Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘riconoscimenti’

Due importanti riconoscimenti che premiano e onorano il Molise

Posted by fidest press agency su martedì, 27 febbraio 2018

Nel Registro, appena aperto, dei Paesaggi rurali storici, pratiche agricole e conoscenze tradizionali, sono stati iscritti due importanti riconoscimenti per il Molise da parte del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, consegnati qualche giorno fa dal Ministro Martina, nella sala Medici del Ministero, in via XX Settembre a Roma
Il primo dei riconoscimenti è quello della Transumanza dei Colantuono di Frosolone, una delle due sole Pratiche Agricole inserite nel Registro dei Paesaggi, interpretata da secoli da questa famiglia di allevatori di Frosolone, la ridente cittadina in Provincia di Isernia, nota nel mondo per essere, con Scarperia in Toscana e Magnago in Friuli Venezia Giulia, la città di un artigianato particolare, quello delle forbici e dei coltelli. Un’antica pratica, la Transumanza, tuttora vissuta ogni anno dall’intraprendente Carmelina Colantuono, la gentile e bella condottiera che, a fine Maggio, guida la sua mandria dal Gargano a Frosolone per poi riprendere il cammino inverso a Settembre. Un riconoscimento che premia i Colantuono e il Molise, e va a rafforzare la richiesta, già avanzata, di un riconoscimento ancora più ambito quale quello dell’Unesco, cioè di un bene culturale e materiale, patrimonio dell’umanità.
Il secondo è quello assegnato Parco Regionale Storico Agricolo dell’Olivo di Venafro, dopo una lunga e accurata valutazione da parte dell’Osservatorio Nazionale del Paesaggio Rurale (ONPR). Sono solo 10 i paesaggi riconosciuti e, come tali, idonei ad essere iscritti ufficialmente nel Registro nazionale dei Paesaggi rurali storici e alle Pratiche agricole tradizionali. Tra i dieci c’è il Parco Regionale Storico Agricolo dell’Olivo della Città dell’Olio di Venafro, unico al mondo.Il frutto di un grande lavoro congiunto: Comune di Venafro, con il sindaco Antonio Sorbo, coordinatore regionale e vicepresidente città dell’olio; Ente Parco, con il suo Presidente Emilio Pesino e il supporto prezioso dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio, con il suo Presidente Enrico Lupi, che, dopo aver dichiarato tutta la sua soddisfazione per questo importante riconoscimento, ha detto “Siamo molto orgogliosi del prezioso e tenace lavoro svolto dal Comune di Venafro e dall’Ente Parco che, con il nostro supporto, ha ottenuto un traguardo importantissimo Ci auguriamo che questo riconoscimento sia un ulteriore strumento di promozione del territorio , a noi molto caro”.
Questo caloroso e importante auspicio del Presidente Enrico Lupi, che, per l’impegno profuso da lui e dall’Associazione, merita l’attenzione del Governo regionale e del suo Assessore all’Ambiente e all’Agricoltura, che, distratti da altri impegni, si sono dimenticati di versare all’Ente le quote di tre annualità dovute al Parco per legge. C’è da sperare che questo importante riconoscimento eviti il rischio della chiusura di un’istituzione che porta alta la bandiera del Molise ed è, giustamente, fonte di orgoglio di tutti i molisani che amano il Molise. A tale proposito l’emozione del sindaco di Venafro, Antonio Sorbo, ha un suo preciso significato, al pari delle parole del Presidente dell’Ente Parco Emilio Pesino, “Ringrazio tutti coloro che, a vario titolo, hanno dato il loro contributo per il raggiungimento di questo obiettivo che ci permette di guardare con fiducia al futuro, nonostante la strada in salita”.
Chiudo con un applauso alla Transumanza dei Colantuono, una delle due pratiche agricole premiate, e, al Parco Regionale storico agricolo dell’Olivo di Venafro, oggi uno dei primi dieci Paesaggi rurali Storici registrati, alla tenacia del suo Ente che non molla, e che, per questo, ha tutta la solidarietà mia e del Molise che resiste.
L’Associazione Nazionale delle Città dell’Olio è nata a Larino il 17 Dicembre del 1994 grazie all’Ente Mostra vini-Enoteca Italiana di Siena, che aveva già vissuto, nel 1987, l’esperienza della nascita delle Città del Vino, e al suo Presidente Riccardo Margheriti, che ha accolto il mio invito a realizzare a Larino – la mia città patria di tre varietà di olivo autoctone , la “Gentile” la “Salegna” o “Saligna” e quella a duplice attitudine , la “San Pardo” – e nel mio Molise che, oltre a queste tre varietà, ne conta altre sedici, con la 19a, la “Gentile di Mafalda”, riconosciuta lo scorso anno.
Senza dimenticare l’ “Aurina”, la più famosa, per la bontà del suo olio, ai tempi dell’impero romano. Nota, allora, con il nome “Liciniana”, cioè di Licinio, il condottiero che l’ha introdotta a Venafro contro il parere degli esperti di quel tempo, che ritenevano possibile la coltivazione dell’olivo solo entro una distanza non superiore alle 40 miglia.
La realizzazione di quest’Associazione, che tanto ha dato all’immagine dei territori olivicoli italiani e alla cultura dell’olio, è stata possibile grazie a un gruppo illuminato di amministratori e dirigenti che meritano riconoscenza e gratitudine: Antonio Chieffo, allora presidente della Provincia di Campobasso; Attilio Peluso, Domenico Pellegrino e Michele Conte, rispettivamente Presidente, vice presidente e assessore della Provincia di Isernia; Enrico Colavita, Presidente della Camera di Commercio di Campobasso e dell’Unione delle Camere del Molise; Agostino Angelaccio, Presidente della Camera di Commercio di Isernia; Antonio Ventresca, Presidente dell’Ente regionale di sviluppo agricolo e l’allora Sindaco di Larino, il compianto Alberto Malorni, che ha messo a disposizione della costituente Associazione il Palazzo Ducale. Grazie a questi protagonisti e ai sindaci di altri 15 comuni, il Molise è risultato la componente più numerosa dei 33 rappresentanti locali fondatori dell’Anco.
Personalmente devo alla nascita di questa Associazione ed alla fortunata esperienza di consigliere regionale l’idea del “Parco storico dell’olivo di Venafro”, con la presentazione di una proposta di legge regionale, ripresa e approvata solo qualche anno dopo la chiusura della mia vita di consigliere, e, l’altra, altrettanto importante, di una Università dell’Olivo e dell’Olio, a Larino, con il finanziamento di uno studio di fattibilità da parte del secondo governo Veneziale, mai realizzata, né a Larino e neanche nel Molise. Un idea-progetto oggi più che mai di grande attualità, visto che il Mediterraneo ha bisogno di cultura, in particolare di quella della Pace e della solidarietà; di far vivere il suo primato, ancora oggi assoluto, in quanto a estensione della superficie olivetata e produzione di olio. C’è un mondo, sempre più numeroso di consumatori, che ha bisogno di conoscere la cultura dell’olio, soprattutto gli effetti benefici del consumatore di questo testimone principe del Mediterraneo, che non finisce mai di sorprendere in quanto a amore per la salute dell’umanità.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio Roma: Consegnati i premi dell’edizione 2016

Posted by fidest press agency su domenica, 26 giugno 2016

la sapienzaRoma Cerimonia nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza. Sono stati uomini della cultura, dello spettacolo, dell’arte, delle istituzioni e della letteratura a ricevere nell’Aula Magna della Sapienza Università di Roma, i riconoscimenti dell’edizione 2016 del Premio Roma. La cerimonia si è aperta con la Banda Musicale dei carabinieri che ha eseguito gli inni nazionali dell’Italia, di Malta (gemellata quest’anno con il Premio Roma) e Europeo – molto applaudito – oltre alla marcia trionfale dell’Aida. I premi sono stati consegnati:
a Emma Bonino, in occasione del 70° Anniversario del voto su scala nazionale concesso alle donne, per il suo grande impegno e le numerose battaglie sostenute in campo sociale e politico, riscuotendo stima unanime, è stato conferito il “Premio Speciale per il 70° Anniversario del suffragio femminile in Italia”;
a Umberto Orsini, in occasione del 400° Anniversario della morte di William Shakespeare e per le sue brillanti interpretazioni di opere del poeta e drammaturgo inglese, è stato assegnato il “Premio Speciale per la promozione del Teatro nel mondo”;
all’Esercito Italiano il Premio Speciale “per il 155° Anniversario della sua costituzione”. Il riconoscimento è stato ritirato dal Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Gen. C.A. Danilo Errico;
a Fulvio Ricci, coordinatore della collaborazione VIRGO, a cui va il merito della rilevazione della segnalazione delle onde gravitazionali con la fusione di due buchi neri, è stato conferito “il Premio Roma Urbs Universalis”
a Oliver Friggieri, poeta, scrittore e critico letterario maltese, una delle personalità più illustri in campo internazionale, è andato “il Premio Speciale Roma – La Valletta”, appositamente istituito per il gemellaggio culturale del Premio con la capitale della Repubblica di Malta.
per la Narrativa straniera: Ayse Kulin, “L’ultimo treno per Instanbul”, Newton Compton Editori;
per la Narrativa Italiana: Romana Petri, “Le serenate del ciclone”, Neri Pozza;
per la Saggistica: Andrea Carandini, “Il fuoco sacro di Roma”, Editori Laterza.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Società Italiana di Neurologia: 8 premi per i giovani ricercatori per un valore di 50.000 Euro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 luglio 2015

ricercatoreQuest’anno sono 8 i premi promossi dalla Società Italiana di Neurologia (SIN) in favore dei giovani neurologi italiani, per un valore complessivo di 50.000 euro. La SIN conferma così il suo impegno nel sostenere l’attività di ricerca sulle malattie neurologiche. “In Italia la produzione scientifica dei neurologi è di altissimo livello – ha ricordato il Prof. Aldo Quattrone, Presidente SIN – e si posiziona ai primi posti nel mondo per numero di pubblicazioni sulle principali riviste scientifiche di rilievo internazionale. Attraverso l’istituzione degli Award, la SIN conferma il suo impegno nel sostenere la ricerca e nel promuovere la formazione di ricercatori altamente qualificati che contribuiscano al progresso scientifico nell’ambito delle patologie neurologiche, ancora molto diffuse”.7 Award SIN sono destinati a premiare i migliori contributi scientifici di interesse neurologico pubblicati su riviste internazionali peer rewied, tra il 1 gennaio 2014 e il 31 luglio 2015, da giovani specialisti neurologi italiani, con età al di sotto dei 40 anni, che compaiano come primo autore o corresponding author e che siano regolarmente iscritti alla Società Italiana di Neurologia.
Novità dell’edizione 2015 l’introduzione dell’Impact Factor quale sistema di valutazione delle divulgazioni scientifiche. L’Impact Factor misura il valore di una rivista sulla base del numero di citazioni che gli articoli pubblicati hanno ricevuto in un dato periodo. In particolare la SIN promuove:
· n. 3 premi da 5.000 euro ciascuno per articoli pubblicati su riviste con Impact Factor da 4 a 10
· n. 3 premi da 5.000 euro ciascuno per articoli pubblicati su riviste con Impact Factor da 10,01 a 20
· n. 1 premio da 10.000 euro per articoli pubblicati su riviste con Impact Factor superiore a 20,01
Infine, ulteriore novità di quest’anno, il premio di 10.000 euro dedicato all’innovazione tecnologica e rivolto a giovani neurologi italiani che abbiano depositato a proprio nome domanda di brevetto internazionale secondo la convenzione PCT (Patent Cooperation Treaty) o ottenuto la concessione del brevetto anche in altri stati europei o extraeuropei nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2014 e il 31 luglio 2015. Il bando completo è disponibile su:
http://www.neuro.it/documents/GENOVA%202015/bandi_premi.php Le patologie neurologiche, con una diffusione pari al 30%, sono in costante aumento, con un’incidenza annua del 7,5% (fonte: http://www.salute.gov.it). A questi numeri vanno aggiunti quei casi che, per varie ragioni, non arrivano al neurologo, come spesso succede per le cefalee e le demenze.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prestigioso riconoscimento a Carol Greider

Posted by fidest press agency su domenica, 20 Mag 2012

Carol Greider (in red) and Elizabeth Blackburn...

Carol Greider (in red) and Elizabeth Blackburn. Carol Greider is a molecular biologist who discovered the enzyme telomerase in 1984 while working with Elizabeth Blackburn. Elizabeth (Liz) Helen Blackburn FRS (born November 26, 1948 in Hobart, Tasmania) is an Australian-born U.S. biologist at the University of California, San Francisco (UCSF), who studies the telomere. (Photo credit: Wikipedia)

Carol Greider is a molecular biologist at John...

Per la XV Edizione del Concorso Internazionale Antonio de Curtis, Totò, è stato assegnato il riconoscimento più prestigioso per la Sezione Premio alla Carriera alla Prof.ssa, Carol Greider la medaglia d’argento della Presidenza della Repubblica, che sarà consegnata nel mese di dicembre del 2012 alla scienziata dislessica americana, Premio Nobel nel 2009 per la Fisiologia e la Medicina.
Nel corso dei secoli diversi personaggi autorevoli erano affetti da dislessia: condottieri, scienziati, politici, personaggi dello spettacolo, ad es. Napoleone Bonaparte, Galileo Galilei, Carlo XVI, Gustavo di Svezia, Carlo Magno, Winston Churchill, Alexander Graham Bell, Isaac Newton, Pablo Picasso, John F. Kennedy, sembra che lo fosse anche Leonardo da Vinci, Albert Einstein, George Washington, il Primo Presidente degli Stati Uniti d’America, Walt Disney, Henry Ford, Tom Cruise, etc … Un altro importante Premio alla Carriera, medaglia d’argento della Camera dei Deputati è stato assegnato nel campo della Medicina al Prof. Vincenzo Marigliano. Come per tradizione le premiazioni del Concorso Internazionale Antonio de Curtis, Totò, che si terranno presso la Camera dei Deputati saranno precedute da un importante Convegno, nella fattispecie sarà scientifico e riguarderà l’importante scoperta dell’enzima telomerase. Si è ipotizzato altresì di offrire un congruo contributo per potenziare la suddetta ricerca, attraverso l’imminente vendita, di grande valenza storica ed artistica, della collezione del Pontefice Pio XII.
Una delle più straordinarie invenzioni scientifiche, che potrebbero determinare un’ulteriore evoluzione della specie umana, è della professoressa Elizabeth Blachburn. La ricercatrice presso l’Università della California con la scoperta dell’enzima telomerase del 1984, ha ricevuto nel 2009 il Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina, avendo per prima utilizzato le nuove tecniche di sequenziamento genico ai telomeri ed avendone scoperto la natura ripetitiva, unitamente ai colleghi: Carol Greider e Jack Szostak, con i quali ne ipotizzarono il ruolo, come stabilizzatori del cromosoma, nonché l’esistenza di un enzima in grado di mantenerne costante la lunghezza. Un valido apporto alla ricerca era stato offerto dall’allieva di Blachburn, la biologa statunitense, specializzata in biologia molecolare, nata a San Diego il 15 aprile 1961, attualmente lavora all’Università Johns Hophins, che ha avviato la ricerca sul modo in cui i cromosomi sono protetti dai telomeri e dall’enzima telomerasi. I loro studi hanno permesso di collegare la progressiva riduzione dei telomeri, che avviene ad ogni replicazione cellulare, al fenomeno della senescenza: quanto più una cellula si divide, tanto più si riducono i suoi telomeri. Quando le porzioni terminali dei cromosomi hanno ridotto le dimensioni da non consentire di garantire la stabilità genomica, la cellula blocca la propria attività replicativa. Il telomero è la regione terminale del cromosoma, da cui deriva il nome stesso, è composto da sequenze ripetute di DNA e da alcune proteine. Ha la funzione di proteggere le terminazioni dei cromosomi con un ruolo determinante nell’evitare la perdita di informazioni durante la loro duplicazione. Le nostre cellule, già dalla nascita sono dotate di sequenze di DNA, contenute nei telomeri e ripetute fino alla fine. Ad ogni divisione ne perdiamo un pezzetto, finché questo non si riduce, nella dimensione del tempo ad un’attività di divisione, dove tutto il codice genetico è ricopiato fino alla morte della cellula. Infatti sembra che a livello embrionico il telomero abbia una concentrazione di 15.000 nucleotidi, mentre alla nascita abbia una riduzione a 10.000 per giungere a 5000, quando la cellula muore portando a termine l’esistenza della vita umana. In riferimento alla scoperta dell’enzima e degli effetti che potranno produrre in un prossimo futuro abbiamo posto alcune domande al Prof. Vincenzo Marigliano, Docente all’Università di Medicina e Chirurgia “La Sapienza” di Roma e Direttore del Dipartimento Scienze dell’invecchiamento, Divisione di Geriatria e Gereontologia di Medicina I al Policlinico Umberto I.
D. Accettando l’assunto, che la lunghezza del telomero, o meglio il suo progressivo accorciamento, abbia una funzione determinante nella senescenza della singola cellula, come possiamo definire il ruolo che hanno i telomeri nell’invecchiamento?
R.L’invecchiamento è caratterizzato da una serie di modificazioni biochimiche cellulari che a loro volta dipendono sia da fattori genetici che ambientali. Dunque per poter capire come e quando il singolo individuo invecchierà e se invecchierà in misura maggiore o minore rispetto ad un altro individuo, occorre prendere in considerazione anche l’ambiente che lo circonda e le abitudini quotidiane. Per esempio se un soggetto fuma, è obeso, oppure è sottoposto a stress psicofisico, sicuramente è predisposto a invecchiare prima di un altro che non fuma, che segue una dieta equilibrata e che pratica sport. Anche il ruolo delle telomerasi risulta sicuramente molto importante nel processo di senescenza, in quanto è stato dimostrato che con l’avanzare dell’età i telomeri cellulari si accorciano sempre di più, ma sarebbe un errore limitarsi a considerare solo questo aspetto in un ambito molto più complesso come quello dell’essere umano e della sua interazione con l’ambiente che lo circonda. Quindi possiamo concludere affermando che l’invecchiamento è il risultato dell’interazione tra geni e ambiente (epigenetica).

D. Gli sforzi della ricerca gereontologica oltre che prolungare la vita, non dovrebbero anche migliorarla?
R.Negli ultimi anni abbiamo assistito a un progressivo invecchiamento della popolazione; in Italia la speranza di vita è addirittura aumentata a 76,7 anni per gli uomini e a 82,9 anni per le donne. Con l’aumento dell’età però si assiste anche a un progressivo aumento del numero di patologie (polipatologia) di cui il paziente anziano è affetto; di conseguenza aumenta anche il numero di farmaci assunti e il numero di ricoveri ospedalieri, rischiando così di creare ulteriori problemi ai pazienti stessi, alle famiglie che li accolgono e alla società. Quindi il paziente anziano spesso risulta anche “fragile” e in una situazione di equilibrio precario tra patologie fisiche e problematiche di tipo socio-economico. È proprio in quest’ambito che deve essere rivolta la ricerca gerontologica, la quale deve mirare non solo al semplice prolungamento della vita biologica, ma soprattutto a migliorare la qualità della vita dell’anziano a livello multidimensionale, e quindi anche a livello psicologico e sociale, con lo scopo fondamentale di preservarne il più possibile l’autonomia. Questo scopo può essere raggiunto anche per mezzo della ricerca nell’ambito della medicina predittiva, che si occupa appunto di “predire”, grazie all’interazione geni-ambiente, il rischio di ogni singolo soggetto di sviluppare in futuro una determinata patologia. Quindi in futuro si potrà agire anche prima della manifestazione fenotipica della malattia.
D. Le attuali conoscenze della telomerasi potrebbero essere utilizzate per altre patologie? La ricerca dell’Ospedale S. Raffaele di Milano opera in tale direzione?
R. La ricerca sulle telomerasi e sul meccanismo tramite il quale questi enzimi agiscono preservando la lunghezza dei telomeri coinvolge sicuramente molti ambiti della medicina e della biologia. Come abbiamo detto c’è un crescente interessamento sul coinvolgimento delle telomerasi nel processo di invecchiamento cellulare e quindi anche sull’invecchiamento dell’organismo umano nel suo insieme. Per esempio sono stati fatti alcuni studi sulle cellule di alcuni animali proprio nel tentativo di attivare le telomerasi e quindi di allungare i telomeri e di rallentare così la senescenza cellulare. Questi enzimi sono studiati anche per quanto riguarda la ricerca oncologica; alcune cellule tumorali infatti sembra che esprimano un’aumentata attività proprio delle telomerasi, ottenendo così una capacità di replicazione patologicamente aumentata. Riducendo quindi l’attività di tali enzimi nelle cellule tumorali, si potrebbe quindi in futuro tentare una nuova strategia terapeutica contro vari tipi di tumori come quello ovarico o l’epatocarcinoma. La ricerca oncologica dell’OspedaleS. Raffaele di Milano opera proprio in tale direzione, per es. a livello delle carcinogenesi mammaria. Aumentando invece l’attività funzionale di tali enzimi in cellule sane, in futuro si potrebbe tentare di migliorare la riparazione dei tessuti danneggiati, come quello epiteliale cutaneo nei pazienti ustionati.
L’enzima telomerase è prodotto da un gene presente in tutte le nostre cellule, ma si attacca ad una proteina che lo sopprime, diversamente da quello che avviene per le cellule riproduttive. Esiste ma non produce effetti.
D.Gli studi del Sisci sono orientati a trovare il modo per liberare il gene dalla proteina senza provocare danni a livello cellulare. E’ una strada percorribile che può produrre effetti positivi?
R.In realtà la biologia cellulare è molto più complessa di quella che sembra; infatti non si può parlare soltanto di una proteina che inibisce l’espressione di un gene. Bisogna infatti chiedersi: perché quella proteina sopprime proprio quel gene di quella cellula in quel preciso momento? E se invece in quelle stesse condizioni ambientali l’inibizione dell’espressione del gene della telomerasi avesse più effetti positivi che negativi? Vi sono studi clinici che dimostrano come in alcune cellule tumorali vi sia una patologica attivazione proprio di questo gene e quindi dell’enzima telomerasi, che in questo modo promuoverebbe proprio la patologica replicazione cellulare. Dunque occorre valutare con molta cautela l’ipotesi di attivare questo gene e attendere i risultati degli studi clinici ancora in atto. Bisognerebbe inoltre porsi la domanda, ma l’invecchiamento è veramente una patologia? L’invecchiamento è un processo biologico e, nel soggetto sano, è caratterizzato da una buona qualità della vita; è compito del geriatra e della ricerca scientifica cercare di preservare il più possibile proprio la riserva funzionale di ognuno, affinché la senescenza possa essere vissuta non come malattia da evitare ma come una delle tante fasi della vita di un individuo.
Il tentativo atavico dell’uomo di raggiungere mete impossibili, come la costruzione della Torre di Babele, continua ancora oggi. Se vengono a mancare i sistemi di controllo della P 53 o della P16 Rb, la cellula supera la fase di senescenza e può riattivare la telomerasi, diventando persino immortale, se si dovesse realizzare il sogno di bloccare la scissione e quindi la morte della cellula. Si alimenterebbe in tale modo una tipica fantasia, che potrebbe essere altrettanto fervida, pari a quella dell’indimenticabile scrittore Giulio Verne?
I sistemi di controllo della P53 e della P16 Rb sono molto importanti per impedire lo sviluppo di alcuni tipi di tumore. La proteina P53 è un fattore di trascrizione che regola il ciclo cellulare e la sua attivazione può indurre l’arresto della crescita cellulare, l’apoptosi e la senescenza cellulare. In più della metà dei tumori è stata rilevata una mutazione o una delezione di questa proteina. Anche una mutazione di P16 Rb è associata a un aumento dell’incidenza di melanoma e adenocarcinoma del pancreas. Bisogna quindi valutare molto attentamente sia il lato positivo che il lato negativo della questione “immortalità”. Come ben sappiamo infatti, la vicenda della Torre di Babele poi non ebbe un lieto fine; nel famoso episodio della Genesi infatti gli uomini poi scatenarono la rabbia di Dio.
D.Dunque occorre riflettere sul significato dell’invecchiamento e della morte e quindi sul sogno dell’uomo di eliminarle. Potrebbero invece essere accettate per dare anche un senso alla vita? Queste ricerche possono fare scaturire nella collettività problemi di natura etica?
R. Accade sempre più spesso che la medicina e la ricerca scientifica si incontrino e si scontrino con problematiche di tipo biomedico. In questo caso si parla di immortalità, del significato dell’invecchiamento e della morte. Lo scopo della ricerca medico-scientifica è solo quello di migliorare la qualità della vita o quello di allungarla il più possibile? Il corpo può essere immortale come l’anima? Nel Cantico delle Creature San Francesco scrive: “Laudato sii mi Signore per sora nostra morte corporale”, dunque anche la morte può essere considerata come sorella: non può essere evitata, ma per l’uomo giusto anch’essa è un fatto positivo, e lo stesso credente può giungere in tal modo al cospetto di Dio.
Di recente è stato rilevato che nella discheratosi congenita, con manifestazioni precoci di invecchiamento, il collegamento ad un difetto genetico di una riduzione dell’attività della telemorasi. Si assiste ad una riduzione progressiva dei telomeri, attraverso le successive generazioni.
D.Il decorso di questa malattia ci consente di ipotizzare, che la lunghezza dei telomeri ereditata alla nascita, assuma un ruolo fondamentale nella nostra vita?
R.La discheratosi congenita è una patologia ereditaria causata dall’anomalia di un gene appartenente al cromosoma X, il DKC1, e della proteina da esso codificata. Questa patologia colpisce i tessuti che necessitano di un continuo rinnovo ed è caratterizzata da una serie di manifestazioni tra cui lesioni cutanee, distrofia ungueale e pan citopenia e da un’aumentata incidenza di neoplasie.Da alcuni studi clinici si evince che in questi pazienti i telomeri risultano più corti rispetto ai controlli, suggerendo che la malattia possa essere causata da un’alterazione dell’attività telomerasica.Sarebbe proprio il deficit di questo enzima, che determinerebbe una riduzione delle divisioni cellulari. Dunque la lunghezza dei telomeri ereditata alla nascita potrebbe sicuramente essere un importante fattore da poter prendere in considerazione per prevedere in futuro le modalità di invecchiamento dell’individuo, anche se non sicuramente l’unico. Vi sono infatti molti altri fattori da considerare, come la velocità stessa dell’accorciamento dei telomeri e l’interazione genotipo-ambiente.
D.Esiste un’interazione tra geni e proteine che controllano le cellule staminali e la possibilità di utilizzarle per finalità mediche?
R. Le cellule staminali sono cellule non specializzate dotate della capacità di differenziarsi in diversi altri tipi di linee cellulari. Si possono ottenere tramite varie modalità, per es. dal cordone ombelicale, dal liquido amniotico o da un embrione. Esistono anche cellule staminali adulte di varia tipologia, come quelle ematopoietiche, mesenchimali e endoteliali. Come tutte le altre cellule, anche quelle staminali hanno dei geni la cui espressione può essere controllata tramite l’interazione con alcune proteine. Vi sono molti tentativi atti a valutare la possibilità di far esprimere dei geni che poi a loro volta potrebbero determinare la differenziazione della cellula verso una particolare sottopopolazione, ma per ora si tratta ancora di studi sperimentali.
D.Le attività usuranti, come quelle degli operatori “delle forze dell’ordine”, incidono sul processo di invecchiamento? Come si potrebbero ridurre gli effetti negativi?
R.Molti studi clinici hanno dimostrato l’esistenza di una correlazione tra uno stress cronico e vari tipi di alterazioni come la riduzione del numero di leucociti, l’inibizione di P53 e un aumento dell’infiammazione sistemica, e quindi una maggiore incidenza di patologie neoplastiche e infettive. Secondo uno studio del 2004 della stessa Elizabeth Blackburn inoltre, le donne in premenopausa sottoposte a maggiori livelli di stress psicologico quotidiano presentavano un accorciamento dei telomeri e quantità minori di telomerasi, un effetto che può equivalere anche a un decennio di invecchiamento addizionale rispetto ai controlli. Infatti i telomeri si accorciano a ogni replicazione cellulare, e la loro lunghezza può servire per determinare l’età biologica dell’organismo. In un altro studio clinico del 2012 è stata misurata la lunghezza dei telomeri in pazienti con disturbo depressivo grave e in individui sani, la quale è risultata minore nei pazienti depressi, confermando i risultati precedenti. Quindi molto probabilmente le persone con attività usuranti sono più predisposte a un invecchiamento accelerato rispetto al resto della popolazione, e ciò dovrebbe far riflettere sull’opportunità di finanziare interventi atti a migliorare le condizioni di lavoro di queste categorie di persone, come la possibilità di istituire un servizio di sostegno psicologico e un migliore ambiente di lavoro.(Alberto De Marco)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nomination grandesignEtico International Award 2012

Posted by fidest press agency su domenica, 8 aprile 2012

Milano Martedì 10 aprile 2012 alle ore 11.30, Palazzo Isimbardi Corso Monforte 35, presso la Sala Affreschi, è previsto il benvenuto del Vice Presidente e Assessore alla Cultura della Provincia di Milano.
Nomination grandesignEtico International Award 2012 giunge alla terza tappa del suo percorso di selezione. Dopo gli appuntamenti di giugno e novembre 2011, in data 10 aprile 2012 nuove aziende verranno insignite della Nomination alla 12ª edizione di grandesignEtico International Award. L’evento di comunicazione, organizzato dall’Associazione Culturale Plana, inaugura il 20° anno di attività di grandesignEtico. In questa occasione la Provincia di Milano rinnova la collaborazione ospitando l’iniziativa nella prestigiosa sede di Palazzo Isimbardi.
A seguire, la consegna delle targhe alle nuove aziende selezionate dal Board di grandesignEtico International Award 2012. Tali aziende vanno ad aggiungersi a quelle che hanno ricevuto la Nomination negli appuntamenti precedenti per concorrere al Premio che si terrà il 22 novembre allo Spazio Oberdan a Milano. Il Premio, opera d’arte, sarà presentato in anteprima dall’artista Giorgio Milani.I prodotti, selezionati dal Board di grandesignEtico, saranno protagonisti di una presentazione multimediale. Le immagini andranno a costituire un’anticipazione del catalogo cartaceo che verrà distribuito in occasione del Salone del Mobile per agevolare la più ampia visibilità possibile alle aziende e designer partecipanti.
Ad illustrare il progetto L’idea e la forma. Dialoghi fra fotografia e design – 7a edizione Design Photo Remix sarà il suo curatore: il critico d’arte e fotografia, Roberto Mutti. La mostra, che si terrà nel foyer dello Spazio Oberdan di Milano dal 22 al 25 novembre 2012, “comprende trenta immagini di altrettanti fotografi scelti per la loro capacità di far emergere l’intima natura dei prodotti selezionati da grandesignEtico. Accanto alle fotografie compariranno anche alcuni loro video che oggi rappresentano una nuova frontiera espressiva”.
Patrizio Fiombo presenterà un Work in progress sugli eventi internazionali, riservati alle aziende selezionate da grandesignEtico, da sempre organizzati dall’Associazione e sostenuti sia dalla Provincia di Milano che dal Comune di Milano e dalla Regione Lombardia, concentrandosi su mete quali: Città del Capo, nominata Capitale Mondiale del Design nel 2014; Montreal e Vancouver, tappe di una mostra itinerante che approderà in Canada.
Aziende selezionate per la Nomination:
Adek Italia by Firdesign, Adria Sail, Alessi, AlessiChair by Lamm, Anemos, Arctic Paper Italia, AsusTeK Italy,
Atala, Ballarini Paolo & Figli, Blindato Effepi, Byografia, Carl Zeiss Vision Sunlens, CeeBee, Ceramica Globo,
Clei, Coltellerie Berti, Crocs, Domus Stone, Dow Italia, Duravit Italia, Dyson, Elephant Parade, GiPlanet,
Guna, Idrosanitaria Bonomi, Ifi, Iggesund, Irinox, Irobot by Nital, Kundalini, La Bottega Del Mobile, Lettera G,
Loccioni, Manifesto Design, Maresca, Mg Lab by Emmegi, Morfeus, Nikon by Nital, Offecct, Oltremateria by Ecomat, Porro, Prandina, Renault Italia, Riva Industria Mobili, Rychiger, Sitland, Sorgenia, Think Simple, Tornos,
Trerè Innovation, Typuglia, Varlion, Vaude Sport, Veneta Cucine, Viganò & C., Vortice Elettrosociali.(lollypot, dyson)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cittadinanza, Comunità, Futuro

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2011

Parma 27 Giugno, ore 19.00 Hotel Stendhal – Via Bodoni 1 Sarà il Senatore Franco Debenedetti a chiudere la rassegna primaverile di incontri del movimento “Cittadinanza, Comunità, Futuro”. Con lui e il sindaco Pietro Vignali parleremo della situazione economica, delle riforme necessarie al Paese, della crisi della politica. Franco Debenedetti è un noto economista, esponente di punta della cultura riformista e, per lunghi anni senatore del Partito Democratico. È stato insignito di numerosi riconoscimenti e premi per l’economia e pubblicato numerosi libri tra cui “Sappia la destra”, “Non basta dire no”, “Grazie Silvio” e il recente “La guerra dei trent’anni – Politica e Televisione in Italia 1975 – 2008″.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

La Russa assume soubrette

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2011

Dal 10 marzo di quest’anno la soubrette Hoara Borselli è stata assunta nella segreteria del ministro della Difesa La Russa come collaboratrice per i grandi eventi, con particolare riferimento alle manifestazioni del 150esimo anniversario dell’Unità nazionale. Certo, sembra un affare: lo stipendio – 16.120 euro annui – non è degno del lungo curriculum della signora che annovera prestigiosi riconoscimenti, che iniziano con il premio Miss Malizia del ’92, passano per varie comparsate nel cinema – Panarea, Per favore: strozzate la cicogna – ma soprattutto nel piccolo schermo con la partecipazione a CentoVetrine e Bagaglino, fino alla vittoria di Ballando con le Stelle. Qualche domanda, tuttavia, è lecito porsela”. E’ quanto dichiara in una nota Andrea Sarubbi, deputato del Pd, che ha presentato un’interrogazione parlamentare sulla faccenda insieme ai colleghi Rugghia, Mariani, Braga, Colombo, Mogherini, Rosato, Bratti, Realacci. “Sorvolando sul fatto che il ministero della Difesa già possiede al suo interno eccellenti professionalità nel settore della comunicazione, vale la pena ricordare che il compenso della signora Borselli equivale alla paga annuale di due soldati in ferma prefissata annuale destinati anche ad operare in missioni internazionali. Credo sia importante che il ministro La Russa, uomo tutto d’un pezzo, spieghi agli italiani quali siano i criteri per l’assunzione nonché le mansioni attribuite alla signora Borselli, tali tra l’altro da consentirle in una sola settimana – dal 10 marzo, giorno dell’assunzione, al 17, giorno delle celebrazioni – di occuparsi del 150esimo dell’Unità d’Italia”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Tutto La Crus”

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 febbraio 2011

Tornati eccezionalmente insieme per il Festival di Sanremo 2011 dove si sono distinti con la canzone “Io confesso”, i La Crus, Mauro Ermanno Giovanardi (Gio) e Cesare Malfatti, si sono formati a Milano nel 1993 e hanno all’attivo 7 album: 6 studio e 1 live. Tutto questo materiale è contenuto nella loro prima doppia raccolta di successi “Tutto la Crus”, un doppio cd pubblicato da Rhino/Warner Music.La loro carriera inizia nel 1995 con l’uscita di “La Crus”, album che subito si aggiudica una serie di riconoscimenti come la Targa Tenco e il Premio Ciampi. Due anni dopo esce “Dentro me”, che contiene il brano “Come ogni volta”, che da alla band anche il successo radiofonico. Nel 1999 è la volta di “Dietro la curva del cuore”, lavoro con il quale i La Crus iniziano collaborazioni con colleghi, che continueranno nel corso degli anni come con Carmen Consoli, Cristina Donà, Manuel Agnelli. Nel 2001 esce “Crocevia”,insieme di cover di canzoni d’autore, fra cui quelle di Paolo Conte “Via Con me”, Giorgio Gaber “L’illogica allegria”in duetto con Samuele Bersani, Bruno Martino, Mogol, Lucio Battisti “E penso a te”. E’ sicuramente l’album che dà ai La Crus un’esposizione più ampia, facendoli conoscere ad un pubblico più numeroso.Il passo successivo è “Ogni cosa che vedo”, pubblicato nel 2003. Due anni più tardi vede la luce “Infinite possibilità”, lavoro che include 10 nuovi brani. Nel 2008 il gruppo pubblica il primo album dal vivo “Io non credevo che questa sera”, registrato al Teatro Novelli di Rimini, nel luglio del 2005. Della tracklist dell’album fanno parte anche tre brani inediti tra cui “Mentimi” e “L’autobiografia di uno spettatore”. Con quest’album i La Crus hanno salutato il loro pubblico sciogliendosi poco dopo.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terzo Premio Andrea Fortunato

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 gennaio 2011

Roma. Si tiene oggi,  lunedì 17 gennaio 2011, alle ore 11.00, presso la Sala del Carroccio in Campidoglio la presentazione del terzo premio Andrea Fortunato, evento patrocinato da Roma Capitale e  ideato con lo scopo di diffondere informazioni riguardo l’importanza dei controlli medici ed ematologici  regolari per gli atleti che praticano sport a livello agonistico e non. Con l’occasione  saranno consegnati riconoscimenti a personaggi del mondo dello sport, della medicina e del giornalismo che si sono distinti nell’ambito del sociale e della solidarietà. “Lo sport  è vita solo se è sicuro. La tutela della salute dei soggetti che praticano attività sportiva deve divenire una priorità del nostro Governo a garanzia di tutti gli atleti. E’ per questo che a breve sarà presentata in Parlamento una proposta di legge affinché la  prevenzione, anche attraverso i controlli ematici nei giovani sportivi, divenga obbligatoria. Le istituzioni hanno il dovere etico e morale di garantire il diritto alla salute di ogni individuo” – lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, Presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale e membro della Commissione politiche sociali il quale prenderà parte all’evento. Tra gli interventi previsti, oltre a quello di Davide Polito, presidente dell’Associazione sportiva e sociale Fioravante Polito onlus che organizza l’evento, quelli di Guglielmo Stendardo, calciatore della SS Lazio, Carlo Paris, giornalista Rai, Gigi Di Biagio, opinionista Sky e ex calciatore della AS Roma, Domenico di Luccia, Socio dell’associazione e Presidente di Sole Tv, Flavio Falzetti, ex calciatore e quello del Prof. Nando Scarpelli, primario di ematologia dell’ospedale di Spoleto.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lo sport è vita

Posted by fidest press agency su domenica, 16 gennaio 2011

Roma 17 gennaio 2011, alle ore 11.00, presso la Sala del Carroccio in Campidoglio presentazione del terzo premio Andrea Fortunato, evento patrocinato da Roma Capitale e  ideato con lo scopo di diffondere informazioni riguardo l’importanza dei controlli medici ed ematologici  regolari per gli atleti che praticano sport a livello agonistico e non. Con l’occasione  saranno consegnati riconoscimenti a personaggi del mondo dello sport, della medicina e del giornalismo che si sono distinti nell’ambito del sociale e della solidarietà. “Lo sport  è vita solo se è sicuro. La tutela della salute dei soggetti che praticano attività sportiva deve divenire una priorità del nostro Governo a garanzia di tutti gli atleti. E’ per questo che a breve sarà presentata in Parlamento una proposta di legge affinché la  prevenzione, anche attraverso i controlli ematici nei giovani sportivi, divenga obbligatoria. Le istituzioni hanno il dovere etico e morale di garantire il diritto alla salute di ogni individuo” – lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, Presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale e membro della Commissione politiche sociali il quale prenderà parte all’evento. Tra gli interventi previsti, oltre a quello di Davide Polito, presidente dell’Associazione sportiva e sociale Fioravante Polito onlus che organizza l’evento, quelli di Guglielmo Stendardo, calciatore della SS Lazio, Carlo Paris, giornalista Rai, Gigi Di Biagio, opinionista Sky e ex calciatore della AS Roma, Domenico di Luccia, Socio dell’associazione e Presidente di Sole Tv, Flavio Falzetti, ex calciatore e quello del Prof. Nando Scarpelli, primario di ematologia dell’ospedale di Spoleto.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Christian Zacharias a Padova

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 gennaio 2011

Padova 11 gennaio 2011, alle ore 20.15, l’Auditorium Pollini ospiterà uno straordinario concerto del celebre pianista Christian Zacharias. Nato in India nel 1950, cresciuto in Germania dal 1952, Zacharias ha ottenuto nel corso della sua brillante carriera importanti riconoscimenti, come il primo premio al concorso Ravel a Parigi, e ha collaborato con le maggiori orchestre, esibendosi nelle sale più importanti di tutto il mondo. Direttore artistico e Direttore principale dell’Orchestre de Chambre de Lausanne e, dalla stagione 2002/2003, Direttore principale presso la Gothenburg Symphony Orchestra, Zacharias si esibirà in un programma interamente dedicato alla musica per pianoforte nell’Ottocento.   Aprirà il concerto la Sonata per pianoforte n. 31 in la bemolle op. 110 di Ludwig van Beethoven. Composta attorno al 1821, la sonata rappresenta l’ultima fase creativa del genio di Bonn. Interessante esempio dell’evoluzione del genere, essa si articola in tre movimenti: un tempo cantabile iniziale, un secondo movimento in forma di scherzo e un finale costituito da un adagio e una fuga, autentico capolavoro beethoveniano. Seguiranno la Rapsodia in si minore op. 79 n. 1 e i Quattro Klavierstücke op. 119 di Johannes Brahms. La prima, composta circa nel 1879, fu dedicata dal musicista di Amburgo all’amica Elisabeth von Stockhausen, moglie del compositore austriaco Heinrich von Herzogenberg. I Klavierstücke, tre intermezzi e una rapsodia, appartengono invece all’ultimo periodo della produzione di Brahms, risalgono infatti al 1893. Completerà il programma la Sonata per pianoforte in re maggiore op. 53 D 850 di Franz Schubert. Composta nell’agosto del 1825, durante il soggiorno di Schubert nella città termale di Bad Gastein, la sonata fu dedicata al pianista Karl Maria von Bocklet, amico e gran virtuoso del pianoforte.
Il concerto rientra nell’iniziativa “Un Pianoforte per Padova”, progetto avviato dalla Fondazione in collaborazione con gli Amici della Musica di Padova in occasione dell’acquisto, nel 2004, del pianoforte gran coda Steinway & Sons messo a disposizione della città.  L’incasso della serata sarà devoluto in beneficenza alla Fondazione Opera Edimar, Fondazione-Onlus senza scopo di lucro, che persegue l’assistenza a minori e famiglie che versano in condizioni di disagio o difficoltà di tutela dei propri diritti civili, attraverso servizi e strutture di accoglienza diurne e residenziali. Interi euro 20 ridotti 10€

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festival cinema: a Roma Zrinka Cvitesic

Posted by fidest press agency su sabato, 30 ottobre 2010

Roma 31 Ottobre 2010 – Casa del Cinema (Largo Marcello Mastroianni, 1) un film di Jasmila Žbanić Ore 11,00 Zrinka Cvitešić Michele Riondino, Pihla Viitala e premiati per l’edizione “Shooting Stars” 2010, incontreranno il pubblico e gli addetti ai lavori e presenteranno una selezione dei film che ne hanno sancito talento e riconoscimenti.
Ore 17,30 Proiezione di On the path (Ingresso gratuito)
Nell’ambito delle iniziative legate a New Cinema Network, quest’anno il Festival del Cinema di Roma presenta per la prima volta a Roma l’evento speciale “Shooting Stars”, organizzato in collaborazione con European Film Promotion (EFP). “Shooting Stars” è un’iniziativa unica che ha lo scopo di mettere in luce i più interessanti attori europei emergenti.
Zrinka Cvitešić – Attrice, ballerina e pianista croata è stata selezionata tra le dieci promesse del cinema Europeo (Shooting Sars 2010) grazie al ruolo di Luna nel film On The Path. Zrinka in passato ha ricevuto ottime recensioni per la sue interpretazioni nei film Horseman del 2003, dove interpretava il ruolo della protagonista, e per il film What is a man without moustache? del 2006 per il quale ha vinto il premio come migliore attrice al Sarajevo Film Festival e al Pula Film Festival.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra: Fulvio Juricic

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 ottobre 2010

Trieste dal 5 al 25 novembre 2010 Conestabo Artgallery via della Fonderia, 5 (primo piano) –  vetrina via Udine, 2/1 – Trieste dal 5 al 15 novembre 2010  orario: dal martedì al venerdì dalle ore 17.00 alle 19.30
Il pittore Fulvio Juricic è nato a Pola il 18 agosto 1952. Dopo aver frequentato il ginnasio nella città natale, ha preso la licenza di maturità a Rovigno e nel 1973 si è iscritto all’Accademia delle Belle Arti di Zagabria, dove ha studiato pittura con il prof. Miljenko Stancic. Si è diplomato nel 1978 nella classe del prof. Vasilije Jordan. Lo stesso anno è tornato a Pola, città in cui dal 1979 insegna alla Scuola di design e arti applicate. Ha partecipato a diverse colonie e simposi di artisti. Con la sua pittura Fulvio Juricic si è guadagnato numerosi premi e riconoscimenti. Fa parte dell’HDLU (Società croata degli artisti) dell’lstria. Vive e lavora a Pola. (juricic)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Visioni: Giovanni Cerri e Alessandro Papari

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 giugno 2010

Milano fino al 10/7/2010 Corso di Porta Nuova, 36 Galleria Spazioarte La Galleria SPAZIOARTE inaugura l’ultima mostra della stagione -Visioni-, una collettiva dei pittori Giovanni Cerri e Alessandro Papari, proponendo gli ultimi lavori dei due artisti.
Giovanni Cerri (Milano, 1969) ha iniziato la sua attività espositiva nel 1987 e da allora il suo percorso artistico si e’ sviluppato attraverso mostre personali e rassegne in Italia e all’estero..
Alessandro Papari (Napoli, 1971), dopo gli studi di pittura all’Accademia di belle arti della sua città, inizia ad esporre nel 1991. Numerose sono le sue partecipazioni a mostre personali e collettive; e’ inoltre vincitore di premi e riconoscimenti in Italia e all’estero. (cerri – papari)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Storie di cinema

Posted by fidest press agency su sabato, 22 Mag 2010

Milano 28 maggio 2010  ore 18.30 Terrazza Martini   piazza Diaz 7,  Pino Farinotti presenta il suo ultimo libro:   Storie di cinema  In collaborazione con Mymovies.it  Morellini Editore  Gelmini Editore Un viaggio tra i grandi temi del cinema di ieri e di oggi in compagnia di una voce decisamente fuori dal coro.Una raccolta di saggi che uniscono la precisione del critico alla fantasia del romanziere e vincono la sfida di rimanere sempre “dalla parte del pubblico”.
Pino Farinotti è critico, docente e scrittore. Ha firmato best seller tradotti nel mondo. Il presidente della Repubblica lo ha nominato “Benemerito della Cultura”, uno dei più alti riconoscimenti del Paese.  Partecipano:  Massimiliano Finazzer Flory, Assessore alla Cultura del Comune di Milano
Marco Meneguzzo, docente all’Accademia di Brera  Mauro Morellini, editore  Andrea Bosco, caporedattore RAI cultura e spettacolo.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Bcc di Basiliano premia 15 studenti modello

Posted by fidest press agency su sabato, 8 Mag 2010

Quindici giovani eccellenze dello studio si sono aggiudicate i premi al merito scolastico 2010 della Bcc di Basiliano, i tradizionali riconoscimenti riservati a soci e figli di soci diplomati e neo-laureati con medie invidiabili. Iniziativa pensata per premiare i risultati raggiunti dai ragazzi nel percorso di studi, incoraggiandoli a centrare nuovi obiettivi, la consegna dei premi si è svolta durante l’annuale assemblea sociale in un affollato (oltre 560 le persone intervenute) Palazzetto dello Sport di Codroipo.A premiare diplomati e “dottori” per i traguardi tagliati nell’anno accademico 2008/2009, il presidente della Bcc Luca Occhialini, affiancato dal direttore Italo Della Picca e dai componenti del Consiglio di amministrazione. I riconoscimenti riservati al gruppo diplomati sono andati a Giacomo Salvadori, Eleonora Tommasini e Veronica Fanutti, mentre Isabella Bertoli, Claudio Baldini, Mariangela D’Este, Stefano Micelli, Pamela Tavano e Marco Savorgnan si sono aggiudicati i premi per le migliori votazioni di laurea di primo livello. Le borse di studio per i laureati “quinquennali” o specialistici sono state assegnate a Roberta Cozzi, Nicola Bezzo, Giulio D’Odorico, Chiara Zuliani, Ruben Zilli e Michela Candotti. «La nostra Bcc ha sempre investito sui giovani», ha commentato il presidente Occhialini. «Coinvolgerli il più possibile, attraverso eventi e proposte create su misura, è una priorità imprescindibile per la Bcc di Basiliano che si propone come punto di riferimento per le nuove generazioni. Il premio al merito scolastico e tutte le altre iniziative, come quelle organizzate in ambito sportivo, sono la conferma del sostegno offerto per lo sviluppo del nostro territorio». (premiati)

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ancora riconoscimenti per l’Università di Camerino

Posted by fidest press agency su sabato, 1 Mag 2010

Nel recentissimo “Referto sul sistema universitario” della Corte dei Conti, il massimo organo di magistratura contabile del nostro Paese, l’Università di Camerino viene citata in termini elogiativi per due questioni molto importanti e sulle quali l’Ateneo ha concentrato e sta concentrando tutti gli sforzi.  La Corte dei Conti ha infatti citato l’Ateneo camerte per essere una delle due sole università italiane ad aver adottato la contabilità economico-patrimoniale, con apprezzamento per questo tipo di scelta. Dal 2002 infatti l’Università di Camerino adotta un sistema di contabilità economico-patrimoniale, strumento che consente di valutare, controllare e prevedere l’evoluzione nel tempo della dinamica della spesa, proprio nell’ottica di massima trasparenza e leggibilità dei bilanci.  La magistratura contabile menziona poi nuovamente l’Università di Camerino quando si trova a sottolineare processi di autocorrezione intrapresi dagli Atenei in direzione di un ridimensionamento organizzativo anche al fine di razionalizzare l’offerta formativa. Tra i cinque casi segnalati figura anche l’accordo di programma sottoscritto tra l’Università di Camerino, l’Università di Macerata, il Miur e la Provincia di Macerata.  “L’essere portati ad esempio dalla Corte dei Conti, in una relazione che risulta peraltro essere molto critica nei confronti del sistema universitario nazionale – ha affermato il prof. Fulvio Esposito, Rettore Unicam – su due aspetti così importanti per la gestione e la governance dell’Ateneo rappresenta un ulteriore stimolo a proseguire sulla strada che Unicam ha da tempo intrapreso”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Moile… moile” e “Quarta dimensione”

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2009

Parma al Cinema Edison giovedì 17 dicembre 2009 ore 21. Ingresso gratuito per la presentazione di “Moile… moile” e “Quarta dimensione”. Due documentari inediti per Parma, girati dal regista Umberto Asti a undici anni di distanza l’uno dall’altro, verranno presentati nel corso di una serata speciale dedicata all’ambiente e al rapporto dell’uomo con il suo territorio. I due filmati, che ottennero in passato prestigiosi riconoscimenti, appaiono come aspetti contrapposti di un problema ormai incombente che sembra riecheggiare nella frase profetica attribuita a Geronimo: “Uomo bianco, morirai sepolto dalla tua spazzatura”. Geronimo, ultimo capo pellerossa ad arrendersi all’esercito degli Stati Uniti nel 1886, e prima di lui Seattle, un altro capo indiano, predissero tutta la drammaticità delle conseguenze che l’uomo occidentale avrebbe causato con il suo irresponsabile comportamento. “Leggendo la meravigliosa lettera di Seattle al presidente americano Pierce – commenta Umberto Asti – si può meglio comprendere la filosofia di vita dei pellerossa, filosofia che richiama quella di molte popolazioni che appartengono a una cultura diversa e meno frenetica della nostra, e che viene da noi presuntuosamente definita primitiva”. “Ricordando Geronimo” è il titolo della serata scelto dal regista proprio per ricordare le parole profetiche dell’ultimo capo indiano che calzano a pennello per i due lavori che verranno presentati e che si contrappongono l’uno all’altro. La proiezione, a cura di Solares Fondazione delle Arti, sarà commentata da Tullio Masoni. Saranno presenti anche il regista e Marina Rossi.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Matteo Massagrande: Personale

Posted by fidest press agency su domenica, 13 dicembre 2009

Bologna fino al 23/1/2010 P.za Cavour, 2 Galleria Stefano Forni Domenica 13 Dicembre 2009 alle ore 18.00, presso la Galleria Stefano Forni, sarà inaugurata la nuova mostra personale dell’artista padovano Matteo Massagrande. Massagrande ritorna a Bologna con opere inedite a poche settimane dalla chiusura della sua bellissima personale Scene d’Ungheria, a cura di Marco Goldin, tenutasi nei grandi spazi dell’Esedra di Levante di Villa Manin di Passariano (UD) che ha riscontrato un grandissimo successo di pubblico e critica e importanti riconoscimenti sui media locali e nazionali. Nelle sale di Piazza Cavour 2 saranno esposti una serie di dipinti sulle tematiche a lui piu’ care. Colori poveri e caldi, corridoi e prospettive in controluce, muri scrostati, muffe ingiallite e ambienti consumati dal tempo sono le atmosfere magiche in cui ci conducono le opere di questo straordinario artista. Profondo conoscitore della storia dell’arte antica e contemporanea, veneto di nascita (Padova 1959) Matteo Massagrande e’ pittore e incisore. Si interessa allo studio di antiche tecniche di pittura, di incisione e all’arte del restauro. Frequenti sono i suoi viaggi in Europa e nel mondo, pretesti spesso per sviluppare cicli pittorici e grandi composizioni. Massagrande ha ormai all’attivo oltre cento personali in Italia e all’estero. Le sue opere si trovano in numerosi musei, chiese, collezioni pubbliche e private. Recentemente alcune sue incisioni sono entrate a far parte del Gabinetto delle Stampe degli Uffizi di Firenze. Vive a Padova e divide la sua attività tra lo studio padovano e quello di Hajo’s (Ungheria). (massagrande)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omaggio a Venanzo Crocetti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 novembre 2009

Roma 3 dicembre 2009 ore 18 Via Piacenza, 1 Complesso Monumentale dei Dioscuri al Quirinale a cura di Tiziana D’Acchille con il patrocinio del MIBAC Direzione Generale per le biblioteche, gli istituti culturali e il diritto d’autore. Le opere di Venanzo Crocetti, dalla prima produzione degli anni trenta e quaranta sino ai cicli degli ultimi anni ottanta, trovano un giusto rilievo nella sede del Complesso dei Dioscuri al Quirinale. La mostra vuol essere un omaggio a uno dei protagonisti della scultura del Novecento, autore, tra l’altro, di una delle porte bronzee della Basilica di San Pietro, la “Porta dei Sacramenti”. Crocetti ha esordito come scultore in età giovanissima, e ha subito ottenuto i primi riconoscimenti di prestigio con tre inviti consecutivi alla Biennale di Venezia. Ha iniziato la sua attività accademica ereditando la cattedra di Arturo Martini all’Accademia di Venezia, ha poi insegnato all’Accademia di Firenze e infine all’Accademia di Belle Arti di Roma. Le sculture di Crocetti derivano da un’attenta lettura degli antichi e dalla traduzione dell’eredità classica in un linguaggio contemporaneo che ha mantenuto la sua eleganza e sobrietà nel corso dei quasi sessanta anni di carriera dello scultore. Le opere in mostra sono state prestate dal Museo Venanzo Crocetti. Catalogo in galleria

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »