Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘raccordi’

Pedaggio raccordi autostradali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 dicembre 2010

Roma “Bocciando l’Ordine del giorno presentato dai senatori del Pd, Pdl e Lega hanno di fatto deciso di avallare il pedaggiamento dei raccordi autostradali e delle autostrade, di tassare tutti i cittadini che quotidianamente li percorrono per motivi di lavoro, di studio e familiari e di non destinare le entrate derivanti dal pedaggiamento per investirle in opere e interventi di manutenzione straordinaria. Anche i senatori romani del Pdl, nonostante le tante dichiarazioni di buone intenzioni, alla prova dei fatti si sono tirati indietro”. Lo dichiara il senatore del Pd Raffaele Ranucci, vicepresidente della Commissione lavori pubblici e primo firmatario dell’Ordine del Giorno alla Legge di stabilità bocciato con 136 voti contrari, 129 a favore, tra cui anche quelli di Fli, e otto astenuti.  “Se l’ordine del giorno fosse stato approvato – continua Ranucci – il governo avrebbe dovuto provvedere a modificare il decreto legge per quel che riguarda l’applicazione del pedaggio sulle autostrade e sui raccordi autostradali in gestione diretta dell’Anas, al fine di intervenire a favore dei pendolari, escludendo determinati tratti di autostrade e raccordi autostradali interessati da traffico prevalentemente urbano e dei pendolari, prevedendo forme di esenzione, anche diversificate per tali utenti. Con l’approvazione di questo Odg – spiega ancora Ranucci – l’esecutivo avrebbe anche dovuto individuare provvedimenti legislativi affinché le entrate derivanti dal pedaggiamento fossero utilizzate dall’Anas per interventi di manutenzione straordinaria, direttamente sugli stessi territori interessati dai nuovi pedaggiamenti”. Conclude Ranucci: “Tutto questo non sara’ possibile per responsabilita’ del voto contrario dei senatori romani della maggioranza tra cui, voglio ricordarlo, c’è anche il vicesindaco di Roma, Mauro Cutrufo”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggi autostrade e raccordi

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 settembre 2010

La camera dei Deputati ha oggi convertito in legge il decreto sui trasporti che prevede, entro il prossimo 30 aprile, la realizzazione di impianti di rilevamento dei pedaggi per le autostrade e i raccordi autostradali di competenza dell’Anas. Questi aumenti erano stati sospesi dal Tar e dal Consiglio di Stato, ma il Governo e il Parlamento hanno rienuto opportuno ignorare queste pronunce e la mobilitazione di varie amministrazioni e sono andati avanti come un carro armato mostrando tutta l’arroganza dell’Istituzione. Ora sara’ il Governo a decidere quali tratte saranno sottoposte a pedaggio su elenco fornitogli dall’Anas. Se c’era ancora bisogno di un esempio di come le nostre massime istituzioni hanno disprezzo verso le amministrazioni locali e verso gli utenti dei servizi stradali, eccone oggi uno fulgido e significativo. Non solo. Con la scusa che servono soldi per gli investimenti nel settore si fa il contrario di cio’ che il capo del Governo va dicendo in ogni angolo, cioe’ che le tasse diminuiranno e tutto costera’ meno. Se il modo di fare investimenti e di ridurre le tasse e’ quello di ulteriormente spremere utenti e contribuenti… c’e’ qualcosa che non ci torna.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggi e gli interventi di Alemanno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 settembre 2010

“Ma quale mozione parlamentare. Anche un bambino di prima elementare sa che una norma contenuta in un decreto legge è immediatamente attuabile e non si può assolutamente abrogare con una mozione. Un atto che, tra l’altro, questo governo considera come carta straccia”. Lo dichiara il senatore del Partito democratico Raffaele Ranucci in merito all’iniziativa del Sindaco Alemanno di chiedere ai parlamentari del Pdl di presentare una mozione parlamentare per fermare il bando di gara dell’Anas con il quale si prevede di introdurre i pedaggi sul Gra e su altri raccordi e autostrade.  “Il sindaco con questa proposta dimostra approssimazione, se non addirittura ignoranza, e conferma anche il disprezzo che, come lui, molti esponenti di destra hanno per le istituzioni e per gli strumenti parlamentari. Se Gianni Alemanno – continua Ranucci – vuole realmente impedire i nuovi pedaggi sulla Roma-Fiumicino e sul Grande Raccordo Anulare inviti i parlamentari del Pdl non a presentare un’inutile mozione ma a sostenere gli emendamenti che il Partito democratico presenterà in Senato per abrogare l’articolo della manovra che autorizza l’aumento dei Pedaggi e l’introduzione di nuovi. Una norma già bocciata dalla giustizia amministrativa grazie al ricorso promosso e presentato dal presidente Zingaretti, non certo dal sindaco della Capitale”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggio Raccordi autostradali

Posted by fidest press agency su domenica, 4 luglio 2010

La legge che istituisce il pedaggio forfettario per i raccordi autostradali come la Firenze/Siena [comma 2 art.15 dl 78/2010 prevede che “Le  stazioni  [ndr per il pagamento]… sono individuate con il medesimo DPCM  di  cui  al comma 1” (decreto del presidente del consiglio dei ministri che deve anche stabilire “criteri e modalita’ per l’applicazione del  pedaggio  sulle autostrade e sui raccordi autostradali in gestione  diretta  di  ANAS”). In un comunicato stampa l’ Anas  parla di un decreto emesso lo scorso 25 giugno in forza del quale e’ scattata la richiesta di questo pedaggio dal 1 luglio. Abbiamo cercato questo Dpcm, ma non ce n’e’ traccia, soprattutto nella Gazzetta Ufficiale, dalla cui data di pubblicazione dovrebbe entrare in vigore. Anche l’ufficio legislativo del Governo, da noi interpellato, ci ha dato conferma della non esistenza di questo decreto in forma esecutiva. Infatti tutti i dpcm devono prima essere anche vistati e registrati dalla Corte dei Conti. Domanda: l’Anas sta facendo per conto proprio senza il conforto della legge? Aspettiamo risposta!! Intanto, in attesa di far partire i ricorsi da parte dei cittadini che saranno stati costretti al pagamento del pedaggio/gabella per l raccordi autostradali come l’Autopalio tra Firenze e Siena, abbiamo approntato un emendamento al decreto legge che ha istituito questo pagamento, emendamento che sara’ presentato dai senatori Donatella Poretti e Marco Perduca e che potrebbe avere chance di farcela anche se presentato da due senatori dell’opposizione, in quanto la questione in se’ sta sollevando contrarieta’ ovunque, tra governativi e non. L’emendamento è soppressivo di quella parte dell’art.15 (che fa parte del “Capitolo IV entrate non fiscali”)  in cui si prevede il meccanismo della provvisorieta’ in attesa che entrino in vigore le norme per il pagamento vero e proprio del pedaggio. Il motivo principale e’ che il pagamento provvisorio si configura come il pagamento di un tributo e non di un corrispettivo per l’uso di un servizio. Infatti, nel caso della Firenze/Siena il pagamento e’ dovuto da chiunque esca al casello autostradale di Firenze-Certosa, anche se poi non imbocca l’Autopalio per recarsi a Siena; situazione che scade nell’assurdo per cui chi da Siena arriva a Firenze attraverso l’Autopalio, pur avendo fruito del servizio stradale soggetto a pagamento, non deve versare nulla. Per cui cos’altro e’ se non un tributo casuale imposto agli sfortunati che lasceranno l’autostrada attraverso questo casello?
Ovviamente questo emendamento non e’ risolutivo del problema, ma intanto potrebbe bloccare lo scempio di diritto e di norme che si e’ voluto mettere in piedi con questo tipo di pagamento. Comunque vale sempre il consiglio dato nei giorni scorsi per un ricorso contro il pedaggio: chi lo ha pagato, faccia richiesta di rimborso all’Anas tramite raccomandata A/R di messa in mora, sul sicuro rifiuto di rimborso da parte del gestore autostradale potremo poi preparare un’azione giudiziaria con eventuale richiesta di intervento anche della Corte Costituzionale. (fonte Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggi raccordi autostradali

Posted by fidest press agency su sabato, 3 luglio 2010

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali/Pd. L’Anas esige illegalmente il pedaggio forfettario per i raccordi autostradali. Ho depositato una interrogazione parlamentare alla Presidenza del Consiglio dei ministri e inviato un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica di Roma. La legge che istituisce il pedaggio forfettario per i raccordi autostradali (articolo 15, comma 2 del decreto legge n. 78/2010) prevede che le stazioni per il pagamento del pedaggio forfettario siano individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm) che deve anche stabilire “criteri e modalita’ per l’applicazione del pedaggio sulle autostrade e sui raccordi autostradali in gestione diretta di ANAS”. In un comunicato stampa in cui si annuncia l’applicazione del pedaggio a partire dal 1 luglio 2010, l’Anas afferma che tale Dpcm e’ stato emesso lo scorso 25 giugno. Ma come ha denunciato l’Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori) tale decreto  non esiste o, se esiste, è ancora inefficace in quanto mai pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e forse neanche sottoposto al controllo di legittimità della Corte dei Conti. Un Dpcm, come altri decreti ministeriali,  deve essere adottato previo parere del Consiglio di Stato, vistato e registrato dalla Corte dei conti e infine pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Fino alla pubblicazione in GU, che sancisce la fine del procedimento, il decreto è inefficace ed ha il valore di una semplice circolare. Non solo l’ufficio legislativo del Governo ha confermato all’Aduc l’inesistenza di questo Dpcm in termini esecutivi, ma anche l’Anas, sempre interpellata dall’Aduc, ha confermato che non esiste. Siamo quindi di fronte ad una situazione di evidente illegalità: gli automobilisti italiani, oltre a dover già subire un tributo di dubbia legittimità mascherato da corrispettivo, sono costretti a pagare in forza di un decreto che ancora non è efficace e quindi in violazione della legge. Per questo ho presentato, col senatore Marco Perduca, un’interrogazione al Governo perche’ ordini all’Anas l’immediato blocco dell’esazione e ho denunciato la vicenda alla Procura della Repubblica di Roma affinché valuti l’opportunità di procedere nei confronti degli amministratori Anas per reati contro la PA. Ricordo, infine, che sulla materia ho anche presentato un emendamento al decreto legge che istituisce questa gabella per impedire l’esazione provvisoria in violazione di leggi e norme: http://blog.donatellaporetti.it/?p=1571

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »