Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘ricerche’

9° Convegno del Centro Ricerche Mapei Sport

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 aprile 2019

Busto Arsizio. 6 maggio al Centro Congressi Malpensa Fiere di Busto Arsizio, in provincia di Varese si terrà il 9° Convegno del Centro Ricerche Mapei Sport intitolato Allenamento e performance: Sport di squadra e sport individuali, differenti strategie. preparatori, medici e atleti attivi nel mondo dello sport di alto livello provenienti da tutto il mondo si confronteranno di fronte a studenti, tecnici del settore e semplici appassionati che potranno vivere una mattinata ricca di interventi qualificati.
Dopo i saluti di rito dell’amministratore unico di Mapei Spa Giorgio Squinzi, della direttrice marketing e comunicazione del gruppo Adriana Spazzoli, del direttore di Mapei Sport Claudio Pecci e del presidente della Camera di Commercio di Varese Fabio Lunghi, il programma inizierà con Relazione tra carico di allenamento e performance del calciatore di alto livello nel corso del periodo preparatorio a cura di Antonio Gualtieri, uno dei preparatori atletici appartenenti al dipartimento di Sport Science di Juventus Football Club.
Dall’Australia il noto ricercatore Arron Coutts, attivo nella facoltà di Salute della University of Technology di Sidney, porterà il suo contributo Uomo vs Macchina: valutazione dell’efficacia dei sistemi di monitoraggio degli atleti guidati da preparatori e da computer per prendere decisioni sulla preparazione atletica mentre l’allenatore belga della Trek Segafredo Mattias Reck, ci illustrerà Come prepararsi per l’Inferno del Nord, vale a dire per la mitica Parigi-Roubaix.
Verrà quindi presentato l’8° assegno di ricerca “Aldo Sassi”, bandito da Mapei Spa in collaborazione con Varese Sport Commission, che sarà dedicato alla Relazione tra carichi di lavoro e prestazione fisica dei ciclisti. Il laureato in Scienze Motorie Marco Martin, vincitore della passata edizione, illustrerà i risultati del suo lavoro svolto nei laboratori di Mapei Sport e sui campi da calcio.
Infine andrà in scena l’attesa tavola rotonda dedicata alle esperienze sul campo, nella quale il mister del U.S. Sassuolo Roberto De Zerbi e il campione di ciclismo Ivan Basso, oggi dirigente della formazione Kometa Cycling Team si confronteranno con Ermanno Rampinini, a capo dello Human Performance Lab (HPL) di Mapei Sport e consulente per gli sport di squadra come calcio, pallacanestro e la nazionale di sci alpino, e Andrea Morelli, responsabile del laboratorio di analisi del movimento e referente per il settore ciclismo, rispondendo alle domande del giornalista sportivo Pier Augusto Stagi. Ricordiamo che l’iscrizione al convegno Mapei Sport è gratuita e obbligatoria.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno “Rompiamo il Silenzio: Istruzioni per l’Uso”

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 aprile 2019

Palermo lunedì 29 aprile dalle ore 9.30 alle 13.30 presso la Sala Gialla a Palazzo dei Normanni. L’incontro è promosso dal Centro Iniziative Ricerche Programmazione Economica (C.I.R.P.E.), con il patrocinio dell’Assemblea Regionale Siciliana e dell’Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana. Il dramma della violenza di genere si confronta con cifre sempre più esorbitanti e preoccupanti. Solo nei primi 9 mesi del 2018 sono stati ben 32 i femminicidi, così come i maltrattamenti in famiglia, stalking, percosse, violenze sessuali. In Italia una donna su tre è stata vittima di violenza da parte di un uomo almeno una volta nella vita. E moltissimi casi di violenza non vengono neanche denunciati. Un numero impressionante, indegno in un paese civile, che induce a una riflessione: come contrastare la violenza di genere in famiglia? Quali strumenti adottare per combattere e prevenire casi di maltrattamento, stalking, molestie sessuali e discriminazioni? La violenza di genere si combatte anche tra i banchi. E a volte tra quei banchi possono nascere idee e proposte che sconfinano oltre le pareti scolastiche. L’idea, infatti, di organizzare questo momento di riflessione condivisa è frutto di alcune testimonianze raccolte in aula nelle sedi dello stesso CIRPE, ente di formazione professionale, durante le lezioni di “Pari opportunità per le donne” e “Orientamento alla legalità”, della professoressa Egle Greco, dove sono emerse situazioni di subìta violenza che, a vario titolo, hanno coinvolto le allieve stesse o i loro familiari. L’incontro sarà moderato da Susanna Marotta, Consigliere dell’Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana, psicoterapeuta, didatta presso H.C.C. ITALY . Di seguito l’elenco degli interventi:
– Pierfrancesco Li Donni – regista
– Raffaella Nocito – Psicologa, psicoterapeuta, terapeuta E.M.D.R., Presidente del C.T.I. onlus, esperta nella cura dei disturbi alimentari.
– Antonella Lumetta – Psicologa, psicoterapeuta, specialista in psicodiagnostica
e consulente peritale in ambito civile.
– Diletta D’Arpa – Psicologa, psicoterapeuta, docente di psicodiagnostica presso IGB, Presidente di Mentecomportamento.
– Daniela Passafiume – Vice-commissario della Polizia di Stato presso il Commissariato “Brancaccio” di Palermo.
– Giada Traina – Avvocato penalista e legale del Pool Antiviolenza e per la legalità dell’Inner Wheel di Palermo Normanna.
– Adriana Argento – Assistente sociale, responsabile del Centro antiviolenza “Lia Pipitone”.
– Anna Rosa Prizzi – Formatore regionale sulle tematiche del bullismo e del cyber-bullismo e scrittrice.
– Barbara Crescimanno – Psicologa, psicoterapeuta, supervisore e didatta presso H.C.C. ITALY. Chiuderà l’incontro – Gaetano Calà – Direttore generale C.I.R.P.E.
L’evento è aperto a tutti ad ingresso libero, infoline http://www.cirpe.org

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

25° Convegno Internazionale di Ricerche Parapsichiche e Bioenergetiche

Posted by fidest press agency su martedì, 2 aprile 2019

Montesilvano (PE) dal 4 al 7 aprile Sala Congressi Grand Hotel Adriatico Via Carlo Maresca, 10, si terrà il convegno sull’uomo multimensionale: 4 giorni interamente dedicati alla spiritualità, alla salute, al benessere, alla guarigione spirituale, al destino dell’anima, agli angeli, allo sciamanesimo, con l’apporto di scienziati di fama internazionale. Vi sarà inoltre un concerto dal vivo di musica per il cuore, la mente e l’anima. Il nostro impegno è offrire il massimo nella qualità dei relatori, nazionali ed internazionali.
La finalità del Convegno è quella di essere un punto di incontro per tutti coloro che avvertono imprescindibile e ineluttabile il desiderio, la spinta, l’attrazione verso la Ricerca, verso un indistinto ‘qualcosa’ che esiste al di là della ragione e del quotidiano mondo sensibile e materiale.Da ogni parte del mondo ed in tante lingue diverse, numerosi Studiosi e Ricercatori si incontrano, tutti accomunati dal comune sentire – quasi un imperativo dell’Anima e dell’Interiorità – una fede invincibile nell’evidenza della Realtà Trascendentale che invita ad approfondire le tematiche spirituali nella consapevolezza che ogni verità, anche materiale, è fondamentalmente Spirito ed è inscindibile dal senso del Mistero e del Sacro che tutto permea.Da più di vent’anni il dr. Cutolo e l’Associazione da lui fondata si impegnano per l’organizzazione di momenti di incontro tra Anime affini.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Boom di ricerche online per formazione e manuali

Posted by fidest press agency su sabato, 27 ottobre 2018

Il web sta cambiando radicalmente e velocemente: la tendenza è molto chiara, l’utente è diventato più maturo ed attento e su internet cerca sempre di più contenuti seri, formazione, manuali. Nell’ultimo anno le ricerche attinenti alla formazione online sono cresciute di circa il 35%, particolarmente nel sud Italia, in Puglia, Campania, Abruzzo, ma anche in Lombardia e Lazio. Addirittura rispetto a 5 anni fa ci sono impennate del 3/400%. Particolarmente ricercati i corsi ed i manuali di lingue, ma anche quelli dei settori marketing, web marketing, finanza, gestione finanziaria ed investimenti, attività sociali, design per interni, psicologia. E non si cercano solo corsi e manuali strettamente attinenti alle sfera professionale: molto apprezzati sono quelli attinenti a salute, benessere, fitness, motivazione, gestione della casa. (Dati Google Trends e SEMrush elaborati da Bruno Editore).“Si tratta di un trend consolidato, che vede la ricerca di contenuti di qualità in costante crescita ma che è letteralmente esploso negli ultimi mesi: gli utenti vogliono formarsi, cercano corsi e manuali, sono alla ricerca di reali competenze.” – ha dichiarato Giacomo Bruno, fondatore della Bruno Editore, definito il papà degli ebook in Italia, che detiene la maggior parte dei bestseller nelle categoria dei manuali professionali su Amazon – “Le aziende, i professionisti e gli autori devono tenere conto di questa tendenza: non basta più stare su internet o proporre i propri servizi, occorre dare risposte, fornire contenuti. L’utente italiano del web è diventato maturo, sa distinguere le chiacchiere dalla reale formazione, sa scegliere. Insomma, siamo molto lontani dall’immagine degli “webeti” che alcuni hanno, di navigatori un po’ sciocchi disposti a dare credito a chiunque.”Per questo il 27 e 28 ottobre a Roma si terrà il primo Master in Marketing Formativo™ per Autori, Imprenditori, Professionisti, per comprendere proprio i segreti dell’educational marketing, per imparare a realizzare contenuti di qualità, manuali e corsi di formazione che possano dare effettiva risposta alla ricerca degli utenti. A tante ricerche purtroppo non sempre corrispondono risposte adeguate: il 61% di chi cerca manuali o formazione non si sofferma più di pochi minuti e continua a cercare, evidentemente non soddisfatto di quello che trova. Ma non esita invece ad acquistare quando i contenuti sono davvero autorevoli, basti pensare che nel 2017 solo con la Bruno Editore sono stati scaricate più di 90.000 copie di manuali professionali, anche questa una tendenza in aumento nel 2018.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Educazione degli adulti oggi: dall’Agenda 2030 alle ricerche Ocse-Piaac

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 aprile 2017

Roma Lunedì 10 Aprile 2017, ore 11:00 Dipartimento di Scienze della Formazione, Polo Principe d’Amedeo, Aula 2 Via Principe d’Amedeo, 186. In occasione della venuta di Marcella Milana dell’Università degli Studi di Verona in qualità di Visiting Professor, lunedì 10 aprile 2017 – dalle ore 11 alle ore 14 – si terrà il seminario di studi dal titolo Educazione degli adulti oggi: dall’Agenda 2030 alle ricerche Ocse-Piaac presso l’Aula 2 del Polo Didattico del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Roma Tre, via Principe d’Amedeo 186. http://www.ceforc.eu

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Forum nazionale Analisi Qualitativa ‘Lavori in corso. L’approccio qualitativo nelle ricerche dei dottorandi italiani’

Posted by fidest press agency su martedì, 6 dicembre 2016

Roma Mercoledì 7 Dicembre 2016, ore 9:00 Dipartimento di Scienze della Formazione, Aula del Consiglio Piazza della Repubblica 10 La proposta di un Forum Nazionale “Analisi Qualitativa” riguarda per un verso la necessità di sviluppare approcci e metodologie di tipo qualitativo che siano in grado di raccogliere un adeguato consenso scienti­co e per un altro verso la possibilità di sperimentare nuove soluzioni, ivi comprese forme di triangolazione che mettano in campo tools sia quantitativi che qualitativi, ad esempio l’analisi del contenuto insieme con quella del discorso, la disamina della conversazione insieme con l’esame delle corrispondenze lessicali, la teoria “fondata” o Grounded ‑eory di Glaser e Strauss ed altri strumenti analitici.
Comitato Scienti­co: Roberto Cipriani, Cecilia Costa, Milena Gammaitoni, Giovanna Gianturco, Claudio Tognonato Comitato Organizzativo
Lavinia Bianchi, Katiuscia Carnà, Barbara Morsello, Danilo Palmisano

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornate di studi sulla linguistica cinese

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2016

pechinoRoma Lunedì 14 Novembre 2016, ore 9:30 / 15 Novembre 2016 Sala Ignazio Ambrogio Via del Valco di San Paolo, 19. Le giornate di studi sulla linguistica cinese si prefiggono lo scopo di riunire gli studiosi italiani che si occupano di linguistica cinese per presentare i filoni, i risultati e i possibili esiti delle ricerche svolte o in corso. Le passate edizioni (Venezia 2014; Milano 2015) hanno visto la partecipazione di rinomati studiosi e di giovani ricercatori che si occupano di diversi ambiti della linguistica cinese, tra i quali lessicologia, morfologia, tipologia, sintassi, pragmatica, acquisizione del cinese da parte di apprendenti italofoni ma anche dell’italiano da parte di apprendenti cinesi. L’evento si profila come occasione utile non solo al confronto tra esperti del settore ma anche come possibilità di arricchimento per la formazione degli studenti di cinese e di linguistica, presenti in numero crescente nell’Ateneo di Roma Tre.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Federico II per Pompei

Posted by fidest press agency su domenica, 10 luglio 2016

federico II pompeiNapoli lunedì 11 luglio 2016, alle 11, nell’Aula Magna Storica della Federico II, nella sede centrale in corso Umberto I, 40 una giornata di studio su ‘La Federico II per Pompei. Suburbio Occidentale: Conoscenza, Scavo, Restauro e Valorizzazione’ per illustrare e consegnare, alla presenza della stampa e della comunità scientifica, gli esiti del lavoro svolto per l’area archeologica di Pompei nell’ambito dell’Accordo-quadro tra l’Università di Napoli Federico II e la Soprintendenza Pompei per lo svolgimento di ‘Attività di ricerche e didattica finalizzate alla valorizzazione, fruizione e divulgazione del sito di Pompei’, siglato nel febbraio del 2015.
I Dipartimenti federiciani per ora coinvolti nell’Accordo sono cinque: Dipartimento di Architettura, Dipartimento di Studi Umanistici, Dipartimento di Strutture per l’Ingegneria e l’Architettura, Dipartimento di Scienze della Terra dell’Ambiente e delle Risorse, Dipartimento di Agraria.
Il lavoro, svolto in stretta collaborazione dai Dipartimenti, ha mirato a fornire alla soprintendenza di Pompei gli strumenti di conoscenza atti a definire strategie e linee di indirizzo metodologico per lo scavo, il restauro, la valorizzazione e la fruizione della città archeologica di Pompei.
La Federico II, essendo infatti un grande Ateneo multidisciplinare, è in grado di offrire quell’ampio apporto di saperi necessario ad affrontare tematiche complesse come quelle inerenti la salvaguardia della “fragile materia” antica di Pompei.
Prenderanno parte all’incontro il Rettore dell’Ateneo federiciano e Presidente della Crui, Gaetano Manfredi, il Soprintendente di Pompei, Massimo Osanna, il coordinatore scientifico dell’Accordo, Giovanna Greco, i responsabili scientifici dei cinque dipartimenti federiciani, Renata Picone, DiArc, Andrea Prota, DiST, Maurizio Fedi DiSTAR, Luigi Cicala, DSU, Gaetano Di Pasquale, Agraria.
I docenti e i giovani ricercatori coinvolti nell’Accordo saranno presenti all’incontro e parteciperanno alla tavola rotonda sulle prospettive future della ricerca, coordinata da Massimo Osanna. (foto: federico II pompei)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Twittando Da Vinci

Posted by fidest press agency su martedì, 17 maggio 2016

geologia di leonardo(Fidest) E’ il titolo del libro della geologa Ann C. Pizzorusso. Per l’autrice se “Leonardo da Vinci avesse avuto un account Twitter, forse centinaia di anni prima della loro effettiva scoperta, avremmo avuto l’aeroplano, l’attrezzatura da sub, i robot, i sistemi di identificazione degli uragani e un’idea esatta del come si sia formata la Terra”. In effetti dobbiamo molto all’informazione che ci perviene via web per favorire la diffusione delle notizie, delle ricerche e degli studi di fattibilità che arrivano da ogni parte del mondo e s’intrecciano con le nostre conoscenze e ne favoriscono l’interscambio per consentire al più lontano degli umani di concorrere a comporre il complesso puzzle della nostra esistenza e per intendere meglio dove siamo e cosa facciamo. Ma il libro della Pizzorusso non solo elogia la potenza dell’informazione che viaggia sulle ali del web, ma si rivela un prezioso e insostituibile strumento di conoscenza attraverso la carta stampata. E’ un testo che non solo si può leggere tutto d’un fiato, per smentire soprattutto coloro che credono che la geologia sia solo una disciplina arida e noiosa, ma è anche capace di rivelarci un aspetto della professione del geologo non solo incentrata sull’osservazione dei fenomeni terrestri ma anche per essere in grado di verificarli con gli eventi storici ambientali e i suoi mutamenti e associandoli con la contestuale presenza umana e le sue interferenze non sempre appropriate come sta accadendo nel nostro tempo.
A questo riguardo il riferimento letterario e culturale a Leonardo Da Vinci da parte della Pizzorusso non è solo strumentale nel momento in cui lo elegge a “guida personale” per il suo excursus nel campo dell’arte, della letteratura, della storia, della scienza e dell’ingegneria, ma è improntato a un pietrericonoscimento del valore del Maestro come lo fu per Dante il sommo Virgilio. E a mio avviso vi avverto un parallelismo non casuale sul piano culturale per richiamare l’intera umanità a una maggiore presa di coscienza di ciò che rappresenta la natura e i fenomeni che essa produce nel corso dei tempi e dell’attenzione e del rispetto che dovremmo riversarvi così come facciamo per le opere dell’ingegno umano. E’ anche un invito alle giovani generazioni perché sappiano apprezzare il loro passato per farne tesoro nel loro divenire in tutti i campi dello scibile e dove la geologia ne fa parte a pieno titolo.
Vi è anche un altro motivo di stima per il lavoro della Pizzorusso che è quello dell’aver saputo interagire con la storia dell’origine geologica del pianeta Terra, e dell’Italia in particolare, con la stessa curiosità che susciterebbe nell’osservatore occasionale la vista di fenomeni naturali non di facile ed immediata comprensione. E nel suo racconto abbiamo incominciato a familiarizzare con parole non certo di uso corrente o anche in qualche modo misteriose come le placche tettoniche, le faglia, le zone di subduzione e via di questo passo. Vi sono addirittura dei passaggi degni di un saggio letterario di squisito lirismo allorché “Ammirando l’operato della natura” ci indica il suo “meraviglioso mosaico di colori e composizioni”. E parlandoci dell’Italia scrive: “Ad ovest degli Appennini, possiamo osservare i precipizi della costiera ligure con romantiche baie e profonde acque, mentre, scendendo verso sud, in Toscana e nel Lazio, le spiagge diventano sabbiose.” E’ questa l’Italia vista da una nuovayorchese: “Una terra ricca di fenomeni naturali, doni sacri che hanno dato benessere alla qualità della vita spirituale e fisica dei suoi pozzuoli tempio di serapidepopoli, ed è stata una Musa perfetta che ha ispirato le più grandi opere letterarie e artistiche della storia dell’umanità.” Così Dante e Virgilio diventano un tutt’uno con Leonardo da Vinci nel loro multiforme ingegno ed è proprio la natura con i suoi fenomeni e profondi di rivolgimenti la loro madrina. E in tutto questo andirivieni dalle cime delle Alpi ai pennacchi fumosi dell’Etna un capitolo lo ha riservato a quello che considera un paesaggio divino: gli Etruschi e il loro territorio. Pagine bellissime e interessanti e che riescono a fare il paio con altrettanta capacità descrittiva con quel che ne segue sul viaggio di Virgilio negli inferi dove nel sesto libro dell’Eneide descrive l’arrivo di Enea sulle sponde di Cuma euboica, situata a 20 Km ad ovest di Napoli. E’ l’occasione per testare la fedeltà della descrizione dei luoghi fatta dal poeta in tempi così lontani da noi e di rilevarne non solo l’autenticità ma la stessa tenuta del contesto ambientale dopo che sono trascorsi tanti secoli. “A Virgilio sarebbe bastata una passeggiata fra i Campi Flegrei per trovare tutto quello di cui aveva bisogno per descrivere i luoghi degli Inferi: gas velenosi, fango bollente, caverne misteriose, vapori caldi e, in ultimo, ma non meno importante, un fiume sotterraneo.” E tutto qui è rappresentato in concreto agli occhi di Virgilio e descritti nell’Eneide: “la palude dello terapia termaleStige, il lago d’Averno, i vortici fumanti, il luogo privo di uccelli, i rigurgiti fangosi del fiume Acheronte e il fiume di fuoco, il Flegetonte”.
Ma non finisce qui, ovviamente. Ci parla del Paradiso di Dante soffermandosi su quel “contenitore forbito di numerosi riferimenti a perle, rubini, topazi, smeraldi, zaffiri, brillanti, cristalli ambra e vetro. E i riflessi della luce sulle pietre diventano occasioni di splendenti metafore: indica la perla, profonda saggezza intellettuale, i rubini, le anime dei guerrieri cristiani, i diamanti, fortezza e solidità, gli zaffiri, simbolo della vergine Maria, regina del Paradiso.
Non manca, ovviamente, un capitolo riservato a Leonardo da Vinci e alla natura delle cose. “Egli osò affermare – scrive la Pizzorusso – che la terra, in realtà, si fosse sollevata dal mare da cui era stata coperta per tanto tempo. Una volta emersa, i fiumi e l’acqua scrosciante erosero le montagne portando via i resti e muovendo i fossili da un posto all’altro.” E la lettura va anche ad esaminare la storia di due dipinti dove la geologia di Leonardo mostra i suoi segni e approfondimenti. Segue quel segreto fascino dell’Italia offerto dal suo prolifico numero di caverne, cave, grotte e crateri che bucano il paesaggio e che sono così ricche di arte e, dal punto di vista archeologico, la testimonianza dello sviluppo dell’uomo. Alla fine arriva Ischia e le sue straordinarie proprietà terapeutiche e si chiude così il ciclo di questa narrazione che sembra invitarti a riprendere la lettura per fissare nella mente i passi più affascinanti e interessanti perché sono tanti e ti riempiono la vita di rinnovati interessi e ti fanno amare la geologia per il come è stata rappresentata e per i suoi legami con la vita dell’uomo e della natura.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sesto Congresso C.O.R.T.E.

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 marzo 2016

scuderiRoma dal 9 all’11 marzo 2016 si tiene il sesto Congresso C.O.R.T.E. (studio e ricerche su ulcere piaghe, ferite e riparazioni tessutali) presieduto dal prof. Nicolò Scuderi presso il Palazzo dei Congressi di Roma Eur. Il prof. Scuderi è Direttore della 1° chirurgia plastica e ricostruttiva dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma e Direttore della UOC di Chirurgia Plastica presso il Dipartimento “Pietro Valdoni” del Policlinio Umberto I. ll prof. Scuderi è attualmente responsabile della conduzione di importanti protocolli di sperimentazione internazionali, in particolare nel settore dei nuovi materiali protesici biocompatibili, ed è stato coordinatore locale e nazionale di numerosi progetti di ricerca del CNR e del MURST.
In questo congresso il prof. Scuderi affronta, nello specifico, il tema riguardante le ulcere, le piaghe e le ferite difficili. “E’ – egli afferma – un problema “trasversale” che interessa i medici afferenti a decine di specialità mediche. Al punto tale che a ‘CO.R.TE., aderiscono oltre 70 tra enti e Società scientifiche – da quelle chirurgiche a quelle di medicina interna – tutte interessate alla scoperta di nuove medicazioni e interventi per scongiurare l’epidemia delle piaghe, delle ulcere e più in generale delle ferite difficili.” “Soprattutto nei pazienti ultra75enni – sottolinea il professor Nicolò Scuderi, – i tessuti cutanei subiscono modificazioni significative, diventando ipotrofici, meno elastici e caratterizzati da maggior fragilità capillare. Non solo: l’età ‘asseconda’ altri fattori di rischio intrinseci, rappresentati dalla limitata mobilità dei soggetti per cause diverse quali fratture ossee o sedazione farmacologica e dalla presenza di malattie con compromissione neuromotoria, come diabete, sclerosi multipla, miastenia, coma o lesioni spinali che, comportando ridotta o nulla sensibilità cutanea e assenza di percezione di sensazioni fastidiose o dolorose, impediscono la reazione motoria del paziente favorendo la comparsa delle lesioni cutanee”. E soggiunge: “Uno dei problemi più frequenti nel trattamento delle ferite viene dalla loro infezione: una vera e propria ‘epidemia’ – quella della deiscenza delle ferite che improvvisamente si riaprono o non si chiudono proprio – accompagnata dalla presenza in molti casi di germi resistenti o dal biofilm, quel sottile strato di materiale che viene elaborato dai batteri in attiva replicazione e che appare aderente al letto della lesione, e che contribuisce a ritardarne la guarigione. In presenza di biofilm, infatti, si creano le condizioni affinché i singoli microrganismi interagiscano scambiandosi reciprocamente nutrienti e metaboliti e costituendo vere e proprie comunità batteriche organizzate. I biofilm rappresentano perciò focolai protetti di infezione e di resistenza batterica all’interno della ferita, offrendo protezione ai batteri dall’azione degli agenti antimicrobici (antibiotici e antisettici)”.
Policlinico La Sapienza RomaPer il come si “affronta” il biofilm il prof. Scuderi precisa: “Una medicazione avanzata utilizzata per eliminare il biofilm presente nelle ulcere è una medicazione sterile antimicrobica a base di argento, composta da soffici fibre idrocolloidali di carbossimetilcellulosa sodica pura contenenti ioni argento. Questa medicazione assorbe e trattiene elevate quantità di essuda-to e di batteri e a contatto con l’ulcera crea un soffice gel che si conforma al letto della feri-ta, mantenendo l’ambiente umido necessario a favorire i processi di riepitelizzazione e aiutando nella rimozione dei tessuti non vitali della ferita senza danneggiare il nuovo tessuto. L’argento ionico distrugge i batteri, lieviti e muffe presenti nel biofilm. Tale presidio contribuisce a creare un ambiente antimicrobico rimuovendo il biofilm e prevenendone la riformazione aumentando l’efficacia dell’azione antisettica dell’argento. La medicazione crea così una barriera antimicrobica. Un recente dispositivo utilizzato per la rimozione del biofilm è costituito da una soluzione di acido-ossidante da utilizzarsi nello sbrigliamento, nell’irrigazione, nel lavaggio e nell’umidificazione di ferite acute e croniche come le ulcere del piede diabetico. Tale soluzione contiene acido ipocloroso, un noto agente antimicrobico, che agisce da conservante, inibendo la crescita di microorganismi all’interno della soluzione e prevenendo la contaminazione delle ferite esercitando un effetto antimicrobico locale negli strati superficiali delle ferite. Grazie alle sue proprietà fisico-chimiche e riducendo gli effetti dovuti alla presenza di microrganismi, questa soluzione crea un micro-ambiente ideale a supporto del processo fisiologico di guarigione, particolarmente rilevante nelle ferite croniche, favorendo l’eliminazione del biofilm e un’ottimizzata guarigione delle lesioni. Un nuovo trattamento per il biofilm è costituito da un liquido semi-viscoso opaco di colore violaceo per uso topico, da applicare localmente sulle ulcere cutanee. Esso contiene composti fenolici solfonati ed acido solforico in soluzione acquosa ed utilizza la caratteristica igroscopica dello zolfo presente in soluzione per assorbire l’acqua contenuta nel biofilm essiccandolo. Senza acqua i polimeri organici che formano la spina dorsale del biofilm precipitano, e una volta seccatosi può essere eliminato facilmente”. “Molto recentemente sono state realizzate speciali apparecchiature biomediche che servono ad eradicare il biofilm. Tali macchine usano la rivoluzionaria piattaforma tecnologica ‘BioFotonica’ e offrono una soluzione completamente nuova per il trattamento delle ferite che sfrutta la proprietà di rimodulare l’attività cellulare e la proprietà battericida della fluorescenza e dell’ossigeno. Questa sinergia innesca un effetto a cascata di reazioni biologiche che ripristinano e rimettono in moto il processo di guarigione. I cromofori contenuti in tale macchina sono illuminati con una luce multiled. Questo gel foto-convertitore della luce, per uso topico, è arricchito di cromofori fluorescenti, che in presenza di un ossidante e della luce innescano la terapia BioFotonica. La luce multiled stimola una reazione di trasformazione dei cromofori che raggiungono uno stato di energia più elevato. I cromofori attivati ritornano a uno stato di energia più basso, emettendo fotoni con livelli d’energia inferiori. Sfruttando le proprietà benefiche dell’ossigeno e le diverse lunghezze d’onda della luce, i fotoni penetrano nel tessuto sottostante a varie profondità creando un effetto ad ampio spettro. Tale meccanismo modula l’infiammazione (colori giallo e arancio-ne), favorisce la proliferazione dei fibroblasti (colori giallo e arancione), promuove la produzione di collagene (colore verde), promuove la modulazione dei fattori di crescita (colori giallo, arancione e piede diabeticoverde) ed infine elimina batteri ed altri microrganismi (ossigeno più luce).
Il piede diabetico costituisce la complicanza più invalidante dell’iperglicemia cronica trascurata. Si tratta di uno stato patologico che condiziona negativamente la qualità di vita del paziente, tanto da richiedere una scrupolosa e costante igiene dei propri piedi supportata da frequenti controlli medici. Un piede diabetico malcurato o sot-tovalutato espone il malato ad ulcere, piaghe sanguinanti ed infezioni che, a lungo andare, possono diffondere nei tessuti limitrofi e procurare cancrena. Obiettivo principale del tratta-mento del piede diabetico è senza dubbio prevenire l’ulcera plantare e, nel caso d’infezione in corso, arginare l’insulto patogeno entro il più breve tempo possibile. Il biofilm è una aggregazione complessa di microrganismi in una matrice adesiva e protettiva. La formazione di un biofilm inizia con l’ancoraggio di microrganismi liberamente fluttuanti ad una superficie. Quando un gruppo di batteri si accumula su di una superficie e raggiunge una particolare densità cellulare, inizia a secernere una sostanza polimerica che si compone di polisaccaridi, proteine e DNA, la quale associandosi alle molecole di acqua libere nell’ambiente circostante, dà origine ad una matrice in cui le cellule batteriche sono fortemente radicate. Le conseguenze della presenza della matrice è la quasi impossibilità di rimuovere con le sole procedure meccaniche il biofilm da una superficie cutanea. Inoltre è sempre la presenza di questa matrice che aumenta la resistenza dei batteri a disinfettanti e antibiotici sia topici che sistemici. Attualmente nuovi presidi medici e macchinari sono stati utilizzati per eradica-re e ridurre tale biofilm”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Alessia Bacchi eletta Presidente dell’European Crystallographic Association

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

bacchi_alessiaUniversità Parma. La prof.ssa Alessia Bacchi, docente del Dipartimento di Chimica, è stata eletta Presidente dell’European Crystallographic Association (ECA) per il triennio 2015-2018.L’ECA riunisce 33 paesi membri distribuiti tra Europa, Africa e Medio Oriente, e ha il ruolo di coordinamento scientifico e didattico della ricerca cristallografica per le regioni europea e africana.
L’elezione della prof.ssa Bacchi a questa importante carica testimonia l’eccellenza e il prestigio internazionale della scuola di cristallografia del Dipartimento di Chimica del nostro Ateneo, che ha rappresentato fin dagli anni ’60 un polo di riconosciuta rilevanza in campo nazionale ed internazionale e conta attualmente sette gruppi di ricerca attivi su tematiche cristallografiche.Le ricerche condotte dalla prof.ssa Bacchi riguardano la progettazione di materiali cristallini porosi per la cattura e il rilascio di molecole di interesse medico, nutrizionale e ambientale, e la progettazione di nuove forme cristalline per composti farmaceutici e nutraceutici. (foto bacchi)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Povertà nel mondo

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 gennaio 2015

povertàSecondo nuove stime, quasi 1 miliardo di persone in più si troveranno in condizioni di estrema povertà se i leader del mondo non prenderanno decisioni chiave su povertà, disuguaglianza e cambiamenti climatici. Decisioni che dovrebbero essere assunte nei due cruciali summit di New York e Parigi alla fine di questo anno, mentre miliardi di bambini e adulti continuano a fare i conti con una vita di stenti e difficoltà.E’ l’allarme sollevato in tutto il mondo da più di 1.000 organizzazioni – fra cui Save the Children, l’Organizzazione che dal 1919 lotta per salvare la vita dei bambini e difendere i loro diritti, e GCAP- Global Call to Action against Poverty, la Coalizione Contro la Povertà – con il lancio oggi della nuova campagna action/2015 che chiede con forza ai leader mondiali di mettere in atto azioni concrete per arrestare i cambiamenti climatici prodotti dall’azione umana, sradicare la povertà e rimuovere le disuguaglianze.Secondo le stime della coalizione action/2015, anche facendo delle previsioni abbastanza conservative, il numero di persone in povertà estrema, cioè che vivono con meno di 1,25 dollari al giorno, potrebbe ridursi sensibilmente passando da oltre 1 miliardo a 360 milioni entro il 2030: sulla base dei calcoli effettuati dall’Università di Denver, nel 2030 circa il 4% della popolazione globale vivrebbe in povertà estrema (a fronte del 17% attuale) se quest’anno verranno prese decisioni chiave su disuguaglianze, lotta alla povertà e cambiamenti climatici, con una loro implementazione nei prossimi anni. Altre ricerche, che considerano un numero maggiore di variabili, dimostrano che lo sradicamento della povertà estrema – obiettivo chiave della campagna – è raggiungibile per la prima volta nella storia. Tuttavia se i leader non si impegneranno con slancio e al massimo per un ambizioso accordo allo Special Summit ONU sullo Sviluppo Sostenibile di settembre a New York e ai colloqui ONU sul Clima a Parigi in dicembre, e indietreggeranno nei loro sforzi, il numero di persone che vivono in povertà estrema potrebbe crescere di 1,2 miliardi entro il 2030. Questo incremento sarebbe il primo, dal 1993, nell’arco di una generazione e vedrebbe quasi 1 miliardo di persone in più in condizioni di povertà (886 milioni) rispetto a quante sarebbero se venissero interprese azioni specifiche e tempestive (360 milioni). In base a questo scenario, 1 persona su 3 nel mondo vivrebbe sotto la soglia di 2 dollari al giorno.Malala Yousafzai, Premio Nobel per la Pace che ha messo la sua vita in gioco per il diritto all’educazione, dichiara: “Le persone nel mondo vogliono che finisca l’ingiustizia, la povertà e l’analfabetismo. Il nostro mondo è interconnesso e i giovani sono pronti e attivi come mai finora, per vedere reali cambiamenti realizzarsi. Tutti insieme stiamo chiedendo ai nostri governanti di mettere in atto azioni concerete nel 2015 e ciascuno può fare la sua parte. Io continuerò a lavorare instancabilmente per spingere i leader ad afferrare questa opportunità per garantire istruzione primaria e secondaria gratuita e di qualità ad ogni bambino. Questo è il mio obiettivo e spero che la mia voce si senta come se fosse la voce di milioni di bambini che vogliono andare a scuola”.
Insieme a Malala, altri personaggi noti e di alto profilo – dalla regina Rania di Giordania a Desmond Tutu, Muhammad Yunus, Jody Williams, da Bono, Anne Lennox, Sting, a Ben Affleck, Matt Demon, Mia Farrow, da Bill e Melinda Gates, a Mo Ibrahim – appoggiano la coalizione, composta da più di mille organizzazioni in oltre 120 paesi del mondo. La campagna chiede con forza ai leader mondiali di approvare un piano per sradicare la povertà, prevenire pericolosi cambiamenti climatici e combattere la disuguaglianza nel corso dei due summit in programma: lo Special Summit sullo Sviluppo Sostenibile a settembre e la COP 21 ONU sul Clima a Parigi in dicembre che dovrebbe varare il nuovo accordo globale.Action/2015, annunciata da Malala quando le è stato consegnato il Premio Nobel per la Pace, è una delle più grandi campagne lanciate finora, che mette insieme ambiente, diritti umani, organizzazioni per lo sviluppo e network di ispirazione religiosa. Da nomi familiari come Amnesty International e Save the Children a organizzazioni della società civile che lavorano con le comunità locali, il movimento punta a far sì che gli accordi del 2015 siano influenzati dalle persone.
Parlando per action/2015, Amitabh Behar, attivista indiano contro la povertà dichiara:“Se falliamo in questo, potremmo vedere il numero di persone in povertà crescere per la prima volta nell’arco della nostra generazione. Ma se agiamo bene, contrastando povertà, disuguaglianza e cambiamenti climatici, avremmo la possibilità di sradicare la povertà estrema nell’arco di una generazione. Con due summit di questa importanza a pochi mesi l’uno dall’altro, il 2015 potrebbe essere uno degli anni più importanti per il nostro pianeta dalla fine della seconda Guerra mondiale, ma solo se non perdiamo quest’occasione”.Contestualmente al lancio della campagna, si stanno già tenendo attività ed iniziative in più di 50 paesi nel mondo: dal Libano e Liberia, a Norvegia, Sud Africa e Sri Lanka. Molti di queste sono guidate da giovani anche di soli 15 anni, in aree del mondo che sono tra le più direttamente interessate dagli accordi:
in Bolivia tre cortei congiunti a Laz Paz vedranno insieme grandi e piccoli, ciascuno di essi dedicato ad una delle tre questioni chiave della campagna: cambiamenti climatici, diseguaglianze e povertà.
In Costa Rica dei giovani saliranno sulle loro biciclette e parteciperanno a un corteo di ciclisti per portare i loro messaggi e slogan ai leader del loro paese.
In India ragazzi e ragazze stanno incontrando i leader di 15 Stati e più di 150 distretti per portare il loro messaggio di speranza.
A New York il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon incontrerà un gruppo di quindicenni per spiegare perché ci sia bisogno di un’azione globale nel 2015.
In Nigeria degli adolescenti illustreranno ciò che si attendono per il futuro al Ministro delle Finanze Ngozi Okonjo-Iweala durante un grande concerto.In Norvegia, una delegazione di campaigners di 15 anni incontreràil Primo Ministro Erna Solberg per esortarla ad avere un ruolo di primo piano nei due summit e ad assicurare un futuro migliore e sicuro per le persone e il pianetanel 2015.
In Tanzania, dei quindicenni incontreranno il Vicepresidente Mohamed Gharib Bilal per parlare delle loro aspirazioni per il futuro e delle azioni che si attendono dai leader politici nel 2015.
In Uganda un gruppo di giovani chiederà al Parlamento di ascoltare le loro richieste nel momento in cui consegneranno una petizione firmata da più di 10 mila ragazzi e ragazze.In Gran Bretagna alcuni giovani attivisti incontreranno il Primo Ministro David Cameron e Ed Miliband, il leader dell’opposizione, per esortarli a sfruttare la straordinaria opportunità dei 2 summit nel 2015.
Spiegando il perché della sua partecipazione alla campagna, Maryam, un’attivista dei diritti umani della Nigeria che sta per compiere 15 anni, dice:“Nel 2030 sarò adulta e potrei avere dei miei bambini. La mia generazione potrebbe non essere quella che prende decisioni oggi ma sarà quella che farà in modo che i nostri leader si assumano pienamente la responsabilità delle azioni che decideranno quest’anno. Io e migliaia di miei coetanei stiamo chiedendo loro di prendere le decisioni giuste, perché il nostro futuro è al palo. Noi chiediamo che essi prendano decisioni dettate dai bisogni delle future generazioni e non dagli interessi di breve termine della politica”.
Action/2015 chiede all’opinione pubblica di unirsi alla campagna per far sì che i leader mondiali si impegnino per un mondo migliore. Nel corso del 2015 la campagna offrirà occasioni e modi, ovunque nel mondo, affinché ciascuno possa influenzare i risultati di questo dibattito globale che potrebbe portare a:
∑ mettere fine alla povertà in tutte le sue forme;
∑ assicurare i diritti fondamentali, combattendo la disuguaglianza e la discriminazione;
∑ una più veloce transizione al 100% di energie rinnovabili;
∑ un mondo in cui ognuno possa partecipare e i leader siano tenuti a dare conto delle loro decisioni e azioni.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sapienza: una notte all’università

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2012

Roma Alla Sapienza apertura straordinaria di undici musei, incontri culturali, giochi didattici e curiosità per la Notte dei Musei 2012. Numerose le iniziative per i più piccoli. sabato 19 maggio 2012 – dalle 19.00 alle 24.00 Città universitaria – piazzale Aldo Moro 5, Roma
La Sapienza partecipa anche quest’anno alla Notte dei Musei 2012 con l’apertura straordinaria di undici musei della Città universitaria: Anatomia Comparata, Antichità etrusche e italiche, Arte classica, Chimica “Primo Levi”, Fisica, Geologia, Mineralogia, Origini, Paleontologia, Storia della medicina, Museo Laboratorio arte contemporanea (Mlac).
A partire dalle ore 20 e fino alla mezzanotte il Polo museale della Sapienza coinvolgerà il pubblico in visite guidate, mostre e spettacoli. Per i più piccoli sono previste attività istruttive e divertenti: la possibilità di vedere dal vivo uno scheletro di balenottera, di assistere a una simulazione di pet therapy con quattro labrador in azione, di partecipare a laboratori di archeologia e chimica, di giocare alla caccia di scheletri e teschi o di partecipare a una geo- tombola.
Fiore all’occhiello della manifestazione è l’esposizione presso il Museo di Mineralogia di alcuni esemplari della collezione del Servizio nazionale geologico (oggi Ispra) in mostra al pubblico per la prima volta. Tra i pezzi selezionati, un ippopotamo anfibio, minerali rari e un prezioso rilievo geologico dell’Etna.
Da segnalare anche l’inaugurazione presso il Museo di Anatomia comparata della nuova sala di microscopi che raccoglie strumenti storici e moderni microscopi elettronici a trasmissione e a scansione.
La serata sarà aperta nell’aula magna del Rettorato dal video “Scienza e Arte” che ripropone al pubblico la mostra a cura di Adelina Borruto sulle trasformazioni creative (gioielli, abiti, oggetti di design) di ricerche sviluppate nel dipartimento di Ingegneria chimica materiali ambiente della Sapienza.
Al termine l’Orchestra e i solisti di MuSa Classica si esibiranno in melodie della tradizione canora italiana da Pulcinella a Rugantino. Concluderà la manifestazione il volo di una mongolfiera che partirà dalla piazza della Minerva. Con questo programma Sapienza intende ribadire il suo ruolo primario all’interno del tessuto cittadino per favorire, attraverso il contributo di tutti i settori scientifici coinvolti, la diffusione della cultura a partire dai cittadini più giovani. Il programma completo è disponibile su http://www.uniroma1.it

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In libreria: Walter Ferreri

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 gennaio 2012

“La verità sul 2012”, La Zisa, Pagine: 112, euro 8,90 (ISBN: 978-88-95709-55-0) Dalla lettura di questo libro ognuno di noi potrà rendersi perfettamente conto “come il 2012 sia un anno come gli altri e che la sua elezione a “anno del giudizio” non sia nient’altro che un’invenzione di alcuni autori, scaturita da una loro interpretazione acritica del calendario Maya, al quale si è voluto attribuire un significato che non trova riscontro tra gli studiosi di questo popolo. Il motivo che li ha indotti a fare queste previsioni è essenzialmente di tipo economico […]: un libro che tratta di future catastrofe di eventi spettacolari o eccezionali ha molto facilmente più successo di uno […] che si limiti a raccontare la realtà dei fatti”. “La storia è permeata da “profeti” e “veggenti” che hanno previsto innumerevoli volte la fine del mondo. Spesso questi comportamenti sono stati dettati da una interpretazione letterale di scritti antichi, ai quali si attribuiscono grande autorità o addirittura infallibilità. Anche nel caso dei Maya, […] la tendenza è stata quella di sopravvalutare molto le loro possibilità di previsione, […] I Maya avevano una notevole conoscenza del cielo, ma […] La loro scienza non gli permetteva di fare previsioni precise su molti avvenimenti astronomici futuri”. (dalle Conclusioni dell’Autore) Walter Ferreri, astronomo, svolge la sua attività professionale presso l’Osservatorio Astronomico di Torino. È autore di una ventina di libri e fondatore, nel 1977, della rivista di astronomia “Orione”, della cui versione attuale – “Nuovo Orione” – ricopre la carica di direttore scientifico. Per le sue scoperte e ricerche nel campo degli asteroidi l’Unione Astronomica Internazionale ha conferito il nome “Ferreri” all’asteroide 3308 EP. http://www.lazisa.it/ferreri.html

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Farmaci e ricerca

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 novembre 2011

Grafica: Medicina, Epidemiologia, Patologia, M...

Image via Wikipedia

Le malattie rare sono oltre 6.000 mentre i farmaci resi disponibili in oltre dieci anni sono solo una settantina. Numeri che rendono necessario considerare i farmaci orfani per le malattie rare «una priorità nei programmi di ricerca di enti pubblici, di charities e di privati». Lo afferma il Comitato nazionale di bioetica (Cnb), che venerdì scorso ha approvato a maggioranza, con un unico voto contrario, il documento ”Farmaci orfani per le persone affette da malattie rare”, redatto dal farmacologo Silvio Garattini. Il testo, spiega una nota del Cnb, «documenta le difficoltà che devono affrontare le persone affette da malattie rare per le quali la diagnosi è ancora difficile, gli aiuti sono modesti e la terapia è, nella maggior parte dei casi, inesistente». La rarità della malattia non permette, infatti, si rileva nel documento, «investimenti da parte delle industrie farmaceutiche, per la scarsità dei ritorni economici. Il problema non può essere affrontato a livello nazionale ma deve avere una dimensione europea e internazionale». Il documento del Cnb richiede sia dunque dedicato un «maggior impegno da parte di strutture pubbliche e private, per ragioni di equità e solidarietà». Nel documento viene, inoltre, richiesto un aiuto a favore delle famiglie, trattandosi spesso di malattie che colpiscono i bambini. Si raccomanda poi a livello europeo la realizzazione di un fondo per alimentare la scoperta di strumenti diagnostici e di nuovi farmaci attraverso un impulso alla sperimentazione, nel pieno rispetto delle regole etiche.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Breath Analysis Summit 2011”

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2011

Parma, da domenica 11 a mercoledì 14 settembre, presso il Centro Congressi del Comune di Parma, e che vedrà la partecipazione di circa 250 persone da oltre 35 Paesi. Questo congresso, co-organizzato da Università degli Studi di Parma, International Association for Breath Research e Agenzia per la Salute del Comune di Parma, ha lo scopo di fornire, a scienziati con diversa formazione e differenti competenze, la possibilità di presentare i loro lavori scientifici e di scambiarsi opinioni relativamente a numerose applicazioni derivanti dall’analisi del respiro umano, quali la diagnosi di patologie polmonari e metaboliche, la stima dell’esposizione polmonare ad inquinanti aerodispersi e l’esposizione ad agenti biologici. L’aria espirata, infatti, contiene numerosissime sostanze, di provenienza sia endogena che esogena, utilizzabili a scopo diagnostico in diverse branche della medicina, quali pneumologia, allergologia, pediatria, gastroenterologia, medicina interna e medicina del lavoro. Particolarmente promettenti sono le applicazioni diagnostiche in campo oncologico, in particolare per la diagnosi precoce di tumore polmonare. Altre applicazioni che si prospettano utilissime riguardano l’esposizione ad agenti chimici negli ambienti di vita e di lavoro, attraverso l’impiego di indicatori biologici di esposizione e di effetto precoce assai utili ai fini preventivi. Il programma del convegno consta di un centinaio di contributi, suddivisi in 34 letture, 26 comunicazioni e 40 posters.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festival dell’Energia

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2011

Energia attivazione

Image via Wikipedia

Firenze dal 23 al 25 settembre La quarta edizione di L’Energia Spiegata-Festival dell’Energia – la più importante manifestazione italiana sui temi dell’energia, promossa da Aris sarà all’insegna dell’ecosostenibilità, grazie alla collaborazione con IMQ (Istituto Italiano del Marchio di Qualità) che ha quantificato e compensato le emissioni di CO2 dell’evento. La compensazione ha riguardato gli aspetti di maggiore impatto sull’ambiente, come la mobilità di relatori (oltre 120 da tutto il mondo), visitatori (ne sono attesi oltre 20.000) e la stampa della documentazione informativa. Le emissioni calcolate sono state poi neutralizzate acquistando VER (Verified Emission Reduction), ossia crediti volontari per la riduzione delle emissioni. “Il Festival dell’Energia si dimostra attento alle tematiche ambientali, non solo dando da sempre ampio spazio a questi temi nei lavori della manifestazione, ma anche con iniziative concrete. Abbiamo scelto IMQ per il rigore che caratterizza le sue valutazioni e per le modalità scelte nelle procedure di compensazione” ha dichiarato Alessandro Beulcke, Presidente di ARIS (Agenzia di Ricerche Informazione e Società) associazione no profit che promuove e organizza il Festival dell’Energia.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In Italia Università sempre più costosa

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 luglio 2011

In Italia non ha vita facile chi decide di iscriversi ad un corso universitario, soprattutto se non si possiede un cospicuo portafogli. Secondo ricerche nazionali, gli studenti degli atenei del Nord pagano il 13% in più rispetto alla media nazionale ed il costo complessivo di un corso universitario varia dalla facoltà scelta, decisione influenzata dalle risorse economiche disponibili. “Non avere soldi per finanziare le università perché dilapidati e/o rubati, e di conseguenza dover gravare sulle spalle dei cittadini per tirare avanti – osserva Cesare De Sessa, viceresponsabile per l’Istruzione dell’Italia dei Diritti -, equivale a ripristinare una logica non di merito, come i politici si affannano a dichiarare a gran voce. Piuttosto significa, nella pratica quotidiana, permettere di studiare ai figli delle famiglie economicamente più solide. In buona sostanza – continua De Sessa -, un ritorno al passato peggiore. Insomma, la differenza, ieri come oggi e purtroppo anche domani, nel nostro Paese (più che in altri) la fa il denaro. Né c’è da meravigliarsi, basta riflettere un attimo sugli scandali che, da destra come da sinistra, vedono quotidianamente i nostri politici alla ribalta, il movente è sempre uno: il denaro”. L’Università pubblica italiana sembrerebbe diventare man mano un’esclusiva per ricchi, rispetto ad alcuni Paesi europei, come la Svezia, che offrono un’istruzione elevata a costo zero: “Il fatto che l’istruzione universitaria, meno qualificata di molte europee, costi parecchio di più è uno dei tanti sintomi dell’Italia, affetta da molti, troppi mali – spiega l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro -. Investire sulle nuove generazioni e su un’università economicamente più accessibile è proprio di un Paese che guarda al futuro, perché offre ai giovani delle chance. Se una classe dirigente non riesce dunque ad esprimere altri valori e interessi se non quello dei soldi – conclude De Sessa -, come immaginare che possa pensare ai giovani e al loro futuro in termini diversi da quello che rappresenta la sua sola preoccupazione, il suo unico assillo?”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Perché mi perseguiti?

Posted by fidest press agency su domenica, 10 luglio 2011

Al 70% della popolazione mondiale è negata la libertà religiosa, di coscienza e di pensiero. Tale diritto è oggi negato in molte parti del mondo a fedeli di ogni credo: cristiani, ebrei, indù, musulmani, buddisti o diversamente credenti. La premessa – dal significativo titolo «Perseguitati perché testimoni – Libertà di credere: chi non la vuole?» – fornisce una panoramica mondiale delle negazioni della libertà religiosa, esponendo in box riassuntivi i risultati di alcune ricerche; secondo i dati forniti da “Amnesty International”, da almeno due decenni il cristianesimo sembra essere la religione più perseguitata del mondo. I cristiani messi a morte ammontano a ben 12.692. Di questi, 5.343 sono sacerdoti e seminaristi, 4.872 religiosi e religiose, 126 vescovi e 2.351 laici. Tratte dall’Edizione 2010 del Rapporto ACS sulla libertà religiosa nel mondo, chiude questo sussidio una selezione di 21 Schede di Paesi in cui le persecuzioni sono più diffuse, acute e violente. Perchè mi perseguiti? Libertà religiosa negata. Luoghi e oppressori, testimoni e vittime Aiuto alla Chiesa che Soffre – Lindau – 2011 – pp. 176 – € 10,00

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Degrado foreste europee

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 giugno 2011

Sono stati presentati lo scorso 21 giugno, presso l’Auditorium Internazionale di Bruxelles, i risultati del progetto FutMon, il più grande progetto LIFE+ mai finanziato dall’Unione Europea, che forniscono un quadro aggiornato delle condizioni delle foreste in Europa. Il progetto, della durata di 2 anni e mezzo è stato co-finanziato con 16 milioni di euro dall’Unione Europea e ha coinvolto 23 Stati Membri e 38 enti, tra cui, per l’Italia, il Corpo forestale dello Stato, il Consiglio Nazionale delle Ricerche e il Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura. L’Università di Camerino ha partecipato al progetto con il prof. Roberto Canullo della Scuola di Scienze Ambientali, responsabile a livello europeo delle attività di intercalibrazione e valutazione della qualità dei dati di campo relativi al monitoraggio della vegetazione e della diversità vegetale. Il monitoraggio forestale in Europa è iniziato 25 anni fa sotto l’egida congiunta dell’Unione Europea e del programma ICP Forests del Consiglio Economico per l’Europa delle Nazioni Unite. Grazie a questo progetto, la rete di monitoraggio forestale europea esistente è stata completamente ridisegnata e testata, ed è ora basata su 300 aree di studio intensivo integrate con una rete estensiva di 5000 aree, delle quali 22 in Italia, che coprono tutto il territorio europeo dalla Lapponia alla Sicilia. E’ stata inoltre ridefinita la rete di monitoraggio estensivo, così da renderla integrabile con gli inventari forestali nazionali, per ridurre i costi e facilitare l’uso dei dati raccolti. Il progetto ha coinvolto circa 200 esperti, tra i quali appunto il prof. Canullo, e i dati raccolti sono stati inseriti in una banca dati centralizzata, dove sono a disposizione della Commissione Europea e, su richiesta, di altri ricercatori per usi scientifici. La rete complessa di siti di monitoraggio forestale rappresenta il migliore esempio di “infrastruttura” europea che, tra l’altro, si presta agli obiettivi delle ricerche a lungo termine sulla diversità e le funzioni dell’ecosistema forestale.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »