Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘relazioni internazionali’

Giancarlo Corsetti (Cambridge University): L’economia delle nuove relazioni internazionali

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 marzo 2017

Roma Martedì 28 Marzo 2017, ore 17:00 Dipartimento di Giurisprudenza, Aula del Consiglio (primo piano) Via Ostiense 161. Centro Ricerche Economiche e Sociali Manlio Rossi-Doria, Università Roma Tre Dipartimento di Economia, Università Roma Tre. La lezione verterà su:
L’economia delle nuove relazioni internazionali a cura di Giancarlo Corsetti
Professor of Macroeconomics, Cambridge University Director of Cambridge-INET
Sarà presentato da Silvia Terzi (Direttore, Dipartimento di Economia, Università Roma Tre) e Guido Fabiani (Presidente, Centro Rossi-Doria, Università Roma Tre) Introduce e Coordina Anna Giunta
Giancarlo Corsetti (Ph.D. Yale, 1992) è professore di macroeconomia all’Università di Cambridge, dove è fellow del Clare College e direttore del Cambridge INET Institute. In precedenza ha insegnato all’Università Roma Tre, Bologna e Yale. E’ stato Pierre Werner Chair all’Istituto Universitario Europeo.
I suoi contributi principali riguardano la teoria delle crisi valutarie e finanziarie; la trasmissione del ciclo economico; le dimensioni internazionali delle politiche monetarie e fiscali; l’evoluzione e crisi dell’area dell’euro. Su questi temi ha pubblicato su: The American Economic Review, Journal of European Economic Association, Journal of Monetary Economics, Quarterly Journal of Economics, Review of Economic Studies. È co-editor del Journal of International Economics.
È consulente della Banca Centrale Europea e della Bank of England, e membro del Centre for Economic Policy Research CEPR, dove è stato direttore del programma di International Macroeconomics dal 2004 al 2015. Nella European Economic Association, è stato membro del Council, e Program Chairman del congresso annuale a Budapest nel 2007. Nel congresso annuale del 2015 ha tenuto la Schumpeter Lecture su “The Mystery of the Printing Press: Monetary Policy and Self-fulfilling Debt Crisis.” Abstract. L’evoluzione della politica nei paesi industrializzati prefigura la ripresa di strategie e politiche opportunistiche in nome dell’interesse nazionale, a detrimento della cooperazione internazionale. Allo stesso tempo, solleva interrogativi sul futuro dell’integrazione economica e finanziaria globale. La lezione propone una riflessione sulle complesse modalità di coesistenza di strategie non-cooperative e mercati globalizzati, alla luce della teoria economica e attraverso esempi di politiche macroeconomiche a livello internazionale e europeo. Nell’Unione Europea, il problema riguarda in particolare il futuro assetto del mercato unico e dell’unione monetaria. Le Lezioni Rossi-Doria, tenute con cadenza annuale a partire dal 1997, sono affidate e studiosi di chiara fama. Dal 2014 la realizzazione delle Lezioni è a cura del Centro.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Unione Africana dribbla incontro londinese

Posted by fidest press agency su martedì, 29 marzo 2011

Libya Baladiyat with former governorates.

Image via Wikipedia

“La posizione dell’Unione Africana non sorprenda: la totale assenza di quell’importantissimo organismo al vertice di Londra ratifica la grande distanza esistente tra Governi Occidentali e UA ed è la conseguenza della mancata condivisione, da parte dei Governi degli Stati d’Africa, della strategia d’attacco in Libia finora portato avanti dall’Occidente. Sia chiaro che la via d’uscita dalla crisi non può realizzarsi, e comunque non sarebbe completa, senza il ripristino delle buone relazioni internazionali tra il resto del mondo e gli Stati Africani”. L’ing. Alfredo Cestari, Presidente della Camera di Commercio ItalAfrica Centrale-Unioncamere (e Console in Italia della Repubblica Democratica del Congo) dice: “La scelta interventista, assunta tra l’altro ad un ristretto tavolo, trovò sin da subito la ferma opposizione dell’Unione Africana che, intanto, lavorava per una soluzione diplomatica, di natura quindi opposta. Estromettendo l’UA dal merito, l’occidente si avviò sulla tortuosa strada dell’uso delle armi in una vicenda interna ad uno Stato sovrano, azzerando ogni possibilità di costruzione di una alternativa di tipo diplomatico e recidendo ogni possibilità di dialogo mediato con Gheddafi. A conferma del ruolo invece decisivo attribuito e svolto dall’UA, oggi lo stesso leader libico chiaramente chiede all’Occidente di lasciare il campo delle decisioni all’Unione Africana dicendosi pronto a rispettarle, di qualsiasi natura esse dovessero essere”.   Cestari continua: “In costante contatto con i governi Africani e con i sempre più preoccupati imprenditori italiani impegnati in nord Africa e fascia sub sahariana, affermo che l’errore fu fatto a Parigi quando, in buona sostanza, i Governi occidentali chiesero alla Unione Africana se intendesse ratificare la decisione interventista e militarista in precedenza presa (ricordo che mentre il vertice era in corso gli aerei, già da ore, bombardavano in Libia); che l’errore fu fatto in quei giorni dal Governo italiano che non fermò questa deriva interventista assurgendo al ruolo che tutti in Libia gli attribuivano (e probabilmente si aspettavano realizzasse): mediatore tra insorti, governo di Gheddafi e Stati Occidentali. Di fronte ad assolute mancanze di garanzie e di considerazione proprie di un recentissimo passato perché, oggi, l’UA dovrebbe accettare di sedersi al tavolo di Londra?”.   Cestari vede una via d’uscita: “Nonostante gli eventi evolvano rapidamente credo esistano al momento  margini, seppur risicati, di ricucitura: ritengo ancora possibile e sempre più necessario un vertice a Roma tra Italia e Unione Africana, sia per trovare strade alternative alle bombe che per proteggere gli interessi di centinaia di aziende italiane impegnate in Africa ed in cerca di sicurezze. La Camera di Commercio ItalAfrica Centrale-Unioncamere è pronta a lavorare affinché i rappresentanti dei Governi dei 19 Stati africani su cui ha competenza accettino di incontrare a Roma il Governo Italiano”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia-Indonesia incontro

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 marzo 2009

“La disponibilità e le opportunità che sono state esposte dal Governo di Jakarta aprono la strada ad un rinnovato percorso di cooperazione commerciale e produttiva tra l’Italia e l’Indonesia in uno scenario internazionale sempre più globalizzato”. E’ quanto dichiara Aldo Di Biagio, deputato del PdL e Presidente dell’Associazione Italia – Indonesia dell’Isiamed in occasione del breakfast meeting con Hassan Wirajuda, ministro degli Esteri Indonesiano, svoltosi in mattinata a Roma. “L’Indonesia rappresenta un mercato vasto e ricco di opportunità per l’Italia – continua Di Biagio – segnatamente sul versante energetico, i progetti bilaterali in fieri sono molteplici e proprio in questa prospettiva economico commerciale il tessuto produttivo del nostro Paese, composto da PMI competitive a livello internazionale, potrebbe trovare una sponda di crescita e di sviluppo rilevante”. “Il Memorandum siglato nella giornata di ieri tra Frattini e Wirajuda – conclude – ha l’ambizione di tracciare proprio questa traiettoria economica, costellata da non trascurabili opportunità e imprenditoriali e da innovativi progetti di cooperazione economica che l’Italia saprà valorizzare e che noi come Associazione ci impegneremo a portare avanti e a rafforzare”.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »