Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘reddito cittadinanza’

Reddito di cittadinanza e abusi

Posted by fidest press agency su sabato, 17 agosto 2019

“I numeri comunicati da Garavaglia, secondo il quale il 70% di chi riceve il reddito di cittadinanza non ne avrebbe diritto, non corrispondono al vero. A me non risulta che la Guardia di Finanza abbia fornito dati in tal senso.
So che stanno per essere licenziate disposizioni operative ai reparti della Gdf a seguito di alcune interlocuzioni col ministero del Lavoro e Inps. Quel che è certo, è che grazie a un aumento dei poteri ispettivi e dell’organico, nell’alveo dei normali controlli – come, ad esempio, sul lavoro in nero – capita di trovare casi di persone che lavorano in nero e percepiscono anche il reddito. Quel dato, quindi, non è legato al reddito di cittadinanza.
Il Movimento 5 Stelle per primo cosa auspica che i controlli a regime vengano fatti per assicurare che i soldi del reddito vadano solo alle persone che ne hanno davvero diritto, e per questo obiettivo abbiamo lavorato”. Così il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, su Facebook.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Unione Naz. Consumatori su Reddito cittadinanza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2019

Le domande per il reddito di cittadinanza presentate al 15 luglio sono 1.401.225, di cui 895.220 accolte. Lo fa sapere l’Inps.”Solo il 49,13% delle famiglie povere assolute, pari a 1 milione e 822 mila, ha avuto il reddito di cittadinanza, ossia meno della metà di chi ne avrebbe diritto e bisogno, considerato che non ha la possibilità di acquisire un paniere di beni e servizi che è considerato essenziale per uno standard di vita minimamente accettabile” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Senza contare che l’importo medio non è sufficiente nemmeno per superare la soglia di povertà. Ecco perchè il Governo, invece di cantare vittoria come se avesse risolto il problema della povertà in Italia, promettendo ulteriori riduzioni di tasse, farebbe bene, nella prossima legge di Bilancio, ad ampliare la platea dei beneficiari del reddito di cittadinanza, rivedendo i criteri di assegnazione, sempre se considera ancora la lotta alla povertà una priorità di questo Paese” conclude Dona.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Reddito di Cittadinanza: arriva l’App per conoscerne l’importo

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 aprile 2019

Napoli. Da misura di aiuto alle fasce disagiate ad opportunità tecnologica. Il Reddito di Cittadinanza diventa un’app per iPhone e iPad che mira a fornire uno strumento di simulazione per il calcolo rapido della misura di aiuto al reddito.
Sviluppata nell’Apple Developer Academy, il primo centro ufficiale di formazione di Apple in Europa, l’app è gratuita e mira a fornire uno strumento in grado di simulare velocemente l’ammontare del Reddito di Cittadinanza in appena tre passaggi.Non più complessità o file inutili agli sportelli quindi, e in solo pochi minuti è possibile sapere se potenzialmente si ha diritto al Reddito e in che misura. Il tutto aggiornato alle ultime modifiche ministeriali di marzo 2019.Basta rispondere ad alcune domande iniziali e fornire dei parametri riguardanti il proprio nucleo familiare, come il valore dell’ISEE, il patrimonio mobiliare e immobiliare e i redditi del nucleo familiare. Al termine della simulazione l’utente potrà sapere se potrà richiedere il Reddito e avere il calcolo mensile e annuale del valore che sarà caricato sulla carta elettronica fornita da Poste Italiane.”Abbiamo affrontato il progetto annullando la complessità del calcolo del Reddito di Cittadinanza e riducendo tutta la simulazione in appena tre passaggi. La nostra applicazione aiuta chi non ha dimestichezza con le leggi e i calcoli, a sapere in pochi minuti se può richiedere il reddito e a quanto ammonta la misura. Utile per sapere rapidamente se si può accedere alla misura e a quanto ammonta la quota mensile che si riceverà” ha dichiarato Ciro Barbato, project manager del progetto. Un team formato da diplomati dell’Apple Developer Academy, come Raffaele Miraglia che si è occupato del codice dell’app e Vittorio Stile che ne ha curato l’esperienza utente e la grafica.L’app Reddito di Cittadinanza rispetta la privacy degli utenti, tutte le informazioni inserite durante la simulazione sono eliminate al termine del calcolo, e nessun dato viene salvato all’interno o all’esterno dell’app, neanche per fini statistici.
L’applicazione è completamente gratuita e non contiene pubblicità, oltre che essere un progetto, a detta degli sviluppatori, apolitico e indipendente.L’app può essere scaricata da subito all’interno dell’App Store dal link https://geo.itunes.apple.com/it/app/reddito-di-cittadinanza/id1456666467 ed è compatibile per iPhone e iPad a partire dagli iPhone SE fino ai recenti iPhone XS.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inps: reddito cittadinanza, 70% sopra 300 euro

Posted by fidest press agency su domenica, 21 aprile 2019

L’Inps precisa che quasi 337mila degli importi erogati per il reddito di cittadinanza, pari al 71% delle prime 472.970 domande elaborate dall’Inps, superano i 300 euro.”La verità è che il Governo aveva promesso i famosi 780 euro, mentre a raggiungere o superare quella cifra sono meno del 21,4% dei beneficiari” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Se a questo si aggiunge che i 780 erano i 6/10 del reddito mediano familiare al tempo dello studio Istat sul reddito di cittadinanza, diffuso nel 2014, ma nel frattempo il reddito è salito e ora il dato andrebbe aggiornato e arrivare fino ad 811 euro, 810,7 per la precisione, il quadro è ancora più deludente” prosegue Dona.
“Infine, se sono arrivate, come sostiene il presidente Tridico, solo 800 mila domande, quand’anche venissero tutte accolte, è evidente che saremmo ben lungi dal coprire tutte le famiglie povere assolute, pari a 1 milione e 778 mila, più del doppio. Per questo, è evidente, che vanno subito ampliati i criteri reddituali per la concessione del beneficio, almeno fino a coprire i 6 miliardi di stanziamento 2019” conclude Dona.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quota 100 e reddito cittadinanza Decreto legge verso l’ok definitivo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 marzo 2019

Le commissioni Affari sociali e Lavoro della Camera hanno dato il via libera, il testo dovrà tornare al Senato per l’approvazione finale. Marcello Pacifico (Anief): Approvata una delle nostre richieste sul riscatto della laurea per gli over 45, mentre il vice-premier Di Maio si dichiara pronto a discutere di salario minimo di cittadinanza come da noi richiesto.Via libera delle commissioni Affari sociali e Lavoro della Camera al decreto legge sul reddito di cittadinanza e quota 100: le commissioni hanno completato l’esame degli emendamenti e dato mandato al relatore, che presenterà il provvedimento in aula lunedì, come previsto dal calendario dell’assemblea. Il decreto, in seconda lettura alla Camera, dovrà tornare al Senato per il via libera definitivo. Non è esclusa l’ipotesi che il governo ponga la fiducia, visto che il dl deve essere convertito in legge entro il 29 marzo.Da quello che trapela – secondo il quotidiano La Repubblica – i lavori delle commissioni sarebbero andati a rilento per il tira e molla delle due anime della maggioranza, MoVimento Cinque Stelle e Lega. Si sarebbero trovati accordi sulla figura dei navigator, sulla reggenza dell’Inps e sulla pensione di cittadinanza, che potrà essere pagata come tutte le altre, anche in contanti negli uffici postali o in banca, e non solo sulla card del reddito. Come richiesto da Anief, infine, è entrato l’atteso emendamento che prevede il riscatto della laurea agevolato anche agli ultra quarantacinquenni. Otto giorni fa Anief ha proposto alle Commissioni XI e XII della Camera una serie di emendamenti al “decretone”, con richieste che riguardavano principalmente il pensionamento del personale docente, degli Ata e dei dirigenti scolastici. Una riguardava l’utilizzo delle risorse del reddito di cittadinanza anche per il salario minimo nei rinnovi contrattuali del pubblico impiego (garantendo l’allineamento degli stipendi al tasso d’inflazione certificata) – tema di un incontro specifico chiesto da Di Maio alle parti sociali – e per il recupero dell’indennità di vacanza contrattuale 2016-2018. È stata anche chiesta l’estensione di Quota 100 “alla data di conversione in legge del presente decreto” per i dipendenti pubblici che ne hanno diritto. E inoltre per quanto riguarda il conseguimento di Quota 100 per il personale della scuola, si chiede che si prenda atto dell’età media della presa di servizio, che supera i 40 anni di età, e del fatto che si continua a registrare un alto tasso di precarietà per esigenze di bilancio, nonché del riconosciuto burn-out da stress da lavoro correlato di questi professionisti. Si è avanzata, infine, la possibilità di rateizzare l’onere dei contributi da riscatto.Il presidente nazionale Anief, Marcello Pacifico, sostiene le proposte emendative: “Quelle che abbiamo avanzate avrebbero migliorato certamente il testo originario. Nell’imminenza dell’approvazione del decreto legge, che accogliamo con sostanziale positività, ci preme che la nostra visione, su aspetti specifici che riguardano la scuola, sia condivisa dai rappresentanti della maggioranza.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Reddito di Cittadinanza: 100 nuovi Ispettori alla Guardia di Finanza

Posted by fidest press agency su sabato, 16 marzo 2019

Roma – “Incrementeremo di 100 unità il ruolo degli Ispettori della Guardia di Finanza, al fine di potenziare le attività di monitoraggio e controllo legate all’attuazione del Reddito di Cittadinanza. Come  è noto, il Governo intende garantire il rispetto di tutte le disposizioni contenute ed il contrasto ad ogni forma di abuso. Dimostreremo, anche attraverso questa nuova previsione normativa, che il Reddito di Cittadinanza ha l’obiettivo di reinserire le persone nel mondo del lavoro, e non lasciarle sul divano, come invece qualcuno ama raccontare”. Così il Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, annuncia il deposito dell’emendamento al Disegno di Legge di Conversione del Decreto Legge su Reddito di Cittadinanza e Pensioni.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Reddito cittadinanza. Bene l’accordo: restituiamo futuro e dignità a migliaia di lombardi

Posted by fidest press agency su sabato, 16 marzo 2019

“Bene l’accordo raggiunto in conferenza Stato-Regioni sul reddito di cittadinanza, Luigi Di Maio l’aveva promesso e ha garantito piena collaborazione e totale rispetto istituzionale.
I dati ci dicono che la Lombardia è tra le regioni con più domande per il reddito di cittadinanza.La povertà e le difficoltà fin qui erano sommerse. Al contrario anche il nord fa fatica in barba a chi definiva il reddito come a una misura confezionata per il sud. Anche nella Lombardia produttiva veniamo incontro a chi ha perso il lavoro e cerchiamo di aiutarlo nel ricollocarsi.Fin qui chi ha governato il Paese ha messo in campo solo misure assistenzialiste per i più deboli mentre il reddito di cittadinanza è l’opposto della logica del divano e contrasta la povertà con il reinserimento nel mondo del lavoro. Stiamo cercando di restituire dignità e futuro a migliaia di lombardi”, così Andrea Fiasconaro, capogruppo del M5S Lombardia, commenta l’accordo fra Stato e Regioni sul reddito di cittadinanza e sul potenziamento dei centri per l’impiego.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Reddito di cittadinanza e pensioni valgono anche per gli italiani all’estero?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 marzo 2019

L’on. Fitzgerald Nissoli, in occasione della “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, recante disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni”, ha presentato due emendamenti tesi a venire incontro alle esigenze degli italiani all’estero.In particolare, l’on. Nissoli ha chiesto, in tali emendamenti, che anche gli iscritti all’Aire che “ristabiliscono la residenza anagrafica sul territorio nazionale possono accedere, dopo sei mesi di residenza continuativa, al reddito di cittadinanza ed alla pensione di cittadinanza, se in possesso dei requisiti richiesti.” Inoltre, l’on. Nissoli ha previsto forme convenienti di riscatto dei contributi versati all’estero, fuori dagli accordi bilaterali di sicurezza sociale.
“Auspico – ha dichiarato l’on. Nissoli – che la maggioranza di governo mostri sensibilità verso gli italiani all’estero e voti favorevolmente questi due emendamenti.”

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quota 100 e Reddito di cittadinanza: Anief presenta emendamenti

Posted by fidest press agency su martedì, 12 marzo 2019

Il giovane sindacato rappresentativo ha inviato alcune proposte emendative alle Commissioni XI, Lavoro Pubblico e Privato, e XII, Affari sociali, della Camera riguardanti l’AC n. 1637 ddl “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, recante disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni”. Marcello Pacifico (Anief): “La nostra visione, se condivisa dalla maggioranza, come speriamo, migliorerà di molto il disegno di legge” Anief ha presento alle Commissioni XI e XII della Camera una serie di emendamenti al “decretone” su Quota 100 e Reddito di Cittadinanza. Le richieste, che erano già state avanzate al Senato, riguardano soprattutto il pensionamento del personale docente, degli Ata e dei dirigenti scolastici.Per quanto riguarda l’articolo 12 al comma 1, Anief chiede di utilizzare le risorse del reddito di cittadinanza anche per il salario minimo nei rinnovi contrattuali del pubblico impiego; infatti rispetto “agli aumenti contrattuali dei dipendenti e dei dirigenti del pubblico impiego previsti rispettivamente dell’1,3%, dello 0,35% e dello 0,30% per il triennio 2019-2021, si intende garantire almeno l’allineamento degli stipendi al tasso d’inflazione certificata”. Inoltre si chiede di utilizzare le risorse del rdc anche per il recupero dell’indennità di vacanza contrattuale 2016-2018.Per quanto concerne l’articolo 14 viene richiesta l’estensione di Quota 100 “alla data di conversione in legge del presente decreto”; per i dipendenti pubblici che ne hanno diritto. E inoltre per quanto riguarda il conseguimento di Quota 100 per il personale della scuola, si chiede che si prenda atto dell’età media della presa di servizio, che supera i 40 anni di età, e del fatto che si continua a registrare un alto tasso di precarietà per esigenze di bilancio, nonché del riconosciuto burn-out da stress da lavoro correlato di questi professionisti.All’articolo 15, comma 4, Anief richiede l’estensione del carattere gravoso a tutta la professione docente di tutti gli ordini di scuola, poiché, “come si evince dagli studi sullo stress da lavoro correlato e burnout del dott. Vittorio Lodolo D’Oria, risulta indispensabile allargare l’attuale finestra di assegno di anticipo pensionistico prevista soltanto per il personale dell’infanzia”.Per quanto riguarda l’art 20, al comma 5, si avanza la possibilità di rateizzare l’onere dei contributi da riscatto; poiché “il trattamento di pensione anticipata Quota 100 è un regime appena introdotto, non c’è stato, per i lavoratori, il tempo di prepararsi ad affrontare un’eventuale spesa ingente per far fronte al riscatto dei periodi non coperti da contribuzione”.Sull’articolo 23, comma 2, si chiede di definire l’importo di finanziamento per la liquidazione, così da tutelare i lavoratori e fissare un termine massimo per l’aliquota da definire nell’accordo quadro. Infine, all’articolo 24, Anief chiede l’estensione della detassazione TFS: “la modifica intende estendere la platea dei beneficiari in base a quanto definito dal presente decreto in termini di liquidazione media programmata da erogare”.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, spiega come le proposte emendative presentate siano “senza dubbio migliorative rispetto a un testo che accogliamo con favore, dopo aver lottato per anni nei tribunali, quando già all’indomani della riforma Fornero si chiedeva di prestare attenzione a quota 96 per il personale della scuola. La nostra visione, se condivisa dalla maggioranza di governo come speriamo, migliorerà di molto il disegno di legge”, conclude il sindacalista.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Reddito di cittadinanza e agenzie per il lavoro

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 marzo 2019

Nell’ambito dell’audizione svoltasi giorni fa presso le Commissioni riunite Lavoro e Affari Sociali della Camera dei Deputati, Assolavoro, l’Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro che rappresenta l’87% del settore, ha illustrato una serie di proposte emendative finalizzate a rendere concretamente attuabile la parte del provvedimento che disciplina le modalità e le procedure di inserimento lavorativo dei percettori del Reddito di Cittadinanza (RdC).La delegazione di Assolavoro, composta dal Direttore Generale, Agostino Di Maio, e dal Consigliere con delega alle transizioni verso il lavoro, Antonio Bonardo, ha riportato i dati dell’Osservatorio Datalab dai quali emerge che da luglio a dicembre 2018 ci sono 39mila persone in meno occupate attraverso le Agenzie per il Lavoro; persone che avevano un contratto di somministrazione che prevede per legge retribuzione e diritti tipici del lavoro dipendente e che ora non lavorano più con le Agenzie.Il contestuale aumento del lavoro a chiamata (+15mila da luglio a dicembre 2018) e del lavoro occasionale (+50mila lo scorso anno) confermano la lettura secondo la quale con il Decreto Dignità le persone con maggiori competenze sono state stabilizzate prima, mentre chi ha una professionalità meno elevata è scivolato verso forme meno tutelate di lavoro o verso la disoccupazione. Da qui la necessità di rivedere il Decreto Dignità e in particolare le causali per il lavoro in somministrazione che hanno come unico effetto quello di scoraggiare l’utilizzo della forma di flessibilità con maggiori tutele per il lavoratore.​

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alberti (M5S Lombardia) a Rizzoli: internalizzi dipendenti CPI come le altre regioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 marzo 2019

Questa mattina l’Assessore regionale all’Istruzione, formazione e lavoro Melania Rizzoli commentando il via libera alle domande per il reddito di cittadinanza ha dichiarato “”Noi non siamo prevenuti, però vogliamo agire secondo legge, perché se non dovesse funzionare non vorremmo che le responsabilità venissero attribuite alle Regioni”. E ha espresso dubbi sulle regole di ingaggio dei “navigator”.Dino Alberti, consigliere regionale del M5S Lombardia, commenta: “Prendiamo atto che l’Assessore vuole agire secondo la legge. Lo faccia a partire dall’assunzione da parte della Lombardia dei dipendenti dei Centri per l’impiego, che sono stati lasciati in balia della Province. Lo impone la normativa nazionale e lo hanno fatto tutte le altre regioni. Prendiamo atto poi che la più grande preoccupazione di Regione Lombardia legata al reddito di cittadinanza è l’ingaggio dei navigator. Sono questioni risolvibili per una riforma così ampia e rivoluzionaria cha ha restituito dignità e speranza a migliaia di persone e di famiglie. Le testimonianze di decine di persone fuori dai CAF chiariscono ogni dubbio: il reddito di cittadinanza andava fatto perchè in troppi sono rimasti indietro a causa di partiti incapaci di far fronte al problema della disuguaglianza e della povertà”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sito per reddito di cittadinanza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 marzo 2019

AssoCertificatori – l’associazione dei principali certificatori accreditati e operanti in Italia per il rilascio di firma digitale e posta elettronica certificata nonché per l’erogazione di servizi di conservazione digitale a norma – smentisce la presunta causa dei problemi di accesso via SPID al sito del Governo http://www.redditodicittadinanza.gov.it, così come apparsa stamane sui mezzi d’informazione.Le cronache hanno riportato correttamente il problema iniziale avuto dai cittadini che, al momento dell’accesso al portale mediante le proprie credenziali SPID, hanno visualizzato un messaggio di errore con impossibilità di proseguire alla procedura.Fortunatamente tale disservizio è stato risolto già in mattinata ma – contrariamente a quanto dichiarato da fonti istituzionali e ripreso da alcuni media – non era affatto imputabile alla responsabilità, o meglio a presunti errori, di nessuno dei gestori di identità digitale SPID.Lo spiacevole contrattempo è stato, infatti, determinato unicamente dalla non corretta integrazione del portale governativo http://www.redditodicittadinanza.gov.it con l’infrastruttura SPID. AssoCertificatori invita cortesemente i mezzi di informazione a riportare tale precisazione e a rimuovere, da eventuali propri articoli, i riferimenti ad inesistenti responsabilità dei Gestori SPID in merito al problema riscontrato, onde evitare ulteriori danni alla loro reputazione.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Reddito cittadinanza: Da domani la presentazione delle domande

Posted by fidest press agency su martedì, 5 marzo 2019

Ai nastri di partenza la fase operativa del Reddito di cittadinanza. “Da domani anche i cittadini lombardi potranno presentare la domanda presso gli Uffici Postali, i CAF Centri di Assistenza Fiscale convenzionati e online, sul sito dedicato, per chi è in possesso di SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale” annuncia il consigliere regionale del M5S Lombardia Massimo De Rosa.“È un risultato al quale abbiamo sempre creduto. Penso alle persone che aiuteremo in maniera concreta e ripenso a quanto a lungo i cittadini siano stati costretti ad ascoltare prima le false promesse dei partiti, poi a subire le bugie della loro propaganda: “È irrealizzabile, non lo farete mai”.Da domani il reddito di cittadinanza sarà realtà. Il Movimento Cinque Stelle ha dimostrato di realizzare con i fatti le promesse, se lo diciamo lo facciamo” sottolinea il portavoce penta stellato.
“È importante ricordare che, prima della presentazione delle domande, sarà indispensabile aver richiesto l’ISEE ed esserne già in possesso. Questo indicatore, infatti, è uno degli elementi fondamentali per verificare il diritto al beneficio che è legato anche a requisiti su cittadinanza, patrimonio immobiliare e finanziario e reddito dichiarato. Riguardo i tempi, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ricorda che il periodo di presentazione delle domande, per essere inseriti nel programma dal mese di aprile, è compreso tra il 6 e il 31 marzo”, conclude De Rosa.

Posted in Uncategorized, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Quota 100 e Reddito di cittadinanza: Udir interviene in Senato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 febbraio 2019

Richiesto ai senatori di consentire la pensione anticipata ai dirigenti scolastici. Tra le altre proposte emendative il recupero del valore degli stipendi e la copertura per la rateizzazione dell’intera liquidazione con tassazione all’1,5% Per il presidente Marcello Pacifico sarebbe giusto ritornare a regime alla pre Fornero o comunque all’età di 63 anni andare in pensione col massimo dei contributi, fermo restando la possibilità, su richiesta, di permanere in servizio come per i magistrati. Sono diversi gli emendamenti al decreto presentati in XI Commissione del Senato su Reddito di cittadinanza e Quota 100. Bene ha fatto il Governo a scegliere questa strada. Ora però bisogna sbloccare subito le immissioni in ruolo e per i presidi, oltre a semplificare le procedure di assunzione per i vincitori del nuovo concorso, bisogna organizzare un corso riservato per i ricorrenti avversi il bando del 2011.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Udir presenta emendamenti al Decreto su Reddito di cittadinanza e Quota 100

Posted by fidest press agency su martedì, 5 febbraio 2019

Udir ha chiesto di consentire anche ai dirigenti dell’area dell’istruzione e della ricerca la possibilità di presentare domanda di pensionamento anticipata. In audizione a partire dalle 19.15 a Palazzo Madama, presso la XI Commissione del Senato della Repubblica, sono stati chiesti dalla delegazione una serie di emendamenti che vogliono tutelare anche il ruolo del capo d’istituto. A riportare le ragioni del sindacato Patrizia Costantini, DS abruzzese, e Pietro Perziani, dirigente in quiescenza ed esperto in relazioni sindacali. Particolare rilievo è stato dato alla questione del pensionamento anticipato, per cui da oggi è possibile presentare domanda, che potrebbe comportare anche una decurtazione dell’assegno pensionistico fino al 30%. Altri i temi trattati, nell’ottica della difesa dei beneficiari delle misure enunciate.
Marcello Pacifico (presidente nazionale Udir): chiediamo che le norme su quota 100 possano essere applicate anche per i dirigenti scolastici che dovrebbero, anzi, per la complessità del ruolo svolto, poter accedere con il massimo dei contributi anche prima dei 62 anni. Gli stessi stipendi dei dirigenti scolastici, ancora lontani dalla perequazione piena con gli altri dirigenti della stessa area, devono essere, almeno, allineati all’inflazione per il prossimo triennio come per il triennio precedente. Siamo convinti della forza delle azioni giuste e continuative. Ancora una volta siamo qui, a esporci davanti ai senatori, per portare in prim’ordine le nostre ragioni.
Tra i tanti emendamenti presentati, si segnala quello all’articolo 12, comma 10: “per il personale della dirigenza scolastica, ad ogni modo, si applicano ai fini del diritto all’accesso e alla decorrenza del trattamento pensionistico di vecchiaia o di anzianità, le disposizioni normative previgenti all’approvazione dell’articolo 24, della legge 22 dicembre 2011, n. 214 e successive modificazioni”, poiché il ruolo del DS, sia per l’acuto stress a cui è sottoposta la categoria sia per il pesante gap generazionale tra personale scolastico e discenti, necessita di un’apposita finestra che permetta l’accesso e la decorrenza del trattamento pensionistico di vecchiaia o di anzianità secondo le regole previgenti la riforma cosiddetta “Fornero”.
Per quanto riguarda la “Riduzione anzianità contributiva per accesso al pensionamento anticipato indipendente dall’età anagrafica. Decorrenza con finestre trimestrali”, all’art. 15, comma 4, si vuole sostituire le parole “comparto scuola ed AFAM” con le seguenti parole” comparto e dell’area dell’istruzione e della ricerca”, poiché “la modifica interessa tutto il personale dipendente e dirigente del nuovo comparto e area dell’istruzione e della ricerca considerato ad ogni modo l’errore presente nel testo normativo in riferimento anche del solo comparto scuola ed AFAM che non esiste più”.
Per Opzione Donna, art. 16, al comma 3, s’intende sostituire le parole “comparto scuola ed AFAM” con le seguenti parole” comparto e dell’area dell’istruzione e della ricerca”, comportando tale azione la motivazione su indicata. Per la Facoltà di riscatto periodi non coperti da contribuzione, art. 20, al comma 6, si vuole sostituire la parola “quarantacinquesimo” con “cinquantesimo”, così da estenderla a una platea maggiore di lavoratori interessati. Per l’Anticipo del TFS, art. 23, al comma 2, dopo le parole “comma 5” s’intende inserire le seguenti parole: “e comunque non superiore all’1,5%” per “tutelare i lavoratori e fissare un termine massimo per l’aliquota da definire nell’accordo quadro”. Ancora, al comma 5, si chiede di sostituire la parola “30.000” con “80.000”, per estendere l’importo finanziabile per l’erogazione della liquidazione. In ultimo, all’art. 24, Detassazione TFS, al comma 2, si vuole sostituire “50.000” con “76.000”, per allargare i beneficiari “in base a quanto definito dal presente decreto in termini di liquidazione media programmata da erogare”.

Posted in Politica/Politics, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Confronto su reddito di cittadinanza

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 febbraio 2019

Nel funzionamento del Reddito di cittadinanza sarà determinante il “Navigator”. Ma questa nuova figura professionale, per la quale sono già previste 6 mila assunzioni nei prossimi mesi, “rischia di fare un buco nell’acqua”, inserendosi in “un sistema che non funziona”. Così la senatrice PD, Annamaria Parente, Vicepresidente della Commissione Lavoro del Senato, ospite di “Punti di Vista”, il programma di approfondimento politico realizzato dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. Secondo la senatrice per far funzionare efficacemente le politiche attive del lavoro è necessario creare una rete con i Consulenti del Lavoro, che come sottolinea “hanno esperienza con le aziende e con il lavoro”. La collaborazione con i professionisti è anche nell’idea della firmataria del primo Ddl sul reddito di cittadinanza, la senatrice pentastellata Nunzia Catalfo, Presidente della Commissione Lavoro del Senato. Certo è che “6 mila Navigator sono un numero importante, ma sono pochissimi rispetto a quello che, invece, è il numero delle forze che dovremo mettere in campo per attuare uno strumento di tipo universale”, sottolinea la Presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, Marina Calderone.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Reddito di cittadinanza: Un vitalizio grillino?

Posted by fidest press agency su sabato, 1 dicembre 2018

“I dati rilevati dall’Istat, che registrano come nel terzo trimestre del 2018 il Pil sia diminuito dello 0,1% rispetto al trimestre precedente, non sono incoraggianti. Il segnale è negativo, calano gli investimenti, la produzione economica e i consumi. Ma la vera preoccupazione è legata alle misure della manovra di bilancio che il Governo si appresta a varare, con i 10 miliardi bruciati nel reddito di cittadinanza che non produrrà né ricchezza né crescita. Una misura che rischia di diventare un vero e proprio ‘vitalizio grillino’, visto che la pressione di 5 milioni e mezzo di persone lascia prevedere una proroga. Una misura capestro che rischia di rappresentare il piombo a un’economia continentale in affanno”.E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Trasformare il reddito di cittadinanza in sussidi per le imprese dopo l’assunzione”

Posted by fidest press agency su martedì, 27 novembre 2018

Stefano Patuanelli, capogruppo al Senato del M5S a 24Mattino su Radio 24: “Trasformare il reddito di cittadinanza in sussidi per le imprese dopo l’assunzione è una buona idea, ci stiamo lavorando”“Trasferire il reddito di cittadinanza all’impresa che assume chi lo percepisce è una proposta intelligente.” Lo ha detto il capogruppo al Senato del Movimento cinque stelle Stefano Patuanelli, a 24mattino di Maria Latella e Oscar Giannino su Radio 24. “E’ un’ipotesi su cui stiamo lavorando” ha aggiunto il Presidente dei Senatori grillini, commentando la proposta del sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri, apprezzata dal direttore generale di Confindustria Marcella Panucci. “Pensare che un’impresa assuma chi percepisce il reddito di cittadinanza e che quel reddito venga trasferito all’impresa credo sia una buona idea per favorire l’occupazione”, ha spiegato ancora Patuanelli a Radio 24. E alla domanda se il governo continua, Patuanelli risponde: “Se è in grado di fare le cose, poi alla fine della legislatura diranno i cittadini se le risposte sono state efficaci. La lealtà non si misura nel far finta che tutto vada bene, ma anche nell’ammettere che le storie sono diverse. –e conclude il capogruppo al Senato del M5S a Radio 24 – I temi che Lega e Cinque stelle vogliono affrontare assieme sono già nel contratto, quelli che non sono lì dentro possono essere oggetto di contestazione reciproca ma credo che la discussione sia un valore in più e non un problema”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Reddito di cittadinanza e pensioni

Posted by fidest press agency su domenica, 18 novembre 2018

Udir presenta alla V Commissione Bilancio sette emendamenti per tutelare la professione del dirigente scolastico. Tra le misure richieste la piena perequazione della retribuzione di posizione parte fissa dello stipendio entro il 2018, il ripristino del versamento della RIA dei presidi in quiescenza nel FUN, la semplificazione delle procedure di assunzione del nuovo concorso, l’ammissione dei ricorrenti 2011 e dei presidi incaricati a un nuovo corso riservato, la riscrittura delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e la responsabilità del DS. Stipendi adeguati all’inflazione e nessun impatto della valutazione del portfolio sulla retribuzione di risultato. La richiesta del leader del giovane sindacato è stata formulata al titolare della Funzione Pubblica durante l’incontro tenuto a Palazzo Vidoni assieme alla delegazione Cisal: non si può parlare di reddito minimo di cittadinanza senza occuparsi del salario minimo dei cittadini lavoratori, il quale secondo un preciso accordo tra le parti sociali e Confindustria solo nel privato garantisce l’allineamento degli stipendi all’inflazione, mentre nel pubblico per colpa del blocco stipendiale lungo otto anni, nonostante i recenti aumenti complessivi del 5%, vede gli stessi stipendi di base almeno sette punti ancora sotto l’inflazione. Il sindacalista autonomo ha inoltre chiesto il pensionamento della categoria a 63 anni con il massimo contributivo per tutti, che non rappresenta nulla di trascendentale visto che è il modello adottato oggi in Europa, oltre al riconoscimento del lavoro gravoso anche per i docenti in servizio nella scuola primaria e secondaria.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come potrebbe funzionare l’erogazione del reddito di cittadinanza?

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 novembre 2018

“Quando si potrà iniziare ad usufruire del reddito di cittadinanza? Il processo per la valutazione delle domande inizierà il primo aprile, spero che entro la fine di aprile potrà esser tutto pronto”. A parlare, ospite di Un Giorno da Pecora Rai Radio1, è Mimmo Parisi, docente alla Mississippi State University e direttore del National Strategic Planning and Analysis Research Center, a cui Luigi Di Maio avrebbe affidato lo sviluppo di una app centrale per il processo di distribuzione del reddito di cittadinanza. Lei ha inventato un’app, Mississipi Work, che potrebbe essere centrale per il reddito. Come funziona? “Crea una sorta di ufficio virtuale, mettendo in relazione chi cerca e chi offre lavoro”. Com’è andato l’incontro con Luigi Di Maio? “E’ stato un caso, ero in Italia per fare delle presentazioni. Lui è stato entusiasta della mia app, fin da subito, ha subito compreo anche gli aspetti più tecnici”. Si potrebbe usare anche in Italia? “Stiamo lavorando per verificare che possa diventare davvero qualcosa che funzioni anche in Italia”. Che scadenze vi siete dati? “Ai primi dicembre raccoglieremo tutti i dati tecnici, e poi faremo una valutazione finale, per capire se potremmo utilizzare questo progetto a partire da aprile. E’ quello il nostro obiettivo”. Di Maio le ha chiesto di rilasciare la versione definitiva per aprile? “Sarà suddivisa in tre fasi. Nella prima, a partire di aprile, ci occuperemo dell’erogazione del reddito di cittadinanza. La seconda, da aprile a giugno, svilupperemo la parte della formazione e del collegamento col mondo del lavoro, e poi, alla fine dell’anno, dovremmo cominciare ad avere la partecipazione delle aziende”. (fonte: redazione un giorno da pecora)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »