Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 317

Posts Tagged ‘roma’

“I pupilli magiari” di Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 settembre 2017

magiariRoma 14 settembre p.v. ore 19,30 Accademia d’Ungheria in Roma Piano Nobile Via Giulia,1 si terrà l’inaugurazione della mostra “I pupilli magiari di Roma. Giocatori ungheresi nelle squadre capitoline”. Indirizzi di saluto: S.E. Ádám Zoltán Kovács, l’Ambasciatore di Ungheria presso il Quirinale; Avv. Fabrizio Grassetti, Presidente UTR (Unione Tifosi Romanisti); Prof. István Puskás, Direttore dell’Accademia d’Ungheria in Roma. L’esposizione intende ricostruire le tappe più importanti della storia dei rapporti italo-ungheresi nel campo dello sport e, in particolare, del calcio seguendo le tracce dei calciatori ungheresi che hanno fatto parte delle squadre della Capitale. Curatori: Dr. Gábor Andreides PhD, György Szász – esperti e storici del calcio ungherese e italiano. I rapporti italo-ungheresi possono vantarsi di un passato piuttosto notevole, ultrasecolare. Essi nonostante le difficoltà ed i vari intrecci, testimoniano una simpatia reciproca, secolare tra i due Paesi. Il rapporto bilaterale e l’amicizia tra due nazioni possono dipendere e essere influenzati da numerosi fattori, tra cui i rapporti politici e scientifici, ma anche i rapporti culturali, le lotte e la memoria in comune. Cento anni fa, nella I Guerra Mondiale, gli ungheresi e gli italiani combatterono lüuno di fronte all’altro, tuttavia né la crudeltà delle trincee né quella del fronte, né i combattimenti prolungati fecero sì che tale simpatia di lunga data venisse meno tra i due Paesi. Non si può non ricordare la storia del pittore/inviato di guerra ungherese, il quale durante i combattimenti nell’atto di dipingere lo spettacolare paesaggio del Carso venne avvisato dalla trincea di fianco tramite gli artiglieri italiani con ”Maestro, tra non molto ci accingiamo a dare fuoco, La pregheremmo di correre al riparo!
In seguito alla Guerra fu lo sport ed in particolare il calcio ad avere un ruolo dominante nei rapporti tra le due nazioni. Tra le due guerre sia il calcio che lo stesso stile di gioco ungherese divennero molto popolari in Italia. I giocatori ed allenatori ungheresi di allora percorsero tutta la penisola. Da Trieste a Genova, da Genova a Palermo non vi fu un’associazione sportiva alla quale non erano noti il calcio ungherese e o gli stessi giocatori: c’è chi fu soprannominato dai tifosi ”la gazzella” per la velocità, o si narra addirittura di un allenatore –che spiegò la strategia dei propri giocatori presso una taverna spostando dei boccali di birre (giocatori ungheresi) e bicchieri da grappa (giocatori antagonisti).
Ci fu un allenatore che all’età di 34 anni vinse il campionato a Milano e poi di nuovo a Bologna. Altri fecero lo stesso a Roma. C’è chi divenne noto in tutta l’Europa, chi invece rimase meno noto e collaborò solo con squadre di minor rango. Tra gli ungheresi attivi in Italia vi furono numerose vittime dell’Olocausto, ma anche sopravvissuti. Tra le vittime della guerra vi furono alcuni che una volta rientrati dall’Italia si arruolarono nei movimenti della Resistenza e combatterono per i perseguitati, per i bisognosi contro le atrocità. Storie di vita differenti, destini differenti. Ciò nonostante c’è qualcosa che li accomuna, ovvero lo sport e la passione/l’amore per il calcio. La mostra intitolata ”I pupilli magiari di Roma” è solo la prima tappa di un lungo viaggio, alla fine del quale potremo constatare che ci fu del calcio considerevole anche nei decenni precedenti alla giustamente famosa Squadra d’oro. (foto: magiari)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Maltempo a Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 10 settembre 2017

roma pioggiaRoma. Il Dipartimento Infrastrutture (Simu – Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana) presidia la situazione maltempo in sinergia con il Coc (Centro Operativo Comunale), convocato ieri dalla sindaca di Roma Virginia Raggi a seguito all’allerta meteo nella Capitale diramata dal Sistema di Protezione Civile.In campo 15 squadre del Simu al lavoro sulle strade a maggior rischio allagamento, per predisporre disostruzioni e allontanamento delle acque meteoriche. Già risolti i casi di allagamenti stradali segnalati su via Cristoforo Colombo, via Oceano Atlantico, piazza Colosseo, piazzale Ponte Milvio, via Capannelle, Piazzale Verano, mentre su via Tiburtina e piazza di Porta Capena sono stati rimossi foglie e aghi di pino. Operative anche le squadre municipali e le imprese di pronto intervento.
In vista delle precipitazioni – che oggi hanno assunto carattere di eccezionalità, avendo superato i 100 mm di pioggia in sole tre ore anziché 70 mm diluiti in tutta la giornata – nel corso di queste settimane è stata anticipata e intensificata la pulizia delle caditoie per prevenire occlusioni e allagamenti. Oltre 100 le arterie cittadine interessate dalla manutenzione: dal Lungotevere a via Tiburtina, via Monti Tiburtini, via Cipro, viale Palmiro Togliatti e via Casilina, fino alle diverse sedi tranviarie.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quinta edizione del Festival del Giornalismo Culturale

Posted by fidest press agency su domenica, 10 settembre 2017

SONY DSCRoma Giovedì 14 settembre alle ore 12.00 presso la “Sala Gianfranco Imperatori” dell’Associazione Civita (Piazza Venezia, 11), si terrà la conferenza stampa di presentazione della quinta edizione del Festival del Giornalismo Culturale previsto dal 12 al 15 ottobre 2017 fra Urbino, Fano e Pesaro.
Organizzato dall’Università di Urbino Carlo Bo-DISCUI e dall’Istituto per la Formazione al Giornalismo di Urbino in collaborazione, fra gli altri, con l’Associazione Civita, e diretto da Lella Mazzoli e Giorgio Zanchini, il Festival di quest’anno – dal titolo “Patrimonio culturale. Una Storia, 1000 modi per raccontarla” – è dedicato alle modalità e ai linguaggi utilizzati da musei ed istituzioni culturali italiane per comunicare con il pubblico, anche attraverso l’uso delle nuove tecnologie, oltre che alle prospettive future del giornalismo culturale ed alla comunicazione del patrimonio.Tante le rassegne e i momenti di confronto con alcuni tra i più noti giornalisti del panorama italiano.
Alla conferenza stampa interverranno: Francesco Palumbo, Direttore Generale Turismo MiBACT, Nicola Maccanico, Vice Presidente Vicario Associazione Civita, Matteo Ricci, Sindaco Comune di Pesaro, Massimo Seri, Sindaco Comune di Fano e i Direttori del Festival Lella Mazzoli e Giorgio Zanchini.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Valorizzare l’area archeologica centrale

Posted by fidest press agency su domenica, 10 settembre 2017

franceschini jpgRoma. Una nuova commissione congiunta di alto profilo istituzionale tra Roma Capitale e Mibact per trovare in tempi celeri modalità di valorizzazione dell’area archeologica centrale. Questa la proposta che è stata avanzata dalla Sindaca di Roma Virginia Raggi in una lettera inviata al Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini. Nell’incontro svoltosi lo scorso 2 agosto al Mibact, il vicesindaco di Roma e Assessore alla Crescita Culturale Luca Bergamo aveva proposto di esplorare le modalità migliori per consentire la libera fruizione dell’area archeologica stessa riservando a soli attrattori principali (ad esempio Colosseo e Palatino) l’accesso a pagamento. Nella missiva inviata al Ministro, Raggi sottolinea l’intenzione di “Roma Capitale di avviare un confronto con il Mibact per pervenire ad un accordo per la nascita di un grande parco cittadino nel cuore della Capitale e consentire il pieno dispiegamento del potenziale contributo dell’area in questione allo sviluppo civile, culturale ed economico della Capitale e del Paese”.“Se si togliessero le recinzioni e, escluso il Colosseo e il Palatino, l’area dei Fori fosse a libera fruizione, vorrebbe dire liberare quell’area da una gestione esclusivamente turistica e sarebbe un input per creare condizioni per la nascita e lo sviluppo di servizi alla crescita culturale estesi a tutti e con un alto valore aggiunto”, commenta Bergamo.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Necessaria digitalizzazione su larga scala degli archivi in materia edilizia

Posted by fidest press agency su sabato, 9 settembre 2017

computerRoma. «Qualche mese fa l’assessore all’Urbanistica di Roma Capitale, Luca Montuori, aveva giustamente rilanciato il progetto di una digitalizzazione su larga scala degli archivi in materia edilizia. Ora, purtroppo, sembra che quell’idea, più che condivisibile, sia stata accantonata, visto che per accelerare l’evasione delle pratiche di condono viene ipotizzato un massiccio ricorso all’autocertificazione. In pratica, quei cittadini che hanno commesso un abuso se lo vedranno sanato in base a una dichiarazione da loro stessi prodotta: una sanatoria al quadrato». Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA, azienda specializzata nella regolarizzazione di patrimoni immobiliari.«La situazione dell’ufficio condono di Roma è decisamente complessa e non è un caso che rimangano da evadere ancora circa 200.000 istanze delle 600.000 presentate. Ma non è certo con una deregolamentazione a tappeto che si risolve la questione. Trattandosi di una materia estremamente delicata, una dichiarazione da parte del cittadino non può mai sostituire il lavoro di verifica degli uffici tecnici comunali: il rischio è quello di vedere aumentata l’opacità di un sistema che avrebbe invece bisogno di un salto di qualità proprio sotto il profilo della trasparenza delle procedure.Alle amministrazioni – spiega Simoncini – fa ovviamente gola recuperare gli introiti che deriverebbero dalla lavorazione delle pratiche di condono, soprattutto in una fase in cui gli enti locali faticano tremendamente a reperire risorse finanziarie: a Roma mancano all’appello circa 800 milioni di euro tra oneri concessori, oblazioni, diritti di istruttoria e di segreteria. Ma vanno fatte scelte ponderate e innovative: in Italia appena un Comune su dieci possiede un archivio digitale in materia di condono edilizio, ma per metterlo in piedi basterebbe far pagare a ciascun cittadino che ha presentato domanda una manciata di euro per procedere alla scansione della documentazione prodotta. Anche perché, lavorare le pratiche inevase permetterebbe di avere ingenti risorse da destinare alla messa in sicurezza del territorio e alla demolizione di quanto edificato in spregio delle regole e del buon senso».

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

90 anniversario della fondazione dell’Accademia d’Ungheria in Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 settembre 2017

accademia d'ungheriaaccademia d'ungheria1Roma. Dal 12 settembre 2017 prenderà il via presso l’Accademia d’Ungheria Via Giulia, 1 Palazzo Falconieri, la stagione delle celebrazioni indetta per il 90 anniversario della fondazione della stessa accademia. L’obiettivo della stagione è presentare la cultura ungherese in Italia nonché la storia degli ultimi 100 anni dei rapporti italo- ungheresi, con particolare riguardo al ruolo e all’attività dell’Accademia d’Ungheria in Roma. La stagione si preannuncia molto ricca e di assoluta eccellenza. Si prevedono numerosi programmi sia a Roma sia in altre città italiane, che spazieranno dall’arte alla letteratura, musica, teatro e cinematografia tutto in un’ottica contemporanea. Le celebrazioni si inseriscono bene anche nell’ambito della diplomazia ungherese, dal 1o luglio 2017 è infatti l’Ungheria a ricoprire per un anno la presidenza del Gruppo di Visegrád.
accademia d'ungheria2Il 12 settembre p.v. alle ore 19.30 sarà la mostra dei borsisti di arti visive dell’Accademia d’Ungheria in Roma ”90/10” ad aprire la serie di manifestazioni. La mostra allestita presso la Galleria del Palazzo Falconieri presenterà delle opere d’arte contemporanea realizzate da 10 artisti ungheresi che spaziano dalla pittura alle installazioni, videoinstallazioni ed opere di arte concettuale. Nel corso del vernissage, DJ Matild, nota figura della scena musicale alternativa ungherese, intratterrà il pubblico con una selezione di musiche da lui curate, dagli anni ‘20 ad oggi. (https://hu-hu.facebook.com/djmatild/)
Il 14 settembre p.v. ore 19.30 si proseguirà con un’altra mosta collocata sul Piano Nobile del Palazzo Falconieri, intitolata I pupilli magiari di Roma. Giocatori ungheresi nelle squadre capitoline, che ripercorrerà le tappe più importanti della storia dei rapporti italo-ungheresi nel campo dello sport,in particolare in quello del calcio.
Il 15 settembre p.v. ore 20.30 si terrà invece il concerto del Trio Zoord che si ispira a melodie transilvaniche tradizionali, radici tradizionali dell’Europa dell’Est, con l’esibizione dell’arpa, tamburi pesanti e violino e voce. Musica intensa e potente, reinterpretazioni delle tradizioni musicali “in chiave contemporanea”, il cui risultato acustico può risultare familiare anche a coloro che amano la musica elettronica. Il trio, analogamente alla sua formazione precedente (Airtist), si esibisce regolarmente ai più importanti festival della scena musicale europea e mondiale. (foto: accademia d’ungheria)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Amministrazione capitolina contro illegalità e abusivismo”

Posted by fidest press agency su martedì, 5 settembre 2017

campidoglioRoma. “Apprendo con dispiacere che, a seguito di alcuni controlli effettuati dalla Polizia Locale sulle attività commerciali situate in Via Ripetta, una elevata percentuale risulta non in regola. Un quadro che desta preoccupazione e che non collima con la nostra idea di legalità, intollerante nei confronti delle occupazioni abusive di suolo pubblico, dell’inquinamento ambientale e di tutto quanto possa influire negativamente sul decoro urbano. Per converso, il nostro sostegno nei confronti delle attività virtuose e legali sarà sempre pieno e incondizionato. Il mio plauso va alla Task Force del Comando Generale di Via della Consolazione, la cui azione quotidiana contribuisce a favorire, in maniera determinante, il ripristino della legalità nel territorio di Roma Capitale”. Lo dichiara, in una nota stampa, il presidente della Commissione Turismo, Moda e Relazioni Internazionali Carola Penna.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Atac: concordato preventivo

Posted by fidest press agency su martedì, 5 settembre 2017

atac trasporti romaRoma. “Il Concordato preventivo scelto da Atac è la non soluzione del M5S per il trasporto pubblico romano. Di fatto si congela così la situazione in Atac e non si fa un passo in avanti nella direzione né del risanamento, né del miglioramento del servizio di trasporto pubblico della città. Per i romani questa scelta rischia di determinare nuovi tagli. Il M5S chiarisca ai cittadini dove prenderà i 200 milioni di euro necessari per il concordato preventivo. Tanto, infatti, costerà alle casse comunali il concordato di Atac: 120 milioni circa derivanti dalla svalutazione che potrebbe subire il credito vantato dal Comune nei confronti di Atac e 80 milioni dall’integrazione del contratto di servizio che la maggioranza intende portare presto in Aula. Oltre a sottolineare l’atteggiamento incoerente del M5S che da una parte porta i libri in tribunale, dall’altra intende affidare nuovi lavori a un’azienda per cui potrebbe profilarsi anche l’ipotesi del fallimento, siamo realmente preoccupati, come Partito Democratico, del futuro del servizio di trasporto pubblico della città per cittadini e lavoratori. Lo stato di salute dei conti dell’Amministrazione rischia di subire, poi, con questa scelta un ennesimo colpo, con tagli che influiranno su investimenti e qualità dei servizi. Il M5S ha fatto campagna elettorale dicendo che Atac sarebbe rimasta pubblica e alla prova dei fatti dimostra invece qual è il suo vero volto. Libri in tribunale e assenza totale di assunzione di responsabilità della politica”. Così in una nota la capogruppo del Partito Democratico in Campidoglio, Michela Di Biase.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Ancora disservizi idrici

Posted by fidest press agency su sabato, 2 settembre 2017

aceaAncora famiglie costrette per giornate intere senza acqua. Come se non bastasse, ora Acea annuncia un piano di riduzione delle pressioni della rete idrica nelle ore notturne nei Comuni di Roma e Fiumicino per combattere l’emergenza siccità.La situazione climatica, quest’estate, è stata assolutamente critica. La prolungata siccità, che sembra non avere fine, unita a una a dir poco inefficiente gestione dell’acqua, ha creato una lunga serie di disagi con cui i cittadini continuano a fare i conti.
Qual è la responsabilità di Acea in questa emergenza idrica? E’ evidente che la straordinaria siccità ha avuto un ruolo predominante, ma l’azienda che avrebbe dovuto effettuare una serie di interventi volti ad aumentare la propria disponibilità d’acqua, ha gestito nel peggiore dei modi le risorse idriche. Immani perdite e continui guasti, camuffati con inutili tentativi di “rattoppo” e, soprattutto, migliaia di segnalazioni di cittadini accuratamente ignorate dall’azienda che continua a non prendersi le proprie responsabilità, nascondendosi dietro un dito. A giugno, le Associazioni Consumatori chiedevano all’amministratore delegato di Acea, Lanzalote, un incontro urgente in vista della particolare situazione climatica e delle più che probabili criticità.Incontro mai avvenuto a causa del rifiuto dell’amministratore che ha preferito rimandare in quanto, a suo dire, non aveva ancora chiaro il punto della situazione. Codici avrebbe voluto presentare un documento tecnico con le proposte per la valorizzazione e l’efficientamento dell’azienda, considerata la nostra presenza storica sul territorio e in virtù del rapporto privilegiato con i consumatori, grazie al quale siamo perfettamente a conoscenza dei punti deboli e delle criticità di una gestione che troppo spesso ha causato, e continua a farlo, ingenti danni ai cittadini. Alla vigilia del cambio ai vertici dell’azienda, con la chiusura definitiva della stagione Irace- Tomasetti, Codici auspicava la costruzione di un nuovo Cda basato su trasparenza innovazione e partecipazione. Speravamo che la scelta ricadesse su esperti del settore e persone che conoscessero a fondo le problematiche della città. Invece così non è stato e in questo il Comune, proprietario dell’azienda, è assolutamente responsabile. La situazione di Acea è nota a tutti e da sempre. Si tratta di un problema risaputo e strutturale che riguarda, da anni, soprattutto le zone periferiche e di provincia, ma che soltanto ora, riguardando direttamente la città di Roma, pare aver assunto il giusto peso che merita. Nelle zone del basso Lazio la chiusura notturna delle rete idrica è prassi aziendale consolidata da sempre, interi comuni senza acqua, anche per molti giorni, e nessuno a vigilare sulla situazione. L’autorità (AEEGSI) avrebbe dovuto vigilare e tenere strettamente sotto controllo la gestione dell’azienda idrica, piuttosto che eseguire provvedimenti a suo favore.
Bisogna chiarire di chi sono le responsabilità di questo disastro.
Codici annuncia esposto alla Procura, chiamando in causa Acea, ATO, Comune di Roma, Autorità per l’energia e Regione Lazio. E’ necessario dare delle risposte a tutti i consumatori costretti da tempo a subire disagi immani, affinché situazioni del genere siano, in futuro, scongiurate.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emergenza abitativa a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 2 settembre 2017

roma10Roma Nell’ottica di individuare soluzioni condivise al problema dell’emergenza abitativa nella città di Roma, il Campidoglio ha avviato un percorso comune con la Regione Lazio per giungere, il prima possibile, alla stipula della convenzione per l’attuazione della delibera regionale 303/2017. Come ribadito nell’ambito del vertice odierno presso la Prefettura di Roma, saranno rivisti i criteri di utilizzazione dei 40 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione, di cui 10 milioni destinati alla riqualificazione del complesso dell’Ipab San Michele. Tali fondi, coerentemente con la strategia di contrasto al disagio abitativo messa a punto da Roma Capitale, dovranno prioritariamente essere destinati ai soggetti in graduatoria per l’assegnazione di un alloggio popolare e ai nuclei familiari in condizioni di fragilità sociale. È quanto rende noto il Campidoglio.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Accademia Teatrale di Roma dà il via alle audizioni per il 2017/18

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 settembre 2017

accademia teatraleRoma. L’ Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea, dopo aver vinto 2 nuovi prestigiosi premi internazionali che la confermano una delle migliori scuole di teatro a livello internazionale, da il via alle audizioni per il nuovo anno accademico 2017/2018. I 2 nuovi premi conquistati dagli allievi dell’Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea sono il prestigioso Premio della Giuria al Festival Internazionale di Varsavia-Polonia e il premio per il Miglior Spettacolo al Festival di Teatro Internazionale di Casablanca-Marocco. Due nuovi successi della Scuola di Teatro Sofia Amendolea che si aggiungono ai numerosissimi premi vinti all’estero, con oltre 100 partecipazioni a festival internazionali in tutto il mondo e oltre 50 premi Internazionali vinti. Partecipazioni e premi che confermano da ormai 10 anni l’Accademia come eccellenza italiana nello studio del teatro, rappresentando la didattica teatrale italiana all’estero. Le lezioni di teatro dell’Accademia Sofia Amendolea Gli allievi attori della scuola di teatro “Sofia Amendolea” grazie a queste partecipazioni internazionali hanno la possibilità di incontrare centinaia di strutture didattiche teatrali provenienti da tutto il mondo. All’Accademia, dedicata alla grande “Sofia”, attrice e docente di Teatro, prematuramente scomparsa e che ha fatto del teatro una scelta di vita, si lavora 11 mesi l’anno per 3 anni (il minimo che uno studente di teatro dovrebbe fare), con classi rigorosamente a numero chiuso. Oltre 5.000 le ore di lavoro, e solitamente si entra in Accademia con il sole e si esce che è già buio. Numerosi i viaggi studio all’estero, 16 i docenti di ruolo e numerose le materie di studio tra cui Interpretazione, Espressione Corporea, Improvvisazione, Costume, Uso dell’Oggetto, Dizione, Lingua Inglese, Teatro Greco, Mimo, Portèes Drammatici, Commedia dell’Arte, Recitazione Cinematografica, Lettura Interpretativa, Storia del Teatro, Storia del Cinema, Storia del Costume, Canto Corale, Musical Coach, Teatro Comico, Spada Medievale. Nel programma anche Boxe ed Equitazione che si svolgono in due strutture di eccellenza della capitale. Prima di prenotare un’audizione (gratuita) bisogna avere ben chiaro che si tratta di un percorso lungo e faticoso, si deve avere una forte motivazione ed una grande passione per il teatro, oltre ad avere il “talento” per fare questo mestiere, ovvero avere il teatro “dentro di se”. Le opportunità per gli attori dell’Accademia Sofia Amendolea L’Accademia, per le sue caratteristiche è la scelta ideale per gli allievi attori che hanno in mente l’idea chiara e decisa di “trasformare la propria passione per il teatro in una professione”. L’attore diplomato della “Sofia Amendolea” si trova ad avere infatti ad avere alla fine del triennio un curriculum da far invidia ai più navigati attori. Per questo sono durissime le audizioni rivolte a chi vuole intraprendere un percorso professionale. Le uniche cose che contano sono il talento, la passione e la motivazione dei 15 studenti che costituiranno la nuova classe accademica, che affronterà un percorso lungo e faticoso. Dentro la prestigiosa Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea A vedere gli interni e le sale si capisce subito che ci si trova in un luogo sacro. Sacro è il palco, sacri i camerini, sacro è il lavoro quotidiano che vediamo fare agli allievi della “Sofia Amendolea” (tutti rigorosamente vestiti di nero). Nero è il palco, nere sono le quinte, nera è la divisa del teatro, perché con il nero non si hanno distrazioni nell’insegnamento e tutto è focalizzato sul viso e sul movimento. Il team dell’Accademia Fabio Omodei, Paolo Alessandri e Monica Raponi, Docenti dell’Accademia si occupano anche della Direzione. Affiancano la didattica numerosi Maestri di Teatro del panorama nazionale ed internazionale come Elisabetta De Vito, Flavio Albanese, Pierre Massip, Sara Mangano, Marta Iacopini, Adriano Evangelisti, Ramona Genna, Flavia Martino, Danilo Butcovich, Valeria Fiore, Francesco Felli, Michele Costantini, Roberto Ferri. Le partnership dell’Accademia Sofia Amendolea Fondamentale è la simbiosi e la sinergia con il Roma Teatro Festival (Prima Edizione nel lontano 2003), un festival teatrale internazionale organizzato e gestito dall’Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea che seleziona gli spettacoli delle migliori scuole e accademie di tutto il mondo. Tanti i giovani attori da tutto il mondo che si incontrano, scambiano esperienze e creano opportunità di lavoro. Numerosi i gemellaggi e gli scambi didattici con numerosi Festival del mondo, grazie a cui gli allievi attori della Scuola di Teatro Sofia Amendolea hanno l’opportunità concreta di partecipare ad esperienze all’estero, a Workshops con maestri di livello internazionale, oltre all’opportunità di andare in scena presso i più prestigiosi Festival e teatri del mondo. Queste caratteristiche uniche fanno della Sofia Amendolea di Roma un’isola felice di studio, di disciplina e di sacralità dedicate esclusivamente al teatro, in un momento particolare del nostro Paese, che nella cultura, teatro e spettacolo potrebbe vedere delle grandi opportunità di rilancio. Per maggiori informazioni sull’Accademia consigliamo di visitare il sito internet http://www.accademiateatralediroma.com. (foto. accademia teatrale)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma Capitale: Avvalersi dei conventi per i rifugiati

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 agosto 2017

basilica dei SS. Apostoli a RomaRoma Per la sistemazione dei rifugiati ci si può avvalere dei conventi. “Ero straniero e mi avete ospitato” è la frase riportata nel vangelo di San Matteo. Utile ricordarlo a un popolo di cattolici e, soprattutto, a chi di questa frase ne ha fatto, appunto, il Vangelo. L’Italia è piena di conventi, monasteri, e abbazie, trasformati, in centri ricettivi di vario tipo. Lo sgombero, drammatico, di un edificio, che ha riempito le cronache romane di qualche giorno fa e la difficoltà di trovare una sistemazione, seppur provvisoria, dei rifugiati, può trovare soluzione nella quarantina di strutture ricettive religiose situate nel Lazio. L’attendamento dei rifugiati, nel porticato della basilica dei SS. Apostoli a Roma, non ci sembra la soluzione migliore, anche per le condizioni igieniche. Adiacente alla basilica c’è un convento. Occorre la disponibilità dei vari ordini religiosi. Non siamo buonisti, riteniamo che il rispetto della legge garantisca la convivenza a tutti, e a fronte di situazioni emergenziali, occorra chiedere la disponibilità, anche temporanea, di chi disponga di ampie strutture ricettive. (Primo Mastrantoni, Segretario Nazionale Aduc)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: manutenzione stradale

Posted by fidest press agency su martedì, 29 agosto 2017

strade e bucheProseguono senza sosta gli interventi di pulizia di caditoie e bocche di lupo pianificati dal Comune di Roma, per prevenire occlusioni e allagamenti in vista delle piogge autunnali.Già programmate nell’ambito della manutenzione ordinaria della grande viabilità cittadina, le attività in questione sono state tuttavia anticipate e intensificate.“Questa prima fase di interventi – avviata nel mese di giugno e programmata fino a settembre – si è focalizzata sulle aree di maggior criticità, individuate su tutto il territorio cittadino di concerto con AMA e Protezione Civile a seguito di specifiche ricognizioni, per rafforzare la tenuta del sistema di smaltimento delle acque meteoriche” dichiara l’assessora ai Lavori Pubblici Margherita Gatta. Le arterie coinvolte, oltre 100, sono quelle che hanno evidenziato livelli di rischio allagamento più elevati: dal Lungotevere a via Tiburtina, via Monti Tiburtini, via Cipro, viale Palmiro Togliatti e via Casilina, fino alle diverse sedi tranviarie.
Per consentire una rapida esecuzione dei lavori, potrebbero rendersi necessari eventuali divieti di sosta temporanei, comunicati 48 ore prima alla cittadinanza tramite appositi cartelli sul posto.

Posted in Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spettacolo: “Prove aperte”

Posted by fidest press agency su domenica, 27 agosto 2017

prove aperteRoma Dal 30 agosto al 1 settembre 2017 A Villa Mercede, Via Tiburtina 113 – 115 spettacolo “Prove aperte” del Libero Teatro Calabria (Cosenza) Scritto e diretto da Max Mazzotta Con Max Mazzotta, Graziella Spadafora e Paolo Mauro.
Prove Aperte racconta le vicende di tre teatranti calabresi Mimì, Cocò e Carminuzzu (folle regista dei nostri tempi) alle prese con l’allestimento di uno spettacolo da rappresentare in un importante teatro con pochi giorni a disposizione e con una compagnia ridotta al minimo indispensabile. Mimì e Cocò fanno fatica a capire le idee del folle regista, la sua poetica e il suo modo di concepire l’arte teatrale, anche perché egli vorrebbe realizzare uno spettacolo incentrato sulla ricerca di «Un teatro moderno che parla dei tempi moderni» e che esprima attraverso metafore il tema della vittima e del carnefice. Questo li porta a sperimentare, in uno spazio ideale che Carminuzzu chiama Quadrato Magico (il magma della creazione), improvvisazioni di «storielle brevi, semplici e dirette», scelta che lo porterà alla creazione di una nuova forma di teatro che chiamerà Flash Art. tutti gli attori, anche Mimì e Cocò vivono il dramma di dover recitare sia sulla scena che nella vita e durante la preparazione di uno spettacolo questo dilemma si fa più stridente, portando i personaggi a compiere azioni la cui irrazionalità sorprende anche loro stessi. E’ proprio durante le prove che vengono fuori tutti i lati oscuri delle loro personalità, permettendo così al pubblico di conoscerli, di amarli, di odiarli, di giustificarne ogni intenzione.
Foto scenaLa forza di Prove Aperte sta sicuramente nell’irresistibile, surreale comicità dei personaggi; se Carminuzzu è un regista talmente pazzo da costringere i compagni a improvvisare una scena che ha come protagonisti una soppressata e un salumiere, Mimì e Cocò sono degnissimi rappresentanti della vasta gamma di manie, vezzi, isterismi e sindromi compulsive che caratterizzano gli attori. La sincerità della loro follia fa sì che ciò che avviene in scena risulti nello stesso tempo del tutto incredibile e assolutamente verosimile; il pubblico viaggia sospeso fra questi due opposti, domandandosi per tutto il tempo se i personaggi sul palcoscenico siano tre poveri guitti, oppure degli artisti talmente grandi da risultare incomprensibili. Al di là della risposta che ciascuno spettatore si darà, lo scopo dello spettacolo è proprio quello di stimolare domande e allo stesso tempo raccontare, con l’esplosiva leggerezza della comicità, il dramma della vita nel teatro, le quotidiane difficoltà con cui si scontra chi si rassegna a fare della poesia, del sogno e dell’immaginazione il proprio mestiere; la fatica, l’amore e la follia che ne costituiscono la straordinaria essenza. Palco A: 21.00 mercoledì 30 agosto, Palco B: 19.30 giovedì 31 agosto, Palco A: 21.00 venerdì 1 settembre. Biglietto unico 6 euro.(foto: prove aperte)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agenti aggrediti a Roma durante sgombero e le omissioni dei media

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 agosto 2017

pianeseIl sindacato Coisp della polizia ci scrive: “E’ inaccettabile e fuorviante la polemica che alcuni stanno alimentando su una frase attribuita ad un poliziotto impiegato nei servizi connessi allo sgombero di piazza Indipendenza, a Roma. Troviamo anzi ridicolo che qualcuno tenti di far dimenticare la guerriglia organizzata dagli immigrati che abusivamente occupavano un intero stabile, affittando illecitamente a disperati abbandonati dalla politica e dai servizi assistenziali. Bisognerebbe capire come mai sono repentinamente spariti i filmati di ore di aggressioni indiscriminate e violentissime ai danni dei poliziotti, con evidenti tentativi di ucciderli, persino facendo esplodere delle bombole di gas che solo grazie alla buona sorte oltre che alla competenza e professionalità dei colleghi non hanno causato una strage fra gli appartenenti alle forze dell’ordine. Come mai su questi filmati scomparsi nessun commento, nessuna polemica, nemmeno un timido atteggiamento di riprovazione o anche solo un vago rimprovero? Come mai nessuna richiesta di individuare e punire in modo esemplare i responsabili?”.
E’ il commento di Domenico Pianese, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, dopo lo strascico polemico seguito ai fatti di Roma dove le Forze dell’Ordine sono state inviate a effettuare lo sgombero di un centinaio di migranti accampati a piazza Indipendenza, dopo essere stati sgomberati dal vicino palazzo di via Curtatone ed aver rifiutato una sistemazione alloggiativa alternativa. Contro gli agenti sono stati lanciati sassi, bottiglie e bombole di gas, tanto che si è reso necessario utilizzare gli idranti per sedare la rivolta neutralizzando il rischio di scoppi o incendi. Ma poche ore dopo la rivolta i media si sono concentrati su una frase pronunciata nelle concitate fasi dello sgombero da un funzionario, il quale evidentemente si aspettava una reazione violenta da parte degli abusivi. “Oggi – conclude Pianese – avremmo voluto piuttosto conoscere il numero delle persone arrestate per aver attentato alla vita dei poliziotti, e non sentire inutili chiacchiere montate ad arte a proposito di una frase carpita e usata strumentalmente al di fuori del contesto e senza avere la minima contezza né la minima percezione delle circostanze emergenziali in cui si stava operando. Certi benpensanti a senso unico prima di sputare sentenze dovrebbero provare l’ebbrezza di restare per ore bersagliati dal lancio di oggetti di ogni genere, rischiando di diventare torce umane a causa di un innesco incendiario o di morire a seguito di un’esplosione, poi noi saremmo i primi disposti a certificare la serafica calma che normalmente usano quando giudicano il lavoro dei poliziotti, se davvero riuscissero ancora a conservarla a quel punto. La verità è che ci indigna sentire certe farneticanti considerazioni, per un motivo semplice e lapalissiano: chi attacca i poliziotti e cerca di ucciderli non merita alcuna solidarietà, merita di andare in galera”. (n.r. Come non dare ragione al sindacato di polizia per i fatti di Roma? Abbiamo visto tutti cosa hanno fatto gli immigrati per strada e affacciati ai balconi dell’edificio da sgomberare. Perché non si dice che da tre anni sono stati occupati abusivamente dei locali e nel complesso l’edificio è ridotto in condizioni pietose. Questa circostanza come molte altre ci rende consapevoli del fatto che siamo giunti a un livello di degrado sociale e intellettuale molto grave. Non si cerca la pacificazione degli animi ma la volontà ad esasperarli e a trovare legittimo ciò che nei fatti è un illecito penalmente e civilmente rilevabile. Se si fa passare tra gli immigrati che si possono esercitare violenze e distruzioni della proprietà pubblica impunemente e che i poliziotti possono diventare il loro bersaglio preferito senza pagarne le conseguenze allora davvero stiamo toccando il fondo.)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma verso Rifiuti Zero?

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 agosto 2017

rifiuti

Roma. Dal 23 al 26 ottobre, Roma Capitale ospiterà una task force internazionale di esperti per sostenere e rafforzare il proprio percorso verso Rifiuti Zero iniziato con l’approvazione, lo scorso mese di marzo, del Piano per la Gestione Sostenibile dei materiali Post Consumo 2017-2021. L’iniziativa è stata decisa ieri nel corso di un incontro tra l’assessore alla Sostenibilità Pinuccia Montanari e Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Italy.“Per la prima volta Roma si è dotata di un piano concreto e misurabile per la riduzione di 200.000 tonnellate all’anno degli scarti da smaltire in discarica o inceneritore e per portare la raccolta differenziata al 70%. Questi obiettivi e le metodologie per raggiungerli saranno al centro di un importante confronto internazionale”, afferma l’assessore alla Sostenibilità Pinuccia Montanari.“In passato non sono mancati gli incontri tra le Amministrazioni Capitoline e quelle di città come San Francisco, che è stata la prima metropoli al mondo ad adottare una strategia Rifiuti Zero. Ma alle parole non sono seguiti i fatti. Per questo abbiamo deciso di confrontarci con chi ha già intrapreso il nostro stesso percorso verso Rifiuti Zero solo dopo aver deliberato e avviato il nostro piano. L’agenda prevede incontri istituzionali, seminari tecnici, confronti con le parti sociali: tutti gli appuntamenti saranno molto concreti e operativi”, spiega Montanari.“Ad oggi, Roma rappresenta il più importante banco di prova per la strategia Rifiuti Zero che è stata già adottata con ottimi risultati da importanti metropoli nel mondo”, aggiunge Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Italy e di Zero Waste Europe, “per questo abbiamo deciso di collaborare con l’Assessorato alla Sostenibilità mettendo a disposizione dell’Amministrazione Capitolina e di AMA un International Advisory Board di grande qualità e competenza”.“Ridurre gradualmente gli scarti da avviare a discariche e inceneritori, fino ad azzerarli, è l’obiettivo della Strategia Rifiuti Zero che, per la prima volta nella storia amministrativa di Roma, è stata posta alla base di un piano per la gestione dei rifiuti nella Capitale”, conclude Montanari, “questa scelta, che necessita di un importante sforzo da parte di tutti, ci pone a livello internazionale tra le più importanti realtà metropolitane orientate alla sostenibilità”.L’International Advisory Board per Roma verso Rifiuti Zero sarà coordinato da Paul Connett, professore della Lawrence University di Canton, e coinvolgerà: Jack Macy, coordinatore Zero Waste per la città di San Francisco; Amy Perlmutter, Zero Waste Boston; Ruth Abbe, presidente Zero Waste USA; Rick Anthony, presidente Zero Waste International Alliance; Joan Marc Simon, direttore esecutivo Zero Waste Europe; Rossano Ercolini, presidente Zero Waste Italy e Zero Waste Europe; Enzo Favoino, coordinatore scientifico Zero Waste Europe; Paolo Contò, direttore Contarina Spa, Treviso.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La Caritas di Roma sui fatti di Piazza Indipendenza

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 agosto 2017

piazza indipendenzaRoma. Lo sgombero dell’immobile a piazza Indipendenza, occupato dal 2013 da una numerosa comunità di rifugiati e titolari di protezione internazionale di origine etiope ed eritrea, era un intervento che gli addetti ai lavori – amministratori, operatori sociali e giornalisti – sapevano da tempo che sarebbe avvenuto. Questo per questioni inerenti la legalità, la sicurezza di quanti vi vivevano in condizioni precarie e pericolose e, non ultimo, per il decoro urbano essendo situato in un luogo vitale per la città.Quello che lascia interdetti è il modo in cui questo è avvenuto, senza alcuna programmazione ed in una logica emergenziale che non può far altro che portare all’escalation cui abbiamo assistito stamane. Un intervento di questo tipo, per l’alto numero delle persone interessate, per la presenza di bambini e nuclei familiari e per la storia di sofferenze e violenze che queste persone hanno subito, richiedeva da tempo interventi sociali mirati e programmati, inseriti in un più vasto programma di iniziative che riguardano gli alloggi popolari e le strutture di accoglienza di emergenza. Purtroppo queste politiche – come hanno dimostrato i fatti di “Mafia Capitale” – sono assenti da anni nella nostra città e di questo ne approfittano gruppi e organizzazioni che vivono sulle spalle dei poveri anche nei fenomeni delle occupazioni.Sono ancora molte le situazioni di occupazioni irregolari presenti nella Capitale, che non riguardano solo rifugiati e immigrati e che vedono coinvolte anche numerose famiglie romane. Per questo la Caritas di Roma chiede l’istituzione di un tavolo permanente presso la Prefettura, con Comune e Regione, per il monitoraggio e la gestione delle occupazioni.
Fenomeni così complessi non possono infatti essere lasciati gestire alla magistratura e alle forze dell’ordine.I fatti di piazza Indipendenza richiamano anche le politiche nazionali di accoglienza dei rifugiati, per i quali oltre al circuito Sprar e dopo il periodo di accoglienza all’interno di esso, non vi sono altre possibilità. Occorre prevedere invece percorsi di integrazione mirati che tengano conto dei nuclei familiari, del livello di istruzione e del percorso migratorio dei singoli. Non bastano pochi mesi nelle strutture di accoglienza perché si possa parlare di accoglienza. Occorre prendere coscienza che il riconoscimento della protezione internazionale ad un cittadino straniero non è solo un atto amministrativo, ma un impegno per il nostro paese ben delineato nei quattro capisaldi che ci ha indicato papa Francesco: accogliere, proteggere, promuovere e integrare.La Caritas di Roma, presente in piazza Indipendenza con un equipe di operatori, si è attivata a sostegno dei nuclei più fragili con l’augurio che, nell’ambito della mediazione proposta, tutti operino per il bene dei migranti, non solo di quelli presenti in Piazza ma anche delle migliaia che vivono situazioni simili; affinché la rivendicazione di diritti e interessi legittimi non si trasformino in conflitti duraturi.(n.r. Sappiamo che il comune di Roma ha fatto la sua parte per tutelare i soggetti più deboli: (donne, bambini, in prticolare). Tutto questo è accaduto perchè si lascia trasparire l’idea che non esiste il il rispetto della legalità e quel che è peggio lo stiamo trasferendo ai nuovi venuti. Abbiamo l’assurdo di trovarci in un paese dove di leggi ci sono fin troppe ma è anche il paese dove ben pochi le ottemperano.) (foto: corriere della sera dove si vede il lancio di una bombola di gas)

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma e le piste ciclabili

Posted by fidest press agency su martedì, 22 agosto 2017

“L’amministrazione Raggi continua a trascurare la ciclabilità della Capitale, venendo meno a tutte quelle promesse di ammodernamento e messa in sicurezza lanciate durante la campagna elettorale e riconfermate in più di un’occasione dall’assessore Meleo. In qualunque altra città o capitale europea ci sono decine o centinaia di chilometri di piste ciclabili tenute in maniera impeccabili, che collegano addirittura due nazioni, e offrono un punto di vista nuovo, inusuale e affascinante del contesto urbano. Vienna, Amsterdam, Parigi, Berlino solo per citarne alcune, hanno capito che puntare sulla mobilità sostenibile significa alleggerire il traffico veicolare, abbassando così i limiti di smog e polveri sottili, e incentivando l’attività fisica e il benessere dei cittadini. A Roma, invece, quei pochi chilometri di piste ciclabili lungo il Tevere sono in condizioni indicibili, avvolte nell’insicurezza di sterpaglie e accampamenti abusivi, prive di illuminazione e in balia di sbandati e nomadi. Proprio sulla pista ciclabile all’altezza di Tor di Valle fu ucciso dieci anni fa Luigi Moriccioli, assalito per rapina da due rumeni. E l’amministrazione grillina si è dimenticata di ricordare, proprio ieri, il giorno dell’aggressione ora speriamo onori la sua memoria il giorno della scomparsa avvenuta dopo quasi due mesi di agonia . Lo scorso 16 ottobre, lungo la ciclabile a Magliana, invece morì Marco Artiaco. Chissà se dopo un anno la Raggi ne commemorerà il ricordo perché fino ad oggi nessun intervento è stato effettuato per rendere sicuro il tratto dove è stato investito. Resta incontrovertibile il fatto che le piste ciclabili della Capitale restano insicure e incomplete. E anche con il Movimento 5 Stelle, nonostante le faraoniche promesse, Roma è ancora fanalino di coda in Europa sulla mobilità sostenibile. E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia.

Posted in Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Raggi i romani e i media

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

roma10I difficili rapporti tra i romani e gli amministratori locali sanno di antico e sono stati quasi sempre conflittuali. Cosa avrebbe potuto assicurarci un cambiamento con l’attuale gestione del Campidoglio con la prima donna sindaco? Alle sue spalle, tra l’altro, ha un Movimento che si è conquistata la fama d’essere costituito da persone oneste e di buona volontà e soprattutto fortemente critico con gli inciuci partitici del passato. Se vado a ritroso, diciamo, fino a trenta-trentacinque anni fa e poi risalgo la china sino a tutt’oggi con la lettura della cronaca locale e rispolverando il mio archivio personale mi sembra di fare copia-incolla con i malanni odierni. E allora perché tanta intolleranza per certi problemi tuttora irrisolti come se la Raggi possedesse la bacchetta magica della fatina e che con un colpetto qua e là potesse offrirci in un baleno uno spaccato della capitale nuovo di zecca? Ma a questo punto mi chiedo: sta proprio qui l’origine di tanta insofferenza che si percepisce tra la gente? O è qualcosa che si accumulata nel tempo e che ora l’attesa, sia pure giustificabile, non è più tollerata? Di certo posso dire che il feeling con i romani ha perso consistenza e le voci di dissenso crescono anche tra gli stessi iscritti al Movimento 5 Stelle sebbene la posizione ufficiale è di pieno sostegno alla Raggi. A questo punto non mi interessa tanto elencare le cose che continuano ad andare male, ma di capire l’irrequietezza dei romani per una sindaca che non sentono più rappresentativa, di fiducia e, a dispetto delle avversità, da sostenere. E’ forse colpa dei media che non perdono occasione per attaccarla ferocemente? Forse, sebbene nutra in proposito qualche dubbio. La mia convinzione è di tutt’altra natura. La Raggi, a mio avviso, ha perso il contatto con i romani, non parla con loro, ma lo fa solo a mezzo stampa, non espone loro con franchezza i suoi crucci di amministratrice. Mesi fa suggerii in proposito alla sindaca di coinvolgere i romani nella gestione pubblica, di renderli in qualche modo compartecipi impegnando il volontariato, la disponibilità di chi, come i pensionati, hanno la possibilità d’osservare e di riferire e di permettere loro di comunicare e di trovare dall’altra parte della cornetta chi prende nota dell’informativa e agisca di conseguenza in tempo reale. Roma è o non è dei romani, da chi da anni vi risiede e aggiungerei dei turisti, di quelli che l’amano e non la sporcano? (Riccardo Alfonso direttore agenzia stampa Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: Giunta Piano Cimiteri 2017-2021

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 agosto 2017

cimitero-veranoRoma.  Un programma d’investimenti serio per valorizzare il patrimonio storico-artistico, monumentale e ambientale dei cimiteri capitolini, attraverso progetti e interventi di manutenzione straordinaria e di riqualificazione a breve, medio e lungo termine, con l’obiettivo di rispondere alle aspettative dei cittadini. Questo è il Piano Cimiteri 2017-2021 approvato dal Campidoglio in una memoria di Giunta ed elaborato in collaborazione con AMA Spa, su impulso dell’Assessorato alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale e con il Dipartimento Tutela Ambientale.Si parte dall’ampliamento del Cimitero Laurentino e dall’estensione degli impianti crematori, visto l’incremento del numero annuale delle persone che optano per la cremazione. Su tutti i cimiteri di Roma verranno effettuati interventi di manutenzione sia ordinaria che straordinaria degli impianti, degli immobili, delle reti, dei viali, dei muri di cinta, della vegetazione, dei percorsi pedonali e carrabili, in più manutenzione del verde orizzontale e verticale e un’analisi dettagliata con monitoraggio e messa in sicurezza delle alberature. Al Flaminio verranno realizzati programmi di edilizia cimiteriali, è prevista la realizzazione di interventi di tipo igienico-sanitario per il deposito temporaneo delle salme e la realizzazione di una nuova condotta fognaria.Sono in programma anche gli interventi necessari al consolidamento e restauro dei manufatti di grande pregio sottoposti a vincolo all’interno del Verano, attraverso anche una valorizzazione turistica. A lungo termine, è prevista inoltre la costruzione di nuovi cimiteri.
Con la Memoria vengono approvati, infine, gli indirizzi strategico-operativi e linee di indirizzo per la predisposizione del contratto di servizio.“I Cimiteri Capitolini – spiega Pinuccia Montanari, assessora alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale – occupano una parte consistente di superficie nel tessuto urbano di Roma e rappresentano quindi una realtà importante all’interno della città. Accanto al Flaminio con i suoi 140 ettari, ci sono altri due cimiteri importanti per grandezza che sono il Verano, un vero e proprio museo a cielo aperto, e il Laurentino, più i sette cimiteri suburbani più piccoli. Un patrimonio che ci impegniamo a tutelare e valorizzare, tenendo anche conto delle straordinarie tradizioni e peculiarità storico-culturali di Roma, centro della cristianità e punto d’incontro tra culture, religioni e diverse etnie”. (n.r. Dobbiamo pensare che si parte con il piede giusto. Va, tuttavia, precisato un aspetto di non di secondaria importanza e ci riferiamo, nello specifico, ai problemi di sicurezza e di tutela per scoraggiare i vandalismi, gli scippi e le aggressioni. Queste cose si possono da subito tenere sotto controllo con una migliore ridistribuzione delle risorse umane.)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »