Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 330

Posts Tagged ‘ricarica’

Prepagate: le usano 26 milioni di italiani

Posted by fidest press agency su domenica, 24 marzo 2019

Secondo Facile.it sono circa 26 milioni gli italiani che utilizzano le carte prepagate, strumento di pagamento la cui diffusione in Italia, negli anni compresi fra il 2003 ed il 2017 (ultimo dato disponibile), è cresciuta mediamente del 30% anno su anno. Ad usarle sono in particolare le donne, gli under 35 e i residenti al Sud Italia, ma nonostante siano ormai più diffuse delle carte di credito, non sempre i costi ad esse associati sono chiari e il rischio di un utilizzo non consapevole è di pagare un conto salato. Dai costi di emissione a quelli di ricarica, dai prelievi all’imposta di bollo, ecco a cosa fare attenzione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tecnologia: in futuro ricaricheremo il telefonino con le scarpe

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2012

English: Nokia 1209 Italiano: Un telefono cell...

Image via Wikipedia

Ogni giorno molte persone portano con sé, per lavoro o per svago, telefoni cellulari, lettori mp3, computer portatili e videogiochi. Ma le batterie di queste apparecchiature si scaricano in fretta e spesso ci abbandonano nel momento del bisogno. Inoltre la ricarica di questi stessi apparecchi richiede l’allacciamento, per un lungo periodo di tempo, alle prese di corrente. Questo è contrario all’idea di mobilità e di libertà che associamo a queste apparecchiature, non a caso definite portatili. Ora la scienza, si sa, sta facendo passi da gigante, al punto che fra non molto potremo ricaricarli semplicemente camminando per strada. Come? Trasformando il nostro movimento in energia elettrica.
Basta applicare una speciale apparecchiatura alle nostre scarpe. Quando sarà possibile, faremo a meno di trasformatori, di caricabatterie e altri inconvenienti tipo l’impossibilità di ricevere e fare telefonate a causa delle batterie scariche. Faremo alcuni passi, magari di corsa, e quel nostro sforzo diventerà elettricità. La scoperta l’ha fatta uno scienziato americano, il dottor Tom Krupenkin, ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università del Visconsin. Questa soluzione è stata trovata nel movimento che facciamo senza problemi: camminare. Nella suola delle scarpe che sono state utilizzate come prototipo per effettuare gli esperimenti, è stato inserito un’apparecchiatura speciale la cui parte fondamentale si compone di due piccole sacche piene di minuscole gocce di gallistano. Il gallistano è una lega metallica formata da tre elementi chimici: il gallio, l’indio e lo stagno. La particolarità del gallistano è che a temperatura ambiente è liquido, esattamente come il mercurio, che però è molto tossico, mentre il gallistano non lo è per nulla. La caratteristica vincente del gallistano è se sottoposto a oscillazioni, le minuscole gocce di gallistano cedono elettroni, cioè i corpuscoli più piccoli che formano i flussi di corrente elettrica. Questi sono catturati da una speciale trappola per elettroni, chiamata elettrodo. E’ stato così sfruttato questo sistema per creare un piccolo caricabatterie, a sua volta inserito nella scarpa, capace di produrre dieci Watt di energia, sufficiente per la ricarica delle apparecchiature portatili. Il problema stava nel trasferire l’energia elettrica prodotta alle apparecchiature da ricaricare, ma è stato risolto. Dapprima si è pensato ad un cavo per caricare le batterie, ma poi è stato scelto un altro sistema più pratico perché il cavo poteva costituire un ostacolo. La soluzione trovata è simile al telecomando per accendere il televisore e scegliere i programmi. L’altro sistema trovato è quello di inviare impulsi elettromagnetici alle batterie. La parte che emette energia è stata posta sopra il tacco ed è una minuscola antenna. L’apparecchio che riceve energia può essere applicato alla batteria stessa e tenuto in tasca. In un primo tempo saranno messe in vendita calzature appositamente attrezzate con le sacche di gallistano. Con il tempo, quando il sistema avrà avuto successo, i produttori di calzature potranno applicare alle scarpe una specie di predisposizione, cioè un vano di alloggio per il caricabatterie che ognuno potrà inserire liberamente. Del resto, si tratta di un’apparecchiatura piccola e sottile, simile a una scatoletta di fiammiferi”. La realizzazione delle prime scarpe con la tecnologia incorporata potrà avvenire fra alcuni mesi, poichè rimangono da curare solo pochi dettagli, come ad esempio quello di combinare insieme il posto per l’apparecchiatura nelle scarpe con la comodità delle stesse per il piede di chi le indossa, ma il più è fatto. Seconndo Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, dovremmo quindi prepararci a correre verso il futuro.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ricarica CartaSi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 luglio 2010

Nelle 40mila ricevitorie Sisal è disponibile il servizio di ricarica delle carte prepagate CartaSi, grazie all’accordo fra Sisal Holding Finanziaria e CartaSi S.p.A. Il titolare delle carte prepagate CartaSi potrà scegliere tra i diversi tagli di ricarica disponibili: 25, 50, 75, 100, 150 e 200 euro.  L’operazione di ricarica si conclude in pochi secondi con l’emissione della ricevuta da consegnare al cliente. Il servizio è disponibile in qualsiasi giorno della settimana negli orari di apertura delle ricevitorie. L’elenco delle ricevitorie Sisal attive è disponibile sul sito http://www.sisal.it. Il servizio di ricarica delle prepagate CartaSi incrementa i circa 350 servizi già attivi sulla rete Sisal, che vanno dalle Ricariche Cellulari alle Carte Telefoniche, dalla Tv Digitale ai Pagamenti, dai Servizi Finanziari al Ticketing ed ai Prodotti. Sisal non è solo gioco, è sempre più una rete al servizio di tutti i cittadini, che ormai da anni mette a disposizione del pubblico e delle aziende il proprio know-how tecnologico e la capillarità dei propri punti di vendita.
Questa nuova modalità di ricarica si aggiunge agli altri canali CartaSi: il web, gli SMS, gli sportelli bancari, gli ATM. Le carte prepagate, sempre più diffuse e apprezzate in Italia, non necessitano di un conto corrente di appoggio e non è previsto il pagamento di una quota annuale di gestione. Con le prepagate CartaSi, scelte in Italia da oltre 600.000 persone, è possibile fare acquisti in milioni di esercizi convenzionati, anche online, e prelevare denaro contante, in Italia e nel mondo. CartaSi emette e gestisce quattro tipologie di carte prepagate: la Eura, la più diffusa, è una carta nominativa; la Telethon, nata per sostenere la ricerca sulle malattie genetiche, la GiroCard, dedicata al centenario del Giro d’Italia (entrambe anonime) e infine la Club, disponibile sia in versione anonima, sia nominativa.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce l’hotel ad energia solare

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 giugno 2010

Inaugurato a Senigallia l’impianto fotovoltaico che renderà l’Hotel Metropol una struttura all’avanguardia sotto il profilo della sostenibilità. L’impianto, realizzato dall’azienda marchigiana  Energy Resources, leader nel settore delle rinnovabili, avrà una potenza massima di 80 kW e consentirà di soddisfare integralmente il fabbisogno elettrico della struttura con energia da fonte rinnovabile, evitando così ogni anno l’immissione in atmosfera di 45 tonnellate di CO2. L’impianto è composto da 354 moduli fotovoltaici Sunpower ad alta efficienza, posizionati sulla tettoia dell’hotel e sulla copertura del parcheggio auto, dove sono state predisposte anche 2 postazioni per la ricarica di veicoli elettrici.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Auto elettriche: standardizzazione essenziale

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Mag 2010

Secondo la risoluzione approvata dal Parlamento europeo, la standardizzazione dei sistemi di ricarica delle auto elettriche costituisce un passo essenziale per la creazione di un mercato unico europeo per tali veicoli. Inoltre, i deputati chiedono che l’Unione sostenga l’innovazione e la ricerca sulle tecnologie necessarie per lo sviluppo del settore.  I veicoli elettrici e gli ibridi ricaricabili (plug-in) risultano un’opzione importante per la strategia di riduzione delle emissioni di CO2, contribuendo così alle priorità di “Europa 2020” per la promozione di un’economia più efficiente sotto il profilo delle risorse.  La risoluzione approvata dal Parlamento sostiene la proposta di stabilire uno standard europeo per il 2011 per la ricarica delle auto elettriche, a garanzia dell’interoperabilità delle infrastrutture e chiede quindi alla Commissione di puntare su standard globali ogni volta che se ne presenti l’occasione. I deputati auspicano anche la standardizzazione a livello internazionale, o almeno europeo, delle infrastrutture e delle tecnologie di ricarica, un sostegno alla ricerca e all’innovazione delle batterie, il miglioramento delle reti elettriche grazie all’introduzione di reti intelligenti e un coordinamento delle misure di sostegno per assicurare la competitività del settore.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »