Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Posts Tagged ‘residenziale’

CBRE Global Investors lancia il fondo europeo d’impatto residenziale

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 settembre 2021

E’ il primo closing del CBRE European Residential Impact Fund (di seguito “ERIF” o “il Fondo”), che mira a procurare rendimenti legati all’inflazione mediante investimenti d’impatto nel settore dell’Affordable housing (abitazioni economicamente accessibili), sebbene l’aumento dei canoni d’affitto possa essere limitato dalla legge, o consentito soltanto con sostanziale ritardo nei tempi. Il Fondo ha ricevuto un impegno di capitale di 465 milioni di euro complessivi da quattro investitori istituzionali europei, tra cui clienti nuovi e già esistenti. ERIF è un fondo di investimento aperto, paneuropeo, costituito in forma di SICAV-SIF con sede in Lussemburgo, aperto agli investitori qualificati provenienti da EMEA, Nord America e Asia e ha l’ambizione di crescere fino a 3 miliardi di euro (valore patrimoniale lordo) entro tre-cinque anni. Il Fondo si è impegnato a realizzare un impatto ESG (ambientale, sociale e d’impresa) attraverso la consegna di case in affitto a canone accessibile, di buona qualità e sostenibili, con un’offerta completa di servizi per famiglie di medio reddito, nei mercati delle principali aree metropolitane delle prime 15 città europee e in alcune altre città selezionate. Il Fondo farà leva sui punti di forza della piattaforma europea di CBRE leader del mercato.Il Fondo si caratterizza per la sua strategia d’impatto ESG, completa ed esclusiva, che è stata studiata in cooperazione con The Good Economy, consulente esterno in materia di impatto sociale. I suoi obiettivi principali sono allineati agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDGs), al fine di effettuare acquisizioni in aree multifunzionali delle periferie nel settore della locazione privata (PRS). Accanto al tema principale dell’accessibilità economica, i criteri di selezione d’impatto ESG comprendono l’efficienza energetica, la vicinanza dei trasporti pubblici, i servizi e l’accesso ad aree verdi. Tuttavia, prima di assumere una decisione, i potenziali investitori dovrebbero tenere conto di tutti gli obiettivi del Fondo, così come descritti nel Memorandum di collocamento del Fondo stesso. Per individuare gli investimenti strategici nei mercati delle 15 principali città europee in termini di trend demografico, i team di consulenza e investimento delle sedi locali di CBRE Global Investors continueranno a ricorrere allo storico approccio vincente della società, basato sulla ricerca. Il Fondo sta attualmente sviluppando un elenco attivo e crescente di potenziali investimenti che, se completati con successo, saranno acquisiti dal Fondo.Il primo closing giunge in un periodo in cui il mercato residenziale è caratterizzato dalla limitata offerta di case in affitto economicamente accessibili e di buona qualità, condizionando, secondo quanto definito dall’Urban Land Institute (ULI), competitività della città, rendimento economico, salute dei cittadini, benessere e qualità della vita. Il problema è particolarmente sentito nel segmento delle abitazioni intermedie, che comprende i nuclei famigliari che non hanno i requisiti per accedere all’edilizia popolare ma, allo stesso tempo, faticano a sostenere gli interi costi di mercato.Paul Oremus, Fund Manager di CBRE European Residential Impact Fund ha dichiarato: “Utilizzeremo l’European Residential Impact Fund per assumere un ruolo leader nel mobilitare e agevolare capitale istituzionale verso comportamenti socialmente responsabili, investendo in abitazioni economicamente accessibili, sostenibili e di buona qualità. Nel fare ciò, ci impegniamo a contribuire a rendere le città più inclusive, tenendo conto dei bisogni delle comunità locali.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il settore residenziale in Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 29 Maggio 2021

Secondo lo studio, nel 2020 la stima del fatturato delle transazioni relativo a questa asset class è pari a 91 miliardi di euro, rappresentando così l’86% del valore totale nel comparto real estate (pari a 105 miliardi di euro). La contrazione rispetto al 2019 è stata del -6,7%, una performance migliore rispetto a quella del settore immobiliare nel suo complesso (-7,7%). Inoltre, lo studio ha analizzato le profonde trasformazioni avvenute in questo settore nel recente passato, dovute all’uso sempre più pervasivo della tecnologia e della digitalizzazione, ai nuovi modelli di vita, all’evoluzione delle esigenze dell’utente finale e al progressivo incremento delle funzioni a cui la casa è chiamata a dare risposta. La pandemia e le misure introdotte per il suo contenimento, poi, con le esigenze di distanziamento, il ricorso al remote working e alla didattica a distanza, hanno determinato un ulteriore ripensamento degli immobili, con nuove tendenze innestate in questo contesto già in evoluzione, basate sulla centralità dell’uomo e sulle sue esigenze. In particolare, si è vista una maggiore attenzione alla qualità dell’immobile, al livello di comfort/servizi offerti e agli spazi a disposizione, oltre a un aumento dell’interesse per le residenze in affitto con standard evoluti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Il nuovo esecutivo lavori al rilancio del turismo residenziale”

Posted by fidest press agency su domenica, 14 febbraio 2021

“Dal nuovo governo ci aspettiamo un cambio di passo nei confronti del mondo del turismo residenziale, riconoscendo il suo ruolo e favorendo la sua ripresa: lo chiedono i gestori di oltre 500mila alloggi, e lo chiedono i 70mila lavoratori che operano in questo campo”. E’ quanto afferma Stefano Bettanin, presidente di Property Managers Italia, associazione nazionale di categoria del turismo residenziale.
“I governi precedenti – sostiene Bettanin – non hanno recepito appieno le sollecitazioni che venivano dal nostro settore, che alla vigilia della crisi determinata da pandemia e lockdown era arrivato a pesare due punti e mezzo di Pil, e che superata la fase più acuta dell’emergenza ha dimostrato di sapersi adattare meglio al nuovo scenario.” “Ci auguriamo – conclude Bettanin – che un nuovo governo di alto profilo, come quello che Mario Draghi sta formando, comprenda come il mercato del turismo sia profondamente cambiato, e come questo debba essere aiutato: da un lato con un sostegno economico per superare questa fase di crisi, e dall’altro con un riordino del quadro normativo che possa liberare le potenzialità del turismo residenziale”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turismo residenziale: riecco i turisti in Lombardia

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 agosto 2020

Raggiungono le località di vacanza in auto, si fermano più giorni, cercano luoghi per rilassarsi e prima di mettersi in viaggio si informano sulle misure anti Covid: dopo mesi neri, con prenotazioni azzerate, i turisti tornano in Lombardia. Per aiutare il turismo residenziale a ripartire e le famiglie provate dal lockdown e dalla crisi economica causata dalla emergenza sanitaria, l’associazione nazionale di categoria del turismo residenziale Property Managers Italia ha lanciato l’iniziativa “Una casa per gli italiani”: soggiorni in appartamenti e ville con sconti dal 20% in su e con l’omaggio di una polizza assicurativa sanitaria ( grazie ad un accordo raggiunto da Pmi con Europ Assistance Italia, la Care Company del Gruppo Generali). In Lombardia sono oltre 560 le strutture che hanno aderito al progetto: le offerte sono raccolte sul nuovo sito http://www.rentinitaly.it, un progetto pilota creato da PMI, risposta tutta italiana a Booking.com, Airbnb, Expedia. “Questo progetto è un incentivo per rilanciare il turismo lombardo, duramente colpito dalla pandemia” afferma Daniela Maviglia, referente per la Lombardia di PMI. Secondo i dati dell’agenzia Full Price, la Lombardia si attesta come la regione con il più forte calo delle presenze: -60% a giugno, -40% a luglio, -50% la previsione per agosto nelle città lombarde.“Dallo zero dei primi di giugno stiamo lentamente risalendo, abbiamo invertito la tendenza. Le città fanno più fatica, le zone dei laghi invece vanno meglio. Per esempio sul lago di Como, siamo oltre il 50% dell’occupazione delle strutture, con picchi anche del 66%. L’anno scorso a luglio avevamo il 75% delle strutture occupate. Le persone cercano ville con giardino e con piscina, hanno voglia di spensieratezza. Arrivano in auto, quindi oltre agli italiani ci sono tedeschi, belgi, svizzeri austriaci, francesi. All’inizio si fermavano solo una notte di passaggio per altre destinazioni, ora hanno allungato la permanenza media, e noi cerchiamo di incentivarli offrendo esperienze di viaggio e sconti per soggiorni lunghi. Per quanto riguarda la pandemia, c’è chi è spavaldo, chi non viaggia più; tanti prima di prenotare chiedono informazioni sul numero dei contagi, le misure, l’uso delle mascherine, le precauzioni adottate. Rispetto a prima si è creato un rapporto più personale con i clienti” conclude Maviglia.“Il progetto rentinitaly.it è l’iniziativa dei property managers per aiutare un settore, quello del turismo residenziale, che è stato tagliato fuori da tutte le misure prese a livello nazionale e locale” aggiunge Stefano Bettanin, presidente di PMI. “E’ la risposta tutta italiana ai grossi gruppi internazionali quali Booking.com, Airbnb, Expedia”.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il patrimonio residenziale è la ricchezza di un Paese

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 novembre 2019

Oltre a un valore (per l’Italia) di oltre 5mila miliardi di euro, il sistema casa muove quasi il venti per cento del Pil. La grande corsa alla proprietà individuale che ha creato milioni di piccoli proprietari sta rallentando da tempo e si affacciano nuove tendenze. Nei quattro anni precedenti Sidief ha analizzato, attraverso la promozione di varie ricerche, queste trasformazioni. Dalla casa-taxi che introduceva nel dibattito il tema della casa da usare per brevi periodi, alle domande nuove dei giovani o dei lavoratori immigrati. È emersa una importante domanda di case realizzate per la locazione, stimata in 2,6 milioni di persone, sul modello europeo, dove esistono grandi investitori con patrimoni residenziali progettati e gestiti in modo industriale. Questi sono alcuni dei dati emersi oggi a Roma nel corso del seminario di studio ” Investire nella locazione – Limiti e opportunità” organizzato da Sidief e Banca d’Italia.
Negli ultimi tre anni l’esplosione della locazione breve ad uso turistico ha introdotto una nuova tipologia di domanda che rende sempre più problematica la situazione di chi cerca una casa per lavoro o studio. Il seminario, promosso da Sidief e Banca d’Italia presenta i numeri di questo fenomeno. Se c’è una domanda, c’è anche una offerta. In Europa i grandi investitori immobiliari da diversi anni si concentrano sulle nuove forme di residenzialità e ne fanno un asset class importante. Per il solo 2019 sono attesi circa 90 miliardi di investimenti, di cui quasi nulla in Italia. Occorre lavorare per attirare questi investitori e creare un mercato domestico di imprese che investano nella locazione residenziale. I lavori sono stati aperti da Daniele Franco, Vice Direttore Generale di Banca d’Italia. È intervenuto Mario Breglia, presidente di Sidief, sul tema “La casa in Italia. Un quadro d’insieme” cui è seguito Luigi Cannari, Vice Capo Dipartimento Economia e statistica di Banca d’Italia su “Proprietà e affitto in una società che cambia”. Successivamente Fabrizio Di Lazzaro, Professore Ordinario di Economia Aziendale LUISS GUIDO CARLI e Consigliere SIDIEF si è focalizzato su “I limiti e le proposte operative” mentre Carola Giuseppetti, Consigliere e Direttore Generale SIDIEF, su “Le opportunità per il mercato e per l’industria immobiliare”. È seguita una tavola rotonda di commento con la partecipazione di Daniele Barbieri, Segretario Generale del SUNIA, Marco Daviddi, Partner EY, Mediterranean Leader Transaction Advisory Services, Filippo Delle Piane, Vice Presidente di ANCE, Paola Del Monte, Chief Business Development Officer di CDP INVESTIMENTI SGR, Andrea Mucchietto, Senior Associate Student Housing & Living di Hines Italy, Silvia Rovere, Presidente di ASSOIMMOBILIARE, Giorgio Spaziani Testa, Presidente di CONFEDILIZIA. A moderare i lavori è stato Luigi Donato, Capo Dipartimento Immobili e Appalti di Banca d’Italia. Le conclusioni sono state affidate a Paolo Piccialli, Presidente Consiglio di Sorveglianza di Sidief.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cresce il mercato residenziale lombardo

Posted by fidest press agency su sabato, 2 giugno 2018

Il mercato immobiliare residenziale lombardo archivia il 2017 con il segno positivo. Aumentano le compravendite di abitazioni (+5,5% sul 2016), portando la regione al 1°posto in Italia per numerosità. Ma se si rapporta il dato con la popolazione residente maggiorenne, la Lombardia scende al 3° posto con 139 transazioni ogni 10mila abitanti, posizionandosi subito dopo la Valle d’Aosta (157) e la Liguria (151). Anche nei primi cinque mesi del 2018 arrivano ulteriori segnali positivi, con l’aumento della domanda per le abitazioni nuove o ristrutturate (+4%) e con i prezzi medi che restano sostanzialmente stabili (€ 2.680/mq; +0,9%). Sul nuovo si cercano prevalentemente trilocali e quadrilocali, ma nelle grandi città si fa più attenzione ai servizi e alla gestione degli spazi comuni (interior design, palestra, rooftop, coworking, lavanderia, ecc.). Inoltre, aumentano i progetti di housing sociale e collaborativo, in cui gli abitanti sono coinvolti nella creazione di una comunità sostenibile. Sono questi i risultati elaborati dal Centro Studi di Abitare Co., società attiva nell’ambito dell’intermediazione immobiliare, sia sulle compravendite fornite dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, sia su dati interni dell’azienda.Se il 2017 si è archiviato con il segno positivo, cosa accade nei primi cinque mesi del 2018? Secondo l’analisi di Abitare Co. l’interesse dei lombardi per il “mattone” resta molto vivo, soprattutto per quanto riguarda le nuove abitazioni o ristrutturate. La domanda nelle principali città della regione è infatti cresciuta in media del +4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, anche se con tassi differenti. Le città più dinamiche risultano Monza (+5,3%), Sondrio (+4,9%), Bergamo (+4,8%), Milano (+4,7%) e Cremona (+4,5%). Seguono Pavia (+4,1%), Lecco (+3,7%), Varese (+3,4%), Como (+3,3%), Lodi (+3,3%), Brescia (+2,9%) e Mantova (+2,5%).
Nel periodo analizzato, i prezzi medi per acquistare un’abitazione nuova o ristrutturata nelle principali città lombarde sono sostanzialmente stabili (+0,9%), attestandosi a € 2.680/mq (da un minimo di € 2.000 a un massimo di € 3.370).La più “cara” è Milano, dove per acquistare un’abitazione sono necessari in media € 5.500/mq (+1,2%). Seguono Como con € 3.400/mq (+1,1%), Bergamo con € 3.150/mq (+1,2%), Brescia con € 2.950/mq (+1,1%), Monza con € 2.850/mq (+1%), Varese con € 2.600/mq (+0,9%), Pavia con € 2.300/mq (+0,5%), Lodi con € 2.100/mq (+0,7%). Più economiche Mantova con € 1.950/mq (+0,6%), Lecco con € 1.850/mq (+1,3%), Sondrio con € 1.800/mq (+0,5%) e Cremona con € 1.750/mq (+0,9%). (Roberto Grattagliano – fonte: Abitare Co)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Analisi di Abitare Co. sul mercato immobiliare residenziale

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2018

Il mercato immobiliare residenziale, nel 2017 continua nel suo percorso di ripresa (+4,9% sul 2016) registrando il quarto anno consecutivo di crescita, e dall’analisi dei primi tre mesi del 2018 arrivano ulteriori segnali positivi, con l’aumento della domanda per le nuove abitazioni del +3,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Se le province di Milano e Roma sono quelle che hanno registrato il numero più alto di compravendite, in base alla popolazione maggiorenne la situazione cambia notevolmente, trovando sul podio Milano e Aosta. Per quanto riguarda le nuove abitazioni, i prezzi medi (2.600 € mq) restano sostanzialmente stabili e nelle grandi città gli acquirenti, orientati sui trilocali, fanno più attenzione alla gestione degli spazi comuni e alle proposte di servizi innovativi presenti nel condominio. Milano è la città con l’offerta più alta di abitazioni nuove sul totale di quelli in vendita (25%), seguita da Roma (15%).Questi i dati elaborati dal Centro Studi di Abitare Co., società attiva nell’ambito dell’intermediazione immobiliare, sia sulle compravendite fornite dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, sia su dati interni dell’azienda.Nel 2017, rispetto all’anno precedente, le compravendite nel settore residenziale sono aumentate del +4,9%, raggiungendo 542.480 unità. A livello nazionale, le province capoluogo di regione che hanno registrato il maggior numero di compravendite sono Milano (56.310), Roma (45.446), Torino (28.692), Napoli (18.183) e Bari (13.768). Dal 2016 al 2017, a crescere maggiormente sono le province di Cagliari (+9%), Napoli (+8,7%), Bari (+8,3%) e Milano (+6,4%), mentre il calo maggiore è stato registrato a L’Aquila (-5,4%) e in misura minore a Perugia (-1,4%) e Bologna (-0,8%).Ma se si confrontano i dati con la popolazione residente (oltre i 18 anni), la situazione cambia nettamente: al primo posto si conferma la provincia di Milano con 209 transazioni ogni 10mila abitanti, seguita da Aosta (157), Torino (149), Venezia (147) e Bologna (142). Al contrario, le meno dinamiche risultano Potenza (62), Catanzaro (71) e Napoli (73).
L’analisi di Abitare Co. ha preso in considerazione anche il mercato delle nuove abitazioni nelle città metropolitane. La più dinamica è ancora una volta Milano, in cui le nuove residenze coprono il 25% dell’offerta totale presente sul mercato residenziale. Nel territorio romano, pur con un valore inferiore, il nuovo rappresenta comunque il 15% mentre a Bologna è del 13%. Torino è tra le città che in questo momento stanno dando i maggiori segnali di vivacità (10%), mentre a Firenze (4,3%), Genova (3,5%), Palermo (3,2%) e Napoli (3%), l’offerta del nuovo risulta ancora molto carente rispetto allo stock esistente.
E sul fronte dei prezzi? Nel 2017, rispetto all’anno precedente, i prezzi delle nuove abitazioni sono sostanzialmente stabili (+0,5%), attestandosi in media a € 2.600 a mq. Nelle principali città metropolitane, a Roma i prezzi medi sono pari a € 3.900 a mq (+0,7% sul 2016), a Milano € 3.850 a mq (+1,2%), a Firenze € 3.600 a mq (+0,6%), a Bologna € 3.350 a mq (+0,5%), a Genova € 3.300 a mq (+0,9%), a Napoli € 2.900 a mq (+0,3%), a Torino € 2.800 a mq (+1,5%) e a Palermo € 2.750 a mq (+0,4%).
Cosa cercano gli acquirenti: nella scelta dell’abitazione si indirizzano prevalentemente sui trilocali, anche se nell’ultimo periodo si segnala il maggior interesse per i quadrilocali. Per un appartamento di 80 mq, sono disposti a investire in media circa 210mila euro, con punte massime a Roma (circa € 310mila).Ma nelle grandi città come Milano e Roma, oltre all’abitazione in sé si fa più attenzione ai servizi innovativi che vanno dalla fase di vendita, come il pacchetto “chiavi in mano” che prevede anche la disponibilità di un Interior design dedicato, sino alla gestione degli spazi comuni.“Anche nei primi tre mesi del 2018, la tendenza della domanda rimane positiva, un dato che ci fa guardare con ottimismo al 2018, soprattutto per quanto riguarda le nuove abitazioni – sottolinea Alessandro Ghisolfi, a capo del Centro Studi di Abitare Co. – Sul fronte dei prezzi si registra invece ancora una fase di sostanziale assestamento, con valori in leggero calo per le abitazioni più vecchie e in leggerissima crescita per quelle nuove. Solo a Milano si comincia a percepire un ritorno di interesse sul comparto residenziale da parte degli investitori, anche esteri, assenti da anni, che potrebbe essere fondamentale per una concreta ripresa dei prezzi delle case.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mercato Residenziale USA

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 ottobre 2017

miamiL’Osservatorio Immobiliare Digitale (OID) presenta il Report sul mercato residenziale degli USA, realizzato in collaborazione con Opisas, società internazionale specializzata nella vendita ed intermediazione di investimenti immobiliari all’estero.Le vendite di giugno 2017 hanno fatto registrare un incremento dell’1.7% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.Degno di nota anche l’aumento del prezzo mediano di vendita degli immobili: +7.5% (sempre giugno 2017 su stesso mese 2016).
Il Report, oltre a presentare un novero di dati interessanti e inediti, analizza anche la portata degli investimenti stranieri negli USA, in fortissima crescita, trainati dalla Cina. Presente anche l’Italia, al decimo posto.“L’analisi del mercato residenziale statunitense – dichiara Diego Caponigro, Presidente OID e CEO di ReGold.it – è un importante insight per la valutazione e lo studio della situazione economica globale. Il Report si focalizza infatti anche sul costante e crescente interesse da parte degli investitori internazionali per questo mercato”.“Siamo molto orgogliosi – aggiunge Christian Calusa, CEO e Founder di Opisas – che OID ci abbia chiesto di collaborare a questo Report. La certificazione riconosciuta ad OPISAS (e attribuita da OID) sul processo di acquisto sul mercato immobiliare americano è un riconoscimento che ci riempie di soddisfazione. Sono molto orgoglioso dei traguardi che OPISAS ha raggiunto negli ultimi anni all’estero, dove ormai collaboriamo con diverse associazioni di categoria che ci considerano un partner serio ed affidabile per i propri associati.” Il Report COMPLETO è disponibile in free download a questo indirizzo: https://drive.google.com/open?id=0B7H7pdiw5tpaWGc2WFp5a0NsdHc

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mercato immobiliare: aumentano le compravendite di abitazioni

Posted by fidest press agency su martedì, 6 dicembre 2016

Policlinico Caserta Nov 2010Prosegue il momento positivo per il mercato immobiliare residenziale, confermato sia dai dati divulgati oggi dall’Agenzia delle Entrate (OMI) in merito alle compravendite nel III trimestre 2016, sia dalla rilevazione di Casa.it (www.casa.it) sulla domanda di abitazioni.
Secondo l’OMI, da gennaio a settembre nel settore residenziale si registrano 381.790 compravendite, in crescita del 20,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre dalla rilevazione di Casa.it, a ottobre 2016, rispetto all’inizio dell’anno, emerge l’aumento della domanda del +4,7%.Se il mercato immobiliare residenziale lancia segnali positivi, cosa accade sul fronte dei prezzi e quali sono le previsioni per il 2017?
Per quanto riguarda i prezzi degli immobili residenziali in offerta sul mercato, a ottobre 2016, rispetto a gennaio, secondo i dati di Casa.it si conferma il processo di stabilizzazione (-0,7%) già analizzato nei mesi scorsi, anche se, rispetto a dieci anni, il calo è di ben il -18,5%. Tra le città metropolitane, quella che ha sofferto maggiormente è Genova (-2,6%). Calo dei prezzi, seppur più contenuti, a Palermo (-0,8%) e Firenze (-0,5%), mentre crescono a Bologna e Napoli, entrambe del +2,1%, e a Roma (+0,9%). Stabili a Milano e Torino.
Milano (3.900 /mq), Firenze (3.780 /mq) e Roma (3.650 /mq) sono le città più care. Nelle altre città metropolitane a Bologna e Napoli il prezzo è di 2.900 €/mq, a Genova di 2.750 € /mq, a Torino di 2.350 € /mq e a Palermo di 1.900 € /mq.
Quali sono le previsioni per il 2017?
“Nonostante il mercato abbia perso un minimo di brillantezza rispetto ai primi tre mesi di quest’anno, il confortante aumento della domanda di abitazioni in acquisto su tutto il territorio nazionale, fa ben sperare che il 2017 si confermi come il terzo anno consecutivo di crescita degli scambi – afferma Alessandro Ghisolfi, Responsabile del Centro Studi di Casa.it –. Le conferme di un mercato più equilibrato arrivano anche dall’andamento dei prezzi di vendita che a livello nazionale sembrano aver ormai innescato un processo di stabilizzazione che mancava da tempo. Ovviamente anche la crescita dei mutui conferma che le compravendite di abitazioni saranno ancora in territorio positivo. Non bisogna tuttavia dimenticare che sulle decisioni di acquisto delle famiglie pesa ancora il clima di incertezza generale di carattere socio economico che rimane di sfondo alle evoluzioni del mercato. Una incertezza particolarmente legata alle vicende politico-economiche del nostro Paese, come il referendum, ed internazionali.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Asl, si misurano le performance e poi non se ne fa nulla

Posted by fidest press agency su martedì, 18 giugno 2013

Nelle Asl italiane, le misure di performance dei servizi di assistenza primaria si fanno, solo che poi non si utilizzano. È questa l’estrema sintesi dei risultati di una ricerca su 59 aziende sanitarie locali coordinata da Antonella Cifalinò, vicedirettrice del Centro di ricerche e studi in management sanitario (Cerismas). Se ne è discusso nei giorni scorsi a Milano, in una tavola rotonda che ha riunito diversi direttori di Asl e che è stata presieduta da Americo Cicchetti, di rettore dell’Alta scuola di economia e management dei sistemi sanitari (Altems). «Dall’indagine sono emerse essenzialmente due cose» spiega Cicchetti «La prima è che le aziende ritengono che vi siano indicatori per la misurazione delle performance più che sufficienti, ovvero che i flussi di dati per misurare le performance delle strutture dedicate all’assistenza primaria non sono così limitate come si potrebbe pensare. La seconda, e qui sta il problema, è il loro utilizzo: tutti hanno concordato sul fatto che è molto limitato». Le misure di performance dei servizi del primary healthcare risultano presenti nel 92% dell’assistenza medica primaria, nel 90% della farmaceutica territoriale e dell’assistenza domiciliare, nell’85% della specialistica ambulatoriale e dell’assistenza residenziale e semiresidenziale. C’è dunque un potenziale di informazioni non sfruttato. Quali sono i motivi? «È emerso in maniera ch iarissima che è un problema di cultura organizzativa» riferisce Cicchetti. «Su un’altra cosa importante si è rilevata una certa convergenza: c’è poca chiarezza sui modelli organizzativi; mentre negli ospedali è tutto molto chiaro, sul territorio i modelli organizzativi adottati dalle asl non permettono di chiarire in maniera esatta chi fa cosa e chi è responsabile di cosa».
È un peccato, perché in questo modo è difficile innescare processi di miglioramento: «come accade sempre, c’è un po’ di ritrosia al cambiamento organizzativo per la paura delle diverse categorie di perdere il proprio ruolo all’interno di un sistema. Si pensa che il processo di miglioramento colpisca le persone invece di introdurre miglioramenti vantaggiosi per tutti».(fonte doctornews33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Impianti fotovoltaici per il mercato residenziale

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 Maggio 2010

San Jose, California. SunPower Corp. (Nasdaq: SPWRA, SPWRB), società produttrice di celle, pannelli e sistemi solari ad elevata efficienza, ha annunciato oggi un upgrade del suo Sistema di monitoraggio SunPower(R). Il sistema consente ai distributori/partner di SunPower di monitorare da remoto le prestazioni dei sistemi fotovoltaici ad alta efficienza dei loro clienti. Il monitoraggio remoto consente la rapida risoluzione di problemi di prestazione del sistema e contribuisce alla riduzione dei costi di manutenzione oltre a fornire un migliore servizio al cliente.  La società ha inoltre annunciato di essere in procinto di lanciare il Sistema di monitoraggio SunPower in Europa, dando ai partner di SunPower e ai proprietari del sistema SunPower in Europa la possibilità di monitorare da remoto le prestazioni dei loro sistemi.  Ai proprietari del sistema, il Sistema di monitoraggio SunPower offre tre semplici modalità di accesso alle informazioni riguardanti l’energia generata dai loro sistemi fotovoltaici SunPower, compresa la prima applicazione di monitoraggio del settore in assoluto per i dispositivi mobili Apple iPhone(TM) e iPod touch(R).
Fondata nel 1985, SunPower Corp. (Nasdaq: SPWRA, SPWRB) progetta, costruisce e fornisce la più potente tecnologia fotovoltaica oggi disponibile a livello internazionale. I clienti privati, le aziende, e gli enti pubblici si affidano all’esperienza e ai risultati comprovati dell’azienda per massimizzare il rendimento del loro investimento. Oltre alla sede centrale di San Jose, in California, SunPower ha filiali in America del Nord, Europa, Australia ed Asia, e stabilimenti nelle Filippine. Per ulteriori informazioni, visitate http://www.sunpowercorp.com.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano casa a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 6 marzo 2010

E’ stata approvata dal Consiglio comunale di Roma la delibera  n. 173 con la quale si autorizza l’acquisto di 80 alloggi nel Municipio XVI da destinare ad edilizia residenziale pubblica. Gli immobili, frutto di un accordo di programma del  bando del 2002 per il cambio di destinazione d’uso, verranno acquistati ad un prezzo di circa 2643 euro al metro quadro. “Questa delibera – dichiara Alfredo Antoniozzi, assessore al Patrimonio e Politiche abitative, rappresenta il concreto avvio del piano casa e chiude un capitolo  dell’emergenza abitativa rimasto in stallo da troppo tempo.” “Sono  molto soddisfatto  – sottolinea Antoniozzi –  anche del lavoro svolto insieme agli uffici che ha permesso l’abbattimento del costo iniziale di 3400 euro al metro quadro. Nel corso del 2010 il reperimento e la consegna di parecchie centinaia di appartamenti, confermerà  che  il Piano casa, approvato la scorsa settimana, è in grado di offrire risposte immediate e tangibili  al grave disagio alloggiativo della Capitale”.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »