Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 137

Posts Tagged ‘rally’

Capital Group: Il rally delle materie prime sarà sostenibile?

Posted by fidest press agency su sabato, 9 aprile 2022

By Lisa Thompson, Equity Portfolio Manager di Capital Group. I prezzi delle materie prime sono saliti bruscamente dopo l’invasione del 24 febbraio, soprattutto per quelli prodotti in Russia e Ucraina. Ciò include grano, petrolio e gas naturale, così come altri metalli chiave come alluminio, palladio e rame. Ma i prezzi stavano aumentando molto anche prima dell’inizio del conflitto, contribuendo a pressioni inflazionistiche che non si vedevano dai primi anni ’80. Quindi, la domanda cruciale per gli investitori è: questi picchi di prezzo sono sostenibili? Nel breve termine, la risposta è no. Il mercato ha reagito in modo eccessivo e stiamo già vedendo una diminuzione dei prezzi. Ma, rispetto ad un anno fa, i prezzi delle materie prime sono significativamente più alti – e pensiamo che si tratti di una tendenza duratura.Nel lungo periodo è probabile che i prezzi rimarranno elevati a causa di una serie di fattori, tra cui l’aumento della domanda, la scarsità dell’offerta e le forze di deglobalizzazione iniziate con la guerra in Ucraina e rinforzate dalle tensioni tra USA e Cina. Per questo ci dovremmo aspettare un aumento dei prezzi in un contesto in cui il commercio libero e aperto sta diminuendo. Da una prospettiva d’investimento, questa situazione ha delle implicazioni per il settore metallurgico e minerario. È stata un’area trascurata del mercato per più di un decennio – anche di più se si esclude l’ultima grande impennata dei prezzi durante la crisi finanziaria globale del 2008.Il settore è stato sottovalutato per anni e rimane tale anche oggi, nonostante un recente rally nei titoli delle società minerarie. Molti prezzi delle materie prime rimarranno alti per anni a causa del sotto-investimento cronico nell’industria dal 2015. Il problema è aggravato dal fatto che ci vuole più tempo che in passato per lanciare nuovi progetti minerari.In termini di prezzo, ciò indica il protrarsi di forti scostamenti fino a quando i nuovi investimenti inizieranno a produrre risultati. Questa dinamica non si applica alle produzioni alimentari e ad altre coltivazioni perché la produzione in queste aree può essere incrementata molto più velocemente.A nostro parere tutte le grandi compagnie minerarie sono sottovalutate. Il mercato non sta guardando alle conseguenze del tema del sotto-investimento. Le valutazioni, e le stime di consenso sugli utili, presuppongono che i prezzi delle materie prime diminuiranno nei prossimi anni, più vicini alle medie storiche. Pensiamo che questo non sia corretto.Un esempio per tutti: se guardiamo alla capitalizzazione di mercato delle sette maggiori compagnie minerarie del mondo, anche insieme, non si avvicinano al valore di mercato di una società della new-economy come Tesla. La casa automobilistica ha bisogno di specifici metalli raffinati, tra cui il nichel, per produrre le sue batterie agli ioni di litio. Tanto che il CEO di Tesla Elon Musk ha citato l’accesso al nichel come una delle sue maggiori preoccupazioni di produzione molto prima che la Russia invadesse l’Ucraina. Oltre al sotto-investimento, un altro fattore che potrebbe portare ad un aumento dei prezzi delle materie prime nel lungo termine è la spinta mondiale per le fonti di energia sostenibile. L’elettricità, in particolare, è diventata una risorsa privilegiata. L’espansione della rete elettrica – insieme alla rapida adozione di veicoli elettrici – richiederà un sacco di rame, nichel e altri metalli chiave. Come maggiore importatore di materie prime, la Cina consuma più della metà delle forniture mondiali di minerale di ferro, carbone e rame. Inoltre, la Cina sta affrontando una recrudescenza del COVID-19 che potrebbe ulteriormente ostacolare l’economia mentre il governo rinnova le restrizioni sui viaggi e l’intrattenimento.Anche prima dell’ultimo focolaio di COVID, l’economia cinese stava decelerando o almeno stabilizzandosi ad un tasso di crescita molto basso. È probabile che le cose peggiorino prima di migliorare, e una recessione sufficientemente grave potrebbe far crollare i prezzi delle materie prime.La banca centrale cinese probabilmente taglierà presto i tassi di interesse mentre la maggior parte delle altre banche centrali del mondo si stanno muovendo nella direzione opposta.Indipendentemente da dove i mercati andranno, l’attuale impennata dei prezzi conferma, ancora una volta, che le materie prime sono una copertura efficace contro l’inflazione. Questo non è sorprendente, dato che quelle stesse materie prime – petrolio e gas, per esempio – alimentano molti aspetti dell’economia globale e possono contribuire ad alimentare un’inflazione più alta.Storicamente parlando, il comparto dell’energia – specialmente il petrolio – si è mosso strettamente in linea con l’inflazione, misurata dall’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti. Poiché il petrolio è di solito una componente importante degli indici legati alle materie prime, la correlazione a lungo termine tra i prezzi delle materie prime e l’inflazione è alta.Tuttavia, è anche importante notare che ci sono grandi differenze tra le principali categorie di materie prime. Il petrolio e il gas, i metalli, il cibo e i prodotti agricoli seguono spesso i loro propri cicli.Gli investitori che cercano una copertura dell’inflazione dovrebbero tenerlo a mente, Tutto dipende dalla fonte dell’inflazione.Non sorprende che il settore energetico tenda a fare bene quando l’inflazione è in aumento, perché gli aumenti dei prezzi dell’energia, soprattutto per la benzina, possono essere rapidamente trasmessi ai consumatori. Questo non vale per altre materie prime, dove gli aumenti di prezzo possono essere assorbiti mentre ci si sposta lungo la catena di produzione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Perché il Covid-19 imprimerà nuovo slancio al rally obbligazionario”

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 settembre 2020

A cura di Edward Al-Hussainy, Analista senior tassi d’interesse e valute di Columbia Threadneedle Investments. Per contrastare la diffusione del Covid-19, i governi hanno messo in lockdown interi paesi. Molte amministrazioni, soprattutto in Europa, hanno pagato una vasta parte dei salari dei lavoratori e offerto significativi aiuti finanziari ad aziende e lavoratori autonomi.Le banche centrali di tutto il mondo hanno tagliato i tassi ufficiali a breve termine a zero o al di sotto dello zero, reintrodotto programmi di acquisto di obbligazioni per ridurre i tassi d’interesse lungo la curva della duration e fornito abbondante liquidità alle banche per favorire l’erogazione di credito ad aziende e famiglie. Malgrado questa risposta di considerevole entità, è chiaro che la pandemia eserciterà un profondo impatto negativo sulla crescita economica globale. L’FMI prevede che nel 2020 il PIL globale scenderà a -3%, il livello più basso dalla Grande depressione e decisamente peggiore del -0,1% registrato nel 2009 in seguito alla crisi finanziaria globale. Gli investitori dovranno abituarsi a questa “nuova normalità”. Negli ultimi 40 anni circa, nei paesi sviluppati i tassi d’interesse nominali e reali (al netto dell’inflazione) sono diminuiti. Negli Stati Uniti, il tasso sui federal fund, ovvero il tasso d’interesse overnight a cui le banche e le cooperative di credito prestano denaro ad altri istituti di deposito, è sceso da oltre il 20% nel 1981 a poco più di zero. Nello stesso periodo, i rendimenti dei Treasury USA decennali sono scesi da picchi del 15% quasi agli attuali livelli dello 0,6% circa (cfr. Figura 1). Su scala globale, il quadro si presenta simile, soprattutto nel Regno Unito, in Europa e in Giappone. Questo trend di lungo periodo è destinato probabilmente a proseguire. Prevediamo tuttavia che nei prossimi 3-5 anni i tassi d’interesse riprenderanno a scendere, divenendo negativi negli Stati Uniti, a causa del rallentamento della crescita e dell’intensificarsi delle misure politiche non convenzionali adottate dalle banche centrali, tra cui nuovi acquisti obbligazionari.
La realtà è che da qualche anno le banche centrali stanno scoprendo che le leve politiche tradizionali, come i tagli dei tassi, stanno perdendo efficacia, come si può vedere in regioni quali Europa e Giappone, dove i tassi d’interesse negativi non sono stati sufficienti per ridare slancio alla crescita. A nostro avviso, quindi, la domanda da porsi non è se i tassi d’interesse negativi scenderanno ancora o se si diffonderanno ulteriormente, ma quale sarà la reazione degli investitori quando ciò avverrà.Si colgono già i primi segnali di come i mercati reagiranno. Al momento della redazione, i rendimenti dei titoli di Stato giapponesi quinquennali e quelli dei Bund tedeschi a cinque e a dieci anni sono negativi. Eppure, ciò nonostante, questi titoli di Stato di riferimento conservano la loro grande capacità di assorbire gli shock: gli investitori continuano a essere attratti dalla sicurezza e dalla liquidità di questi investimenti.Inoltre, mentre i tassi d’interesse sono scesi, i rendimenti di capitale degli investitori obbligazionari sono aumentati. Ravvisiamo tre possibili fattori di rischio che potrebbero rallentare l’attuazione di tassi d’interesse negativi. Il primo è la produttività. Negli ultimi 15 anni circa, la crescita della produttività nel mondo è rallentata, scendendo ai minimi degli ultimi 50 anni e rimuovendo uno dei fattori chiave della creazione di ricchezza globale. Le cause precise non sono chiare e sono state oggetto di ampie discussioni. Non vi sono dubbi tuttavia che il rallentamento della produttività abbia contribuito alla flessione dei tassi d’interesse globali.Ovviamente un tale sviluppo sarebbe positivo per attivi rischiosi come le azioni e negativo per gli investitori in obbligazioni. Crediamo tuttavia che ci siano poche probabilità in tal senso.
Il secondo fattore di rischio è la spesa pubblica. Con il diffondersi della pandemia di Covid, i governi di tutto il mondo hanno aperto i rubinetti della spesa, facendo aumentare i disavanzi di bilancio. Riteniamo che gran parte di questa spesa pubblica sarà temporanea, nel qual caso, con l’emergere da questa crisi, il nostro scenario di riferimento continua a prevedere una ripresa protratta nel tempo, con bassissimi livelli di crescita e inflazione e, di conseguenza, tassi d’interesse molto più bassi, e quindi negativi.
Il terzo fattore di rischio è l’inflazione. Nell’ultimo quarto di secolo, gli investitori hanno goduto dei vantaggi di un contesto di bassa inflazione, che ha fatto salire i rendimenti reali. Le cause sono di varia natura ma comprendono l’invecchiamento demografico, i cambiamenti tecnologici e la globalizzazione.Un aumento dell’inflazione, magari dovuto all’incremento della spesa pubblica, avrebbe un impatto chiaramente negativo per gli investitori sia obbligazionari che azionari, a meno che non sia accompagnato dalla ripresa della crescita economica. Tuttavia, dal momento che emergeremo probabilmente dalla pandemia di Covid-19 con livelli di debito decisamente più elevati, maggiore disoccupazione e crescita più lenta, un’impennata dell’inflazione sembra rappresentare un rischio relativamente ridotto nel breve-medio periodo.Sono questi i tre rischi principali per il nostro scenario di tassi negativi. Crediamo tuttavia che restino contenuti.Ciò nonostante, data la gravità degli ostacoli, la ripresa economica seguirà nel migliore dei casi una traiettoria a U; ci vorranno come minimo molti trimestri prima che si assista a un recupero. Reputiamo quindi probabile che prima della fine dell’anno i rendimenti dei Treasury USA decennali possano scendere per la prima volta in territorio negativo, uno sviluppo che consentirebbe agli investitori obbligazionari di mettere a segno ulteriori plusvalenze.Molti investitori ritengono che, facendo ricorso a politiche non convenzionali, la Federal Reserve e molte altre banche centrali abbiano oltrepassato i limiti dei loro mandati, impedendo il normale funzionamento del mercato. Crediamo che questa convinzione sia errata, e che ignori il fatto che sulla crescita delle economie occidentali pesano fattori strutturali frenanti come il calo della produttività e l’invecchiamento demografico globale, resi ancora più gravi dall’attuale crisi. È pertanto probabile che nei prossimi mesi i tassi d’interesse diverranno negativi negli Stati Uniti e in alcune economie occidentali e che scenderanno in territorio ancor più negativo in altri paesi. Gli investitori sono invitati a prendere nota: il grande rally del mercato obbligazionario è ben lungi dall’aver esaurito il suo corso. (abstract)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rally Health and Maria Menounos Host “Rally on the Road”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 agosto 2018

Event in Los Angeles to Celebrate Healthy Living. TV/radio personality Maria Menounos and digital health company Rally HealthTM hosted a free, family-friendly event today in the Venice neighborhood of Los Angeles as part of their “Rally on the Road” summer tour celebrating healthy living. Rally Health Ambassador Maria Menounos, who hosted today’s “Rally on the Road” event in Los Angeles, offered participants health-related gift packs to spread the message about eating better for better health.
Rally Health Ambassador Maria Menounos, joined by actor/comedian Kevin Hart’s personal trainer Ron “Boss” Everline, encouraged participants at the event to move more, eat better and improve their health. With the tour’s theme “Get Your Mind & Body in Motion,” the event on Abbot Kinney Boulevard in Venice offered Angelenos the chance to participate in small group workouts with Menounos and Boss that focused on simple exercises that can be done anywhere, anytime.
“It was a real treat today to be able to host the final stop of our 10-city Rally on the Road summer tour right here in my hometown,” said Menounos. “As a Rally Health Ambassador, it’s a privilege for me to meet people here and all over the country who are motivated to learn about the small steps they can take to help keep their health on track.”The Rally on the Road event also spotlighted healthy eating with an activity course that challenged people to separate food facts from myths. Participants who completed this and other courses at the event got to spin a wheel for health-related gift packs inspired by Rally’s three Health Ambassadors: Menounos, Hart, and Los Angeles Chargers running back Melvin Gordon.“We’ve had an incredible summer traveling across the country with our Rally on the Road tour bus, meeting thousands of people and sharing with them our message about how easy and fun it can be to adopt healthy habits and take charge of their health,” said David Ko, president and COO, Rally Health. “We especially enjoyed our last stop here in Los Angeles and want to thank all the people who joined us today.”
In addition to Los Angeles, the Rally on the Road summer tour stopped in New York City, Washington, D.C., Charlotte, Atlanta, Cleveland, Cincinnati, Minneapolis, Milwaukee and Chicago.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Latvia: Speak up to guarantee safety of EuroPride rally

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 giugno 2015

latvia_pol98The Latvian government should break its silence and give a firm commitment to do all within its power to ensure the safety and protection of those participating in this year’s EuroPride in Riga, said Amnesty International today.EuroPride, which celebrates the rights of lesbian, gay, bisexual, transgender and intersex (LGBTI) people in a different European city every year, will be held in the Latvian capital on Saturday 20 June, at the end of a week-long festival that began on 15 June.
While EuroPride organizers say law enforcement authorities have been very cooperative, the Latvian government has failed to welcome the event. When asked about it last December, Latvian President Andris Berzins stated that “homosexuality should not be advertised and imposed”.“It is disturbing to see the Latvian government’s evident discomfort at hosting EuroPride. Instead of welcoming an event meant to champion openness and tolerance, Latvia’s leaders seem to be turning their backs on it. As the country holding the presidency of the European Union, Latvia should be leading by example in the fight against homophobic discrimination,” said Lucy Freeman, Director of Amnesty International’s Gender, Sexual and Identity Programme.”The sad fact is the majority of Latvian society is against EuroPride and advancing LGBTI rights remains a struggle: same-sex couples are invisible for the government, homophobic hate crimes are not recognised and high-level politicians employ vicious homophobic rhetoric,” said Kaspars Zalitis, a board member of Mozaika, the Latvian group organizing EuroPride 2015.
This year’s EuroPride is the first held in a former Soviet country, a sign of how far LGBTI rights have come in Latvia. In 2005 a national pride march in Riga was marred by violence and hostility, as 70 activists marched for their rights in spite of more than a thousand counter-protesters who tried to block the march, used teargas and threw eggs at the pride marchers.Despite progress on LGBTI rights in the Baltic states and across Europe, the safety and security of pride marches and freedom of expression in general remains under threat in several other former Soviet countries, where homophobic attacks remain a constant threat. On 6 June, the Kyiv Pride was marred by homophobic violence which saw 10 protesters and 11 police officers injured. Amnesty International said the police did not adequately protect the march.Only five former Soviet states have passed legislation prohibiting discrimination on the grounds of sexual orientation in employment and only three of them – Georgia, Lithuania and Estonia – have laws on hate crime or incitement to hatred that explicitly include either sexual orientation or gender identity.
Worryingly, Lithuania and Russia have passed laws that restrict the right to freedom of expression of LGBTI activists, when disseminating information and advocating for issues such as equal marriage for same-sex couples. Uzbekistan and Turkmenistan retain laws criminalizing sex between adult men.Amnesty International activists from around the world will join Latvian LGBTI activists at EuroPride.“With homophobic violence a clear and present danger for activists in post-Soviet states, this week’s EuroPride will hopefully send a message that progress is possible and deep-seated discrimination can be uprooted and replaced with tolerance,” said Lucy Freeman.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

1000 miglia: Vittoria di Simone Campedelli

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2011

Tra gli Junior Under 28, nel Gruppo R e tra le due ruote motrici, conferma del già alto livello competitivo raggiunto dalla CITROËN DS3R3 che già nella prima giornata di gara aveva impressionato per le prestazioni offerte. La gara di esordio del CITROËN DS3R3 Team Italia al 35° Rally 1000 Miglia, prima prova del Campionato Europeo Rally e seconda del tricolore, corsa tra giovedì sera ed il pomeriggio odierno si è tradotta in un triplo successo. Al termine di un impegno estremamente difficile tanto per le caratteristiche del percorso quanto per la concorrenza incontrata, entrambi gli equipaggi CITROËN DS3R3 Team Italia, Andrea Crugnola/Roberto Mometti e Simone Campedelli/Danilo Fappani, hanno catalizzato l’attenzione con prestazioni di alto livello. La gara, che ha segnato il ritorno di una squadra ufficiale Citroën nei rallies italiani, ha visto infatti la vittoria di Campedelli/Fappani nella classifica riservata ai piloti Junior “Under 28” del Campionato Italiano, oltre al successo nel Gruppo R e tra le “Due Ruote Motrici”, oltre all’aver terminato decimi assoluti. Campedelli e Fappani hanno confermato il già forte feeling acquisito con la CITROËN DS3R3, confermato ampiamente dai rilievi cronometrici spesso al livello delle vetture a trazione integrale. Campedelli ha preso il testimonio della leadership dal compagno di squadra Andrea Crugnola, che dopo avere terminato al comando la prima giornata, alla ripresa della gara stamani è stato attardato da una uscita di strada, conseguenza di un testacoda e conseguente ritardo di circa dieci minuti, che lo hanno estromesso dai vertici. 2 Sotto l’aspetto sportivo, lungo tutte e quattordici le prove Speciali disputate, le due CITROËN DS3R3, molto attese per il loro debutto tricolore, hanno catalizzato l’attenzione di tutti mentre per l’argomento tecnico hanno riaffermato una notevole competitività ed affidabilità, suggellate un’eccellente tattica di gara di entrambi i piloti, che ha lasciato spazio limitato alle iniziative altrui.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

35. Rally 1000 miglia

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2011

Brescia – Sono Paolo Andreucci ed Anna Andreussi, con la Peugeot 207 S2000 ufficiale, i leader provvisori del 35. Rally 1000 Miglia, la cui prima giornata di gara si è svolta ieri, caratterizzata da sei prove speciali, cui va aggiunto il prologo-spettacolo di ieri sera corso sull’Autodromo “Daniel Bonara” di Castrezzato. Un “day one” certamente frizzante, quello visto sulle strade bresciane, che ha visto l’equipaggio ufficiale “del leone” balzare in testa alla classifica dopo la prima prova speciale corsa oggi (ieri sera il comando lo aveva preso l’ufficiale Abarth Luca Rossetti), la nuova “Acquebone”, dopo la quale ha conosciuto un concreto attacco da parte di Elwis Chentre, al via con una vettura analoga della scuderia locale Vieffecorse. Sino alla quinta prova speciale il pilota aostano aveva illuso di poter insidiare il Campione Italiano in carica, ma alla ripresa delle ostilità dopo il riordinamento ed il service area di metà giornata, durante la quinta prova (il secondo giro sulla “Acquebone”) è stato pesantemente rallentato dalla rottura del semiasse anteriore destro.
La corsa del Gruppo N, caratterizzata dalla sfida tricolore “produzione” vede in testa il campano Maurizio Angrisani (Mitsubishi Lancer Evolution), nonostante lo spavento di una foratura durante la penultima prova della giornata. La seconda posizione è in mano al romano Massimiliano Rendina (id.), fermo invce, nel finale l’altro campano Gianfico, per problemi meccanici. Oggi la giornata conclusiva: sarà la volta della “Cavallino”, della “Moerna” (che mancava da qualche anno, anche se la prima parte è costituita dalla discesa della prova di “Capovalle”) e della “Pertiche”, anch’esse da percorrere due volte, oltre alla “Colle S. Eusebio”, la prova più corta, da disputare una sola volta a favore delle telecamere della RAI, che la trasmetterà in diretta su RAI Sport2 dalle 13,30. Dalle18:35 i concorrenti inizieranno ad arrivare ai piedi della pedana di Piazza della Vittoria, sulla quale i vincitori riceveranno i trofei, bissando l’affollata cerimonia di premiazione dello scorso anno. (andreucci)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New Croatia Rally 2011

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

As the first round of the 2011 FIA European Rally Championship closes in / it is scheduled in less than a month – the preparations for the new season are gaining speed. After defining all the details of the route of the rally scheduled for May 19th to 21st and having open the entries for the third round of the 2011 FIA European Rally Championship, the Croatia Rally organizers are preparing to launch the full program of side events that will join the show to the sport in the pedestrian center of Rijeka, where the Service Park will also be located. In the next days on the event websitewww.croatia-rally.com the presentation of the candidates for Miss Croatia Rally will start.Meanwhile, the drivers who aspire to the European championships have begun to send to the FIA their entry to the series, as prescribed by the regulations. While these will remain open until the end of May, 10 drivers are already registered at the end of February, beginning with the reigning European champion and winner of the 2010 Croatia Rally  Luca Rossetti. Among others there are the Italians Piero Longhi (the first driver announced with a car of the new “Regional Rally Car” category, a John Cooper Works Mini with a 1.6 turbo engine), Alessandro Perico and Giovanni Vergnano, Polish Szymon Ruta and Maciej Rzeznik, Bulgarian Dimitar Iliev and Petar Gyoshev, Slovenian Rok Turk and Frenchman Mathieu Biasion. (piero longhi)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lago d’Orta: il Rally in vetrina

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 gennaio 2011

Un’autovettura in vetrina in un bar del centro di Omegna (Vb), per testimoniare l’importanza aggregativa e il ruolo socializzante degli esercizi pubblici nelle piccole località di provincia. L’idea è venuta al titolare del Friends Café, Massimiliano Ferrari, organizzatore di eventi e sponsor del team rallystico formato da daniele Bestetti e Mattia Nicastri, giovani promesse del lago d’Orta.
Ribattezzato Team Extraordinario, il duo Bestetti- Nicastri ha presentato gli impegni del 2011. In calendario la partecipazione al rally del Gomitolo di Lana, per una gara test con una Peugeot 106 a6. Poi il Valli Ossolane, dove l’anno scorso i piloti novaresi, alla guida di Renault Clio, si sono classificati al nono posto della classifica generale e secondi di classe, dietro al fortissimo Andrea Spataro. Sempre con renault Clio, del team Top Prally, Bestetti e Nicastri parteciperanno quest’anno anche al 111 minuti e al famoso Ossolino. Ma la vera novità sarà il Rally Città di Torino, che si terrà in primavera inoltrata, anche se resta ancora da valutare l’auto che verrà utilizzata in questo caso dai due piloti.
Intanto domenica, nella vetrina del Friends Café di Omegna, ha fatto bella mostra di sé una peugeot 106 gruppo a6, motore 1600 cm cubici, 186 cv , cambio sequenziale a 6 marce, gestita dal team Germagno Corse. Decine di giovani e di ragazzini hanno potuto ammirare il veicolo e immortalare immagini con fotocamere e telefonini, accanto ai due campioni originari di Pogno, piccolo centro industriale del lago d’orta in provincia di Novara. Presenti all’evento anche Giorgio Centofanti, secondo assoluto al rally Ronde di Varallo 2010 e le novaresi Sara Visconti e Monica Rubinelli, vincitrici nella categoria donne del Valli Ossolane 2010. (foto friends)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Yokohama all’expo rally di Brescia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 gennaio 2011

Brescia Sabato 29 e Domenica 30 Gennaio  terza edizione di Expo Rally (www.exporally.it), fiera dedicata esclusivamente al mondo dei rally che si terrà al Brixia Expo confermata la presenza alla 3° edizione della fiera dedicata al mondo dei rally  di Yokohama. Anche quest’anno ExpoRally rappresenterà il punto di partenza della stagione agonistica, sia per gli operatori, sia per gli appassionati, e il successo di questa manifestazione, confermato già dall’edizione dello scorso anno e dalla conferma della presente, è giustificato dai suoi interessanti numeri: Expo Rally 2011 conterà infatti un’area espositiva coperta di oltre 15.000mq, rappresenterà l’occasione ufficiale per presentare i programmi sportivi di team, scuderie e piloti per la stagione 2011 e sarà il palcoscenico di importanti premiazioni dei campionati 2010. Expo Rally ospiterà anche convegni ed incontri su tematiche specifiche legate a questo settore, prima fra tutte la sicurezza.
Yokohama, brand dotato di un forte identità sportiva, non poteva mancare a questa nuova edizione. Nel 2010 i pneumatici Yokohama sono stati protagonisti di gare e campionati tanto a livello italiano – ricordiamo la vittoria con Umberto Scandola del Trofeo Piloti Indipendenti – quanto internazionale, con la partecipazione ufficiale al programma sportivo della pilotessa Burcu Cetinkaya e del Team Peugeot Rally Turkiye nell’Intercontinental Rally Challenge. Insieme a Yokohama non potrà mancare a Expo Rally 2011 il partner storico MAK (www.makwheels.it), azienda bresciana leader nella produzione di ruote in lega leggera che proprio in occasione di Expo Rally lancerà alcuni nuovi design della gamma 2011: MAK Venti, ruota multi razze che celebra il 20° compleanno dell’azienda italiana, e MAK Tuono, design passenger car elegante e sportivo.
Anche nel 2011, infine, Yokohama sarà sponsor dello Yokohama Virtual Rally Challenge: i visitatori potranno rivolgersi presso lo stand Yokohama/MAK per iscriversi ad una gara virtuale di rally, mettendosi alla prova con la riproduzione del tracciato esistente nell’area esterna della fiera, nella quale si esibiranno i piloti di rally.
L’Expo Rally 2011 terrà infine a battesimo alcuni campionati rally 2011. In occasione dell’evento saranno infatti presentati ufficialmente i programmi e i calendari di alcuni trofei che animeranno la stagione: fra questi i trofei Renault, Suzuki, Peugeot, e Ford. (stand)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

46. Rally del Friuli-alpi orientali

Posted by fidest press agency su sabato, 4 settembre 2010

Una prima giornata di gara trascorsa da thrilling, al 46. Rally del Friuli-Alpi Orientali – 15. Rally Alpi Orientali Historic, complice il meteo, che già dalla mattina e sino a poco dopo l’ora di pranzo, ha vincolato le prestazioni e le aspettative di molti concorrenti. Al comando della gara c’è la Peugeot 207 S2000 ufficiale del Campione Italiano in carica Paolo Andreucci, affiancato dalla locale (di Artegna) Anna Andreussi. Il pilota lucchese della Garfagnana è rincorso dall’accoppiata ufficiale Abarth, dalle due Grande Punto S2000 di Luca Rossetti e Giandomenico Basso. Rossetti è a 22”5 dalla vetta e davanti a Basso di 28”7 (è di 51”2 il passivo del trevigiano da Andreucci).Quarta piazza provvisoria per il vincitore del 2009, il trentino Renato Travaglia, con la Peugeot 207 S2000 della locale compagine FriulMotor. Il trentino ha sofferto l’appannamento del parabrezza ed anche lui ovviamente la scelta di gomme errata per la prima parte di gara. Un minuto e otto decimi il passivo dal vertice per lui e quinto ha chiuso il ceco Jan Kopecky, con la Skoda Fabia ufficiale, a 18”2 da Travaglia. Segue il pluridecorato vicentino Gianfranco Cunico, all’esordio con la Peugeot 207 S2000 ed a soli 3”2 da lui si è insediato al settimo posto provvisorio Alex Perico (Peugeot 207 S2000). Il bergamasco a sua volta sente il classico “fiato sul collo” del giovane veronese Umberto Scandola, con la Ford Fiesta S2000, pure lui messo in crisi dall’eccessivo appannamento del parabrezza in mattinata. L’attesissimo Robert Kubica, con la Renault Clio S1600, ha sofferto particolarmente la pioggia ed ha terminato in ventottesima posizione. Nell’altro prestigioso monomarca al via del Rally udinese, il Trofeo Abarth 500-Selenia, la prima frazione di gara è andata al parmense Roberto Vescovi sul siciliano Andrea Nucita.
Tra le vetture storiche del 15. Rally Alpi Orientali Historic la prima fatica è stata portata a termine con il siciliano di Cerda Salvatore Riolo al comando. Il pilota della Porsche 911, primo anche del secondo raggruppamento, è passato al comando della situazione dalla quarta prova speciale, quella dopo il riordinamento di Cividale, facendo tesoro al meglio la propria esperienza corsaiola e scegliendo la miglior gommatura possibile per una strada che era rimasta difficile da decifrare.
Tra i diversi attesi protagonisti problemi di gomme per Domenicali e Savioli (entrambi su Porsche) ed anche l’umbro Carissimi ha avuto il suo daffare per le bizze del cambio alla sua Opel kadett GTE. Il Trofeo A112, che finiva oggi, ha registrato la vittoria (terza consecutiva) di William e Thomas Zanotto, con un finale da cardiopalma, complice un problema alla molla dell’acceleratore. Prosegue domani la gara valida per il CIR Auto Storiche e per il campionato Europeo, dalle ore 7.11 alle 15.30, con cinque frazioni cronometrate per 79,600 chilometri. Invece, 189,260 sono i chilometri complessivi della seconda ed ultima giornata di gara. (andreucci)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gran premio di Formula Uno all’Eur

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2010

L’ipotesi di far correre un Gran premio di Formula Uno all’Eur continua a suscitare perplessità e polemiche tra cittadini. Questa volta la mobilitazione è partita dal sito internet il respiro ed ha finito per coinvolgere consiglieri municipali ed il Comitato contro la Formula Uno all’Eur. “I cittadini – ha affermato il responsabile per il Lazio dell’Italia dei Diritti – impostano male le proteste perché dovrebbero pretendere la trasformazione della bella gara da Formula Uno a Rally internazionale urbano. Lo stato scandaloso delle nostre strade, Eur compreso, è invece una manna per quei pazzi scatenati che vediamo nelle belle foto di gare svolte tra mari e montagne. A parte questo i cittadini sbagliano a preoccuparsi perché ormai la tragedia della distruzione dell’unica zona di Roma dove sembrava di essere in Europa è già da tempo in essere. Il bel laghetto dell’Eur progettato dall’architetto De Vico e per il quale la cittadinanza di Tokio aveva regalato centinaia di ciliegi è ridotto alla metà. Tutti i cittadini stanno vedendo lo scempio del fantomatico acquario che è l’escamotage trovato dagli insaziabili Attila per distruggere questo ex piccolo pezzetto di paradiso urbano”. Quello che suscita le maggiori preoccupazioni tra le associazioni ed i comitati di quartiere è che il comune, dietro il progetto della Formula Uno, voglia approvare una variante urbanistica per mettere mano all’intera area dell’Eur e costruire uffici, centri commerciali ed altre cubature. “ Lo sky-line dell’Eur – ha proseguito nel ragionamento il rappresentante del movimento guidato da Antonello De Pierro – con i bei grattacieli del ministero delle finanze un “episodio” brillante dell’architettura italiana post guerra è stato smantellato per far posto alla fantomatica nuvola di Fuksas. L’unitarietà dell’agro romano rappresentata dalla forma di rombo è definitivamente scomparsa a causa di quartieracci pseudo-chic con densità abitativa stile Calcutta. In questo quadro generale di furto sistematico della cosa pubblica il “Gran premio di Rally” appare strumentale e funzionale a tale scellerato divenire”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rally in festa

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 giugno 2010

A Baveno, sul Lago Maggiore, c’è stato il prologo della nota competizione sportiva. Festa per grandi e piccini, con distribuzione di palloncini e gadget offerti dagli organizzatori del Cava lounge-bar, in collaborazione con la scuderia Top Rally, presente con i piloti Daniele Bestetti e Mattia Nicastri e con il manager Angelo Rota, undici volte vincitore del “Valli Ossolane”, “.  Tra i presenti anche il campione di Gp2 Giacomo Ricci. “Anche a me piacerebbe provare l’emozione del rally – ha confessato il pilota, già portabandiera dell’Italia nella formula 3000 – un sogno che spero di realizzare in futuro”.Non potevano mancare il vincitore del “Valli Ossolane 2009” Alessandro Bocchio e le vincitrici della categoria femminile Sara Visconti e Monica Rubinelli. E poi Massimo Lombardi e Paolo Urban, vincitori del campionato italiano 2009 nella classe s1600.
A fare gli onori di casa il sindaco del piccolo centro lacustre, Massimo Zoppi. Tanta la gente accorsa per incontrare i propri beniamini, pronti a farsi fotografare e a firmare autografi per i più giovani. Intanto il Valli Ossolane prosegue: gli equipaggi in gara sono 166, l’iniziativa si concluderà nella giornata di domani. (auto team,)

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Baveno: festa dello sport

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 giugno 2010

Baveno 4 giugno alle ore 18 sul lungolago di Baveno, i piloti del team “TOP Rally”, Daniele Bestetti e Mattia Nicastri, con la loro Renault Clio, incontreranno appassionati e tifosi nel piazzale antistante il ristorante lounge-bar “Cava”. Ma quella di venerdì  non sarà soltanto l’occasione per presentare ufficialmente uno dei tanti team che partecipano all’evento. Gli organizzatori hanno pensato di dar vita ad una vera e propria festa dello sport, che richiamerà grandi e piccini e servirà a rilanciare ancora una volta l’appuntamento con il rally, al via dal giorno successivo, sabato 5 giugno.  Confermata la presenza del vincitore del “Valli Ossolane 2009” Alessandro Bocchio e delle vincitrici della categoria femminile Sara Visconti e Monica Martinelli. Ci saranno anche Massimo Lombardi e Paolo Urban, equipaggio del team Top Rally vincitore del campionato italiano 2009 nella classe s1600. E poi un altro grande nome dello sport italiano, lo slalomista Massimiliano Blardone, e infine Giacomo Ricci, già campione europeo di Formula 3000 e bandiera italiana del GP2 agli ultimi mondiali in Turchia. In esposizione non ci sarà soltanto la Reanult Clio del team Top Rally ma anche l’unica una Fiat 500 Abarth che prenderà parte al “Valli Ossolane”. “Una festa importante – dice Massimiliano Ferrari – per ricordare il legame che unisce il lago maggiore al rally. Un rally che sentiamo nostro e che ci dispiace perdere, anche se quest’anno non partirà da qui ma da Villadossola”. (baveno, foto team)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Yokohama comincia bene la stagione

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 aprile 2010

Yokohama Italia Motorsports ha iniziato la stagione rally 2010 supportando il pilota veneto Umberto Scandola nella gara su terra Prealpi Trevigiane, conclusasi sabato 27 marzo. Il giovane campione veronese, insieme al navigatore storico Guido D’Amore, ha partecipato a questa prima gara misurandosi con una vettura gruppo N4, una Subaru Impreza del team Car Promo Sport.  Scandola ha raggiunto un risultato molto importante: 4° assoluto e 2° di classe. Un risultato del quale si dichiara soddisfatto, anche se con un pizzico di amaro in bocca: “Avrei potuto fare meglio: infatti ero primo di classe sino quasi alla fine della gara. Se non fosse stato per la rottura del cambio, che mi ha privato del 2° posto assoluto a ridosso del gradino più alto del podio, avrei festeggiato questo rally con la coppa in mano. Questa gara ha rappresentato comunque un’ottima occasione per iniziare la stagione e per sciogliere il ghiaccio.” Per la prima volta nella sua carriera da pilota Umberto Scandola ha corso in una gara ufficiale del campionato italiano con una vettura gommata ADVAN by Yokohama, stabilendo da subito un buon feeling con i pneumatici nipponici. Le gomme utilizzate in gara sono le ADVAN A053, il prodotto dedicato ai rally su terra più tecnologicamente avanzato e performante by Yokohama. L’ADVAN A053 è caratterizzato da un disegno asimmetrico e direzionale, adatto a sopportare lo sforzo e le sollecitazioni di una guida su fondi sterrati impegnativa e ricca di insidie quali buche, sassi, ghiaia. Grossi blocchi battistrada, posti sia parallelamente sia perpendicolarmente al senso di rotazione del pneumatico, ne creano il disegno.  La misura montata sulla Subaru Impreza è stata la 170/650 R 15 in versione soft, più morbida e per questo adatta a una temperatura di utilizzo primaverile, non particolarmente elevata. La mescola nella versione più morbida è entrata infatti prima e più facilmente in temperatura, permettendo performance elevate e la massima sicurezza.  Questa prima gara è stata anche un efficace terreno di prova per le gomme Yokohama, un test significativo in vista dei progetti per la stagione che si sta aprendo e per la quale la direzione sportiva italiana in capo a Yokohama Italia S.p.A. ambisce a risultati importanti. (umberto scandola)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rally Ranking Gènèral 2009

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 dicembre 2009

On a été rédigé aujourd’hui par l’IRDA, l’Association International des Pilotes Rallies, le classement  final sur l’année 2009 concernent le classement global des meilleurs pilotes de rallye et co-pilotes italiens.  Le ranking promu par l’IRDA est un classement établi à travers un système de points, calculés sur la  base de l’importance, des difficultés sportives et des résultats des pilots et copilotes Italiens dans les  rallyes reconnus par la FIA et ACI CSAI. tant au niveau national (172 courses en Italie) et  international (44 rallies joués à l’étranger). Un classement qui veut être objectif et super partes,  beaucoup de pilotes Italiens (pilotes et copilotes) peuvent voir reconnu sa valeur dans l’ensemble,  la valeur de leurs victoires et leurs placements, que le système de classification actuel ne permet  évidemment pas parce qu’il a été fondé sur classements pour chaque championnat pour le  championnat national, sans un classement singulier national. Le numéro 1 des pilotes italiens est  Giandomenico Basso a marqué avec 12 résultats utiles et 2329 points, le numéro 1 des co-pilotes  italiens est Mitia Dotta lui aussi, avec 12 résultats utiles qui à reçu 2329 points.  Dans le classement des pilotes le deuxième est Luca Rossetti avec 13 résultats qui a marqué 1961  points, Renato Travaglia en 3ème position avec 10 résultats et 1692 points. A la 4ème place, il y a Paolo Andreucci avec 9 résultats utiles et 1607 points, le 5ème est Corrado Fontana.  Les pilotes inscrits au classement sont au total 1078. Pour le classement des Copilotes, à la 2ème place avec 12 résultats il y a Chiarcossi Matteo qui a reçu 1886 points, dans la 3ème place, il y a  Giovanni Bernacchini avec 11 résultats et 1640 points. Le 4ème avec 10 résultats est Lorenzo  Granai avec 1614 points, et à 5 ème place nous rencontrons Anna Andreussi.  Les co-pilotes inscrits au classement sont au total 1093.  Pour les moins de 23 ans, le premier pilote est Marco Signor, qui a 10 résultats utiles et a obtenu  661 points (11ème position dans le classement général), le deuxième est Simone Campedelli (14ème dans le classement général), le troisième est Simone Bertolotti (20eme au total). Pour les Copilotes, le 1er est Sara Ciresa avec 5 résultats et 174 points (87ème au classement  général), le deuxième est Ronny Celli avec 6 résultats utiles et lui aussi, avec 174 points (87ème dans le classement général), le troisième est Daniele Araspi (98ème dans le classement général)  Les pilotes au dessous de 23 ans entrés dans le Ranking IRDA sont 57, tandis que les Copilotes sont 116. http://www.irdassociation.com

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rally valli pordenonesi

Posted by fidest press agency su martedì, 19 Maggio 2009

crugnolaNel trofeo Suzuki Swift – Classe N2,  il team A. Crugnola – G. Turatti dell’EMMEPI RACING ha terminato in testa la gara. Una grande soddisfazione per questo equipaggio che, oltre a primeggiare nel trofeo dedicato, ha ottenuto il primo posto anche nella classifica della combattutissima classe N2 del Trofeo Rally Asfalto, raggiungendo quindi un risultato importantissimo per il campionato madre.  Ma l’impresa di Crugnola e Turatti non si è fermata a questi due grandi successi: l’equipaggio si è anche classificato 15° nella classifica generale del rally, agguantando di fatto un risultato storico per una Suzuki Swift. In questa impresa hanno avuto un ruolo importante anche i pneumatici ADVAN by Yokohama A048, coperture semi-slick e semi-racing omologate stradali che equipaggiano tutte le auto del trofeo Suzuki Swift. Il fatto che pneumatici stradali abbiano gareggiato e contribuito a portare risultati importanti anche in un campionato nel quale si usano gomme espressamente racing la dice lunga sulla qualità e sulle prestazioni che gli ADVAN A048 riescono a garantire. (foto crugnola)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »