Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

Posts Tagged ‘reclutamento’

Scuola – Novità sul reclutamento

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 settembre 2018

E sul transitorio rimesso dalla Consulta, meglio riaprire le GaE subito ed evitare il nuovo contenzioso, così da assumere i precari abilitati nella primaria e nella secondaria immediatamente con una chiara risposta della politica che eviti un nuovo contenzioso giudiziario. La frase del ministro dell’Istruzione Marco Bussetti potrebbe far ben sperare tutti gli aspiranti giovani insegnanti che dovranno partecipare ai prossimi concorsi per la scuola secondaria del Fit a numero chiuso, ma le modifiche richieste sulla riduzione del percorso di formazione/tirocinio potrebbero allungare i tempi della pubblicazione, visto che necessariamente ci vorrebbe una modifica legislativa al Decreto legislativo n. 59/17. Né la sentenza della Consulta che deciderà sul primo concorso straordinario bandito fa confidare nel meglio sulle sorti della pubblicazione dell’altro concorso non selettivo previsto dal Decreto Dignità per la primaria e l’infanzia. Nel frattempo attendono di sapere cosa fare anche i supplenti con 36 mesi di servizio non abilitati e di rientrare nelle proprie regioni i neoassunti cacciati dalla Buona Scuola a casaccio nelle varie regioni italiane per colpa di un algoritmo impazzito, come la maionese. Per i precari, l’unica speranza rimane la riapertura delle GaE, richiesta non soltanto dalle maestre per evitare il licenziamento e il balletto delle supplenze, ma anche dai docenti abilitati con il Tfa a numero chiuso nella scuola secondaria che la richiedono anche come dovere nei confronti di chi ha scelto di insegnare nella scuola pubblica consapevolmente e non per ripiego, di chi ha studiato e dimostrato di avere i requisiti per farlo.
Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, afferma che “nel paese con la classe docente più anziana del mondo, con oltre il 60% dei docenti over50 e l’età media di immissione in ruolo superiore ai 40 anni di età, abbiamo bisogno di giovani preparati, sin dai primi anni della formazione, e da inserire nel mondo della scuola. Per quanto riguarda poi il transitorio, è necessario riaprire le GaE a tutti gli abilitati per evitare il contenzioso che, stando così le cose, ci sarà certamente: lo gridiamo a gran voce da tantissimo tempo e siamo pronti a ribadirlo insieme con gli interessati, che sappiamo già da adesso essere numerosissimi, in occasione dello sciopero di martedì prossimo 11 settembre e della manifestazione a Roma davanti a Piazza del Parlamento”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola – Diplomati magistrale: il Parlamento prenda atto che il reclutamento transitorio sta fallendo

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 luglio 2018

Il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti è tornado a occuparsi della questione dei Diplomati magistrale e della soluzione presente nel decreto Dignità approvato dal CdM: ha detto che la sentenza è chiara, i docenti hanno sottoscritto contratti con clausola risolutiva, il Consiglio di Stato ha confermato che il titolo è abilitante ma non dà diritto alle graduatorie ad esaurimento. Ha quindi aggiunto che le sentenze potranno essere attivate entro 120 giorni, da quando i tribunali le notificheranno e dunque non ci sarà alcuna esclusione automatica dalle graduatorie. Spera, infine, di giungere presto a una soluzione equa. Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): Il Governo riapra le graduatorie ad esaurimento a tutto il personale abilitato, riconosca l’abilitazione delle 50 mila maestre che insegnano nelle nostre scuole e rispetti quanto ci dice l’Europa sul precariato, trasformando tutto l’organico di fatto in organico di diritto. Questa è l’unica soluzione equa e possibile da adottare. Ogni altra strada porterà alla riapertura del contenzioso, magari dopo che, fra qualche anno, la Cedu e la Cassazione ci diranno che la sentenza dell’adunanza plenaria era sbagliata.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Reclutamento docenti, dal 2020 si cambia

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 gennaio 2017

ministero-pubblica-istruzioneLa norma è contenuta nella bozza di decreto, approvata sabato scorso dal Consiglio del Ministri, sul riordino, adeguamento e semplificazione del sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria: per altri tre anni, “si applica la disciplina transitoria”, quindi per assegnare la metà dei posti vacanti e disponibili continueranno ad essere utilizzate le GaE e potrà “essere indetto un corso di Tirocinio Formativo Attivo per le classi di concorso e tipologie di posto per le quali sono esaurite le graduatorie ad esaurimento provinciali”. C’è poi una puntualizzazione da fare sul testo in via di approvazione: siccome i tirocinanti saranno utilizzati anche per svolgere attività di docenza, soprattutto su posti che risulteranno provvisoriamente liberi, è bene scrivere subito nero su bianco che dovranno percepire lo stesso stipendio (a fronte degli stessi diritti) del personale docente di ruolo. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): il nostro sistema scolastico non può bloccarsi perché gli aspiranti all’immissione in ruolo, selezionati e formati nelle università per farlo, continuano ad essere assurdamente messi da parte. Come se fossero dei docenti di serie B. Il Governo ha l’occasione per farlo, per collocarli finalmente nelle GaE, proprio attraverso la modifica del decreto delegato ora allo studio delle Commissioni Parlamentari e da approvare in via definitiva entro due mesi. Inolte un tirocinante giunto al terzo anno di formazione, dopo aver acquisito la laurea, poi l’abilitazione, vinto il concorso e formatosi sul campo per un ulteriore biennio, è praticamente un insegnante a tutti gli effetti.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforma universitaria: Parere

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 dicembre 2010

Nicola Murdaca presidente dell’Associzione Studenti in Primo Piano, operante all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e Domenico Paternoster consigliere nazionale degli studenti universitari eletto con Azione Universitaria, si sentono in dovere di ribadire il loro giudizio estremamente positivo circa la Riforma Gelmini oggi in discussione alla camera. “Il testo ddl 1905 va a colmare e correggere tutti i buchi che presenta oggi il sistema universitario italiano a partire dalla governance, al reclutamento di professori e ricercatori, al fondo premiale e il fondo per il merito per gli studenti universitari. Penso sia mera strumentalizzazione la protesta alla quale stiamo assistendo in questi giorni, soprattutto dopo che il Governo ha dato una risposta ai ricercatori prevedendo il salto di carriera a professore associato di 9000 ricercatori nel quinquiennio 2011-2016; ai tagli, prevedendo maggiori risorse per l’anno 2011 pari a 1 miliardo di euro. Sono contestualmente contento che le richieste sia del nostro Rettore Ornaghi e sia della nostra associazione Studenti in Primo Piano, riguardo maggiori fondi per le Università Cattoliche, ricevano una risposta positiva atraverso un incremento dei finanziamenti pari a 245 milioni di euro.” così Nicola Murdaca Presidente dell’Associazione Studenti in Primo Piano. “In questo modo – dichiara Generoso De Cristoforo responsabile dell’associazione studenti in Primo Piano per la facoltà di medicina – le università private che sono oggi centro di eccellenza sia in Italia che in Europa, come ad esempio la facolta di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma che è ai primissimi posti per produzioni scientifiche e per la sperimentazione di farmaci no profit, vengono poste al centro dell’attenzione da questa riforma che mira a premiare la
qualità”

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli sprechi del ministro La Russa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 settembre 2010

“Mentre i Sindacati di Polizia e i Cocer delle Forze Armate avviano una trattativa con il Governo per ripartire in qualche modo i pochi soldi stanziati per il rinnovo del contratto di lavoro per il biennio economico 2008-2009, mentre ancora è nel vivo la protesta delle Forze dell’Ordine contro i pesanti tagli al comparto Sicurezza-Difesa, il Ministro della Difesa La Russa dà il via al suo assurdo e inutile progetto di ‘mini-naja’, che costerà al Paese ben 20 milioni di euro!”. E’ quanto afferma Franco Maccari, Segretario Generale del COISP – il Sindacato Indipendente di Polizia, che prosegue: “Venti milioni di euro che serviranno al reclutamento di migliaia di giovani che per tre settimane potranno giocare ai soldatini e fare vacanza presso una delle caserme dell’Esercito: roba da marmittoni alle grandi manovre!”. “Uno spreco enorme e ingiustificato – dice il leader del COISP – soprattutto in un momento in cui le Forze dell’Ordine, quelle vere, spesso non hanno il carburante per le auto di servizio o la carta per le fotocopie. La Russa ritiri il suo ridicolo progetto e investa i soldi dei contribuenti per dotare le Forze dell’Ordine di mezzi e risorse adeguate per contrastare il crimine e garantire la sicurezza dei cittadini”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Reclutamento di bambini soldato in Somalia

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 maggio 2010

“Siamo sbigottiti nello scoprire che il reclutamento e l’impiego di bambini come soldati da parte di gruppi armati in Somalia è in aumento. Tutte le parti in conflitto sono coinvolte, e in alcuni casi vengono reclutati anche bambini di nove anni.   Recenti rapporti indicano che le scuole sono utilizzate come centri di reclutamento e che i bambini soldati vengono spesso picchiati o giustiziati dopo la cattura.   L’utilizzo di bambini da parte dei gruppi e delle forze armate è un crimine di guerra. Dobbiamo fermarlo immediatamente. Tutte le parti coinvolte devono rilasciare i bambini. L’impunità deve cessare e gli autori devono essere assicurati alla giustizia.   I bambini che sono stati reclutati sono vittime e devono essere trattati di conseguenza.   L’UNICEF e l’ufficio del Rappresentante speciale del Segretario Generale ONU per i bambini e i conflitti armati sono pronti ad offrire la loro assistenza nel processo di smobilitazione dei bambini somali e ad aiutarli a recuperare la loro infanzia e reinserirli nelle comunità.   Chiediamo inoltre alla comunità internazionale, compresi coloro che sostengono i gruppi somali, di condannare all’unanimità questa pratica e di utilizzare il proprio potere per porvi fine.   Bambini costretti ad indossare un uniforme e a portare una pistola subiscono danni psicologici e spesso anche fisici e, senza assistenza, crescendo, possono diventare istigatori di violenza e, come adulti, reclutatori di bambini soldato. L’utilizzo dei bambini soldato è una tragedia per la Somalia in questo momento e, se non viene attuato un intervento urgente, può anche minacciare la stabilità futura del paese. I bambini e i giovani costituiscono la maggioranza della popolazione della Somalia e meritano di avere una infanzia libera dalle atrocità di un conflitto armato”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La riforma Gelmini sull’università

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 ottobre 2009

Ha ottenuto l’approvazione del Consiglio dei Ministri la riforma dell’università. Annalisa Martino, responsabile dell’Italia dei Diritti per la Scuola e l’Istruzione, commenta così i contenuti del ddl illustrati in giornata dal ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini affiancata, in conferenza stampa dal collega di Governo Giulio Tremonti: ” Approvo l’idea dell’esecutivo di abolire i concorsi interni per l’assunzione dei docenti, procedura spesso sfruttata per inserire personale evitando logiche di merito, considero buona cosa imporre il limite di mandato a 8 anni per i rettori, giudico giusto – continua l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – imporre la valutazione e il reclutamento di ricercatori e professori a contratto a personalità esterne all’ambiente accademico, in base a concrete pubblicazioni che testimonino l’effettiva valenza ed esperienza dei candidati, nonostante personalmente continui ad avversare l’inserimento del precariato all’interno dell’insegnamento. A quanto di buono varato dalla Gelmini auspico segua una reale e seria applicazione”. Concorde con la Martino il suo vice Cesare De Sessa, che aggiunge: ” Mi cruccio del fatto che il centro-sinistra non abbia pensato ad una simile iniziativa. Tra il dire e il fare ci sarà di mezzo un oceano, ma nella teoria il decreto rappresenta una soluzione per un parte dei problemi dell’università “

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pacchetto università: Fondi alle più virtuose

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 luglio 2009

Una parte dei fondi destinati alle Università (525 milioni di euro) sono stati assegnati quest’anno sulla base di criteri di valutazione che tengono conto della qualità della ricerca e della didattica. Previsto dall’art. 2 del decreto legge 180/2008 convertito nella legge n.1/2009 il provvedimento di assegnazione dei fondi è stato firmato dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca il 24 luglio scorso. Le altre misure del “Pacchetto Università”: 1) Il regolamento sulla struttura e il funzionamento dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (Anvur) che valuterà la qualità degli Atenei e degli Enti di ricerca. 2) Il taglio dei corsi inutili per avviare una più coerente razionalizzazione dei corsi di laurea. 3) Lo sblocco dei concorsi, con nuove regole per il reclutamento dei professori universitari e dei ricercatori che impongono modalità più trasparenti di formazione delle commissioni. La valutazione dei candidati avverrà secondo parametri riconosciuti anche in ambito internazionale. In particolare, ogni titolo scientifico sarà valutato separatamente, per evitare giudizi sommari e approssimativi, e sarà richiesto, per i settori scientifici, il ricorso a valutazioni di indici oggettivi e a sistemi di valutazione internazionali (peer review).

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La chiamata diretta dei docenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2009

Dopo la netta presa di posizione di Innocente Pessina, dirigente scolastico del liceo Berchet e accanito sostenitore della legge Aprea, Annalisa Martino, responsabile per la città di Milano dell’Italia dei Diritti tuona contro quella che considera una misura troppo parziale. La legge Aprea, attualmente in discussione alla Commissione Istruzione della Camera, interessa le modalità di reclutamento dei docenti e sostituisce il vecchio sistema delle graduatorie con la chiamata diretta degli stessi da parte delle scuole. “Sono assolutamente contraria alla chiamata diretta”, ha dichiarato la responsabile milanese del movimento presieduto da Antonello De Pierro. “I sistemi di reclutamento dei docenti attualmente vigenti in Italia – spiega – non sono sicuramente il massimo, così come non sono idonei quelli dei presidi, ma tantomeno lo sarebbe la chiamata diretta, perché legata a delle valutazioni troppo soggettive. Non ci sarebbe un metro oggettivo – denuncia la Martino –  e si potrebbero lasciare pericolosi spazi di parzialità perché viene a mancare un principio di oggettività che sicuramente non appartiene al vecchio metodo di reclutamento, ma tantomeno a quello attualmente al vaglio. I presidi, in quanto persone, sono soggetti a pulsioni, simpatie, antipatie, e in alcuni casi anche a pressioni. E’ quindi impensabile che la gestione del reclutamento dei docenti sia affidata loro secondo criteri puramente soggettivi”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Raccontare le crisi umanitarie

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 maggio 2009

Torino 25 maggio 2009 ore 20.30  Cinema Massimo – Sala 3  Via Verdi, 18 saranno proiettati i due episodi dal titolo “Buonanotte, Ouma” di Fernando León de Aranoa e “Crimini invisibili” di Wim Wenders. In “Crimini invisibili” Wim Wenders fissa la sua cinepresa sulla testimonianza diretta di alcune donne, vittime di violenza sessuale nella Repubblica Democratica del Congo, dove il conflitto dura ormai da anni, nonostante gli accordi di pace siglati tra il governo e i gruppi armati nel 2002. Il regista Fernando León de Aranoa  in “Buonanotte, Ouma” ripercorre 20 anni di guerra civile nel Nord Uganda attraverso la  testimonianza di alcuni night commuters, bambini che ogni notte cercano un luogo sicuro per evitare di essere reclutati come bambini soldato  dal gruppo armato del Lord’s Resistance Army (LRA). Dopo la proiezione seguirà l’incontro “Raccontare le crisi umanitarie attraverso le immagini e le parole” con la partecipazione di: Mimmo Candito, giornalista, presidente di Reporters Sans Frontières  Francesco Zizola, fotoreporter, plurivincitore del World Press Photo  Sergio Cecchini, direttore della comunicazione di Medici Senza Frontiere Italia  L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.  Nel foyer del cinema sarà allestita la mostra fotografica “Women are heroes” a cura dell’Istituto Europeo di Design di Milano. http://www.crisidimenticate.it
“Invisibles” è un film girato da cinque dei più noti registi della scena contemporanea (Mariano Barroso, Isabel Coixet, Javier Corcuera, Fernando León de Aranoa, Wim Wenders) che, attraverso l’occhio della telecamera, hanno raccontato gli invisibili della terra: coloro che non vogliamo vedere ma che popolano le nostre paure e le nostre inquietudini perché non smettono mai di esistere. Il film, presentato alla 57esima edizione del festival Internazionale di Berlino, si divide in cinque episodi girati in cinque diversi contesti in cui opera MSF. Dalla Repubblica Centrafricana, alla Colombia, passando per il Congo e la Bolivia fino all’Uganda, i registi hanno immortalato storie di estrema povertà, di violenza e di miseria in contesti dimenticati.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Vorwerk Folletto offre lavoro

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 marzo 2009

Millecentocinquanta nuovi agenti di vendita in tutta Italia. In questo momento di crisi e di crescita del ricorso all’ammortizzatore sociale della cassa integrazione, Vorwerk Folletto va in controtendenza e offre 1.150 posti di lavoro come agente di vendita. Nel dettaglio, questo il numero di venditori che Vorwerk Folletto cerca nelle 20 regioni d’Italia: Campania (97 agenti), Sardegna (88), Lazio (86), Trentino Alto Adige (79), Veneto (75), Sicilia (72), Calabria (70), Lombardia (68), Toscana (60), Puglia (58), Friuli Venezia Giulia (56), Piemonte (48), Umbria (45), Emilia Romagna (42), Basilicata (40), Abruzzo (38), Liguria (37), Marche (35), Molise (32), Valle d’Aosta (24). E per sostenere la ricerca di nuovi agenti, Vorwerk Folletto ha declinato esclusivamente su Internet una campagna di reclutamento. “Professione Agente Folletto” e “Diventa un vero venditore”: questi i claim di banner e annunci di lavoro che da inizio marzo appaiono nei principali motori di ricerca e in due siti specializzati in offerte di lavoro, Jobrapido e Stepstone.  La campagna affianca e dà maggiore forza all’offerta professionale che viene proposta, casa per casa, dagli oltre 3.500 agenti di vendita che Vorwerk Folletto conta oggi sul territorio e che, ogni giorno, propongono il celeberrimo sistema di pulizia domestica alle famiglie italiane. Per avere accesso al colloquio in azienda i candidati devono compilare il form che si trova sul sito aziendale (www.folletto.it), dove campeggia il banner della campagna “Professione Agente Folletto”.  “Le persone che risultano idonee -spiega Patrizio Barsotti, 51 anni, presidente e consigliere delegato di Vorwerk Folletto- vengono avviate ad un percorso di formazione, in aula e sul campo, durante il quale sono costantemente affiancate da agenti più anziani e in cui gli aspiranti agenti cominciano da subito a guadagnare, naturalmente in relazione al proprio impegno e alle proprie capacità. La professione dei nostri venditori, infatti, ha un’importante componente imprenditoriale, che ne fa un lavoro che sa cogliere e valorizzare le grandi sfide e opportunità dell’attuale realtà: fatta di grandi cambiamenti e accelerazioni, ma al tempo stesso attenta al contatto individuale e alla gratificazione personale”. Con un fatturato annuo di oltre 354 milioni di euro, un sistema di commercio basato esclusivamente sul canale di vendita porta a porta, più di due milioni e mezzo di famiglie contattate ogni anno, una rete di assistenza di oltre 375 centri autorizzati, una presenza in Italia sin dal 1938 e una sede direzionale a Milano, in via Ludovico di Breme, dove operano 161 dipendenti, infatti, Vorwerk Folletto è azienda leader nel settore della vendita diretta. E dopo aver festeggiato nel 2008 i 70 anni di presenza in Italia, Vorwerk Folletto si prepara a crescere ulteriormente, forte dell’indiscussa qualità di un sistema di pulizia modulare che si configura a seconda delle esigenze domestiche del cliente e di una filosofia aziendale che mette in risalto le potenzialità di sviluppo in ambito professionale, facendo propri i temi che fanno della vendita diretta un’attività vincente: la formazione, l’affiancamento, il successo e una strategia

sempre attenta alla persona, alle anticipazioni, al mercato.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »