Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘ricicla’

Il packaging si ricicla con la sovrastampa per battere la crisi

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 gennaio 2012

I prezzi di petrolio e materie prime aumentano e le aziende non possono permettersi sprechi Rotoprint recupera imballaggi vecchi o sbagliati e nel 2010 ha salvato 18mila km di materiale Chilometri e chilometri di imballaggi nuovi ma inutilizzabili. È con questa realtà che devono fare i conti moltissime aziende, alle prese con errori di stampa, normative che impongono aggiornamenti sulle etichette, grafiche da rinnovare continuamente. «Un tempo, forse, si buttavano via più a cuor leggero: gli imballaggi in magazzino non vanno più bene? Al macero, e produciamone di nuovi. Ma oggi, con la crisi che morde e l’attenzione all’ambiente che per fortuna si sta diffondendo, sarebbe follia». Parola di Gian Carlo Arici, titolare di Rotoprint Sovrastampa, azienda di Lainate (MI) che grazie a un procedimento unico in Italia si è specializzata nel dare una nuova vita agli imballaggi già stampati. «Con l’aumento dei prezzi di petrolio, materie prime, trasporto e smaltimento, le aziende devono stare sempre più attente alla gestione delle scorte -continua Arici-. Ma nel mondo dell’imballaggio una nuova legge o un cambio di strategia di marketing imposto dall’azienda possono far sì che metri e metri di materiale nuovo e perfettamente utilizzabile diventino improvvisamente obsoleti. Per non parlare degli errori di stampa, a cui è difficile rimediare». Difficile, ma non impossibile. È un’esclusiva di Rotoprint lo speciale sistema di sovrastampa a registro in Rotocalco che consente di intervenire con precisione millimetrica su ogni tipo di packaging. Una tecnologia frutto dell’ingegno del fondatore Gian Carlo Arici, che oltre quarant’anni fa ha modificato le macchine rotative per venire incontro ai clienti alle prese con materiale difettoso o non più adeguato alle loro esigenze. «Allungare il ciclo di vita degli imballaggi porta alle aziende un risparmio significativo -continua Arici-. Non sono costrette a produrre nuovo materiale ed evitano i costi di stoccaggio e di smaltimento in discarica. Inutile dire che questo ha effetti positivi anche sull’ambiente, soprattutto in termini di risparmio di emissioni di CO2». Basti pensare che solo nel 2010 sono arrivati a Rotoprint, pronti a iniziare la loro nuova vita, oltre 18mila chilometri di materiali accoppiati in bobina, come dire un viaggio di andata e ritorno fra Milano e Rio de Janeiro. «Forse la crisi economica -conclude Arici- sarà anche l’occasione per pensare a quanti sprechi inutili si potrebbero evitare con un po’ di attenzione e di creatività». Un impegno per l’ambiente riconosciuto anche dalla E.R.A (European Rotogravure Association), che ha conferito a Rotoprint Sovrastampa l’Innovation Award 2011.
Rotoprint Sovrastampa S.r.l. Nata nel 1978 a Lainate (MI), Rotoprint Sovrastampa è specializzata nel modificare imballaggi già stampati, siano essi in formati (tetrarex, combiblok, elopak, scatole microonda, astucci, blister, cluster) o in bobina con supporto mono o pluristrato (alluminio, carta, poliammide, polietilene, polipropilene, poliestere, sleeves, tetrapak). Rotoprint Sovrastampa è una Società con Sistema di Gestione Qualità Certificato UNI EN ISO 9001: 2008 e per il suo Procedimento Brevettato ha vinto l’Oscar dell’Imballaggio 1993 (conferito dall’Istituto Italiano Imballaggio). http://www.rotoprint.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La crisi dell’archeologia

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2011

9 aprile (Rai Tre, ore 16:20), magazine di Rai Educational dedicato all’arte e alla cultura  Nel Paese della Magna Grecia e dell’antica Roma gli archeologi vivono oggi una crisi profonda. Mancanza di fondi e progettualità rischiano di mortificare una professione nobile che non riesce più a trovare sbocchi naturali. Quello dell’archeologo è un lavoro mal regolato e mal gestito A dirlo è anche l’ultimo censimento dell’Associazione nazionale archeologi secondo cui il 33% di loro non vive dei propri studi, il 15% si ricicla come guida turistica e il 16% fa un lavoro totalmente diverso. «Oggi più che mai possiamo dire che il settore sia precario – conferma il professor Franco D’Agostino, ospite nello studio di Art News – dal momento che nelle Università non ci sono fondi per progetti e personale. Viviamo unicamente dell’entusiasmo di tanti giovani sotto pagati che non hanno nemmeno la possibilità di iscriversi a un albo professionale che non esiste».Una situazione che può vanificare i buoni risultati raggiunti fino ad ora e lasciare incompleti alcuni percorsi costruiti con fatica nel corso degli anni, come nel caso dell’Iraq. «Abbiamo ottenuto dal governo locale – spiega il docente – il permesso per lo scavo nel sito di Gaesh, città a cinque chilometri da Nassiria, dove speriamo di trovare gli antichi archivi amministrativi. La cosa fondamentale da sottolineare è che siamo stati i primi in assoluto a essere autorizzati. Ci siamo riusciti per le nostre competenze, per il rapporto di fiducia che abbiamo stabilito con gli interlocutori e per la qualità dell’iniziativa. Quello di Gaesh è uno scavo-scuola in cui gli studenti iracheni possono andare per conoscere e imparare». Accade così che per mancanza di fondi lo stesso archeologo sia costretto a procacciarseli, diventando a tutti gli effetti un fund raiser con evidente spreco di energie e tempo: «Per andare avanti non possiamo fare altrimenti – conclude D’Agostino – Abbiamo bisogno di un flusso continuo di denaro senza il quale è impossibile programmare nel tempo. Certo non dovrei essere io a fare questo mestiere, ma se avessi la certezza di trovare le risorse che occorrono non avrei nessun problema». Nato nel 2006, Art News è il magazine settimanale di Rai Educational che si occupa di arte e cultura in onda il sabato pomeriggio su Rai Tre. Maria Paola Orlandini, autrice del programma con Luigi Ceccarelli e Vincenzo Sferra, conduce la trasmissione coadiuvata da esperti quali Claudio Strinati, Antonio Paolucci, Cristiana Perrella, Demetrio Paparoni.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »