Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 341

Posts Tagged ‘resistenti’

Batteri resistenti agli antibiotici

Posted by fidest press agency su domenica, 9 aprile 2017

parma universitàParma. E’ uno studio, condotto all’Università di Parma, sull’utilizzo della spettrometria di massa per la rivelazione di enterobatteri produttori di carbapenemasi, enzimi capaci di distruggere e quindi di rendere inefficace una particolare e importante classe di antibiotici.Lo studio è stato realizzato dalla prof.ssa Adriana Calderaro in collaborazione con i proff. M. Cristina Arcangeletti, M. Cristina Medici, Carlo Chezzi, Flora De Conto e con i dott. Mirko Buttrini, Maddalena Piergianni, Sara Montecchini, Monica Martinelli, Silvia Covan e Giovanna Piccolo del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma.Gli enterobatteri sono batteri che normalmente fanno parte della popolazione microbica residente nell’intestino ma, in condizioni particolari, possono essere causa di infezioni anche gravi. Alcuni sono resistenti a quasi tutti gli antibiotici a disposizione, rendendo molto difficile trovare una terapia efficace. Le situazioni più gravi si hanno quando questi batteri diventano resistenti anche ad un particolare tipo di antibiotici, i carbapenemi, che rappresentano i farmaci di riferimento per la terapia delle infezioni gravi e invasive da enterobatteri multiresistenti. In questo caso si parla di enterobatteri produttori di carbapenemasi (CPE); la diffusione di questi batteri resistenti è favorita da scarse condizioni igieniche e la loro insorgenza da un uso non appropriato degli antibiotici.
Gli enterobatteri produttori di carbapenemasi si trasmettono principalmente in due modi:
– direttamente da un soggetto infetto e portatore ad un’altra persona, attraverso le mani non pulite;
– attraverso l’ambiente circostante in condizioni igieniche scarse.
Le regole basilari per evitare il contagio sono quindi l’implementazione corretta dell’igiene delle mani e delle precauzioni per evitare la trasmissione veicolata dal personale assistenziale, e un’accurata igiene dell’ambiente di cura e delle attrezzature utilizzate in tale ambiente. Visto il preoccupante incremento delle infezioni da enterobatteri produttori di carbapenemasi in Italia, è stato avviato un sistema di sorveglianza e controllo per fare fronte alla criticità emergente. Risulta quindi evidente come una rapida identificazione di questi batteri possa essere di vitale importanza per la sanità pubblica, a fini sia diagnostici per la cura dei pazienti infetti sia epidemiologici per conoscere rapidamente ed impedire la diffusione di questi batteri.Nello studio realizzato nell’Ateneo di Parma, al fine di identificare rapidamente enterobatteri produttori di carbapenemasi è stata utilizzata la spettrometria di massa MALDI-TOF adottando un protocollo alternativo rispetto a quello comunemente impiegato nella pratica diagnostica di laboratorio.L’importanza dello studio risiede nella semplicità e nella facilità richieste per la preparazione dei campioni e nel tempo (2 ore) richiesto per l’acquisizione dei dati che rendono la tecnica impiegata un metodo accurato e rapido e quindi vantaggioso rispetto ai metodi convenzionali. Questi ultimi prevedono la coltura dei batteri in terreni solidi in presenza di specifici antibiotici, richiedendo personale esperto sia per l’esecuzione sia per l’interpretazione del risultato; inoltre, essendo tali saggi dipendenti dal tempo di crescita dei batteri il risultato e la sua interpretazione sono disponibili solo dopo 1-2 giorni dall’esecuzione dell’indagine.Infine, il metodo messo a punto nello studio risulta particolarmente conveniente anche da un punto di vista economico rispetto ai metodi convenzionali.Tutte queste considerazioni pongono questa metodologia in posizione centrale in ambito microbiologico per il rilevamento di batteri produttori di carbapenemasi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Superbatteri resistenti agli antibiotici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 maggio 2016

resistenza microbica1Roma. Istituzioni, comunità scientifica, cittadini e aziende insieme per fermare la diffusione dei batteri resistenti agli antibiotici. Due le misure chiave: l’attuazione dei principi della “stewardship” – attraverso l’impiego appropriato delle terapie antibiotiche, l’introduzione di rigorosi protocolli di igiene all’interno degli ospedali e il rilancio della pratica vaccinale – e lo sviluppo di nuove molecole. Su questo fronte, si annuncia a breve l’arrivo di molecole innovative attive contro i microorganismi gram-positivi e gram-negativi.Tutto questo nel quadro di una visione unitaria “One Health” della salute umana e animale. “Preserviamo il valore degli antibiotici” è la raccomandazione per operatori sanitari, istituzioni e cittadini rilanciata nel Corso di Formazione Professionale Continua “Batteri e antibiotici – Scenari di un conflitto permanente”, promosso dal Master della Sapienza Università di Roma ‘La Scienza nella Pratica Giornalistica’, con il supporto di MSD Italia, che si è svolto ieri a Roma.
Dopo il tempo degli allarmi, è in corso l’attacco mosso da Istituzioni, Società Scientifiche e Aziende farmaceutiche contro i superbatteri resistenti agli antibiotici: una minaccia sanitaria più temibile dei tumori.
resistenza microbica7In Europa, oltre 4 milioni di persone l’anno vengono colpite da infezioni batteriche ospedaliere, con 25.000 morti stimate per infezioni provenienti da germi resistenti. Nel nostro Paese, ogni anno, dal 7% al 10% dei pazienti va incontro a un’infezione batterica multiresistente. Le infezioni correlate all’assistenza (ICA) colpiscono ogni anno circa 284.000 pazienti causando circa 4.500-7.000 decessi.
Nel mondo, nel 2050, le infezioni batteriche causeranno circa 10 milioni di morti l’anno, superando ampiamente i decessi per tumore (8,2 ml/anno), diabete (1,5 ml/anno) o incidenti stradali (1,2 ml/anno) con un impatto negativo – secondo recenti stime del Fondo Monetario Internazionale – di circa il 3,5% sul PIL mondiale.
Sono due le principali misure da mettere in campo:
1. l’adozione dei principi della antimicrobial stewardship, ovvero l’appropriatezza nell’impiego degli antibiotici per ridurne l’abuso e prolungarne il più possibile la vita;
2. la promozione di incentivi all’introduzione di terapie innovative in grado di far fronte ai ceppi resistenti. Il buon esempio viene dagli Stati Uniti dove il Governo Obama ha esteso l’utilizzo dei fondi destinati al bioterrorismo allo sviluppo di antibiotici attivi contro i microrganismi con elevata resistenza, allocando per il solo 2016 circa 1,2 miliardi di dollari.
Anche l’Italia si sta muovendo nella lotta all’antibiotico-resistenza: il rilancio della copertura vaccinale in calo e l’adozione di rigorosi protocolli di igiene negli Ospedali, saranno parte integrante del Piano Nazionale di contrasto all’antibiotico-resistenza coordinato dal Ministero della Salute ed ispirato al piano di azione globale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Ma sono molti i temi ancora oggetto di discussione. Ne parlano oggi Istituzioni, clinici e rappresentanti di movimenti civici in occasione del Corso di Formazione Professionale Continua Batteri e antibiotici – Scenari di un conflitto permanente, promosso dal Master della Sapienza Università di Roma ‘La resistenza microbica12Scienza nella Pratica Giornalistica’, con il supporto di MSD Italia.
«Le Istituzioni sono convinte che la diffusione di conoscenze e di informazioni corrette sia un presupposto essenziale per l’uso consapevole e appropriato degli antimicrobici – afferma Mario Melazzini, Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco – il Ministero della Salute, con il supporto di AIFA ed altri esperti, sta lavorando alla implementazione del Piano Nazionale. Al contempo, l’Agenzia Italiana del Farmaco conduce un’intensa attività di informazione e sensibilizzazione sul tema attraverso i propri canali e strumenti istituzionali (portale, newsletter, social media) e iniziative di comunicazione specifiche rivolte agli operatori sanitari e alla popolazione generale».
La capacità dei batteri di sviluppare numerosi e differenti meccanismi per sfuggire all’azione dei farmaci antimicrobici era stata prevista dallo stesso scopritore della penicillina Alexander Fleming: non era, però, stata messo in conto la velocità con cui i microrganismi sanno selezionare ceppi resistenti, ben superiore a quella con cui la ricerca scientifica sviluppa una potenziale soluzione. «Questa resistenza, in costante aumento, è una minaccia all’efficacia degli antibiotici, sia nel trattamento di malattie potenzialmente gravi o letali sia nella prevenzione di patologie in soggetti sottoposti a trattamenti chirurgici o chemioterapia – afferma Francesco Paolo Maraglino, Direttore Ufficio V della Direzione Generale della Prevenzione del Ministero della Salute – al fine di contrastare questo fenomeno, è necessaria un’azione in cui tutti, dai governi ai cittadini, si impegnino a preservare il valore di questi farmaci». L’imperativo categorico è usare bene gli antibiotici disponibili: se la continua rincorsa tra farmaci e microorganismi ha portato negli anni allo sviluppo di circa 250 molecole, ogni nuovo farmaco introdotto nell’uso clinico troverà prima o poi ceppi batterici resistenti. «Lo sviluppo della resistenza resistenza microbica10agli antibiotici è un fenomeno continuo, determinato da cambiamenti della configurazione genetica dei batteri, come mutazioni cromosomiche o trasferimento di fattori di resistenza mediato da varie entità genetiche» afferma Maurizio Sanguinetti, Professore di Micologia Medica e Diagnostica all’Istituto di Microbiologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.
A generare le resistenze non è di per sé l’esposizione dei batteri agli antibiotici, ma l’aumento della pressione selettiva, dovuta all’impiego eccessivo e improprio degli antibiotici nella salute umana e animale e alla loro presenza e diffusione ambientale.
«La gestione razionale del problema non può prescindere dall’approccio “One Health” e deve coinvolgere tutti i diversi settori con interventi mirati in ambito farmaceutico-sanitario, veterinario, alimentare, ambientale, dando un ruolo di primo piano alla ricerca ed all’innovazione» afferma Anna Teresa Palamara, Presidente della Società Italiana di Microbiologia (SIM). «L’invito rivolto a tutti è quello di promuovere un uso ‘cosciente’ degli antibiotici in tutte le attività in cui vengono impiegati, umane o animali».
“Antimicrobial stewardship”, cardine della strategia contro le resistenze, significa uso appropriato e personalizzato degli antibiotici. «Ogni terapia anti-infettiva va somministrata solo quando vi sia ragionevole certezza clinica dell’infezione – afferma Pierluigi Viale, Professore ordinario di Malattie Infettive all’Alma Mater Studiorum Università di Bologna e Direttore dell’UO Malattie infettive dell’AOU Policlinico Sant’Orsola-Malpighi di Bologna – e deve essere molto tempestiva, molto aggressiva in termini posologici, ed il più breve possibile: se l’antibiotico non riesce a eradicare in tempi rapidi l’infezione, può diventare un driver della progressiva selezione di ceppi resistenti, in grado di trasmettere alla propria discendenza le variazioni genotipiche e fenotipiche».
L’Italia è il Paese europeo con le percentuali di resistenza più elevate che, in alcuni casi, arrivano fino al 50%. Circa la metà dei farmaci utilizzati contro i batteri risulta inefficace, e tra questi alcuni tra gli antibiotici più diffusi. Uno dei più temibili “superbugs” è la klebsiella pneumoniae che causa polmoniti, infezioni del torrente circolatorio e del tratto urinario. La percentuale di ceppi invasivi resistenti alle cefalosporine di terza generazione in Italia è del 55,1%.
resistenza microbica3Le attività di contrasto a questo fenomeno passano anche attraverso protocolli per contenere infezioni correlate all’assistenza in ospedali e residenze sanitarie. Le più comuni infezioni sono polmonite (24%) e infezioni del tratto urinario (21%).
«I provvedimenti da mettere in opera per contrastare la diffusione di questi microorganismi sono ben conosciuti – afferma Claudio Viscoli, Presidente della Società Italiana per la Terapia Antinfettiva (SITA) – l’educazione degli operatori sanitari al lavaggio delle mani e all’uso dei guanti, lo screening dei portatori dei ceppi resistenti e loro isolamento, lo screening dei contatti, la diagnosi microbiologica rapida sono in grado di arrestare il fenomeno, se applicate insieme e da tutti gli ospedali e residenze sanitarie, ma la messa in opera di queste procedure per tutti e dappertutto richiede risorse e una forte azione centrale».
L’adozione dei Protocolli passa anche attraverso il coinvolgimento dei cittadini e un impulso in questa direzione arriva dalle Raccomandazioni civiche sulla prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza promosse da Cittadinanzattiva. «È anche particolarmente importante responsabilizzare i cittadini – afferma Antonio Gaudioso, Segretario Generale di Cittadinanzattiva – attraverso indicazioni come quella di curare l’igiene personale, chiedere dotazioni ospedaliere personalizzate, verificare con il personale il tempo massimo per tenere i cateteri, evitare di recarsi in ospedale in visita quando si è influenzati».
Parte integrante della strategia di intervento è lo sviluppo di nuove molecole antibiotiche. Su questo fronte, si annuncia a breve l’arrivo di molecole attive contro i microorganismi gram-positivi – ad esempio un nuovo oxazolidinone (tedizolid) efficace contro lo stafilococco meticillino resistente nelle infezioni di cute e tessuti molli in monosomministrazione giornaliera e che offre cicli terapeutici più brevi (6 giorni contro 10) – e quelli gram-negativi, con una cefalosporina di nuova generazione (ceftolozane-tazobactam) dalla spiccata attività anti-Ps.aeruginosa, formulata insieme ad un inibitore delle beta lattamasi che ne estende l’attività a gram-negativi produttori di beta lattamasi a spettro esteso, efficace nelle infezioni complicate addominali e delle vie urinarie e in valutazione nelle polmoniti nosocomiali.
«L’avvento sulla scena terapeutica di alcuni nuovi antibiotici potrà aiutare il clinico a fronteggiare l’emergenza, ma servono nuove regole che permettano a tutti i pazienti di poter essere trattati tempestivamente con questi nuovi farmaci» sostiene Francesco Menichetti, Direttore UOC Malattie Infettive dell’AOU Pisana. «Inoltre, occorre sostenere le aziende farmaceutiche attraverso incentivi e corsie accelerate per i nuovi farmaci, e rilanciare al tempo stesso la ricerca indipendente con fondi dedicati per valutare nuove strategie terapeutiche utili nella pratica clinica quotidiana».
Interventi cruciali, ribaditi anche nella dichiarazione congiunta di oltre 80 aziende presentata nel corso dell’ultimo “World Economic Forum” di Davos con l’obiettivo di sollecitare i Governi e le imprese a intraprendere un’azione sinergica e globale di investimenti per combattere il preoccupante e crescente fenomeno dell’antibiotico-resistenza. «Governi, Agenzie, Società Scientifiche e Aziende devono essere necessariamente alleati di fronte ad una sfida di tale portata – dichiara Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato MSD Italia – MSD vanta una lunga storia per quanto riguarda l’innovazione terapeutica nel trattamento delle malattie infettive ed è uno dei pochi gruppi farmaceutici ancora attivi nel favorire l’adozione di una vera “stewardship antimicrobica” attraverso lo sviluppo di nuovi antibiotici e nuovi antifungini, la commercializzazione e la ricerca di nuovi vaccini per uso umano e gli investimenti in campo animale, grazie alle sua divisione Animal Health. Intendiamo ribadire e proseguire il nostro impegno contro le malattie infettive, non solo continuando a ricercare nei nostri laboratori innovazioni tecnologiche, ma anche collaborando con tutti gli stakeholder coinvolti attraverso partnership trasparenti e di valore a fianco della sanità pubblica».

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assemblea inquilini resistenti

Posted by fidest press agency su domenica, 13 giugno 2010

Roma 15 giugno ore 16  via IV novembre 119/a (p.za s.s. apostoli) assemblea pubblica degli inquilini resistenti nella sala di liegro a palazzo Valentini.  Partecipano e sono invitati I Parlamentari Marco Causi – Massimo Donati – Luciano Ciocchetti Andrea Catarci, Presidente XI Municipio – Marco Visconti Delegato alla casa Alfredo Antoniozzi, Assessore alla casa del Comune di Roma Teodoro Buontempo, Assessore alla casa della Regione Lazio I Consiglieri regionali Mario Di Carlo – Luigi Nieri – Antonio Paris – Fabio Nobile Il consigliere provinciale Gianluca Peciola I Consiglieri comunali Massimiliano Valeriani – Gemma Azuni – Andrea Alzetta

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nobel 2009 e ribosomi

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2009

I ribosomi batterici, le strutture che producono le proteine nei microrganismi, sono l’affascinante oggetto di studio che ha portato il premio Nobel 2009 per la chimica all’inglese Venkatraman Ramakrishnan, allo statunitense Thomas Steitz e alll’israeliana Ada Yonath. I ribosomi dei batteri, è noto da tempo, sono cruciali nelle strategie per combattere le infezioni. Il lavoro dei tre premiati è di grande interesse proprio in questa prospettiva. Le loro ricerche hanno analizzato con precisione la forma di queste strutture a livello dei singoli atomi mettendola in relazione con la loro composizione: non un puro esercizio di ricerca di base, ma un passo determinante per disporre di nuove armi farmacologiche contro le infezioni più resistenti. Molti antibiotici infatti agiscono sui batteri bloccando i ribosomi: conoscere forma e struttura del sito dove un antibiotico deve agire potrebbe permettere di progettare molecole sempre più efficaci. Oltre a essere un bersaglio ideale degli antibiotici, i ribosomi batterici sono anche uno dei più efficienti “inneschi” per sollecitare la risposta immunitaria dell’organismo. Molto più dei microrganismi vivi, come hanno mostrato diverse ricerche, sollecitano una risposta immunitaria specifica e capace di mantenere nel tempo la memoria immunologica. Tale principio, analogo a quello dei vaccini, è alla base della formulazione del ”farmaco scudo” contro l’influenza, quell’immunomodulatore ribosomiale al quale proprio in questi giorni è stata dedicata attenzione dalla rivista scientifica Allergy and Asthma Proceedings, organo delle società allergologiche americane, per la sua capacità di ridurre il rischio di infezioni respiratorie in misura determinante, fino al 50 per cento, nelle persone che vanno incontro a diversi episodi ricorrenti durante la stagione fredda. Questo farmaco, che si assume per bocca, infatti, contiene ribosomi di batteri che sono frequenti cause di infezioni respiratorie gravi. La sua assunzione stimola le difese dell’organismo e riduce il rischio di infezioni causate da queste specie; grazie inoltre alla presenza di altre componenti provenienti dalla membrana batterica (l’involucro esterno dei microrganismi), la protezione si estende alla maggior parte di infezioni respiratorie, anche quelle causate dai virus influenzali e dai più comuni virus respiratori che circolano in autunno-inverno.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »