Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘rilevazione’

L’influenza sta facendo registrare il picco di casi in Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 6 gennaio 2018

influenzaNell’ultima settimana di rilevazione (25–31 dicembre 2017) sono stati 673mila gli italiani a letto colpiti dal virus, con un netto incremento del numero di diagnosi rispetto ai 7 giorni precedenti (438.800) in tutte le fasce di età. I dati emergono dall’ultimo rapporto Influnet elaborato dal Dipartimento Epidemiologico dell’Istituto Superiore di Sanità. “La nostra società scientifica, grazie ai medici sentinella distribuiti su tutto il territorio e a un’esperienza ventennale, è asse portante di questo sistema di rilevazione – spiega il dott. Claudio Cricelli, presidente Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG) -. Dall’inizio della sorveglianza (a metà ottobre), abbiamo registrato nel nostro Paese 2.168.500 casi di influenza. Sta continuando l’ascesa della curva epidemica e il livello di incidenza è superiore a quello osservato nella precedente stagione influenzale. La situazione è sotto controllo e il sistema assistenziale riesce ad assorbire i carichi di lavoro: quest’anno infatti in tutto il territorio si è avuto un incremento della domanda e dell’offerta del vaccino antiinfluenzale, che fa ben sperare sui numeri positivi di copertura vaccinale non solo negli anziani ma anche nelle persone a rischio”. Il livello di incidenza del virus in Italia è pari a 11,11 casi per mille assistiti. Le regioni più colpite, dove è stata superata la soglia dei 13,50 casi ogni mille assistiti (considerata intensità molto alta), sono Basilicata (34,89), P.A. Trento (22,02), Calabria (21,57), Marche (16,87), Liguria (14,97) e Piemonte (14,48). “Insieme all’influenza circolano regolarmente gli altri virus respiratori, pari ad altri 315 mila casi nell’ultima settimana – sottolinea il dott. Aurelio Sessa, responsabile SIMG del settore -. Il carico assistenziale non è solo per i pronto soccorso ma anche per i nostri ambulatori e per le tante visite domiciliari che impegnano i medici di medicina generale, i pediatri di famiglia e i servizi di continuità assistenziale. In Europa si sta assistendo a un incremento dell’attività influenzale nell’ovest, nord e sud del Continente con una positività dei tamponi nella sorveglianza virologica del 32% e un incremento rispetto alla precedente settimana del 28%. Vi è un’importante co-circolazione tra virus A e virus B, pari al 50% di ciascuno”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prove invalsi: non gradite

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 maggio 2011

La rivolta di docenti, genitori e ragazzi contro le prove invalsi, ovvero i quiz che l’Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema dell’Istruzione somministra agli studenti per la rilevazione dell’apprendimento, trova la netta disapprovazione dei presidi, obbligati alla somministrazione dei test ministeriali, pena la denuncia per interruzione di pubblico servizio. “I presidi non fanno altro che attenersi alla legge – commenta Ivetta Battaglia, viceresponsabile per l’Istruzione dell’Italia dei Diritti -, le prove invalsi non sono una novità e nonostante i limiti che possiedono, devono essere somministrate ai ragazzi. Sono dei test che permettono di confrontare il livello di apprendimento dei singoli studenti, tanto a livello nazionale, quanto internazionale”. I punti contestati sono la mancanza di informazione alle famiglie sul contenuto e le finalità dei test, una violazione della privacy imputata ad un questionario allegato che raccoglie informazioni su nazionalità, livello di istruzione e occupazione dei genitori e risorse disponibili in famiglia. “Inoltre, una novità introdotta dal ministro Gelmini, che anima in maniera particolare la protesta di quest’anno – continua l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro -, è la valutazione dei docenti in base ai risultati delle prove statali, questo è inconcepibile. Ci sono problematiche ed aspetti particolari che variano per studenti e docenti addirittura da città in città. Alcuni insegnanti si trovano ad operare in contesti svantaggiati rispetto ad altri, è assurdo che di tutto questo non ne venga tenuto conto nel valutare un insegnante – conclude la Battaglia -, non dimenticandoci, peraltro, dei molti problemi familiari o psico-affettivi che purtroppo tormentano numerosi ragazzi”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sviluppo locale e cooperazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 maggio 2010

“Lo sviluppo locale e del territorio dipende anche dalla crescita e dalla promozione delle imprese cooperative, realtà imprenditoriale che mostra dinamismo, vitalità produttiva e occupazionale. In poche parole, le cooperative tengono nonostante la crisi. La conferma giunge dalla ultima rilevazione Unioncamere, che attraverso Movimprese, ha registrato natalità e mortalità delle imprese italiane presso le Camere di Commercio nel primo trimestre del 2010.” Il Presidente Unci – Unione Nazionale Cooperative Italiane – Paolo Galligioni, che, con queste parole, commenta i dati rilevati e diffusi dal Rapporto Unioncamere, tiene a sottolineare (citando quando riportato nella stessa rilevazione) “il progresso registrato dalle cooperative attive tra la fine di dicembre 2009 e marzo 2010 ha fatto registrare un saldo di 408 unità in più, pari allo 0,51% su base trimestrale, dove, in termini assoluti, la Lombardia in primis con 100 cooperative in più in tre mesi, rappresenta il 24,5% del saldo nazionale, il Lazio a seguire con 61 cooperative, e poi Calabria, Sicilia e Puglia”.  “Non sono dati dei quali meravigliarsi – aggiunge Galligioni – ma, anzi, rappresentano un’ulteriore conferma a quanto, da sempre, sostenuto dall’UNCI, ovvero che nei momenti di crisi e stagnazione economica le imprese mutualistiche, al contrario delle altre tipologie di imprese, agendo in maniera anticiclica, riescono ad attenuare gli effetti delle fasi congiunturali negative, elaborando risposte efficaci in termini di produttività, occupazione e coesione sociale. La cooperazione, d’altronde, non è solo un sistema di imprese ma anche un sistema di valori che svolge sia un importante funzione economica che sociale. I soci lavoratori di cooperativa, infatti, partecipano direttamente alla gestione d’impresa e nell’offrire beni e servizi si rivolgono non solo a loro stessi ma soprattutto alla collettività. Le cooperative, grazie al forte radicamento locale, riescono ad intercettare meglio i bisogni delle persone e a trasformarli in opportunità occupazionali, in servizi e prestazioni. Come nel caso della cooperazione sociale”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prestazioni laboratorio: annullato tariffario

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 marzo 2010

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso proposto dall’Avvocatura Generale dello Stato, confermando l’annullamento del Decreto del Ministero della Salute (D.M. 12.09.2006), concernente la “Ricognizione e primo aggiornamento delle tariffe massime per la remunerazione delle prestazioni sanitarie” “Il Provvedimento di annullamento del Decreto Ministeriale – ha detto Vincenzo D’Anna, presidente di FederLab Italia – a causa della mancanza di un’adeguata istruttoria sulla corretta rilevazione dei costi di produzione delle prestazioni di laboratorio, rende inapplicabile la norma riguardante lo sconto sulle prestazioni stesse. E’ una sentenza, che abbiamo accolto con grande soddisfazione e che apre la strada all’adozione di un nuovo tariffario – l’ultimo risale al Ministro Bindi – che sarà stilato secondo il criterio dei costi standard, conseguentemente al programma di riorganizzazione della rete dei laboratori, attraverso cui saranno definiti i requisiti e la soglia di efficienza minima delle strutture stesse”.

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Linee guida per la formazione nel 2010

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2009

Roma, il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi ha presentato a regioni, province autonome e parti sociali, il documento che traccia le linee guida per orientare la spesa dedicata alla formazione degli inoccupati, dei disoccupati e dei cassaintegrati nel prossimo anno. Regioni e parti Sociali  sono chiamati a condividere queste linee guida ma proposta assegna un ruolo centrale anche alle organizzazioni rappresentative degli imprenditori e dei lavoratori, come dei loro organismi bilaterali, che saranno chiamati a garantire la reale efficacia e la rispondenza ai bisogni  reali degli interventi formativi.  Sono molte le azioni previste dal piano:  istituzione di una cabina di regia nazionale per una rilevazione tempestiva su base regionale e settoriale dei fabbisogni di competenze; impiego diffuso del metodo di apprendimento ‘per competenze’ e rivalutazione dell’istruzione-formazione tecnico-professionale; accesso degli inoccupati a tirocini di inserimento, corsi di istruzione e formazione tecnico superiore (Ifts), contratti di apprendistato che previlegiano l’apprendimento nell’impresa; formazione degli adulti; programmi di formazione nei luoghi produttivi di beni o servizi o nei centri di formazione professionale ove garantiscono riproduzione di contesti produttivi; impiego dei lavoratori inattivi quali tutori nell’ambito di attività formative tecnico-professionali;   accreditamento su base regionale di ‘valutatori’ indipendenti in grado di certificare le effettive competenze dei lavoratori comunque acquisite.

Posted in Università/University, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tecniche di interrogatorio

Posted by fidest press agency su martedì, 6 ottobre 2009

Genova, 24 ottobre 2009, Via Mura degli Zingari 1 – Piazza Principe  Una giornata full immersion (7 ore di lezioni ed esercitazioni pratiche), tenute dal Prof. Marco Strano, uno dei massimi esperti in Italia di tecniche per la rilevazione della menzogna.  Il corso è a numero chiuso (max 40 partecipanti) e insegna le tecniche di conduzione di interviste in ambito investigativo e giudiziario ma può essere molto utile anche in ambito clinico e nel colloquio di business.  Per questo corso viene richiesto ai partecipanti un contributo alle spese di 50? per concorrere alle spese. E’ compreso un manuale operativo e un diploma di partecipazione.  Programma: o Psicofisiologia della menzogna o Psicologia della menzogna Esperimenti pratici con il Lie Detector (macchina della verità) e altre tecnologie per la rilevazione della menzogna Tecniche di interrogatorio psicologico: il modello FBI e il modello ICAA (con esperimenti pratici) Lineamenti di intervista cognitiva L’interrogatorio di minori

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nulla va perduto. L’esperienza di Pavel Florenskij

Posted by fidest press agency su sabato, 1 agosto 2009

pavelRimini Fiera 23-29 agosto 2009 30° Meeting di Rimini – La conoscenza è sempre un avvenimento È morto martire in Unione Sovietica, Pavel Florenskij (1882-1937), eppure non aveva ricevuto un’educazione religiosa; anzi, per un malinteso rispetto umano, il padre lo aveva tenuto rigorosamente lontano da ogni religione, finendo per privare «la persona che aveva più cara al mondo del sostegno più forte, della più fidata delle consolazioni». Lo stesso ambiente culturale russo a cavallo tra Otto e Novecento, col suo nichilismo, non favoriva alcuno slancio religioso. Ma sin da giovane Florenskij aveva colto il senso del mistero nel modo più semplice che ci sia: ammirando la natura («Nelle cose più ovvie e ordinarie è nascosto un vertiginoso senso dell’infinità e della trascendenza»), e desiderando vincere la solitudine («Il luogo nel quale incomincia la rivelazione della verità»; «è l’amicizia, come nascita misteriosa del “tu”»). Cosa poi sia diventato Florenskij nella sua maturità non si può dire in poche parole: un ingegnere che ha brevettato trenta invenzioni; un filosofo, grande esegeta del platonismo; un matematico che nel 1922 aveva concepito l’idea dello spazio curvo; uno storico dell’arte che ha restituito la comprensione dell’icona all’epoca moderna; un fine teologo che ha donato alla Chiesa un testo fondamentale. E oltre a tutto questo è stato un uomo che, nelle condizioni infernali del lager, ha continuato il lavoro di ricerca, mantenendo una profonda vita spirituale, preoccupato di trasmettere ai cinque figli le proprie conclusioni. Il percorso della mostra, che illustra questa personalità così poliedrica, si articola nelle tre fasi principali della sua vita: la formazione, che lo vede abbandonare l’agnosticismo spinto dall’osservazione della natura, per approdare alla fede e addirittura al sacerdozio. Il lavoro, che occupa gli anni centrali e vede fiorire le sue potenti sintesi culturali. E da ultimo il martirio, che lo vede al confino, poi in lager, ma sempre immerso nel lavoro di ricerca e riflessione; fino al giorno in cui viene mandato alla fucilazione. Ciascuna di queste tre fasi creative si colloca in uno «scenario» particolare: prima il Caucaso (la terra dei suoi avi) dalla natura affascinante; poi il grande monastero di Sergiev Posad, nelle cui vicinanze sceglie di vivere per nutrirsi della santità della Chiesa; infine lo splendido e tragico monastero-lager delle Solovki, dove compirà l’offerta di sé. Il suo cammino intellettuale e spirituale è vividamente illustrato nella mostra dai suoi appunti, dagli strumenti scientifici che si costruiva, dalle illustrazioni che preparava per comunicare agli allievi, o ai figli, la sua immensa passione per tutto lo scibile.  La Mostra è curata da: Adriano Dell’Asta, p. Lubomir Žak  (pavel)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In Gran Bretagna crescono le frodi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 giugno 2009

Sembra non conoscere sosta l’ascesa delle frodi creditizie in Gran Bretagna. Secondo una rilevazione Experian effettuata in aprile presso le maggiori banche, finanziarie e compagnie di carte di credito britanniche, nel 2008 sono state inoltrate richieste di credito fraudolente per oltre 1,5 miliardi di sterline (circa 1,7 miliardi di euro), in crescita del 6,6% rispetto al valore fatto registrare nel 2007. Il settore più colpito dalle frodi si conferma essere quello dei mutui (+7% dei casi, per un valore di 1,2 miliardi di sterline), anche a causa della stretta creditizia che ha portato soggetti ad alto rischio alla manipolazione dei propri dati per ottenere credito, e a condizioni più convenienti. In generale, si riscontra un aumento del numero di tentativi di frode anche per le altre forme di credito (finanziamenti auto, carte di credito e assicurazioni). Fanno però eccezione i prestiti personali (-20%), sintomo che, nelle erogazioni non legate a immobili, ci si trova a contrastare un volume crescente di tentativi di frode di valore unitario sempre più basso. Più in particolare, dall’indagine Experian emerge che: •il settore dei finanziamenti auto è stato quello che ha fatto registrare il più vistoso incremento di richieste di credito fraudolente (+30%), nonostante la crisi che ha colpito il comparto nel 2008. Sempre più nel mirino dei truffatori anche il settore assicurativo (+23%) e quello delle carte di credito (+5%); • la netta diminuzione dei tentativi di frode relativi ai prestiti personali (-20%) è dovuta sia all’adozione di soluzioni di prevenzione più sofisticate da parte di banche e finanziarie, sia alla minore offerta di credito; • la categoria più vulnerabile ai furti di identità a fini di frode creditizia rimane, oltre a quella dei più ricchi, quella dei giovani professionisti che vivono in affitto condividendo l’abitazione con altri inquilini.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cassazione, multa autovelox legittima

Posted by fidest press agency su sabato, 16 maggio 2009

Anche se il tratto di strada non è ricompreso tra quelli individuati da un’ordinanza del Prefetto e la violazione non è contestata immediatamente, è valido il verbale di accertamento di un’infrazione rilevata mediante autovelox se l’apparecchiatura in uso consente la verifica del superamento del limite di velocità solo dopo il transito del veicolo ed è gestita direttamente dagli agenti verbalizzanti: lo ha stabilito la seconda sezione civile della Corte di Cassazione. La Corte, con la sentenza n. 10156 del 30 aprile 2009, ha accolto un ricorso della Polizia locale dell’Unione dei Comuni della Marrucina (Chieti), comandata dal capitano Lorenzo Di Pompo, contro una sentenza del Giudice di pace di Orsogna (Chieti). Il giudice aveva annullato una contravvenzione rilevata con l’apparecchiatura “velomatic 512”, ritenendo illegittima la contestazione differita dell’infrazione, su una strada di Ari (Chieti) non inclusa fra quelle individuate dal Prefetto ai sensi dell’art. 4 della legge n. 168 del 2002. L’interpretazione – rigettata dalla Suprema Corte – recentemente si era fatta strada in diverse Prefetture e uffici del Giudice di pace, sollecitando i ricorsi degli automobilisti contro verbali per il superamento dei limiti di velocità accertati e non contestati immediatamente dalle forze di polizia. La Cassazione ha accolto la tesi degli avvocati dell’Unione dei Comuni della Marrucina, Domenico e Pierluigi Tenaglia di Orsogna. Ha infatti sottolineato che «la violazione era stata rilevata con il dispositivo di controllo elettronico tipo “velomatic 512” gestito direttamente dai verbalizzanti che erano presenti al momento in cui l’infrazione era stata commessa» e che «pertanto non era richiesta l’autorizzazione prefettizia alla quale ha fatto riferimento il Giudice di pace». La sentenza della Corte ha ritenuto infatti applicabile l’art. 201 comma 1 bis lett. e) del codice della strada. La norma fa riferimento all’impiego di apparecchi «direttamente gestiti dagli organi di polizia stradale che consentono la determinazione dell’illecito in tempo successivo». Caso diverso dalla lettera f) dello stesso articolo, invocata dal Giudice di pace, in base alla quale è necessaria la puntuale individuazione delle strade da parte del Prefetto per l’utilizzo di «dispositivi o mezzi di controllo del traffico, finalizzati – ha spiegato la Cassazione – al rilevamento a distanza delle violazioni, cioè senza la presenza degli agenti sul luogo in cui l’illecito viene commesso. In tali casi è stabilito l’esonero della contestazione immediata». Oltre alla contravvenzione di 288 euro e la decurtazione di due punti sulla patente, l’automobilista che aveva fatto ricorso al Giudice di pace dovrà ora pagare 1.200 euro di spese legali.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »