Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 28 n° 140

Posts Tagged ‘Roma’

Il 29 Novembre tutti a Roma! Marcia per il clima

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

marcia per il climaDomenica 29 Novembre, ore 14 Piazza FarneseMarcia per il Clima fino ai Fori Imperiali, dove dalle 17 ci sarà il Concerto per il Clima.
Dichiarano gli organizzatori: “in tutto il mondo ci stiamo organizzando per scendere in piazza il prossimo 29 novembre, poche ore prima del vertice per il clima più importante della nostra generazione! E Roma può essere uno dei cuori pulsanti di questa enorme mobilitazione.” (foto marcia per il clima)

Posted in Cronaca, Roma | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma la prima città del network FlixBus per numero di città collegate

Posted by fidest press agency su martedì, 10 novembre 2015

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sono ben 17 le città collegate direttamente con la capitale, ovvero: Alessandria, Asti, Bergamo, Brescia, Bologna, Firenze, Genova, Grosseto, Livorno, Mestre, Milano, Modena, Novara, Pisa, Reggio Emilia, Torino, Trieste. Ecco tutte le alte linee che già interessano la capitale:
MILANO – ROMA (Via Livorno)
Milano – Genova – Pisa – Livorno – Grosseto – Roma
MILANO – ROMA diurna (Via Bologna)
Milano – Bologna – Firenze – Roma
MILANO – ROMA notturna (Via Bologna)
Milano – Bologna – Firenze – Roma
BERGAMO – ROMA
Bergamo – Brescia – Reggio Emilia – Modena – Roma
NOVARA – ROMA
Novara – Milano – Roma
Con la rete attuale, Roma e Milano sono collegate tutti i giorni, fino a cinque volte al giorno, a prezzi vantaggiosi e con autobus moderni dotati di tutti i comfort: il prezzo di partenza della tratta Roma – Firenze o della tratta Roma – Pisa, per esempio, è di 11 €, mentre si potrà viaggiare da Roma a Genova da 15 € e da Milano a Roma da 25 €. I passeggeri troveranno a bordo degli autobus Wi-Fi gratuito, prese di corrente, toilette, e potranno portare con sé fino a due bagagli gratuiti, oltre a un bagaglio a mano. Con FlixBus vale sempre la regola del prenota prima: chi prenota prima, infatti, potrà approfittare delle tariffe migliori per viaggiare in tutta comodità e al miglior prezzo.
I biglietti si possono già acquistare su http://www.flixbus.it, presso le agenzie di viaggio affiliate e attraverso l’app gratuita di FlixBus_Check_in_ a bordoFlixBus per viaggi a partire dal 26/11 per le linee Roma – Trieste e Roma – Genova, mentre si potrà viaggiare a partire dal 03/12 sulla Roma – Torino. E con un piccolo sovrapprezzo, in fase di acquisto si potranno compensare le emissioni di CO2, rendendo il viaggio completamente green. Nel caso in cui vi siano ancora posti liberi, inoltre, i passeggeri last-minute potranno acquistare i biglietti a prezzo pieno dal conducente al momento della partenza.
Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia, ha commentato: “Roma è diventata in poche settimane uno snodo strategico per la nostra rete, e posso affermare con certezza che non si faranno attendere a lungo ulteriori collegamenti. Siamo convinti che con una rete sempre più estesa e più capillare, e insieme a partner solidi e affidabili, potremo acquisire un ruolo di primo piano nella mobilità nazionale”.
Un modello di business innovativo, a vantaggio delle PMI italiane. L’offerta di FlixBus è caratterizzata da un modello di business unico, basato sulla collaborazione con una rete di aziende partner e una chiara distinzione dei ruoli. Con gli attuali 12 partner in Italia, questo modello è ormai consolidato: da un lato la start-up FlixBus, che si occupa della pianificazione delle linee, del marketing, e del servizio pre e post vendita. Dall’altro i partner locali, piccole e medie imprese di autobus italiane, che si occupano dello svolgimento del servizio operativo, rispettando gli standard qualitativi stabiliti da FlixBus e assicurando un servizio eccellente grazie alla loro impareggiabile esperienza. In questo modo FlixBus garantisce che aziende, autisti e manutenzione siano italiani al 100%: un aspetto che si concretizza anche nella creazione di nuovi posti di lavoro presso le aziende partner, oltre all’indotto che si genera intorno a questo contesto. Con un network di linee sempre più esteso, gli italiani potranno viaggiare in tutto il Paese e in Europa a prezzi accessibili, e in totale sicurezza e comfort.
Con FlixBus, operatore di servizi autobus a lunga percorrenza, è possibile viaggiare in tutta Europa in modo sostenibile, confortevole e piacevole: con oltre 20.000 collegamenti giornalieri verso oltre 400 destinazioni in 15 paesi, gli autobus verdi rappresentano un’alternativa moderna e adatta a tutte le tasche. FlixBus offre nuovi standard di comfort in viaggio, con WiFi a bordo, posto garantito e trasporto gratuito di due bagagli. Grazie alla collaborazione con partner locali nella fornitura di autobus – spesso aziende familiari con una lunga tradizione alle spalle – FlixBus provvede alla creazione di migliaia di nuovi posti di lavoro in Europa. In tal senso, FlixBus contribuisce concretamente a rafforzare l’economia locale, strategia di successo che ora si rivolge al mercato internazionale. L’obiettivo di FlixBus è arrivare a 1000 autobus entro la fine dell’anno, con una rete diffusa in tutta Europa. (foto flixbus)

Posted in Cronaca, Viaggia | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: “No improvvisazione, servono competenza e larghe intese”

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

campidoglio“Oggi a Roma comincia una stagione nuova: via un sindaco più incompetente che corrotto, arriva un prefetto esperto e onesto. Sembra poco, ma non è così. il vero discriminante della buona amministrazione è la competenza e la capacità di collaborare, senza farsi travolgere da personalismi”. E’ quanto afferma la deputata di Area popolare Paola Binetti.
“Vogliamo un governo che nei prossimi mesi si qualifichi per queste due caratteristiche: competenza e larghe intese, con assessori che sanno fare e non si improvvisano. No a improvvisazione e a conflitti di basso profilo. Si invece – prosegue Binetti – ad una esperienza consolidata dai fatti e ad una apertura di orizzonti che permetta di riproporre nel governo cittadino un paradigma uguale a quello nazionale. Gestire il Giubileo con i tempi strettissimi che sono rimasti richiede perfetta padronanza della macchina amministrativa e ferma volontà di accantonare tensioni e divergenze a favore di un progetto comune forte per la città. Sara il miglior modo per i romani di arrivare preparati alle prossime elezioni di primavera”.”Si fa un gran parlare in questi giorni di Alfio Marchini, ago della bilancia nelle dimissioni di Marino. Ci piacerebbe – conclude la parlamentare di Ap – vederlo coinvolto in una squadra che si caratterizzi per un forte senso civico: traffico più ordinato, buche scomparse, periferie più sicure, iniziative culturali all’altezza della nostra storia. Che poi queste cose altro non sono che amore alla città e rispetto dei romani. Due cose essenziali per prepararsi ad accogliere i milioni di turisti- pellegrini che con il prossimo giubileo si attendono”.

Posted in Roma, Spazio aperto | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Laboratori gratuiti nei negozi Città del sole a Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 1 novembre 2015

ricicloRoma Giovedì 5 novembre, ore 17.00 Museo di archeologia fantastica Via Buonarroti, Sabato 7 novembre, ore 11.00 Pop museo Via Baldovinetti 80,
Domenica 8 novembre, ore 11.00 Pop museo Via Roma libera 13, Domenica 22 novembre, ore 11.00 Pop museo Via Oderisi da Gubbio130, Venerdì 13 novembre, ore 17.00 Pop museo Viale Somalia 61, MACRO Galleria Borghese Quartiere Coppedè Villa Torlonia, Domenica 15 novembre, ore 11.00
Museo di archeologia fantastica Piazza della Balduina 3, Venerdì 20 novembre, ore 17.00 Museo di archeologia fantastica Via Appia Nuova 401,
Sabato 21 novembre, ore 15.00 Pop museo Via Marcantonio Colonna 5, Domenica 29 novembre, ore 17.00 Museo di archeologia fantastica Via della Scrofa 65. Per ognuno dei 9 negozi di Roma, dove si svolgeranno i laboratori dal 5 al 29 novembre, proponiamo una piccola mappa per scoprire alcune delle ricchezze culturali della zona circostante: dal Museo Nazionale Romano al Mausoleo delle Fosse Ardeatine, dal Museo Macro alla Biblioteca Angelica, dalla Scuola Giacomo Leopardi ad Explora ed altri ancora. Una città viva e ricca di mille opportunità. I laboratori sono a ingresso gratuito e libero fino ad esaurimento posti. Per partecipare è riciclo1necessario prenotarsi nel negozio prescelto. Giocattoli rotti, sassi, conchiglie, mollette, lampadine, oggetti trovati e riciclati, ormai inutili… diventeranno tutti delle nuove “cose”: assemblati e reinventati, si trasformeranno in minuscole opere d’arte che, poste in piccole teche di cartone, comporranno tutte insieme un museo in miniatura, un museo “in scatola”! Ogni “opera” sarà accompagnata e descritta da una didascalia. Due sono i percorsi culturali che proponiamo: uno legato all’antichità, museo di archeologia fantastica, alla maniera dei /musei immaginari /di Munari,e l’altro legato alla contemporaneità, pop museo. Il piccolo museo rimarrà esposto per un breve periodo nei negozi in uno spazio dedicato . Laboratori ideati e realizzati da Laura Fasciolo. In questi laboratori i bambini metteranno alla prova la loro creatività, e dove si affiancheranno dei suggerimenti di esplorazione, dall’antico e al contemporaneo.

Posted in Cronaca, Recensioni | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mina Capussi: esposizione itinerante a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 31 ottobre 2015

bramantebramante1Mina Cappussi, poliedrica giornalista-artista molisana, ha iniziato ad esporre dal 29 ottobre scorso nelle suggestive Sale del Bramante, Piazza del Popolo 1, un tempo studio dell’insigne architetto rinascimentale, attigue alla Basilica di Santa Maria del Popolo, con gli Artisti di Roma. “Chiese in Mostra” è il titolo della performance itinerante in quattro location incantevoli della Diocesi di Roma: chiese e basiliche di altissimo valore architettonico, storico e culturale che ospitano all’interno affreschi di illustri esponenti della tradizione artistica italiana.
Le Sale del Bramante, 350 mq con volte e arcate in laterizi medievali, rientrano nella Basilica di Santa Maria del Popolo, una chiesa agostiniana sul lato nord di Piazza del Popolo, una delle piazze più famose della città, situata tra il parco del Pincio e l’antica Porta Flaminia, lungo le Mura Aureliane, punto di partenza della via Flaminia, la via più importante a nord di Roma antica. Una chiesa ricca di opere d’arte di Raffaello, Gian Lorenzo Bernini, Caravaggio, Pinturicchio, Andrea Bregno, Guillaume de Marcillat e Donato Bramante che, quando lavorava nella Basilica per realizzare l’abside, la volta a “botte” e a cassettoni, aveva il suo studio nelle attigue Sale dette appunto “Sale del Bramante”. Donato “Donnino”di Pascuccio detto il Bramante (Fermignano, 1444 – Roma, 11 aprile 1514) è stato un architetto e pittore italiano, tra i maggiori artisti del Rinascimento, che progettò la basilica di San Pietro.
Ha continuato il giorno dopo presso la chiesa di Gesù e Maria al Corso, in via del Corso, 45, un edificio che ha vistodipinto dipinto1intrecciarsi vicende legate alla storia della Roma papalina e delle famiglie aristocratiche romane. Una struttura in stile barocco che per la prima volta apre le porte all’Arte. Solo opere sacre, naturalmente, per questa chiesa barocca costruita nel 1633, sede del titolo cardinalizio di “Santissimi Nomi di Gesù e Maria in Via Lata”, istituito da papa Paolo VI il 7 giugno 1967. Qui sarà possibile ammirare il Ciclo Pittorico Holy Bible che Mina Cappussi ha esposto in anteprima a Petrella Tifernina in occasione della Lectio Magistralis del Maestro Rodolfo Papa, Accademico della Pontificia Insigne Accademia di Belle Arti e Lettere dei Virtuosi al Pantheon. Dal 30 novembre al 5 dicembre dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 20,00 saranno esposti “Creazione” già esposto al New York Art Expo, “Eva e Adamo Tantric Tree”, già esposto al MIBACT, Ministero dei Beni Culturali di chiesa santa mariavia del Collegio Romano e “Ophidia – Tentazione” esposto al Museo dello Stadio Domiziano di piazza Navona.
Il 7 dicembre sarà la volta di quella che storicamente è la chiesa scelta dai Vip e dai personaggi politici di spicco, ossia la basilica di S. Lorenzo in Lucina. Dal 7 al 12 dicembre, dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 20,00. Anche qui l’Arte, esclusivamente di carattere sacro, entra per la prima volta, e da protagonista, ospitata nella sala posta proprio dietro l’altare.
L’evento conclusivo si terrà attorno all’Epifania, presso la basilica dei Santi Bonifacio e Alessio all’Aventino, in P.zza S. Alessio, 23, chiesa estremamente suggestiva per il fascino cromatico e decorativo degli interventi architettonici stratificatisi nel corso dei secoli. L’esposizione avrà luogo nella cripta sotto l’altare totalmente ristrutturata e di eccezionale bellezza con i suoi affreschi di elevato pregio pittorico. (foto: bramante, dipinti)

Posted in Cronaca, Mostre - Spettacoli, Roma | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Visitatori al bunker di Villa Torlonia

Posted by fidest press agency su sabato, 31 ottobre 2015

bunkerSono stati diecimila i visitatori che in un anno hanno percorso l’avvincente viaggio nel tempo con la discesa nel bunker e nei rifugi antiaerei realizzati durante la Seconda Guerra mondiale a Villa Torlonia per proteggere Mussolini e la sua famiglia. Tra i visitatori molti romani di tutte le età, tanti turisti provenienti da altre città italiane o dall’estero e 1.400 studenti (con tariffa agevolata). Diverse anche le visite dedicate a persone con disabilità mentale e uditiva.
Questo il bilancio più che positivo dei primi mille turni di visita curati dall’Associazione culturale CRSA-Sotterranei di Roma a partire dal 31 ottobre 2014, grazie ad una innovativa sinergia voluta dall’Assessorato alla Cultura e allo Sport – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Un successo turistico, (il sito è stato inserito fra le eccellenze di TripAdvisor) e mediatico, con 50 testate di ogni parte del mondo che hanno parlato del bunker e dei rifugi della famiglia Mussolini.
Il tour, con visita guidata per piccoli gruppi e prenotazione obbligatoria sul sito http://www.sotterraneidiroma.it, offre spunti di approfondimento multidisciplinari: dalla storia alla tecnologia, dalla protezione antiaerea sino al vissuto della memoria bellica di Roma. Il percorso è arricchito da audio e arredi d’epoca, pannelli illustrativi con rari documenti d’archivio e una proiezione video con una panoramica completa di tutti i bunker presenti a Roma. A breve sono previste alcune novità, con l’inserimento nei locali sotterranei del sistema antigas originario del Rifugio del Casino Nobile, che è in corso di restauro. Sarà infine resa fruibile ai visitatori anche una grande sirena antiaereo proveniente dal sistema di allerta della Capitale. (foto: bunker)

Posted in Cronaca, Roma, Viaggia | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Binetti: (Ap): no città moralmente inferiore ma in balia a classe dirigente poco credibile

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2015

campidoglio“I giornali aprono in larga misura sulla leadership morale di Milano rispetto a Roma e sulla sua capacità di reagire con prontezza davanti agli attacchi di quel virus formidabile che si chiama corruzione, mentre le difese immunitarie di Roma appaiono rallentate e in larga parte probabilmente sopite”. Così Paola Binetti, deputato di Area popolare commenta le notizie sui quotidiani di oggi. “Non mi interessa verificare se e quanto tutto ciò sia vero, personalmente credo di no e considero la Milano dalle Mani pulite costantemente esposta al rischio corruzione, come accade laddove si concentrano ricchezze e risorse materiali. E’ quanto accaduto all’inizio con Expo e quanto sta accadendo a Roma da quando nel ruolo di Roma Capitale si è trovata a gestire più fondi del previsto anche nella prospettiva del prossimo Giubileo. Ma un fatto è certo: la vicenda Marino non giova né all’immagine della città né alla credibilità operativa delle decisioni che una giunta potenzialmente dimissionaria può prendere. E’ questo uno dei danni maggiori che si stanno facendo a Roma- commenta Binetti- e che suggeriscono il sospetto che si voglia lasciare la città in balia di una sorta di una mafia capitale non governata né governabile.La città non riesce a darsi quella spinta ormai indilazionabile per affrontare problemi materiali e immateriali in vista del prossimo giubileo e le molteplici rassicurazioni che qualcuno si ostina ad inviare appaiono agli stessi romani come puro millantato credito. Ma non è tanto del Giubileo che i romani si preoccupano, quanto del caos giornaliero del traffico impazzito, della fatiscente manutenzione delle strade e degli impianti essenziali per la vita della città, come suggeriscono le stesse metropolitane, rotte o interrotte a giorni alterni. Roma non sembra una città senza guida, è una città in balia degli umori di una classe dirigente che ha perso il contatto con la sua gente, con quella stessa gente che ha votato un sogno, un progetto, che va dalla qualità di vita ordinaria al maggiore impegno per il Giubileo e si spinge fino alle possibili olimpiadi.Sembra proprio che di Roma alla sua classe dirigente non interessi nulla, se non una stucchevole dialettica tutta interna al Pd, che Renzi dà per conclusa, ma che non lo sarà definitivamente fino a quando lui non dirà un No chiaro, secco, e senza alternative all’attuale gestione, colpevole di aver spinto la città più bella del mondo nel caos più incomprensibile del mondo. Nessuno riesce a capire perché Roma infatti debba vivere sistematicamente sull’orlo di uno sfascio continuo ”

Posted in Cronaca, Roma | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I poeti classici greci in jazz, con Archilochus 5et all’Università Roma “Tor Vergata”

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 ottobre 2015

foto_varie

foto_varie

Roma mercoledì 28 ottobre alle 18.00 (Università di Roma “Tor Vergata”, Auditorium “Ennio Morricone presso la Macroarea di Lettere e Filosofia in via Columbia 1). L’Archilochus 5et esegue canzoni su testi di poeti greci classici con la musica di Giovanni Guaccero, compositore attivo nei settori della musica colta contemporanea e della popular music.
Il titolo del concerto è preso da una poesia di Alceo, che, come gli altri testi, sarà intonato nella traduzione di Maria Grazia Bonanno, che è riuscita a volgere i lirici greci in una lingua moderna, conservandone lo spirito, che non era affatto paludato, poiché i versi di Alceo e Archiloco erano destinati ad essere cantati durante i simposi, quando il vino e il cibo si mescolavano alla poesia e alla musica. Spesso le loro poesie rispecchiano un universo maschile, dominato dall’interesse per i commerci – e quindi per i viaggi sul mare – e per la guerra. Le poesie di Saffo erano invece destinate a un collegio per fanciulle a Lesbo e hanno l’amore come argomento principale.
Giovanni Guaccero e l’Archilochus 5et hanno intrapreso da due anni il progetto di ricreare con linguaggio moderno l’antico connubio inscindibile tra poesia e musica. Incoraggiati dal successo dei primi risultati, proseguono ora con i primi grandi poeti della cultura europea, preceduti solo da Omero, mettendoli in musica con un linguaggio che si ispira al jazz, anche perché quei versi venivano allora cantati facendo ampio ricorso all’improvvisazione. Sicuramente sarà una grande scoperta sia per l’eterna bellezza di quei versi sia per la loro immutata vitalità, che ben si rispecchia nel moderno stile musicale scelto da Guaccero. Introducono il concerto i Proff. Giorgio Adamo ed Eugenio Lanzillotta. Il cocnerto è in collaborazione con edizioni Tored. (Mauro Mariani) (foto: giovanni guaccero)

Posted in Cronaca, Roma, Università | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: disagi nel trasporto urbano

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 ottobre 2015

atac trasporti roma“Quanto sta accadendo nel tormentato comparto del trasporto a Roma sta evidenziando in maniera netta alcune cose. Innanzitutto sta venendo meno il facile scaricabarile con il quale in questi ultimi anni si è vergognosamente tentato di addossare tutti i disservizi del TPL sul personale. Una lettura realistica, ci dice, invece, che, a fronte di possibili comportamenti censurabili di alcuni singoli, siamo in presenza di una azienda che, negli anni, non è stata in grado di lavorare sull’efficienza di mezzi ed infrastrutture, producendo la conseguenza paradossale che oggi vede molti autisti inoperosi per mancanza di macchine disponibili”. A dirlo è Vincenzo Piso, deputato del Gruppo Area Popolare (Ncd-Udc).
“Inoltre, – continua – è oramai assodato che molta inefficienza deriva dall’incapacità dimostrata, anch’essa negli anni, di programmare quei processi che presiedono alla manutenzione e agli acquisti. Verità, tanto più incontestabile ed evidente, in quel comparto del ferro che necessita di tempistiche lunghe e complesse. Questo ci riporta, specie in un momento di scarsità di risorse, all’individuazione delle priorità e alla capacità di avere una oculata politica industriale. E conclude: “che senso ha avuto investire in infrastrutture o mezzi, sulla cui utilità ed efficienza molto ci sarebbe da discutere, quando le architravi del TPL romano (metro A e B) cadevano a pezzi? che fine hanno fatto i programmi AMLA? Per anni, al di là di quanto sicuramente va rivisto e corretto, i luoghi comuni sui dipendenti hanno impedito di aprire un serio ragionamento sui reali motivi del collasso di questo comparto. Oggi il Re è nudo e la realtà ci costringe a fare i conti non con le percezioni, spesso indotte, ma con fatti e accadimenti che indicano con chiarezza ciò che veramente non ha funzionato e le cause di uno sfascio annunciato”.

Posted in Cronaca, Roma | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

16 Ottobre 1943: una data funesta che non va dimenticata

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 ottobre 2015

16ottobreRoma (di Gianluigi De Stefano) «La grande razzia nel vecchio Ghetto di Roma cominciò attorno alle 5,30 del 16 ottobre 1943. Oltre cento tedeschi armati di mitra circondarono il quartiere ebraico. Contemporaneamente altri duecento militari si distribuirono nelle 26 zone operative in cui il Comando tedesco aveva diviso la città alla ricerca di altre vittime. Quando il gigantesco rastrellamento si concluse erano stati catturati 1022 ebrei romani.Due giorni dopo in 18 vagoni piombati furono tutti trasferiti ad Auschwitz. Solo 15 di loro sono tornati alla fine del conflitto: 14 uomini e una donna. Tutti gli altri 1066 sono morti in gran parte appena arrivati, nelle camere a gas. Nessuno degli oltre duecento bambini è sopravvissuto.» (F. Cohen, 16 ottobre 1943. La grande razzia degli ebrei di Roma)
È il 16 ottobre del 1943, il “sabato nero” del ghetto di Roma. Alle 5.15 del mattino le SS invadono le strade del Portico d’Ottavia e rastrellano 1024 persone, tra cui oltre 200 bambini. Due giorni dopo, alle 14.05 del 18 ottobre, diciotto vagoni piombati partiranno dalla stazione Tiburtina. Dopo sei giorni arriveranno al campo di concentramento di Auschwitz in territorio polacco.
Solo quindici uomini e una donna (Settimia Spizzichino) ritorneranno a casa dalla Polonia. Nessuno dei duecento bambini è mai tornato.
Oggi, documenti fino ad ora segreti, emersi dagli archivi americani, fanno luce su una verità inquietante: il corso degli eventi poteva essere cambiato. Gli alleati sapevano dell’imminente rastrellamento, ma non fecero nulla per impedirla.
deportazioneIl 25 settembre del 1943, il tenente colonnello Herbert Kappler, capo delle SS a Roma, riceve l’ordine da Berlino di procedere al rastrellamento del Ghetto della capitale italiana. Il capitano decide però di non eseguire subito l’ordine. Insieme al console tedesco, Eitel Friedrich Moellhausen, assume sin dal principio un comportamento molto strano. I due uomini si rivolgono, all’indomani dell’ordine ricevuto da Berlino, al Feldmaresciallo Albert Kesserling, comandante delle truppe tedesche in Sud Italia, che non concede immediatamente l’appoggio mil itare all’operazione.
La sera stessa Kappler convoca a Villa Volkonsky, sede del comando tedesco a Roma, i massimi rappresentanti della comunità ebraica Ugo Foà, Presidente della Comunità Israelitica di Roma e Dante Almansi, Presidente della Unione delle Comunità Israelitiche Italiane per ricattarli. La richiesta è cinquanta chili d’oro in cambio della salvezza. La consegna dell’oro avvenne non già a Villa Volkonsky ma a Via Tasso, al numero 155 che non era ancora il famigerato carcere delle SS, luogo di torture e terrore che diventerà in seguito, ma almeno formalmente “l’Ufficio di Collocamento dei Lavoratori italiani per la Germania” ( è ora sede del Museo Storico della Liberazione).
Kappler non si presentò. Non aveva voluto abbassarsi alla formalità di ricevere quell’oro che aveva estorto. Si era fatto sostituire da un ufficiale di grado inferiore, il capitano Kurt Schutz. La pesatura fu eseguita con una bilancia della portata di 5 chili. Ogni pesa ta veniva registrata contemporaneamente da Dante Almansi e da un ufficiale tedesco, che si trovavano alle due estremità del tavolo. Alla fine dell’operazione, mentre Almansi aveva segnato dieci pesate, il capitano Schutz dichiarava risentito che le pesate erano nove. Le proteste di tutti gli ebrei presenti irritarono ancor di più il capitano che si opponeva anche a quella che era la via più semplice per sciogliere ogni dubbio: cioè ripetere l’operazione. Finalmente, di fronte alle vive insistenze da parte ebraica, il capitano Schutz diede ordine di ripetere le pesate. Dovette arrendersi alla realtà: i chili erano proprio 50 e gli ebrei non erano imbroglioni.
La comunità non è, ovviamente, al corrente dell’accordo che i due avevano già fatto con Kesserling. Non può saperesettimia-spizzichino-nazismo-ghetto-roma che già era stato deciso di non portare avanti l’ordine di Berlino, almeno fino a quel momento. Kappler mente a tutti, mentirà anche durante il processo a suo carico. La città e il Vaticano si mobilitano (Il Vaticano???? Siamo proprio sicuri?….) per aiutare gli ebrei, l’oro è consegnato nei tempi prestabiliti e la comunità si sente finalmente al sicuro. Ma ai primi di ottobre il governo tedesco invia a Roma il Capitano delle SS Theo Dannecker per procedere alla deportazione e velocizzare i tempi. Dannecker è un “esperto” di fiducia di Eichmann che aveva dato il via ai rastrellamenti di Parigi. Grazie ai documenti ritrovati negli archivi degli Stati Uniti, si scopre ora che Kappler e Moellhausen temevano la reazione dei carabinieri se si fosse proceduto al rastrellamento.
Ma a Dannecker questo aspetto non spaventa e impone la retata. Oggi, però, sempre grazie ai documenti segreti, si scopre che milleduecento persone avrebbero ancora potuto salvarsi, anche dopo l’intervento di Dannecker: gli americani erano entrati in possesso di una trasmittente che decifrava i messaggi nazisti. Per quale motivo allora non alzarono un dito per fermare la strage? E Pio XII perché si limitò solo a protestare? Il Papa, in realtà, era sottoposto ad un tacito ricatto: più di 800mila ebrei si erano rifugiati nelle chiese e nei conventi di tutta Europa, in gran parte occupata dai nazisti (Tacito ricatto???? Mi sembra una ipotesi un pò troppo buona nei confronti di Papa Pio XII…).
Cosa ne fu allora degli ebrei del ghetto di Roma? Abbandonati al loro destino, non ebbero più scampo. Dal Collegio Militare su Via della Lungara a Trastevere alla stazione Tiburtina, da lì ad Auschwitz. (Memoteca Emanuel Baroz) (foto: 16 ottobre, deportazione, settimia-spizzichino-nazismo-ghetto-roma)

Posted in Cronaca, Spazio aperto | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Marino accoglie imprenditori cinesi

Posted by fidest press agency su domenica, 18 ottobre 2015

delegazione cineseIl sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha accolto in Campidoglio una delegazione del China Entrepreneur Club (Cec) in visita in Italia e in Germania, accompagnato dagli ex presidenti del Consiglio Enrico Letta e dal suo omologo finlandese Esko Aho. L’incontro, organizzato dalla European House Ambrosetti e introdotto dal dott. Valerio De Molli, si svolge a porte chiuse nella sala delle bandiere in Campidoglio e ha l’obiettivo di rafforzare e intensificare le relazioni commerciali e la fiducia tra le imprese europee e asiatiche. La delegazione cinese, guidata dal presidente del China Entrepreneur Club Ma Weihua, rappresenta la maggiore associazione di imprese della Cina, e annovera tra i suoi iscritti 31 tra i più influenti imprenditori ed economisti. Le aziende iscritte al Cec costituiscono una parte rilevante del Pil nazionale cinese, con 47 di esse che nel 2013 hanno fatto registrare un giro d’affari pari a oltre duemila miliardi. “L’Europa – ha sottolineato Weihua nel suo intervento – rappresenta il principale partner commerciale della Cina. Dobbiamo adoperarci, insieme, per migliorare gli scambi e le opportunità di sviluppo. Dobbiamo – ha aggiunto – conoscerci meglio e non temerci gli uni con gli altri. Le aziende cinesi stanno investendo molto nelle loro produzioni, per puntare non soltanto alla quantità ma anche alla qualità. Anche nell’ottica di non delegazione cinese1esaurire le risorse naturali”, ha quindi concluso.“Siamo qui – ha detto il sindaco di Roma nel suo saluto di benvenuto – anche per trovare insieme la strada per crescere insieme. Sappiamo che la Cina sta investendo molto nelle nuove generazioni, e che sta coltivando un’economia con una vocazione spiccata verso l’internazionalizzazione. È dunque indispensabile poter stabilire una relazione di mutua collaborazione e scambio di opportunità a livello nazionale ed Europeo. L’Unione, come ben sanno sia Letta che Aho, ha la volontà e la necessità di continuare a puntare sull’innovazione per disegnare il proprio futuro. E in questo senso deve fare uno sforzo maggiore per far comprendere appieno i suoi obiettivi ai propri cittadini”. Gli imprenditori cinesi avranno nei prossimi giorni incontri con le imprese a tradizione familiare più importanti d’Italia, oltre che con i vertici delle principali istituzioni. (foto: delegazione cinese)

Posted in Cronaca, Economia | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

World Usability Day Rome 2015

Posted by fidest press agency su sabato, 17 ottobre 2015

hotel forum romaRoma Giovedì 12 novembre 2015 – h. 09.30 – 18.00 Parco Leonardo, piazza Leon Battista Alberti 12. Quest’anno ricorre il decimo anniversario dello World Usability Day sui temi di usabilità, user experience, user centered design e web technology. La rivoluzione tecnologica che viviamo ha messo in evidenza che soloservizi e prodotti progettati per gli utenti riescono a trovare e mantenere la loro posizione sul mercato. LaUser Experience è la chiave per realizzare tecnologie al servizio dell’utente, infatti il prossimo giovedì 12 novembre 2015 a #WUDRome2015 si parlerà di User Experience e usabilità, riprendendo lo specifico tema conduttore mondiale: Innovation.Gli speaker declineranno il tema dell’innovazione parlando di Design Trends, User Centered Service Design, User Experience & Data Visualization, UX & IoT, Future lightning & Smart City Vision, Digital Banking, Ghost UX, User Research & Co-Design e di molte altre tendenze del mondo delle web technologies.
Programma degli interventi: 10 anni di usabilità e design trends, come sarà il futuro? – Carlo Frinolli (Experience Designer e CEO di nois3 S.r.l.);UX & Data Viz: La Repubblica Popolare di Bolzano – Matteo Moretti (Researcher in Visual Journalism e docente presso Free University of Bozen – Bolzano);
Designing Products & Services for the Internet of Things – Pier Paolo Bardoni (Founder & CEO di THINGS);
Intelligent Cities. Effetti della luce sulla città e sul cittadino – Paola Bertoletti (Training Manager di Philips Lighting University Italy, Israel & Greece);
The Future of homebanking – Giancarlo Ghezzi (Concept Design & UX Manager presso CheBanca! S.p.A – Gruppo Mediobanca) e Giorgio Guardigli (Head of Digital & Acquisition Marketing presso CheBanca! S.p.A – Gruppo Mediobanca);
The (In)visible UX – Claudio Beatrice (Web Developer & Engineer in tenwarp, Munich Germany);
“La tua opinione è importante per noi”. Dalla soddisfazione alla comprensione dell’esperienza – Maurizio Boscarol (Usability & UX Specialist presso usabile.it);
L’innovazione è un effetto collaterale – Raffaela Roviglioni (Design Researcher & UX Designer, Partner di usertest/lab);
Codesign tools and techniques – Alessio Ricco (Facilitatore & Software Engineer per Carma).
Il giorno prima, mercoledì 11 novembre 2015, si terranno due workshop: Test di usabilità in pratica e Storybusters: l’intervista narrativa in profondità.
Il weekend del 13-14-15 novembre, invece, il gruppo Co-Design Jam e nois3 organizzano a Roma un nuovo evento di Design Collaborativo.
Per 48 ore 30 partecipanti – fra cui Service Designer, User Experience Designer, Architetti, Antropologi, Product Designer e Studenti – si cimenteranno a sviluppare e prototipare servizi e prodotti innovativi, al fine di migliorare, tramite il Social Design, la convivenza urbana.

Posted in Cronaca, Roma | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Visita di Papa Francesco alla Comunità Luterana di Roma in novembre

Posted by fidest press agency su domenica, 4 ottobre 2015

luteroLa Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI), che riunisce le comunità luterane dell’intera penisola, è lieta della prossima visita del 15 novembre da parte di Papa Francesco alla Comunità luterana di Roma ed è grata a quest’ultima per l’impegno profuso nel rendere possibile l’evento che consiste nella celebrazione congiunta di un culto.In merito, però, ad una dichiarazione di Jens-Martin Kruse, pastore della Comunità Luterana di Roma, riportata recentemente da alcuni organi d’informazione, la CELI ritiene opportuno effettuare delle precisazioni per spiegare meglio l’idea che la CELI stessa ha dell’Ecumenismo.In particolare, in riferimento all’affermazione “Per noi luterani a Roma, Francesco è il nostro vescovo”, pur relativizzata dal Pastore Kruse nel prosieguo della sua dichiarazione, si sottolinea come queste parole possano indurre in una errata interpretazione del pensiero della Chiesa luterana sulle proprie relazioni con la Chiesa cattolica romana.
La CELI è determinata nell’impegno a migliorare sempre di più i rapporti con la Chiesa cattolica romana, fermamente convinta che gli elementi in comune tra le due Chiese siano decisamente più importanti delle differenze esistenti.
Per realizzare una sincera Unità dei Cristiani come formulata nel Credo, non ritiene opportuno, nella situazione attuale, ignorare le differenze costituzionali di entrambi le Chiese.
D’altronde – come spiega Heiner Bludau, Decano della Chiesa Evangelica Luterana in Italia – “esiste una differenza sostanziale tra la visita del Papa presso una realtà cattolica romana e quella presso una comunità luterana”.
La CELI ribadisce fortemente che occasioni d’incontro, come quella del prossimo novembre, sono utili per una sempre maggiore conoscenza reciproca e per la prosecuzione di un cammino ecumenico che la CELI ha sempre percorso e continua a percorrere insieme alle altre chiese protestanti cui è legata. La Chiesa Evangelica Luterana in Italia, CELI, statutariamente bilingue, italiano e tedesco, è un ente ecclesiastico che attualmente raggruppa 7.000 luterani distribuiti in 15 comunità, dalla Sicilia all’Alto Adige. I suoi rapporti con la Repubblica Italiana sono regolati dalla legge n° 520 del 1995 (Intesa secondo l’art. 8 della Costituzione).
La più antica comunità luterana in Italia è quella di Venezia, risalente alla Riforma attuata dal monaco agostiniano Martin Lutero nel 1517. Capace di evolvere con la società, oggi la CELI è fortemente impegnata non solo nella cura delle anime, ma anche in numerosi ambiti quali cultura, sanità, scuola, assistenza a poveri e immigrati, educazione ambientale, pari opportunità uomo-donna, difesa delle diversità e lotta alle discriminazioni, partecipazione al dibattito etico, religioso e politico.
Proprio per questo impegno, la Chiesa Luterana – una chiesa senza grandi patrimoni – riceve ogni anno la fiducia e il sostegno di tantissimi italiani che scelgono di destinarle l’otto per mille sulla dichiarazione dei redditi: così, nel 2014, sono state, più di 61.000 le firme a favore della CELI, cioè quasi 9 volte il numero dei luterani presenti in Italia.

Posted in Cronaca, Roma | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma impreparata ad affrontare il Giubileo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 settembre 2015

atac trasporti roma«Il blocco della linea A della metropolitana che si è verificato a Roma è l’ennesima conferma di quanto la città sia totalmente impreparata ad affrontare un evento di portata internazionale come il Giubileo. Se non si è in grado di assicurare l’erogazione di servizi minimi ai cittadini è impensabile pensare di reggere l’urto dei milioni di turisti e pellegrini che arriveranno nei prossimi mesi».
Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA. «A preoccupare maggiormente sono le criticità che riguardano le infrastrutture, in primis quelle trasportistiche – prosegue Simoncini –. Quando si ha a che fare con opere realizzate decine e decine di anni fa, o si procede a uno smantellamento e a una ricostruzione oppure si punta su una manutenzione costante e di qualità: a Roma si è scelto di non scegliere, non percorrendo nessuna delle due strade. La scusa della mancanza dei fondi non regge più: si stanno spendendo miliardi di euro per realizzare la linea C della metro e si lasciano marcire le due già esistenti. Con il Giubileo alle porte, la città rischia di collassare, altro che candidatura alle Olimpiadi. Va allestita una vera e propria “unità i crisi” che proceda immediatamente a una mappatura degli interventi di manutenzione più urgenti da realizzare sulle infrasttutture esistenti, abbandonando per il momento qualsiasi velleità di opere di ampio respiro. Le stesse persone dovrebbero poi monitorare durata e qualità degli interventi, in modo da evitare lungaggini e sprechi. Sarebbe il caso che tecnici ed esperti dei vari settori si mettessero a disposizione anche a titolo gratuito per salvare Roma da quella che rischia di essere una figuraccia senza precedenti». (Giorgio Giuliani)

Posted in Cronaca, Roma | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Giubileo non bastano i soldi

Posted by fidest press agency su sabato, 26 settembre 2015

vaticanoGrido di allarme del vicesindaco e assessore al Bilancio di Roma Capitale: i 50 milioni stanziati dal Governo, per far fronte alle spese urgenti per il Giubileo, non sono sufficienti, ce ne vogliono altri 70. Viste le difficolta’ di bilancio, perche’ non chiedere un contributo al Vaticano? D’altronde e’ stata la Santa Sede a proclamare, improvvisamente, un Giubileo quando si doveva svolgere nel 2025. Tenuto conto che il circuito dei pellegrini utilizzera’, anche, alloggi gestiti da religiosi con relativi introiti, sarebbe piu’ che giusto chiedere una partecipazione alle spese. Da considerare che il parcheggio del Gianicolo, di proprieta’ del Vaticano (con relativi incassi), e’ stato realizzato con il contributo finanziario, al 50%, dello Stato italiano.
Sollecitiamo l’assessore Causi. Chieda una partecipazione alle spese per il Giubileo al Vaticano; fara’ quel che prescritto dal Vangelo: bussate e vi sara’ aperto, chiedete e vi sara’ dato. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Cronaca, Roma | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 48 follower