Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘ricorrente’

A proposito del tema oggi ricorrente sul “fine vita”

Posted by fidest press agency su sabato, 4 febbraio 2017

Scrive al riguardo Giuseppe Bianchi: “Mi trovo in conflitto di interesse rispetto ad un tema di cui si sta occupando il legislatore in questi giorni: il fine vita. Per i giovani si tratta di un tema rientrante nella più generica strategia rivendicativa dei diritti perché alla loro età ci si crede immortali. Per gli anziani, categoria a cui appartengo, si tratta invece di un appuntamento più o meno vicino rispetto al quale nasce una domanda: lo Stato è legittimato ad entrare in questa sfida ultima tra la vita e la morte, nelle vesti di una maggioranza parlamentare spesso creata da occasionali minoranze intransigenti? E’ contenuta nella delega da noi concessa alla politica la determinazione del confine tra libertà e diritto, tra norme morali e norme positive, in questa delicata materia violando l’ultimo santuario inaccessibile che il Signore ha accolto, cioè quella libertà cristiana del malato e della sua stretta comunità familiare, del medico di fiducia di agire senza coscienza e non sulla base di regole fissate dallo Stato? Non c’è un senso del limite della legge nella sfera dei diritti individuali? Se la legge interviene su questioni avente rilevanza etica non c’è il rischio di una neo riconfigurazione di uno “Stato etico”. La democrazia si basa sul governo della legge ma tramite la legge non si può governare tutto perché non tutto è politica. Ruolo della legge può essere limitato ad affermazioni di principio, come la previsione del testamento biologico, ma non quello di proceduralizzare il passaggio dalla vita alla morte. C’è poi il problema della scienza che ha creato una zona grigia in cui si può essere contemporaneamente morti e vivi in virtù di strutture artificiali extra biologiche. La scienza mette a disposizione soluzioni ma non offre principi etici di applicazione. Non ricordo chi ha detto che da tutta la scienza non è estraibile un grammo di morale. L’enigma della vita e della morte resta vivo, così come quello di Dio, nonostante l’impegno della religione, della filosofia, della scienza. L’uomo moderno, come l’uomo antico, si trova egualmente disarmato di fronte a questo appuntamento ultimo. Se l’attimo della morte appartiene ancora alla vita, nessun potere esterno può sottrarlo alla libertà ed alla responsabilità di chi è chiamato a gestire questo passaggio, perché il rispetto della dignità umana è valore assoluto più importante della durata dell’esistenza umana”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pericardite idiopatica ricorrente: scoperta una nuova cura che riduce drasticamente le recidive

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

-bergamoBergamo. Porta la firma di Antonio Brucato, direttore della Medicina interna e del Centro per lo studio e la ricerca delle malattie del pericardio del Papa Giovanni XXIII, lo studio pubblicato sul prestigioso Journal of the American Medical Association JAMA, che dimostra l’efficacia del farmaco biologico noto come Anakinra nella cura della pericardite ricorrente.“Anakinra è un farmaco biologico utilizzato da molti anni nella terapia dell’artrite reumatoide, soprattutto nei bambini. È un inibitore naturale della interleuchina-1, una delle più potenti molecole che inducono infiammazione – spiega Antonio Brucato, primo autore dell’articolo -. Il nostro studio dimostra che è molto efficace anche nella cura della pericardite ed è sicuro. Si tratta dell’ennesimo contributo dato dal Papa Giovanni alla conoscenza e alla cura di questa patologia. Infatti il motto del nostro centro specialistico è proprio “La ricerca che cura” e seguiamo ormai più di mille persone, provenienti da tutta Italia e non solo. In meno di 10 anni grazie al nostro lavoro e alla collaborazione con altri centri italiani l’approccio a questa malattia è drasticamente cambiato: in pochi anni abbiamo dimostrato la poca efficacia delle alte dosi di cortisone a favore della Colchicina e ora l’utilità della Anakinra. Possiamo dire che una malattia considerata da sempre orfana oggi non lo è più”.Il farmaco necessita comunque di ulteriori studi per verificare i risultati e per valutare la sicurezza e l’efficacia a lungo termine. Relativamente costoso, come molti farmaci cosiddetti biologici, è indicato nelle forme più severe della malattia, quelle caratterizzate da uno spiccato quadro infiammatorio, con febbre e pleurite, che non rispondono ai trattamenti a base di cortisone e colchicina. La pericardite idiopatica ricorrente è una malattia di cui non si conosce bene la causa, caratterizzata da episodi frequenti di infiammazione del pericardio, quella membrana che avvolge il cuore e formata da due strati di tessuto molto sottili separati tra loro da un liquido che ne impedisce l’attrito. La sintomatologia della pericardite comprende dolore toracico, accentuato da certe posizioni e dal respiro profondo, e spesso febbre.Lo studio pubblicato su JAMA, svolto in collaborazione con Alberto Martini direttore scientifico dell’ospedale pediatrico Istituto Giannina Gaslini di Genova e di Massimo Imazio del Dipartimento di Cardiologia dell’ Ospedale Maria Vittoria di Torino, porta la firma, oltre che di Antonio Brucato, anche di altri 5 operatori del Papa Giovanni: i medici della Medicina interna Silvia Maestroni, Davide Cumetti e Anna Valenti, la farmacista Monia Lorini e la biostatista della Fondazione per la ricerca Ospedale Maggiore di Bergamo (FROM) Alessandra Carobbio.Lo studio ha coinvolto 21 pazienti, prevalentemente adulti e con pericardite ricorrente severa. Quelli trattati con placebo, cioè con un farmaco privo di principio attivo, sono stati 10 e 9 di loro hanno sviluppato una pericardite, cioè il 90%. Mentre quelli trattati con Anakinra sono stati 11 e solo due di loro hanno ripresentato i segni della malattia (18,2%), a fronte di eventi avversi molto contenuti (20 pazienti hanno avuto transitorie reazioni cutanee locali e nessuno ha interrotto in modo permanente il farmaco).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prendo casa e vado a vivere a New York

Posted by fidest press agency su sabato, 2 aprile 2011

Vivere a New York è un sogno ricorrente per tante persone, e la domanda più frequente tra tutte quelle che arrivano ogni giorno in redazione è praticamente sempre la stessa: “Come faccio ad andare a vivere a New York?”. Sfortuntamente la risposta a questa domanda non può essere una sola valida per tutti, perchè presuppone delle sfumature differenti a seconda della persona e del motivo che la spinge a desiderare di andare a vivere ad oltre 6.000 km da casa. Non è assolutamente facile ma allo stesso tempo neanche impossibile. Ci vuole un certo investimento economico, tanta passione, voglia di fare e soprattutto partire con l’idea che non sarà tutto rose e fiori. Ma dopottutto è un sogno e i sogni, in quanto tali, non sono semplici da realizzare. E a New York, fortunatamente, se ne realizzano ogni giorno, perchè il grande sogno americano è ancora vivo in molti di noi. New York è una delle mete più desiderate dagli stranieri a livello mondiale. Questa città ha un fascino particolare che coinvolge tutte quelle persone che vengono qui la prima volta in vacanza e che qui decidono di voler tornare a vivere, magari riuscendo a comprare un bell’appartamento nell’Upper East Side o nel Village. Questo è infatti un altro sogno che generalmente coinvolge le persone che, venendo spesso a New York, non possono negare, almeno una volta, di averci fatto un pensierino. Certo un pensierino costoso, dato che Manhattan è una tra le città più care al mondo quando si parla di immobili, ma allo stesso tempo anche quella potenzialmente più remunerativa. Neanche la crisi che ha colpito la maggior parte delle città in tutto il mondo qui si è avvertita più di tanto. Certamente anche qui l’andamento del mercato immobiliare ha subito una leggera flessione per quanto riguarda il valore degli immobili e il volume delle vendite, ma è anche vero che questo è sicuramente un ottimo motivo per chi fosse interessato ad investire nel mercato immobiliare, visti i risultati positivi registrati anche in un momento di crisi globale. Nessun mercato al mondo è così scrupolosamente controllato. Tutte le operazioni di vendita vengono registrate e pubblicate insieme ai dati delle planimetrie, delle ipoteche e dei prezzi di vendita reali pagati dall’acquirente. Questa trasparenza rende la città un luogo estramente interessante per gli investitori che possono puntare su rendimenti stabili e sull’apprezzamento del valore degli immobili nel tempo. Ovviamente comprare casa a New York non è una cosa facile. Oltre ad aver bisogno di una modesta somma di denaro da investire bisogna conoscere e capire come funziona l’incontro tra domanda e offerta. Sapere a chi rivolgersi in caso di acquisto di un immobile è estramemente importante soprattutto per chi magari non parla inglese e pensa che la differenza linguistica possa essere un limite nel riuscire a chiudere un buon affare. Fortunatamente nel settore immobiliare di New York ci sono diverse realtà italiane che da anni lavorano per assistere gli investitori, selezionando per loro le migliori offerte presenti sul mercato e guidandoli attraverso le complesse negoziazioni e procedure di acquisto. Per questo motivo per chi fosse realmente interessato ad acquistare un immobile a New York o che comunque fosse interessato a conoscere le possibilità che questo mercato è in grado di offrire, il NYC-Site.com ha realizzato la sezione REAL ESTATE raggiungibile all’indirizzo http://www.nyc-site.com/re dove verranno pubblicate notizie ed informazioni relative alla situazione del mercato immobiliare a New York con articoli e curiosità e attraverso la quale si avrà la possibilità di entrare in contattato con gli addetti ai lavori in grado di rispondere a quesiti per sciogliere ogni dubbio in proposito. Sembrerà incredibile, ma investire a New York non è mai stato così facile!

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »