Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Posts Tagged ‘protezione civile’

Roma: “Interventi della Protezione Civile puntuali ed efficienti”

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2020

“Nella Commissione Ambiente abbiamo ascoltato i vertici del Dipartimento Sicurezza e Protezione Civile di Roma Capitale, dottor Giuseppe Savarese e dottor Giuseppe Morabito, circa gli interventi attuati sul territorio capitolino in materia di covid-19 con il supporto delle 90 associazioni di volontariato presenti sul territorio. Un’emergenza che Roma Capitale sta fronteggiando con la massima attenzione sin dal 25 febbraio, data in cui ha avuto luogo la prima riunione del Centro Operativo Comunale (C.O.C.), poi attivato in maniera permanente in data 10 marzo. Oltre quattromila le chiamate a cui il Dipartimento ha risposto, per lo più incentrate su richieste di pacchi alimentari, di ritiro buoni spesa e di supporto nelle spese quotidiane.
Richieste evase al 100% grazie alla preziosa e imprescindibile sinergia attuata con il Dipartimento Politiche Sociali che, adesso, dovrà fornire alla Protezione Civile, per le relative operazioni di distribuzione, la lista dei cittadini che beneficeranno di 40.000 nuovi pacchi alimentari. La Protezione Civile di Roma Capitale, divisa in due tronconi operativi per evitare catene di contagio che possano pregiudicarne l’operatività, è altresì impegnata in ulteriori azioni di supporto ad Ama, alle prese con le operazioni di sanificazione e di raccolta rifiuti nei Municipi maggiormente interessati dall’emergenza covid-19, e con il Dipartimento Tutela Ambientale attraverso la creazione di una catena di solidarietà finalizzata a donazioni di fieno e avena.
Durante la seduta abbiamo interloquito anche con i rappresentanti delle associazioni Animalisti Italiani, Lav, Earth, Leidaa ed Enpa, con le quali è stato attivato un protocollo mirato a fornire sostegno e solidarietà alle persone impossibilitate a portare a spasso i propri amici a quattro zampe. Sempre in tema di animali, proseguono regolarmente le attività di soccorso dell’ambulanza veterinaria. La Protezione Civile, inoltre, ha annunciato che a breve terrà una riunione finalizzata ad acquisire e recepire l’ultima direttiva del Ministero della Salute. Nelle prossime settimane, ulteriori sedute della Commissione saranno dedicate all’emergenza coronavirus e a ogni aggiornamento utile sull’argomento”. Lo dichiara, in una nota stampa, il presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale Daniele Diaco.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Aggiornamento sulle strutture ecclesiali per la Protezione Civile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 aprile 2020

Prosegue l’impegno delle Diocesi italiane nel far fronte all’emergenza Covid-19 mettendo a disposizione strutture edilizie, proprie o altrui, destinate principalmente a tre categorie di soggetti: medici e/o infermieri, persone in quarantena, senza dimora. È una scelta solidale incoraggiata e sostenuta dalla Presidenza della Cei.Ad oggi sono 33 – ma l’elenco è in continuo aggiornamento – le Diocesi (in 13 Regioni Ecclesiastiche) ad aver comunicato di aver messo a disposizione della Protezione civile e del Sistema Sanitario Nazionale 46 strutture per oltre 1.200 posti. Sono poi 23 le Diocesi (in 9 Regioni Ecclesiastiche) ad aver fatto sapere di aver impegnato oltre 28 strutture per più di 500 posti nell’accoglienza di persone in quarantena e/o dimesse dagli ospedali. Infine 27 Diocesi (in 12 Regioni Ecclesiastiche) hanno informato di aver messo a disposizione più di 32 strutture per oltre 600 posti per l’accoglienza aggiuntiva di persone senza dimora, oltre all’ospitalità residenziale ordinaria che tiene conto delle misure di sicurezza indicate dai Decreti del Governo.“Questa varietà d’interventi, iniziative e strutture messe in campo dalla Chiesa che è in Italia in questa emergenza – dichiara don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana -, oltre ad essere segno visibile di quella ‘fantasia della carità’ a cui Papa Francesco c’invita continuamente, è testimonianza tangibile di un servizio alle persone, ai più poveri in particolare e a chi è in prima linea nella cura dei malati, e quindi al Paese intero”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Gli infermieri ci sono e ci vogliono essere

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2020

In 9.448 hanno risposto “ci sono” alla chiamata della Protezione civile per dare supporto, aiuto e collaborazione professionale ai colleghi delle zone d’Italia dove c’è il maggior numero di contagi e morti per COVID-19, quasi venti volte di più della richiesta.
Sono infermieri esperti nelle specialità necessarie a quelle zone, dalla terapia intensiva alla pneumologia. Lo sono perché l’assistenza degli infermieri ormai da oltre un quarto di secolo è specializzata e mirata solo a una cosa: assistere il paziente per la tutela della sua salute. “Lo sono – afferma Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche – per la loro naturale formazione e anche perché gran parte di loro è pronta proprio per COVID-19: come ha testimoniato l’Istituto superiore di Sanità, il settore infermieristico-ostetrico è quello che per la stragrande maggioranza ha partecipato da subito al corso di aggiornamento sul coronavirus dell’Istituto superiore di Sanità per sapere come affrontarlo, come cercare di sconfiggerlo con scienza e senza mai dimenticare la propria coscienza”. “Non abbiamo mai avuto dubbi come Federazione sulla preparazione, la volontà di vicinanza e di non lasciare mai soli colleghi e cittadini – dice ancora Mangiacavalli – e questa ne è la prova. Le domande avrebbero sicuramente potuto essere anche di più, ma gli infermieri sono pochi e quasi tutti sono già impegnati nelle loro Regioni nella lotta al virus, o direttamente in prima linea o anche assistendo comunque chi sta male e ha bisogno di loro, perché anche le altre malattie non si fermano. I posti sono solo 500 e loro lo hanno sempre saputo, ma la voglia di esserci, di dare supporto a chi ha bisogno è più forte della consapevolezza che non tutti potranno essere li. Ora ci auguriamo anche che questi 500, così come tutti gli altri già in prima linea, possano avere le necessarie tutele (dispositivi di protezione individuale, tamponi ecc.) per non dover mai cedere al virus e perché anche la loro salute sia tutelata”.“Eppure, tra gli infermieri – continua – c’è il maggior numero di operatori sanitari positivi a COVID: circa 4mila. Tra gli infermieri c’è chi muore di COVID per assistere ed essere vicino ai pazienti, ma lo fa comunque senza il minimo tentennamento. Tra gli infermieri il principio è uno solo: prendersi cura, perché il loro obiettivo assoluto è la salute di tutti. E lo hanno dimostrato nei fatti, chiunque lo ha visto e lo può vedere ogni giorno, ogni ora, purtroppo in un’emergenza a cui nessuno di noi avrebbe voluto mai, invece, assistere.” “Grazie a loro e alla loro volontà – conclude Mangiacavalli – grazie da parte della Federazione, ma ritengo questo sia un grazie che tutto il paese, e il ministro della Salute Speranza lo ha fatto per primo, gli rivolge in questo momento. E da domani, da quando la Protezione civile selezionerà chi di loro potrà andare ‘al fronte’ della pandemia, i nostri esperti in maxiemergenze saranno li, uniti alla Task Force di cui ora fanno parte i 300 medici scelti con lo stesso criterio, per formare davvero una prima linea d’assalto senza precedenti contro il virus”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus: Volt è a fianco della protezione civile

Posted by fidest press agency su domenica, 29 marzo 2020

“Siamo sempre disponibili a dare una mano anche e soprattutto nel momento del bisogno” Con queste parole Federica Vinci, Presidente di Volt Italia, ha lanciato ufficialmente l’adesione di Volt Italia alla raccolta fondi organizzata dalla Protezione Civile.
“Abbiamo deciso di dare un aiuto concreto al Paese in cui siamo nati o in cui stiamo vivendo attraverso la divulgazione a tutti i nostri tesserati e volontari del link della raccolta fondi della protezione civile”.La nostra rete in Italia conta migliaia di persone ma noi siano in primo luogo un partito paneuropeo che ha sedi in 28 paesi europei e conta perciò su una platea di molte migliaia di persone.Da sempre Volt Italia fa da trait d’union tra l’Italia e l’Europa sia perché il nostro cuore nasce europeista sia perché, “soprattutto in momenti di crisi è difficile reperire informazioni in lingua inglese che spieghino in modo appropriato cosa stia succedendo”. Queste sono le parole di Federica Vinci, che aggiunge “per questo ci stiamo impegnando attraverso le nostre pagine social, ed il nostro sito, a divulgare informazioni e fare dibattiti con i membri degli altri Paesi europei. Tutti noi siamo membri di uno stesso partito che vive sparso per l’Europa e quando uno di noi ha bisogno di aiuto, gli altri rispondono”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Campidoglio, Protezione Civile effettua 50 interventi in seguito al maltempo

Posted by fidest press agency su domenica, 3 novembre 2019

Roma. Sono stati 50 gli interventi effettuati dalla Protezione Civile di Roma Capitale per fronteggiare il maltempo delle ultime ore. In particolare hanno riguardato alberature e rimozione di rami caduti, che ostruivano la viabilità.Sono circa 60 le associazioni di volontariato operative su tutto il territorio capitolino, mentre 3 squadre del Servizio Giardini lavorano senza sosta in base alle necessità. Dieci nuclei della Protezione Civile sono stati inviati nelle aree più sensibili e nei punti in cui sono state registrate criticità: Prima Porta, Ostia, Monte Stallonara, Piana del Sole. In molti casi, è stato assicurato supporto a cittadini con problemi alle automobili.Il centro di coordinamento della Protezione Civile capitolina ė operativo con tutte le risorse in servizio dalla mezzanotte di ieri. Segue l’evolversi della situazione disponendo gli interventi ove necessari fino al termine dell’allerta meteo che si prevede possa rientrare nella notte, come indicato dal Sistema di Protezione Civile Regionale. Lo riferisce, in una nota, il Campidoglio.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Settimana della protezione civile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 ottobre 2019

Torino. Si apre nel week end del 12 ottobre la Settimana della protezione civile, un’iniziativa nata da una direttiva della Presidenza del Consiglio per promuovere su tutto il territorio italiano, dalle metropoli ai comuni più piccoli, una serie di eventi “volti alla diffusione della conoscenza e della cultura di protezione civile, a promuovere e accrescere la resilienza delle comunità attraverso l’adozione di comportamenti consapevoli e misure di autoprotezione da parte dei cittadini, a favorire l’informazione alle popolazioni sugli scenari di rischio, le relative nuove norme di comportamento, e la moderna pianificazione di Protezione civile”.
Alla Settimana della protezione civile partecipano sul territorio metropolitano moltissime realtà territoriali, a cominciare da Prefettura di Torino, Regione Piemonte, Città metropolitana, Città di Torino e Comuni unitamente a istituzioni pubbliche e private e associazioni di volontariato.ll 10 novembre la Città di Torino organizza nell’ambito dell’iniziativa “Con la protezione civile per una Città resiliente”, una giornata di informazione sulle attività del servizio di protezione civile della Città e delle associazioni convenzionate.Il 12 e 13 ottobre prende il via anche la campagna di informazione “Io non rischio”, dedicata alle buone pratiche di protezione civile,che si svolgerà sotto l’egida della Regione Piemonte nelle piazze di numerosi comuni. A Torino ”Io non rischio” sarà in piazza Castello (sia il sabato che la domenica), e nella sola giornata di sabato in piazza Borgo Dora e i, via Livorno presso il centro commerciale Ipercoop. Tutti i punti saranno presidiati da volontari, appartenenti ad Anpas, Croce verde Torino, Legambiente, associazione Psicologi per i popoli di Torino, associazione Volontari alpini di protezione civile Torino, Gruppo comunale volontari di protezione civile di torino. Sul territorio “Io non rischio” sarà a Carmagnola, Cavagnolo, Ciriè, Giaveno, Moncalieri, Nole, Sangano, con la presenza di funzionari della protezione civile della Regione Piemonte e della Città metropolitana di Torino.San Mauro Torinese ha organizzato una esercitazione dal 10 al 13 ottobre, con il coinvolgimento delle scuole di venerdì 11. La Città metropolitana di Torino prenderà parte attivamente alla manifestazione sia supportando l’apertura del Coc (Centro comunale operativo), sia partecipando alla’esercitazione che si svolgerà sabato pomeriggio. Nella notte tra il 12 e il 13 ottobre la Prefettura di Torino coordinerà una esercitazione, a direzione italiana, nella galleria autostradale del Frejus per la verifica del nuovo Piano binazionale italo -francese. La Prefettura di Torino inoltre ha convocato per il 15 ottobre una riunione con i responsabili di protezione civile degli enti pubblici, polizie locali, comandi dei caraibinieri e delle guardie di finanza, vigili del fuoco, 118 e112, Arpa Piemonte per fare il punto sulla gestione delle emergenze con il nuovo sistema di allertamento in vista della stagione autunnale. Il 14 ottobre riprende il calendario di Evviva, programma di sensibilizzazioe alla rianimazione cardiopolmonare e defibrillazione veloce, realizzato dall’Azienda sanitaria AslTo3 in collaborazione con il gruppo Irc per far conoscere il primo soccorso agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Saranno ad Avigliana il 14 ottobre, a Luserna San Giovanni il 15, a Pianezza il 16, a Collegno il 17 e a Orbassano il 18 ottobre. La Città metropolitana di Torino parteciperà in alcune delle piazze con filmati, attività e mezzi per far conoscere le attività di protezione civile ai bambini e ragazzi.
Sempre il 14 ottobre il Mibact (Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo) organizza a Palazzo Chiablese a Torino una Giornata di approfondimento sulle metodologie di richiesta di sopralluogo in occasione di eventi calamitosi, rivolto prevalentemente al personale interno, in cui verrà presentato il sistema Erikus per la gestione delle richieste di sopralluogo presentate dai cittadini ai COC, realizzato dalla Regione Piemonte-Settore Sismico e Arpa Piemonte in collaborazione con il Dipartimento di protezione civile, con la previsione di una sua estensione anche ai beni culturali.Come si è detto, anche la Giornata regionale della protezione civile il 5 novembre sarà celebrata con una serie di attività non solo commemorative ma volte a sensibilizzare amministratori e cittadini sulle tematiche di protezione civile.
II 5 novembre la Città metropolitana di Torino organizza nell’Auditorium di corso Inghilterra una convention intitolata “Alluvione del 1994. Venticinque anni dopo” per riflettere insieme ai sindaci sui passi in avanti fatti soprattutto in tema di prevenzione, e gestione delle emergenze dal 1994 a oggi.
Nei giorni 6, 7 e 8 novembre la Regione Piemonte organizza nella sede della protezione civile in corso Marche “La scuola incontra la protezione civile”, una visita alla struttura regionale, con la collaborazione di Arpa Piemonte, Città metropolitana di Torino e Politecnico di Torino, che accompagnerà oltre 600 ragazzi della scuola secondaria di primo grado, in un percorso conoscitivo che li porterà ad avere una maggiore consapevolezza dei rischi del territorio in cui vivono e di come farvi fronte in maniera corretta e con comportamenti adeguati.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La visione di Mallet

Posted by fidest press agency su martedì, 21 maggio 2019

Roma ore 11.00, nella Sala Conferenze della Sede di Roma dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) (Via di Vigna Murata, 605) – Sala Conferenze verrà presentato il fumetto “La visione di Mallet”, realizzato dal Gruppo Lucano di Protezione Civile in collaborazione con Graziano Ferrari, ricercatore dell’INGV, e grazie alla mano esperta del fumettista lucano Giuseppe Palumbo.Robert Mallet, considerato il padre della sismologia, era un eclettico ingegnere irlandese. Il suo studio dei terremoti si concretizzò nel 1846 quando presentò alla Royal Irish Academy la sua teoria sulla dinamica dei terremoti, On the dynamics of earthquakes, che costituisce il primo tentativo di far rientrare i fenomeni sismici nel campo delle scienze esatte. A seguito del fortissimo terremoto lucano che il 16 dicembre del 1857 colpì l’Italia meridionale causando circa 19.000 vittime, Mallet riuscì a farsi finanziare dalla Royal Society di Londra un viaggio nelle zone terremotate italiane al fine di verificare sperimentalmente la sua teoria.Il Gruppo Lucano di Protezione Civile, la principale organizzazione di volontari di protezione civile dell’Italia meridionale, ha promosso (con il sostegno della Fondazione con il Sud) la divulgazione della storia di Mallet sotto forma di fumetto, in una originale esperienza di sinergia tra scienza e arte sequenziale. Obiettivo dell’iniziativa, sensibilizzare giovani e famiglie alle tematiche del volontariato e alle buone pratiche della resilienza.La presentazione del volume si svolgerà alla presenza dell’ambasciatore d’Irlanda in Italia, Colm Ó Floinn, del Presidente del Gruppo Lucano di Protezione Civile, Giuseppe Priore, e del fumettista Giuseppe Palumbo.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Protezione civile UE: interventi più efficaci e rapidi

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 febbraio 2019

Bruxelles. I deputati hanno approvato in via definitiva la riforma del Meccanismo di protezione civile UE, messo a dura prova nel 2017 e 2018 da incendi boschivi, tempeste e inondazioni.
L’obiettivo della nuova legislazione, già concordata informalmente con il Consiglio lo scorso dicembre, è quello di aiutare gli Stati membri a rispondere più rapidamente e con maggiore efficacia alle catastrofi naturali e a quelle provocate dall’uomo, grazie a una condivisione più efficiente dei mezzi della protezione civile.
La legge istituisce inoltre, su richiesta del Parlamento, il fondo di risorse “RescEU” che metterà a disposizione mezzi aerei per combattere gli incendi boschivi, unità di pompaggio ad alta capacità, ospedali da campo e squadre mediche di emergenza da utilizzare in ogni tipo di emergenza. A seguito di una decisione della Commissione europea, RescEU interverrà qualora gli Stati membri non dispongano di risorse sufficienti per rispondere a una catastrofe.I deputati sono inoltre riusciti a introdurre misure per rafforzare la rete di conoscenze in materia di protezione civile dell’Unione e facilitare gli scambi tra giovani professionisti e volontari della protezione civile.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, incendio Tmb salario operazioni in corso

Posted by fidest press agency su martedì, 11 dicembre 2018

A seguito dell’incendio divampato nella notte presso l’impianto di trattamento dei rifiuti, Tmb salario, l’assessora alla Sostenibilità Ambientale Pinuccia Montanari, sul posto dalle 6,30 di questa di mattina, ha convocato una Cabina di Regia già riunita dalle ore 9.
Partecipano alla Cabina di Regia la Protezione Civile, il Dipartimento Tutela Ambientale di Roma Capitale e tutti gli attori interessati, per provvedere al monitoraggio della qualità dell’aria e prendere eventuali provvedimenti a tutela della salute delle persone. All’incontro è presente anche la Regione Lazio.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Protezione civile UE: PE vota per migliorare capacità di risposta a catastrofi

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 giugno 2018

Bruxelles Il Parlamento ha approvato le proposte per migliorare il meccanismo di protezione civile UE che, nel 2017, è stato messo a dura prova da incendi boschivi, tempeste e inondazioni.
L’obiettivo è aiutare gli Stati membri a reagire più rapidamente e più efficacemente alle catastrofi naturali e a quelle dolose, condividendo in modo più efficiente i mezzi della protezione civile. Il disegno di legge prevede la costituzione di una riserva “RescEU” di mezzi, quali aerei antincendio forestali, pompe ad alta capacità, ospedali da campo e squadre mediche di emergenza, da utilizzare in tutti i tipi di emergenza.”Dobbiamo dire davvero basta a tragedie come quelle che abbiamo visto nello scorso anno in Portogallo, dove 100 persone hanno perso la vita” ha dichiarato la relatrice Elisabetta Gardini (PPE, IT),” perché abbiamo dovuto riconoscere che, quando diversi Stati membri si trovano ad affrontare nello stesso momento un’emergenza, la solidarietà tra Paesi che esiste adesso non basta. La capacità collettiva dell’Unione europea si è trovata a dover rispondere a 17 richieste contemporanee di aiuto, potendo rispondere soltanto a dieci e in alcuni casi anche con ritardi. Adesso, grazie a RescUE, al lavoro fatto tutti insieme, potremo evitare che situazioni come queste si ripetano”.I deputati propongono inoltre di istituire l’equivalente di un programma Erasmus per promuovere la cooperazione tra il personale della protezione civile.
Nel 2017 oltre 200 persone hanno perso la vita in Europa a causa di catastrofi naturali. I recenti cicloni tropicali hanno colpito gravemente le regioni più periferiche dell’UE e i territori d’oltremare dei Caraibi. In particolare, il 2017 è stato caratterizzato da una serie disastrosa di incendi boschivi. Oltre un milione di ettari di foresta sono stati distrutti (quasi tre volte la media quinquennale dell’UE), metà dei quali solo in Portogallo.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incendi e protezione civile nazionale

Posted by fidest press agency su martedì, 15 agosto 2017

INCENDIO-PONTINA“Gli incendi di questi giorni che hanno devastato l’Italia meridionale mostrano in maniera plateale il fallimento dell’organizzazione dell’antincendio boschivo messo in campo dalla Protezione civile nazionale e da quelle regionali”. È quanto dichiara Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale.“Il sistema degli appalti privati delle Regioni e soprattutto della Protezione Civile governativa non solo è fallimentare – spiega – ma costa in maniera esorbitante e probabilmente è anche criminogena. Quando il centrodestra sarà al governo Fratelli d’Italia pretenderà che si torni al sistema gestito dalle Forze Armate e dalle Forze di polizia”. “È stato un crimine depotenziare le flotte aeree di Vigili del Fuoco, Polizia, Guardia di Finanza, Carabinieri, Forestale, Esercito, Marina e Aereonautica- conclude Cirielli -. Oltre ad aver privato lo Stato di un asset strategico si è arricchito un sistema inefficiente. Mentre il nostro Meridione brucia il governo del Pd insieme alle nostre Regioni bruciano milioni di euro in inutili baracconi clientelari”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anbi saluta nuovo capo protezione civile

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 agosto 2017

Angelo-Borrelli“La scelta di continuità operata dal Premier, Gentiloni, al vertice della Protezione Civile è la più opportuna in un momento di grande impegno per una struttura, la cui professionalità ci è invidiata dal mondo e con cui siamo orgogliosi di collaborare.”
E’ questo il commento di Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), alla notizia della nomina del vice, Angelo Borrelli, al vertice della Protezione Civile dopo le improvvise dimissioni di Fabrizio Curcio per motivi strettamente personali.
“Di Fabrizio Curcio – prosegue il Presidente ANBI – voglio sottolineare la dedizione, la disponibilità e l’umanità messi in una missione dove, alla casualità degli eventi, si sommano ormai le responsabilità di miopi scelte passate, cui oggi si deve porre rimedio. In questa battaglia, i Consorzi di bonifica vogliono essere preziosi alleati della Protezione Civile nella necessaria opera di prevenzione.”
“Sono sicuro – conclude il Direttore Generale ANBI, Massimo Gargano- di condividere con Borrelli, così come con il suo predecessore, un pensiero: intervenire costantemente in emergenza, seppur encomiabile e meritorio, è comunque una sconfitta per il Paese. Insieme lavoriamo per costruire una cultura nuova.”

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Protezione Civile: “L’immobilismo della Giunta Raggi

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 luglio 2017

protezione civile“Il 9 giugno scorso le commissioni Bilancio e ambiente in riunione congiunta avevano in programma un’audizione del comandante Diego Porta direttore ad interim della protezione civile di Roma. In quell’occasione il dott. Porta non potendo intervenire di persona fu rappresentato da una funzionaria comunale che consegnò ai commissari un documento dettagliato in cui si evidenziavano forti carenze operative e di gestione della protezione civile capitolina. Nel dettaglio Porta spiegava: ‘90 mila euro è la cifra che occorre per la manutenzione dei mezzi contro i 3.000 messi a disposizione. Almeno 8.000 servono per la voce ‘vestiario’ degli operatori impegnati nelle attività operative sul territorio. E ancora: manca un meteorologo e dei consulenti che rivedano il piano generale di emergenza, fermo al 2008.’ Un allarme serio che avrebbe dovuto far sobbalzare dalla sedia assessori e presidenti di commissioni. Ma il comandante Diego Porta entrava ancor più nel dettaglio definendo un quadro catastrofico della struttura a lui assegnata: ‘sono stati stanziati 693.520 euro, cifra esigua per supplire alle molteplici necessità, visto che circa 531 mila euro sono destinati alla stipula della convenzione associazioni volontari. I restanti 140.000- proseguiva- non sono stati impegnati, proprio a causa del mancato rinnovo dell’incarico di Direttore di Struttura, figura che ricopre anche la funzione di punto ordinante su gare attraverso il MePA. Poi nel dettaglio, il comandante Porta spiegava, solo poco più di un mese fa, che ammontava a soli 277 euro la cifra stanziata per il materiale informatico a fronte di un fabbisogno di 6.800 euro per l’acquisto di hardware e licenze software, importanti soprattutto per l’ufficio cartografia. Ed ancora:” Mancano sale e acqua. La struttura- scriveva Porta- potrà sopperire alle eventuali necessità solo attraverso variazioni di storno tra le due voci economiche in quanto i fondi stanziati non garantiscono la totale copertura economica rispetto alle previsioni. Servirebbero poi 10 mila euro per gli pneumatici dei mezzi della Protezione civile, 40 mila euro per la manutenzione degli automezzi e delle macchine operatrici, e altri 20 mila per quella di macchinari e attrezzature. Voci per cui ad oggi ci sono solo 3.000 euro. Si pone l’attenzione- concludeva Diego Porta- sulle particolari attività della Protezione Civile che sono sia ordinarie di previsione e prevenzione sia straordinarie di preparazione, soccorso e di superamento dell’emergenza anche, attraverso l’attivazione del CoC (Centro Operativo Comunale). Spese indispensabili per garantire livelli di sicurezza alla popolazione, ruolo fondamentale della Struttura’. Purtroppo alle segnalazioni accorate di grave deterioramento della protezione civile capitolina la giunta e la sindaca Raggi irresponsabilmente non hanno dato alcuna risposta. Peraltro anche la maggioranza M5S messa al corrente delle difficoltà operative in cui versava la struttura comunale ha sottovalutato la gravità dell’allarme lanciato dal dott. Diego Porta. L’immobilismo e l’inefficienza dei cinque stelle creano danni gravi alla città. Subito una seduta urgente dell’Assemblea Capitolina. Così in una nota il gruppo capitolino del PD.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Hotel solidali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 aprile 2017

roma10Roma “Hotel solidali” per garantire l’assistenza alloggiativa d’emergenza alle persone rimaste senza casa per effetto di “eventi straordinari non prevedibili”: crolli, incendi, allagamenti, esplosioni e ogni altro tipo di episodio improvviso e pericoloso non rientrante nelle fattispecie di calamità naturali. È quanto prevede la proposta di delibera, approvata dalla Giunta Capitolina, che fissa le procedure operative della Protezione Civile di Roma Capitale per il sostegno abitativo alle famiglie colpite dal verificarsi di tali eventi. Fino ad oggi la Protezione Civile di Roma Capitale si occupava di queste persone contrattando di volta in volta prezzi e condizioni con le singole strutture ricettive. Con questa delibera l’amministrazione capitolina mette finalmente ordine nella fase del reperimento degli alloggi tramite un protocollo d’intesa con le associazioni di categoria delle strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero.Il provvedimento, che verrà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea Capitolina, dispone un periodo di assistenza di primo soccorso per una durata massima di 30 giorni a partire dalla data dell’evento.Le persone evacuate dalle proprie abitazioni, che non abbiano altri immobili di proprietà o non siano in grado di reperire un’altra sistemazione, verranno ospitate in strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero: a tal fine, alla delibera è allegato un protocollo di intesa che verrà sottoscritto con le associazioni romane di settore maggiormente rappresentative. Previsto un tetto massimo per notte, pari a 25 euro, più un prezzo forfettario per pasto di 10 euro.“Mi piace parlare di hotel solidali per aiutare chi è in difficoltà. È fondamentale garantire la prima assistenza ai cittadini che perdono la casa e i loro beni a causa di eventi imprevedibili – dichiara la sindaca di Roma, Virginia Raggi – sebbene non derivanti da calamità naturali. Compito dell’amministrazione è di consentire che queste persone non vengano abbandonate ma siano messe nelle condizioni, materiali e psicologiche, di riorganizzare e ricostruire la propria vita. Sarà molto importante il coinvolgimento delle associazioni di categoria degli albergatori per individuare sistemazioni vicine ai luoghi colpiti dagli eventi, in modo da evitare disagi alle famiglie nella fruizione dei servizi scolastici o sanitari e assicurare il mantenimento dei legami familiari e sociali”.

Posted in Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: Cardilli nominato delegato alla Sicurezza e alla Protezione Civile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 novembre 2016

RomaRoma La giunta capitolina ha approvato la settimana scorsa la delibera per il conferimento al dott. Cardilli dell’incarico di vice capo di gabinetto con deleghe alla Sicurezza e alla Protezione civile. Laureato in Giurisprudenza; dal 1996 al 2001 è stato Vice Questore Aggiunto
presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Servizio Polizia Postale delle Comunicazioni del Ministero dell’Interno-Polizia di Stato; dal 2002 è dirigente di ruolo presso la U.E. “Servizio di Polizia Provinciale e Protezione Civile” della Provincia di Roma: tra le principali mansioni svolte la direzione e il coordinamento tecnico-amministrativo degli interventi di soccorso e di prevenzione delle calamità naturali sul territorio provinciale dei volontari di protezione civile; attività di Polizia Giudiziaria, di polizia amministrativa in materia di tutela ambientale, di vigilanza ittico-venatoria, di polizia stradale, di salvaguardia dei beni patrimoniali e demaniali. Il trattamento retributivo previsto è quello della vigente disciplina decentrata per la separata area della Dirigenza di Roma Capitale. Cardilli è dirigente della Città Metropolitana di Roma Capitale e per questo gli oneri finanziari del comando sono a totale carico del Campidoglio che provvederà a rimborsare le somme anticipate dalla Città Metropolitana al proprio dipendente a titolo di trattamento economico fondamentale mentre corrisponderà direttamente all’interessato la retribuzione di posizione, nonché, al raggiungimento degli obiettivi prefissati, la retribuzione di risultato prevista per l’incarico rivestito.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sisma Italia centrale: anche la protezione civile della Città metropolitana sui luoghi del terremoto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 novembre 2016

terremoto6

Search and rescue forces search through a destroyed building with the help of rescue dogs.

Un esperto in gestione delle emergenze sismiche della protezione civile della Città metropolitana, accompagnato da un tecnico del Csi esperto in Tlc, è partito questa mattina, su richiesta della Commissione speciale della protezione civile nazionale alla volta della sala operativa integrata (Soi) di Macerata.La Città metropolitana di Torino si è resa subito disponibile a rispondere alla richiesta urgente di ieri del coordinamento Dicomac (Direzione comando e controllo) a fornire esperti nella gestione di emergenze sismiche, in stretto coordinamento con la Regione Piemonte a supporto della Regione Marche e dei Comuni interessati dal sismLa protezione civile della Città metropolitana, ancora come Provincia, ha già operato durante i terremoti all’Aquila e a concordia sulla Secchia nel modenese, sia a supporto degli sfollati che delle amministrazioni coinvolte.Nei prossimi giorni si valuterà, in accordo con il Dipartimento di protezione civile e la Regione Marche, se saranno necessarie anche le strumentazioni tecnologiche mirate che la protezione civile della Città metropolitana ha a disposizione (l’unità mobile).La squadra partita per Macerata è in contatto anche con la Croce rossa di Settimo torinese, di stanza ad Ascoli Piceno, per fornire eventualmente i collegamenti satellitari come già fatto anche nel mese di agosto ad Amatrice.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Dissesto Idrogeologico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 aprile 2016

protezione civileLa Protezione Civile di Roma Capitale, in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale dell’Università ‘La Sapienza’ e del suo spin-off Survey Lab S.r.l., si avvarrà di servizi innovativi nel campo del monitoraggio satellitare di strutture e infrastrutture, con particolare riferimento ai fenomeni di sprofondamento veloce del suolo e a quelli franosi. L’accordo rientra nel più ampio progetto I.MODI (Implemented MOnitoring system for structural Displacement), assegnato dalla Commissione Europea (Bando H2020 SME-Instrument Phase 2) allo spin-off universitario e prevede il monitoraggio a controllo remoto di intere porzioni di territorio comunale mediante tecnica di interferometria differenziale (DINSAR). “Si tratta, in sostanza, di una tecnologia all’avanguardia che, grazie all’integrazione di dati acquisiti tramite sensori posti in situ con quelli satellitari – spiega il Direttore della Protezione Civile di Roma Capitale Cristina D’Angelo – garantirà il controllo puntuale delle criticità idrogeologiche permettendo risposte in emergenza ancora più tempestive. Uno strumento, questo, che consentirà di evidenziare rapidamente eventuali anomalie statiche e dinamiche del territorio e dei manufatti presenti, non facilmente riscontrabili con altre metodologie”. “Continua così – conclude il Direttore Cristina D’Angelo – l’impegno della Protezione Civile nella definizione di accordi di collaborazione con Enti e Università, quali ad esempio quelli già stipulati con l’Ordine dei Geologi del Lazio e con ENEA, che hanno l’obiettivo di fornire supporto altamente scientifico alle attività di pianificazione e gestione delle emergenze idrogeologiche che interessano la città di Roma”. Lo comunica in una nota l’Ufficio Extradipartimentale di Protezione Civile.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: maltempo e interventi protezione civile del Campidoglio

Posted by fidest press agency su domenica, 5 febbraio 2012

Porta Metronia

Image via Wikipedia

Sono stati centinaia gli interventi effettuati dalle unità operative della Protezione civile di Roma Capitale per far fronte alle situazioni di crisi generate dall’ondata di maltempo che nelle ultime 24 ore ha interessato la Capitale.
Soccorso agli automobilisti GRA
· Distribuiti 600 pasti e 1.500 coperte dalle ore 23 alle ore 3
Assistenza sanitaria programmata ed in emergenza Assistiti oltre 100 pazienti dializzati. Molti di essi sono stati condotti in sicurezza presso gli centri specializzati della Capitale.
Mezzi impiegati in Attività di sgombero neve e di prevenzione ghiaccio. Attività di prevenzione
8 mezzi spalaneve del Servizio Giardini
12 mezzi spalaneve Ama
12 spazzaneve Municipi
4 mezzi spargisale Ama
2 spargisale Municipi
120 mezzi Dipartimento Lavori Pubblici
20 camion dotati di lama spalaneve Municipi
30 camion Municipi
14 bobcat Ama
20 bobcat Municipi
Interventi di salatura e spalatura della neve sono stati effettuati regolarmente presso 32 strutture ospedaliere e 48 distretti Asl
450 tonnellate di sale disperse nel corso degli interventi di prevenzione
Personale impiegato:
900 operatori del Volontariato della Protezione civile
180 operatori Dipartimento Lavori Pubblici
250 unità del Servizio Giardini
45 squadre Acea suddivise in tre turni giornalieri
20 uomini dell’Aeronautica
Personale del Servizio giardini e delle Associazioni di volontariato, in tutto 900 unità suddivise in tre turni operativi, ha operato per favorire la fruibilità della città ed, in particolare, l’accesso agli ospedali, alle stazioni metropolitane e ferroviarie, alle scuole comunali, Asl e altri punti sensibili.
Complessivamente la Protezione civile ha messo in campo una task-force di circa 1500 unità. Per far fronte ad eventuale disagi legati alla fornitura di corrente elettrica, Acea ha assicurato la disponibilità di 45 squadre in tre turni giornalieri. Anche Atac ha rafforzato i presidi di pronto intervento, mentre la Polizia locale di Roma Capitale sta operando a pieno regime per garantire la fluidificazione del traffico.
La Sala Operativa di Porta Metronia, rafforzata per garantire la massima efficienza del coordinamento, ha garantito anche l’attività di assistenza alla popolazione. 700 operatori Ama per 3 turni.
Centri di accoglienza pubblica
350 posti messi a disposizione a partire da ieri nelle strutture di via Visso, via Salaria ex Fiera di Roma e locali della croce rossa di via Toscana Gli operatori della Protezione civile hanno allestito in tempi ristretti un centro d’accoglienza di 150 posti nei locali della ex fiera di Roma, utilizzato da Rom e senza fissa dimora. Un altro centro di 50 posti è stato allestito presso la sede della Croce Rossa di via Toscana.
Proroga dell’accensione dei riscaldamentiDa 12 a 16 ore Per limitare i disagi legati all’abbassamento delle temperature, il Campidoglio ha autorizzato l’ampliamento del periodo di attivazione degli impianti oltre la durata massima delle 12 ore giornaliere, per un massimo di 16 ore, fino al perdurare condizioni climatiche avverse.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Legge sul governo del territorio

Posted by fidest press agency su martedì, 4 ottobre 2011

Legambiente Protezione Civile

“Ben 486.000 sono le frane censite in Italia, ed è forse una stima per difetto, 5.581 comuni, pari al 68,9% del totale presentano aree a rischio idrogeologico elevato, negli ultimi 80 anni si sono succedute 11.000 frane e 5.400 alluvioni e secondo l’ultimo dossier di Legabiente ogni anno in Italia vengono consumati circa 500 kmq di suolo, che equivale a dire che ogni 4 mesi sul territorio della nazione nasce un’altra Milano”. Lo ha ricordato oggi a Roma il Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Gian VitoGraziano, a margine della conferenza stampa svoltasi oggi in occasione della giornata inaugurale del Forum Mondiale sulle frane. “ Anche la Capitale non è esente dal dissesto idrogeologico e si pensi che in Abruzzo non c’è ancora un Servizio Geologico o Geofisico regionale – ha proseguito Graziano – ma soprattutto che nonostante tutte le emergenze in questo momento nessuna legge organica di governo del territorio vige sul territorio italiano. “Chiediamo dunque allo Stato italiano, una legge organica di governo del territorio – ha continuato Graziano – che ricostruisca la filiera delle competenze, metta in campo azioni di manutenzione ordinaria e straordinaria dei nostri bacini idrografici, ponga le base di una riforma urbanistica e che faccia tesoro di quelle esperienze positive che in alcuni casi hanno visto il geologo impegnato a fronteggiare la difesa del suolo accanto alle istituzioni governative.
Mi riferisco a quelle attività di presidio territoriale che hanno portato a fronteggiare situazioni di rischio idrogeologico prima del verificarsi dell’eventuale evento calamitoso, che poi spesso non si è verificato, e quindi non sempre e soltanto in fase emergenziale.
E intanto permettiamo che continuino a dilagare le violenze sul territorio, fatte di incendi, di abusi edilizi, di piani regolatori dissennati, di assenza di manutenzione, che creano sì le condizioni perché si compiano altri disastri, ma che di fatto accettiamo con sempre meno indignazione. Può un Paese che ama definirsi civile permettere tutto questo? Può un Paese, davanti a disastri come quello del messinese del 2009 , ma ne potremmo citare tanti altri, continuare a vivere sull’onda emotiva e non conservare quella ragione che dopo l’emozione è necessaria per compiere scelte corrette e coraggiose? Quando in Sicilia il problema dell’acqua e quello dei rifiuti assunse livelli di preoccupazione particolarmente elevati, il governo regionale varò una struttura d’emergenza, poi trasformata in agenzia regionale, conferendo alla stessa ed ai Prefetti una serie di forti poteri decisionali. Quando, ormai di frequente, in Campania l’immondizia è fonte ricorrente di preoccupazione sociale, riempie le strade e pone a rischio la salute degli abitanti, il Governo nazionale vara provvedimenti emergenziali finalizzati alla normalizzazione della situazione.
Se i Governi nazionale e regionale ritengono che gli oltre 30 morti del messinese, aggiunti ai tanti altri della Valtellina, di Sarno, di Soverato , cui si aggiungono i più recenti crolli di Pompei e l’alluvione del Veneto, abbiano fatto superare la soglia della fatale accettazione del problema e dunque si siano superati i limiti per un Paese cosiddetto civile, vadano allora oltre le condivisibili dichiarazioni rilasciate a poche ore dalla tragedia ed affrontino il dissesto idrogeologico come una emergenza, mettendo in campo le risorse economiche e strutture d’intervento che, prima di tutto, sappiano fare sistema tra le diverse competenze (Ambiente, Protezione Civile, Geni Civili, Forestale, ecc.). Cosa resta invece dopo le conferenze stampa, i convegni, i protocolli d’intesa e le audizioni parlamentari? Sta veramente cambiando qualcosa in Italia nelle politiche di salvaguardia e di manutenzione del territorio o dobbiamo tristemente pensare che le troppo numerose vittime del dissesto idrogeologico siano state vane?

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »