Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘pubbliche’

È online il nuovo portale “Open Data Turismo”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 novembre 2014

open dataOpen Data Turismo è un portale che mette a disposizione, in maniera libera e gratuita, open data in formato dataset csv, infografiche e news tematiche sul mercato del turismo nel Lazio e in Italia e sulle tendenze del settore. Il portale offre anche preziose informazioni sui finanziamenti dedicati alle imprese e aspiranti imprenditori in questo settore. Correda il quadro dei contenuti offerti una serie di approfonditi rapporti a pagamento sull’analisi dei flussi turistici, sul valore della filiera delle imprese, sui profili dei turisti che vengono nel nostro paese dall’estero, e molto altro ancora . Il portale nasce con l’obiettivo di supportare le imprese, in particolare quelle della filiera turistica, che vogliono valorizzare e sviluppare il loro business attraverso intelligence aggiornata e di qualità. Le informazioni e gli open data pubblicati sul portale sono d’interesse, oltre che per le imprese, anche per i professionisti, i ricercatori, le Amministrazioni Pubbliche e tutti coloro che sono interessati a conoscere le dinamiche imprenditoriali di un settore strategico per l’economia del nostro paese, il turismo.
La piattaforma realizzata e gestita da Cultura e Lavoro, infatti, offre strumenti online, servizi di consulenza e indicazioni per incentivare il riuso dei dati condivisi per ambiti e finalità diverse, al fine di trasformarli in risorse e valore per tutti gli operatori.
Per comodità di consultazione e ricerca, tutti i contenuti sono suddivisi nelle seguenti sezioni:
News: aggiornamenti sulle iniziative e le politiche, promosse da vari soggetti istituzionali e non a beneficio dell’intera filiera turistica.
Finanziamenti: panoramica delle principali iniziative agevolative a beneficio di imprese che intendono avviare nuovi investimenti o aspiranti imprenditori alle prese con la realizzazione della propria idea di business.
Open data turismo: dataset gratuiti e in “formato aperto” sulla domanda e sull’offerta del turismo e sulle imprese della filiera turistica ed il loro valore.Open Data per: infografiche gratuite rivolte a specifici target di beneficiari (imprese turistiche, imprese di genere, neo Imprenditori).
Dati premium: contenuti specifici e di approfondimento a pagamento con analisi e rapporti sul valore del settore, il suo andamento, analisi dei flussi e dei profili medi dei turisti, e molto altro ancora.Area riservata: consente la registrazione al portale per poter accedere ai contenuti personalizzati e a quelli acquistabili.Il nuovo portale si propone di diventare uno strumento autorevole e un punto di riferimento – accessibile a tutti – per divulgare intelligence al servizio dello sviluppo economico del settore del turismo nel Lazio e in Italia Cultura Lavoro è l’agenzia di comunicazione istituzionale sui temi della cittadinanza, inclusione sociale, politiche del lavoro, crescita e sviluppo delle imprese e dei territori, politiche sociali e pari opportunità. I nostri servizi: Piani e progetti di comunicazione integrata. Ideazione, progettazione e consolidamento dell’identità visiva. Costruzione di network e facilitazione dei rapporti tra le istituzioni e il territorio. Organizzazione di eventi on site e online. Progettazione e produzione di materiali informativi. Strategie e interventi di comunicazione social.
Nasciamo dall’esperienza della Fondazione Giacomo Brodolini, da oltre quarant’anni impegnata in attività di ricerca, assistenza tecnica, promozione culturale e capacity building.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agibilità città e manifestazioni pubbliche

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 ottobre 2010

E’ probabile che piazza San Marco a Firenze possa non essere piu’ utilizzata per le manifestazioni pubbliche. Ci si e’ resi conto, con il corteo studentesco dei giorni scorsi, e col fatto che questa piazza e’ diventata di recente snodo principale della mobilita’ urbana, di aver bloccato l’intera citta’.
Finalmente si comincia a ragionare in funzione di tutti i cittadini, senza che i diritti di alcuni, per manifestarli e rivendicarli, debbano necessariamente calpestare quelli di altri. Il problema si e’ posto per piazza San Marco ma e’ piu’ ampio. Non solo per piazze e strade della citta’ ma per lo sciopero in se’.
1 – piazze e strade. E’ evidente che una citta’ risenta di una manifestazione al pari del passaggio di un forte temporale, se non peggio. In piazza San Marco probabilmente piu’ che altrove, ma non per questo “altrove” deve essere penalizzato in una politica di riduzione del danno che sembra voglia essere utilizzata da amministratori e forze dell’ordine. La questione andrebbe affrontata in un’ottica generale, partendo dal presupposto che uno sciopero di una componente della nostra societa’ non deve obbligare tutti a farsene carico. I cortei che immobilizzano la citta’ sono retaggio di una cultura, una mobilita’ e un’informazione del secolo scorso: per comunicare a chiunque che c’era un certo dissenso e protesta, scendere per strada era un sistema di comunicazione, maggiormente incisivo se il disagio che provocava coinvolgeva chiunque. Che necessita’ c’e’ oggi di questo metodo di comunicazione, oggi che le “coperture mediatiche” di certi eventi consentono l’informazione ovunque, a 360 gradi?
2 -lo sciopero in se’. Una cultura per la comunita’ e una prassi di rispetto dell’altro che coinvolge lo sciopero in se’. Siccome l’obiettivo degli scioperanti e’ creare problemi alla propria controparte, perche’ crearli anche ad altri? Perche’ per esempio, i ferrovieri o gli addetti al trasporto pubblico devono bloccare la circolazione dei loro mezzi -a danno di tutti- e non esimersi dal far pagare il servizio in determinate fasce orarie -a danno della propria controparte? Oggi le piazze sono essenzialmente mediatiche, quindi non si possono conquistare con la propria imposizione fisica. Non solo. C’e’ un rilevante pericolo che la piazza mediatica diventi luogo di rivalsa contro la possibilita’ dei singoli di non poter liberamene fruire delle piazze urbane, e anche per questo crediamo che valga la pena rimettere in discussione gli attuali metodi. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »