto quello che c’era da scoprire, ovvero che la risorsa geotermica nell’area è consistente ma con un grado di salinità che ne rendeva diseconomico lo sfruttamento. Mentre è appurato che l’attivià del nuovo sondaggio, con i relativi fanghi di perforazione che si estrarranno, determinerà un consistente inevitabile inquinamento dovuto a contaminati inorganici, di un’area che, attraverso un lungo e travagliato processo politico e con l’esborso di ingenti somme di denaro pubblico, sta finendo di venire bonificata dai relitti e dall’inquinamento dell’industria per lo più chimica che ne ha occupato il territorio durante la quasi totalità del secolo scorso. Oltre a questo, la letteratura scientifica descrive come notevolmente rischiosi questo tipo di sondaggi per il pericolo di scoppi improvvisi dei gas liberati e di movimenti sismici, e fornisce studi su esperienze drammatiche occorse in analoghe ricerche effettuate in regioni remote e disabitate (!) della Nuova Zelanda e dell’Islanda.
Per queste ragioni, con il collega Marco Perduca, abbiamo rivolto un’interrogazione al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, per sapere se il Ministro è informato dell’esistenza e della prossima attuazione di questo progetto, nel caso quali valutazioni abbia espresso a riguardo, e se non ritenga di dover approfondire la valutazione di ogni rischio che possa derivarne per l’incolumità della popolazione e per l’ambiente circostante.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lavaggi. L’acqua calda non pulisce di più

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 agosto 2010

Ogni tanto crolla una leggenda metropolitana. E’ convinzione comune che l’acqua calda pulisca i tessuti meglio di quella fredda. Non e’ proprio cosi’. Vediamo. Vero e’ che la solubilità di una macchia aumenta con l’aumentare della temperatura dell’acqua e che, quindi, si pongono le condizioni per l’eliminazione della macchia stessa. Aumentare la solubilita’ della macchia significa, pero’, scomporla in tante piccole parti che si diffondono in profondita’ nelle fibre rendendo piu’ difficile la successiva asportazione con detersivi o con lavaggi a secco. Questo processo avviene in particolare con le macchie grasse sui tessuti sintetici; il fenomeno trova diffusione proprio in estate con l’uso di costumi da mare (sintetici) e di oli solari o di pranzi consumati con slip o boxer (e relative macchie). Inoltre lo sporco di natura proteica (es. uova) puo’ diventare di difficile pulizia a causa dei processi di coagulazione delle proteine. Al tutto ci aggiungiamo che l’acqua calda “stressa” i tessuti e costituisce un spesa aggiuntiva del lavaggio (riscaldare costa!). Consigli? Non e’ necessario posizionare la temperatura dell’acqua della lavatrice a 60 gradi: si sprecano soldi, si danneggiano i tessuti e non si ottengono risultati migliori di un lavaggio a 30 gradi. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Janet Frame: Un angelo alla mia tavola

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 giugno 2010

Ritorna, in una nuova accurata edizione, uno dei capolavori della recente letteratura di lingua inglese: Un angelo alla mia tavola, l’autobiografia della scrittrice neozelandese Janet Frame, resa celebre dalla versione cinematografica realizzata nel 1990 dalla regista Jane Campion. Guidato da una scrittura che rapisce per la sua fisicità e profondità, il lettore segue in queste pagine la complessa e dolorosa formazione di una scrittrice, l’itinerario psicologico e affettivo di una bambina-ragazza-donna, dapprima nell’Isola del Sud in Nuova Zelanda, dove Janet Frame è nata nel 1924, e poi nell’Isola del Nord, dove l’autrice compie un severo tirocinio di scrittrice e porta a termine, nel 1955, il suo primo romanzo, Gridano i gufi.  Figlia di ferrovieri, Janet vive da bambina i duri anni della Depressione. Nel 1942 riesce tuttavia a conseguire brillantemente un diploma di scuola superiore e a trasferirsi verso sud per frequentare l’università. Lontana da casa, sullo sfondo di una guerra di cui la lontananza non riduce l’orrore, sono i poeti a tenerle compagnia. Il paesaggio, il mare e i poeti – Shakespeare, Shelley, Keats, Dylan Thomas, T.S. Eliot, Auden – la scortano durante il viaggio in treno e nel difficile apprendistato di studentessa universitaria povera, timidissima e sola. EAN 9788854503793  Pagine 704 Euro 20,00 http://www.neripozza.it
Insieme a Katherine Mansfield, che l’ha preceduta, Janet Frame (1924-2004) è la scrittrice neozelandese più nota, e una delle maggiori non solo del suo paese ma di tutta la letteratura anglosassone della seconda metà del Novecento, proposta almeno due volte per il Premio Nobel. In Italia è nota soprattutto grazie al film di Jane Campion Un angelo alla mia tavola, che nel 1990 ricevette il Gran premio della Giuria al Festival di Venezia.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Registro della Danza Contemporanea

Posted by fidest press agency su domenica, 7 febbraio 2010

Padova 9 febbraio alle ore 12.30  Caffè Pedrocchi  la Regione del Veneto con Arteven Circuito Teatrale Regionale e Operaestate Festival Veneto  presenterà il  Registro della Danza Contemporanea e di Ricerca del Veneto.  Il volume inaugura una nuova collana dal titolo Osservatorio, che si propone di indagare in profondità e in modo originale il settore dello spettacolo dal vivo, con particolare attenzione al monitoraggio dei diversi comparti, utile per avviare una corretta e produttiva analisi del contesto attuale e delineare conseguenti direzioni di lavoro e di intervento. interverranno  Maria Teresa De Gregorio, dirigente Unità di Progetto Attività Culturali e Spettacolo della Regione del Veneto  Pierluca Donin, direttore di Arteven Circuito Teatrale Regionale Rosa Scapin, direttore di Operaestate Festival Veneto di Bassano del Grappa

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

VI Rapporto sulle Migrazioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2010

Roma 4 febbraio 2010, alle ore 16.30, presso l’Auditorium di Via Rieti 13 (Piazza Fiume) verrà presentato l’Osservatorio Romano sulle Migrazioni, giunto alla VI Edizione.  Questo Rapporto annuale è promosso congiuntamente da due strutture pubbliche, la Camera di Commercio e la Provincia di Roma, e da una pastorale, la Caritas diocesana di Roma. Strutturato come di consueto in quattro sezioni (i capitoli introduttivi a carattere generale, l’immigrazione in Provincia di Roma, l’immigrazione nel Comune di Roma e gli aspetti economici e imprenditoriali), la pubblicazione cerca di accreditarsi sempre più come un sussidio utile per leggere in profondità il fenomeno della mobilità nell’area della sua più alta concentrazione, quella romana. Il lettore può spaziare a 360 gradi sui temi di più rilevante interesse: dall’inserimento ai servizi di accoglienza, dall’apprendimento della lingua alla ricerca della casa, dall’occupazione alle iniziative imprenditoriali, dalla frequenza scolastica dei figli agli scambi culturali, dalla dimensione religiosa ai risparmi e all’invio di rimesse nei paesi di origine. Non vengono trascurati apporti innovativi su temi controversi come la criminalità. Molto ricco è anche il ventaglio delle collettività presentate nel Rapporto: i brasiliani, i capoverdiani, i cinesi, gli indiani del Punjab, gli iracheni, i macedoni, i malgasci, gli srilankesi. Si parla delle comunità rom e sinti e, dal punto di vista religioso, di quelle sikh, ortodossi e cattoliche. L’incontro del 4 febbraio consentirà ai partecipanti non solo di acquisire un nuovo volume così ricco di argomenti, ma anche di approfondirne i contenuti con i rappresentanti della Provincia, della Camera di Commercio e della Caritas diocesana di Roma

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Buen Vivir: Per una nuova democrazia della Terra

Posted by fidest press agency su sabato, 14 novembre 2009

Roma, martedì 17 novembre, ore 17.30 La Feltrinelli Librerie, Via V. E. Orlando. Partecipano Giovanni Maria Bellu, vicedirettore de l’Unità Gianni Minà, direttore della rivista Latinoamerica Nicoletta Rocchi, segretaria confederale Cgil  sarà presente l’autore  Prefazione di Adolfo Pérez Esquivel / Postfazione di Gianni Minà L’umanità è immersa in una crisi inedita, le cui cause vanno indagate in profondità. Cause complesse che mettono in luce l’insostenibilità politica e sociale di un modello di sviluppo che ha dimostrato la sua inadeguatezza e che pone domande forti, legate alla sopravvivenza stessa dell’uomo sul pianeta. Concetti e strumenti come riformismo e rivoluzione non riescono oggi ad affrontare e a risolvere problemi così complessi e interdipendenti. La conseguenza è un altro enorme paradosso: vivere un tempo in cui vengono poste domande forti ma le risposte appaiono estremamente deboli. Domande come: esiste un’alternativa al modello capitalista? è realizzabile migliorare la vita di miliardi di persone tenute ai margini? si può coniugare l’economia con la difesa dell’ambiente? è possibile sperimentare un nuovo patto sociale e ripensare le forme della rappresentanza? Dall’America latina all’Asia, all’Africa, a molte comunità e territori del Nord del mondo i conflitti ambientali e sociali hanno creato le condizioni per la formazione di un campo nuovo. Una sociologia dell’assenza che a partire dalla democrazia deliberativa e dalla responsabilizzazione collettiva lavora alla costruzione di un nuovo paradigma di civiltà, fondato sul buen vivir e su una relazione armoniosa con la natura. Educazione popolare, autogoverno, orizzontalità, giustizia sociale, mutualismo, creatività e decolonizzazione del potere sono gli strumenti e le pratiche che l’ecologismo dei poveri utilizza per costruire una democrazia della Terra. Il protagonismo dei movimenti indigeni, dei movimenti impegnati per la difesa dei beni comuni e per i diritti di cittadinanza mette in luce la rottura del contratto sociale e la necessità di ridefinirlo a partire dalle nuove condizioni poste dalle crisi.
Giuseppe De Marzo, economista, attivista e portavoce dell’associazione A Sud.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aurelio Gravina: Il buio, l’oblio…esserci

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 novembre 2009

graviaMantova fino al 19/11/2009 la Galleria -Arianna Sartori – Arte & Object design- di Mantova in Via Ippolito Nievo, 10, ospita la mostra dell’artista milanese Aurelio Gravina intitolata Il buio, l’oblio- esserci.  Non e’ possibile ricondurre il suo lavoro esclusivamente ad una radice. In una direzione che si potrebbe ampiamente dire neoespressionista, Gravina recupera suggestioni tra loro molto varie, che vanno da Baselitz, Kiefer e Richter fino alla figu-razione ideologica di Baratella e Spadari, ma non disdegna neppure le profondità psicologiche ed emotive del nostro reali-smo esistenziale, ne’ le tensioni segnico-gestuali di Scanavino o di Dova. Ma il suo legame originario con la cultura figura-tiva, da un lato, e con quella letteraria, teatrale e socio-politica degli anni Sessanta e Settanta, dall’altro, e’ riformulato oggi attraverso il filtro martellante, e pero’ raffreddato, dei media, che tutto assimilano in un confronto solo apparentemente in-genuo: dall’immagine di cronaca alla fotografia d’archivio, ai capolavori della grande tradizione del realismo occidentale.  Ne risulta una pittura straordinariamente aggiornata dal punto di vista dei soggetti, dell’impaginazione e della stesura, ma come sedimentata, resa senza tempo dal rigore che la domina e la trasforma in una sorta di sfida, in un perenne combatti-mento con l’immagine. L’impressione e’ che in queste operazioni egli si vieti ogni vezzo e ogni compiacimento fine a se’ stesso di materia, di pennellata, di gesto, ma al tempo stesso rifiuti di trovare per il proprio lavoro una giustificazione che sia esterna all’atto pittorico stesso. L’intonazione dei bianchi – di volta in volta opachi e aridi oppure mossi, pastosi e rilu-centi – e’ il campo sul quale si misurano le figurazioni tra frammento, memoria e sogno delle opere piu’ recenti, in un rin-corrersi, alternato, di -tutto pieno- e di grandi vuoti disorientanti-. (G. Zacchetti)
Aurelio Gravina, nato a Francavilla Marittima, vive e lavora a Milano, ha già all’attivo una ventina di mostre personali. Scenografo, attore e regista, laureato all’Accademia di Belle Arti di Milano, lavora in teatro con il gruppo Out Off, in par-ticolare con il poeta e pittore Giancarlo Pavanello con cui nel 1979 crea il gruppo Teatro di Babele che lavora sperimen-tando l’uso della scrittura poetica nel teatro. Nel 1995 comincia la ricerca nel campo pittorico, tentando di fondere le tec-niche sperimentate in teatro, ovvero usando la tela come spazio scenico dove il segno pittorico diventa attore; recentemen-te ha inaugurato con il Comune di Zavattarello, la mostra dal titolo -Histoire-, l’irrealtà della Storia, presso il Museo d’Arte Contemporanea Castello Dal Verme di Zavattarello (PV). (gravina)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’eredità di Giovanni Paolo II

Posted by fidest press agency su martedì, 22 settembre 2009

Svidercoschi G. Franco  Edizioni San Paolo 160 pagine – formato 14×21,5 ISBN 9788821566004 Euro 13,50  Dopo la morte di Giovanni Paolo II, avvenuta il 2 aprile 2005, la memoria del Papa che maggiormente ha segnato il XX secolo è stata tenuta viva dalla fede di quanti, ogni giorno, fanno riferimento alla sua testimonianza e al suo insegnamento. Una vera e propria “eredità” di cui solo ora si cominciano a cogliere compiutamente i tratti. In un testo ricco di fatti inediti e privati della vita del papa, eppure capace di sondare in profondità le intuizioni e le scelte profetiche del grande Pastore della Chiesa, Gian Franco Svidercoschi presenta un’analisi lucida e appassionante dell’eredità lasciata da Giovanni Paolo II. Il testo è racchiuso tra due istantanee della morte di Karol Wojtyla e ricostruisce le origini polacche del pontefice, la sua storia personale, i cambiamenti mondiali ai quali ha partecipato e dei quali è stato spesso ispiratore, le sfide del dialogo interreligioso, della pace, della santità.
Gian Franco Svidercoschi, italiano di origini polacche, inizia la carriera giornalistica giovanissimo nel 1959. Fu inviato dell’Ansa al Concilio Vaticano II e successivamente ricoprì l’incarico di vicedirettore de L’Osservatore Romano. Degna di nota la collaborazione con Papa Giovanni Paolo II alla stesura di Dono e Mistero nel 1996 e la pubblicazione con Stanislao Dziwisz di Una vita con Karol nel 2007. Tra gli altri suoi libri ricordiamo: Ho conosciuto nazismo e comunismo. Karol Wojtyla, un papa tra due totalitarismi (1998); Un Concilio che continua. Cronaca, bilancio, prospettive del Vaticano II (2002); L’esercito del papa (2003).

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Una piccola matita”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2009

Roma Giovedì  3 settembre 2009  alle ore 11.30 in Sala Marconi – Radio Vaticana – Piazza Pia, 3  conferenza stampa di presentazione dell’audiolibro  “Una piccola matita” su testi di Madre Teresa Terzo volume del Progetto Culturale ed Educativo “PhonoStorie” dedicato a grandi Personaggi del XX secolo  Interverranno: Stefano De Martis, condirettore  di “Sat2000”(moderatore) S.E.Mons.Giuseppe Merisi, Sergio Zavoli, Folco Terzani, Mite Balduzzi e Roberto Tietto Saranno presenti alcuni degli artisti coinvolti nel progetto “Una piccola matita” non è un saggio, né una biografia, ma uno strumento per mettersi in ascolto delle profondità dell’animo di Madre Teresa, ripercorrendone la vicenda umana, attraverso alcune pagine di spiritualità più famose scritte da Madre Teresa. La Prefazione dell’Opera è affidata a personalità che, per cultura e per una personale, appassionata e profonda ricerca, hanno scritto e testimoniato di lei con toccante sensibilità e limpidezza: Sergio Zavoli e Folco Terzani.  Di alto profilo gli artisti che hanno dato la voce agli scritti di Madre Teresa: Paolo Bonacelli, Sonia Bergamasco, Fabrizio Gifuni, Rita Di Lernia, Eleonora Mazzoni, Fabrizio Bucci. Musiche del compositore Mite Balduzzi. Da segnalare la partecipazione della cantautrice Chiara Grillo, con il brano “Una goccia d’acqua” in versione acustica, accompagnata al pianoforte dal maestro Emanuele Chirco. In postfazione l’audiolibro contiene anche brevi testimonianze di personalità provenienti da diversi ambiti: Giuseppe Merisi – Presidente Caritas Italiana, Sara Simeoni – campionessa olimpica, Giulio Andreotti – senatore, Liliana Cosi – ballerina étoile, Laura Biagiotti – stilista. L’Arcobaleno Editore, Centro Europeo Risorse Umane in collaborazione con Caritas Italiana  Durata Cd: 54’ ca. Prezzo di copertina: €. 24,50 (libro+cd)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rispetto del diritto alla vita

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2009

«I bambini a cui viene impedito di nascere sono i più poveri tra i poveri, diceva Madre Teresa. che di povertà se ne intendeva. Ora quel pensiero trova  nella nuova enciclica una sistemazione culturale definitiva» commenta Carlo Casini, presidente del Movimento per la vita, la pubblicazione di Caritas in veritate. «Il collegamento tra la questione della vita nascente e morente con la questione dei diritti umani e della solidarietà anche a livello internazionale mostra la natura centrale, fondativa del diritto alla vita rispetto all’architettura complessiva degli Stati e delle relazioni internazionali. «Il Movimento per la vita ringrazia Benedetto XVI per la profondità del suo insegnamento» conclude Casini. «E’ giunto il momento di pensare alla distruzione di esseri umani nel momento stesso del loro comparire all’esistenza ed all’eutanasia come alla sconfitta degli stati, dell’Europa e delle politiche di aiuto allo sviluppo e  viceversa alla promozione del diritto alla vita dal concepimento alla morte naturale come la più moderna e laica affermazione del principio di uguaglianza e quindi come al principio di un autentico rinnovamento civile e morale».

Posted in Confronti/Your opinions, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Non è troppo tardi

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 giugno 2009

E’ un saggio serio-ironico sui tempi moderni di Paolo Favro . Esso offre una visione originale, e a volte dissacrante, dell’Italia odierna.  La politica del nostro paese, in particolare, diventa oggetto di un’analisi non sterile, in quanto fornisce le eventuali soluzioni da adottare per risolvere problemi pratici. L’Autore si concentra soprattutto sugli sprechi della politica e su quel denaro che potrebbe, al contrario, essere impiegato in opere di rinnovamento delle infrastrutture. Tra mito e realtà, storia, malcostume, Costituzione, tempi moderni, donne, fede, Paolo Favro analizza con leggerezza, e talvolta profondità, i punti deboli della nostra società e dell’uomo contemporaneo.  Paolo Favro è nato e risiede a Schio.  Nonostante abbia operato in diversi settori lavorativi, non ha mai abbandonato il suo amore per la scrittura. Appassionato di letteratura fantasy e thriller, di musica e di cinema, come si può notare dalle numerose citazioni a volte evidenti e a volte nascoste presenti nel suo lavoro, è anche autore di “2049 Alien’s Killer” gioco di ruolo frutto della sua lunga esperienza nel roleplay-gaming. (Edito dalla Csa Editrice  Codice ISBN: 978-88-95030-84-5Numero di pagine: 120 Prezzo: 11,00)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »