Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 203

Posts Tagged ‘rinegoziazione’

Canelli (ANCI) su rinegoziazione mutui CDP

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 aprile 2020

“Una misura molto importante che va nella direzione giusta ovvero quella di dare la possibilità ai Comuni di affrontare meglio i prossimi mesi. I sindaci potranno recuperare risorse importanti da reinvestire sui territori per garantire la tenuta sociale delle città”.
Così Alessandro Canelli, sindaco di Novara e responsabile Finanza Locale di ANCI nazionale, sulla rinegoziazione dei mutui degli Enti territoriali annunciata da Cassa Depositi e Prestiti. Grazie a questa misura, gli Enti locali non dovranno corrispondere a CDP le rate dei mutui in scadenza al 30 giugno e al 31 dicembre ma soltanto gli interessi. Di conseguenza, la durata di molti dei mutui esistenti si allungherà automaticamente. “Tutto questo – ammonisce però Canelli – non basterà per far fronte all’emergenza: tantissimi Comuni non hanno più entrare e stanno sostenendo costi enormi. Bisognerà fare qualcos’altro, come rimodulare il Fondo crediti dubbia esigibilità e chiedere nuove risorse allo Stato, in particolare per far fronte alle crescenti esigenze nel sociale e nel welfare”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rinegoziazione mutui con Cassa Depositi e Prestiti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 maggio 2017

cassa depositi e prestitiRoma capitale. Rinegoziare i mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), liberando maggiori risorse per la città per circa 10 milioni di euro nel solo 2017. È quanto prevede una delibera approvata dalla Giunta Capitolina.Il provvedimento, che sarà sottoposto al voto dell’Assemblea Capitolina, autorizza la rinegoziazione di 75 posizioni di mutuo interamente a carico della gestione ordinaria, mediante l’adesione alla proposta di rimodulazione avanzata dalla stessa Cdp che mantiene tassi d’interesse sostanzialmente in linea a quelli attuali di mercato. Questa azione produrrà un minore esborso per il Campidoglio di 9.865.221 euro nel 2017: si libereranno così risorse che consentiranno di sfruttare spazi finanziari in misura corrispondente, per il finanziamento di nuove opere o il pagamento di debiti fuori bilancio.“La nostra amministrazione ha avviato un lavoro che punta a ridurre l’incidenza degli oneri finanziari sulle casse capitoline – dichiara l’assessore al Bilancio e Patrimonio di Roma Capitale Andrea Mazzillo – anche mediante operazioni di ristrutturazione del debito di sua competenza. Questa delibera si inserisce quindi in un’attività mirata a individuare le migliori soluzioni di rifinanziamento in un contesto di mercato caratterizzato da tassi di interesse ai minimi storici, così da liberare risorse che serviranno per la realizzazione o riqualificazione delle infrastrutture e per garantire servizi migliori ai cittadini”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rinegoziazione contratti e rischi posti di lavoro

Posted by fidest press agency su sabato, 22 agosto 2015

AIbEiAIAAAuilLe notizie diffuse da alcuni quotidiani nazionali su nuovi tagli alla sanità ci preoccupano molto; una vera e propria macelleria sociale diversamente da quanto garantisce il Ministero del Tesoro.Lo dichiara in una nota il Segretario Generale della UIL FPL Giovanni Torluccio.
Non possiamo permettere che per far cassa si punti ancora sulla sanità, ridotta ormai al collasso da una politica dei tagli che ha prodotto come unico risultato una drastica riduzione dei servizi. Si parla di circa 10 miliardi da recuperare nel triennio 2016-2018, prospettando anche la rinegoziazione dei contratti in essere del 5%, non capendo che questo genererà,oltre ad una ondata di ricorsi amministrativi, la perdita di posti di lavoro, o un aumento della cassa integrazione o della solidarietà per sopperire a questi tagli,come già avvenuto in passato, specie su alcuni servizi i cui costi riguardano soprattutto il personale, sia nel settore della sanità che nei settori produttivi ad essa collegati.E questa non è macelleria sociale?
Pochi giorni fa, dopo i dati scoraggianti della Corte dei Conti sugli andamenti della finanza territoriale, abbiamo lanciato un appello al Governo Renzi: “Si cambi rotta, basta con la politica dei tagli o si prevederà un autunno caldo sul fronte della mobilitazione”.
Sarebbe opportuna una seria riflessione interna al sindacato sulle iniziative da adottare, arrivando addirittura a considerare – conclude Torluccio – con più attenzione e benevolenza la proposta di Salvini di bloccare il paese per tre giorni.(foto uil)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia: emergenza casa e nuova povertà

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 dicembre 2011

Vecchie Case a via della Lungaretta in Rome (r...

Image via Wikipedia

65.000 sfratti, 56.000 per morosità: 220.000 famiglie italiane hanno già perso la loro casa negli ultimi dieci anni. Mario Marazziti nella presentazione della nuova edizione, la Ventiduesima, della Guida “Dove mangiare, dormire, lavarsi”, la cosiddetta “Guida Michelin per i poveri” (500 indirizzi della solidarietà, un vero e proprio vademecum della sopravvivenza nella Capitale, che esce anche in altre città, da Buenos Aires a Barcellona) ha segnalato una specificità italiana e un grande rischio nell’attuale difficoltà economica del Paese: che 2.000 nuove famiglie a Roma possano perdere la casa entro il 2012 e che più di 50.000 nuove famiglie possano andare ad ingrossare le file dei “nuovi poveri”, poveri strutturali, senza casa e senza lavoro. La Comunità di sant’Egidio ha lanciato la proposta di creare tavoli presso le Prefetture per sospendere temporaneamente gli sfratti per morosità rinegoziando debiti e affitti.
Moratoria per gli affitti e per gli sfratti è il centro della proposta della Comunità di Sant’Egidio sul tipo di quanto è avvenuto per la rinegoziazione dei mutui e la sospensione dei pagamenti nella grande crisi bancaria degli anni scorsi.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Firema: ripresa attività

Posted by fidest press agency su sabato, 9 ottobre 2010

“Con la rinegoziazione degli accordi con l’Ansaldo è stato fatto un passo importante per la ripresa dell’attività, ora attendiamo l’intervento decisivo della Regione” lo dichiara in una nota l’on. Americo Porfidia in merito alla vertenza Firema “Riconosciamo – aggiunge il deputato campano – il lavoro svolto del commissario ed i risultati ottenuti per riavviare l’attività dell’azienda casertana. La riunione di ieri sera con i soggetti politici locali e il sindacato ci dice che ci sono i presupposti per un rilancio dell’azienda sul piano nazionale e internazionale. Ruolo decisivo dovrà svolgerlo la Regione Campania, in particolare con la conferma della commessa Metro Campania nord-est, e lo Stato, dal quale ci si attende un’apertura di credito e l’avvio di un piano industriale che intervenga sulle infrastrutture, che crediamo possa rappresentare un autentico volano per la ripresa dell’economia nazionale. Dopo un periodo molto buio – conclude Porfidia – vediamo i primi raggi di sole sulla vicenda Firema e speriamo vengano presto sbloccate le questioni cassa integrazione e stipendi arretrati dei lavoratori. Tutti i soggetti politici vicini alla Firema sono chiamati a dare il proprio contributo”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manifatturiero: accordo Eu – Corea del Sud

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 settembre 2010

A seguito del via libera dato dal Consiglio Affari esteri della UE, lo scorso 16 settembre, alla firma dell’Accordo di libero scambio con la Corea del Sud, l’eurodeputato del PD Gianluca SUSTA esprime fortissime preoccupazioni per l’Accordo che resta, infatti, strutturalmente squilibrato e fortemente penalizzante nei confronti di alcuni settori chiave per l’Italia e la UE, come quello automobilistico e tessile, favorendo nettamente la controparte coreana.  “Si sperava che l’intesa tra i 27 fosse preceduta da una significativa rinegoziazione, da parte italiana, almeno su alcuni punti chiave dell’Accordo, volta a ristabilire una concorrenza sana e leale fra le due parti, in particolare l’abolizione delle misure che permettono il rimborso dei dazi e il ripristino delle regole di origine; tale non è, nonostante lo slittamento dell’entrata in vigore dell’Accordo al 1 luglio 2011.  Stupisce che tali preoccupazioni non siano condivise da importanti partner europei che basano, al pari dell’Italia, una significativa parte della loro economia sull’industria manifatturiera; stupisce, ad esempio, la posizione francese (favorevole all’Accordo) a fronte di dichiarazioni entusiaste della Renault, che già ha delocalizzato in Corea. In un momento di crisi dell’industria europea e del settore automobilistico in particolare, non si sentiva il bisogno di fare concessioni ad un’economia già assolutamente competitiva, con un Accordo che rischia di compromettere 30.000 posti di lavoro nel settore (6 Pomigliano!!) e che gli USA, anche per le preoccupazioni di 100 deputati democratici che hanno definito l’Accordo ‘Job Killing’, non hanno ancora ritenuto di poter sottoscrivere. Spetta ora al Parlamento europeo con l’assenso all’Accordo e soprattutto con l’approvazione del collegato Regolamento di salvaguardia – che dovrà essere efficace – tentare di limitare le conseguenze negative che tale Accordo avrà su ampi settori dell’’industria europea, privilegiando ancora una volta i servizi bancari e assicurativi all’industria manifatturiera”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mutui prima casa, una circolare per chiarire i dubbi

Posted by fidest press agency su martedì, 19 maggio 2009

Con una nuova circolare, il ministero dell’Economia e delle finanze ha ribadito che non c’è bisogno di fare alcuna domanda per accedere ai benefici sui mutui a tasso variabile varati dal decreto anticrisi. Per scontare le rate, le banche devono utilizzare gli elenchi comunicati dall’Agenzia delle Entrate. A tale proposito è stato emanato il 5 marzo scorso uno specifico provvedimento. Coloro che non sono inclusi o che intendano chiedere l’agevolazione per un immobile diverso da quello incluso nell’elenco possono ricorrere all’autocertificazione. La norma anticrisi sui mutui a tasso variabile prevede che le rate da corrispondere nel 2009 siano calcolate con riferimento al maggiore tra un tasso di interesse pari al 4%, senza spread, spese varie o altro tipo di maggiorazione e il tasso contrattuale alla data di sottoscrizione del contratto e, comunque, per un ammontare non superiore a quanto previsto dalle condizioni contrattuali in essere. La differenza tra gli importi a carico del mutuatario e le rate da corrispondere, in base al contratto di mutuo sottoscritto, è a carico dello Stato. Il contributo dello Stato a favore dei mutuatari per la riduzione dell’importo delle rate a tasso non fisso nel corso del 2009 viene corrisposto dalle banche mutuanti, senza alcun costo per il cliente, alla data di scadenza di ciascuna rata. Le rate interessate sono tutte quelle da corrispondere nel corso del 2009. La disposizione interessa i mutui erogati prima del 31 ottobre 2008 per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione dell’abitazione principale, ad eccezione di quelle di categoria A1, A8 e A9. Il provvedimento si applica anche ai mutui che sono stati oggetto di rinegoziazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »