Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Posts Tagged ‘provvedimenti’

L’Italia non ha bisogno di nuovi condoni

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 febbraio 2010

“La nostra terra è già abbondantemente sfregiata da abusi edilizi e devastazioni architettoniche che accogliere una nuova ipotesi di condono edilizio ha quasi il sapore di una beffa”. Lo dichiara Aldo Di Biagio, Responsabile Italiani nel Mondo del PdL. “L’Italia che presenta il patrimonio artistico e paesaggistico tra i più ricchi e spettacolari d’Europa e del Mondo, merita adeguati provvedimenti che ne consentano il rispetto incondizionato – aggiunge Di Biagio – ragion per cui mi unisco al coro dei colleghi Granata e Versace che per primi si sono scagliati contro l’emendamento al mille proroghe al Senato”. “E’ bene – conclude –  ricordare ai colleghi del Senato che la Costituzione italiana promuove la “tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione” e che questo rappresenta un inderogabile precetto, riferimento per qualsivoglia politica di sostegno all’economia”.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Per la salute dei romani

Posted by fidest press agency su domenica, 24 gennaio 2010

Roma: non basta chiudere il centro storico. Per ottenere la “Roma ecosostenibile” del sindaco Alemanno bisogna partire immediatamente con iniziative e progetti concreti. La chiusura dei centri storici è un palliativo da cui trae vantaggio solo una minoranza di  cittadini, la maggioranza dei romani vive nelle periferie e non trae alcun vantaggio da questi provvedimenti.  I cittadini hanno il diritto a conoscere, da subito, l’agenda dell’ecosostenibilità  romana da qui al 2020. Per contribuire al raggiungimento di questo obiettivo, Adiconsum Lazio e Fivea – Federazione Italiana Veicoli ad Energie Alternative da oggi lavoreranno insieme per  portare alla città progetti e iniziative necessari a realizzare l’obiettivo del sindaco Alemanno della Roma ecosostenibile per il 2020. L’accordo tra Adiconsum Lazio e Fivea prevede lo sviluppo delle tematiche: – Educazione ambientale – Educazione stradale – Diffusione delle energie alternative – Sicurezza dei veicoli – Promozione della mobilità sostenibile – Portare le amministrazioni pubbliche all’utilizzo e all’acquisto di veicoli ad energia verde per il proprio fabbisogno. Interventi concreti e innovativi, quindi, per una “Roma Ecosostenibile”, per affrontare nel  migliore dei modi le sfide riproposte dal Protocollo di Kyoto, di cui l’Italia è uno dei  firmatari, e raggiungere l’obiettivo di donare un ambiente migliore e più salutare ai Romani.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rilancio dell’economia siciliana

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2009

Giuseppe Scianò Segretario Politico FNS fa il punto sui provvedimenti di politica economica per la Sicilia, messi in moto dal Governo Italiano e osserva: “non vanno di là dell’ordinaria distribuzione di fondi, piuttosto modesta e sterile, niente affatto in grado di promuovere progressi adeguati in quanto a produttività e occupazione (con veri posti di lavoro) e alla fornitura dei servizi essenziali dei quali la nostra Società (imprenditoria compresa) ha estremo bisogno”. L’argomento più suggestivo che reale, anche perché per entrare in esercizio ci vorranno almeno dieci anni, è il famoso cavallo di battaglia del cavaliere riguardo il ponte sullo stretto. Una iniziativa che è, dopo tutto, anche espressa senza interpellare il popolo siciliano e blocca al tempo stesso quei lavori che potrebbero essere avviati in breve tempo e che riguardano le infrastrutture dell’isola, la protezione del suolo per riparare i gravissimi danni dell’attuale dissesto idro-geologico, per attivare una effettiva politica industriale e per offrire nuovi posti di lavoro ai tanti giovani siciliani disoccupati. “Occorre, – osserva Scianò – qualche iniziativa eccezionale, ma concreta. In tempi brevissimi si potrebbero adottare – ad esempio – alcuni particolari provvedimenti, aggiuntivi alle proposte governative in corso. E che attirerebbero investimenti e direbbero basta alla rassegnazione, dando respiro e rilancio all’economia siciliana. Provvedimenti che sarebbero di facile attuazione e di immediato effetto positivo e propulsivo. Il primo è quello di dare un rigoroso taglio alle imposte dirette ed indirette in Sicilia. Deve finire un sistema fiscale che colpisce pure i disoccupati ed i nulla-tenenti e che punisce chi lavora e produce. Il secondo è quello di defiscalizzare in Sicilia il prezzo della benzina e degli altri derivati del petrolio. Il terzo è costituito dalla difesa rigorosa dell’ambiente, del prodotto tipico, dell’agricoltura biologica. Si tratta di alcune iniziative che trovano precedenti ed analogie con provvedimenti già realizzati nelle aree svantaggiate in Europa. Provvedimenti ai quali la Sicilia ha diritto per tante motivazioni che sono state già esposte in svariate sedi e che trovano ragion d’essere soprattutto nell’essenza e nella storia della questione siciliana”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lazio: paradosso nucleare

Posted by fidest press agency su domenica, 11 ottobre 2009

“Siamo davvero arrivati ad un paradosso dal quale mi auguro si riesca ad uscire: le notizie fondamentali, a cui tutti i cittadini nonché le Istituzioni dovrebbero avere accesso, sono pubblicate sui siti aziendali che sembrano ormai parlare al posto del Governo” quanto dichiara Claudio Bucci, portavoce dell’Italia dei Valori alla Regione Lazio. “Mi sembra quantomeno fuori luogo, per rimanere nel politically correct, che tempistica e modalità di costruzione di eventuali centrali nucleari nel nostro Paese sia pubblicato sul sito internet dell’Enel, che addirittura traccia una scaletta dei prossimi provvedimenti governativi: in una parola, vergognoso” aggiunge Bucci. “Dopo la manovra per esautorare le competenze regionali in materia” continua il portavoce IDV “Adesso, da quanto leggiamo sul sito Enel, ci troveremmo di fronte a giochi già fatti. Riporto testualmente: prima colata di calcestruzzo 9 luglio 2015, metà febbraio decreti governativi, luglio 2010 individuazione dei siti. Alla faccia di concetti quali dialogo, concertazione e corretta informazione”. “Undici Regioni hanno già deciso di impugnare la legge 99/2009 del Governo” conclude Bucci “L’Italia dei Valori porterà nelle piazze il no al nucleare, combattendo contro le truffe e le manovre occulte del Governo, nell’interesse primario del benessere di ambiente e cittadini”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rischio amianto

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 settembre 2009

“Sono numerosi gli enti della Difesa in cui sono presenti manufatti che risultano contaminati dalla presenza elevate quantità di amianto del tipo crisotilo e crocido lite” – lo affermano il deputato radicale Maurizio Turco e il segretario del partito per la tutela dei diritti dei militari (PDM), Luca Marco Comellini – “La questione amianto non riguarda solo la Marina militare è per questo che abbiamo già rivolto una dettagliata interrogazione al ministro della Difesa in cui indichiamo i siti contaminati e il grado di contaminazione rilevato con analisi certificate effettuate da un laboratorio di analisi specializzato in materia. Ciò che ci sconcerta è il fatto che queste analisi risalgono al novembre del 2006 e sembra che ancora non siano stati adottati gli adeguati provvedimenti. Ci risulta, inoltre, che il ministero della Difesa abbia rassicurato i dipendenti, che lavorano nei siti contaminati, che non vi è alcun pericolo di esposizione ai rischi derivanti dall’amianto. Purtroppo la contaminazione non riguarda soltanto siti isolati ma anche quelli che sorgono nelle vicinanze dei centri abitati.” (Luca Marco Comellini – PDM)

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano integrazione rom milanesi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 settembre 2009

Fare credito ai rom per aiutarli a comprare una casa regolare e a trovare lavoro. E’ questa la proposta della sindaca Letizia Moratti. Un piano che prevede la chiusura dei quattro campi meno gestibili – tra cui quello di via Triboniano -, l’espulsione degli indesiderati e l’avviamento dei restanti verso una vita più socialmente integrata. L’idea però ha generato più di qualche perplessità nel Ministro della Difesa Ignazio La Russa, e non va giù neanche al Carroccio. E sì che il mittente del fondo di garanzia è il Ministero dell’Interno, notoriamente di guida leghista. L’impresa è più difficile di quel che appare. Non solo l’ostruzionismo politico interno, ma bisogna superare anche la logica dei campi; convincere, in altre parole, famiglie a cambiare uno stile di vita radicato da secoli. La proposta appare senz’altro coraggiosa e trova apprezzamento in Annalisa Martino, responsabile milanese dell’Italia dei Diritti: “Ritengo il piano di integrazione dei rom milanesi una sfida di civiltà che, per quanto venga dalla Moratti, non posso che accettare di buon grado. Mi compiaccio del fatto che ci siano queste punte più progressiste, più aperte a un discorso di integrazione. Questo però deve sempre fare i conti con frange più estremiste che sono invece contrarie. Tutto questo potrebbe anche essere visto come un tentativo di dare un’immagine più dignitosa della città in vista dell’Expo – aggiunge con una punta di malizia la rappresentante milanese del movimento presieduto da Antonello De Pierro – ma se anche ci fosse una motivazione di questo tipo si avrebbe comunque una ricaduta positiva in termini di integrazione. Sono certa che a fronte di una maggiore dignità riconosciuta a questi soggetti corrisponderebbe tutta una serie di conseguenze in termini di etica del lavoro e di responsabilità civile. L’attuale situazione di precarietà lavorativa viene anche da una precarietà abitativa, la cui risoluzione potrebbe essere decisiva per l’effettiva integrazione di questi individui. Benvenga dunque un provvedimento simile”.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata di lotta per i precari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2009

Roma 3 settembre Piazza Cavour 25 – ore 9.30 Presidio presso Scuola Superiore della P.A. Locale; Presidio al Ministero della Pubblica istruzione – ore 10.30 con traslazione della “Beata Assunta” Riprende la mobilitazione dei precari del Pubblico Impiego per dire no ad un futuro a scadenza e chiedere la stabilizzazione con  il presidio dei precari della Scuola davanti al Ministero della Pubblica Istruzione e quello in Piazza Cavour attuato dai precari dell’Agenzia Autonoma per la Gestione dell’albo dei Segretari comunali e della Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione Locale (AGES-SSPAL), in sciopero nazionale indetto dalla RdB-CUB. Il blocco della copertura del turn over con nuove assunzioni, stabilito di fatto dai provvedimenti economici approvati dal governo Berlusconi; i forti tagli degli organici e delle risorse per il servizio pubblico e, non ultime, le norme “ammazza-stabilizzazioni” del Ministro Brunetta approvate col decreto anti-crisi, fanno sì che i costi della crisi vengano pagati proprio dalle parti più deboli: i precari e, indirettamente, gli utenti del servizio pubblico.  Nella scuola i forti tagli e le controriforme del Ministro Gelmini stanno producendo il licenziamento di centinaia di migliaia di precari soprattutto al sud, che da giorni protestano in cima ai tetti. Stessi rischi e stesse rivendicazioni anche per gli oltre 40 precari dell’AGES-SSPAL, che il 3 settembre saranno in sciopero nazionale. L’Agenzia Autonoma per la Gestione dell’albo dei Segretari comunali e la Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione locale sono due importanti enti per la promozione della buona amministrazione, che da oltre otto anni si avvalgono dei precari per svolgere le loro funzioni, senza nessun passo concreto per la stabilizzazione di un personale in possesso di tutti i requisiti di legge per l’assunzione a tempo indeterminato. Le due iniziative romane saranno legate dall’ideale filo rosso rappresentato dalla Beata Assunta, la cui statua verrà traslata dal presidio di piazza Cavour a quello di Viale Trastevere, per accogliere e moltiplicare l’appello delle precarie della Scuola di Benevento: “Tutti su pei tetti!”.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Influenza allarme ingiustificato

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 agosto 2009

Roma Campidoglio. “L’allarme che si è diffuso in Italia ed anche a Roma per il giovane ricoverato a Monza per complicanze da influenza A H1N1 è ingiustificato, in quanto si tratta di evento grave avvenuto dopo circa 2000 casi di influenza in Italia”.  Lo dichiara in una nota Fernando Aiuti, presidente Commissione Politiche sanitarie e Commissione Influenza del Comune di Roma. “Nel nostro Paese – spiega Aiuti – finora l’epidemia ha avuto un andamento meno grave rispetto ad altri paesi europei, sia per mortalità che per morbosità. Al momento la decisione di  possibili misure drastiche quali il ritardo dell’inizio dell’anno scolastico prospettata da alcuni esperti non trovano alcuna giustificazione. Poichè la disponibilità del vaccino di massa da impiegare nei giovani con età tra 2 a 27 anni non avverrà prima di febbraio 2010, un ritardo dell’apertura dell’anno scolastico di alcune settimane non sarebbe sufficiente per contenere l’eventuale  epidemia ed avrebbe un impatto negativo sulla vita socio-economica dell’intera nazione. La commissione per l’influenza A del Comune di Roma – continua Aiuti – raccomanda a tutta la popolazione romana la massima serenità e tranquillità senza farsi prendere dal panico ed è in accordo con le dichiarazioni del Ministro Gelmini che si è espressa contro ogni ritardo di apertura dell’anno scolastico. Si auspica comunque che eventuali provvedimenti di ritardo di apertura di asili nido, scuole materne e scuole elementari  o di chiusura di singole scuole che fossero presi perché colpite da probabili focolai epidemici in una città come Roma siano eventualmente effettuate informando tempestivamente il Sindaco”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

No alle ronde si all’integrazione

Posted by fidest press agency su domenica, 9 agosto 2009

“Uno Stato che riconosce la giustizia fai da te e affida il controllo del territorio ai privati dichiara, nel modo più plateale ed esplicito, il proprio fallimento. Uno Stato che non sia in grado di assicurare il controllo sul proprio territorio non può definirsi uno Stato sovrano”. Questo il giudizio di Guido Barbera, presidente del Cipsi – coordinamento di 42 associazioni di solidarietà e cooperazione internazionale – alla vigilia dell’entrata in vigore del decreto attuativo per la regolamentazione delle ronde cittadine e del reato di clandestinità. Domani 8 agosto, infatti, il Ministro degli Interni Roberto Maroni varerà le norme per regolamentare le «associazioni tra cittadini non armati», come vengono definite nella legge 194/2009. Una denominazione che non nasconde la vera natura di questo provvedimento, una vera e propria delega ai privati cittadini di compiti che sono propri delle forze dell’ordine e che ha come unico effetto quello di alimentare un clima di diffidenza, paura e insicurezza. “Per questo – sottolinea Barbera – chiediamo con forza a tutti i Comuni italiani, ai sindaci e ai cittadini di dire no alle ronde. Lanciamo un appello alle istituzioni locali affinché vengano promosse iniziative per aumentare il senso civico dei cittadini e momenti di formazione, approfondimento e responsabilizzazione per una migliore conoscenza dei valori di solidarietà, uguaglianza e giustizia sociale veicolati dalla nostra Costituzione. Chiediamo che alla politica delle ronde si sostituisca la politica dell’integrazione, del dialogo, del rispetto delle diversità”. “Chiediamo alle istituzioni e ai cittadini di promuovere e costruire una convivenza umana basata sulla reciproca fiducia, sulla bellezza e la ricchezza del dialogo e dell’incontro tra tutti i cittadini del mondo”. http://www.cipsi.it.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parco auto polizia stato

Posted by fidest press agency su domenica, 9 agosto 2009

Il Ministero interno con apposito circolare ha disposto:”Al  fine di contenere le spese di manutenzione del parco veicolare della Polizia di Stato la restituzione alle competenti Autorità Giudiziarie di tutte le autovetture di cilindrata superiore ai 2500 cc, affidate in giudiziale custodia a Uffici e Reparti nel territorio, nonché di radiare dal Registro Automobilistico della Polizia di Stato le autovetture con la medesima motorizzazione provenienti da sequestro, che siano state successivamente confiscate ed acquisite al patrimonio dello Stato. Ciò premesso, nel rappresentare l’inopportunità che codesti Uffici in futuro, richiedano l’assegnazione in giudiziale custodia di autovetture di cilindrata superiore ai 2500 cc. si comunica che, con separati provvedimenti verranno specificate le autovetture che dovranno essere restituite all’Autorità Giudiziaria ovvero radiate dal Registro Automobilistico della Polizia di Stato”. Sino ad oggi l’autorità giudiziaria ha affidato in custodia giudiziale dette auto agli organi di polizia o ad altri organi dello Stato o enti pubblici non economici che li usino per finalità di giustizia, protezione civile o tutela dell’ambiente e che possono usarli anche per esigenze di polizia giudiziaria. A questa iniziativa la risposta del Segretario Generale del Coisp Franco Maccari non si è fatta attendere. A suo avviso:  “Non solo vengono eliminate progressivamente le risorse per la Sicurezza, ma si arriva a restituire le automobili già confiscate alla Mafia, per mancanza di fondi.  Questi mezzi permettevano fino ad oggi, agli uffici investigativi di tutta Italia, di proseguire le indagini, poiché la media delle poche auto ancora operative, supera abbondantemente i 180.000 km di percorrenza.” E prosegue Maccari:  “Questo è esemplificativo di come il Governo tratta le Forze di Polizia e nel contempo di come combatte la Mafia e di come contrasta i delinquenti che infestano le città. Con buona pace degli imbonitori che spacciano rondisti e pattuglie di militari come panacea alla criminalità. Per aggiungere alla beffa il danno, ci chiediamo cosa farà l’Autorità Giudiziaria di queste auto. Se non le metterà in vendita dovrà parcheggiarle in depositi giudiziali, le cui spese dovranno essere sopportate da noi tutti, contribuenti italiani, conclude Maccari”.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Movida: giunta approva protocollo con gestori locali pubblici

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 agosto 2009

Roma Campidoglio. La Giunta nella seduta odierna ha approvato la memoria che dà attuazione al protocollo di intesa sulla disciplina dell’orario di chiusura dei locali da ballo nel Comune di Roma. Tra le misure incluse nel provvedimento, siglato il 22 giugno scorso dal Comune con Silb Confcommercio e Confesercenti Roma, la possibilità di proroga dell’orario di chiusura sino alle ore 5 del mattino, qualora siano rispettate le condizioni previste nell’intesa. Le condizioni, in aggiunta alle già prescritte autorizzazioni all’esercizio dell’attività, sono:  il possesso della certificazione di impatto acustico e il rispetto dei limiti in essa previsti, l’obbligo dell’attivazione dei servizi di accoglienza all’interno del locale o nelle sue vicinanze con l’impiego di specifiche professionalità, anche di personale di società esterne alla gestione del locale in possesso di adeguato training, la promozione di messaggi di sensibilizzazione contro l’abuso nell’assunzione di sostanze alcoliche, l’adozione di iniziative per indirizzare i clienti non idonei alla guida all’uso di mezzi di trasporto pubblici. Il Comune di Roma si obbliga a promuovere con la Prefettura e la Questura forme integrate di vigilanza pubblico-privata per realizzare una collaborazione fattiva con il personale preposto all’accoglienza; a promuovere percorsi formativi per i dipendenti dei locali  o per il personale di società esterne all’esercizio per la gestione delle situazioni a rischio; a studiare le condizioni per implementare il trasporto pubblico locale, agevolando l’accesso, il transito e la sosta dei vettori di trasporto pubblico locale nelle aree intorno ai locali, a costituire un tavolo permanente per il monitoraggio sulla notte romana con Silb Confcommercio, Confesercenti, Comune di Roma e altri soggetti che ne abbiano interesse. Il Comune consentirà inoltre ai locali di prorogare per altri trenta minuti l’ apertura notturna per far defluire la clientela senza somministrare alcol e insieme all’Arpa monitorerà il livello delle emissioni acustiche. Il marchio di qualità “divertimento sicuro” sarà attribuito soltanto ai locali che rispetteranno le regole. Il Comune potrà revocare il prolungamento dell’orario delle discoteche e dei night per motivi di ordine pubblico nonché per il mancato rispetto di una o più prescrizioni speciali contenute nel protocollo. Sarà una commissione a decidere, di volta in volta, le condizioni delle revoche al prolungamento dell’orario e il ritiro del marchio di qualità. L’attuazione dei vari punti del protocollo contenenti disposizioni specifiche sarà regolamentata tramite apposite circolari e  specifici provvedimenti.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Finanziamenti all’agricoltura laziale

Posted by fidest press agency su sabato, 11 luglio 2009

E’ stato stanziato ieri dalla Regione Lazio il finanziamento di 180 milioni di euro nell’ambito del <<Programma di sviluppo rurale>> di cui potranno usufruire 188 imprese agricole gestite da donne e giovani. L’iniziativa, che porterà un rinvigorimento dell’agricoltura laziale e nazionale, è stata accolta con piacere dai rappresentanti del settore ed è solo il primo traguardo raggiunto all’interno di una lunga serie di nuovi stanziamenti che grazie al <<pacchetto Giovani>> porterà alla nascita di circa 2 milioni di nuove aziende nel Lazio. Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti, ha commentato: “E’ un ottimo provvedimento per corroborare le imprese laziali affinché coloro che tutti i giorni lavorano onestamente nella nostra regione possano ricevere dei sussidi per l’occupazione e la produzione agricola. Mi auguro che iniziative del genere continuino a prolificarsi per sostenere un settore principale per l’economia del Lazio e dell’intero Paese”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alitalia. Voli Roma-Cagliari: 100% di voli in ritardo

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2009

Un bel primato. I voli Alitalia da Roma a Cagliari di ieri hanno registrato il 100% di ritardo nella partenza. La durata del volo e’ di 65 minuti a cui vanno aggiunti i ritardi cronici che ormai sono diventati standard. Il volo delle 9.05 e’ partito con 28 minuti di ritardo, quello delle 17.30 e’ partito con 70 minuti di ritardo (piu’ della durata del volo!!), quello delle 21.50 e’ partito con 30 minuti di ritardo. Meno male che l’Alitalia e’ stata affidata alla gestione privata che, in teoria, doveva essere piu’ efficiente. Ci sembra che di efficiente ci sia il profitto per pochi e le perdite per molti, cioe’ gli utenti.  Non sappiamo i motivi dei ritardi, ma se si verificano “puntualmente” ci domandiamo perche’ non venga modificata l’orario di partenza cosi’ da evitare inutili tempi di attesa. Ci chiediamo, inoltre, a cosa serva l’Enac, l’ente preposto alla vigilanza e controllo, e quali provvedimenti abbia assunto per riportare a norma un disservizio cronico. La Sardegna e ancora considerata regione marginale? (fonte aduc)

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Basta cartelle pazze

Posted by fidest press agency su sabato, 4 luglio 2009

“Urge un provvedimento urgente del governo per fermare il fenomeno delle cartelle pazze. Il sistema informatico di Equitalia non riconosce e non blocca le cartelle sbagliate” Questo è il primo commento del Presidente di Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani nell’apprendere dalle principali agenzia di stampa il macroscopico errore fatto da Equitalia che ha colpito 4.500 contribuenti della provincia di Reggio, Parma e Ferrara con richieste errate di pagamento fino a 900 miliardi di euro, pari a circa i 2/3 del PIL italiano. “Se è vero che i vertici di Equitalia hanno finalmente riconosciuto questi macroscopici errori – continua Carlomagno – abbiano ora il buon gusto di rassegnare le proprie dimissioni, senza attendere auspicabili provvedimenti disciplinari”. Se i contribuenti dell’Emilia Nord piangono, quelli di Napoli non ridono. Sul fenomeno delle cartelle pazze la Procura di Napoli ha avviato da tempo le indagini curate del P.M. Valeria Gonzales y Royero per l’ipotesi di abuso d’ufficio nell’attività di riscossione, con la richiesta di interdizione dai pubblici uffici per alcuni dirigenti di Equitalia. In attesa di provvedimenti urgenti, Contribuenti.it annuncia di aver raddoppiato i funzionari del team “Cartelle Pazze” presso tutti gli Sportelli del Contribuente, per tutti coloro che vogliono ottenere l’annullamento delle cartelle errate nonché il risarcimento dei danni per “fastidio e stress da errore della pubblica amministrazione”, come sancito dalla Corte di Cassazione. (Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manifestazione Nazionale Unatras

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 luglio 2009

Roma 10 Luglio 2009: I camion in protesta sul Raccordo Anulare. La Presidenza dell’Unatras, riunita per dare attuazione al mandato assunto dal Comitato Esecutivo in data 19 giugno u.s., è costretta a prendere atto con rammarico che i provvedimenti che dovevano essere emanati entro il 30 giugno cosi come comunicato anche al Parlamento nella seduta della Commissione Trasporti del 24 giugno, non sono divenuti provvedimenti operativi. Riconferma pienamente le decisioni assunte che saranno rese note nella seconda settimana di luglio ed indice una manifestazione nazionale. Laddove esigenze particolari si manifestassero le strutture territoriali decideranno iniziative identiche di sensibilizzazione nella stessa giornata.  La Presidenza si riunirà nuovamente entro la giornata del 15 luglio per dare attuazione a quanto deciso.

Posted in Confronti/Your opinions, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi del dollaro e nuove monete regionali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2009

Da Mario Lettieri, sottosegretario all’Economia nel governo Prodi e Paolo Raimondi, economista  “Oltre che per gli effetti della crisi finanziaria e della conseguente recessione che investe l’economia reale, il commercio mondiale naviga a vista sempre “in balia” del dollaro. Il sistema di Bretton Woods, già profondamente indebolito dalla decisione del 15 agosto 1971, di sganciare il dollaro dal valore delle riserve auree, è stato nei passati 12 mesi definitivamente sotterrato dalla crisi finanziaria sistemica. Si calcola che in questi passati mesi il governo americano e la Federal Reserve, con i provvedimenti di salvataggio delle banche, i pacchetti di stimolo economico e le varie immissioni di liquidità, abbiano iniettato nel sistema finanziario americano una cifra pari a 13.000 miliardi di dollari, di poco inferiore al PIL USA.   Da più parti però ci si interroga sul valore effettivo del dollaro, sul rischio di svalutazione e sulla sua incidenza sul commercio mondiale.  Le preoccupazioni sono fortissime e visibili in tutte le capitali del mondo. L’Europa è ovviamente molto preoccupata anche se l’EU può operare in euro, la moneta regionale per eccellenza, sul suo gigantesco commercio interno. Molti stati, a partire dai produttori di petrolio, hanno voluto in passato ovviare al pericolo di una dipendenza troppo asfissiante dal dollaro cercando agganci con l’euro, ma poi hanno desistito per  il timore di innescare un conflitto molto rischioso per la stabilità dell’intero sistema monetario e dei pagamenti internazionali.  Oggi sono le potenze economiche emergenti, cioè il BRIC (Brasile, Russia India e Cina) che vorrebbero sperimentare soluzioni alternative.  He Yafei, vice ministro degli Esteri cinese, recentemente ha detto che il dollaro non è da buttare a mare e che lo yuan non può diventare una moneta di riserva nel prossimo futuro, ma la moneta cinese può avere un ruolo importante nei rapporti tra i 4 del BRIC. Infatti la Cina ha già stipulato contratti “swap” in yuan contro gas e materie prime con la Russia e il Brasile ed è in trattativa per simili accordi con l’India. Ha già fatto scambi commerciali in yuan con una dozzina di stati per una valore totale di 650 miliardi di yuan, circa 100 miliardi di dollari. In queste delicate operazioni per il momento la Cina sfrutta l’esistenza del cambio fisso con il dollaro, giocando quindi di sponda, senza sfidare frontalmente l’America. Recentemente il Financial Times ha riportato che la Construction Bank, la seconda banca cinese, sta offrendo linee di credito denominate in yuan per rendere la moneta cinese maggiormente usata a livello internazionale.   Si ricorda che alla vigilia del G20 di Londra dello scorso aprile il presidente della Banca Centrale cinese rivendicò un possibile ruolo di riserva dei Diritti Speciali di Prelievo, che è l’unità di conto del FMI basata su un paniere di varie monete. E’ evidente che la Cina voglia essere protagonista attiva nella definizione di un nuovo ordine economico mondiale e dei compiti delle istituzioni finanziarie internazionali. Finora essa, pur essendo la terza economia mondiale, non fa parte del G8 e nel FMI detiene una quota di voto inferiore a quella del Belgio.   La Russia sta andando nella stessa direzione. Il recente Economic Forum di San Pietroburgo ha infatti posto al centro della discussione il ruolo del rublo come futura moneta internazionale. Lo stesso presidente Dmitry Medvedev vorrebbe fare della capitale russa un centro finanziario internazionale e perciò rendere il rublo una forte moneta regionale di scambio, stabilendo i prezzi del petrolio, del gas, ecc. in rubli e non più in dollari. In pratica l’eccessiva dipendenza dell’economia mondiale dal dollaro è ritenuta da più parti una delle cause principali della crisi attuale. Medvedev, come è noto, chiede un nuovo sistema di riserva basato su un paniere di monete differenti, dove abbiano un ruolo anche i Diritti Speciali di Prelievo e l’oro.  Cina e Brasile hanno già incominciato a sperimentare commerci in monete nazionali. Brasile e Russia stanno per raggiungere un accordo di principio per sviluppare il loro commercio senza passare attraverso l’intermediazione del dollaro. Questo stesso tema ha avuto ampia risonanza nel seminario internazionale svoltosi lo scorso dicembre a Curitiba, nello stato brasiliano del Paranà, cui hanno partecipato anche gli scriventi.  I paesi del BRIC cercano quindi un’alternativa al dollaro.  Nei prossimi incontri del G20 riteniamo che questo problema, insieme a quello delle regole finanziarie, non possa essere ignorato. La rifondazione del sistema finanziario non può prescindere da  quello del sistema monetario, altrimenti queste spinte verso le monete regionali, nel contesto di una crisi epocale del dollaro, potrebbero generare un’anarchia monetaria che sarebbe esiziale per il commercio mondiale e globalizzato”.

Posted in Confronti/Your opinions, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Economia: preoccupanti i dati OCSE

Posted by fidest press agency su sabato, 20 giugno 2009

“Se quest’anno il PIL italiano calasse effettivamente del 5,3 come prevede l’OCSE saremmo nel pieno di una grave recessione. Senza provvedimenti strutturali sull’economia il futuro del nostro Paese non sarà roseo”. È quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Consumatori. “L’Italia -continua Dona- vive verosimilmente al di sopra delle proprie possibilità, ancora prigioniera delle corporazioni e dell’arretratezza culturale, sprecando le forze delle giovani generazioni.  Non si può pensare solo al football, al week end e alla buona tavola, dimenticando che il tasso di disoccupazione si avvicina al 10 per cento e nel 2010 lo Stato avrà probabilmente  bisogno di nuovi prestiti per 80 miliardi di euro per colmare il deficit di bilancio”. “Non ci stanchiamo mai di ripetere -conclude Dona- che il futuro dell’Italia dipende in larga misura dei giovani, che sono una risorsa e non un problema. Per dare alle nuove generazioni buone opportunità di inserimento nel mondo del lavoro, occorre liberare nuove risorse per avere le quali occorrono ulteriori riforme del sistema pensionistico e di quello sanitario”. (fonte Unione Nazionale Consumatori)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dialogo politico in cancrena

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 giugno 2009

Aldo Di Biagio, responsabile italiani nel mondo del PdL sottolinea “le ultime settimane di dicerie gossipparie da parte di un certo fronte politico-editoriale segnano un incancrenirsi del dialogo politico oltre che dell’immagine del nostro Paese nel mondo”. “Il continuo percorso di delegittimazione tra i fronti politici – continua – rende vacuo ogni tentativo di costruzione di provvedimenti politici e programmatici seri per l’intera collettività, che sa ancora più di amaro se contornato, come sta accadendo, da una sciocca intelaiatura di gossip e dicerie preestive nei confronti dei referenti istituzionali votati a gran maggioranza e sostenuti pienamente dalla società civile”. “Purtroppo in questo modo – conclude – si sta dando legittimazione ad una forma di autolesionismo tutto italiano: si sta cercando il nemico che non c’è, vedendo il male o l’aggressore dove invece c’è una realtà da affrontare o un problema strutturale da risolvere. Condivido le parole del Presidente Fini quando afferma che in Italia stenta ad affermarsi una mentalità da democrazia matura, mentre è diffusa una mentalità di emergenza continua; questo clima da trincea politica rende il dialogo e l’opportunità di lavorare quasi impossibili. La nostra opposizione deve riuscire ad emanciparsi dalle considerazioni di basso livello e dalle raffiche di calunnie che oramai ne condizionano l’approccio, poiché sembrerebbe che non abbia altro da aggiungere al suo già scarno programma politico”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Petrolio: occorrono provvedimenti concreti

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2009

Siamo stanchi dei soliti appelli alla responsabilità. Quando c’è di mezzo il business, due sono i possibili provvedimenti da prendere: aumentare la concorrenza o varare provvedimenti amministrativi che impongano trasparenza  e comportamenti responsabili. Verso i petrolieri da tempo sia il Governo che l’Autorità di mercato si spendono nei soliti appelli alla responsabilità senza risultati concreti. Definire parametri di adeguamento a cui ogni compagnia deve attenersi non significa andare contro il mercato, bensì significa maggiore trasparenza.  Occorre, inoltre, che gli adeguamenti non avvengano “quotidianamente”, perché ciò ha un forte impatto anche inflattivo. Occorre recuperare anche per i carburanti il meccanismo di adeguamento del prezzo alla pompa in modo periodico sulla base delle variazioni intervenute nel periodo precedente, così come avviene per il gas e l’elettricità. È questa una proposta che Adiconsum presenta puntualmente al Governo e ai petrolieri e che rappresenterebbe una risposta concreta alla stessa denuncia del ministro Scajola. Sulla speculazione internazionale occorre evitare che si ripetano gli errori del passato. Il Governo e l’Europa intervengano su quegli strumenti finanziari che sono alla base della speculazione che hanno provocato così tanti danni all’economia.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Federalismo fiscale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 marzo 2009

“Credo fermamente che adeguati provvedimenti a sostegno della valorizzazione delle risorse nel mezzogiorno d’Italia siano il punto di partenza di qualsivoglia dinamica di federalismo fiscale nel nostro Paese e l’accoglimento da parte del Governo dell’Ordine del giorno che andava in questo senso, rappresenta la conferma palpabile di questa priorità”. Lo dichiara Aldo Di Biagio, deputato del PdL eletto in Europa, in merito all’accoglimento dell’Ordine del giorno di cui è primo firmatario, sottoscritto da altri undici deputati, nell’ambito della discussione del federalismo fiscale attualmente alla Camera.“L’Ordine del giorno da me presentato è stato sottoscritto dai colleghi Picchi, Gbiino, Dima, Vincenzo Fontana, Catone, Antonino Foti, Versace, Germanà, Murgia e Saltamartini, – continua Di Biagio – e impegna il Governo ad introdurre nei futuri provvedimenti legislativi precise disposizioni finalizzate a favorire il coordinamento delle risorse, e la piena valorizzazione di queste, orientate al superamento del divario economico tra il Nord ed il Sud del Paese, segnatamente sul fronte della ricerca”. “La sottoscrizione dei colleghi, mostra una profonda e sentita sensibilità verso la questione meridionale – conclude il deputato eletto all’estero – una sensibilità rafforzata dall’impegno del Governo, soprattutto sul fronte della ricerca, settore sul quale il nostro Esecutivo può fare ancora molto, in partitocolar modo negli atenei e negli istituti di ricerca del nostro mezzogiorno”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »