Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Posts Tagged ‘quartetto’

Il quartetto Dotti in viaggio tra le melodie senza tempo

Posted by fidest press agency su martedì, 9 gennaio 2018

DottiBari Venerdì 12 gennaio al 12.03 ore 21 City Club Viale Einaudi, 60 si esibirà il Quartetto Dotti con lo spettacolo musicale “Viaggio tra le melodie senza tempo”, un repertorio di canzoni della prima metà del ‘900, per riscoprire melodie presenti nella nostra memoria, che ci riportano al ricordo dei nostri genitori e nonni che ne accennavano i motivi cantandoli e fischiettandoli in momenti di spensieratezza.
“Proporremo un viaggio musicale – spiega Piero Dotti – che avrà inizio dall’Italia e si sposterà andando in Sud America, perlustrando il continente e spaziando dal tango argentino al Calipso che richiama il Mar dei Caraibi, passando per l’Europa e terminando nuovamente in Italia. Durante questo percorso eseguiremo canzoni degli anni ’30, ’40 e ‘50”.
Nel corso del concerto verranno raccontati alcuni aspetti connessi al difficile contesto storico in cui quei brani prendevano forma, con testi che lanciavano messaggi di rinascita intellettuale, speranza, maggiore libertà di espressione, lasciando alle spalle le devastazioni della seconda guerra mondiale. Il filo conduttore del repertorio unisce diverse culture musicali legate a sonorità tradizionali, come il tango argentino, la musica cubana, caraibica il jazz afro-americano e la canzone italiana. “Un po’ di anni fa abbiamo iniziato a svolgere un lavoro di ricerca sui generi latino e italiano. Ci siamo resi conto di come nel tempo questi si siano tramandati nelle culture musicali, però sempre facendo capo al periodo storico. Dunque durante l’esibizione racconterò perché abbiamo scelto questi determinati brani e in che modo si intrecciano tra di loro”.
QuartettoPoliedrico dalla voce calda e suadente, Piero Dotti è un noto ammiratore di Frank Sinatra, ma ha iniziato il suo percorso musicale avvicinandosi al genere rock, suonando la batteria e le percussioni, anche se già da adolescente amava intonare canzoni. Con lui ci saranno Paolo Luiso al pianoforte, Francesco Cinquepalmi al contrabbasso e Cesare Pastanella alle percussioni.
“Grazie ad una particolare professionalità che caratterizza i componenti del gruppo, siamo riusciti ad immergerci completamente in queste sonorità senza tempo. Così, lavorando insieme e confrontandoci, siamo riusciti a riproporre i suoni più antichi e originali, riarrangiandoli in maniera differente”.
Tre le formule proposte dal 12.03 per partecipare al concerto: la “cena spettacolo” durante la quale si potrà cenare seduti al tavolo, degustando le prelibatezze proposte dagli chef del 12.03; la soluzione “Apericena” con la quale si potrà approfittare di un ricco aperitivo preparato per l’occasione, prima di prendere parte all’evento; l’ingresso all’esibizione musicale. (foto: quartetto, dotti)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pienza accoglie il Quartetto Accardo

Posted by fidest press agency su martedì, 23 agosto 2016

accardoPienza, Siena mercoledì 24 agosto alle ore 21.15 a Pienza nel Cortile di Palazzo Piccolomini in un grande ensemble da camera che comprenderà anche la violinista Laura Gorna, il violista Francesco Fiore, la violoncellista Cecilia Radic e la pianista Stefania Redaelli, nonché la violinista Chrystelle Catalano. Si rinnova così quella caratteristica tutta chigiana che permette ai migliori studenti di esibirsi in concerto insieme ai loro maestri. L’evento, che replica la serata precedente di Siena, è inserito nel cartellone del Chigiana International Festival, in particolare nell’area Off the Wall, dedicata agli appuntamenti nei più bei luoghi del territorio. È realizzato con il contributo del Comune di Pienza. In caso di maltempo, si sposterà nella vicina Cattedrale.Il programma si apre con un omaggio a Kurtág in occasione dei suoi 90 anni: il suo Hommage à Andràs Mihàly. 12 microludes per quartetto d’archi op. 13. Prosegue poi con il Quartetto per archi in fa maggiore di Ravel e si conclude con il Concerto per pianoforte, violino e quartetto d’archi in re magg. op. 21 di Chausson, autore peraltro già apprezzatissimo nel recital tenuto all’Abbazia di Spineto nell’ambito del Festival dalla pianista Lilya Zilberstein.
Salvatore Accardo esordisce a tredici anni eseguendo i Capricci di Paganini. A quindici vince il primo premio al Concorso di Ginevra e nel 1958 è primo vincitore del Concorso Paganini di Genova. Molti compositori gli hanno dedicato loro opere. Suona con le maggiori orchestre e i più importanti direttori, affiancando all’attività di solista quella di direttore d’orchestra. È tra i fondatori dei corsi di perfezionamento della Fondazione Walter Stauffer di Cremona. Ha inciso per molte delle maggiori etichette discografiche e ricevuto numerosi premi. Tiene la cattedra di violino presso l’Accademia Musicale Chigiana (della quale peraltro fu allievo).
Laura Gorna si diploma presso il Conservatorio di Milano e si perfeziona con Salvatore Accardo. Vincitrice del Concorso Città di Vittorio Veneto, debutta giovanissima alla Sala Verdi di Milano. Le sue tournée l’hanno vista esibirsi nei principali centri mondiali. In Italia e all’estero è ospite come solista di numerose orchestre.
Francesco Fiore ha compiuto i suoi studi presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma e si è perfezionato con Bruno Giuranna. Vincitore di numerosi premi si è presto imposto come uno dei musicisti più interessanti dell’ultima generazione, intraprendendo una intensa attività concertistica.
Cecilia Radic si è affermata nel 1996 con la vittoria del concorso internazionale Premio Stradivari-Roberto Caruana. Da allora si è esibita in tutto il mondo, alternando con successo ruoli differenti quali quelli di solista, camerista e primo violoncello, e affrontando un vasto repertorio.
Stefania Redaelli, giovanissima vince numerosi concorsi e suona da solista con le orchestre milanesi (RAI, Angelicum e Pomeriggi Musicali). Col tempo, la chiave di lettura della sua attività si definisce sempre più nella sua passione per la musica da camera, realizzata sia attraverso le numerose collaborazioni con molti dei principali musicisti. È presente nelle più importanti sedi musicali d’Europa e Stati Uniti. Si è dedicata anche a più aspetti della didattica. È attualmente pianista collaboratrice ai corsi di violino tenuti da Salvatore Accardo all’Accademia Chigiana.I biglietti (posti non numerati, intero 18 euro, ridotto 10 euro) possono essere acquistati online al sito http://www.chigiana.it (oppure, con sovrapprezzo, sul portale Ticketone.it anche presso i rivenditori autorizzati) oppure al botteghino di Palazzo Chigi Saracini dalle ore 10 alle ore 18 e da due ore prima dell’inizio del concerto direttamente presso il Cortile di Palazzo Piccolomini. Per prenotazioni e informazioni, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 17 al numero 0577286300. (foto: accardo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Esplorando Beethoven

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 febbraio 2016

quart cremonaRoma sabato 13 febbraio alle 17.30 per i concerti della IUC nell’Aula Magna della Sapienza. Il ciclo di concerti che il Quartetto di Cremona ha iniziato due anni fa e concluderà l’anno prossimo. Questa volta sono in programma i Quartetti in sol maggiore op. 18 n. 2 e in fa maggiore op. 59 n. 1. Nei giorni scorsi il Quartetto di Cremona è stato segnalato come Music Chamber Choice of the Month dal BBC Magazine, il più importante mensile musicale inglese, il cui critico Michael Tanner ha scritto: “Questo è il più emozionante nuovo disco di un quartetto d’archi che mi sia capitato di ascoltare da molto tempo in qua”, “esecuzione stupenda”.I diciassette Quartetti di Ludwig van Beethoven sono capolavori paragonabili alle nove Sinfonie e costituiscono la vetta della musica da camera di tutti i tempi. Il loro ascolto è un viaggio nella personalità di uno dei più grandi geni della musica di tutti i tempi ed è un’esperienza ineludibile, che tutti devono fare e anche ripetere, perché ogni ascolto consente di capire più profondamente questi capolavori e di scoprirne nuovi aspetti.Beethoven compose i suoi primi Quartetti relativamente tardi, quando si era già cimentato con la Sonata, il Trio, il Concerto e la Sinfonia: probabilmente ciò dipese dal fatto che il Quartetto era considerato un genere musicale riservato ad un esigente pubblico di esperti, i cui giudizi erano particolarmente severi.Aveva ventotto anni nel 1798, quando compose il Quartetto in sol maggiore op. 18 n. 2. Questa tonalità era impiegata da Beethoven particolarmente per situazioni scherzose e di capriccioso umorismo e tale è effettivamente il carattere del secondo, terzo e quarto movimento. Il primo movimento sembra invece un dialogo garbato e sospiroso tra i quattro strumenti, tanto che un tempo veniva definito in modo quart cremona1poco felice “quartetto dei complimenti”. Tutti i movimenti hanno in comune una costruzione più minuziosa, un’architettura più complessa e una trama contrappuntistica maggiore rispetto al precedente Quartetto di Beethoven.Il Quartetto in fa maggiore op. 59 n. 1 è uno dei tre dedicati da Beethoven al principe Rasumowsky, ambasciatore russo a Vienna, grande appassionato di musica e mecenate del migliore quartetto del tempo. Scritti tra il 1805 e il 1806, questi tre Quartetti appartengono al secondo stile beethoveniano, accanto al “Fidelio”, alle Sinfonie n. 3 “Eroica” e n. 5 e alla Sonata “Appassionata”. Il compositore ora non si sente più vincolato agli schemi settecenteschi e lo si percepisce già dalla melodia iniziale di questo Quartetto, che cammina con passo energico e sicuro, come chi vada incontro all’avvenire con fiducia. È un lavoro nuovo e originalissimo sotto il profilo melodico e formale, il cui culmine è l’Adagio molto e mest”, un dei grandi colpi d’ala beethoveniani. Brillantissimo il movimento finale, in cui è incastonato un motivo popolare russo, in omaggio a Rasumowsky. Il nome del Quartetto di Cremona nasce dal fatto che, quando nel 2000 hanno deciso di dar vita a questo ensemble, i suoi quattro componenti (Cristiano Gualco e Paolo Andreoli violini, Simone Gramaglia viola e Giovanni Scaglione violoncello) studiavano all’Accademia Stauffer di Cremona, ma è anche un omaggio alla città in cui gli Stradivari e i Guarneri crearono i loro insuperabili violini. Il quartetto di Cremona è regolarmente ospite dei principali festival e rassegne in Europa, America del nord e del sud e Australia: Beethovenfest di Bonn, Bozar di Bruxelles, Konzerthaus di Berlino, Wigmore Hall di Londra, Perth Festival in Australia, Coliseum di Buenos Aires e Metropolitan Museum di New York sono tra i palcoscenici da loro calcati. In campo discografico, nel 2011 è uscita per la Decca l’incisione integrale dei Quartetti di Fabio Vacchi e nel 2015 ha concluso l’integrale dei Quartetti di Beethoven, per la quale ha avuto la nomination all’International Music Award per la musica da camera. È testimonial del progetto “Friends of Stradivari”. (foto: quart cremona)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alla Sapienza il Quartetto di Tokio

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2011

Roma  26 marzo 2011 ore 17.30  aula magna – palazzo del rettorato piazzale Aldo Moro 5, Dopo i tragici avvenimenti dei giorni scorsi, assume un significato particolare il concerto della Iuc (Istituzione universitaria dei concerti) che si terrà sabato 26 marzo alle 17.30 nell’aula magna della Sapienza. Suonerà infatti il Quartetto di Tokyo, uno dei più prestigiosi ambasciatori culturali del Giappone e indubbiamente il più noto nel campo della musica classica. Fondato nel 1969, il quartetto ha fin dall’inizio creduto nell’unione del mondo orientale e di quello occidentale. Negli anni ha parzialmente rinnovato i suoi componenti e ora è formato da due giapponesi, Kikuei Ikeda e Kazuhide Isomura, e due americani, Martin Beaver e Clive Greensmith. Il programma del loro concerto romano si apre e si chiude con due dei massimi capolavori della grande letteratura quartettistica, il Quartetto in re minore K. 421 di Wolfgang Amadeus Mozart e il Quartetto in si bemolle maggiore op.130 di Ludwig van Beethoven, tra cui è inserito il Quartetto n. 1 in do maggiore op.37di Karol Szymanowski.  Il concerto rientra nella rassegna Musica in Sapienza 2010 realizzata con il sostegno dell’assessorato alle Politiche culturali e della comunicazione di Roma Capitale.  Biglietti: Interi da 15 euro a 25 euro (ridotti da 12 euro a 20 euro); Giovani: (under 30): 8 euro; Bambini: (under 14): 4 euro.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quartetto Casals in concerto

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2011

Siena venerdì 11 marzo alle ore 21 al Teatro dei Rozzi Il concerto di Vera Martinez Mehner (violino I), Abel Tomàs (violino II), Jonathan Brown (viola) e Arnau Tomàs (violoncello). Il quartetto catalano, che porta il nome del grande violoncellista Pablo Casals, proporrà un programma che comprende in apertura e chiusura due capisaldi della letteratura quartettistica: il Quartetto in mi bemolle maggiore K. 428 di Mozart – che il grande compositore austriaco dedicò a Haydn – e il Quartetto in la minore opera 132 di Beethoven, uno degli esempi più rappresentativi della tarda produzione del maestro di Bonn, sospesa com’è tra rivalutazione di antiche forme ed enigmatiche premonizioni. Tra le due celebri pagine, spazio alla contemporaneità, con i 12 Microludes opera 13 di György Kurtág, raccolta composta nel 1977 e che venne dedicata al compositore ungherese András Milháy per il suo sessantesimo compleanno.Sin dalla sua fondazione nel 1997 alla Scuola Reina Sofia di Madrid auspice Antonello Farulli, il Quartetto Casals è stato considerato uno dei più promettenti giovani quartetti europei. I suoi membri hanno studiato con Walter Levin e Rainer Schmidt e si sono perfezionati a Colonia nel 2003 con Harald Schöneweg e con il Quartetto Alban Berg. I biglietti per assistere al concerto (interi 25, 21 o 18 euro, ridotti 8 euro per studenti, giovani sotto i 26 anni e over 65) saranno in vendita giovedì 10 marzo dalle ore 16 alle ore 18.30 a Palazzo Chigi Saracini e venerdì 11 marzo a partire dalle ore 16 al teatro dei Rozzi. Per informazioni è possibile rivolgersi all’Accademia Musicale Chigiana, tel. 0577 22091, http://www.chigiana.it (quartetto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Quartetto Gaetano Riccobono”

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 luglio 2010

Palermo sabato 3 luglio alle ore 22.00 ai giardini sopra le mura del complesso dello Spasimo per festival jazz organizzato dalla Fondazione The Brass Group l’eclettico “Gaetano Riccobono Quartet” sarà in scena.  Questa la composizione del quartetto: Gaetano Riccobono voce e pianoforte, Riccardo Lo Bue al contrabbasso, Filippo Pasta alla batteria. Special guest Orazio Mauceri alto sax.  Il concerto mira a creare un punto di equilibrio tra la grande tradizione della Song Americana e le composizioni originali del vocalist palermitano. Riccobono punta senza riserve sulle sfumature timbriche della sua voce e sugli interventi solistici di Maugeri.  La scaletta rende omaggio, passo dopo passo, ai grandi compositori e alle grandi voci e cerca di trovare una cifra stilistica particolare con l’inserimento di brani che pur utilizzando testi in lingua italiana mantengono una chiara impostazione jazzistica. Questo materiale darà vita al prossimo CD e risulta interessante l’esperimento di “forzare” la nostra lingua con un andamento ritmico del tutto inusuale. La sensibilità e l’intelligenza musicale della sezione ritmica assicurano al concerto un sound rarefatto e senza inutili virtuosismi.  Il costo del biglietto è di € 8,00. E’ possibile acquistare i biglietti in prevendita presso la sede della Fondazione, in via dello Spasimo 15, tutti i pomeriggi dal lunedì al venerdì e nei giorni dei concerti al botteghino a partire dalle 20,30.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I Beatles: immagini più segrete 1963/69

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 ottobre 2009

12274Kitchen_HalfPgs 141106DODi Mark Hayward.   Dopo tanti anni e dopo tanta notorietà, si potrebbe pensare che sul leggendario quartetto di Liverpool si sia detto tutto e tutto sia già stato visto. Eppure qualcosa è sfuggito alle strette maglie dei media, come dimostra questo libro pubblicato da De Agostini, ricco di fotografie inedite dei mitici Beatles.  Sono altre 200 immagini, scatti e fotogrammi, riferiti ai momenti topici della storia della band compresi nel periodo che va dal 1963 al 1969. si potranno vedere i  Fab Four  sul set di A Hart Day’s Night, alla Marylebone Station, impegnati in programmi TV, al Bernie Winters Show o a Ready Steady Go! E poi i singolo Beatles lontani dai riflettori.  Molto interessanti i racconti ai protagonisti e agli autori degli scatti fotografici  che danno informazioni curiose sui retroscena e sul contesto in cui le foto sono state scattate. Questo libro restituisce, attraverso questa inedita storia per immagini della band diventata leggenda, la cultura e lo spirito degli anni settanta.  Mark Hayward è uno sei maggiori collezionisti mondiali di fotografie e memorabilia di musica e cultura pop. In qualità di produttore discografico, a fine anni Ottanta ha scritturato i Cramberries e ingaggiato Charlie Watts per la sua etichetta, la Ufo.  (Euro 39,00 Pagine 208 De Agostini 2009) (cover beatles)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

17° Edizione Festival Ultrapadum

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 giugno 2009

RitrattoBarbianello (Pv) 27 Giugno ore 21,15 – Palazzo Nocca Giacomo Puccini tra lirica e jazz Opera, jazz e narrazione per uno spettacolo unico nel suo genere Ritratto d’Autore è un progetto artistico nato dalla volontà di un gruppo di artisti italiani composto da Monica Boschetti (soprano), Giorgia Borgacci (pianoforte), Barbara Sirotti (voce narrante), Enrico Benvenuti (sax tenore e soprano), Gabriele Zanchini (pianoforte), Mauro Mussoni (contrabbasso), Marco Frattini (batteria), insieme al quartetto jazz A.d.M. (Atelier du Midì).  Così gli artisti parlano del loro progetto: “Ritratto d’autore – Giacomo Puccini fa parte di un ampio progetto che vede coinvolti i grandi nomi che hanno riempito le pagine di storia della musica come Giuseppe Verdi, Gioacchino Rossini, Vincenzo Bellini, Giacomo Puccini. Le loro opere hanno conquistato paesi, continenti, e continuano a porsi tra le più alte manifestazioni della cultura italiana nel mondo. Ciò che ha mosso la nostra passione nel creare un Ritratto d’autore ricalca in parte questo aspetto, ma si concentra prevalentemente sul tipo di linguaggio utilizzato, e su diversi piani narrativi. Ci ha appassionato l’idea di ‘raccontare’ l’artista, attraverso le sue opere, cercando di delineare un’immagine più possibile reale del compositore, e soprattutto autentica. Alla fine dello spettacolo, il pubblico potrà degustare i vini e i prodotti tipici gentilmente offerti dalle aziende vitivinicole e agroalimentari pavesi che partecipano a questa edizione del Festival Ultrapadum.  Quella di Ultrapadum è un’offerta musicale di alto livello, che da sempre riscuote un grande successo di critica e di pubblico grazie alla varietà del programma e al talento degli artisti. Dalla prima edizione (1993) a oggi, Ultrapadum ha visto crescere costantemente la partecipazione del pubblico (oltre 15.000 presenze nel 2008) e l’adesione delle istituzioni, che vedono in questo evento una valida opportunità di sviluppo e promozione del territorio pavese.  Il programma dei concerti è suscettibile di variazioni. In caso di maltempo i concerti si terranno al coperto. (ritratto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Quartetto di Tokyo a Siena

Posted by fidest press agency su martedì, 17 marzo 2009

quartetto-di-tokyoSiena Venerdì 20  marzo alle ore 21 Palazzo Chigi Saracini (Via di Città, 89,) l’ensemble, considerato una delle più importanti formazioni da camera del mondo, si esibirà a Siena. L’ensemble, composto da Martin Beaver (violino), Kikuei Ikeda (violino), Kazuhide Isomura (viola) e Clive Greensmith (violoncello), eseguirà il seguente programma: esecuzione del Quartetto in mi bem. magg. op. 76 n. 6 Hob.III.80 e del Quartetto in do magg. op. 76 n. 3 Hob.III.77 “Kaiserquartett” di Franz Joseph Haydn e del Quartetto n. 3 in si bem. magg. op. 67 di Johannes Brahms. Apprezzato da pubblico e critica fin dalla sua fondazione e considerato uno dei più importanti ensemble da camera del mondo, il Quartetto di Tokyo, ufficialmente fondato nel 1969 alla Juilliard School of Music, trae le sue origini dalla Scuola di Musica Toho di Tokyo, dove i membri fondatori vennero profondamente influenzati dal Professor Hideo Saito. Concentrati sulla musica da camera fin dagli esordi, i membri originali di quello che sarebbe diventato il Quartetto di Tokyo si trasferirono in seguito in America per proseguire gli studi con Robert Mann, Raphael Hillyer e Claus Adam. Poco dopo la sua fondazione, il Quartetto si distinse per la vittoria del Primo Premio al Concorso Coleman, al Concorso di Monaco e alle Young Concert Artists International Auditions. Il contratto discografico in esclusiva con Deutsche Grammophon lo ha definitivamente affermato come uno dei principali quartetti d’archi sulla scena mondiale.  Oggi l’ensemble tiene oltre cento concerti ogni anno in tutti i maggiori centri musicali del mondo,dall’Australia all’Estonia, dalla Scandinavia all’Estremo Oriente. Il Quartetto ha collaborato con numerosi artisti e compositori ed effettuato diverse registrazioni di successo: ne ha all’attivo più di quaranta, tra le quali spiccano i cicli completi dei Quartetti di Beethoven, Schubert e Bartok. All’attività concertistica e discografica, la formazione affianca l’impegno nella didattica: fin dal 1976 si dedica infatti all’insegnamento estivo come “quartet-in-residence” alla Yale School of Music e durante l’anno tiene numerose master class in Nord America, Europa ed Estremo Oriente. (foto quartetto di Tokyo)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »