Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘risorgimento’

Riflettori accesi sul Risorgimento, riflettori accesi su Roma Capitale

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 settembre 2019

Roma Martedì 17 settembre 2019, alle ore 20.30, si apre la rassegna “Luci della storia su Porta Pia”. Sesta edizione per la manifestazione rievocativa della storica “breccia” ad opera del Corpo dei Bersaglieri. Centoquarantanove anni fa, riconsegnavano le chiavi della città di Roma al Regno d’Italia sottraendola allo Stato Pontificio. L’appuntamento, promosso dall’Associazione Nazionale Bersaglieri sezione Roma Capitale, in collaborazione con il Museo Storico dei Bersaglieri e con il sostegno dello Stato Maggiore dell’Esercito, si svolgerà interamente nel cortile cinquecentesco di Porta Pia, sede del Museo Storico dei Bersaglieri.
La sesta edizione della rassegna “Luci della storia su Porta Pia” avrà come focus una serie di anticipazioni dell’itinerario storico-culturale – in vista delle celebrazioni del 150esimo anniversario della Presa di Roma in programma per il 2020 – che il nostro Paese ha percorso, dalla vittoriosa battaglia in cui Roma fu annessa al Regno, all’Italia di oggi e ai giorni che ci separano dal 20 settembre 2020. Aspettando la data del 20 settembre 2020, saranno molte le anticipazioni culturali in forma di saluto, intervista e narrazione che alterneranno, ogni sera dalle 18.00 alle 23.00, il ricco calendario di concerti e ospiti speciali. Si parlerà del valore dello sport con Francesco Moser, di storia dell’istruzione scolastica italiana con Mario Rusconi, presidente dell’Associazione Nazionale Dirigenti e con Alte Professionalità della Scuola, di relazioni internazionali con autorevoli ambasciatori, di emancipazione femminile e di evoluzione del costume e della società con Flavia Marzano, Assessora del Comune di Roma, sempre con riferimento agli ultimi 150 anni da quella “breccia” che fu e rimane presidio indelebile della storia d’Italia. A fare da moderatrice con gli ospiti, la giornalista Carmen Lasorella insieme all’ideatore della rassegna Gen. Nunzio Paolucci.
Martedì 17 settembre, alle ore 20.30, si comincia con lo scrittore e storico Paolo Volpato. Il suo intervento avrà come tema la situazione politica del 1870 con riferimenti a leggi, decreti, aneddoti e curiosità inedite. A seguire, alle ore 21.00, la Banda della Guardia di Finanza eseguirà un concerto che spazierà dalla musica classica ai brani di marce militari, per approdare alle più celebri colonne sonore del cinema italiano.Intenso il carnet dei concerti dal martedì alla domenica in programma alle ore 21.00: fanfare dei Bersaglieri, delle bande militari dell’Esercito, compresa la Scuola Trasporti e Materiali, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, dei Granatieri di Sardegna, e della Polizia Municipale di Roma Capitale.
Un omaggio alla “breccia” con le “Musiche e Poesie Romane” aprirà la serata celebrativa del 20 settembre. Un’immersione nella tradizione poetica, musicale e teatrale della Città Eterna con versi satirici, comici, drammatici e canzoni dei più autorevoli esponenti della romanità. Un progetto a cura di Angelo Blasetti e Dante Di Giacinto. Esteso alla tradizione popolare italiana sarà il viaggio nella musica dei Folk Rose, in concerto il 22 settembre. Dal Sud al Nord, percorrendo le tradizioni più antiche, la band proporrà un repertorio di tarantelle, pizziche, saltarelli, valzer e canzoni che parlano di vita quotidiana, di eroi e di immancabile amore.Spazio al Gospel, protagonista assoluto con il Coro Polifonico “Le mille e una Nota” diretto dal Maestro Silvia Scicolone, in programma il 18 settembre.Ed è proprio alla breccia che si ispira il Premio “Oltre la Breccia”, istituito dall’Associazione Nazionale Bersaglieri, in virtù di quell’azione compiuta dal corpo nel 1870 che valse, spingendosi oltre, la riconquista di Roma. Il premio sarà riconosciuto al Campione mondiale paraolimpico di Salto in Lungo, Roberto La Barbera e a due organismi: l’Associazione Sentire le Voci, rappresentata da Cristina Contini e la Fondazione Cultura e Arte, rappresentata da Emanuele F. M. Emanuele, presidente onorario. Realtà che nel 2018 si sono distinte per le loro azioni responsabili, significative e repentine, al fine di perseguire il bene comune senza fermarsi di fronte agli ostacoli; con animo e grinta da “Bersagliere” sono riuscite a trasformare i vincoli in opportunità, mantenendo saldi i principi e costruendo ponti per il futuro. http://www.bersaglieridiroma.it/

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Laboratoire pratique de chant social italien mené par Salvatore Panu

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 giugno 2014

quarto_stato[2]Lieu : Culture et Liberté, 5, rue St. Vincent de Paul, Métro Gare du Nord Dimanche 22 juin à 15h Mercredi 25 juin à 18h Dans le cadre du 9ème Printemps des Universités Populaires, nous animerons la soirée festive Samedi 28 juin sur la péniche Alternat Quai de Bercy à partir de 18h30. Chants de lutte, de protestation, de travail, anarchistes, anticléricales, socialistes, communistes, antifascistes, antimilitariste et contre la guerre, anti-impérialistes et anticapitalistes, de prison et/ou d’exil, contre les forces de l’ordre, d’émigration, féminins et/ou féministes, chants satiriques, d’amour, para-liturgiques (liée aux rituels des cultures populaires de tradition orale) Chants du period des Révolutions, Restauration, Risorgimento (1789-1870), de l’unité de l’Italie à la Grande Guerre (1870-1918), de l’après-guerre, Fascisme et Antifascisme (1918-1943), de la Resistenza et de la Deuxième Guerre Mondiale, (1943-1945), de l’après-guerre et la Reconstruction (1945-1962), du centre-gauche à l’Automne Chaud (1963-1969), de la chanson politique et le Mouvement (1970-1980) (quarto stato)

 

 

 

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Siena dedica l’ultimo dell’anno al Risorgimento e ai 150 anni dell’Unità di Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

Scorcio di Piazza del Campo a Siena

Image via Wikipedia

Oltre cinquecento fra musicisti, attori, cantanti e danzatori, più di 50 eventi itineranti, oltre 40 giorni no stop di musica, arti visive, cultura e spettacolo. Tutto questo e molto altro ancora è “Sol La Siena”, la kermesse promossa dal Comune di Siena, main sponsor Banca Monte dei Paschi, in collaborazione con la Fondazione Siena Jazz – Accademia Nazionale del Jazz e Arci Siena. Siena Parcheggi e Intesa, sponsor tecnici. Fino al 15 gennaio, nelle strade, nelle piazze, nei teatri, nei musei di Siena si balla, si suona, si fa arte e spettacolo con un fitto programma di appuntamenti che in occasione delle feste natalizie conquisteranno il pubblico di ogni età.
La notte del 31 dicembre l’omaggio al Risorgimento e dopo la mezzanotte spazio al “Night Clubbing”. Momento clou del cartellone “Sol La Siena” sarà la notte del 31 dicembre, quando Piazza del Campo si trasformerà in un grande parterre musicale con il Palazzo Comunale che diventerà la sua scenografia tridimensionale. Il sipario si aprirà su immagini, suoni, colori, emozioni, che sono al tempo stesso l’omaggio che Siena vuole tributare ai 150 anni dell’Unità d’Italia e l’augurio per guardare con ottimismo al futuro.Il 31 dicembre saranno protagonisti, fino alla mezzanotte, il Risorgimento e il melodramma ottocentesco italiano. Sul boccascena virtuale aperto, si succedono le scene dell’Experience, in una lenta e continua trasformazione. Un “Viaggio in Italia” tra Melodramma, Romanticismo e Risorgimento che incontra la grande musica popolare dell’800 con il “Gran Ballo d’Italia” e introduce il “Viva Verdi” per festeggiare gli ultimi istanti del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Uno spettacolo firmato “Danny Rose”, scritto e diretto da Sergio Carrubba per la direzione artistica di Paola Ciucci; creazione e realizzazione immagini e animazioni di Lucia Frigola, Cédric Péri, Giuseppe Ragazzini, Yan Wang e Anne-Laure Coulibaly; ambienti sonori, elaborazioni musicali e performance live di Marco Messina, storico fondatore della 99 Posse e Emanuele de Raymondi.
Una straordinaria Opéra Lumière che si aggiunge a quelle realizzate e curate da Danny Rose in tutto il mondo: dalla cerimonia di chiusura per i Giochi Olimpici di Salt Lake City alla Notte Bianca di Barcellona con l’evento centrale allo stadio Mont Juic, fino allo spettacolo ‘Scrivere con la luce’ sulla facciata dell’Urbis Museum di Manchester. Danny Rose ha anche vinto il Biglietto d’oro nel 2008 – record Siae europeo al botteghino – per la regia dell’Opera popolare ‘Giulietta e Romeo’ con le musiche di Riccardo Cocciante, i testi di Pasquale Panella e la regia di Sergio Carrubba.
Dopo la mezzanotte, spazio al “Night Clubbing”, anteprima assoluta della prossima produzione di “Denny Rose”. Un viaggio nel mondo attraverso le tendenze musicali dei cinque continenti dallo Studio 54 con la Disco Music anni ’80 al Funk e alla Soul americani, dalla Londra dei Clash e dei Police alla Giamaica, dall’India al Brasile, al Balkan beat. Un repertorio tutto da ballare che prevede anche la collaborazione dell’associazione Gas con musica elettronica suonata dal vivo dai dj della B-SIDE CREW Gighe, Maherz e Chequino. Gran finale con un omaggio a Vinicio Capossela. Un evento, organizzato da Fondazione Siena Jazz – Accademia Nazionale del Jazz in collaborazione con Associazione Giovani Artisti Senesi con la regia tecnica di Gaël Picquet. La festa poi proseguirà fino all’alba nella Fortezza Medicea con il set Fortezza New Year’s day ad ingresso a pagamento.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ciceruacchio. Angelo Brunetti, Capopopolo di Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 luglio 2011

Di Claudio Modena Prefazione di Giulio Andreotti Le vicende di un personaggio fondamentale nella storia del nostro Risorgimento: Angelo Brunetti, eroe della Repubblica Romana, meglio noto come Ciceruacchio. Dalla fedeltà a Pio IX all’adesione agli ideali mazziniani, alla Rivoluzione del 1849; dalla caduta della Repubblica Romana alla tragica fine con i suoi figlioli, la notte di San Lorenzo dello stesso anno a Porto Tolle in provincia di Rovigo. Pagine 326 (testo: 316 + inserto: 1/10) Euro 20,00 Codice 14258N EAN 978-88-425-4798-3

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal Risorgimento al Brigantaggio

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 giugno 2011

Canosa Sannita (Chieti) 11 giugno, dalle ore 20.30 a Palazzo Martucci, in via Roma Aspetti e personaggi» è il titolo della serata dedicata alla storia (non solo) locale in programma L’iniziativa, ideata da Antonio Scioli e Romano Giurastante, rientra nel programma di iniziative per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, grazie alla collaborazione tra l’Amministrazione comunale, la Pro Loco e il Gruppo Folkloristico di Canosa Sannita. Relatore dell’incontro sarà il preside del Liceo Scientifico «Galileo Galilei» di Lanciano, Vincenzo Libertini.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Risorgimento e Rai

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 giugno 2011

Torino Giovedì 9 giugno 2011 alle 11.30, presso il Museo della radio e della televisione della Rai (via Verdi 16), verrà presentato il libro Risorgimento e Rai: l’Italia unita sul piccolo schermo di Michele Ruggiero, edito da Riccadonna. Il libro fa parte dello scaffale realizzato dalla Provincia di Torino in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia.Alla presentazione prenderanno parte Antonio Saitta, presidente della Provincia di Torino; Maurizio Braccialarghe, direttore Centro di Produzione Rai Torino; Peppino Ortoleva, professore di Storia e teoria dei Media dell’Università degli Studi di Torino; Carlo Cerrato, capo redattore centrale TGR Piemonte. La ricerca di Michele Ruggiero, giornalista Rai, va alla scoperta di tutte le trasmissioni che la Rai ha dedicato al Risorgimento, arricchendo il suo “catalogo ragionato” di titoli e date con foto, recensioni e commenti tratti dal Radiocorriere. Il volume copre il periodo 1954-1961, mentre è in preparazione il seguito che va dal 1962 al 2011, con un focus sugli eventi realizzati per le celebrazioni del 150esimo dell’Unità d’Italia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Museo Centrale del Risorgimento di Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Rappresenta una delle più frequentate strutture museali incentrate sulla storia del nostro paese con una media di circa 800.000 visitatori annui. La forte valenza didattica che l’ha sempre contraddistinto ha subito con il nuovo allestimento un ulteriore impulso arricchendosi di supporti multimediale – video e audio – e offrendo al visitatore un percorso più nitido scandito da una semplice cronologia di riferimento. Uno degli obiettivi del nuovo allestimento del museo è stato quello di rendere visibile il ricchissimo patrimonio documentario conservato nell’archivio del Museo Centrale del Risorgimento composto da circa un milione di documenti storici dal XVIII all’inizio del XX secolo; oltre 1.000 volumi manoscritti; circa 10.000 stampe e disegni originali e circa 250.000 fotografie dell’Ottocento e della Prima Guerra Mondiale; circa 500 dipinti e oltre 100 sculture. Il Museo intende quindi essere espressione di questo patrimonio storico-documentario presentando una estrema eterogeneità di opere. La riapertura del Museo segnerà anche l’avvio di nuovi orientamenti di didattica già sperimentati e offerti alle scuole e a partire da settembre prenderanno il via laboratori didattici sulle fonti della storia d’Italia svolti direttamente negli spazi del museo e l’elaborazione di contenuti digitali e audiovisivi. Accanto all’esposizione permanente del Museo il nuovo percorso offrirà al visitatore anche la possibilità di sperimentare nuovi approcci disciplinari realizzando una sorta di mostre virtuali: per questo primo anno di attività il Museo offrirà il percorso incentrato sulla mostra Gioventù Ribelle. L’Italia del Risorgimento, realizzata in collaborazione con il Ministero della Gioventù che rappresenta compiutamente il tentativo di avvicinare le nuove generazioni alla storia d’Italia utilizzando in forma dinamica il web.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riapertura museo centrale del Risorgimento

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Roma, Complesso del Vittoriano Via San Pietro in Carcere. Il Museo riapre oggi con un nuovo percorso di visita che, attraverso dipinti, sculture, disegni, documenti, oggetti, fotografie, cimeli, armi, divise e bandiere, raccoglierà in una veste rinnovata le testimonianze relative al processo di unificazione dell’Italia dalla fine del XVIII secolo al termine del primo conflitto mondiale ritenuto come il naturale completamento dell’unità nazionale. Il progetto scientifico del nuovo allestimento è a cura di Marco Pizzo, Vicedirettore del Museo Centrale del Risorgimento di Roma. L’organizzazione generale e la realizzazione sono a cura di Comunicare Organizzando.
Nel 1878, alla morte di Vittorio Emanuele II che, nel 1861, con la creazione dello stato Italiano, aveva assunto il titolo di re d’Italia, il Parlamento decise di edificare a Roma un monumento dedicato al primo sovrano dell’Italia unificata chiamato perciò Vittoriano. Nel monumento, che venne inaugurato nel 1911, avrebbe dovuto collocarsi anche il Museo Centrale del Risorgimento, la cui prima idea nacque alla fine del XIX secolo con il proposito di illustrare i momenti ed i protagonisti degli eventi storici che portarono all’Unità d’Italia. Vennero pertanto raccolte una serie di testimonianze delle guerre d’indipendenza, comprendendo nel novero delle lotte per la libertà anche la prima guerra mondiale considerata come il momento in cui si raggiunse il completamento dei confini naturali della penisola. Le testimonianze raccolte nel corso degli anni furono le più svariate passando dai ritratti alle armi utilizzate dagli eroi del Risorgimento; dalla penna di Mazzini alla spada di Garibaldi; dai disegni dei pittori-soldato ai busti-ritratto delle Medaglie d’Oro; dai jeans indossati da Garibaldi nello sbarco a Marsala alle fotografie dei Bersaglieri mentre entrano a Porta Pia; dai manoscritti autografi di Cavour ai volantini che D’Annunzio lancia su Vienna nel 1918; dal Tricolore della Repubblica Romana del 1848 allo stendardo dei Mille. Oggetti diversi che oggi sono diventati dei veri e propri documenti, delle testimonianze puntuali e rievocative dei fatti e dei protagonisti dell’epopea risorgimentale. Tutto il percorso espositivo del Museo diventa pertanto un archivio della memoria del Risorgimento, alimentato dalle suggestioni degli eventi che hanno creato l’Italia. Lo spazio architettonico dell’allestimento del Museo, all’interno del Complesso Monumentale del Vittoriano, risulta fortemente impregnato dagli stessi intenti teorici poiché lungo le pareti sono incisi nel marmo i brani di testi significativi dei “grandi” della storia d’Italia, in maniera tale che lo stesso contenitore diventa parte integrante del museo. Il nuovo percorso di visita del Museo si articola secondo una scansione temporale collegata a singoli eventi e a figure che in qualche modo ne sono state protagoniste. Le sezioni sono le seguenti:
• Il periodo napoleonico
• Il congresso di Vienna
• I moti rivoluzionari del 1820-1821 e del 1830-1831
• Giuseppe Mazzini e la Giovine Italia
• Pio IX
• Il 1848: le Cinque Giornate di Milano; la Repubblica di San Marco; la Prima Guerra d’Indipendenza
• Il 1849 e la Repubblica Romana
• Cavour e la guerra di Crimea
• Vittorio Emanuele II e la II Guerra d’Indipendenza (1859)
• Garibaldi e l’impresa dei Mille
• Dall’Unità all’Aspromonte
• La III guerra d’Indipendenza
• 1870 La presa di Porta Pia
• La Prima Guerra Mondiale
La novità più consistente del nuovo allestimento è che ogni sezione è illustrata da un’ampia selezione di materiale iconografico che cerca di rendere al meglio la straordinaria eterogeneità dei materiali storici e documentari che costituiscono le collezioni del Museo Centrale del Risorgimento: dai dipinti ai cimeli storici; dai documenti ai materiali tessili (fazzoletti commemorativi, bandiere, stendardi); armi e divise. Tutto il percorso ha una spiccata vocazione didattica con pannelli, in italiano e in inglese, che illustrano singoli personaggi, eventi, temi. In occasione della riapertura del Museo verranno presentate le seguenti opere appositamente restaurate:
• Drappo con epigrafe-rebus in onore di Pio IX per l’amnistia del 1848;
• Serie delle tavole originali con le annotazioni della censura che vennero pubblicate sul giornale satirico Don Pirlone nel 1848-1849;
• Serie di disegni realizzati da Alessandro Castelli del 1849 durante l’assedio della Repubblica Romana;
• Album fotografico dei Mille di Alessandro Pavia;
• Serie di disegni realizzati dai detenuti politici nelle carceri pontificie (1867-1868);
• Serie di bozzetti dipinti nel 1917-1918 da Anselmo Bucci sul fronte della prima guerra mondiale.
Integrato al percorso di visita sarà un percorso di rari filmati d’epoca realizzati in collaborazione con Cinecittà Luce e il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale. In particolare, nell’area didattica, sarà visibile il film di animazione La Lunga Calza Verde realizzato nel 1962 da Cesare Zavattini e appositamente restaurato da Cinecittà Luce. All’interno del percorso di visita del Museo saranno collocati una serie di pannelli e l’indicazione della mostra attualmente itinerante “Gioventù Ribelle – L’Italia del Risorgimento” promossa dal Ministero della Gioventù. Scaricando l’applicativo riportato con il codice corrispondente sarà possibile, per chi ha un dispositivo elettronico portatile idoneo, scaricare e visualizzare dei brevi filmati. Ogni filmato è interpretato da attori che leggono brani originali o impersonano alcuni protagonisti del Risorgimento italiano – da Luciano Manara a Goffredo Mameli; dalla contessa di Castiglione a Felice Orsini. Partner tecnico: Cinecittà Luce: tutti i giorni ore 9.30 – 18.30. Ultimo ingresso ore 18.00. Primo lunedì del mese chiuso ingresso gratuito (Paola Saba e Caterina Mollica) http://www.risorgimento.it<

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Opere in bianco

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 giugno 2011

Roma, 6 giugno 2011, ore 17,30 piazza dell’Accademia di San Luca 77 Accademia Nazionale di San Luca presentazione del volume Opere in Bianco- Storia e accadimenti del primo novecento (Palombi Editori 2010). Introdotti da Guido Strazza, ne discuteranno lo scultore Nicola Carrino, la storica dell’arte della Galleria d’Arte Moderna, Stefania Frezzotti, l’architetto Mario Lolli Ghetti Direttore del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, lo storico Marco Pizzo del Museo del Risorgimento. Il volume che raccoglie il lavoro sulla collezione della gipsoteca del Vittoriano , un tempo conservata nel Monumento al Re Vittorio Emanuele II, con il ricco corredo documentale, è in gran parte inedito, e propone il primo bilancio scientifico degli studi su un materiale che non è mai stato molto considerato perché utilizzato come fase temporanea del fare artistico, essendo per sua natura molto tenero e malleabile, e forse per questo anche molto problematica rimane la sua conservazione. Ma non è tutto: nell’ambito del lavoro si è impostata una scheda conservativa specifica per le opere in questo materiale, e sono state avviate alcune indagini diagnostiche finalizzate al riconoscimento, nello stesso materiale costitutivo, della differente manipolazione tecnica dei diversi autori. Diversamente per la quadriga del Fontana le indagini radiografiche hanno permesso di verificare lo stato dell’ armatura in ferro, e constatare che già dal montaggio di queste prove in formato 1:3, l’armatura stessa era stata realizzata per strutturarne la realizzazione definitiva. Si è procrastinato a lungo la pubblicazione del lavoro, perché in realtà la ricerca è solo iniziata. La ricognizione sul contenuto della collezione e i dati raccolti intorno ai casi studio indagati, non sono affatto esaustivi. Si sono raccolte però in queste pagine le differenti problematiche che lo storico dell’arte, l’esperto scientifico e il restauratore, hanno sollevato nel lavoro e che serviranno ci si augura a continuare lo studio per queste opere specifiche.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vittoriano 1911-2011

Posted by fidest press agency su martedì, 31 Mag 2011

Monument of Vittorio Emanuele II in Rome, comm...

Image via Wikipedia

Roma Sabato 4 giugno 2011, ore 9.30 Roma, Vittoriano, Piazza dell’Ara Coeli Sala Zanardelli Il Vittoriano 1911 – 2011 giornata di studio. Introduzione dei lavori del prof. Romano Ugolini Presidente dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano. Interventi Saluti delle autorità Relazioni.
Ore 10.30 Bruno Tobia Il Vittoriano tra tensione simbolica e tensione politica: da monumento dinastico a monumento nazionale Michele Finelli I mazziniani ed i repubblicani e la costruzione del Vittoriano (1885 – 1911). Anna Villari Il Vittoriano: un percorso iconografico Fabio Mangone I concorsi per il Vittoriano.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Finale del “Premio san Carlo” per le scuole

Posted by fidest press agency su martedì, 31 Mag 2011

Napoli 31 maggio (ore 11.00) è in programma al Lirico di Napoli la finale della seconda edizione del “Premio Teatro di San Carlo”. La manifestazione, giunta alla seconda edizione, è dedicata quest’anno al tema del “Risorgimento in musica visto dai giovani del 2000”, in omaggio ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Per la finale, sul palcoscenico del Lirico più antico d’Europa si confronteranno 13 formazioni musicali, divisi in orchestre e gruppi strumentali e vocali, impegnati in brani del repertorio operistico, tra cui La Traviata e I Lombardi alla prima crociata di Giuseppe Verdi, Guglielmo Tell di Gioachino Rossini, Carmen di Georges Bizet, e ancora in musiche di Ludwig van Beethoven, Bela Bartok, Dmitrij Shostakovich e George Gershwin. Nel corso dell’evento sarà proiettato un lavoro multimediale sul tema del Risorgimento, realizzato dalle scuole partecipanti. I vincitori, ai quali sarà assegnato un riconoscimento specifico per categoria d’appartenenza, saranno scelti per partecipare ad uno dei tre concerti della Stagione Estiva 2011 del Teatro, in programma nel mese di settembre presso il Cortile d’Onore di Palazzo Reale. “I finalisti dello scorso anno”, spiega la sovrintendente Rosanna Purchia, “sono stati coinvolti nell’allestimento del titolo inaugurale, Pergolesi in Olimpiade. Vogliamo ripetere questa iniziativa attraverso il coinvolgimento in uno dei prossimi spettacoli dell’Estiva 2011. L’intento è di avvicinare maggiormente i giovani alla cultura e farli vivere il teatro ‘dietro le quinte’. Il Premio San Carlo è una iniziativa sociale e di natura didattica: valorizzare la musica quale fattore educativo e di aggregazione, per incoraggiare gli studenti fin dalla più tenera età allo studio di uno strumento musicale, ai fini della crescita culturale e dell’integrazione sociale”. I vincitori saranno individuati nel corso della finale da una giuria composta da Luigi Merolla, questore di Napoli, Diego Bouché, direttore generale della Pubblica Istruzione, Maria Caracciolo, madrina Orchestra della Sanità, Salvatore Caputo, direttore del Coro del San Carlo, Stefania Rinaldi, direttore del Coro di Voci Bianche, Francesco Andolfi, segretario artistico del Teatro, Laura Valente, musicologa e direttore Comunicazione del San Carlo

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giuseppe Mazzini: Risorgimento

Posted by fidest press agency su domenica, 22 Mag 2011

A cura di Beppe Benvenuto e Arturo Colombo Figura che ancora oggi si presta a letture opposte quando non contraddittorie, la personalità di Giuseppe Mazzini è ricostruita in questa antologia con particolare attenzione agli aspetti europei della sua azione e del suo pensiero. Consapevole dello stretto legame fra la dimensione nazionale e quella internazionale, Mazzini è quasi da subito convinto che il successo della rivoluzione non può prescindere da un contesto favorevole. Si tratta di affiancare alla rivendicazione di un nostro primato una sorta di nobile gara fra popoli del vecchio continente, da intendersi, però, in termini collaborativi e non antagonistici. Pagine 238 Euro 17,00 Codice 14275F EAN 978-88-425-4844-7 Mursia editore

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra “Silvestro Lega? …può essere!”

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 Mag 2011

Modigliana dal 15 maggio fino al 31 luglio 2011, la Ex Chiesa di S. Rocco di Modigliana ospiterà la mostra “Silvestro Lega?…può essere!”, dedicata ad uno dei più significativi protagonisti della pittura del nostro ‘800, nato a Modigliana, in territorio forlivese. Oltre trenta opere saranno presentate per la prima volta al pubblico, per celebrare il grande Maestro Macchaiolo nel 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, come omaggio all’illustre concittadino, che fu anche un “piccolo, grande eroe” del Risorgimento. Le opere di Silvestro Lega ad oggi conosciute e catalogate sono circa 550. Poiché il pittore modiglianese ha dipinto per circa 50 anni, si suppone realisticamente che la sua produzione sia ben più ampia e che un gran numero di opere sia ancora da ritrovare. La mostra intende quindi presentare questa nuova modalità di studio, attraverso l’esposizione di diversi dipinti “attribuibili” e di alcuni di “incerta attribuzione”, creando un’occasione di discussione e confronto con studiosi, critici o appassionati ed estimatori. L’inaugurazione si terrà il 15 maggio alle ore 17.00 presso l’ex-chiesa di San Rocco, Piazza Pretorio – 47015 Modigliana (FC). Verrà presentato inoltre il catalogo ufficiale della mostra, all’interno del quale testi storico critici di approfondimento saranno accompagnati dalle immagini delle opere esposte. La mostra, nata dalla collaborazione fra il Comitato “Legapuòessere”, il Comune di Modigliana e collezionisti privati, è stata curata da Alba Maria Continelli, storica dell’arte e studiosa esperta di Silvestro Lega, e da Vincenzo Staffa, cultore della storia e dell’arte locali.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Risorgimento scomunicato”

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2011

In libreria: Vittorio Gorresio, “Risorgimento scomunicato”, Prefazione di Gianni Vattimo, Edizioni La Zisa, pp. 200, euro 16,90 Pubblicato la prima volta nel 1958 dall’editore fiorentino Parenti, “Risorgimento scomunicato” raccoglie gli scritti di Vittorio Gorresio per “Il Mondo”, una serie storica di articoli dal titolo “Processo al clero dopo il ‘60”. Storico appassionato, intransigente documentatore, Gorresio traccia una puntuale e puntigliosa ricostruzione delle origini dei contrastati rapporti tra Stato e Chiesa che resero tanto drammatico il Risorgimento. La descrizione dell’intransigentismo clericale rispetto alla progressiva laicizzazione dello Stato italiano ci è fornita dall’autore attraverso la meticolosa raccolta di missive tra membri del governo ed esponenti del clero, cui si aggiungono le dettagliate ricostruzioni degli episodi salienti e del profilo dei personaggi che di questo travagliato periodo storico si resero protagonisti. Vengono descritte, in sequenza, le vicende di una Chiesa, scomunicante e punitiva, addirittura iettatoria, di là dalla trasformazione che, negli anni a seguire, la renderà refrattaria, incapace di stare al passo con la storia, cioè con l’evoluzione della coscienza morale e politica dei cittadini laici. L’attualità del pensiero di Gorresio sta, infatti, tutta nella rilettura storica e cognitiva degli eventi che hanno prodotto il presente, come cita Gianni Vattimo nella sua prefazione: “Se la Chiesa si riduce oggi a una multinazionale […] ciò è anche il risultato dell’uso che essa stessa ha fatto dei suoi strumenti spirituali”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Insieme sotto il tricolore

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 aprile 2011

Siena fino al 3 luglio presso il Complesso Museale Santa Maria della Scala di Siena Siena, i suoi giovani e l’Università nel Risorgimento italiano: è questo il tema della mostra “Insieme sotto il tricolore. Studenti e professori in battaglia. L’Università di Siena nel Risorgimento”, in programma dall’8 aprile al 3 luglio 2011 a Siena presso il Complesso Museale Santa Maria della Scala. Il percorso della mostra, il cui allestimento è stato ideato dall’architetto Andrea Milani, è articolato in otto sezioni, e ha il suo cuore pulsante nella parte dedicata alla partecipazione degli studenti senesi alla celebre battaglia di Curtatone e Montanara, nella Prima guerra d’indipendenza. Attraverso un’ampia selezione di documenti inediti conservati nell’Archivio dell’Università degli Studi di Siena ed esposti insieme a carteggi, timbri, dipinti, bandiere, uniformi, manifesti e giornali dal fascino straordinario – il visitatore rivive il contesto e le vicende che videro Siena partecipare ad alcuni dei momenti più intensi ed eroici della Storia dell’Unità d’Italia.Tra i vari documenti esposti vi sono la lettera inviata il 3 giugno 1799 dall’abate Agostino Provedi per affermare che, a suo giudizio, l’arresto del canonico Luigi Casini, accusato di aver simpatizzato con i giacobini e di aver parlato in aula “delle antiche Repubbliche senese e fiorentina”, fosse avvenuto “giustissimamente”, e una litografia con una scena della battaglia di Curtatone e Montanara donata dal generale Cesare De Laugier de Bellecur al contrammiraglio Carlo Corradino Chigi, e giunta all’Archivio Storico dell’Università per concessione del conte Guido Chigi Saracini. In mostra anche la divisa indossata sempre da Carlo Corradino Chigi, priva della manica sinistra perché durante la battaglia il nobile senese venne colpito al braccio sinistro che gli fu amputato il giorno stesso. Tra gli oggetti in mostra c’è inoltre la medaglia col ritratto del granduca Leopoldo II di Lorena, assegnata ai reduci della battaglia di Curtatone e Montanara che fu donata all’Ateneo da Augusto Barazzuoli, uno degli studenti presenti sul campo e che dal 1894 al 1896 fu ministro dell’Agricoltura, Industria e Commercio nel terzo governo Crispi.Una sezione speciale è dedicata al rapporto tra il Risorgimento e il Palio di Siena. Grazie alla particolare disponibilità degli Onorandi Priori, saranno esposti alcuni dei drappelloni vinti in quegli anni, dai quali emerge chiaramente l’effetto di una nuova iconografia pre-unitaria, i bozzetti e le monture “alla piemontese” realizzate tra il 1851 e il 1856 secondo la moda dell’epoca. Un’ulteriore approfondimento sarà incentrato su riviste dell’epoca, come “La lanterna. Giornale di tutto e per tutti con figure, sgorbiature e caricature, 3 luglio 1860” e la Rivista “Corda Fratres 1898”. Qui trovano spazio molteplici riferimenti ai futuri giornalisti di fama nazionale che si laurearono nell’Ateneo senese, ma anche agli effetti della legge toscana del maggio 1847 sulla stampa dell’epoca. Il catalogo della mostra, a cura di Donatella  Cherubini, è edito da Silvana Editoriale ed è stato inserito nella “Biblioteca dell’Unità d’Italia”, la collana ufficiale che la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha voluto dedicare alle Celebrazioni del 150° Anniversario.La mostra è aperta tutti i giorni, compresi i festivi, dalle 10,30 alle 18,30. Informazioni allo 0577 534571. Biglietto compreso nell’ingresso al Complesso Museale Santa Maria della Scala. (bandiera, pietro senno)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal barocco al risorgimento nei palazzi di Torino

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 marzo 2011

Museo del Risorgimento Italiano (aka Palazzo C...

Image via Wikipedia

Il 62° Itinerario di “Immagine per il Piemonte” ci immerge nella Torino barocca e del Risorgimento per un’eccezionale visita guidata agli Appartamenti dei Principi (riaperti dopo la chiusura nel 1961) nello splendore di Palazzo Carignano e alla mostra interattiva “Sarà l’Italia. La ricostruzione del primo Senato” nel cuore di Palazzo Madama. A Palazzo Carignano la Soprintendenza ai beni artistici ha restituito ai torinesi e ai turisti gli appartamenti barocchi chiusi al pubblico dal 1961, da oggi inseriti in un percorso museale di livello europeo, con la ricostruzione di uno degli studi del conte Camillo Benso, lo splendore delle boiseries e degli specchi dell’appartamento dei Principi – qui risiedevano i Savoia del ramo Carignano, poi ci furono gli uffici del primo Parlamento d’Italia – l’appartamento di Mezzanotte, lo scalone monumentale, che conduce all’aula parlamentare. Scale elicoidali scendono poi nel “segreto” dei suggestivi sotterranei. Stucchi, ori, tele antiche, testimoni del lavoro di grandi maestri – Legnanino, Maratta, Pozzo, Seiter – accolgono il visitatore e lo stupiscono in quest’ala discreta dell’antica dimora sabauda(www.palazzocarignano.it fino al 26 giugno). Spostandoci in piazza Castello, Palazzo Madama rinnova i fasti del Risorgimento con la ricostruzione del Senato, grande ambiente al piano nobile del palazzo che dal 1848 ospitò prima il Senato Subalpino, quindi il proclamato Senato del Regno d’Italia (1861-64). Grazie all’apporto della Fondazione Crt questa architettura scenografica riprende forme, materiali e decoro di quella ottocentesca catturando l’attenzione del visitatore e offrendogli un viaggio nel passato ricco di suggestioni. Per dirla con l’assessore Alfieri: “apriamo un luogo di eccellenza per incontrarsi, un sito della narrazione della storia della città”, mentre Alberto Vanelli, del Comitato Italia 150 si dichiara “sinceramente emozionato di trovarsi dove furono decise e deliberate le prime leggi dell’Italia unita: un’operazione ben riuscita grazie alla collaborazione perfetta di molti enti coordinati dal Comitato”. La ricostruzione è stata pensata anche come spazio del presente, “forum” destinato ad accogliere momenti di discussione sui temi della vita sociale. Ieri, oggi e domani: il visitatore entra così in uno dei momenti storici più significativi dell’Unità. “Sarà l’Italia. La ricostruzione del primo Senato” (16 marzo-8 gennaio 2012 http://www.palazzomadamatorino.it) (Vittorio G. Cardinali)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Risorgimento: gli eroi di allora senza eredi

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 marzo 2011

Per parlare di Risorgimento e dei suoi valori Art News ha incontrato Giuliano Amato, presidente del Comitato nazionale per i 150 anni dell’Unità d’Italia, tornato di recente dagli Stati Uniti dove ha avuto modi di confrontarsi con la comunità italiana più che mai legata alle proprie radici: «Il legame tra gli emigranti e la propria terra – ha detto l’ex presidente del Consiglio – è rimasto forte e anzi si sta fortificando col tempo. Fino a 150 anni fa quanti giungevano in Usa tendevano ad americanizzare il proprio cognome: tendenza che si è andata esaurendo con un ritorno alle radici». Quello che ancora possiamo mostrare con vanto sono sicuramente la nostra arte e la nostra cultura, esportate in tutto il mondo nel corso dei secoli e vero marchio di fabbrica della Penisola: «Fin dai tempi più remoti – conferma Amato – si vedeva come l’Italia avesse avuto prima una identità culturale che politica. Eppure il concetto di Stato era già insito anche negli artisti più datati. Basti pensare che nella Basilica di Assisi è presente un affresco del Cimabue in cui appare il termine Italia». E alla domanda se oggi esistano da noi figure politiche assimilabili agli eroi del Risorgimento, la risposta del presidente Amato non lascia adito a dubbi: «Non vedo nulla di paragonabile a Mazzini o Garibaldi – dice – Forse qualche anno fa quando al governo c’era chi aveva fatto la guerra e aveva difeso a mano armata la Patria, penso a Pertini. Potrebbero esserci similitudini tra De Gasperi e Cavour: anche se estrapolare, come fece quest’ultimo,  un concetto di unità di Patria ai suoi tempi era un’utopia guardando a quello che era l’oggettivo quadro politico». Nato nel 2006, Art News è il magazine settimanale di Rai Educational che si occupa di arte e cultura in onda il sabato pomeriggio su Rai Tre. Maria Paola Orlandini, autrice del programma con Luigi Ceccarelli e Vincenzo Sferra, conduce la trasmissione coadiuvata da esperti quali Claudio Strinati, Antonio Paolucci, Cristiana Perrella, Demetrio Paparoni.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal Risorgimento alla Resistenza all’oggi

Posted by fidest press agency su sabato, 12 marzo 2011

Roma 17 marzo 2011 –  dalle ore 11.00 cimitero del Verano dalle ore 17.30 Teatro Scuola Saffi, via dei sabelli 119 Il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, nell’ambito delle numerose manifestazioni cui aderisce per le celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia, collabora con l’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), sede di San Lorenzo, Roma, per l’evento Viva l’Italia che s’è desta. Dal Risorgimento alla Resistenza all’oggi, organizzato in ricordo di Goffredo Mameli. Per l’occasione la Cineteca Nazionale mette a disposizione un montaggio di brani da Cavalcata d’eroi di Mario Costa (1949) e Camicie Rosse di Goffredo Alessandrini e Francesco Rosi (1952). Il montaggio – presentato da Mario Musumeci, responsabile dell’ufficio Studi e metodologie del restauro della Cineteca Nazionale – unisce brani relativi all’episodio storico della Repubblica Romana, dal primo film, e all’episodio della fuga di Garibaldi, dal secondo. La giornata di Viva l’Italia che s’è desta, si articola con eventi in mattinata presso il Monumento funebre a Mameli, al Verano, e in un pomeriggio presso il Teatro Scuola Saffi di San Lorenzo, e vede in programma interventi di Dario Marcucci presidente Municipio Roma III, Giorgio Bisegna, presidente ANPI San Lorenzo, Maria Mantello Presidente della Associazione Nazionale del Libero Pensiero “Giordano Bruno”, Franca Raponi presidente sez. ANPI “Agostino Raponi” e di Stefano Valentini Pres. Sez. ANPI sez. ISS “Ugo Forno”, una lectio magistralis del prof. Giuseppe Vacca, storico, presidente Istituto Gramsci, su “Gramsci e il problema storico della nazione italiana”, testimonianze di Giovanna Marturano e Rosario Bentivegna, partigiani medaglia al valore, e letture e canti su Risorgimento e Resistenza interpretate da Paolo De Giorgio, Sara Modigliani, Francesco Venditti. L’evento è accessibile alle persone sorde grazie al servizio di interpretariato in Lingua dei Segni Italiana garantito dall’Accademia Europea Sordi-Scuola interpreti e alla sottotitolazione del filmato in programma realizzata dalla Mediateca dell’Istituto Statale per Sordi di Roma. (camicie rosse)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vittorio Gorresio, “Risorgimento scomunicato”

Posted by fidest press agency su sabato, 12 marzo 2011

Prefazione di Gianni Vattimo, Edizioni La Zisa, pp. 200, euro 16,90 Pubblicato la prima volta nel 1958 dall’editore fiorentino Parenti, “Risorgimento scomunicato” raccoglie gli scritti di Vittorio Gorresio per “Il Mondo”, una serie storica di articoli dal titolo “Processo al clero dopo il ‘60”. Storico appassionato, intransigente documentatore, Gorresio traccia una puntuale e puntigliosa ricostruzione delle origini dei contrastati   rapporti   tra  Stato   e  Chiesa   che resero tanto drammatico  il Risorgimento.  La  descrizione  dell’intransigentismo clericale  rispetto alla progressiva  laicizzazione dello Stato italiano ci è fornita dall’autore attraverso la meticolosa raccolta di missive tra membri del governo ed esponenti   del  clero,   cui   si  aggiungono  le  dettagliate  ricostruzioni degli episodi salienti e del profilo dei personaggi che di questo travagliato  periodo storico  si  resero  protagonisti.  Vengono  descritte,  in sequenza, le vicende di una Chiesa, scomunicante e punitiva, addirittura iettatoria, di là dalla trasformazione che, negli anni a seguire, la renderà refrattaria, incapace di stare al passo con la storia, cioè con l’evoluzione della coscienza morale e politica dei cittadini laici. L’attualità del pensiero di Gorresio sta, infatti, tutta nella rilettura storica e cognitiva degli eventi che hanno prodotto il presente, come cita Gianni Vattimo nella sua prefazione: “Se la Chiesa si riduce oggi a una multinazionale […] ciò è anche il risultato dell’uso che essa stessa ha fatto dei suoi strumenti spirituali”.Vittorio Gorresio, giornalista, scrittore e saggista nacque a Modena da famiglia piemontese  il  18  luglio 1910.  Inviato  speciale e  corrispondente  di  guerra  per  “Il Messaggero” di Roma, fu tra i più efficaci espositori del dramma del dopoguerra sulle colonne della testata “Risorgimento Liberale”, quotidiano diretto da Mario Pannunzio col quale collaborò anche per il settimanale politico “Il Mondo”. Firma prestigiosa anche de “L’Europeo” di Arrigo Benedetti, Gorresio scrisse una decina di saggi storici ottenendo importanti   riconoscimenti  giornalistici  e  premi.  Nel  1980  l’autobiografia  “La vita ingenua” gli valse il Premio Strega. Lavorò fino a poco prima della sua morte, nel 1982, curando la rubrica “Taccuino” per il quotidiano “La Stampa”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Risorgimento italiano: una storia borghese

Posted by fidest press agency su domenica, 6 febbraio 2011

Quest’anno si celebrano i 150 anni dalla nascita dello Stato italiano. Forte, a questo punto, è il richiamo a quel passato che costituì le premesse per la sua costituzione. Gran parte del merito lo dobbiamo a Cavour, definito da Gramsci “un grande politico e un grande intellettuale”. Ma se le premesse erano pavesate di buone intenzioni l’uso, che i suoi pronipoti ne fecero, non fu di certo esaltante. Hanno preferito una “politica di trasformismo, di reazione, di infeudamenti a cricche affaristiche, di cuccagne regionalistiche, che vanno dagli scandali bancari alle vergogne abissine” e poi ancora all’Italia repubblicana partita con buoni propositi e, strada facendo, sempre più incline ad una decadenza inarrestabile. Su questa non certo esaltante linea di tendenza stiamo oggi a registrare un identikit dell’italiano che sta perdendo il senso dello Stato, della famiglia e del suo livello di vita. Avrebbe bisogno di una guida sicura e saggia, di esempi di buon governo nel solco della grande tradizione culturale e letteraria italiana ed invece si ritrova con piccoli ed insignificanti personaggi che si improvvisano politici, statisti, goderecci cultori di sterili diatribe e ossificati dalla mediocrità. Abbiamo perso l’occasione per una “trasformazione rivoluzionaria della società che ci avrebbe permesso di ragionare su grandi distanze e di progettare mutamenti culturali profondi e di lunga durata”. Dopo 150 anni di una traballante storia unitaria siamo qui a celebrare un rituale vuoto di contenuti non certo per colpa dei nostri padri fondatori ma perché è mancata clamorosamente la perfetta conoscenza che ha spinto gli italiani ad imboccare una via in discesa e che ha reso ancora più stridente la grandezza della cultura europea rispetto alla arretratezza-degradazione italiana. Vi hanno fatto da contrappeso la falsità, il convenzionalismo, il meccanicismo, la retorica, la rugiadosità dei sentimenti, l’estetismo bacato l’insincerità psicologica. L’unica speranza che ci resta è che non tutto sia perduto e che una rimonta è possibile, ma per riuscirci è necessario che ognuno di noi si faccia promotore di un cambiamento, s’impegni in prima persona a riconoscere e a riconoscersi costruttori di una nuova identità nazionale, non con le parole ma con i fatti. Non pensando all’uomo del destino, ma incominciando a rendersi fautore di quello proprio e a ricercarlo negli altri in comunione. Occorre pensare e ragionare uscendo dal proprio guscio, dal privato e nell’avere forte il senso della comunità. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »