Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘relazioni’

Relazioni sindacali nella scuola: L’Anief viene discriminato

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 ottobre 2019

“Non è possibile – dichiara Marcello Pacifico, presidente del sindacato autonomo – che quasi due anni dopo la rilevazione delle deleghe, a ben 18 mesi di distanza dall’ultima elezione RSU, 90 giorni dopo la sottoscrizione dell’ipotesi di Accordo quadro che ci riconosce rappresentativi nel comparto dell’istruzione e della ricerca, ancora non si possano esercitare le prerogative sindacali previste dalla legge: dalla partecipazione agli importanti tavoli con gli altri sindacati firmatari di contratto, alle ore di permesso e di distacco sindacale che qualcun altro continua illegittimamente ad usufruire, alle assemblee sindacali, alla contrattazione nazionale e integrativa. Dopo mesi di attesa, se non si avrà una risposta chiara nelle prossime ore, ricorreremo alla giustizia, in modo così da rispondere alla violazione delle più elementari regole democratiche e anche perché un giudice spieghi ai 70 mila docenti e Ata nostri iscritti, perché siano gli unici lavoratori a non aver diritto a essere rappresentati. Anche per questo scioperiamo il 12 novembre, con manifestazione davanti a Montecitorio: volgiamo far sentire al Governo quella voce della piazza che viene ignorata dai palazzi”.
“Il problema – dice Marcello Pacifico, leader dell’Anief – è che si è consumata la metà di quel triennio, senza che l’Anief abbia avuto la possibilità di confrontarsi con la parte pubblica. L’ultimo appello era stato lanciato al ministro della Funzione Pubblica, Fabiana Dadone, durante l’incontro al ministero della PA con le Confederazioni sindacali. Ogni ulteriore ritardo, ormai, risulta inaccettabile. Per questo ci siamo rivolti alla massima rappresentanza del Governo, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, per chiedere di sbloccare una situazione che mina le libertà della rappresentatività sindacale e della democrazia garantite dalla Costituzione. Nel frattempo l’ufficio legale si è attivato per studiare la praticabilità di un ricorso d’urgenza che ci riconosci i diritti tutelati dalla legge”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Emozioni e relazione nei luoghi di cura

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 settembre 2018

Assisi dall’8 all’11 ottobre 2018 presso la Domus Pacis di santa Maria degli Angeli in Assisi convegno nazionale Aipas sarà dedicato a emozioni e relazione nei luoghi di cura. La salute è fatta anche di emozioni e nessun operatore sociosanitario può ignorare gli effetti che le emozioni producono nelle relazioni di cura. Il convegno nazionale Aipas del 2018 si sofferma proprio sul tema “Emozioni e relazione, dignità e cura”. Che cosa succede quando un operatore sanitario tocca un malato o quando non lo tocca? Che sensazioni trasmette con il corpo, con le attenzioni o le disattenzioni, con la freddezza o il calore di una carezza, di un tocco leggero? Che cosa accade in un malato che viene guardato? Che si sente al centro dell’attenzione di chi deve curarlo? E in uno che viene ignorato? Se l’intenzione di chi si prende cura dei malati è di instaurare una relazione d’aiuto, questa non può prescindere dagli elementi non verbali della relazione. http://www.aipasalute.it

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tecnologie e nuove generazioni ridisegnano le relazioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 Mag 2018

L’era digitale ridefinisce l’organizzazione del lavoro, anche a livello di management e non più solo nelle aziende a forte vocazione tecnologica. È quanto evidenzia il report Executive Trends 2018 prodotto da Page Executive, divisione boutique di PageGroup specializzata nella ricerca e selezione di top manager. Il dibattito sull’impatto delle nuove tecnologie sul lavoro negli ultimi anni si è principalmente focalizzato sulla possibile scomparsa di numerose funzioni alla base della piramide aziendale, ma la rivoluzione digitale entra anche nel board creando il concetto di leadership orizzontale che comunque non abbandona completamente la gerarchia tradizionale, ma apre linee di comunicazione ed elimina le stratificazioni all’interno dell’organizzazione. Secondo lo studio, che ha indagato il punto di vista di 150 manager in 24 paesi, una struttura aziendale più semplice ed efficiente e una cultura armonizzata tra i dipendenti sono due delle principali sfide che i manager si trovano oggi ad affrontare per riuscire a navigare la complessità e la velocità del business e quindi a creare imprese più forti e prospere.Meno ruoli dirigenziali, maggiore agilità, strette e frequenti connessioni tra i diversi livelli della struttura, non solo per le aziende ipertecnologiche, sono un must per aumentare la responsabilizzazione dei dipendenti e quindi incentivare lo sviluppo di prodotti e servizi capaci di rispondere in anticipo alle richieste del mercato.“Il rapporto mostra che vi è una chiara necessità per le aziende di creare l’ambiente giusto per i dipendenti, anziché concentrarsi sul contesto congeniale ai i manager. Una struttura più piatta responsabilizza il personale, ma non si limita a questo. Poiché sono necessari meno ruoli dirigenziali, il modello risulta altamente efficace in termine di costi oltre a rendere l’organizzazione più snella e agile” – afferma Stefano Cavaliere, Associate Partner di Page Executive – “Inoltre, una cultura aziendale armonizzata riduce il rischio di danni collaterali provocati da un turnover elevato o dalla mancanza di coinvolgimento dei dipendenti”
Quello che emerge dagli Executive Trends di Page Executive è che il management orizzontale prima appannaggio delle grandi aziende tecnologiche oggi deve essere un’ispirazione per tutte quelle aziende che vogliono attrarre e conservare i talenti.Gli esperti di PageGroup hanno inoltre evidenziato come, con l’entrata in azienda delle nuove generazioni, oltre ad apportare cambiamenti profondi alla struttura aziendale sia necessario far integrare le generazioni già presenti con le nuove in arrivo e le diverse culture, questo si può realizzare attraverso l’introduzione di una nuova figura, il Chief Culture Officer (CCO).
Il continuo cambiamento ha portato un numero sempre maggiore di aziende dalla struttura orizzontale a nominare un CCO, che sta diventando una figura chiave per le aziende impegnate a costruire una forza lavoro collaborativa e inclusiva, infatti ha l’obiettivo di capire come presentare l’azienda sul mercato per attirare le persone giuste attraverso il supporto del senior management e lo stretto contatto con il personale. È necessario infatti fare un costante controllo con le persone ed essere sicuri che l’azienda faccia traspari-re i propri valori e che il posto di lavoro rispecchi un luogo positivo e attratti-vo. I dipendenti devono essere consapevoli che l’azienda pone un’attenzione specifica per la felicità, il coinvolgimento e la salute.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Roma nel mese di maggio una grande conferenza internazionale sulla finanza islamica

Posted by fidest press agency su domenica, 4 febbraio 2018

roma10Un ulteriore passo per promuovere all’estero le attività dei professionisti e delle imprese di CONFASSOCIAZIONI”. Lo ha dichiarato in una nota Annamaria TIOZZO, Presidente di CONFASSOCIAZIONI International. “Dopo i primi passi mossi da CONFASSOCIAZIONI International lo scorso anno nel settore dell’attrazione degli investimenti dall’estero, a novembre 2017 ho assunto l’incarico di Presidente di questa branch di CONFASSOCIAZIONI – ha proseguito Annamaria TIOZZO – non solo per consolidare le importanti relazioni instaurate con UNIONCAMERE e Italian Trade Agency, ma soprattutto per sviluppare una capillare azione di accreditamento nei confronti dei rappresentanti di Stati esteri presso le Ambasciate in Italia, i Consolati e le Camere di Commercio Miste”.“Lo scopo di tale azione, che partirà dai Paesi Europei per allargarsi ai Paesi Arabi, all’America, all’Asia e, a seguire, a tutti gli altri – ha proseguito la Presidente TIOZZO – è quello di creare opportunità di business e di relazioni economiche, culturali e sociali senza limiti di confini, di lingua, di tradizione. Allargare ulteriormente la nostra grande community di business a livello internazionale e attivare sinergie strategiche con le tante branch della Confederazione (ad esempio, Banca e Finanza, Giovani e Start Up, Immobiliare, Digital) per progettare interventi e opportunità internazionali specifiche come missioni di incoming e di outcoming dei nostri professionisti e delle nostre imprese”.“Ma c’è di più. Nel mese di maggio abbiamo programmato una grande conferenza a Roma sulla finanza islamica. Si tratta di un tema che – ha affermato il Presidente di CONFASSOCIAZIONI, Angelo DEIANA – stante le ultime news sugli insediamenti di grandi investitori e intermediari nel nostro Paese, deve vedere a confronto istituzioni finanziarie di governo e di mercato per accogliere nel modo migliore questo fenomeno in crescita che può dare alle nostre imprese e ai nostri professionisti grandi opportunità sui mercati finanziari”.“Una grande iniziativa che coinvolgerà molti top player finanziari – ha concluso la Presidente di CONFASSOCIAZIONI International – alla quale affiancheremo, a supporto, la creazione degli strumenti di comunicazione della Confederazione nelle principali lingue del business internazionale con lo scopo di rendere CONFASSOCIAZIONI e tutte le sue branch, un punto di riferimento e di condivisione tra i professionisti e imprese presenti in tutto il mondo”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Qatar: Cosa farà il governo italiano?

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 giugno 2017

qatar“Arabia Saudita, Egitto, Emirati arabi uniti, Bahrein e Yemen hanno rotto le relazioni diplomatiche con il Qatar, accusato di sostenere il terrorismo. Cosa dice il governo italiano? Cosa intende fare alla luce di quanto accaduto? Ci auguriamo che l’esecutivo fornisca quanto prima spiegazioni sulle ottime relazioni che intercorrono tra il Qatar e l’Italia”. È quanto dichiara Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, componente della Commissione Esteri di Montecitorio.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I tatuaggi potrebbero essere il nuovo simbolo per esprimere la disponibilità sessuale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 giugno 2017

tatuaggio-pettoChi ha un tatuaggio è molto più propenso alle relazioni extraconiugali e a rivelarlo è un nuovo interessantissimo sondaggio. Sorprendentemente, le persone coinvolte nei passionali meandri dell’adulterio sono maggiormente le donne – soprattutto le donne con un tatuaggio segreto, di quelli da mostrare solo in situazioni estremamente intime.VictoriaMilan, un sito di incontri per persone sposate e impegnate alla ricerca di una scappatella, ha intervistato 3 milioni dei suoi membri attivi in ben 16 paesi diversi, sul tema “tatuaggi”.Lo studio rivela che le donne scandinave hanno, in proporzione, più tatuaggi. Danimarca (42.3%), Finlandia (41.1%) e Svezia (40.8%) sono i primi 3 paesi in una lista da 15 paesi in totale. Queste donne, utenti attive di Victoria Milan, usano i tatuaggi per svelare la loro personalità così come il desiderio di ribellione e indipendenza.Le statistiche dimostrano che, in questi 15 paesi, i tatuaggi sono molto più comuni nelle donne rispetto agli uomini – la percentuale di donne con un tatuaggio supera del 25% quella degli uomini dello stesso paese. In Italia, il 35,8% delle signore ha un tatuaggio, mentre solo il 29% degli uomini si sono decisi di farne uno. Un terzo (33,9%) delle olandesi non ha paura dell’ago da tatuatore, mentre solo un quinto (22,1%) degli uomini olandesi potrebbe dire lo stesso. Il 28% delle señoritas spagnole ha almeno un tatuaggio mentre solo il 19% dei señor ha voluto sopportare il dolore dell’ago.Alcune donne non amano esprimere pubblicamente il loro lato oscuro e usano, in compenso, i tatuaggi in posti segreti e poco visibili. Per scoprire i gusti di una donna in tema di body art, gli uomini devono giocare sulla fiducia, per arrivare a scoprire questi tatuaggi segreti durante i momenti più piccanti. I paesi in cui è più comune trovare sensuali tatuaggi segreti sul corpo di una donna sono: Finlandia (15.8%), Regno Unito (11.1%) e Irlanda (10%).L’amministratore e fondatore di Victoria Milan, Sigurd Vedal, vede in questo sondaggio un chiaro riferimento alla natura per certi versi sessuale del body art.
“I tatuaggi sono l’espressione di personalità, creatività e ribellione e ora sappiamo che probabilmente svelano anche dei particolari sulla vita sessuale delle persone che li portano. Probabilmente dopo questo sondaggio gli uomini di tutto il mondo si metteranno alla ricerca forsennata di tatuaggi sensuali in posti segreti – in fondo sono lì per loro”, dice Vedal.Victoria Milan ha raccolto questi dati intervistando i suoi membri attivi in 16 paesi: Danimarca, Repubblica Ceca, Finlandia, Italia, Belgio, Francia, Spagna, Norvegia, Polonia, Svezia, Paesi Bassi, Regno Unito, Germania, Svizzera, Irlanda e Sudafrica.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Urge una strategia più realistica per le relazioni UE-Russia

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 dicembre 2016

europa-comunitariaLa diplomazia, l’aiuto allo sviluppo e la politica di difesa dovrebbero essere i pilastri della politica estera dell’UE, affermano i deputati in una risoluzione votata mercoledì. Sostengono inoltre una strategia più realistica per la Russia e una politica “less for less” (minori aiuti a fronte di un minore impegno) per quei Paesi che cercano di arretrare in termini di democrazia.Nel corso del dibattito di martedì Elmar Brok (PPE, DE), relatore e presidente della commissione per gli affari esteri, ha dichiarato che “c’è un tema sul quale il settanta per cento dei cittadini europei è d’accordo a chiedere più Europa: la politica estera e di sicurezza comune, che a volte è bloccata nelle capitali, ma non dai cittadini. Abbiamo bisogno di più diplomazia, sviluppo e capacità militare per la PESC […] per garantire che le persone si sentano in sicurezza e protette”.Nella risoluzione annuale che passa in rassegna le principali scelte delle politica estera comunitaria, i deputati hanno evidenziato che l’UE è circondata da “un arco di instabilità” che va da una Russia aggressiva alle vicine guerre in Medio oriente e in nord Africa. Ciò comporta “conseguenze dirette e gravi per la sicurezza e il benessere dei cittadini”, poiché alimenta il terrorismo, i flussi di rifugiati e le massicce campagne di disinformazione.I deputati rilevano che poiché l’architettura europea di sicurezza è stata gravemente danneggiata dagli interventi militari della Russia in Crimea e nell’Ucraina orientale bisogna definire una strategia “più realistica per le relazioni dell’UE con la Russia”.A tale scopo, suggeriscono di impegnarsi maggiormente nel dialogo con la società civile russa, pur mantenendo la pressione diplomatica, politica ed economica sul governo russo, per porre fine alla sua aggressione. “Le sanzioni si sono dimostrare il più efficace mezzo di dissuasione” per scoraggiare un’ulteriore aggressione russa in Ucraina. Invitano quindi l’UE a riservarsi la possibilità di imporre ulteriori sanzioni nel caso in cui la Russia continui a violare il diritto internazionale.I deputati rilevano che poiché “la politica di potenza sta di nuovo dominando le relazioni internazionali, le capacità di difesa e di deterrenza sono cruciali” per avere peso nei colloqui federazione-russadiplomatici. Sollecitano quindi ulteriori stanziamenti per la difesa, fondi collettivi per le missioni UE, misure per migliorare ulteriormente l’utilizzabilità dei gruppi tattici e anche l’acquisto congiunto di materiale di difesa. I deputati chiedono inoltre maggiore cooperazione tra l’UE e la NATO in materia di sicurezza informatica, migrazione, comunicazione strategica e risposta alle minacce ibride.Nella risoluzione si constata che “lo strumento europeo di vicinato non ha realizzato i propri obiettivi”, poiché il principio più progressi più aiuti non è riuscito a conquistare i vicini dell’UE. L’UE dovrebbe quindi passare all’impostazione “less for less” (minori aiuti a fronte di un minore impegno) per quanto riguarda i Paesi che arretrano in termini di governance, democrazia e diritti umani. La risoluzione è stata approvata con 433 voti in favore, 174 voti contrari e 93 astensioni.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le relazioni Italia-Giappone in campo spaziale

Posted by fidest press agency su martedì, 21 giugno 2016

tokyo-japanRoma, martedì 21 giugno 2016 ore 10:30 SIOI – Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale Piazza di San Marco 51. La Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI), in collaborazione con la Fondazione Italia Giappone e l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) organizzano il Seminario “Le relazioni Italia – Giappone in campo spaziale. La governance, il comparto industriale e le prospettive di sviluppo”. L’iniziativa rientra nel calendario delle celebrazioni per il 150esimo anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia ed è realizzata in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Tokyo e quella del Giappone in Italia.
Il Seminario intende illustrare le collaborazioni tra i due Paesi nel settore dello spazio, da un punto di vista politico, di ricerca e di industria, aprendo una discussione ad alto livello per attirare l’attenzione su un settore ricco di potenzialità per superare le criticità esistenti, creando sviluppo nella ricerca e nell’impresa. Irappresentanti delle Istituzioni e del comparto industriale dei due Paesi confronteranno le loro esperienze e illustreranno le collaborazioni e i sistemi di governance, sottolineando l’importanza di incrementare la ricerca in un settore innovativo e ricco di possibilità di investimenti e sviluppo. Infine, i Senatori Fabrizio Bocchino, Salvatore Tomaselli e Paola Pelino illustreranno la loro proposta per la creazione di un Comitato per la politica spaziale nazionale.Saranno presenti, tra gli altri, Franco Frattini Presidente della SIOI, Kazuyoshi Umemoto Ambasciatore del Giappone in Italia, Umberto Vattani Presidente della Fondazione Italia Giappone, Roberto Battiston Presidente dell’ASI, Mauro Moretti Presidente dell’Italy Japan Business Group per la parte italiana e ADG di Leonardo Finmeccanica (da confermare), Yoshio Toukaku Direttore della sede JAXA di Parigi, Fabrizio Nicoletti Direttore Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica del Ministero degli Affari Esteri, Yoshihisa Kumagai Presidente di Mitsubishi Aircraft Europe, Gianluca Benamati Coordinatore dell’Intergruppo Parlamentare per lo Spazio, Fabrizio Bocchino Segretario della 7ª Commissione permanente (Istruzione pubblica, beni culturali), Salvatore Tomaselli Membro della 10ª Commissione permanente (Industria, commercio, turismo), il Sen. Paola Pelino Vice Presidente della 10ª Commissione permanente (Industria, commercio, turismo).Sono previsti i videomessaggi di: Katsuyuki Kawai Membro del Gabinetto e Special Advisor del Primo Ministro Abe, Yasutoshi Nishimura Membro del Partito Liberal Democratico, Takeo Kawamura già Ministro dell’Istruzione, Sport, Cultura, Scienza e Tecnologia, Naoki Okumura Presidente della JAXA (Agenzia Spaziale del Giappone).

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

150° Italia-Giappone

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

tokyo-japan.“Le mostre su Botticelli e Leonardo Da Vinci, che hanno aperto ufficialmente le celebrazioni del 150esimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra Italia e Giappone, sono altamente rappresentative della cultura e dell’identità italiana apprezzata in tutto il mondo. Leonardo e Botticelli sono espressione di un florido periodo della nostra storia ma, soprattutto, della nostra italianità. Sono quel made in Italy di cui andiamo fieri, che tutto il mondo apprezza e che dobbiamo far conoscere”. A dirlo è Dorina Bianchi, viceministro ai Beni culturali che si trova a Tokyo in occasione delle celebrazioni del 150esimo anniversario delle relazioni tra Italia e Giappone.Per l’occasione il viceministro ha visitato le mostre su Botticelli, presso il Museo d’Arte Metropolitano di Tokyo a Ueno, e su Leonardo Da Vinci, presso il Museo Metropolitano Tokyo-Edo. In serata prenderà parte, come rappresentante delle istituzioni italiane, al concerto diretto dal Maestro Muti presso il Tokyo Bunka Kaikan.“Le celebrazioni dell’anniversario – conclude – sono un modo per conoscere reciprocamente e ancora più a fondo le nostre culture così diverse ma così simili e vicine. Italia e Giappone sono legate da una amicizia profonda che si è consolidata nel tempo non solo sul piano economico e culturale ma anche in tutti i settori della cooperazione bilaterale”.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’on. Nissoli (PI) in Québec (Canada) alle celebrazioni dei 50 anni di relazioni tra Italia e Québec

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 ottobre 2015

quebecQuébec, 29 ottobre 2015 – L’on. Fucsia FitzGerald Nissoli (PI) è intervenuta alle celebrazioni per i 50 anni delle relazioni tra il Québec e l’Italia che si sono svolte a Québec, capitale della omonima Provincia autonoma del Canada.Durante la giornata ci sono stati una serie di incontri celebrativi presso il Parlamento del Québec dove ha fatto gli onori di casa il Presidente Chagnon, che ha ricevuto con afflato l’Ambasciatore d’Italia in Canada, S.E. Cornado, il Console d’Italia a Montreal,Cons. Padula, la delegazione di parlamentari italiani e la Delegata del Québec a Roma, dott.ssa Renosto.L’on. Nissoli, è intervenuta alla conferenza “Double regard” sulle relazioni Québec-Italia con un saluto e, dopo aver sottolineato di essere onorata di partecipare alle celebrazioni organizzate in Québec per i 50 anni dei rapporti istituzionali con l’Italia, ha ricordato che “la presenza di una Comunità italiana viva ed attiva è testimone delle forti relazioni bilaterali”, precisando: “questo rafforza la mia convinzione circa l’importanza dei legami che ci uniscono”.“Questi legami – ha detto la deputata eletta in Nord e Centro America – sono fondati su numerosi interessi comuni che vanno dagli aspetti economici e commerciali a quelli culturali e sociali e sono convinta che potremo realizzare sinergie ancora più forti per il futuro”.Del resto – ha precisato l’on. Nissoli – “ l’intensità della celebrazione di questa giornata ci dà la cifra della nostra amicizia che non è solo delle Istituzioni ma anche dei nostri popoli che condividono gli stessi valori”.Sul piano più propriamente istituzionale, invece, l’on. Nissoli ha evidenziato il “fruttuoso dialogo sui modelli istituzionali che sono in essere in Italia ed in Québec”, un dialogo possibile proprio grazie alle eccellenti relazioni bilaterali esistenti.“Gli incontri che si sono susseguiti durante tutta la giornata – ha riferito l’on. Nissoli – sono stati di alto spessore e molto costruttivi, tanto che il dialogo avviato continuerà il 14 dicembre prossimo, a Roma, quando una delegazione parlamentare del Québec andrà in Italia”.Stasera, invece, l’on. Nissoli si recherà a Montreal per il previsto incontro sulla previdenza con la Comunità italiana.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Buona Scuola passa dai genitori in rete con le istituzioni

Posted by fidest press agency su domenica, 13 settembre 2015

Una rivoluzione sulle politiche familiari a livello di amministrazioni locali e nazionali, un fisco più equo, una Buona Scuola che riconosca e promuova il primato educativo dei genitori, famiglie sempre più protagoniste del bene comune perché formate e informate, rilanciare il ruolo attivo dell’associazione familiare. Questi gli obiettivi del convegno “Le istituzioni sostengono la famiglia nella formazione dei figli”, in programma domani, 12 settembre, dalle ore 17 alle 20 nella biblioteca comunale di San Vito Romano (via Borgo Mario Theodoli). A promuoverlo l’Age (Associazione italiana genitori) e l’Irsef Lazio (Istituto di ricerche e studi sull’educazione e la famiglia per l’avvio dei giovani al lavoro) in collaborazione con l’amministrazione comunale.Ad aprire i lavori il sindaco di San Vito Romano Maurizio Pasquali, che rifletterà sul ruolo delle istituzioni nel sostegno alla famiglia nella formazione dei figli. Seguirà l’intervento di

Pupils in primary school  -ALLIANCE-INFOPHOTO

Pupils in primary school -ALLIANCE-INFOPHOTO

, presidente dell’Age, su “Educare fina dalla culla- Genitori per tutta la vita”. Quindi, due relazioni sulla Buona Scuola, la riforma del sistema scolastico che muoverà i primi passi con l’avvio del nuovo anno scolastico: Giuseppe Richiedei, past president dell’Age, delinierà la strada per una buona scuola per i genitori, mentre Sabina Greco, responsabile Age presso Coface e Epa (due organismi europei per i genitori), fornirà uno spaccato del ruolo della famiglia a scuola in Europa e presenterà l’App europea per genitori su bullismo e cyberbullismo che l’Age ha appena lanciato in Italia. A moderare il convegno Giuseppina Zumpano, presidente Irsef Lazio.“In un momento difficile come quello che stiamo vivendo – spiega Fabrizio Azzolini, presidente dell’Age – occorre fare rete per sostenere con forza la famiglia per farne il cuore vero delle nostre città, dei nostri paesi, della società tutta. Non sono poche le sfide che i genitori devono affrontare, le famiglie hanno bisogno di risposte immediate. Priorità come i giovani, il lavoro, la terza età, difficoltà economiche e sociali, emergenza educativa, formazione e istruzione dei ragazzi. Ma anche tariffe e posti negli asili nido, trasporto scolastico, Irpef, strisce blu, quoziente famiglia, Tasi, Isee. Tutti aspetti che nel bene o nel male coinvolgono la famiglia. Non si può infatti ragionare per compartimenti stagni. Non se lo può permettere la politica, locale e nazionale. Non se lo può permettere l’associazionismo familiare. Il rischio per entrambi è diventare autoreferenziali, lontani dal territorio”.“Senza le famiglie questo Paese non va da nessuna parte. Sebbene stanche, disorientate, spaventate per il futuro incerto dei figli e famiglie stanno prendendo consapevolezza del loro peso – sottolinea Pina Zumpano, presidente Irsef Lazio -. Con questo convegno, Age e Irsef Lazio, in collaborazione con il Comune, vogliono sostenere i genitori nel loro ruolo di protagonisti a scuola e primi educatori dei figli attraverso un focus particolare sulla riforma della Buona Scuola approvata a luglio. Lavorare su temi concreti che toccano la vita dei cittadini-genitori e ad aiutarli a rilanciare nelle nostre comunità politiche familiari nuove ed efficaci sono priorità dell’associazionismo familiare. Temi che necessitano per una reale attuazione di trovare un valido supporto negli amministratori locali nella definizione di strategie utili al miglioramento della qualità di vita di genitori e figli. Fare rete è una garanzia per chi persegue l’obiettivo di una città a misura di tutte le famiglie”.

Posted in scuola/school, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Storia della politica mondiale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 marzo 2012

Parma, Italia

Image via Wikipedia

Parma 19 marzo, alle ore 17, presso l’Aula Magna del Palazzo Centrale dell’Ateneo di Parma (via Università 12).presentazione del volume “Storia della politica internazionale (1917-1957). Dalla Rivoluzione d’ottobre ai Trattati di Roma” (Edizioni Studium), scritto dal prof. Alessandro Duce. Dopo i saluti introduttivi del Rettore dell’Ateneo prof. Gino Ferretti, della prof.ssa Laura Pineschi (Preside della Facoltà di Giurisprudenza) e del prof. Nicola Antonetti (Presidente del Comitato Ordinatore della Facoltà di Scienze Politiche), interverranno alla presentazione il prof. Massimo De Leonardis (Università Cattolica di Milano), il prof. Anton Giulio Dé Robertis (Università di Bari), il prof. Italo Garzia (Università di Bari), il prof. Giuseppe Ignesti (Università LUMSA di Roma) e il prof. Antonio Varsori (Università di Padova). Concluderà l’on. prof. Antonio Martino, già Ministro degli Esteri e della Difesa della Repubblica Italiana. Presiederà l’incontro il prof. amb. Luigi Vittorio Ferraris (Università La Sapienza di Roma). Sarà presente l’autore.
La prima metà del Novecento è stata un’epoca terribile e grandiosa della storia umana: l’era del dominio europeo del pianeta, dell’emergere di ideologie politiche distruttive e belliciste come il nazionalsocialismo tedesco e il comunismo sovietico, ma anche l’epoca dell’inizio dell’emancipazione e della rigenerazione di molti popoli asiatici e africani, in primis turchi, cinesi, arabi e indiani. In quegli anni hanno preso forza e sviluppo fenomeni che tuttora condizionano la nostra vita, dalla globalizzazione economica all’ascesa degli Stati Uniti a Stato egemone mondiale, alla costituzione di grandi potenze asiatiche come Giappone, India e Cina.Il volume delinea un affresco generale e appassionante dei momenti e dei problemi fondamentali delle relazioni internazionali fra il 1917 e il 1957, dalla rivoluzione bolscevica in Russia alla costituzione del Mercato Comune Europeo, sottolineando il ruolo dei grandi leader e delle ideologie (nazionalismi, comunismi, liberalismi) nella politica mondiale.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lotta contro le frodi

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2011

Bruxelles, Parlamento europeo. I deputati hanno espresso forti critiche per la mancanza d’informazioni su irregolarità e frodi riconducibili alla spesa UE negli Stati membri, deplorando inoltre la mancanza di controllo sulla raccolta dei dazi doganali e il recupero insufficiente dei fondi spesi in modo errato. L’Italia è menzionata in varie sezioni della relazione, insieme a numerosi altri paesi UE. Il Parlamento critica fortemente la relazione della Commissione poiché carente di informazioni in materia di frodi e irregolarità e risultato di inadeguate relazioni da parte degli Stati membri. I tassi di sospetta frode in Francia e Spagna sono, ad esempio, considerati “stranamente bassi”. Il Parlamento invita la Commissione a esercitare pressioni sui paesi dell’Unione europea per fornire dati attendibili e comparabili e a introdurre sanzioni in caso di mancato rispetto degli obblighi di comunicazione.  Il Parlamento è anche preoccupato per l’elevato numero d’irregolarità nella riscossione delle risorse proprie in Italia, Austria, Spagna, Romania e Slovacchia e chiede a tali Stati membri di rafforzare i loro sistemi di vigilanza doganale. In particolare, i deputati si dicono seriamente preoccupati per la portata delle frodi che interessano merci importate dalla Cina.Nel settore agricolo, il Parlamento invita Austria, Finlandia, Paesi Bassi, Slovacchia e Regno Unito a ottemperare agli obblighi di comunicazione. I deputati sono profondamente preoccupati per l’elevato tasso di errore nella spesa per la politica di coesione che, nel 2009, era superiore al 5%. Molte delle irregolarità, tuttavia, sono dovute alla complessità delle procedure di recupero e, per tale ragione, il Parlamento chiede alla Commissione di proporre norme semplificate. Anche in questo settore, il recupero degli importi indebitamente spesi dal beneficiario è tutt’altro che soddisfacente.Il Parlamento esprime inoltre preoccupazione per il tasso di sospettati di frode in Bulgaria per il Programma speciale di adesione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale (SAPARD) nel 2009, che – per l’intero periodo di programmazione – è del 20% e rappresenta la percentuale più elevata registrata in relazione a tutti i fondi analizzati. I deputati invitano la Commissione, le competenti agenzie dell’Unione e gli Stati membri ad adottare misure e prevedere risorse per garantire che i fondi UE non siano soggetti a corruzione. Chiedono inoltre l’adozione di sanzioni dissuasive in caso di corruzione e frode, e di accelerare la confisca dei proventi di attività criminose ricollegabili ai reati di frode, evasione fiscale e riciclaggio di denaro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caravaggio a Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 febbraio 2011

Roma, giovedì 10 febbraio 2011, h 11.00 via di Santa Chiara 4A, Sala del Senato Palazzo Bologna conferenza stampa di presentazione della mostra che si terrà dall’11 febbraio al 15 maggio 2011 all’Archivio di Stato una straordinaria rassegna di documenti e opere con rivelazioni inedite sull’esistenza del grande artista. Ideata e diretta da  Eugenio Lo  Sardo, a cura di Orietta  Verdi  e  Michele Di Sivo la  rassegna  è  costruita  come  una  detective  story,  un’indagine  sul  campo  dove  quello  che   emerge  è  la  vita vissuta dall’artista attraverso le sue parole, i suoi incontri, in un incredibile caleidoscopio di relazioni e una polifonia di voci che conducono  il grande pubblico a conoscere da vicino  gli  episodi  e  le  vicende  della  “vita  dal  vero”  di  Michelangelo  Merisi  durante  il  suo  soggiorno  romano  (1595/96‐1606).  Grazie  alle  scoperte  compiute  da  una  task  force  di 7  giovani storici dell’arte, paleografi, archivisti e storici che hanno scavato lungo gli oltre 60 km di scaffali  che compongono l’Archivio di stato,  sono stati salvati dal degrado e restaurati oltre 30 volumi e effettuate ricerche che  presentano  novità  sconvolgenti  che riscrivono  la biografia  di Caravaggio. Organizzata da MondoMostre, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, in  collaborazione  con  il  Ministero  per  i  Beni  e  le  Attività  Culturali  e  con  la Soprintendenza Speciale per il Polo Museale di Roma, il Comitato Nazionale per il IV Centenario  della  morte  del  Caravaggio  e  l’Università  degli  Studi  di  ‘Roma  Tre  ‐ CROMA’, la rassegna è stata realizzata grazie al contributo di sponsor e contributori (istituti, aziende e privati) che hanno generosamente contribuito al restauro dei volumi contenenti i documenti inediti e la campagna di ricerche lanciata dall’Archivio.
La mostra si apre con il Ritratto di Clemente VIII attribuito al Cavalier D’Arpino e il Ritratto di Beatrice Cenci attribuito a Guido Reni e i documenti che riportano i verbali delle ultime ore  di  Giordano  Bruno  e  di  Beatrice  Cenci  condannati  a  morte  sotto  il  pontificato  di Clemente VIII.  Il catalogo, edito da De Luca Editori d’Arte, raccoglie i documenti e le schede dettagliate di  ogni opera esposta.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Vaticano separa la Chiesa dal Cristo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 febbraio 2011

Lettera al direttore Vittorio Messori, nella trasmissione di Gad Lerner (7 febbraio) ha affermato che la Chiesa non può criticare apertamente il comportamento immorale di Silvio Berlusconi, poiché tra Vaticano e governo italiano ci sono relazioni tra Stato e Stato. Ed è proprio questo il guaio. La Chiesa, corpo di Cristo, non può comportarsi come Cristo. Il Vaticano separa la Chiesa dal Cristo; la Chiesa dal Vangelo. Il Papa, “dolce Cristo in terra” (Caterina da Siena) può pensare che il Cavaliere, presidente del Consiglio, sia un pessimo esempio per i giovani, ma non può dirlo apertamente. Potrebbe morir dalla voglia di gridargli: “Se la tua mano o il piede ti è di scandalo, taglialo e gettalo via da te… Guai al mondo per gli scandali!”. Ma deve stare zitto.  Gesù poteva esprimere chiaramente, a voce alta, il proprio pensiero. Il Papa non può farlo. Messori ha poi detto che in fondo molti italiani sono indulgenti verso il Cavaliere, quasi come se ciò andasse a loro merito. In realtà, l’indulgenza nei riguardi di colui che persevera imperterrito nell’errore e magari se ne fa vanto, diventa una sorta di connivenza, di complicità. (Renato Pierri)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

L’arte del presente è l’anima del futuro

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 gennaio 2011

L’arte contemporanea è l’anima del futuro perché, con la sua capacità di offrire nuovi scenari e nuove prospettive, rappresenta uno stimolo costante alla creatività degli italiani e all’innovazione sociale ed economica. L’arte contemporanea è un modo attraverso il quale, anche grazie alle relazioni costruite con i più importanti musei internazionali, il nostro Paese consegna all’estero un’immagine di sé fatta non di stereotipi bensì di intelligenze creative e dinamiche.
L’arte contemporanea è motore attivo della nostra economia, poiché fonda la propria attività su una catena del valore che è costituita da ricercatori, conservatori, piccoli artigiani, editori locali e nazionali, restauratori, assicuratori, trasportatori, architetti, professionisti, nonché dal sistema di ristoratori, albergatori, commercianti, che, anche nelle realtà più piccole, beneficiano dell’indotto economico e turistico generato dalle realtà museali. Un patrimonio collettivo di opere, di relazioni, di immagine, di sapere e di stimolo all’innovazione, portatore di un valore aggiunto agli investimenti pubblici che lo sostengono. Di fronte alla riduzione dei finanziamenti pubblici, che si inserisce in una politica generale di decurtazioni già registrate negli ultimi anni e in un contesto di stanziamenti pubblici alla cultura considerevolmente inferiore rispetto agli altri Stati europei, AMACI vuole sensibilizzare l’opinione pubblica rispetto alla centralità che l’arte del nostro tempo assume per lo sviluppo culturale, sociale ed economico del nostro Paese.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le confessioni di Frattini

Posted by fidest press agency su domenica, 5 dicembre 2010

Frattini ha spiegato come abbiano dato una mano alla politica estera di Roma: l’amicizia personale con Putin ha aiutato ad avvicinare la Russia alla Nato e quella con Gheddafi a fare della Libia un partner affidabile nel Mediterraneo. Ma assieme alle precisazioni di Frattini arrivano i nuovi file di Wikileaks sulle relazioni Roma-Mosca, una connessione economica talmente forte che ha un prezzo, quello di “glissare” sulla democrazia: «Sebbene il governo italiano abbia compreso le manchevolezze del governo russo (leggi: rispetto dei valori e delle libertà democratiche) non può permettersi di essere troppo duro nelle sue critiche» si legge nel nuovo documento che spiega come «il rappresentante dell’Eni viene spesso chiamato il secondo ambasciatore d’Italia in Russia». E mentre Frattini precisa che «l’amicizia personale tra Berlusconi, Putin e Medvedev ha un impatto che va al di là dei rapporti Gazprom-Eni», i nuovi cablogrammi riportano la relazione del responsabile dell’ambasciata Usa a Mosca che dà conto delle «lunghe visite di Putin e famiglia a Berlusconi nella sua residenza di famiglia in Sardegna, a spese del premier». (Da Il Messaggero del  5 dicembre e segnalato da Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Live performance by Liuba

Posted by fidest press agency su sabato, 6 novembre 2010

Torino Artissima Art fair  via Bertola 34 (What is missing in the Art World) Fiera internazionale d’arte contemporanea. Liuba, artista e performer di livello internazionale, lavora con video, fotografia ed urban interactive performance.  In occasione di Artissima 2010, Liuba ha deciso di realizzare questa performance inedita incentrata sul tema dell’abbraccio con cui va a coinvolgere direttamente il pubblico della fiera.
L’idea della performance nasce dalla delusione dell’artista per le relazioni umane nell’ambito del mondo dell’arte e la freddezza dei rapporti che abitualmente si instaurano con le persone conosciute in vari contesti.  Su queste basi Liuba si è immaginata un’azione dove il protagonista è l’abbraccio, il contatto umano, lo stringersi di corpo contro corpo; il tutto in un contesto ‘formale’ e sociale come l’opening di un’ importante fiera d’arte, dove tutti si incontrano, si parlano, si scambiano opinioni, fanno affari … senza mai incontrarsi davvero. La performance ha suscitato reazioni estremamente positive: tutte le persone coinvolte sono rimaste estremamente contente ed hanno dimostrato il bisogno di questo affetto, calore, commozione… Liuba, guardando tutti negli occhi, è riuscita a creare una relazione empatia con la gente tanto da abbandonarsi al suo abbraccio senza riserve e con gioia. (dsc)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Relazioni fra Friuli Venezia Giulia e Congo

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2010

Si rinnovano le relazioni fra il Friuli Venezia Giulia e il Congo, innestandosi sull’importante legame storico che ricalca le orme di Savorgnan di Brazzà. E si rinnovano in modo speciale quelle economiche tra Brazzaville e Udine, sancite anche dall’odierno incontro tra una delegazione istituzionale della capitale congolese, guidata dal rappresentante del sindaco della città Jacques Elion, e il presidente della Camera di Commercio di Udine Giovanni Da Pozzo. La rappresentanza è stata accompagnata da Jean Omer Lekoundat, presidente dell’associazione congolese di Udine, che fa da impeccabile trait d’union tra le istituzioni e conta oltre un centinaio di iscritti, tra congolesi e friulani. «Con piacere ho accolto per la seconda volta un’importante delegazione dal Congo – ha commentato il presidente Da Pozzo –, per rinforzare le relazioni commerciali e d’amicizia con quello che possiamo definire un “pezzo di Friuli” in terra africana». Come è emerso, sono numerose le opportunità che permettono di guardare con fiducia a uno sviluppo delle relazioni economiche tra la nostra provincia e il Paese africano, ricco di materie prime, in special modo il legno, il prodotto maggiormente importato dalla nostra regione, in un quadro di import-export che nel primo semestre 2010 è cresciuto rispettivamente del 6,3% e del 188%. «Anche se le nostre strutture economiche sono molto diverse – ha chiosato Da Pozzo –, la forza delle relazioni culturali rappresenta una chiave fondamentale per l’intensificazione dei rapporti economici». Il rappresentante del sindaco di Brazzaville Elion ha sottolineato come, in un quadro politico da anni stabile, vi sia un forte impulso delle liberalizzazioni in campo economico.  Un’economia, quella congolese, basata su grandi risorse naturali – dalle foreste all’acqua –, e con riforme che stanno cercando di consolidare un ambiente favorevole per gli investimenti stranieri; un legame particolare con l’Italia, che si sta affermando tra i Paesi con cui c’è più interscambio. Brazzaville, poi, città cosmopolita e in forte crescita, sta cercando collaborazioni e investimenti soprattutto per quanto riguarda trasporti e telecomunicazioni e per i sistemi di gestione ambientale e infrastrutturale – per strade, luce e acqua.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’altra America

Posted by fidest press agency su martedì, 12 ottobre 2010

Mentre in questo Occidente cerca di affacciarsi l’altra America che vuole sancire le distanze con le precedenti amministrazioni Bush, l’Italia del governo Berlusconi aspira ad armare gli aerei inviati in Afghanistan, con bombe, per acuire le tensioni e lasciar precipitare una situazione che già, così com’è non sanno tenere sotto controllo. Il ministro La Russa  ha lanciato l’esca alle grandi industrie delle armi di distruzione di massa, per armare gli aerei e partecipare alla strage collettiva. E’ chiaro che ogni forma di ritorsione da parte di quanti dovessero venire colpiti, sarà identificata come “azione terroristica. L’Italia si allontana dall’Occidente per cercare sostegno lì dove è possibile stabilire relazioni d’affari  che interessano il presidente del consiglio a titolo esclusivamente personale. Con l’elezione di Obama il mondo ha sperato nella nuova America, pur con le grandi difficoltà che sta incontrando da parte delle grandi lobby delle armi e del petrolio. E’ l’altra America dalla quale l’Italia si sta allontanando….
•    l’altra America che vuol far dimenticare Guantanamo e Abu Ghraib;
•    l’altra America che smentisce le menzogne con le quali il popolo americano fu convinto della necessità di scatenare una guerra preventiva nell’area mediorientale;
•    l’altra America che prende le distanze da questa malaugurata stagione della dinastia Bush, che ancora esige un contributo di sangue per nascondere le proprie nefandezze;
•    l’altra America che dovrà risolvere il debito pubblico che minaccia di riproporre il 1929;
•    l’altra America che non cerca vassalli in Europa, ma partner, infatti dal Tour di Obama l’Italia venne  esclusa e, quindi, mortificata.
Risibile il tentativo di reinserimento nel panorama politico internazionale, dopo che è stato scacciato da quello occidentale, che sta tentando il cavaliere Berlusconi, con le pantomime con Gheddafi e gli appuntamenti con Putin, i soli che gli danno credito, forse perché coinvolti in interessi personali.  Un’arrampicata sugli specchi come ultimo tentativo di ripresa, dopo di che si dedicherà ad illudere i paesi in via di sviluppo, stante che i paesi sviluppati hanno, fin troppo bene, capito lo spessore politico, imprenditoriale e umano del personaggio, peraltro così ben descritto dal Press Kit della Casa Bianca, ultimo dono dell’amico Bush, nel quale il cavaliere veniva identificato come un guitto da pochi soldi. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 4 Comments »