Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘requisiti’

Cambiano i requisiti che disciplinano i dispositivi medici

Posted by fidest press agency su sabato, 11 novembre 2017

dispositivi medici.Con il nuovo Regolamento UE per i Dispositivi Medici (MDR), le facoltà degli Organismi Notificati relativamente alla valutazione delle evidenze cliniche dopo l’immissione dei prodotti sul mercato si ampliano, includendo gli audit non annunciati ed il campionamento e i test sui prodotti.
“Inoltre, i fabbricanti di dispositivi medici saranno tenuti a raccogliere una quantità molto maggiore di dati clinici rispetto a quello che avviene attualmente, così da poter condurre una continua valutazione dei potenziali rischi e benefici sulla sicurezza”, afferma Dr Bassil Akra, Direttore del Centro di Eccellenza Clinico di TÜV SÜD Product Service.Ad esempio, i fabbricanti saranno tenuti a condurre continui aggiornamenti della valutazione clinica e della relativa documentazione per l’intero ciclo di vita del prodotto, a questo scopo dovranno raccogliere sistematicamente e proattivamente i dati clinici. Inoltre, i fabbricanti di dispositivi di classe IIa, IIb e III dovranno produrre un rapporto di sicurezza per ogni singolo dispositivo e, se necessario, per ciascuna categoria o gruppo di dispositivi. Questi rapporti dovranno essere aggiornati a intervalli regolari, con revisione annuale obbligatoria per i fabbricanti di dispositivi di Classe IIb e III. Nel caso di impianti (classe IIa e IIb) e dispositivi di classe III, il report dovrà essere regolarmente valutato da un Organismo Notificato. I fabbricanti di dispositivi impiantabili e dispositivi di classe III (ad eccezione dei dispositivi su misura) dovranno emettere report riepilogativi sulla sicurezza degli stessi e sulle prestazioni cliniche, oltre ad aggiornare annualmente il rapporto.
Il nuovo Regolamento sulla Diagnostica In-Vitro (IVDR) si differenzia dalla normativa precedente per numerosi aspetti. I cambiamenti più importanti riguardano l’ampliamento del campo di applicazione del Regolamento, un nuovo sistema di classificazione delle classi dei prodotti, dalla A alla D, basato sul rischio, regole molto più rigorose che disciplinano la documentazione tecnica e la valutazione delle prestazioni cliniche ed un maggior coinvolgimento degli Organismi Notificati nell’approvazione dei dispositivi IVD, classi da B a D che rappresentano circa il 70% di questi prodotti. “I fabbricanti devono anche essere consapevoli del fatto che l’Unione Europea non ha previsto la ‘grandfather clause’’ nella messa a punto del nuovo IVDR”, sottolinea Dieter Schönwald, responsabile per i dispositivi diagnostici in vitro di TÜV SÜD Product Service. “Ciò significa che tutti i dispositivi per la diagnostica in-vitro immessi sul mercato UE dovranno essere riesaminati secondo i nuovi requisiti e potrebbero richiedere una nuova certificazione”. I produttori di IVD hanno tempo fino a maggio 2022 per presentare evidenza che i loro prodotti sono conformi alle nuove disposizioni del IVDR.
Per soddisfare la crescente domanda in termini di sicurezza, qualità ed efficacia, i produttori di dispositivi medici devono intraprendere sempre più spesso una valutazione di completa biocompatibilità per prodotti e materiali, così da poter determinare eventuali effetti su tessuti biologici, cellule e fluidi corporei. Lo standard più comune per la valutazione biologica dei materiali e dei dispositivi medici è definita dalla famiglia delle ISO 10993. La scelta dei test tiene conto della composizione chimica dei materiali, comprese le condizioni di esposizione, nonché la natura, la frequenza, la tipologia, la durata del contatto del dispositivo verso il paziente. Questi test devono essere eseguiti in base a rigide linee guida e preferibilmente in conformità alle buone pratiche di laboratorio (GLP – Good Laboratory Practices).I laboratori TÜV SÜD offrono una gamma completa di test di biocompatibilità in accordo alle GLP e alla famiglia delle norme ISO 10993 e hanno grande esperienza nell’ambito dei dispositivi medici e delle relative regolamentazioni nei principali mercati. È possibile eseguire un’ampia gamma di test biologici per dispositivi medici o materiali, nel pieno rispetto di norme e regolamenti internazionali, come: EN, US FDA, JMHLW, ISO, USP, ICH e ASTM. (foto. dispositivi medici)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Associazione Nazionale Archeologi inserita nell’elenco delle associazioni professionali del MiSE

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 giugno 2016

Perugia_museo_archeologico_02L’Associazione Nazionale Archeologi è stata inserita dal Ministero per lo Sviluppo Economico nell’elenco delle associazioni professionali riconosciute in base alla Legge n. 4/2013 (disposizioni in materia di professioni non organizzate). “Siamo molto soddisfatti di essere tra le prime associazioni ad aver raggiunto questo traguardo, che e` una conferma della serieta` e della credibilità nel rappresentare la categoria degli archeologi italiani, – commenta Salvo Barrano, presidente dell’ANA dal 2013 – La rappresentanza delle professioni non si puo` piu` improvvisare, perché la legge impone alle associazioni una serie di requisiti a garanzia degli utenti e dei consumatori”.Esprime soddisfazione anche la vicepresidente, Giuseppina Manca di Mores: “Da oggi siamo a pieno titolo tra i soggetti che formuleranno i requisiti degli elenchi dei professionisti dei beni culturali, previsti dalla legge 110/2014, e in tutti i tavoli istituzionali e sindacali che riguarderanno l’archeologia e gli archeologi professionisti. Sarà per noi uno strumento fondamentale per migliorare la nostra professione rendendola sana, dinamica e rispondente alle esigenze della societa`”.
“Desidero dedicare questo risultato – conclude Barrano- a tutti i soci che hanno creduto nell’Associazione Nazionale Archeologi, che hanno lavorato in questi anni, ma soprattutto a quattro persone: a Walter Grossi e Giuseppina Manca di Mores, vicepresidenti dal 2013 e responsabili dell’istruttoria presso il MISE; al Direttore Giovanni Svevo che ha curato la parte tecnica; a Tsao Cevoli, fondatore dell’ANA, che dieci anni fa, quando ancora non esisteva alcuna legge di riconoscimento degli archeologi, lancio` tra mille diffidenze questo progetto visionario, oggi sempre più reale e concreto”.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ancona: corsi di formazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2011

Tecnico risparmio energetico La figura professionale in uscita sarà in grado di monitorare e valutare le esigenze di risparmio, di utilizzo e di approvvigionamento energetico e di sostenibilità ambientale. Il corso, della durata complessiva di 800 ore (di cui 240 ore di stage), inizierà a maggio 2011 e finirà a febbraio 2012, si svolgerà ad Ancona ed è riservato a 15 disoccupati, inoccupati o occupati (popolazione adulta in età attiva dai 25 ai 64 anni) in possesso dei seguenti requisiti: diploma di scuola media superiore o laurea conseguiti per il settore in cui si innesta la specializzazione,oppure esperienza lavorativa di almeno 3 anni nel settore in cui si innesta la specializzazione,oppure possesso dell’attestato di qualifica di I° e II° livello e di una esperienza di lavoro della durata minima di 4 mesi nel settore in cui si innesta la specializzazione.La domanda di partecipazione, alla quale dovranno essere allegati curriculum vitae (Europass) e documento di identità in corso di validità, dovrà pervenire entro e non oltre il giorno 23 aprile 2010.Tecnico comunicazione e marketing turistico Obiettivo del corso sarà formare un Tecnico Comunicazione e Marketing Turistico capace di utilizzare le tecniche di comunicazione e marketing ed i principali strumenti informatici a favore della promozione territoriale e della corretta gestione dell’impresa turistica. Le lezioni, che inizieranno a maggio 2011 e termineranno a febbraio 2012, si terranno ad Ancona ed avranno una durata complessiva di 800 ore di cui 240 ore di stage. Il corso è destinato a 15 disoccupati, inoccupati o occupati (popolazione adulta in età attiva dai 25 ai 64 anni) in possesso dei seguenti requisiti:possesso del diploma di scuola media superiore o laurea,oppure esperienza almeno biennale di lavoro,oppure qualifica di I° livello.La domanda di partecipazione, alla quale dovranno essere allegati curriculum vitae (Europass) e documento di identità in corso di validità, dovrà pervenire entro e non oltre il giorno 27 aprile 2010.Per ulteriori informazioni visitate il sito: http://www.bicomega.it oppure contattate telefonicamente l’ufficio comunicazione del Bic Omega allo 0861805602 (Sig.ra Samuela Di Emidio).

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorso per tre contratti a tempo determinato

Posted by fidest press agency su martedì, 22 febbraio 2011

E’ indetta all’Università di Pavia una prova selettiva, per titoli ed esami, per tre contratti a tempo determinato di cat. C/1 della durata di un anno e con orario di lavoro a tempo parziale (due unità all’ 80% e una unità al 70% del tempo pieno di 36 ore) per il Centro Interdipartimentale di Biologia e Medicina dello Sport dell’Università degli Studi di Pavia. I requisiti richiesti sono: Diploma di Istruzione Secondaria di secondo grado, limitata al solo indirizzo amministrativo conseguito presso Istituti Tecnici/Professionali; Esperienza lavorativa certificata di almeno due anni nell’attività in settori analoghi. La prova selettiva consisterà in un colloquio sulle seguenti materie: Elementi di contabilità – Normative/direttive relative alle federazioni medico/sportive e dilettantistiche – Statuto universitario e organizzazione dell’ Università – Conoscenza dei principali pacchetti applicativi informatici (Microsoft Office, Excel e Word Il termine per la presentazione della domanda da indirizzare al Direttore amministrativo Università degli Studi di Pavia – Strada Nuova 65 – dovrà essere presentata direttamente o a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento all’Università stessa entro il 18 marzo 2011. Il bando integrale, disponibile anche presso l’Ufficio Politiche Giovanili di Ateneo – Palazzo Maino – via Mentana 4 – è stato affisso all’Albo Rettorale in data 16/02/2011

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Requisiti per strutture trasfusionali

Posted by fidest press agency su martedì, 21 dicembre 2010

La Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, nella seduta del 16 dicembre, ha definitivamente approvato i requisiti minimi organizzativi, strutturali e tecnologici dei Servizi Trasfusionali e delle Unità di Raccolta ai sensi dell’articolo 19, comma 1 della legge 21 ottobre 2005, n. 219, nonché il modello per le visite di verifica di cui al D.lgs 261/2007. “Con viva soddisfazione si prende atto dell’avvenuta approvazione di questo fondamentale accordo sancito dalla Conferenza Stato Regioni – afferma il dr. Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale della FIDAS –. Questo accordo, che definisce i requisiti minimi delle Strutture Trasfusionali,  costituisce la base imprescindibile per l’erogazione uniforme dei livelli essenziali di assistenza in materia di attività trasfusionali, anche attraverso la qualificazione dei Servizi Trasfusionali e delle Unità di Raccolta. Garantisce, inoltre, trattamenti omogenei ai donatori e ai pazienti riceventi terapie per emocomponenti ed emoderivati, pur nel rispetto delle scelte e dei modelli organizzativi regionali”. La predisposizione di questo atto normativo è stata affidata al Centro Nazionale Sangue dalla Commissione Salute degli Assessori alla Sanità di Regioni e Province Autonome e dal Ministero della Salute. Il testo è stato approvato dalla Consulta Tecnica Permanente per il Sistema Trasfusionale con il parere favorevole di AIFA.Con la concreta applicazione di questa norma, inizia un percorso indispensabile per l’accreditamento delle Strutture Trasfusionali nel rispetto delle normative nazionali e europee, percorso che dovrà essere completato con due ulteriori passaggi normativi imprescindibili: la predisposizione del Decreto ministeriale di istituzione dell’elenco nazionale dei valutatori del sistema trasfusionale, e l’emanazione da parte del Centro Nazionale Sangue delle linee guida per l’accreditamento di cui all’articolo 20 della legge 219/2005, che dovranno interessare prevalentemente aspetti qualitativi di standardizzazione e razionalizzazione delle attività trasfusionali.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Patente e over ‘75

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 novembre 2010

La  50&Più chiede l’immediata sospensione delle nuove procedure per il rinnovo della patente degli over 75 fino a quando non si realizzino queste tre condizioni: 1) procedure semplificate; 2) moltiplicazione delle sedi necessarie per le richieste di rinnovo; 3) canali dedicati esclusivamente alle visite mediche da effettuare. L’associazione 50&Più denuncia le gravi difficoltà che si trovano ad affrontare gli ultrasettantacinquenni per il rinnovo della patente secondo le modifiche del Codice della Strada apportate in luglio. Ne chiede pertanto l’immediata sospensione.  Con l’intento di rendere più selettiva e seria la verifica dei requisiti di guida, di fatto è stato creato un meccanismo che è un vero delirio burocratico e che, specie nei grandi centri abitati come Roma, rende quasi impossibile il rinnovo della patente oltre i 75 anni.  Sono scarse le sedi delle “commissioni speciali” per presentare la domanda. Enorme è la mole della documentazione richiesta. Complicatissima, con oltre 17 prove, la visita medica da superare che è a proprie spese e con liste di attesa lunghissime.  “Mentre registriamo una costante crescita dell’aspettativa di vita e il prolungarsi del periodo di vita attiva – sostiene il Segretario Generale di 50&Più, Gabriele Sampaolo in una lettera rivolta al Ministro Matteoli – la nuova normativa è fortemente discriminatoria verso gli ultrasettantacinquenni e di fatto inibisce un diritto. Ne chiediamo, quindi, la sospensione fino a quando non si realizzino queste tre condizioni: 1) non vengano semplificate le procedure; 2) non siano moltiplicate le sedi necessarie per le richieste di rinnovo; 3) non ci siano canali dedicati esclusivamente alle visite mediche da effettuare”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal prossimo anno cambiano le pensioni

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 ottobre 2010

(Centro Maderna) Dal 2011 scattano le nuove pensioni: le ripercussioni più evidenti saranno quelle che si avranno sui meccanismi d’ingresso in pensione, in virtù dell’entrata in vigore della “finestra mobile”. A partire dal primo giorno del 2011, i lavoratori dipendenti riceveranno il primo assegno del trattamento pensionistico di anzianità e vecchiaia quando saranno trascorsi 12 mesi dalla data di maturazione dei requisiti anagrafici e contributivi. I lavoratori autonomi dovranno invece attendere 18 mesi. Dal meccanismo della finestra mobile si salveranno quanti maturano i requisiti entro dicembre 2010. Il sistema pensionistico, inoltre, si rivelerà molto più stringente anche per quanto riguarda gli assegni di invalidità. Nel triennio 2010-2012, infatti, all’Inps spetterà il compito di effettuare 600mila verifiche straordinarie sulle pensioni di questo tipo: 100mila nel 2010, 250mila nel 2011 e altrettante nel corso del 2012. La normativa prevede anche maggiore indulgenza per i pensionati a basso reddito. A chi vive con un reddito da pensione inferiore ai 18mila euro annui e, in fase di determinazione dei conguagli fiscali di fine anno, risulti in debito di imposta per più di 100 euro, l’Inps offrirà la possibilità di saldare i conti in undici rate fino al mese di novembre dell’anno successivo.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assegno invalidità

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 luglio 2010

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali/Pd. Anche se non risolutivo, riteniamo importante l’abrogazione del primo comma dell’articolo 10 riguardante i falsi invalidi, che nulla c’entrava con la doverosa e giusta lotta ai falsi invalidi, mentre era un grave e duro colpo agli invalidi veri. Tale emendamento era privo di efficacia, sia riguardo al contenimento dei costi, sia riguardo al contrasto delle “false invalidità”. L’innalzamento della percentuale di invalidità dal 74% all’85% quale soglia per accedere all’assegno mensile di assistenza riservato agli invalidi parziali, avrebbe comportato un limitato risparmio di 10 milioni di euro per il primo anno, 30 per il secondo, e 40 per il terzo. Peraltro, avrebbe inciso sulla categoria di invalidi civili per i quali già sono previsti requisiti particolarmente stringenti. Senza considerare che se fosse passato tale sciagurato emendamento, l’elevazione di quella percentuale avrebbe comportato l’esclusione di persone affette da significative patologie. La questione delle disabilità non si risolve di certo con un colpo di spugna, in quanto milioni di malati aspettano che venga anche aggiornato, per esempio, il nomenclatore tariffario che garantisce loro il sostegno di importanti presidi medici, che dovrebbero essere inclusi nei LEA, e che dal 1999 rimane in attesa. Si tratta spesso di apparecchiature che per molti malati costituiscono risorse di importanza vitale. Basti pensare ai sintetizzatori vocali che consentono a migliaia di persone malate di SLA o di sindromi da locked-in di continuare a parlare e comunicare con l’esterno, che ancora non sono garantite in tutte le regioni. Questo è anche il senso della dura lotta nonviolenta della Deputata radicale Maria Antonietta Farina Coscioni, impegnata da molti giorni in uno sciopero della fame perchè questi presidi, essenziali per una qualità della vita che sia giusto almeno accettabile, siano garantiti in tutta Italia.
La direzione non era certo quella di questo pericoloso articolo che fino a ieri minacciava milioni di veri disabili nella finanziaria di Tremonti-Berlusconi. Non è ancora  la direzione giusta: dall’alto di un governo che si riempie la bocca (solo quella evidentemente) del suo essere incondizionatamente e dogmaticamente “pro life”, non si può risparmiare sui disabili, è l’ennesima insopportabile ingiustizia. Per queste ragioni, oggi con l’associazione Luca Coscioni, saremo anche noi in piazza Montecitorio per chiedere che cio’ che e’ stato promesso alcuni mesi fa dal Ministro Fazio sui LEA divenga concreta realtà”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Norme accessibilità: nuovi requisiti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 giugno 2010

Il ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione, a seguito dell’emanazione delle nuove raccomandazioni internazionali da parte del W3C (World Web Wide Consortium) e dell’invito esteso ai 27 paesi membri da parte della Commissione europea di adottare tali raccomandazioni, ha aggiornato il  documento che raccoglie i “Requisiti tecnici e i diversi livelli per l’accessibilità agli strumenti informatici”. L’obiettivo è quello di garantire a tutti gli utenti la massima accessibilità alle informazioni e piena fruibilità dei servizi on line nella Pubblica Amministrazione. I requisiti tecnici si applicano a: siti Web; applicazioni realizzate con tecnologie Web; documenti resi disponibili sui siti Web; materiale formativo e didattico di natura digitale utilizzato nelle scuole di ogni ordine e grado. Inoltre, nel caso di materiali didattici e formativi basati su tecnologie Web, oltre alla conformità ai requisiti tecnici descritti è richiesta la conformità anche a quanto stabilito dal Decreto Ministeriale del 30 aprile 2008 sulle “Regole tecniche disciplinanti l’accessibilità agli strumenti didattici e formativi a favore degli alunni disabili”. Nell’utilizzo delle tecnologie di base è obbligatorio rispettare i seguenti vincoli: è obbligatorio dichiarare esplicitamente, quando previsto, la grammatica formale adottata, è vietato l’utilizzo degli elementi, degli attributi e delle funzioni definiti deprecati nella specifica della grammatica formale adottata, il codice impiegato deve essere valido rispetto alla grammatica formale adottata.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regionali Lazio: proteste di piazza

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 marzo 2010

Roma 13 marzo piazza del Popolo a partire dalle ore 14:00 manifestazione promossa dall’Italia dei Valori e altri movimenti per protestare per il modo come è stata gestita la riammissione della lista del Pdl per le regionali del Lazio. I promotori del meeting ora si chiedono: “Perché questa regola non è valsa per tutte le altre forze politiche non ammesse anche in altre Regioni per mancanza di requisiti? E perché, da cinquanta anni a questa parte, nessuno dei precedenti Presidenti della Repubblica ha mai avallato una simile soluzione pur essendosi presentati centinaia e centinaia di casi analoghi?  Perché permettere tutto questo scempio del diritto, dopo che molti esponenti del Pdl, pochi giorni fa sul caso di Bologna, hanno sostenuto che un decreto era inappropriato e incostituzionale? Tra l’altro ciò si è verificato in una situazione in cui non c’era bisogno di alcun provvedimento, come si è visto nei casi delle liste Formigoni e Polverini, dove l’intervento giudiziario ha consentito la riammissione delle liste. Il decreto è stato uno sfregio alla legalità e alla democrazia. La verità è una ed una sola: c’è stata la volontà di favorire solo uno dei giocatori.”

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: nuovo regolamento bar, ristoranti

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 gennaio 2010

La Giunta comunale, presieduta dal sindaco, Gianni Alemanno, ha approvato all’unanimità, su proposta dell’assessore alle Attività produttive, Davide Bordoni, il regolamento per la disciplina delle attività commerciali di somministrazione di alimenti e bevande. Il provvedimento passa ora all’esame del Consiglio comunale per l’adozione definitiva. Sono dieci i Municipi, sui 13 che hanno risposto, che, chiamati dall’Amministrazione centrale a dare un parere sul provvedimento, si sono infatti espressi a favore dell’identificazione di nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le nuove aperture e i trasferimenti di sede. In particolare, lo strumento normativo adottato dal Comune di Roma stabilisce che gli esercizi dovranno rispettare requisiti strutturali che interessano la somministrazione di alimenti e bevande e la superficie destinata ai servizi, con particolare riguardo agli spazi dedicati alla manipolazione degli alimenti. Oltre a questi requisiti, il regolamento stabilisce il rispetto di determinati criteri di qualità riconducibili alla professionalità del titolare dell’attività commerciale e degli addetti al servizio di somministrazione, alle caratteristiche del locale e alla qualità del servizio offerto. A ognuno di questi criteri è attribuito un punteggio. A tal fine il regolamento suddivide il territorio comunale in tre zone, con la duplice finalità di salvaguardare le aree centrali della città per la loro particolare valenza storica, architettonica e ambientale, e, contestualmente, di promuovere uno sviluppo diffuso sul territorio garantendo vivibilità e sicurezza nelle aree periferiche. Fatto salvo il rispetto dei requisiti strutturali, uniformi su tutto il territorio comunale, si dovrà soddisfare un punteggio minimo che varia in base alla zona dove si trova l’attività commerciale. Particolari agevolazioni saranno applicate alle richieste di autorizzazione per il trasferimento di attività già in essere al momento dell’adozione del nuovo regolamento comunale. «Con questo regolamento abbiamo puntato sulla qualità – ha affermato l’assessore alle Attività produttive, Davide Bordoni – identificando nuovi parametri per bar e ristoranti. Il riscontro positivo avuto da parte dei Municipi rinforza l’obiettivo comune di offrire un servizio efficiente, che risponda alle esigenze della cittadinanza e tuteli le aree di maggior pregio storico e architettonico della città. Lo strumento normativo appena adottato rappresenta un cambio importante nella disciplina dei pubblici esercizi e favorirà una crescita qualitativa del servizio proposto. I nuovi parametri costituiscono inoltre una spinta per fare impresa e investire nel settore, dando slancio all’economia capitolina».

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sanità: Ancora licenziamenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 settembre 2009

Regione Lazio. Il Segretario UGL sanità di Roma Antonio Cuozzo rende noto in un comunicato che”Il piano ospedaliero è rientrato, mentre il piano sanitario regionale ancora è in stato di “Attesa”. Con questo andazzo “si va avanti da circa 2 anni con consultazioni tra i vari rappresentanti della regione Lazio, mai però con il Commissario straordinario alla Santà della Regione Lazio On.le Marrazzo. Questa situazione, alla fine, rischia di provocare solo confusione ed impedire un confronto efficace”. Le ricadute sui cittadini sono inevitabili. Viene meno “una efficace assistenza sanitaria, mentre la categoria che paga il prezzo più alto sono i lavoratori delle strutture accreditate (Sanità Privata), i quali a causa della riduzione dei posti letto, sono “licenziati”. “Si tratta di operatori che lavorano con molta professionalità e anche in ambienti non consoni ai requisiti richiesti per l’accreditamento. Intanto in strutture come il  San Raffaele Montecompatri (Roma),  tra 30 giorni i lavoratori andranno tutti a casa, e a costoro si aggiungono  quelli che a Luglio il Gruppo San Raffaele ha già licenziato. Una situazione sconcertante dove per anni la Regione ha concesso accreditamenti ed autorizzazioni, al fine di garantire assistenza sanitaria ed occupazione, ma che adesso sta producendo solo “disoccupazione”. “Allora, -commenta Cuozzo – viene da pensare che non dobbiamo salire sui “tetti”, bensì bloccare ogni apertura di strutture accreditate e autorizzate, poiché produrranno solo disoccupazione”. E’ necessario e urgente, quindi, per Cuozzo “una convocazione di un tavolo dove ci siano oltre alla Regione Lazio i rappresentanti nazionali a cui è demandata la competenza in materia sanitaria, affinchè si possa trarre una “vera” e reale soluzione condivisa su un problema importante come quello del riassetto della sanità laziale che incide sia sull’occupazione che sul diritto alla salute del cittadino”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Rifiuti: distribuiti 50.000 moduli di rimborso Iva

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Roma. Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani annuncia che sono stati distribuiti, nel corso di Fisco Tour 2009, i primi 50.000 moduli per l’istanza di rimborso dell’IVA pari al 10% pagata sulla tassa igiene ambientale TIA, meglio nota come tassa sui rifiuti, in soli 7 giorni. Al centro dell’iniziativa legale è l’annosa questione legata alle recente sentenza n. 238/09 della Corte Costituzionale che ha sancito il diritto al rimborso dell’IVA pagata sulla tassa rifiuti in quanto la T.I.A. è una tassa e pertanto sulla stessa non può essere applicata l’I.V.A.. Ad oggi, basando la stima sulle medie tariffarie registrate nell’ultimo rapporto governativo sui rifiuti è possibile dedurre che tra famiglie e imprese la partita sui rimborsi viaggi intorno ai 200 milioni l’anno. Per le famiglie il rimborso è medio è di circa 360 euro, mentre per le imprese ammonta a circa 3.750 euro. Per il presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani, Vittorio Carlomagno, il rimborso come sancito dalla Corte Costituzionale va erogato, entro 30 giorni dal ricevimento della istanza di rimborso, in un’unica soluzione. Il modulo per l’istanza di rimborso (mod. IRT), disponibile sul sito http://www.contribuenti.it , deve essere presentato entro le ore 10 del 30 settembre 2009 a “Lo Sportello del Contribuente” della propria città, per non pregiudicare i diritti acquisiti.

Ringraziamo la nostra lettrice Stefania per la segnalazione; per avere il modulo e poterlo direttamente stampare senza alcuna iscrizione/spesa, cliccate qui: Modello rimborso altroconsumo
Di recente abbiamo avuto anche un’altra comunicazione: IVA su TARSU La cassazione ha stabilito che la tassa dei rifiuti è di fatto una tassa e non una tariffa; di conseguenza hanno applicato l’iva su un importo dove non doveva essere applicata in quanto appunto “tassa”. Pertanto tutti gli utenti hanno diritto al rimborso del 10% dei 10 anni retroattivi, inoltre controllando sul sito “federconsumatori” si evince che chi richiede il rimborso (che come al solito arriverà, lentamente ma arriverà) bloccherà di fatto l’iva sulle prossime fatture. Chi non lo fa si troverà a continuare a pagare tutto come prima perché, come capita solo in Italia, gente come anziani o fasce inferiori che non sanno i loro diritti non ne usufruiscono “in automatico”, ma solo se se ne accorgono e fanno richiesta. Pertanto vi allego il modulo che contiene le spiegazioni per la compilazione, anche in formato word se volete compilarlo direttamente a video. Visitate anche questo sito http://www.consulenza-ricorsi.com/tarsu-tassa-rifiuti-ricorso-rimborso-iva/ Abbiamo ora un altro seguito: qui

Ora ci pensa anche il Parlamento a vanificare un diritto: La sentenza della Corte Costituzionale ha stabilito in modo inequivocabile che la Tia, tariffa di igiene ambientale, è una tassa e come tale non vi va applicata alcuna maggiorazione del 10% di Iva. La questione riguarda in prevalenza le regioni del Centro Nord dove in questi ultimi anni si è passati dalla “tassa” rifiuti alla “tariffa”, con un aggravio dell’Iva a carico delle famiglie. Considerato mediamente un costo di 150-200 euro l’anno di tassa rifiuti – dichiara Paolo Landi, Segretario Generale Adiconsum – il credito accumulato dalle famiglie nei confronti dell’erario oscilla fra i 70 e i 150 euro. Complessivamente è stato stimato che l’Iva da restituire alle famiglie è di circa 1 miliardo. Tutte le pressioni esercitate per ottenere la restituzione di quanto pagato e non dovuto dalle famiglie sono state vane. Ancora una volta assistiamo ad un film già visto: quando c’è in ballo la restituzione di crediti a favore delle famiglie (v. telefonia e assicurazioni), il legislatore corre subito ai ripari per annullarli. Un film che rischia di ripetersi ancora oggi, poiché alla Commissione Finanze e alla Commissione Attività Produttive sono stai presentati da parte del deputato PDL e assessore al bilancio del comune di Roma, Maurizio Di Leo, emendamenti per azzerare questo credito nei confronti delle famiglie. Adiconsum – prosegue Paolo Landi – esprime la propria contrarietà a questo emendamento e invita il Parlamento a trovare formule alternative che prevedano comunque la restituzione alle famiglie, anche, ad es., attraverso la compensazione nella Dichiarazione dei redditi.Abbiamo un altro seguito: qui

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | 17 Comments »

Accesso programmato dell’università di Parma

Posted by fidest press agency su martedì, 1 settembre 2009

Parma. Le prove si svolgeranno a partire dal 2 settembre alle ore 10, presso il Polo Didattico di Via del Prato (angolo Borgo Carissimi) per l’ammissione al Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche. Per 300 posti disponibili, sono state presentate 769 domande. Per la laurea magistrale in Psicologia, invece, non è prevista la prova di ammissione: sarà redatta una graduatoria in base ai requisiti specificati nel bando. Giovedì 3 settembre, alle ore 8, presso il Plesso Biotecnologico Integrato di Via Volturno 39, si terrà il test di ammissione per il Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia. Le domande sono 1728 per 220 posti disponibili (238 domande più rispetto all’anno scorso). Venerdì 4 settembre avrà luogo il test di ammissione per il Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Odontoiatria e protesi dentaria, alle ore 8 nelle aule centrali della Facoltà in Via Gramsci 14. Anche in questo caso le domande sono in aumento: 491 per 20 posti disponibili (per il 2008/09 le domande sono state 452). Chi vuole iscriversi al Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina Veterinaria dovrà sostenere la prova lunedì 7 Settembre, alle ore 9, presso la Facoltà in Via del Taglio 10. Gli iscritti sono 456 (erano 402 nel 2008).  Martedì 8 settembre è la volta della Facoltà di Architettura: l’appello per i test per i Corsi di laurea in Scienze dell’Architettura (280 iscritti) e Tecniche dell’Edilizia (140 iscritti) è fissato per le ore 9,30 presso la Sede Didattica della Facoltà di Ingegneria (V.le G.P. Usberti 69/A – Campus universitario). L’anno scorso gli iscritti alle prove erano rispettivamente 287 e 108. Infine, le prove di ammissione per i Corsi di laurea triennali delle Professioni Sanitarie si svolgeranno mercoledì 9 settembre, a partire dalle ore 8, presso il Plesso Biotecnologico Integrato di Via Volturno 39. Per quasi tutti i Corsi si registra una forte crescita nel numero delle domande. Tutte le informazioni sui corsi e sulle scadenze sono disponibili sul sito dell’Università http://www.unipr.it

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La qualità delle banconote in circolazione

Posted by fidest press agency su martedì, 25 agosto 2009

Per mantenere il livello qualitativo delle banconote in euro in circolazione, nel 2008 l’Eurosistema ha messo a punto degli standard minimi comuni di selezione dei biglietti applicati da tutte le BCN partecipanti a partire dall’introduzione dell’euro nel 2002. Le BCN verificano attentamente la qualità di tutte le banconote in euro depositate dai propri clienti non appena esse rientrano dalla circolazione. Il controllo di qualità viene svolto da sofisticate macchine selezionatrici che rispettano uno standard comune e applicano soglie minime per alcuni criteri di idoneità delle banconote ( il livello di sporco, lacerazioni o altri danni). Lo scopo di queste operazioni è di garantire che siano rimesse in circolazione solo i biglietti idonei all’uso e ritirati quelli che non rispondono ai requisiti fissati. Un altro obiettivo degli standard minimi comuni di selezione è quello di contribuire a garantire una qualità uniforme delle banconote in euro in circolazione che i cittadini dlel’area utilizzano quotidianamente come mezzo di pagamento. In questo contesto si è rilevato un sensibile peggioramento  dei tagli più piccoli e, in special modo delle banconote da 5 euro. A questo riguardo le analisi hanno rilevato che nei paesi in cui la qualità non è soddisfacente, le banconote da 5 euro circolano principalmente all’interno del settore del commercio al dettaglio e che la frequenza con cui vengono introitate dalle BCN attraverso le istituzioni creditizie e, di conseguenza, bassa. Le BCN dei paesi che hanno problemi di qualità dei biglietti, hanno tentato un miglioramento agendo sulle loro strategie di selezione del contante e/o emettendo provvisoriamente nel 2008 solo banconote nuove. Nel 2008 le BCN hanno sostituito 750 milioni di banconote non idonee con biglietti nuovi e con quelli ricircolabili, che rappresenta solo il 9,2% del volume medio di banconote in euro in circolazione nell’anno grazie al buono stato di conservazione dei biglietti dovuto alla loro recente introduzione. Nel 2008 le banconote non idonee  sono state complessivamente  2.633 milioni, pari al 33,1% del volume medio di biglietti in circolazione in quell’anno.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Franco Ascani Coordinatore Didattico del Coni

Posted by fidest press agency su martedì, 9 giugno 2009

La Giunta del Comitato Regionale Lombardia del CONI, presieduta dall’Arch. Pino Zoppini, ha definito, all’unanimità, gli assetti della Scuola Regionale dello Sport per il prossimo quadriennio, nominando, su proposta del Consiglio Direttivo della Scuola (che comprende tutti i Presidenti CONI della Regione) Coordinatore Didattico – Scientifico il Prof. Franco Ascani per “i precisi requisiti e le competenze professionali nel campo della formazione e del management”. Il Prof. Ascani, Presidente Internazionale della FICTS, è attualmente Direttore del Master in “Sport Management, Marketing e Sociology” dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e del Master Sport alla “Business School” del “Sole24Ore”.  La Scuola Regionale dello Sport, presieduta dal V. Presidente CONI Lombardia Adriano Pucci Mossotti, in attuazione del nuovo Regolamento, svolgerà, in collaborazione con i Comitati Provinciali CONI, attività di diffusione della cultura sportiva e di miglioramento delle competenze di dirigenti, tecnici e collaboratori coordinando le diverse risorse professionali dei docenti e degli esperti.  La Scuola svolgerà la sua azione per soddisfare le esigenze formative ed informative di tutte le figure che operano in ambito sportivo nonché la ricerca, attraverso pubblicazioni, documenti e filmati, in sinergia con i Comitati Provinciali CONI, con la Regione Lombardia e con le Istituzioni.  Fausto Origlio è stato eletto V. Presidente Vicario del CONI Lombardia nella stessa seduta di Giunta.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fisco, una guida per rateizzare i pagamenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 Mag 2009

Se all’arrivo di una cartella esattoriale il contribuente si trova in una situazione di temporanea difficoltà al pagamento in un’unica soluzione, può chiedere la rateazione dei debiti iscritti a ruolo, fino ad un massimo di 72 rate mensili (sei anni). Equitalia, la società incaricata della riscossione dei tributi, ha messo a disposizione dei cittadini una Guida pratica che chiarisce modalità e requisiti dell’istanza. La guida sarà a disposizione dei contribuenti presso tutti gli sportelli della società di riscossione dislocati sul territorio nazionale. Sul sito Equitaliaspa.it, inoltre, l’opuscolo è disponibile on line, insieme al calcolatore, un simulatore che permette di conoscere il numero massimo di rate che l’Agente della riscossione potrà concedere. La richiesta può essere presentata direttamente agli sportelli o a mezzo posta all’agente della riscossione competente per territorio. I moduli, diversificati in base al tipo di problema, sono on line sul sito di Equitalia, insieme ad ulteriori informazioni sulla documentazione da allegare alla domanda. Per ottenere la rateazione non è più necessario presentare garanzie. Per le persone fisiche e giuridiche che hanno un debito complessivo d’importo fino a 5.000 euro è sufficiente presentare una semplice richiesta motivata. Per somme superiori a 5.000 si applicano modalità differenti a seconda che i debitori siano persone fisiche o ditte individuali con regimi fiscali semplificati, o società di capitali, società di persone, associazioni e altre tipologie di soggetti con differente forma giuridica. La rateazione deve riguardare tutte le somme iscritte a ruolo e l’importo della rata non può essere inferiore a 100 euro. Il piano di ammortamento del debito comprende l’importo della cartella di pagamento, gli interessi di mora e gli aggi di riscossione ed è frazionato in rate di uguale importo.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Precari: Ospedali Riuniti di Bergamo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 aprile 2009

Si concluderà all’inizio dell’estate il processo di stabilizzazione del personale precario avviato dagli Ospedali Riuniti. L’80% sarà assunto con un contratto a tempo indeterminato. Coinvolte tutte le figure professionali, dai medici agli infermieri, dai tecnici agli amministrativi. L’80% dei lavoratori precari degli Ospedali Riuniti, in servizio al 31 dicembre 2007, sono stati assunti con un contratto a tempo indeterminato o lo saranno al termine del processo di stabilizzazione in corso, che si concluderà all’inizio dell’estate. In altre parole la più grande azienda della provincia di Bergamo ha assunto tutto il personale precario in possesso dei requisiti richiesti dalla legge per il processo di stabilizzazione, nel rispetto dei limiti di dotazione organica stabiliti dalla Regione Lombardia. Circa il 50% del personale stabilizzato appartiene al comparto – amministrativi e infermieri soprattutto, ma anche tecnici -, il restante 50% alla dirigenza, per la maggioranza medica, ma anche sanitaria   amministrativa. Le persone che non sono rientrate nel processo di stabilizzazione continueranno a lavorare ai Riuniti con incarichi liberi professionali o di collaborazione, almeno rispetto a quelle funzioni considerate essenziali per l’ospedale soprattutto a lungo termine. “Stiamo attendendo indicazioni in proposito dal Ministero della Funzione Pubblica. Il nostro obiettivo rimane quello di garantire la continuità e la stabilità dei servizi e avere professionisti preparati e motivati che facciano crescere questo ospedale. Finora ci siamo riusciti”, conclude Carlo Bonometti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

PRECARI C.R.I: le inesattezze del ministro

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 aprile 2009

Nell’illustrare il “Terzo report sul monitoraggio dei contratti di lavoro flessibile nelle P.A.”, il Ministro Renato Brunetta ha dichiarato che i lavoratori precari della Croce Rossa Italiana «non sono inseriti tra i regolarizzabili, in quanto non hanno anzianità direttamente con la C.R.I. (sono circa 2248), bensì prevalentemente con le Regioni e le A.S.L. di provenienza». “Questa affermazione del Ministro non corrisponde alla realtà – puntualizza Massimiliano Gesmini della RdB-CUB C.R.I. – infatti non solo i lavoratori precari della C.R.I. hanno regolari contratti di lavoro a tempo determinato sulla base del Decreto Legislativo 6 settembre 2001 n. 368 con un Ente Pubblico non Economico quale è la stessa C.R.I., ma possiedono anche tutti i requisiti per la trasformazione dei contratti a tempo indeterminato previsti dalle normative vigenti”. “A questo punto non comprendiamo lo spirito delle affermazioni del Ministro – prosegue Gesmini – Brunetta intende forse mettere in mezzo alla strada più di 2000 lavoratori che svolgono servizi pubblici essenziali quali il Pronto Soccorso, il Trasporto Infermi, l’assistenza ai gravi disabili e ai migranti, scaricandoli alle Regioni? Se è così, oltre ad assumersi questa grave responsabilità, Il Ministro deve spiegare come mai questi lavoratori sono stati inseriti dalla CRI nel monitoraggio in qualità di propri dipendenti precari. Siccome così non è, chiediamo non solo che il Ministro smentisca ufficialmente le sue dichiarazioni, ma che fattivamente operi per permettere le stabilizzazioni che il vertice politico-amministrativo dell’Ente Croce Rossa non ha ancora attivato, rischiando di mettere in seria crisi i servizi pubblici da esso gestiti e sul lastrico 2248 famiglie”. Conclude il rappresentante RdB: “Vogliamo che questo rimpallo di responsabilità cessi definitivamente.  Per questo i lavoratori precari della C.R.I. attueranno una protesta ferma e civile inviando copia dei loro contratti di lavoro direttamente al Ministro Brunetta, mettendolo di fronte alle proprie responsabilità e contraddizioni”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »