Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘rembrandt’

Risolto da docente Unife l’enigma della Betsabea di Rembrandt

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 giugno 2020

Quando nel 1654 Rembrandt ritrasse la sua amata nel quadro “Betsabea con la lettera di David” non poteva immaginare che per più di tre secoli si sarebbe trovato al centro di un animato dibattito scientifico. A scatenare la disputa, un particolare del seno sinistro della donna, solcato da un segno irregolare, lievemente tumefatto, di un colore tra il bluastro ed il brunastro. Numerose le ipotesi formulate nei secoli, dalla mastite al carcinoma mammario. Nessuna delle diagnosi proposte è mai stata ritenuta clinicamente soddisfacente. Fino ad oggi.
E’ ora il Professor Paolo Zamboni dell’Università degli studi di Ferrara. La modella per la Betsabea, ammirata da milioni di visitatori al Louvre, era affetta da una tromboflebite di una vena superficiale del seno.Zamboni ripercorre la sua analisi indiziaria nel paper pubblicato dalla rivista scientifica “Journal of Thrombosis and Haemostasis”. “Uno degli ultimi articoli scientifici sull’enigma aveva stabilito, su di una base biofisica, che la malattia di Betsabea non potesse essere situata più profondamente di tre millimetri dalla superficie della pelle, altrimenti il pittore non avrebbe potuto visivamente percepirla. E quindi riprodurla. Questi dati mi hanno fatto pensare che Rembrandt avrebbe potuto rappresentare la tromboflebite di una vena superficiale della mammella, una condizione descritta da Mondor nel 1939”, racconta il Professore. “Fino a poco tempo fa avevo incontrato solo due casi di questa malattia nel corso della mia carriera medica. Però, per coincidenza, pochi giorni dopo le mie riflessioni ho riscontrato sul seno destro di un paziente qualcosa di assolutamente speculare alla macchia irregolare bluastra che è presente sul seno sinistro di Batsabea”, continua il Professore.
“L’ecografia-Doppler ad altissima risoluzione ha poi confermato la diagnosi di tromboflebite della vena toraco-epigastrica. Nell’area a livello del seno corrispondente alla colorazione bluastra della stessa forma di quella dipinta da Rembrandt, questo esame ha dimostrato una vena trombizzata che correva fra i 2 ed i tre mm sotto la pelle. Esattamente come previsto dai biofisici.Come controprova la mammografia è risultata negativa sia per il cancro sia per la mastite, confermando la fondatezza della diagnosi su tela proposta da Paolo Zamboni.Paolo Zamboni è professore ordinario di Chirurgia Vascolare Università degli Studi di Ferrara, direttore della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Vascolare e direttore del Centro HUB Regione Emilia Romagna per le Malattie Venose e Linfatiche.Articolo originale: The medical enigma of Rembrandt’s Bathsheba.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rembrandt alla Galleria Corsini

Posted by fidest press agency su martedì, 11 febbraio 2020

Roma giovedì 20 febbraio 2020, ore 11.00 Gallerie Nazionali di Arte Antica – Galleria Corsini via della Lungara 10. Introduce: Flaminia Gennari Santori, Direttrice Gallerie Nazionali di Arte Antica Interviene: Alessandro Cosma, curatore della mostra A seguire visite guidate con il curatore e personale delle Gallerie. L’esposizione ruota intorno al capolavoro del maestro di Leida, originariamente appartenente alla collezione del cardinale Neri Maria Corsini, che ritorna per la prima volta in Italia dal 1799. Una serie di documenti e incisioni ricostruiscono l’intrigante vicenda collezionistica che ha portato la tela al Rijksmuseum di Amsterdam, dove viene tutt’oggi conservato.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rembrandt alla Galleria Corsini: L’autoritratto come San Paolo

Posted by fidest press agency su martedì, 31 dicembre 2019

Roma dal 20 febbraio al 15 giugno 2020 Galleria Corsini via della Lungara, 10, ORARI: martedì/domenica 8.30 – 19.00. Mostra a cura di Alessandro Cosma. La biglietteria chiude alle 18.00 Proveniente dal Rijksmuseum di Amsterdam sarà esposto lo straordinario Autoritratto come San Paolo di Rembrandt, che apparteneva a Neri Corsini e che torna in Italia per la prima volta dopo il 1799. La mostra porta alla luce una vicenda dimenticata ma cruciale della storia del collezionismo europeo: il dipinto fu infatti protagonista di un episodio emblematico della dispersione di opere d’arte durante l’occupazione francese del 1799, quando il maestro di casa dei Corsini – apparentemente all’insaputa del principe Tommaso – lo vendette ai mercanti Luigi Mirri e William Ottley per far fronte alle contribuzioni forzate imposte dal nuovo governo. A corredo, una selezione di incisioni di Rembrandt possedute dalla famiglia Corsini e altre opere.Intero 12 € – Ridotto 2 € (ragazzi dai 18 ai 25 anni)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rembrandt. I cicli grafici, le sue più belle incisioni

Posted by fidest press agency su martedì, 12 febbraio 2019

Cosenza – Palazzo Arnone Fino al 24 marzo 2019 nel cinquecentesco Palazzo Arnone, è possibile ammirare fino al 24 marzo 2019 Rembrandt. I cicli grafici, le sue più belle incisioni, un focus dedicato all’attività grafica di uno più celebri artisti del Seicento europeo.L’esposizione, organizzata dall’Associazione N. 9 in collaborazione con il Polo museale della Calabria, presenta oltre trenta incisioni originali provenienti da collezioni private ed è supportata da attività laboratoriali. La mostra è patrocinata dall’Ambasciata dei Paesi Bassi.
La dottoressa Antonella Cucciniello, dirigente delegato del Polo museale della Calabria, si dice orgogliosa che Cosenza dedichi un tributo a Rembrandt proprio nel 2019, mentre – a 350 anni dalla scomparsa – l’Olanda gli rende omaggio con iniziative diffuse su tutto il territorio nazionale. Un’occasione per scoprire o riscoprire la Galleria Nazionale di Cosenza, che in Palazzo Arnone ha sede.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Capolavori di Rembrandt, Vermeer e dell’Età dell’Oro Olandese in mostra al Louvre Abu Dhabi

Posted by fidest press agency su martedì, 29 gennaio 2019

Abu Dhabi La mostra si inaugura il 14 febbraio e si conclude il 18 maggio 2019. L’ingresso è incluso nel biglietto del Museo. I bambini sotto i 13 anni entrano gratis. I visitatori possono visitare la mostra con una guida multimediale disponibile in arabo, inglese e francese. La prima esposizione internazionale del 2019 del Louvre Abu Dhabi, Rembrandt, Vermeer e l’età d’oro olandese, con capolavori della Collezione Leiden di New York e del Museo del Louvre di Parigi riunirà dipinti e disegni dei maestri olandesi Rembrandt van Rijn, Johannes Vermeer e i loro contemporanei. In apertura il 14 febbraio 2019, la mostra esplorerà il viaggio artistico di Rembrandt a Leida e Amsterdam e le sue relazioni con rivali e colleghi, tra cui Johannes Vermeer, Jan Lievens, Ferdinand Bol, Carel Fabritius, Gerrit Dou, Frans van Mieris e Frans Hals. Durante l’età d’oro, la Repubblica Olandese si affermò come leader mondiale nel commercio, nella scienza e nelle arti. In questo contesto di scambi culturali, esplorazioni e scoperte, la mostra esplorerà le tradizioni artistiche che fiorirono a Leida e nei Paesi Bassi in questo periodo, compreso lo sviluppo di una nuova scuola di artisti, chiamati i fijnschilder (pittori raffinati), noti per le loro scene di vita quotidiana squisitamente rese.
La mostra ospiterà 22 dipinti e disegni provenienti da tutta la carriera di Rembrandt e dal suo laboratorio – dalla sua famosa serie di dipinti allegorici dei sensi, che dimostrano l’ingegnosità giovanile dell’artista e la sperimentazione di espressioni, composizione e colore durante le sue giornate di Leida, a lavori successivi realizzati ad Amsterdam, tra cui ritratti, il famoso autoritratto, con occhi ombreggiati e Minerva nel Suo Studio (entrambi dalla Leiden Collection), il suo monumentale dipinto storico della dea Minerva. Queste opere sono esposte accanto a dipinti di altri maestri del circolo artistico di Rembrandt, a dimostrazione dell’influenza che ciascuno di questi artisti ha avuto l’uno sull’opera dell’altro.
In questa straordinaria occasione, Giovane donna seduta a un virginale di Johannes Vermeer (Leiden Collection), e La Merlettaia (Musée du Louvre), due dipinti della stessa tela, saranno esposti uno accanto all’altro per la prima volta in 300 anni al Louvre Abu Dhabi.
95 opere, tra cui dipinti, disegni e manufatti, tratte principalmente dalla Leiden Collection, una delle più vaste e significative collezioni private di opere d’arte dell’età dell’oro olandese, messe in risalto con le collezioni eccezionali del Musée du Louvre. I prestiti del Rijksmuseum e della Bibliothèque Nationale de France completeranno l’esposizione. In mostra fino al 18 maggio 2019, la mostra è curata da Blaise Ducos, Chief Curator delle collezioni olandesi e fiamminghe al Musée du Louvre, e da Lara Yeager-Crasselt, curatrice della Leiden Collection e specialista dell’arte olandese e fiamminga del Seicento. (By http://www.louvreabudhabi.ae)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: La famiglia Rembrandt sconfitta dai tulipani

Posted by fidest press agency su domenica, 23 aprile 2017

famigllia rembrandtRoma. Sarà in scena al Teatro dei Conciatori Via dei conciatori, 5 dal 25 al 30 aprile (BIGLIETTI: € 18,00 + tessera obbligatoria di 2 € ORARIO SPETTACOLI: dal martedì al sabato ore 21,00 domenica ore 18,00) “La famiglia Rembrandt sconfitta dai tulipani”
scritto e diretto da Giuseppe Manfridi. Protagonisti di Gianna Paola Scaffidi, Antonio Serrano, Andrea Giuliano.
Dopo un inizio di carriera folgorante, Rembrandt, nella seconda metà della sua vita, conobbe un tristissimo declino economico, oltre che una serie di lutti personali. Queste tristi vicissitudini lo costrinsero dapprima ad abbandonare la splendida casa dove aveva a lungo alloggiato, nell’elegante quartiere ebraico di Amsterdam, e quindi a tentare di ricostruirsi un nuovo nucleo familiare con Hendrjeke, la donna che era nel frattempo divenuta la sua nuova e fedelissima compagna dopo la morte di Saskja, la prima moglie.
La crisi finanziaria di Rembrandt è da addebitarsi alla perdita delle commissioni che per oltre un ventennio lo avevano visto protagonista assoluto della ritrattistica olandese (e a rubargli il lavoro furono, in gran parte, i suoi ex allievi), all’eccesso di capitali profusi nell’acquisto di oggetti d’arte destinati ad arricchire una pregevolissima collezione privata (poi messa interamente all’asta), infine, ad alcuni gravi investimenti sbagliati. Per l’esattezza, investimenti fatti nel mercato dei tulipani; né più né meno come potrebbe avvenire oggi a chi investisse in borsa puntando tutto su un titolo che, dopo crescite repentine, dovesse poi rivelarsi fallimentare.
Ed è qui il nodo messo in luce dal nostro racconto in una vicenda a tre che vede protagonisti, oltre al Maestro e alla sua seconda compagna, una sorta di agente finanziario ‘ante litteram’ a cui Rembrandt si era affidato mani e piedi per ridare un po’ di ossigeno alle proprie finanze già tanto smagrite ma ancora non del tutto esaurite.
E’ sera tardi e siamo nell’abitazione-studio del grande pittore. Hendrjeke, con una ciotola tra le ginocchia, sembra stia cucinando qualcosa. Scopriremo invece che la donna sta preparando delle tinture per il lavoro del marito. Rembrandt, sulla soglia, è di ritorno con aria gongolante da un incontro con un banchiere che lo ha rassicurato circa un contratto che il pittore ha appena firmato. Si tratta di un acquisto in titoli. Rembrandt cercherà di spiegare alla sua compagna di cosa si tratti, ma lui sembra saperne meno di lei e il dialogo si svilupperà denso di risvolti comici. A questo entrerà in scena il terzo personaggio della storia: lo sciagurato ‘broker’ (un ragazzino, in verità) che ha consigliato a Rembrandt quell’investimento dagli esiti catastrofici.
Si chiama Pitius. Lo vedremo sopraggiungere provvisto di una dialettica professionale che, per certi versi, potrebbe ricordare quella dei medici di Molière. Parla di flessioni momentanee, di notizie da verificare, di speculazioni senza futuro, della necessità di non farsi prendere dal panico. Proprio quella notte, infatti, il mercato dei tulipani è destinato a un tracollo che anticipa di secoli quello del ’29.
Si tratta, dunque, di una vicenda raccontata in presa diretta, tutta racchiusa nell’arco di una nottata durante la quale alcuni poveri diavoli (e poco importa che uno di essi si chiami Rembrandt) sono costretti a barcamenarsi tra i rovesci della realtà che già allora, come oggi, potevano coincidere con quelli del mercato azionario. Per inciso, proprio in quel tempo (e la nostra commedia ne renderà conto) Rembrandt è impegnato a portare termine il più straordinario dei suoi autoritratti. (foto: famiglia rembrandt)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In esposizione il capolavoro di Rembrandt

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2011

Portrait of Saskia van Uylenburg, ca. 1635

Image via Wikipedia

Musei Capitolini di Roma 23 giugno 2011 sarà ospetato il capolavoro di Rembrandt van Rjin (1606 – 1669) Donna alla toletta. Il 1633 è l’anno in cui l’artista si fidanza con Saskia van Uylenburgh ed è probabile che il quadro sia da collegare al matrimonio tra i due, già stabilito al momento dell’esecuzione: Saskia e Rembrandt si sposeranno ad Amsterdam il 22 giugno 1634. Il soggetto del dipinto è una eroina del Vecchio Testamento, probabilmente Ester o Giuditta, anche se la critica è più favorevole a pensare che si tratti di Giuditta. In entrambi i casi sono comunque due giovani donne che con fede e con coraggio salvano il proprio popolo, in guerra contro un nemico agguerrito e soverchiante. Questa circostanza è stata messa in relazione con la situazione dello Stato olandese, che nello stesso periodo difende con tenacia e sacrifici la propria indipendenza di fronte alle truppe spagnole. All’epoca del quadro, Rembrandt, di cui i musei romani non possiedono nessuna opera, ha circa ventisette anni e si sta affermando nel panorama pittorico. In questo periodo la sua bottega di Amsterdam inizia a diventare il principale punto di riferimento per la ricerca artistica, in grado di soddisfare le esigenze della ricca e composta borghesia olandese. La Donna alla toeletta, dipinta su tela di lino, si caratterizza per gli effetti di luce e per l’eleganza della veste.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Da Rembrandt a Gauguin a Picasso

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2009

mostra autoriRimini fino al 14/3/2010 piazza Malatesta Castel Sismondo Mostra a cura di Marco Goldin  Un appuntamento imperdibile, perche’ non altra volta riproducibile.  Sessantacinque capolavori della pittura europea dal Cinquecento al Novecento provenienti da uno tra i maggiori musei del mondo, il Museum of Fine Arts di Boston. Occasione che mai piu’ si verificherà, dal momento che l’Istituzione americana ha in atto una parziale chiusura delle sale che porterà, nell’autunno 2010, all’inaugurazione della nuova, immensa ala progettata da Norman Foster. Tale iniziativa condurrà poi, come sempre accade in questi casi, a un successivo blocco dei prestiti. Pertanto Rimini si candida a essere il luogo che, non solo in Italia ma in Europa, rappresenterà nei prossimi mesi Boston e il suo straordinario Museo.  La Mostra vuole essere una grande lezione di storia dell’arte raccontata a tutti.  Singolarmente vicine infatti le dichiarazioni del direttore del Museo americano, Malcolm Rogers e del direttore di Linea d’ombra, nonche’ curatore di questa mostra, Marco Goldin: l’arte e’ per tutti. Nella comune convinzione che non si debbano innalzare ostacoli ne’ barriere davanti alle opere d’arte, ai capolavori d’ogni tempo. E che questi capolavori possano essere amati anche da coloro che magari non hanno compiuto studi specifici.  Mostra promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini e da Linea d’ombra Libri, con il fondamentale contributo del Gruppo Euromobil.  Catalogo Linea d’ombra Libri a cura di Marco Goldin (mostra autori)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »