Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘pubblicità’

Basta con la pubblicità ingannevole sulla fibra

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 agosto 2019

L’Antitrust ha accolto gli esposti dell’Unione Nazionale Consumatori, condannando le compagnie telefoniche per le offerte sulla fibra. In particolare, Telecom ad una sanzione di 200 mila euro, Wind di 350 mila euro, Fastweb ad una multa di 125 mila euro e Vodafone ad una sanzione di 200 mila euro.”Una vittoria importante! Accolte in pieno le nostre tesi. Ora speriamo che si smetta con il pubblicizzare un costo, quando in realtà questo ha una durata limitata nel tempo” afferma afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”E’ ingannevole un messaggio che non informa in modo adeguato e completo sui costi aggiuntivi necessari per conseguire le massime velocità pubblicizzate per navigare su internet, o che non dicono chiaramente che va attivata un’opzione aggiuntiva a pagamento, magari gratuita solo per un primo limitato periodo” conclude Dona.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondazione Pubblicità Progresso: Andrea Farinet nuovo presidente

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 giugno 2019

Si è tenuto un CdA di grande svolta per la Fondazione Pubblicità Progresso. Come preannunciato, Alberto Contri ha rassegnato le dimissioni dalla presidenza dopo venti anni di mandati ininterrotti, in cui l’Associazione nata nel 1971 è stata trasformata in una Fondazione, Centro Permanente di Formazione alla Comunicazione Sociale particolarmente impegnata nella sostenibilità e con un network di 100 docenti universitari di 85 Facoltà e Master in 45 Atenei di tutta Italia.
Nuovo presidente è il Prof. Andrea Farinet, docente di Economia e Gestione delle imprese, presso LIUC – Università Cattaneo, dove insegna Marketing Relazionale e CRM, Psicologia del Consumo e Nuove Piattaforme Digitali. Già docente di marketing per circa vent’anni in Bocconi, dove ha conseguito il PhD in Business Administration, è advisor di importanti realtà culturali e tecnologiche come l’Istituto Italiano di Tecnologia, la Fondazione Bracco, Facility Live e The Ruling Companies. Ha fondato il Socialing Institute, particolarmente impegnato sulle tematiche della CSR.È stato nominato all’unanimità dal Consiglio della Fondazione fra i due nuovi cooptati fra personalità di provata competenza ed esperienza: il secondo è Giangi Milesi, già presidente del Cesvi con grande esperienza nel Terzo Settore. Il nuovo tesoriere è Franco Meroni, presidente di AAPI e già consigliere della Fondazione.Tutto si è svolto all’unanimità, come unanime è stato il caldo applauso che ha salutato il lungo e generoso impegno di Alberto Contri nel fare di Pubblicità Progresso il punto di riferimento per la comunicazione sociale in Italia e non solo. Ricordando che tempo fa il presidente Napolitano aveva dichiarato, ricevendo il CdA della Fondazione al Quirinale: “Pubblicità Progresso è un caso di eccellenza unico al mondo”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Credito d’imposta agli investimenti pubblicitari

Posted by fidest press agency su sabato, 28 luglio 2018

La Fieg comunica che sulla Gazzetta Ufficiale del 24 luglio è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con le disposizioni applicative per l’attribuzione del credito d’imposta agli investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani e periodici. Le domande per l’accesso all’agevolazione, relativa agli investimenti pubblicitari incrementali sulla stampa effettuati nel 2017 e nel 2018, andranno presentate a decorrere dal prossimo 22 settembre ed entro il 22 ottobre.Il Presidente della Fieg, Andrea Riffeser Monti, ha così commentato: “Con la pubblicazione in Gazzetta del DPCM diventano finalmente concrete le agevolazioni previste per le imprese, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali che decidono di utilizzare i giornali per promuovere i propri prodotti, i propri servizi, le proprie iniziative. Si premia in questo modo, con una misura anticiclica e positiva per l’intera economia, un mezzo di comunicazione conveniente ed efficace, vicino ai cittadini”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tv2000: Rete Blu Spa rinnova accordo con PRS Mediagroup per raccolta pubblicitaria

Posted by fidest press agency su domenica, 22 luglio 2018

Rete Blu Spa – la società a cui fanno capo Tv2000 e InBlu Radio, le emittenti della Conferenza episcopale italiana – rinnova con PRS Mediagroup per un ulteriore biennio, fino al 31 dicembre 2020, l’esclusiva della vendita degli spazi pubblicitari per Tv2000 e la relativa piattaforma web. L’accordo è stato siglato dall’Amministratore delegato di Rete Blu Spa Massimo Porfiri e dal presidente di PRS Mediagroup Alfredo Bernardini de Pace.
Il “nuovo accordo”, dichiara Massimo Porfiri, è “la prosecuzione dell’ottimo lavoro svolto insieme alla concessionaria dal 2015, da allora la raccolta pubblicitaria è cresciuta in maniera continuativa di anno in anno”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Divieto di pubblicità del gioco d’azzardo

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 luglio 2018

Viene accolta positivamente dall’Associazione CODICI, la scelta del nuovo Governo di eliminare la pubblicità sul gioco d’azzardo, come emerge dall’articolo 8 del Decreto Dignità​, recentemente varato​.L’Associazione ​CODICI, da anni impegnata nella difesa e tutela dei diritti e interessi dei consumatori, ricorda quante opacità ci siano state sulla questione da parte di ex Ministri de​i precedenti governi​, per l’inopportuna presenza di pubblicità sulle scommesse, attraverso i maggiori media e cartelloni pubblicitari.Il provvedimento, a firma del Ministro dello Sviluppo economico e Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Luigi Di Maio, nel Governo guidato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, introduce il divieto assoluto di ogni forma di pubblicità, diretta o indiretta, relativamente a giochi o scommesse con vincite di denaro. Si fa riferimento a qualsiasi forma di sponsorizzazione, incluse le manifestazioni sportive, culturali o artistiche, le trasmissioni televisive o radiofoniche, la stampa quotidiana e periodica, le pubblicazioni in genere, le affissioni ed internet.Nello specifico, è stato stabilito che, a partire dal 1° gennaio 2019 diventerà effettivo il divieto di pubblicità e di tutte le altre forme di comunicazione di contenuto promozionale, compresa l’immagine o il nome di marchi, simboli, attività o prodotti riconducibili al gioco d’azzardo.L’Associazione Codici, da sempre impegnata nella lotta alle ludopatie e alle dipendenze legate al gioco d’azzardo, apprezza la grande novità inserita nel Decreto Dignità, una legge che si pone a tutela a difesa del consumatore e per questo rappresenta un importante passo avanti per contrastare questo fenomeno dilagante a livello sociale.”Il fenomeno della ludopatia in Italia è diffuso in maniera trasversale, tra gli adolescenti come fra gli anziani​,​ ed è tra le prime cause di prestiti usurai​- afferma il Segretario Nazionale dell’Associazione CODICI Ivano Giacomelli – pertanto non possiamo che accogliere positivamente le nuove misure in materia di pubblicità del gioco d’azzardo, che rappresentano un primo passo in direzione della lotta al contrasto del gioco patologico”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incentivi fiscali per gli investimenti pubblicitari

Posted by fidest press agency su martedì, 5 settembre 2017

pubblicitàAl via sulla stampa quotidiana e periodica la campagna della FIEG per informare imprese e lavoratori autonomi degli incentivi fiscali per gli investimenti pubblicitari incrementali su giornali e riviste, introdotti dall’articolo 57-bis del Decreto legge n. 50/2017, in sede di conversione in legge (Legge n. 96/2017).A beneficiare degli incentivi, nella forma del credito d’imposta, saranno le imprese e i lavoratori autonomi che investono in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica il cui valore superi almeno dell’1% quelli, di analoga natura, effettuati nell’anno precedente.L’importo del credito d’imposta potrà arrivare fino al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati, elevato al 90% per le microimprese, piccole e medie imprese e start up innovative, nel rispetto del tetto di spesa che sarà stabilito annualmente dal DPCM di ripartizione del Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione, utilizzato per la copertura della misura.L’incentivo – del quale un ulteriore DPCM, entro ottobre, stabilirà modalità e criteri di attuazione – sarà attribuito a partire dal 2018, relativamente agli investimenti effettuati dal 24 giugno 2017, incrementali rispetto a quelli di analoga natura, effettuati nell’anno precedente.La campagna, realizzata per la Fieg da Y & R Roma, che ha come slogan “CHI INVESTE IN PUBBLICITÀ SU STAMPA, HA MOLTO PIÙ DI UN RITORNO D’ IMMAGINE”, mostra uno specchio che riflette non una, ma molteplici immagini del prodotto pubblicizzato. Per approfondimenti: http://www.fieg.it.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Commissione autorizza una joint-venture per la pubblicità cinematografica tra TSC e UCI Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

european commissionBruxelles. A norma del regolamento UE sulle concentrazioni, la Commissione europea ha autorizzato la costituzione di una joint-venture che opererà nel settore della pubblicità cinematografica tra UCI Italia e The Space Cinema 1 (TSC), entrambe italiane. UCI Italia è controllata indirettamente dal gruppo cinese Dalian Wanda attraverso la statunitense AMC. TSC è controllata da Vue International del Regno Unito, a sua volta controllata congiuntamente da due società d’investimento canadesi. Sia UCI Italia che TSC sono fornitori di servizi di proiezione cinematografica in Italia e vendono anche spazi pubblicitari nelle loro sale cinematografiche. La Commissione ha concluso che l’operazione proposta non darebbe luogo a problemi di concorrenza, in quanto rimarrebbe sul mercato dei servizi di pubblicità cinematografica una serie di concorrenti forti a cui i cinema concorrenti potrebbero vendere i loro spazi pubblicitari. L’operazione è stata esaminata secondo la normale procedura di esame delle concentrazioni. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito web Concorrenza della Commissione, nel registro pubblico dei casi, con il numero di caso M.8431.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra ‘Dopo Carosello… tutti a letto! L’influenza di pubblicità e TV sui bambini’

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 gennaio 2017

carosello italiano

Roma fino al 28 Febbraio 2017 Sala della Biblioteca di Scienze della Formazione Via Milazzo 11 a in occasione dei 60 anni dalla nascita di Carosello e 40 anni dal suo termine (3 febbraio 1957 e 1° gennaio 1977), la biblioteca di Scienze della Formazione suggerisce una bibliografia ed espone dei libri sul ruolo della pubblicità e della televisione con riguardo all’influenza che esercitano sui bambini.
Dal 1957 al 1977 i bambini sono stati, in un certo senso incoraggiati, alla visione di Carosello, dalle 20.50 alle 21.00. Per una legge allora vigente non era concesso fare della pubblicità all’interno di alcuno spettacolo televisivo serale.
Famosi registi hanno realizzato gli sketch del programma, la cui trama doveva essere estranea al prodotto, pubblicizzato poi in pochi secondi. Carosello è stato in Italia l’inizio di un’era mediatica fortemente improntata al consumismo ed ha influenzato i gusti e le abitudini alimentari, i comportamenti di stile di vita e di consumo (Sygmunt Bauman ha definito con questi cambiamenti il passaggio ad una società “liquida”) e anche la costruzione dei ruoli di genere.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stop alla pubblicità dei giochi sulla tv generalista

Posted by fidest press agency su domenica, 7 agosto 2016

pubblicità ingannevoleOvvero i canali da 1 a 9 del telecomando: è quanto prevede il decreto firmato dai ministri dell’Economia e dello Sviluppo economico, Pier Carlo Padoan e Carlo Calenda – in via di pubblicazione e che Agipronews ha potuto visionare – che chiarisce chi deve rispettare il divieto di trasmissione degli spot sui giochi previsto dalla legge di stabilità 2016.Gli spot sul gioco non potranno più andare in onda – nella fascia oraria tra le 7 e le 22 – sui canali generalisti della Rai (Raiuno, Raidue e Raitre), su quelli di Mediaset (Canale 5, Italia 1 e Retequattro), su La7, Tv8 (la ex Mtv), la NOVE (la ex Deejay Tv, di proprietà del gruppo Discovery Italia) e Rete Capri. Divieto assoluto anche per i canali tematici «indirizzati in via esclusiva o prevalente a un pubblico di minori», come ad esempio Rai Yoyo, Cartoonito e Boing.Gli spot, invece, continueranno ad andare in onda senza limiti sui media “specializzati”: via libera per i canali tematici (come quelli che si occupano di cultura, sport, musica, televendite), sulle piattaforme a pagamento, sulle emittenti locali e sui canali radiofonici. La manovra 2016 fissava anche le sanzioni (da 100mila a 500mila euro), già previste dal decreto Balduzzi del 2012, che saranno irrogate dall’Agcom «al soggetto che commissiona la pubblicità, al soggetto che la effettua» e «al proprietario del mezzo con il quale essa è diffusa». Secondo i dati del 2014 della società specializzata Ficom Leisure, le aziende di gioco hanno investito sui canali televisivi circa 50 milioni di euro, vale a dire la metà degli investimenti pubblicitari totali del settore. (fonte. MSC/Agipro)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pubblicità ingannevole: Vittoria dell’Unione Nazionale Consumatori

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

tar lazioIl Tar del Lazio ha confermato le multe per più di un milione di euro che, a seguito di un esposto dell’Unione Nazionale Consumatori, l’Antitrust aveva inflitto ai produttori di patatine fritte, per alcuni spot ingannevoli. Respinti, quindi, i ricorsi proposti da alcuni produttori. “L’alimentazione è una cosa importante per la nostra salute. Non ci si può vantare di caratteristiche nutrizionali o salutistiche non corrette o sostenere che una produzione di natura industriale è artigianale! Non si può, insomma, trarre in inganno il consumatore con messaggi ingannevoli o con pratiche commerciali scorrette” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Questa sentenza dei giudici amministrativi, oltre a confermare l’ingannevolezza del messaggio da noi denunciato, speriamo serva da monito a quegli operatori che tuttora continuano a dare in etichetta indicazioni ingannevoli, utilizzando l’escamotage di usare espressioni in inglese come “hand cooked style” al posto di cotte a mano, che però non cambiano la sostanza: si tratta di prodotti industriali che di artigianale non hanno un bel nulla!!!” ha concluso Dona.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove forme di pubblicità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2011

Milano, 31 Marzo 2011, ore 15:00 –  via dell’Orso 2 nella sede di Portolano Colella Cavallo Studio Legale di Milano. Il seminario si rivolge a manager e giuristi d’impresa e analizzerà, con taglio pratico, la disciplina del product placement cinematografico e televisivo; sarà inoltre realizzata una panoramica sulle più recenti e innovative declinazioni della comunicazione pubblicitaria, attraverso l’esame della prassi del mercato e dei provvedimenti delle autorità coinvolte, al fine di individuare aree di rischio e opportunità commerciali sino ad oggi poco valorizzate. La partecipazione al Seminario è gratuita ed è rivolta agli operatori delle imprese interessate ed ai professionisti del settore.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Proteggere i consumatori

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 dicembre 2010

Con la Direttiva sulle pratiche commerciali sleali del 2005 che non garantisce il giusto quadro giuridico per combattere la pubblicità ingannevole e quella aggressiva, una serie di nuove e più persuasive forme di pubblicità si sta sviluppando attraverso Internet, spiega la risoluzione non legislativa preparata da Philippe Juvin (PPE, FR). Il Parlamento esprime preoccupazione per la “banalizzazione della pubblicità comportamentale e lo sviluppo di pratiche pubblicitarie invadenti”, come la lettura del contenuto delle e-mail, l’utilizzo dei network sociali e della geolocalizzazione nonché la ripetizione del bersagliamento pubblicitario, poiché rappresentano una violazione della vita privata dei consumatori. I deputati chiedono pertanto alla Commissione di introdurre l’obbligo di inserire in modo chiaramente leggibile la dicitura “pubblicità comportamentale” nelle pubblicità on-line di questo tipo.
Per i deputati, la pubblicità comportamentale rappresenta “una grave minaccia per la protezione della vita privata” poiché è basata sulla tracciatura degli individui (cookie, costituzione di profili) e non è stata oggetto di un consenso esplicito del consumatore.
Il Parlamento vuole una pubblicità capace di promuovere “sani modelli di comportamento”, che possono avere “un’influenza positiva sulla percezione di tematiche quali ruoli di genere, immagine del corpo umano e normalità”. Pertanto, invita tutte le agenzie pubblicitarie e i professionisti dei media a “riconsiderare lo sviluppo di modelli (uomini o donne) estremamente magri, al fine di evitare la divulgazione di messaggi pericolosi sull’aspetto fisico, sulle imperfezioni del corpo, sull’età e sul peso, tenendo conto dell’influenza e dell’impatto della pubblicità sui bambini e sui giovani”.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pubblicità e minori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 agosto 2010

“Si intensifica la nostra attività contro la pubblicità ingannevole, anche grazie alle segnalazioni che ci vengono inoltrate dai cittadini, sempre più attenti a individuare quello che non quadra nelle promesse interessate dei produttori. Ci sono moltissimi casi in cui la pubblicità è assai più subdola e davvero capace di spingere all’acquisto di un prodotto, presentandolo con caratteristiche diverse da quelle reali. Se questo è il caso, è da considerare ingannevole e deve essere denunciata”.  Esordisce così il componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori, Giovanni D’AGATA, che ritiene opportuno riportare l’attenzione sulla sentenza che ha sanzionato per pratica commerciale scorretta l’azienda che pubblicizza il download di loghi e suonerie, formalmente riservato ai maggiorenni, ma il cui target di riferimento è in realtà quello degli adolescenti. Tale principio lo ha stabilito il Tar del Lazio nella sentenza 29511 del 2 agosto 2010, respingendo il ricorso di una società contro la sanzione emessa nei suoi confronti dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato, su segnalazione di un associazione a difesa dei consumatori. L’azienda, in collaborazione con alcune compagnie di telefonia mobile, pubblicizzava su un sito internet la possibilità di scaricare suonerie e altri contenuti multimediali sul proprio cellulare, senza evidenziare in maniera adeguata che si trattava di un servizio a pagamento a tempo indeterminato. L’attivazione era poi formalmente riservata ai maggiori di 18 anni, ma di fatto la grafica usata nel messaggio e la tipologia dei servizi offerti si rivolgevano ai minorenni. Agli occhi dell’Autorità l’avvertenza che il servizio era limitato ai maggiorenni non bastava a eliminare la natura ingannevole, e quindi illecita, del messaggio. I giudici romani hanno dato ragione all’organo di vigilanza e confermato la sanzione.
Giovanni D’AGATA, componente del Dipartimento Tematico Nazionale“Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori, invita a denunciare tutti i casi in cui ci si imbatte in una pubblicità con queste caratteristiche, rivolgendosi all’ente che ha il potere di condannare e bloccare le pubblicità ingannevoli: è l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm), o Antitrust.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intercettazioni: intercettata

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2010

Stasera alle ore 19.00 da Radio Radicale Rita Bernardini ha effettuato un’intercettazione mandando in onda integralmente la pubblicità della seduta così com’era e stata richiesta dalla capogruppo del PD in Commissione Giustizia Donatella Ferranti e a fronte del diniego opposto dal Gruppo del PDL alla trasmissione nel circuito interno della Camera, della riunione odierna della Commissione Giustizia con all’ordine del giorno il DDL Alfano sulle intercettazioni.  In proposito Rita Bernardini, deputata radicale, membro della Commissione Giustizia ha dichiarato:  “La Commissione Giustizia della Camera non è una società segreta e non si comprende il motivo che ha portato il capogruppo PDL Enrico Costa a negare la pubblicità della seduta. Siamo convinti che ai cittadini e ai giornalisti interesserà seguire il dibattito che in commissione si è svolto sulla pubblicità della seduta, sulla richiesta PD rivolta al Sottosegretario Giacomo Caliendo di fare un passo indietro esonerandosi dal seguire a nome del Governo il provvedimento e sull’emendamento presentato dal Governo stesso e firmato da Caliendo chiamato in causa sulla vicenda P3  proprio sulla base di intercettazioni telefoniche. Non so se  da questa “disobbedienza civile” conseguiranno “deplorazioni” da parte della Camera, quello che so è che se fosse in vigore il DDL con l’emendamento di Caliendo il rischio sarebbe quello della galera fino a tre anni”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Rai con Tivù fa pubblicità ingannevole

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 aprile 2010

Nei negozi viene distribuito uno strano volantino realizzato da Tivù, la società formata da RAI, Mediaset e Telecom Media per promuovere i canali digitali gratuiti, che informa i consumatori delle regioni passate alla tv digitale e di quelle che da maggio vivranno lo Switch Over circa una importante novità: la possibilità di vedere gratis le partite del prossimo mondiale di calcio, trasmesse dalla RAI in alta definizione. Sicuramente una buona notizia per i consumatori che per godere dell’HD non saranno costretti a spendere soldi abbonandosi a SKY. Nel volantino si dice inoltre che per vedere in HD occorre un decoder, esterno o interno alla tv, con il bollino Gold DGTVì (che peraltro costa altre 150 euro). Questa notizia – dichiara Pietro Giordano, Segretario Nazionale Adiconsum – non è vera. Per vedere i mondiali e i canali in HD, infatti, basta un decoder esterno o interno al televisore compatibile con l’alta definizione. Il bollino Gold – sottolinea Giordano – identifica un decoder o un televisore che permette la visione in HD delle Pay tv. Perché la RAI e Tivù inducono i consumatori ad acquistare un decoder utile per la televisione a pagamento? Perché il servizio pubblico non si preoccupa di diffondere la tv gratuita in qualità HD? Perché la Rai e Tivù distorcono l’informazione facendo pensare che il solo decoder o televisore compatibile con l’HD non sia sufficiente, facendo fare acquisti non necessari? Adiconsum gira queste domande all’Antitrust alla quale chiederemo di aprire un’istruttoria  per vigilare sulle comunicazioni legate alla transizione alla tv digitale.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Viaggi tutto compreso

Posted by fidest press agency su sabato, 3 aprile 2010

Viaggi e vacanze in vista per il periodo pasquale. I viaggi organizzati sono comodi, basta una firma e tutto e’ a posto o quasi.Abbiamo predisposto un elenco di consigli per i turisti che si affidano alle agenzie:*  Leggere attentamente il depliant: oltre alla pubblicita’ ci devono essere scritte le condizioni generali del contratto. Se non ci sono, eliminate quel tour operator o agenzia di viaggi.*  Farsi rilasciare copia del contratto con timbro e firma. Se l’agenzia vuole  rilasciare solo la ricevuta della caparra, non firmate il contratto.   L’anticipo o caparra non puo’ superare il 25% del prezzo totale. Se vi chiedono di piu’ lasciate   stare. Il saldo va effettuato 30 giorni prima della partenza, non prima. Nei casi invece in cui sia inadempiente il tour operator, il consumatore puo’ recedere e pretere il doppio della cifra. *  Controllare le ipotesi di aumenti previste dal contratto o dal depliant (variazioni del costo di trasporto, delle tasse aeroportuali e del cambio). Se non sono scritte, diffidate. In ogni caso gli aumenti non possono superare il 10% del valore del viaggio. *  Se improvvisamente non si puo’ partire e’ possibile essere sostituiti, almeno quattro giorni prima del viaggio, o si puo’ pagare la penalita’. La penalita’ per i voli di linea e’ diversa dai voli speciali.
* L’agenzia o il tour operator devono avere un’assicurazione per la responsabilita’ civile verso l’utente, che deve essere indicata nel contratto. *  Se, prima del viaggio, ci sono delle variazioni significative della vacanza (es:cambio della categoria dell’albergo, slittamento di piu’ giorni della partenza, ecc.), il contratto puo’ essere annullato dal turista o si puo’ scegliere una altra vacanza, anche piu’ costosa, senza che questo comporti un aumento di prezzo. Se le variazioni avvengono durante il viaggio il tour operator deve rifondere la differenza di costo. *  In caso di contestazione documentare tutto e, al ritorno, inviare all’agenzia e al tour operator, entro 10 giorni, una lettera di protesta (raccomandata con ricevuta di ritorno), chiedendo il rimborso o il risarcimento dei danni. In caso di risposta insoddisfacente si puo’ ricorrere al giudice di pace. Nella sezione http://www.aduc.it/dyn/sosonline/modulistica/modu_mostra.php?Scheda=40182 c’e’ un modulo predisposto per la richiesta di rimborso e risarcimento. Per ulteriori informazioni si veda la scheda di approfondimento: http://www.aduc.it/dyn/sosonline/schedapratica/sche_ mostra.php? Scheda=40738 (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc.)

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libertà d’informazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 marzo 2010

Torino 24 marzo Ore 10.30 Piazza Castello conferenza stampa sulla libertà d’informazione con l’On. Rosy BINDI  (Vice Presidente Camera dei Deputati e Presidente nazionale PD). La libertà di informazione è diventata ormai una delle grandi emergenze nazionali. In uno scenario caratterizzato da un sostanziale duopolio televisivo e dal ruolo duplice rivestito da Silvio Berlusconi, insieme Presidente del Consiglio e proprietario del gruppo Mediaset, l’azione del Governo sta riducendo ulteriormente gli spazi informativi, mettendo in pesante crisi quel pluralismo che rappresenta la condizione senza la quale non si può parlare di una vera libertà di informazione.  I tentativi di una pesante regolamentazione del web, le scelte fatte sull’applicazione della legge dell’editoria, i tagli alla pubblicità della pay tv – per segnalare solo le ultime iniziative dell’esecutivo di centrodestra – rappresentano bene questa strategia insieme di controllo e di riduzione del pluralismo informativo.  Contro questi atti del governo il Partito Democratico si è schierato in maniera netta, raggiungendo anche con la sua azione parlamentare risultati importanti, ad esempio nel permettere il ripristino delle sovvenzioni previste dall’editoria per la carta stampata, precedentemente tagliate dal Governo.  Restano però aperte alcune questioni che, se trovassero applicazioni secondo la volontà governativa, provocherebbero pesanti danni nel tessuto informativo del nostro Paese e in particolare della nostra Regione.  La norma introdotta dal Governo nel Decreto Milleproroghe, che taglia le provvidenze statali (26 milioni di euro che vanno in riduzioni sulle tariffe elettriche e telefoniche, abbonamenti alle agenzie stampa, etc.) a favore delle emittenti radiofoniche e televisive locali, mette a rischio centinaia di posti di lavoro in Piemonte e colpisce un settore che, insieme a quello dei giornali locali, rappresenta un significativo modello di pluralismo informativo diffuso, specifico della nostra Regione.  Contro questi tagli il Partito Democratico è pienamente impegnato nella sua  iniziativa politica e parlamentare. Proprio perché ci rendiamo conto dell’importanza di questa emergenza, abbiamo organizzato per mercoledì 24 marzo una “Giornata democratica per la libertà di informazione e l’editoria locale”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Troppa pubblicità ingannevole

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2010

Una recente ricerca di Uniquinto rivela che l’81% delle compagnie che si occupano di gestione del quinto non possiede una carta etica ed il 27% circa non fa campagne pubblicitarie trasparenti o comunque utilizza messaggi eccessivamente banalizzanti del ricorso all’indebitamento. Solo il 20% rende disponibile sul proprio sito internet il bilancio sociale annuale. Il documento prevede l’obbligo del rispetto delle norme di trasparenza delle informazioni e delle comunicazioni da parte dell’Ente che lo sottoscrive e l’impegno del personale a fornire al cliente un’assistenza completa e puntale aiutandolo a comprendere al meglio il servizio offerto e guidandolo nella scelta della soluzione a lui più consona. Uniquinto si impegna, inoltre, a pubblicare annualmente su internet il proprio bilancio sociale. Ma soprattutto Uniquinto si impegna sul fronte della comunicazione corretta. Uniquinto, marchio commerciale della SeiFin srl, è il primo network specializzato in cessioni del quinto dello stipendio o della pensione e della delega di pagamento. L’esperienza pluriennale  nella consulenza e assistenza finanziaria hanno consentito di sviluppare in breve tempo capacità e competenze nello svolgimento dell’attività tali da consentire, nell’anno 2009, una crescita importante in termini di volumi e di figure professionali inserite in struttura.  Oggi Uniquinto si rivolge soprattutto agli operatori del credito al fine di ampliare la propria rete commerciale attraverso proposte commerciali concrete ed attinenti alle nuove disposizioni di Banca Italia.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La teledipendenza nel biberon

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 novembre 2009

La nascita di “Baby TV”, recentemente lanciata da Sky, rivolta particolarmente alla fascia 0/3 anni, lascia l’A.Ge. – Associazione Italiana Genitori – semplicemente senza parole, considerando l’audacia cui si giunge pur di conquistare nuove fette di mercato, soprattutto ai fini della raccolta di pubblicità. Già l’autorità francese per le Comunicazioni aveva espresso molte perplessità sulla TV per i lattanti, così come in Italia, nel 2006, il Consiglio nazionale degli Utenti aveva dichiarato che “una tv per neonati si configura solo come imbonimento e non divertimento”.  Nonostante tutto il progetto è proseguito, e l’A.Ge. ne vuole chiaramente evidenziare i rischi, perché fino a due anni un bambino non ha elaborato sufficienti attività cognitive che lo rendano capace di mediazione, di critica e di scelta.  I neonati e i bambini hanno bisogno di papà, di mamme, di fratelli e nonni con cui giocare; hanno bisogno di contatto, di manipolare, di muoversi, di sperimentare. Proprio nei primi anni si pongono le premesse per lo sviluppo del pensiero, della creatività, delle relazioni interpersonali: Baby TV non potrà che incoraggiare la passività e frenare lo sviluppo psicomotorio. A ciò si aggiungano i rischi per la salute e la predisposizione all’obesità che, secondo molti autorevoli studi scientifici, è indotta dalla prolungata esposizione alla TV. Ancora una volta l’appello è affinché i neonati e i bambini siano rispettati nel loro diritto ad essere piccoli. L’Italia deve compiere ancora molti passi in avanti: l’Istituzione del Garante dei Minori, la piena autonomia e il rafforzamento delle Autorità di Garanzia e Tutela dei minori di fronte ai media, l’aumento di risorse per realizzare vere politiche familiari, insieme a ludoteche, “spazi genitori”, aree urbane verdi accoglienti per le famiglie sono le condizioni per avere, domani, cittadini in salute psicofisica e pienamente attivi. E’ necessaria, inoltre, una incisiva azione di “media education” (educazione ai media e con i media), pressoché totalmente assente nel nostro Paese. La sudditanza alla “TV babysitter” e all’idea che il crescere dei consumi corrisponda al benessere del Paese sono solo frutto della miopia e dell’egoismo di adulti ripiegati su se stessi, che accettano l’idea di mettere al mondo creature teledipendenti, consumatori fidelizzati per i mercati di domani.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pubblicità occulta

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2009

“Esprimo vivo apprezzamento per la sanzione che l’Antitrust ha inflitto ai colossi mediatici Rai e Mediaset per pubblicità occulta”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando positivamente l’intervento dell’Authority relativo alla messa in onda di sponsorizzazione occulta nel corso delle trasmissioni “Questa Domenica” e “Pomeriggio 5” di Mediaset, e “L’Isola dei famosi” della Rai. “L’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato -spiega Dona- ha giudicato responsabili della violazione, insieme a Rai e Mediaset, anche le società produttrici delle trasmissioni. L’informazione veicolata dai mass media -osserva il Segretario generale- è ormai a completo appannaggio del business e i consumatori sono vittime predestinate anche perché spesso incapaci di fare autodifesa”. “Per questo -conclude Dona- insieme alla preziosa attività dell’Antitrust, abbiamo lanciato quest’anno “Occhi Aperti!”, un progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato da sei associazioni riconosciute dal Consiglio Nazionale Consumatori Utenti (CNCU), tra cui la nostra Unione Consumatori, al fine di facilitare l’esercizio dei diritti dei cittadini e la conoscenza dei comuni strumenti di tutela anche rispetto alla pubblicità ingannevole”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »