Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 28 n° 340

Posts Tagged ‘riabilitazione’

Il teatro sociale: crescere, incontrare, rinascere

Posted by fidest press agency su sabato, 18 giugno 2016

Riccardo Brunettiteatro socialeIl teatro non è solo evasione e spettacolo. Può essere strumento di rinascita, di riabilitazione e veicolo di dialogo in vari contesti sociali: dalle carceri alle scuole ai centri socio-sanitari.
È anche un modo per crescere, cambiare, incontrare, ricostruire una vita. Soprattutto se non si rimane semplici spettatori, ma si recita, si gioca, si crea insieme agli altri con la guida di un trainer competente.
L’Università Europea di Roma propone un corso di perfezionamento in Teatro sociale – Training for trainers. Sarà un’occasione di formazione per conduttori, registi, trainer teatrali che vogliono approfondire la loro sensibilità e acquisire competenze specifiche per creare e condurre gruppi di teatro nelle carceri, nelle scuole, nei centri socio-sanitari e nei più diversi contesti sociali.
L’occasione è una Summer School, che si svolgerà dal 27 agosto al 5 settembre 2016 in una meravigliosa residenza estiva nel cuore della Puglia. Dieci giorni di full immersion di pratica e teoria con rinomati docenti, tra cui Michele Cavallo, Riccardo Brunetti, Roberto Sestilli, che proporranno esperienze di arte-terapia, drammaturgia collettiva, esercitazioni di conduzione, elaborazione di dinamiche di gruppo, tecniche del corpo-in-relazione, pedagogia delle emozioni.
Il corso si svilupperà poi in una serie di week-end intensivi a Torino, Roma e Foggia.
Il corso dà forma a una nuova figura professionale che da alcuni anni è sempre più operativa in Italia, nei diversi contesti sociali: conduttori esperti delle applicazioni del Teatro come strumento di riabilitazione, veicolo di dialogo e creatore di comunità. (foto: teatro sociale, Riccardo Brunetti)

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riabilitazione oncologica: Investimento per sanità

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

Cancro-sintetizzata-molecola-che-blocca-proteina-tumorale“La pubblicazione dell’ottavo rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici in Italia offre a tutti noi una importante occasione per riflettere su una delle più importanti evoluzioni di quello che una volta veniva chiamato un brutto male. Di fatto non veniva neppure nominato, perché il solo evocarlo evocava vissuti di morti. Oggi, fortunatamente, non è più così: molti malati di cancro guariscono; e moltissimi assistono alla parziale cronicizzazione di una malattia che pone però nuovi problemi di cura e di assistenza. Ancora una volta il cancro ci sorprende, perché riesce a regalare una nuova opportunità di vita alle persone che a vario titolo ne sono state affette. E’ un po’ la metafora del nascere due volte, tanto utilizzata in altri contesti. “
Lo afferma l’onorevole di Area popolare (Ncd-Udc) Paola Binetti, che continua: “Una volta usciti dalla fase critica, che include necessariamente anche terapie molto pesanti, il soggetto vuole ricominciare a vivere la sua vita nella massima normalità possibile. Ma è proprio allora che scopre uno dei buchi neri dell’attuale assistenza: la mancanza di accesso ad un progetto di riabilitazione, che faccia parte integrante del suo piano terapeutico. Come si diceva una volta, non basta aggiungere anni alla vita se non si aggiunge vita agli anni. E questo oggi è molto difficile per un malato di cancro. E’ vero ha diritto a cure anche molto costose, tra le più costose di quelle che le farmacologia rende disponibili per i malati. Ma una volta terminato l’iter caratterizzato da interventi chirurgici, radioterapie e chemioterapia, è come se il sistema assistenziale si chiudesse a riccio e dicesse al malato: ora basta. Hai avuto tutto quello di cui avevi bisogno; tutto quello che potevo darti. Ma non è così. Proprio quando il malato intravede la fine del tunnel scatta in lui prepotentemente non solo la volontà di vivere, ma la volontà di vivere la sua vita tornando al lavoro, agli impegni sociali e familiari, alle attività sportive. Ha voglia di normalità, anche perché ha imparato ad amare la sua normalità e ad apprezzarla più che mai come un dono. Ma per questo serve un vero e proprio progetto di riabilitazione che lo accompagni fino al pieno reinserimento sociale, altrimenti, paradossalmente si ammalerà di nuovo. Cambierà la sintomatologia, e ogni piccolo sintomo aprirà la strada al sospetto di una ripresa della malattia; si creerà la necessità di nuovi ed estenuanti accertamenti; si accentuerà il disagio psicologico con nuove manifestazioni di tipo ansioso-depressivo; e si farà ricorso ad esigenze come un pensionamento anticipato; il ricorso a forme socio-assistenziali che supportino il senso di fragilità esistenziale. Tutto ciò ce lo insegnano i malati-guariti e questo nuovo termine non sembri un ossimoro, perché in realtà rappresenta il vissuto di malati non ancora guariti, perché li abbiamo defraudati di quel complemento della loro terapia che si chiama riabilitazione. Per questo è nostra intenzione chiedere al Ministro della Salute, onorevole Beatrice Lorenzin, un drg specifico per la riabilitazione oncologica, perché ha aspetti del tutto peculiari. Vorremmo ovviamente che rientrasse tra i LEA e che per le persone che se ne faranno carico ci fosse un iter formativo ad hoc. E in questo iter chiameremmo a fare da maestri proprio quei malati-guariti, ormai diventati esperti in qualità di vita, capaci di marcare un itinerario che solleciti costantemente la responsabilità del malato e alimenti la sua voglia di vivere fornendogli al tempo stesso gli strumento necessari per ottenere i migliori risultati possibili nei tempi più brevi possibili”, conclude la Binetti.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riabilitazione motoria e sclerosi multipla, i meccanismi del danno e le strategie del recupero

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 febbraio 2016

sclerosi_multiplaBologna Venerdì 19 febbraio, dalle 9.00, presso il Savoia Hotel Regency. Misurare l’efficacia della riabilitazione nei pazienti con sclerosi multipla con vari gradi di disabilità. E’ il tema al centro del convegno Riabilitazione motoria e sclerosi multipla, i meccanismi del danno e le strategie del recupero in programma a Bologna, organizzato da Sergio Stecchi, responsabile della Riabilitazione Sclerosi Multipla dell’ISNB, Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna. I maggiori esperti neurologi e neuroriabilitatori, in ambito nazionale e internazionale, faranno il punto sui nuovi approcci, di cura, diagnosi e riabilitazione, tanto più efficaci se tarati sulla complessiva qualità della vita delle persone malate e delle famiglie che se ne prendono cura. La sclerosi multipla è una malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale. Può manifestarsi con disturbi visivi, fatica, disturbi della sensibilità tattile, che possono associarsi, fino al 70% dei casi, a disturbi cognitivi legati a funzioni quali memoria, attenzione o linguaggio. In Italia, le persone con sclerosi multipla sono circa 63.000 (5.000 in Emilia Romagna con 250 nuovi casi all’anno), in gran parte donne, colpite per cause ancora non note in numero doppio rispetto agli uomini. Negli anni, la ricerca scientifica ha compiuto notevoli progressi riuscendo a individuare terapie capaci di rallentare la progressione della malattia e contrastare i disturbi cognitivi.La Riabilitazione dell’ISNB è punto di riferimento in area metropolitana per la diagnosi e la cura dei pazienti con Sclerosi Multipla e con spasticità, e si caratterizza per gli interventi riabilitativi per mantenere o rafforzare, se possibile, le abilità ancora presenti. Garantisce piani terapeutici personalizzati, per limitare il più possibile lo sviluppo di disabilità e ridurre il ricorso alla ospedalizzazione, grazie ad un team multispecialistico composto da neurologi, fisiatri, fisioterapisti, infermieri, psicologi e logopedisti. Alle attività del team concorrono, in relazione alle necessità di cura e assistenza del paziente, anche specialisti esterni o come psichiatri, neurofisiologi, urologi, oculisti, cardiologi, ginecologi, nutrizionisti, reumatologi.La struttura collabora con le principali realtà italiane e internazionali impegnate nella ricerca sulla Sclerosi Multipla, e partecipa a trial clinici e protocolli operativi per la sperimentazione di farmaci di ultima generazione. Promuove attività di ricerca nell’ambito della rieducazione e della riabilitazione, in sinergia con altre unità operative dell’Azienda USL di Bologna, con l’Università degli Studi di Bologna e con numerose aziende sanitarie italiane. Ospita, inoltre, i tirocini per gli studenti dei corsi di laurea in Fisioterapia e in Scienze Infermieristiche, e per gli specializzandi dei corsi di laurea in Neurologia e Psicologia.Nel 2015 ha seguito 1.300 pazienti, effettuando 4.000 visite ambulatoriali e 24 ricoveri in day hospital. Oltre il 50% dei pazienti proviene da fuori Bologna o da altre Regioni.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sclerosi multipla e riabilitazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 ottobre 2015

sclerosi_multiplaNon bastano tre cicli di poche sedute di riabilitazione, è ora di cambiare: la ricerca dimostra che una riabilitazione costante e personalizzata funziona come una terapia e cambia la storia quotidiana della sclerosi multipla.Unica tra le associazioni di persone con malattie neurologiche, AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) ha proposto al Congresso della Società Italiana di Neurologia (SIN) un workshop scientifico centrato sulla «neuro-riabilitazione» che mette al centro «la persona e le cure integrate».Luca Prosperini (Università La Sapienza – Dipartimento Neurologia e Psichiatria Ospedale Sant’Andrea –, Roma), vincitore del Premio Rita Levi Montalcini 2015, ha evidenziato che «in una recente revisione della letteratura scientifica sulla riabilitazione, sono stati individuati 16 studi secondo i quali la riabilitazione motoria e cognitiva innesca un cambiamento funzionale e strutturale della plasticità cerebrale, con una correlazione diretta tra quanto una persona migliora funzionalmente dopo il trattamento e quanto migliora anche la funzionalità e la struttura cerebrale misurata attraverso risonanza magnetica».Proprio l’utilizzo della risonanza magnetica nella ricerca, per cui AISM è stata tra i pionieri in Italia, sta dunque segnando un cambio di paradigma, un salto di qualità nella capacità di misurare effettivamente non solo quanto la riabilitazione consente di migliorare nell’uso di una mano o di una gamba, ma anche il correlato cambiamento che un trattamento può indurre nella plasticità del sistema nervoso centrale e nella capacità di ogni persona, a qualsiasi età e in qualsiasi situazione di disabilità già acquisita, di recuperare i danni prodotti dalla sclerosi multipla.La professoressa Matilde Inglese (Mount Sinai School of Medicine, New York) ha presentato le diverse tecniche con cui la ricerca svolta con risonanza magnetica sta ‘imparando’ ad evidenziare I cambiamenti introdotti dalla riabilitazione. Inglese ha mostrato come «sia soprattutto una riabilitazione attiva, orientata a compiti precisi e ad alta intensità» ad ottenere i migliori risultati.
«Ogni traning riabiliativo – ha spiegato Prosperini – è utile se viene ripetuto con costanza e trova il giusto equilibrio di intensità e fatica: se è troppo facile non serve, se è troppo difficile è frustrante e la persona si ferma. In ogni caso – ha aggiunto – la riabilitazione non fa sconti: ogni persona con SM dovrebbe poter seguire una riabilitazione costante. Come capita a un calciatore che torna da un infortunio e non è immediatamente in grado di ripetere le prestazioni cui era abituato, così, ogni interruzione nel percorso riabilitativo comporta la perdita dei livelli di abilità raggiunti con il trattamento e induce nella funzionalità cerebrale una plasticità mal adattativa che risulta dannosa».La via per una riabilitazione efficace come una vera e propria terapia è dunque tracciata, ma la meta è ancora da conquistare, come hanno riconosciuto all’unanimità i relatori del workshop. Matilde Inglese, in particolare, ha concluso il suo intervento ricordando come « bisogna ancora verificare su studi più ampi, eseguiti con gruppi di controllo, quale sia la durata e l’intensità ottimale di un trattamento; bisogna identificare quali sono i predittori su chi risponderà meglio ai trattamenti ed effettuare nuovi studi in particolare sulle persone con forme progressive di SM, coloro che forse hanno più necessità di interventi riabilitativi adeguati. Infine, sarà importante indagare come la riabilitazione interagisca con i trattamenti farmacologici e con le nuove tecniche di stimolazione cerebrale».Durante il workshop i ricercatori della Fondazione di AISM, Giampaolo Brichetto e Andrea Tacchino, hanno presentato interessanti sviluppi di progetti di ricerca che l’Associazione sta realizzando nel campo del monitoraggio della malattia attraverso le applicazioni mobili come smartphone e tablet (Mobile Healthcare) e nella messa a punto di applicazioni innovative per effettuare a domicilio una riabilitazione cognitiva intensiva, che si calibra progressivamente sulla risposta fornita da ciascuna persona e, dunque, consente di personalizzare ciascun trattamento in vista di una maggiore efficacia.Presentati, infine, da Brichetto alcuni interessanti preliminari ottenuti con il progetto «PROMOPROMS» che, su un campione di circa 800 persone seguite dai Centri riabilitativi AISM, sta individuando un nuovo profilo di indicatori per monitorare, prevedere e trattare in anticipo la progressione della disabilità nella SM, prevenendone il più possibile l’aggravamento.La ricerca in neuro riabilitazione, come sta avvenendo per le terapie farmacologiche, sta dimostrando dunque che la personalizzazione, il corretto monitoraggio, la capacità di anticipare le scelte terapeutiche ed effettuare adeguati esercizi e trattamenti terapeutici neuro riabilitativi il più precocemente possibile possa essere un punto di svolta nella cura della sclerosi multipla.
«Questo simposio – ha concluso Paola Zaratin, Direttore Ricerca Scientifica della Fondazione di AISM – conferma che la ricerca in riabilitazione sta individuando concretamente le evidenze scientifiche che consentono, come vuole l’Agenda della Sclerosi Multipla 2020, di riconoscere «la valenza di cura dell’intervento riabilitativo»e , dunque, di rendere migliore la vita reale delle persone con SM».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prevenzione e riabilitazione dalle droghe

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 febbraio 2015

E’ notizia recente della quasi morte di un quindicenne milanese a causa dell’abuso di marijuana e hashish. Abuso che ha portato questo adolescente in uno stato di coma per 20 giorni. Varie e diverse le cause ipotizzate: l’eccessivo quantitativo assunto, la qualità scadente delle droghe assunte, una preesistente patologia di cui il ragazzo soffriva. Purtroppo non c’è nessun accenno a quella che è una recente causa di effetti indesiderati e pericolosissimi che l’assunzione di marijuana sta provocando in chi l’assume: oggi la marijuana è più potente che mai! Infatti la potenza media della droghe aumenta di anno in anno. Nella marijuana sono presenti numerose tossine, ma l’elemento chimico intossicante più potente che vi è contenuto è il THC o tetraidrocannabinolo. Con l’introduzione di nuovi metodi di coltivazione la quantità di THC contenuta nella marijuana è pesantemente aumentata. Esiste infatti sul mercato una forma di marijuana che è molto più potente, denominata “sensimilla”. Basti pensare che tra il 1986 ed il 2009 la potenza media della marijuana è aumentata dal 3% di TCH a quasi il 10%, mentre nella sensimilla la concentrazione di THC è stata trovata a più alte percentuali, persino fino al 37% e pertanto 10 volte più potente e forte della marijuana del passato. Chiaramente l’uso di una droga più potente procura conseguentemente maggiori effetti indesiderati come quelli, per esempio, che tristemente hanno colpito il quindicenne milanese. La notizia sulla intossicazione dell’adolescente illustrava inoltre come le attività di controllo nelle scuole, da parte delle Forze dell’Ordine, fossero delle misure assolutamente indispensabili per reprimere il fenomeno dello spaccio. Ovviamente va bene la repressione, ma forse varrebbe la pena mettere una maggiore attenzione su una particolare strada che dovrebbe essere battuta maggiormente: la prevenzione! Una semplice, diretta e non allarmistica informazione che porta gli studenti ad una maggiore consapevolezza sulle diffuse falsità che ammantano l’uso di droghe ed alcool, magari spiegata da chi ha vissuto sulla propria pelle il dramma di questa piaga sociale, ma che ne è uscito e che è quindi in grado di colpire gli studenti con una storia vera, reale, ma non da reality, che possa parlare lo stesso linguaggio dei ragazzi è certamente in grado di produrre molti più risultati di una “bella romanzina” o di innumerevoli statistiche e percentuali. Da diversi anni l’associazione Narconon Sud Europa svolge con successo, soprattutto nelle scuole, conferenze di prevenzione portando testimonianze vere di storie vissute da persone che oggi possono orgogliosamente affermare di aver vinto la propria sfida con la droga e l’alcool. Chi fosse inoltre interessato ad approfondire questo argomento o ricevere informazioni relative ad altre droghe, può contattare l’associazione Narconon Sud Europa allo 02.36589162 e richiedere una copia gratuita dell’opuscolo “10 cose che i genitori potrebbero non sapere riguardo alla marijuana”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“The Walking Mind”

Posted by fidest press agency su martedì, 16 dicembre 2014

docscient_SlideIl film documentario dedicato al progetto di ricerca della Fondazione Santa Lucia vince la quarta edizione dell’International Scientific Film Festival di Roma. The Walking Mind è il film documentario vincitore del IV International Scientific Film Festival di Roma. Una storia di uomini e tecnologia, che si intrecciano nel racconto del regista Andrea Fasciani, aprendo al pubblico le porte dei laboratori della Fondazione Santa Lucia. È qui che sono avvenute le fasi finali di un progetto europeo di ricerca durato quattro anni e che ha coinvolto anche Centri e Università in Belgio, Germania, Islanda e Olanda. L’obiettivo raggiunto: restituire la capacità di camminare a chi da anni è in sedia a rotelle. Il protagonista: un concentrato di tecnologia indossato da Alessandro, Emanuele, Giovanni e Marius per tornare a camminare sulle proprie gambe.The Walking Mind accende i riflettori su un settore della ricerca bioingegneristica, che dall’inizio del nuovo millennio punta a robot capaci di restituire a soggetti paraplegici l’equilibrio e il movimento. Il loro nome tecnico è “esoscheletri”. “Come dice la parola stessa – spiega il Prof. Marco Molinari, Direttore del Dipartimento di Riabilitazione Neurologica della Fondazione Santa Lucia – si tratta di uno scheletro esterno al corpo, dotato di motori che muovono un complesso sistema di articolazioni meccaniche controllate da sensori e sistemi digitali. La sperimentazione ha dimostrato la possibilità di rimettere un paziente nelle condizioni di camminare. Non possiamo ancora parlare di un utilizzo nella vita quotidiana, ma il futuro è quello”In attesa del futuro, The Walking Mind mostra da vicino il presente, nei pensieri e nelle sensazioni dei protagonisti: “Stai in piedi e alla fine cammini da solo – racconta Emanuele dopo la sperimentazione – È una bella sensazione. Con l’esoscheletro sono tornato a vedere le cose come le vedevo tre anni fa”.“Il linguaggio cinematografico avvicina ciò che è lontano – ha commentato il regista, Andrea Fasciani, in occasione della premiazione, avvenuta oggi presso la Casa del Cinema di Roma – La scienza, per essere compresa dalla gente, ha bisogno del suo supporto. Solo così i progressi scientifici possono divenire consapevolezza collettiva e dare risultati positivi su larga scala”. (foto docscient)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pazienti in dimissione

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 aprile 2012

Milano

Cernusco sul Naviglio (Italy) - Naviglio Marte...

Cernusco sul Naviglio (Italy) - Naviglio Martesana Italiano: Naviglio Martesana a Cernusco sul Naviglio (MI) (Photo credit: Wikipedia)

. Il Centro di riabilitazione psichiatrica Sant’Ambrogio Fatebenefratelli di Cernusco sul Naviglio (MI), a partire dal 16 aprile 2012 metterà a disposizione dei residenti della Regione Lombardia la nuova Comunità Riabilitativa ad Alta Assistenza – CRA “Fra Raimondo Fabello”, per l’accoglienza di 16 pazienti in dimissione dall’Ospedale Psichiatrico Giudiziario (OPG) di riferimento. Il servizio vuole essere di supporto al progetto di chiusura degli OPG, offrendo agli ospiti in dimissione l’accompagnamento al reinserimento territoriale nelle varie forme: in casa o in una struttura residenziale più “leggera” per la prosecuzione del programma riabilitativo. L’offerta riguarda persone che sono al termine del loro percorso istituzionale e devono affrontare la dimissione e il reinserimento nella società, momento molto critico e gravato da forte ambivalenza. Risponde inoltre al bisogno di sostanziare le nuove disposizioni legislative in materia con risposte pratiche, che consentano l’avvio effettivo di percorsi di reinserimento e graduale restituzione sociale per persone per cui non sussista più l’attualità di pericolosità sociale, ma necessitino ancora di un ambito riabilitativo sufficientemente assistito.Si tratta di persone che hanno spesso alle spalle situazioni familiari difficili o comunque non in grado di offrire sostegno e che non hanno una rete sociale che possa sostenerli in modo adeguato, cessato il contenimento, repressivo ma anche di supporto, che l’istituzione ha garantito loro, spesso per periodi molto protratti. Il programma riabilitativo si rivolgerà soprattutto alla dimensione dell’ “abitare” e delle attività della vita quotidiana a cui tutti gli Ospiti saranno chiamati a collaborare, nella misura delle loro capacità: verrà promossa la partecipazione e la condivisione in modo che tutti si sentano responsabili della vita nella comunità. La richiesta di ammissione da parte del DSM della sola Regione Lombardia va condivisa dalla Direzione dell’OPG di provenienza ed autorizzata dall’ASL di competenza.
Il Centro Sant’Ambrogio della Provincia Lombardo-Veneta Fatebenefratelli – Ordine di San Giovanni di Dio, presenza storica di Cernuasco sul Naviglio (MI) opera nell’assistenza psichiatrica dal 1939. In armonia con la missione dell’Ordine dei Fatebenefratelli, che consiste nell’attribuire piena centralità al valore della persona umana, il Centro è in grado di offrire percorsi curativi, riabilitativi e di reinserimento sociale differenziati secondo le diverse patologie in un ambiente che consenta l’autonomia delle persone, la loro capacità di apprendere dall’esperienza, che faciliti momenti di relazione con gli altri sviluppando una dimensione di domesticità.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Niguarda presentazione “Lokomat” per riabilitazione lesioni midollari

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 febbraio 2012

Milano 24 Febbraio 2012 – ore 11.00 Unità Spinale Unipolare – Palestra – 2° piano Il direttore generale Pasquale Cannatelli, unitamente alla dott.ssa Giovanna Oliva (presidente AUS Niguarda), al direttore sanitario Giuseppe Genduso, al direttore amministrativo Marco Trivelli e al direttore dell’USU Tiziana Redaelli accolgono l’assessore Bresciani e le altre autorità nell’atrio dell’Unità Spinale. All’inaugurazione presenzierà il Caporal Maggiore degli Alpini Luca Barisonzi. Rimasto gravemente ferito in Afghanistan in un attentato il 18 gennaio 2011 e seguito un percorso riabilitativo per diversi mesi presso l’Unità Spinale di Niguarda, Barisonzi si è impegnato in prima persona per promuovere la raccolta fondi a favore dell’apparecchiatura “Lokomat”, mobilitando le organizzazioni degli Alpini e sensibilizzando con la sua testimonianza numerosissime persone.
L’Unità Spinale Unipolare di Niguarda è oggi l’unico Centro in Lombardia che può avvalersi dell’utilizzo esclusivo del “Lokomat” per la riabilitazione delle persone che hanno riportato esiti di lesione incompleta al midollo spinale.
Ore 11.05 Il saluto di benvenuto del direttore generale Pasquale Cannatelli
Ore 11.10 Come è nata l’iniziativa “Lokomat” (T. Redaelli – G. Oliva)
Ore 11.20 Il saluto dell’Assessore Luciano Bresciani
Ore 11.25 Il mio impegno per il Lokomat (Luca Barisonzi)
Ore 11.30 Il saluto del Comandante dell’8° Reggimento Alpini (Col. Michele Merola)
Ore 11.35 I molti grazie che dobbiamo per questo risultato (ai benefattori)
Ore 11.40 Il funzionamento del “Lokomat” (G. Brozzi)
Ore 11.50 Ma non è finita…l’impegno continua con lo “Spazio Vita” (G. Oliva – T. Redaelli)
Seguirà dimostrazione pratica – 12.00 primo gruppo (con autorità e giornalisti)
12.10 secondo gruppo (i restanti) e in chiusura rinfresco per tutti.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’uragano che non fa notizia

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 gennaio 2012

Map of Pondicherry Region, Union Territory of ...

Image via Wikipedia

Non ha fatto notizia l’uragano Thane, che il 30 dicembre ha colpito violentemente la costa sud orientale dell’India. Tuttavia, nel distretto di Cuddalore e di Puducherry si contano un centinaio di morti e un numero imprecisato di dispersi. Gli operatori di CIAI, presenti nella zona, riferiscono dall’ufficio di Puducherry che sono dispersi 40 bambini disabili della Satya School, istituto per bambini con bisogni speciali e sostenuti attraverso il CIAI da numerosi donatori italiani. L’uragano si è abbattuto con violenza sui villaggi dei pescatori, quelli stessi in cui CIAI è intervenuto nel post tsunami nel 2004. L’ong italiana ha lanciato una raccolta fondi per fronteggiare l’emergenza delle popolazioni colpite : sul sito http://www.ciai.it sono pubblicate tutte le indicazioni per donare. Ecco la testimonianza di Paola Scelzi, operatrice della sede CIAI di Puducherry: “La città è devastata, 100mila alberi sono crollati e gli edifici hanno subito notevoli danni. L’acqua ancora scarseggia e la fornitura di energia elettrica non è costante. Lo staff CIAI sta bene. Oggi ho visitato i villaggi dove risiedono i bambini che fanno parte del programma di sostegno a distanza e la situazione è ben più tragica. Moltissime case distrutte e le persone sfollate. Scarseggiano acqua e cibo”. Chitra Shah, è direttrice della scuola Satya: “Stiamo cercando di contattare tutte le famiglie: alcune di loro hanno subito pesanti danni alle abitazioni ma, la cosa più preoccupante è che mancano 40 bambini con le rispettive famiglie. La scuola è stata pesantemente danneggiata: il tetto è quasi interamente scoperchiato e l’acqua è entrata nei locali dove abbiamo anche le attrezzature per la riabilitazione. Alcune pareti sono crollate sotto il peso degli alberi che si sono abbattuti sulla struttura”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo primario psichiatra dei Riuniti

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 luglio 2011

Bergamo Emi Bondi, 52 anni, è il nuovo primario della Psichiatria I degli Ospedali Riuniti. Toscana d’origine, ha studiato Medicina all’Università degli Studi di Pisa, dove si è anche specializzata in psichiatria alla scuola del prof. Giovanni Cassano, con un lavoro sperimentale sulla riabilitazione dei pazienti con disturbi alimentari, che ancora oggi è uno degli ambiti di maggiore interesse nell’attività clinica e manageriale della dottoressa Bondi. Terminati gli studi, lascia la Toscana per un incarico di 6 mesi all’Azienda Ospedaliera della Valtellina e della Valchiavenna. “L’opportunità è arrivata grazie a un contatto ottenuto da un compagno di corso – ricorda Emi Bondi -. Doveva essere una posizione temporanea, ma in Valtellina poi ci sono rimasta per 16 anni.” È così che nel 1996 inizia la sua carriera al CPS di Bormio, di cui diventerà responsabile nel 2002. Nel 2009 ottiene l’incarico di sostituto temporaneo del primario del reparto di Psichiatria del presidio di Morbegno, che ha mantenuto fino al giugno scorso. Tra gli obiettivi del suo mandato, quello di dare una risposta di cura soprattutto ai giovani, perché è tra i ragazzi adolescenti o poco più che ventenni che nascono le patologie psichiatriche, difficili da intercettare e per questo troppo spesso trascurate. Grande attenzione sarà riservata anche alle famiglie dei pazienti, che, esattamente come il malato, si trovano a vivere momenti molto difficili, ma che possono svolgere, se adeguatamente coinvolti, il ruolo di preziosi alleati di tutti i professionisti che sono direttamente chiamati alla cura e alla riabilitazione dei malati psichiatrici. Emi Bondi, terzo primario donna dei Riuniti, promette anche particolare attenzione al mondo femminile, perché in certi periodi della vita, come la gravidanza e il post partum, le donne si trovano a vivere una condizione mentale molto fragile, che necessita di sostegni adeguati.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ospedali e dismissioni a Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2011

“L’attuazione di provvedimenti che porterebbero alla riduzione di centosessanta posti letto della Fondazione Santa Lucia, nonché alla presunta dismissione del polo universitario di logopedia e fisioterapia, causerebbe gravissime difficoltà a centinaia di persone colpite da gravi disabilità neuromotorie e una pesante perdita in termini di professionalità specializzata. Inoltre, si verrebbe a creare, nel Lazio, un’anomala situazione di monopolio del privato in un settore delicatissimo come quello della riabilitazione. In considerazione di questo, e sottolineando la gravità di una prolungata mancanza di risposte da parte della Presidente della Regione Lazio Renata Polverini, abbiamo chiesto, nuovamente, di acquisire ogni utile elemento di conoscenza al riguardo, mediante apposita relazione, per la tempestiva adozione di eventuali adempimenti di nostra competenza”. E’ quanto dichiarato dal Leoluca Orlando, Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori sanitari e le cause dei disavanzi sanitari regionali in merito alla ventilata ipotesi di chiudere alcuni reparti della Fondazione Santa Lucia. “Facendo seguito richiesta di relazione del 30 marzo scorso e al successivo sollecito dello scorso 21 giugno – si legge nella lettera inviata da Orlando alla Polverini – e in considerazione delle possibili ricadute assistenziali ed occupazionali che potrebbero derivare dai prospettati tagli, rinnovo la richiesta di riferire urgentemente, alla Commissione da me presieduta, ogni utile elemento di conoscenza al riguardo. In caso di ritardo o incompletezza nell’inoltro della relazione, la Commissione si riserva di intraprendere iniziative conformi ai poteri di inchiesta ad essa conferiti, ivi compresa la convocazione in audizione della S.V. in Commissione plenaria”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fondazione S. Lucia e le cifre della Regione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 giugno 2011

Roma. “Spiace dover ancora una volta constatare come la Presidente Renata Polverini sia inattendibile nelle sue dichiarazioni o, è un’ipotesi, sia costantemente male informata dai suoi collaboratori”, è il commento della Direzione dell’IRCCS Fondazione Santa Lucia in merito all’importo che la Regione Lazio avrebbe corrisposto all’Istituto di riabilitazione neuromotoria nel 2011. In realtà, la Fondazione Santa Lucia ha ricevuto dall’inizio dell’anno corrente soltanto 22,4 milioni di euro e non i 48 milioni di euro dichiarati dalla Presidente Polverini. Non si capisce quindi da dove la Governatrice abbia ricavato questo importo o perché i suoi uffici tecnici lo abbiano fornito alla Presidenza della Regione. Per il 2010 invece la Regione Lazio aveva proposto alla Fondazione un contratto di remunerazione per complessivi 51 milioni di euro a fronte dei 65 milioni chiesti dall’Istituto per coprire i costi delle prestazioni erogate. Tale contratto non è stato firmato dall’amministrazione della Santa Lucia perché palesemente incongruo e perché non avrebbe fatto altro che aggiungere altro disavanzo di bilancio a quello già cumulato negli anni precedenti. Su tale aspetto la Fondazione sottolinea ancora una volta di aver ripetutamente chiesto di far valutare da un organismo tecnico terzo il reale valore e i costi delle prestazioni fornite dall’Istituto e di giungere quindi a un accordo realmente congruo. “Purtroppo ormai la Regione fornisce numeri in libertà, destituiti di fondamento – sottolinea la Direzione della Fondazione – non contribuendo, in questo modo, a fare opera di trasparenza e a cercare una soluzione accettabile nell’ambito del piano di rientro sanitario, a cui la Governatrice deve sicuramente fare riferimento. Se viene male informata, allora diventa ancora più necessario e urgente un confronto diretto con lei. Confronto a cui continuiamo a dare la nostra immediata disponibilità”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Accordo sulla riabilitazione

Posted by fidest press agency su martedì, 5 aprile 2011

Lanciano-Vasto «Che un’iniziativa finalizzata a garantire una risposta appropriata a patologie gravi e di grande impatto sociale potesse diventare oggetto di polemiche e interpretazioni distorte, a dir poco stupisce»: è quanto afferma il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Francesco Zavattaro, in riferimento ad alcuni commenti sull’accordo tra l’Azienda e le strutture private per garantire continuità assistenziale ai pazienti colpiti da gravi patologie che, pur superata la fase acuta, hanno ancora necessità di essere curati e, soprattutto, di un percorso riabilitativo di qualità.Si tratta, insomma, di un provvedimento che tra l’altro produce anche l’effetto di liberare posti letto, un problema che affligge soprattutto l’Ospedale di Chieti, a causa dell’elevato numero di ricoveri che registra e che ha costretto nei mesi scorsi molte unità operative a fare ricorso alle tanto vituperate barelle. «Si parla tanto di eccellenza, ma alla prova dei fatti nessuno la vuole veramente – aggiunge Zavattaro –, se davanti a un accordo come quello che abbiamo raggiunto in questi giorni si vuole a tutti i costi attribuirgli un significato diverso da quello che ha. Ecco perché è fuori luogo il riferimento fatto da qualcuno alla riconversione dei piccoli ospedali: non erano attrezzati per garantire assistenza adeguata ai pazienti affetti da patologie gravi né erano organizzati per la riabilitazione necessaria per il recupero di abilità e condizioni di vita normali. Non ha senso perciò rimpiangere un tipo di struttura che non sarebbe stata utile né ai malati né alla migliore organizzazione del lavoro degli ospedali maggiori». Secondo il manager «la finalità dell’accordo, dunque, non si presta ad altre chiavi di lettura. L’intesa è stata voluta unicamente nell’intento di dare ai pazienti la dovuta assistenza e non favorisce gli interessi delle cliniche private, in quanto tale attività non comporta per l’Azienda oneri aggiuntivi: le prestazioni richieste, infatti, rientrano nel budget già assegnato a quelle strutture. Qualunque altra interpretazione è solo pretestuosa e strumentale».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Donna muore dopo operazione ginocchio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2011

Il Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori sanitari e i disavanzi sanitari regionali, l’on. Leoluca Orlando, ha chiesto una relazione al Presidente della Regione Calabria e Commissario ad acta per la Sanita’, Giuseppe Scopelliti, sulla morte di una donna di 61 anni di Cerisano, avvenuta ieri nell’ospedale Annunziata di Cosenza. La donna, una decina di giorni fa, era stata operata ad un ginocchio in una clinica privata convenzionata cosentina. Quindi era stata trasferita in una struttura per la riabilitazione a Laurignano. Stava per essere dimessa quando ieri, improvvisamente, secondo quanto si e’ appreso, le sue condizioni sono peggiorate e la paziente e’ stata portata nell’ospedale di Cosenza dove e’ morta poco dopo. La Procura di Cosenza ha aperto un’inchiesta sul caso. “La Commissione d’inchiesta che presiedo, senza pregiudizio per le indagini in corso da parte della competente autorità giudiziaria – si legge sulla lettera inviata al Presidente Scopelliti da Orlando – intende acquisire ogni dato utile a conoscere lo svolgimento dei fatti, sia in merito alle eventuali criticità organizzative riscontrate, che in ordine ad iniziative amministrative, sanzionatorie e/o cautelari assunte a fronte di eventuali responsabilità individuali. La documentazione acquisita sarà valutata per eventuali, ulteriori adempimenti di competenza”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riabilitazione: al centro la persona

Posted by fidest press agency su domenica, 13 febbraio 2011

Dopo l’approvazione da parte della Conferenza Stato Regioni del  Piano di Indirizzo sulla riabilitazione che aggiorna le linee guida del 1998, il presidente nazionale dell’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica Onlus, Mario Melazzini, esprime tutta la sua soddisfazione: «Ad undici anni di distanza, il Piano di Indirizzo sulla riabilitazione è stato finalmente aggiornato  – evidenzia Melazzini – Dal nostro punto di vista, accogliamo positivamente parecchie novità introdotte: innanzitutto, viene enfatizzato concretamente il ruolo centrale della persona. Ma plaudiamo anche all’introduzione del modello bio-psicosociale, al coinvolgimento attivo della persona-paziente e dei suoi familiari, all’approccio interdisciplinare e multidisciplinare, al percorso riabilitativo unico e all’istituzione dei Dipartimenti di riabilitazione. Si tratta, infatti, di strumenti che andranno a garantire  concretamente la presa in carico della persona». Melazzini conclude osservando: «A questo punto diventa indispensabile il ruolo  delle Regioni ed il coinvolgimento  attivo e propositivo di tutti gli attori delle rete, in particolare dei rappresentanti delle varie società scientifiche e delle associazioni di settore in quanto l’obiettivo unico ed indispensabile è la soddisfazione dei bisogni del paziente. Per fare ciò è fondamentale la collaborazione da parte di tutti gli attori». (Filippo Bezio)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riabilitazione, al via il nuovo Piano di indirizzo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2010

Il Ministro della Salute prof. Ferruccio Fazio e il Sottosegretario alla Salute On. Francesca Martini hanno presentato oggi alla stampa presso la sede del Ministero di Lungotevere Ripa il Piano di indirizzo per la riabilitazione. Si tratta di Linee Guida che aggiornano il sistema riabilitativo datato 1998. Sono più di 2 milioni e mezzo le persone con disabilità. Per migliorare le loro condizioni di vita il Gruppo di lavoro sulla riabilitazione ha analizzato le criticità emerse dal precedente piano di indirizzo e le necessità emergenti legate all’evoluzione epidemiologica e demografica, allo sviluppo di nuove tecnologie e alle criticità post acute nelle gravi disabilità. Il nuovo Piano pone al centro del sistema il cittadino disabile e il suo contesto familiare nella loro interazione con l’ambiente sociale e con le istituzioni, orientando tutte le attività rispetto a tale priorità e verificandone i risultati. Nasce il percorso riabilitativo individuale portato avanti da un team multidisciplinare al cui interno entra a pieno titolo il caregiver, vale a dire il familiare o la persona di riferimento coinvolta nella presa in carico del paziente.  Un altro punto portante del Piano è la continuità della riabilitazione ospedale-territorio. Vengono creati Dipartimenti ad hoc per la riabilitazione che sono garanti di una forte integrazione organizzativa con i presidi privati accreditati eventualmente presenti sul territorio secondo i principi di efficienza e di appropriatezza. Ogni Regione stabilirà la tipologia organizzativa o gestionale del Dipartimento per garantire la continuità tra l’ospedale e il territorio.  L’attività fisica diventa parte integrante del percorso riabilitativo perché facilita l’acquisizione di stili di vita utili a mantenere la migliore autonomia e qualità di vita. L’attività fisica inoltre combatte l’ipomobilità e favorisce la socializzazione.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Neuroimmagini e Riabilitazione in età evolutiva

Posted by fidest press agency su domenica, 19 settembre 2010

Udine 1° ottobre 2010 presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria “S. Maria della Misericordia” convegno di Neuroimmagini e Riabilitazione in età evolutiva.  Il convegno sarà inoltre un primo step dopo la realizzazione del progetto FIRE, intesa tra l’IRCCS Medea del Friuli Venezia Giulia, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e la Scuola Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste per l’acquisizione e l’utilizzo di una Risonanza Magnetica 3 Tesla che da qualche mese ha iniziato ad essere utilizzata in una serie di progetti di ricerca clinica e sperimentale approvati dal Ministero della Sanità. Interverranno all’incontro Vladimir Kosic, Assessore Regionale Friuli Venezia Giulia alla salute, integrazione sociosanitaria e politiche sociali, Giuseppe Napoli, Presidente di Federsanità Anci Friuli Venezia Giulia, e Alda Pellegri, Presidente Associazione La Nostra Famiglia.
Tra i relatori, Barbara Tomasino, Paolo Brambilla, dell’IRCCS Medea – Polo Friuli – Venezia Giulia de del Centro InterUniversitario di Neuroscienze Comportamentali, Università di Udine e Università di Verona, Nereo Bresolin, Direttore Scientifico dell’IRCCS Medea Famiglia” e Direttore del Dipartimento di Scienze Neurologiche, Università degli Studi di Milano, Giovanni Cioni, Department of Developmental Neuroscience, Stella Maris Scientific Institute Medical Faculty, University of Pisa, Franco Fabbro, responsabile scientifico del polo friulano dell’IRCCS Medea e Preside della Facoltà di Scienze della Formazione, Università di Udine, Raffaella Ida Rumiati, Settore di Neuroscienze cognitive SISSA (Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati) Trieste e Sergio Zanini, IRCCS Medea.Recenti studi di neuroimmagine funzionale (fMRI) hanno rilevato un’interazione tra sistema linguistico e sistema motorio durante l’elaborazione di frasi che descrivono azioni. In pratica, leggere o ascoltare descrizioni di azioni attiva, oltre alle classiche aree linguistiche di Broca e di Wernicke, anche le aree motorie.  Ma qual è il ruolo della corteccia motoria primaria nei compiti linguistici? Come agisce l’interazione tra il sistema linguistico e quello motorio? Una ricercatrice italiana, la dottoressa Barbara Tomasino del Polo friulano dell’IRCCS Medea – La Nostra Famiglia, ipotizza che la causa di tale attivazione della corteccia sensorimotoria sia la simulazione mentale (un’esperienza quasi-percettiva che avviene, tuttavia, in assenza di un appropriato input esterno).  Tradizionalmente, il ruolo della corteccia sensorimotoria è stato sempre inteso come controllo dei movimenti volontari e delle sensazioni tattili. Recentemente ha ricevuto credito ed è parte di un acceso dibattito in letteratura neuroscientifica il suo coinvolgimento in funzioni cognitive più elevate, come ad esempio la simulazione mentale motoria, la memoria iconica, la rotazione mentale, la rappresentazione di azioni e concetti motori, la memoria motoria e l’elaborazione linguistica di parole o frasi che descrivono movimenti o azioni. Non è ancora chiaro come tale area contribuisca alla percezione linguistica e se, come parte del network dei neuroni a specchio, contribuisca funzionalmente alla comprensione e anticipazione dei gesti altrui e nella distinzione tra il sè e gli altri. Inoltre non si conosce ancora la causa del coinvolgimento della corteccia sensorimotoria in queste funzioni cognitive superiori.
Per l’occasione sarà presentato un interessante lavoro di Barbara Tomasino che ipotizza come l’attivazione delle aree motorie sia un prodotto della simulazione mentale, ovvero l’abilità di anticipare le conseguenze di un’azione, immaginandone la sua esecuzione in assenza di reale movimento del corpo: i soggetti, leggendo o elaborando frasi, parole o verbi d’azione, anche se non esplicitamente istruiti ad immaginare mentalmente il contenuto della frase o della parola, automaticamente immaginano se stessi o qualcun altro eseguire il movimento descritto dalla frase.
La Tommasino è una ricercatrice Laureata in Psicologia presso l’Università di Padova. Ha conseguito il dottorato alla SISSA di Trieste. Ottiene Post Doc al Forschungszentrum Juelich in Germania, dove lavora con risonanze a vari campi magnetici. Qui si occupa di esperimenti soprattutto su funzioni motorie o su interazione tra linguaggio e sistema motorio.
I suoi studi le valgono, nel 2004, il premio dall’AIP (Associazione Italiana di Psicologia) come migliore tesi di dottorato in Italia e, nel 2005 -2006, il premio Research fellowship dalla prestigiosa Alexander von Humboldt Foundation. Nel 2007 rientra in Italia grazie alla stipula di una convenzione tra l’IRCCS Medea – La Nostra Famiglia e la Neurochirurgia dell’Ospedale di Udine, dove svolge la parte clinica studiando, in collaborazione con la neuroradiologia, la dott.ssa Maieron e il dott.Wais, pazienti neurochirurgici mediante risonanza magnetica funzionale prima dell’intervento chirurgico in modo da preservare le aree cognitivamente eloquenti. Qui collabora in sala operatoria con il team neurochirurgico, diretto dal Dott.Miran Skrap, durante gli interventi con paziente sveglio e stimolazione della corteccia cerebrale facendo eseguire ai pazienti test cognitivi, in modo da preservare le aree eloquenti.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alemanno in ospedale

Posted by fidest press agency su martedì, 3 agosto 2010

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, si recherà mercoledì 4 agosto presso il reparto di Ortopedia dell’Ospedale San Giovanni di Roma per un intervento chirurgico di osteotomia correttiva della tibia. Dopo l’intervento sono previsti alcuni giorni di degenza presso il nosocomio romano, ai quali seguirà un periodo di riabilitazione e fisioterapia.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano di indirizzo per la riabilitazione

Posted by fidest press agency su martedì, 27 luglio 2010

Roma 27 luglio, alle ore 11.00, presso l’Auditorium del Ministero della Salute (Lungotevere Ripa, 1) sarà presentato il Piano di indirizzo per la riabilitazione. All’evento parteciperà anche il presidente di AISLA (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica) Onlus Mario Melazzini, membro del Gruppo di lavoro sulla riabilitazione in qualità di esperto. Gruppo di lavoro sulla riabilitazione che si è insediato nel novembre dello scorso anno ed è presieduto dal sottosegretario Francesca Martini. Tra le sue competenze, aggiornare – in collaborazione con le Regioni – le linee guida per le attività di riabilitazione, «tenendo conto dei seguenti criteri – si legge nel sito del Ministero della Salute -: a) la valutazione dei bisogni in materia di riabilitazione relativi alle varie aree del Paese e commisurati al quadro epidemiologico, riferito ad approccio per patologia;
b) la valutazione della suddivisione della spesa sanitaria rispetto alla distribuzione di servizi tra ospedale e territorio e al rapporto costi/benefici; c) l’erogazione di prestazioni riabilitative appropriate sulla base degli effettivi fabbisogni nell’ambito delle risorse già programmate dal Fondo Sanitario Nazionale;d) lo studio e l’eventuale messa in rete dei modelli organizzativi delle varie regioni che si sono dimostrati allo stato meglio rispondenti ai succitati obiettivi». Anche il Piano che verrà presentato domani, dunque, si inserisce nel contesto delle finalità e degli obiettivi per i quali il Gruppo di Lavoro è stato istituito.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Costi sociali dell’alcolismo

Posted by fidest press agency su sabato, 17 luglio 2010

West, il quotidiano del welfare diretto da Guido Bolaffi, pubblica l’indagine dell’Oms, curata assieme alla Commissione Europea, sui costi sociali dell’alcolismo. Le cifre sono allarmanti: nel Vecchio Continente il consumo di alcol è il doppio della media mondiale, rappresentando la seconda causa di disabilità e di morte tra la popolazione e il fattore di rischio numero uno tra i giovani. Nel 2004 infatti l’alcol ha fatto 618 mila vittime con una distruzione 17 milioni di anni di vita complessivi tra disabilità e decessi. Per quel che riguarda i costi, tra servizi sanitari, prevenzione del crimine, programmi pubblici di riabilitazione, il welfare statale prenderebbe a carico dal 15% al 50% delle spese sostenute da un alcolista. Ma secondo l’OMS a queste percentuali bisogna aggiungere i cosiddetti costi esterni, quali ad esempio quelli relativi ai danni che un alcolista può arrecare a terze persone. La ricerca raccomanda inoltre agli stati europei di investire di più negli studi di settore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »