Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘regione siciliana’

Grande accoglienza è stata riservata al Governatore della Regione Siciliana e alla sua delegazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 gennaio 2020

musumeciLo è stata durante l’evento che si è svolto Domenica 26 Gennaio presso il Venetian Catering di Garfield (NJ).Su invito del Console Generale d’Italia a New York, Min. Plen. Francesco Genuardi, la neo eletta Presidente, Cav. Sarah Salamone, e il Chairman, Gr. Uff. Marco Cangialosi, della Federazione Siciliana del New Jersey, hanno organizzato un confronto fra alcune rappresentanze della comunità di siciliani degli Stati Uniti, autorità del New Jersey e il Presidente On. Nello Musumeci.A dare il benvenuto e a moderare è stata la presidente Salamone la quale, dopo aver fatto intonare gli inni nazionali, chiama il Senatore dello Stato, Paul Sarlo, ad introdurre il governatore del New Jersey, Phil Murphy, che per l’occasione indossa una cravatta rossa ed una pochette gialla per omaggiare i colori della bandiera siciliana.Il presidente Musumeci viene presentato dal Console Generale, che si dice pronto a sostenerlo nell’applicazione delle politiche che faranno perno sulla comunità che lui rappresenta.
“La volontà di voler ricostruire quel ponte tra le Istituzioni Regionali e le rappresentanze estere affinché ci si senta tutti parte della stessa comunità”, dice Musumeci, “è il motivo principale di questa visita ufficiale. In Sicilia oggi c’è tutto il necessario per poter effettuare scambi culturali ed economici: facciamo investire nuovi imprenditori, e noi, come governo, li incoraggeremo e li accompagneremo”
Una richiesta di sostegno ai Siciliani all’estero quindi, per far ritornare la Sicilia protagonista forte anche di questo momento che vede prestigiose testate come Forbes e New York Times, suggerire ai propri lettori di visitare la nostra meravigliosa isola.
A seguire gli interventi degli ospiti: i Congressman Bill Pascrell e Josh Gottheimer, il Bergen County musumeci1Executive, James Tedesco, lo Sceriffo, Frank Schillari, i Sindaci Richard Rigoglioso, Scott Luna e James Anzaldi, la Deputata On Fucsia Nissoli Fitzgerald e la Vice Segretario CGIE, Dott.ssa Silvana Mangione.Un vicendevole e costruttivo scambio di idee e di doni tra il Presidente Musumeci e i relatori, alcuni dei quali mettendo in risalto tutto ciò che li legava alla Sicilia, non hanno nascosto l’emozione nel ricordare le proprie origini.Numerose le rappresentanze presenti nella sala a cui il presidente ha dedicato del tempo, sia per ascoltare le loro istanze che semplicemente per un saluto ed una fotografia.
Erano presenti: Sicilian Citizens Club of Bayonne, Societa San Ciro, Ieri Oggi Domani, Società Unita, Ribera Italian Cultural Center, S.Giuseppe/S.Croce Camerina Society, Scoglitti Society, Italian American Forum of Lodi, San Giuseppe Society Lodi, NJ Association of Cavalieri OMRI, Italian Cultural Association NY, Società di Polizzi Generosa Middle Village NY, NJ Italian American Police Association, Comites NY, NJ and CT, CSNA Confederazione Siciliana Nord America, Console Onorario Designato del Connecticut.
Fra i presenti anche il Cav. Tony Di Piazza, fulgido esempio di italo-americano che ha creduto nella Sicilia, investendo per l’acquisizione della squadra di calcio della città di Palermo di cui adesso ricopre la carica di vicepresidente.
Il Cav. Tony Di Piazza assieme al Cav. Dino Clemente, saranno onorati dalla Federazione Siciliana del New Jersey durante l’annuale cena di gala che si terrà giorno 7 Marzo.
A chiusura dei lavori, la presidente Sarah Salamone chiama sul palco l’amministrazione e i rappresentanti del direttivo della Federazione per consegnare al governatore Musumeci un ricordo della giornata ed un messaggio, affinché con il suo governo si possano riattivare quelle misure che nel passato hanno tenuto vitali i legami tra le comunità.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Franco Busalacchi annuncia la sua candidatura alla Presidenza della Regione Siciliana

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 febbraio 2017

busalacchiFranco Busalacchi, già dirigente generale dell’Amministrazione regionale e leader dell’associazione I Nuovi Vespri ha presentato oggi la propria candidatura alla presidenza della Regione Siciliana. L’ha fatto nel corso di una conferenza stampa tenuta a Palermo, presso la sede dell’Italpress. “Un esponente di spicco della politica siciliana dei nostri giorni – ha affermato – dice che la nostra Isola vive un momento magico. Affermazione che non mi ha convinto. Così sono andato a verificare le statistiche. Perché le statistiche, è noto, non mentono mai. E ho appurato che la Sicilia è l’ultima Regione italiana per le cose virtuose e la prima per i problemi non risolti. Mentre il Trentino Alto Adige è la prima Regione italiana. Entrambe – Sicilia e Trentino – sono due Regioni a Statuto speciale. Da noi l’Autonomia non ha funzionato, in Trentino, sì. Se ne deduce che il problema del sottosviluppo economico e sociale della Sicilia non è l’Autonomia, ma chi fino ad oggi l’ha gestita”. A proposito dei Siciliani, Busalacchi ha raccontato di un suo incontro con un sociologo. “Questo signore – ha ricordato Busalacchi – quando ci siamo conosciuti, mi ha detto: vuole sapere come sono fatti i Siciliani? E mi ha raccontato la storia della rana. In una pentola riempita di acqua e messa su un fornello a fuoco bassissimo si mette una rana. La rana non si muoverà. Man mano che l’acqua, piano piano, andrà riscaldandosi la troverà pure piacevole. Non salterà fuori dalla pentola: si lascerà morire. Così sono i siciliani: si lasciano fare di tutto. Io non credo alla tesi di questo sociologo. Non a caso, oggi, sono qui a presentare la mia candidatura alla presidenza della Regione”. “La Sicilia può cambiare – ha aggiunto -. Io ci credo. Credo, soprattutto, nei giovani. Nella nostra Isola ci sono circa 4 milioni e 400 mila elettori. Alle elezioni regionali del 2012 sono andati a votare 2 milioni e 200 mila siciliani circa. Appena la metà. Ricordo che Rosario Crocetta è stato eletto con circa 650 mila voti. La maggior parte dei giovani non si è recata alle urne. Bene. In Sicilia i giovani di età compresa tra 18 e 20 anni sono circa 750 mila. Se questi giovani siciliani prenderanno coscienza della propria forza elettorale, il prossimo novembre, eleggeranno un presidente della Regione e mezzo!”.
“Volete sapere chi sono i miei alleati? Sono i siciliani – ha sottolineato -. Vorrei ricordare che nel 1946 i siciliani hanno votato in favore della monarchia che li aveva coinvolti in una rovinosa guerra. Lo scorso 4 dicembre dello scorso anno la maggioranza dei siciliani ha votato no al referendum. Siamo nel pieno di un cambiamento culturale. Oggi la Sicilia può cambiare il rapporto tra voto di scambio e voto di opinione a favore di quest’ultimo”.Nel programma presentato da Busalacchi c’è, in rimo luogo, un principio che ha ereditato da Piersanti Mattarella del quale è stato segretario di Giunta:
“Il presidente Piersanti Mattarella – ha ricordato Busalacchi – diceva che prima di reclamare i nostri diritti, cioè l’Autonomia della Sicilia, che difendeva a denti stretti, bisogna avere le carte in regola. Quella che Mattarella riuscì in parte a costruire prima della sua tragica fine fu una Regione siciliana con le carte in regola. Partendo da questo assunto, insieme con chi mi sosterrà, dobbiamo rivedere subito la ‘macchina’ amministrativa della Regione che conosco bene”.
“Vedete – ha affermato – io ho molta stima dei tanti elettori del Movimento 5 Stelle. Apprezzo tantissimo il loro sforzo di voler cambiare l’Italia e, nel caso della Sicilia, la voglia di cambiare in meglio la Regione. Ma per raggiungere questo obiettivo il cuore non basta. Bisogna conoscere la ‘macchina’ amministrativa: bisogna sapere dove, come e quando intervenire per apportare cambiamenti e miglioramenti. Io penso di sapere dove mettere le mani”. “Ai giovani siciliani dico: aiutatemi ad aiutarvi – ha detto Busalacchi -. Agli elettori del Movimento 5 Stelle dico quello che di me ha detto un amico: e cioè che sono un grillino che conosce il latino dell’Amministrazione regionale siciliana. Io l’Amministrazione regionale, se me ne daranno l’opportunità, la cambierò davvero”.
Un altro punto del programma è il Reddito di cittadinanza.
“In Europa – ha detto Busalacchi – solo l’Ungheria, la Grecia e la Sicilia non hanno il reddito di cittadinanza. E sarà la prima cosa che istituirò se verrò eletto”.Alla domanda dei giornalisti su dove troverà le risorse finanziarie per finanziarlo ha risposto così:
“Intanto taglierò le retribuzioni ai parlamentari dell’Ars. Poi eliminerò i vitalizi agli ex parlamentari. So che questo non risolverà il problema del reperimento delle risorse finanziarie. Ma lancerò un segnale preciso a tutta la Sicilia. Che si accompagnerà all’eliminazione delle società regionali e partecipate dalla stessa Regione, che sono, da sempre, fonte di sprechi e di corruzione. Dopo di che avvierò una trattativa serrata con Bruxelles per utilizzare una parte del Fondo Sociale Europeo per sostenere il Reddito di cittadinanza”.
“Il Reddito di cittadinanza – ha aggiunto Busalacchi – è, in prima battuta, uno strumento keynesiano: un’azione di sostegno alla domanda al consumo che farà bene alle famiglie e alle imprese. Ha un significato sociale importante in una Regione a rischio mafia come la Sicilia, perché viene incontro a chi è senza lavoro, soprattutto ai giovani. Con l’impegno che gli stessi giovani si dovranno dare da fare per trovare un lavoro: un lavoro vero e non l’incredibile offerta di lustrascarpe proposta ai giovani laureati siciliani!”.
Busalacchi ha ricordato l’impegno che intende mettere in campo per rilanciare l’Autonomia applicando lo Statuto siciliano:
“Noi siamo autonomisti – ha detto – ma se Roma continuerà a pretendere di non applicare lo Statuto siciliano, noi ci trasformeremo in indipendentisti. Sarà inevitabile. Rivogliamo l’Alta Corte per la Sicilia. E chiediamo l’applicazione di tutti gli articoli dello Statuto, a cominciare dagli articoli 36, 37 e 38. Sull’articolo 38 – il fondo di solidarietà nazionale – lo Stati ci deve 153 miliardi di Euro. Apriremo una vertenza e non molleremo. Così come apriremo una vertenza sui 600 milioni di Euro all’anno sulla sanità che lo Stato ci nega dal 2007”. “Il nostro programma è già scritto – ha precisato -. E’ l’intesa di programma firmata nel 1999. Firmata dall’allora vice presidente del Consiglio dei Ministri, Sergio Mattarella, e dall’allora presidente della Regione siciliana, Angelo Capodicasa. In questa intesa c’è tutto quello che si deve fare per la Sicilia. Il fatto che negli anni successivi Berlusconi, Cuffaro, Miccichè e Tremonti bloccarono tutto non significa che è tutto finito. A questi signori, allora, interessava il friggi e mangia. A me, invece, interessa rilanciare la Sicilia”. Alla conferenza stampa di Busalacchi era presente il filosofo Diego Fusaro. (foto: busalacchi-fusaro)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Palermo: anno nuovo, giunta nuova

Posted by fidest press agency su martedì, 29 dicembre 2009

Raffaele Lombardo presidente della Regione siciliana ha mandato a casa una parte dei vecchi assessori e ha firmato il decreto per la nomina di nuovi. Gli incarichi sono andati a Pier Carmelo Russo, segretario generale della Regione, a Mario Centorrino, economista e docente universitario di Messina. Sono stati, invece, riconfermati gli altri quattro tecnici: Massimo Russo, Caterina Chinnici, Gaetano Armao e Marco Venturi. Riconfermati anche gli assessori ‘politici’ Luigi Gentile, Nino Strano, Michele Cimino e Titti Bufardeci, assieme a Lino Leanza e Roberto Di Mauro.Nella sua prima riunione sono state attribuire le deleghe ai rispettivi assessori e che entreranno nella fase operativa all’inizio dell’anno, La spiegazione di questa iniziativa la si trova in un comunicato emesso dalla regione nel quale si precisa, tra l’altro, che l’iniziativa intende rinforzare la compagine “governativa” e dare nuovo impulso all’economia siciliana. Prova ne è la figura di Pier Carmelo Russo considerato uno dei più qualificati esperti della macchina regionale e di Mario Centorrino ritenuto uno dei più qualificati esperti nel contesto economico siciliano.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »