Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Posts Tagged ‘romani’

Cimiteri romani: Il degrado è totale

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 agosto 2022

“Valzer di poltrone, nomine, assunzioni, promesse, soldi. Ma nulla. Ama resiste ad ogni sfida per il decoro, la decenza, il rispetto e la civiltà. Ultimo scandalo lo spregio dei defunti messo in campo da bande che si sfidano indisturbate in gare di velocità tra le tombe. I cittadini protestano stanchi di prezzi alle stelle per servizi che non funzionano, lentezze, depositi colmi, muri sbrecciati, viali riarsi in uno strazio senza fine di parenti e amici: ma qualsiasi richiesta di un livello minimo di civile normalità cade nel silenzio violato dei cimiteri capitolini, e Roma perde anche la sfida della memoria”. Lo dichiara in una nota il consigliere capitolino della Lega Fabrizio Santori, che sostiene la protesta indirizzata ai vertici di Ama e Campidoglio dal Comitato di tutela dei cimiteri capitolini. “Non è possibile tollerare oltre questa situazione, che oltretutto costa denaro speso inutilmente: a che servono le telecamere se sono spente, rotte, o nessuno controlla le immagini che registrano. Chiediamo al sindaco Gualtieri di attivarsi, di prevedere maggiori controlli della Polizia locale, di verificare i sistemi di sicurezza. È tempo di porre fine alla vergogna che attanaglia in questa città sia i vivi che i morti, frutto di una sempre più testarda e odiosa intolleranza verso i romani che chiedono anche in questo settore sicurezza, rispetto, igiene e decoro, ma vengono sistematicamente insultati e colpiti nei loro affetti più cari dal malgoverno del Campidoglio”, conclude il consigliere della Lega. On. Fabrizio Santori consigliere segretario dell’Assemblea Capitolina (n.r. Prendiamo atto dell’ennesia segnalazione sull’abbandono dei cimiteri romani. Non c’è nulla che funziona e questo lo diciamo da anni senza che via stato un minimo di riscontro e d’interventi. Usque tandem…)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I romani e la mobilità digitale

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 luglio 2022

I cittadini di Roma chiedono sempre più mobilità alternativa e vedono nel digitale una opportunità per migliorare le modalità di spostamento nella capitale. È quanto emerge dalla ricerca presentata oggi nel corso dell’iniziativa “Mobilità urbana e nuove tecnologie” organizzato dalla Fondazione Italia Digitale negli spazi di Binario F di Facebook. Il lavoro, realizzato dall’istituto Piepoli, svela le principali tendenze in atto, facendo emergere il particolare gradimento dei giovani verso il monopattino, considerato la prima alternativa al trasporto pubblico. La maggioranza di quanti vivono a Roma è a favore di monopattini e biciclette in sharing: questa quota supera l’80% tra i giovani e scende significativamente sotto la metà solo tra gli over 64. Promosso a pieni voti il digitale come strumento per migliorare la mobilità alternativa al mezzo privato, per gli abitanti della capitale la tecnologia darà un contributo decisivo alla sicurezza della mobilità. In questo momento, circa un terzo degli intervistati vorrebbe più mezzi in sharing, mentre molti (soprattutto i più giovani) ritengono la quantità attuale di mezzi sia adeguata ma magari da comunicare e promuovere meglio. Cristina Donofrio, General Manager Bird Italia: «Il dato rilevante che emerge da questa ricerca è che i romani non solo promuovono la mobilità alternativa ma considerano biciclette e monopattini in sharing una risorsa per combattere il traffico e l’inquinamento. Per noi di Bird è una conferma perché, operando in oltre 400 città nel mondo, sappiamo quanto la micro mobilità porti benefici concreti per la salute e la qualità della vita delle persone. Allo stesso tempo a Roma, esattamente come in tutte le grandi città, condividiamo l’importanza di avere regole chiare nell’uso dei monopattini, per incrementare la sicurezza e difendere il decoro. Anche la tecnologia può essere di grande aiuto, ad esempio con i parcheggi virtuali che stiamo sperimentando in centro città. È importante saper lavorare insieme, pubblico e privato, per rendere la mobilità di Roma sempre più sostenibile».

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expo 2030, Raggi (M5S): “Da settembre avviamo nuova fase di lavoro per coinvolgere tutti i cittadini”

Posted by fidest press agency su sabato, 16 luglio 2022

Roma.“Anche il Presidente della Camera di Commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti, audito in Commissione Expo, ritiene che questo appuntamento debba diventare patrimonio comune della Città. Per questo motivo, da settembre i lavori della Commissione entreranno in una nuova fase: sarà, infatti, necessario capire in che modo tutta la Città potrà beneficiare di questo storico evento e come coinvolgere tutti i cittadini. Si tratterà di una nuova importante tappa di un percorso comune e partecipato nel quale tutti possano essere parte attiva. EXPO 2030 è per Roma occasione storica per presentarsi come laboratorio di ‘rigenerazione urbana, inclusione e innovazione’. Nella massima unità d’azione, nella sinergia tra i principali attori istituzionali, locali e nazionali, le realtà produttive, i soggetti interessati e tutti i cittadini, potremo vincere insieme questa sfida epocale per Roma e per l’Italia intera”. Così, in una nota, la Consigliera Capitolina Virginia Raggi, Presidente Commissione Speciale Expo 2030

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il calendario di Notturni Romani

Posted by fidest press agency su domenica, 3 luglio 2022

Roma 6 luglio: Aut Caesar aut Nullus. Alla scoperta della più affascinante e calunniata delle famiglie pontificie, per ristabilire la verità, aldilà della nera leggenda di morte, sulla sempre innocente Lucrezia, pedina delle ambizioni del padre e del fratello, e su Cesare, meno crudele e cinico di quanto s’immagini. 7 luglio: il Sangue degli Innocenti. La tragica vicenda della risoluta Beatrice Cenci, fra violenze paterne e crudeltà, in un mondo ottusamente maschilista, evoca drammaticamente le quotidiane violenze sul corpo e sulla psiche delle Donne. 19 luglio: Una Notte al Ghetto. La fascinosa e dolente Storia del più tradizionale ed antico rione dell’Urbe, in un fascinoso percorso fra Passato e Presente, fra grande Arte e tragica contemporaneità, alla scoperta della sua invincibile Bellezza. 21 luglio: Una Sera col Marchese del Grillo. Fra Verità storica e Leggenda, fra aneddotica cinematografica e fonti documentarie, tutta la Verità sul protagonista incontestato di vizi e virtù della Roma Papalina, palcoscenico sontuoso e corrotto del Mondo. 26 luglio: il Ponte degli Angeli.Uno spettacolare Team di artisti berniniani, non scimmie del Maestro ma scultori genialmente autonomi, un Ponte d’età imperiale rinnovato e magnificamente ornato, un complesso iconico destinato a fare Storia ed a segnare indelebilmente il mondo dell’Arte. 28 luglio: Intorno al Velabro. Esattamente là dove il pastore Faustolo rinvenne i mitici Gemelli protetti dalla Lupa capitolina, nel cuore della Roma più arcaica, ai piedi della Rupe Tarpea, tutti i segreti, i protagonisti mitici e le storie fondanti il primo nucleo della Città destinata a governare il Mondo. Le visite avranno un costo di 20 € a persona, e sono gratuite per i minori di 18. La quota servirà a coprire le spese organizzative e a sostenere i progetti di Road to green 2020.È possibile prenotarsi online dal sito https://dbgmec.com/notturni-romani/

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I capolavori romani di Guido Reni

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2022

Roma. In occasione della mostra Guido Reni a Roma. Il Sacro e la Natura, la Galleria Borghese invita il pubblico non solo cittadino, ma nazionale e internazionale a scoprire i capolavori del Maestro degli anni romani presenti in tutta la città, per mettere in luce il profondo rapporto dell’artista con Roma e l’importanza del suo operato nell’ambito della committenza Borghese.È di prossima uscita la pubblicazione Guido Reni a Roma. Itinerari, edita da Marsilio, realizzata con l’intento di accompagnare il lettore-visitatore in un vero e proprio viaggio che ripercorre le 23 tappe romane del Maestro tra musei, chiese, residenze private e istituzionali.Ed è un viaggio questa volta virtuale quello attraverso i luoghi di Guido Reni a Roma, che è stato donato alla Galleria Borghese da IF Experience. Per tutti i visitatori della mostra, una mappa con i luoghi e le opere del Maestro dei Seicento è scaricabile tramite un QR code.Per tutto il periodo della mostra, inoltre, la Presidenza della Repubblica ha deciso di aprire in via eccezionale la Cappella dell’Annunziata a Palazzo del Quirinale, affrescata da Reni per papa Paolo V Borghese dal 1609 al 1611. Le visite guidate alla Cappella e alle sale di papa Paolo V Borghese, si svolgono dal 18 marzo al 21 maggio 2022, ogni venerdì e sabato. Per informazioni e prenotazioni consultare la pagina https://palazzo.quirinale.it Infine, il Casino dell’Aurora Pallavicini Rospigliosi ha deciso di aprire al pubblico gratuitamente in via straordinaria l’affresco dell’Aurora lì realizzato dal Maestro su commissione del cardinale Scipione Borghese. L’affresco sarà visibile secondo le indicazioni e le modalità di ingresso consultabili su http://www.casinoaurorapallavicini.it “L’accoglienza – conclude la Priora – è espressione di quella sensibilità che nasce dalla preghiera, che se è autentica non può non sfociare nella carità. Perciò noi monache uniremo le nostre voci a quella dell’Arcivescovo Renato Boccardo, che domani nella Basilica di Santa Rita a Cascia presiederà la Santa Messa delle 17:00, invocando una supplica alla nostra Rita per la pace in Ucraina”.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Proiezioni artistiche nei palazzi romani

Posted by fidest press agency su sabato, 25 dicembre 2021

Fino al 6 gennaio prossimo Roma presenterà una serie di proiezioni artistiche che, illuminando con immagini e luci Palazzo Senatorio ed alcuni edifici di piazza Navona, offriranno una straordinaria occasione per ricordare come l’arte rappresenti una risorsa preziosa dalla quale ripartire perché la nostra città torni ad essere una Capitale capace di accogliere chiunque venga a visitarla. Si tratta di progetti promossi da Roma Capitale in collaborazione con Zètema Progetto Cultura, attraverso i quali si potrà restituire a Roma quella dignità culturale che le appartiene rispettandone il valore e le ineguagliabili bellezze.Partendo dai disegni dei protagonisti del Rinascimento romano, il viaggio visivo ‘Nascimento. Ispirazione Romana’ proietterà sulla facciata di Palazzo Senatorio le immagini di un modello di città fondato sui concetti dell’armonia, della simmetria e della proporzione. Uno spettacolo di luci e di suggestioni realizzato da Unità C1 che, partendo da palazzo Senatorio, accoglieranno l’osservatore in un abbraccio virtuale permettendogli di scoprire, attraverso le immagini proposte, nuove prospettive di rinascita guidandolo nella direzione dell’essenzialità e della centralità dell’individuo.Si muove invece nella prospettiva del legame tra l’intensità delle opere e il valore dell’incontro, il progetto ‘AmoR, che move…’ della Sovrintendenza Capitolina curato dall’arch. Livia Cannella; sulla facciata di palazzo Braschi e di palazzo Pamphilj a piazza Navona, è prevista la proiezione di 14 opere simbolicamente riconducibili ad una ’natività’ che è rigenerazione e strumento di incontro, metafora perfetta di quella difficile condizione emotiva cui il Covid ci ha costretto per lungo tempo.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Saverio Scrofani, l’illuminista siciliano che preferì i Sanniti ai Romani

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 novembre 2021

Coloro che limitano territorialmente l’ideologia illuminista nel solo continente ignorano la vita avventurosa e spregiudicata, nonché le opere dell’intellettuale siciliano Saverio Scrofani, nato a Modica nel 1756 e morto a Palermo nel 1835. Un’esistenza inquieta, brillante, caratterizzata da una costante indole passionale, da intelligente curiosità e da interessi diversificati.Radici nella formazione ecclesiastica, sotto la guida dello zio vescovo di Siracusa, e negli studi letterari, filosofici, scientifici ed economici, ha quindi intrapreso una vita da girovago tra Italia. Francia e Grecia, sia per sfuggire ai debiti e alle frodi, sia per entrare nelle grazie dei potenti, grazie anche ai suoi scritti adulatori (da Ferdinando III di Borbone a Leopoldo III di Toscana fino a Napoleone), sia per scrivere la sua opera più importante, “Viaggio in Grecia”, diario dei quasi quattro anni trascorsi nella penisola ellenica dal 1794 al 1798 in cui, oltre a magnificare con spirito neoclassico il glorioso passato, ne denuncia la decadenza presente con pura ideologia illuminista.Ma come per tutti i personaggi che hanno lasciato tracce multiformi, a volte ambigue e contraddittorie, l’analisi della vita di Scrofani si è sempre prestata storicamente a molteplici interpretazioni: vale l’immagine idealizzata delle più antiche fonti di questo fine intellettuale che ha sposato principi fisiocratici e un riformismo liberale o quella più impietosa fatta emergere da Benedetto Croce, che ha affiancato all’abile studioso quella del cinico e disinvolto affarista?Il professor Salvatore Russo, grecista e insegnante di materie letterarie, anch’egli siciliano ma di Favara, analizza con grande scrupolo, sostenuto dalle numerose fonti letterarie, la vicenda umana e letteraria di Scrofani nel volume “L’avventuriero galante”, appena edito da Herkules Books. Oltre alle ricostruzioni biografiche, l’esame dell’autore si sofferma soprattutto sull’opera “Viaggio in Grecia” che racchiude le molteplici sfaccettature dell’eclettico intellettuale siciliano.Scrofani mette in contrapposizione l’incanto della Grecia antica, la sua storia umanistica, la magnificenza dell’arte e dei costumi, il culto della bellezza, il ricordo delle istituzioni, con la decadenza contemporanea, secondo lui iniziata già con l’impero romano. E a questo proposito mette in relazioni la decadenza dei costumi romani rispetto alla fierezza e al coraggio dei Sanniti.Sono pagine attualissime, anche perché l’intellettuale chiama in causa l’Europa, sorda alla solidarietà verso questa antica patria che è scuola di virtù civiche e private.“La personale attitudine letteraria di Scrofani, la sua curiosità aperta ed intelligente, il suo temperamento passionale e insieme la sua abitudine alla logica ed al ragionamento, la sua capacità d’incantarsi e il suo amaro disincanto hanno fatto sì che lo scrittore ci desse la ‘sua’ Grecia” scrive l’autore del libro.Profetico Scrofani anche quando condanna il governo ottomano dispotico e corrotto, profetizzandone l’imminente fine, mentre con moderno slancio illuminista si scaglia contro la tratta degli schiavi e loda l’attenzione umanitaria verso i malati di mente (“Io credo che togliendo gli spedali de’ matti, se ne scemerebbe il numero anche fra noi”).Ambivalente il rapporto con la religione. Pur nella polemica, rivolta soprattutto agli aspetti “istituzionalizzati” della chiesa e a chi specula sulla credulità dei fedeli, non manca di esaltare il Vangelo per la sua moralità rivoluzionaria nei sentimenti dell’amore, della fratellanza e della pace.Esemplare quel suo spirito civico oggi purtroppo smarrito, specie quando denuncia il sacco delle antichissime vestigia. Scrive l’incantato siciliano: “Ma cosa vedo? Perché gettare a terra questa colonna, perché ridurla in pezzi? Per farne calce. Scellerati ! Sotto i miei occhi, due manuali, dico meglio, due manigoldi hanno rovesciata una colonna de’ Propilei che sarebbe adorata… da me, da tutta l’Italia e la rompono…”. Appelli con la forza del presagio.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Romani più poveri con la riforma del catasto

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

“Il candidato sindaco Gualtieri dimentica cosa voleva il ministro dell’Economia, Gualteri: la riforma del catasto che oggi il suo partito sarebbe in procinto di varare dando l’ennesima stangata alle famiglie italiane. Una conferma della sua tradizione persecutoria nei confronti di chi possiede un immobile. Un’eventuale riforma del catasto – con il pretesto di rispondere alle riforme chieste da Bruxelles – si tradurrebbe in una catastrofe per gli italiani già tartassati dal sistema tributario. Il rilancio dell’Italia, a maggior ragione dopo un periodo cupo come questo, non può in alcun modo essere fondato su nuove tasse. Se il Governo Draghi ha bisogno di risorse è al reddito di cittadinanza che deve guardare . La revisione dei valori catastali rischia di incidere pesantemente sul mercato immobiliare falsando anche l’Isee delle famiglie molte delle quali finirebbero per essere escluse dagli aiuti sociali. Una conseguenza che si farà sentire a Roma più che altrove, un tema sul quale Gualtieri, che da ex ministro dell’economia aveva proposta, e da attuale candidato sindaco di Roma la ignora, non sembra volersi esprimere. Un doppiogiochismo indegno di chi non vuole scegliere tra la tutela degli interessi dei romani e quelli tutti interni alla sua coalizione. “Ce lo chiede l’Europa” non è mai stata una giustificazione accettabile, non lo era prima e non lo sarà durante la crisi più grave dal secondo dopoguerra”. E’ quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Calabrese: Gualtieri inganna i romani, da ministro non si è mai battuto per Capitale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 giugno 2021

“Gualtieri da settimane continua a ingannare le romane e i romani con le stesse falsità, senza che nessuno si degni di fargli notare almeno le nostre repliche. Quando era ministro dell’economia non ha dato un euro a Roma, né si è mai battuto per ottenere poteri e risorse straordinarie per la Capitale”.Lo dichiara il vicesindaco con delega alla Città in movimento Pietro Calabrese.“Gualtieri sa benissimo, da ex ministro, che se Roma negli anni non ha avuto finanziamenti adeguati sulle metropolitane è solo perché lui e coloro che lo hanno preceduto non hanno voluto assegnare alla Capitale le risorse che, invece, senza alcun livello progettuale sono state assegnate ad altre città come Milano. Noi, con un progetto definitivo della stazione Venezia pronto ed un costruttore pronto a partire con la tratta T2 della linea C fino a Clodio, non abbiamo visto il becco di un quattrino. Questo Gualtieri lo sa, d’altronde era ministro, anche deputato eletto proprio nel collegio dove passerà la Linea C, ma non lo dice. Con un sistema che ha fatto di tutto per ignorare le esigenze di Roma, siamo comunque riusciti a ottenere oltre 700 milioni per le funivie e i tram, proprio grazie ai progetti che dice non abbiamo fatto. Un grandissimo successo”, continua Calabrese.“Gualtieri dichiara il falso pure sulla gara acquisto treni. Secondo lui avevamo sbagliato il bando. Peccato che nella realtà il primo bando di quella gara è andato deserto, pertanto non è stato impugnato da nessuno. Significa che sul bando non è stato rilevato alcun vizio. Un’altra menzogna confezionata ad arte senza pudore. Viceversa, per colpa di chi in passato si è divertito a privatizzare le società pubbliche che si occupano del segnalamento ferroviario, oggi ci troviamo con dei privati che possiedono i brevetti dei nostri impianti e sono in grado di mandare deserte le gare. Forse è di queste responsabilità storiche e politiche di cui dovrebbe parlare Gualtieri. Del fatto che grazie alle loro privatizzazioni oggi un treno non può essere consegnato prima di 36 mesi, quando ne avremmo potuti impiegare solo 18, come prevedevamo nella prima gara. Ma questo Gualtieri non lo dirà mai”, conclude il vicesindaco.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il degrado dei cimiteri romani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 novembre 2020

Nel giorno della ricorrenza dei defunti, Roma si ritrova a dover affrontare l’amara notizia dell’impossibilità di procedere a cremazione e inumazione di centinaia di salme. Una condizione comunicata da Ama che senza giri di parole parla di ‘picco di decessi’ registrato nella Capitale, da ricollegare all’esaurimento degli spazi presso il cimitero Laurentino e al mancato ampliamento dello stesso per i soliti motivi tecnico-burocratici. La gestione cimiteriale a Roma fa rabbrividire: Chi vuole far visita a un suo caro estinto già si imbatte in aree preda di incuria, degrado e sporcizia, tra disservizi e approssimazione indegni di una città civile, e ora deve fronteggiare anche quest’ulteriore macabra notizia, che potrebbe gravare sui cittadini con costi ben superiori agli attuali 800 euro circa per la cremazione dei defunti. Ci chiediamo come si sia potuto arrivare a questa situazione, mentre non possiamo che biasimare l’amministrazione Raggi che dovrebbe vergognarsi di far gravare su chi ha perso un proprio caro anche l’incapacità a governare l’intera città. E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, dirigente regionale Lega Lazio (n.r. Da parte nostra segnaliamo, da anni, il degrado dei cimiteri romani. In una nostra visita, di giorni fa, (prima del due novembre) a quello di Prima Porta abbiamo rilevato buche, sporcizia, mancanza di acqua dalle fontanelle o di acqua che esce di colore scuro, erbacce e servizi igienici fatiscenti. Ci siamo rivolti all’assessore competente, abbiamo scritto alla sindaca, abbiamo appoggiato un gruppo di romani riuniti in associazione che hanno cercato di contattare al pari di noi e probabilmente con più autorevolezza ma l’arroganza degli organismi preposti è stata tale che non si sono nemmeno degnati di “battere un colpo” per dire che ci sono.)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tablet e connessioni a internet per gli studenti romani

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 Maggio 2020

Cento bambini e adolescenti romani maggiormente a rischio di isolamento avranno da oggi a disposizione un tablet e una connessione a internet per continuare il loro percorso di studi.È l’iniziativa promossa dalla Caritas di Roma in collaborazione con Amazon Italia e Master Card Europa.La prolungata chiusura delle scuole per l’emergenza Covid-19 ha portato alla diffusione dell’e-learning, con la necessità da parte degli studenti di utilizzare dispositivi elettronici che consentano loro di partecipare alle lezioni online. Dalle richieste giunte ai Centri di ascolto delle parrocchie romane – attualmente sono 127 quelli attivi per la distribuzione straordinaria di generi alimentari – è emersa la necessità per molte famiglie, in particolare di quelle con più figli adolescenti, oltre che di generi alimentari anche di dispositivi che consentano il collegamento. Altre famiglie, pur avendo a disposizione telefoni o computer, necessitano invece di una connessione a internet stabile e veloce.Secondo alcune stime diffuse dai sindacati degli insegnanti, nelle scuole medie inferiori romane sono esclusi dalla didattica online circa il 30% degli studenti. Una misura che è la quasi totalità nel caso dei ragazzi rom e dei minori che vivono in istituti.
Amazon, già attiva in Italia con un ampio programma di donazioni a favore dell’istruzione, ha messo a disposizione 100 tablet Fire HD 8, dispositivi che si prestano all’e-learning sia per i bambini delle scuole primarie che per gli adolescenti.Master Card Europa garantirà l’acquisto di cento abbonamenti attraverso sim card con operatori di telefonia mobile, attive fino alla conclusione dell’emergenza.«Si tratta di un primo intervento di emergenza che si affianca alla distribuzione di alimenti – ha detto don Benoni Ambarus, direttore della Caritas romana – a cui seguirà, nelle prossime settimane, un vasto programma di aiuti per quelle famiglie che sono escluse dalle misure messe in campo dalle istituzioni». Per il sacerdote «attraverso la rete dei Centri di ascolto delle parrocchie romane, stiamo intercettando situazioni di disagio estremo, di famiglie che finora vivevano in modo precario e sono precipitate nella povertà più assoluta. Quando, come nel caso dell’istruzione, questa emergenza riguarda bambini e ragazzi, dovremmo veramente scuoterci tutti quanti».

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un concorso per nuovi talenti aperto ai romani

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Con questo spirito parte il contest musicale CantaRomaCanta, che vede protagonisti i cittadini maggiorenni nati o residenti a Roma, i quali potranno candidarsi inviando un proprio video all’indirizzo mail cantaromacanta@comune.roma.it entro il 31 maggio.Il contest sarà articolato in due categorie: “Le voci di Roma”, canzoni originali sulla città eterna, e cover a tema libero. I brani, eseguiti da solisti o band, potranno contenere testi scritti in italiano, inglese e in dialetto romanesco.Per quanto riguarda la prima categoria “Le voci di Roma”, i partecipanti potranno esprimersi declinando il tema secondo il proprio personale legame con la città. Roma è una città attraversata da persone provenienti da luoghi differenti, in cui si mescolano culture, idee, pensieri e atmosfere. Il testo delle canzoni proposte dovrà avere come filo conduttore Roma e il rapporto che il cantautore o la band ha con la città, con il quartiere in cui abita, con le vie e gli edifici che vive quotidianamente, con le persone che incontra. Il concorso è aperto anche a una seconda categoria, ovvero a tutti coloro che vogliono dimostrare le proprie capacità canore esibendosi in una cover a tema libero.Dopo una prima selezione in base alle Social Media Policy di Roma Capitale e all’aderenza ai criteri stabiliti dal regolamento, i video verranno caricati sulla pagina Instagram di Roma Capitale (@Roma) dove potranno essere votati con un ‘mi piace’ dai cittadini.Per partecipare al concorso, occorre realizzare un video in formato mp4 di una durata compresa tra 1 e 3 minuti. La votazione sarà popolare. A vincere saranno i 3 video per categoria che riceveranno più ‘mi piace’. La candidatura potrà essere inviata entro le ore 24.00 del 31 maggio 2020. I vincitori saranno annunciati sul sito ufficiale e sui canali social di Roma Capitale entro la fine del mese di giugno e avranno la possibilità di esibirsi nel corso di un grande evento a dicembre.Secondo la Sindaca Virginia Raggi, il contest musicale CantaRomaCanta permetterà ai tanti talenti nascosti nella nostra città di mostrare le loro capacità canore e di raggiungere un vasto pubblico di ascoltatori. Sarà una vetrina per tutti i cantautori che vorranno parlare di Roma e per chiunque porti avanti la passione per la musica e vorrà mettersi in gioco.Per ulteriori informazioni e modalità di partecipazione: https://bit.ly/2vVf1wA

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

V incontro biblico sulla Lettera ai Romani

Posted by fidest press agency su martedì, 4 febbraio 2020

Roma Lunedì 10 febbraio 2020 – ore 18.30 Libreria Paoline Multimedia International Via del Mascherino, 94 nuovo appuntamento con gli incontri di riflessione biblica guidati dal noto biblista don Romano PENNA. Questo il programma dei prossimi incontri:
Lunedì 10 febbraio 2020 Abramo e Adamo diversamente orientati a Cristo (Rm 4,1-5,21)
Lunedì 16 marzo 2020 Il battesimo apre ad una vita immersa in Cristo (Rm 6-8)
Lunedì 20 aprile 2020 Funzione e destino del popolo di Israele (Rm 9-11)
Lunedì 18 maggio 2020 La componente etica dell’identità cristiana (Rm 12,1-15,13)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo incontro biblico sulla Lettera ai Romani

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 ottobre 2019

Roma Lunedì 21 ottobre 2019 – ore 18.30 Libreria Paoline Multimedia International Via del Mascherino, 94 Prosegue, presso la Libreria Paoline Multimedia International il nuovo ciclo di incontri di riflessione biblica guidati dal noto biblista don Romano PENNA. Questo il programma dei prossimi incontri:
Lunedì 21 ottobre 2019 L’evangelo di una imprevedibile giustizia di Dio (Rm 1,1-17)
Lunedì 25 novembre 2019 Dio e l’uomo fuori dell’evangelo (Rm 1,18-3,20)
Lunedì 20 gennaio 2020 Il giro di boa: Gesù Cristo e la fede in lui (Rm 3,21-31)
Lunedì 10 febbraio 2020 Abramo e Adamo diversamente orientati a Cristo (Rm 4,1-5,21)
Lunedì 16 marzo 2020 Il battesimo apre ad una vita immersa in Cristo (Rm 6-8)
Lunedì 20 aprile 2020 Funzione e destino del popolo di Israele (Rm 9-11)
Lunedì 18 maggio 2020 La componente etica dell’identità cristiana (Rm 12,1-15,13)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Romani e futuro: realisti ma ottimisti

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 marzo 2019

Aumento delle tasse, costo della vita, pensioni basse, precarietà del lavoro: tutto questo fa ancora paura ai romani, ma nonostante tutto affrontano il futuro con moderato ottimismo. Secondo l’ultima ricerca dell’Osservatorio Sara Assicurazioni1, la compagnia assicuratrice ufficiale dell’Automobile Club d’Italia, più della metà degli intervistati (54%) affronta il proprio futuro dal punto di vista economico in modo positivo.Se il 36% prevede di mantenere l’attuale tenore di vita nel prossimo futuro, una buona parte dei romani si riconosce tra quel 20% di intervistati che ammette di vedere nel proprio futuro minori disponibilità economiche, ma che con un po’ di accortezze, si saprà adattare. Il 18% pensa che avrà disponibilità economiche superiori rispetto a quelle attuali, l’11% ha risposto di vivere nell’incertezza mentre un altro 19% si dichiara pessimista e teme che le proprie disponibilità economiche saranno inferiori a quelle attuali.In che modo, secondo gli intervistati, ci si può garantire un futuro migliore? Una buona fetta di romani vede di buon occhio l’utilizzo delle forme di pagamento rateali, sia perché consentono di acquistare con calma (21%), sia perché permettono di gestire meglio il bilancio familiare (36%). C’è chi invece è più propenso alla sottoscrizione di diverse forme di risparmio o previdenza, tra cui spicca il fondo pensione, preferito dal 41% degli intervistati, seguito dall’acquisto di immobili (31%) e dai prodotti assicurativi di investimento, specie quelli collegati a gestioni separate e quindi sicuri, e i piani individuali di risparmio per il 23%.D’altra parte, ricorrere a una forma di risparmio può aiutare ad affrontare il futuro con più serenità e a porsi degli obiettivi anche a medio/lungo termine, come dimostrano i dati: il 56% dei romani infatti ammette di voler mettere da parte una somma sufficiente per affrontare eventuali imprevisti, il 40% vuole invece mantenere l’attuale tenore di vita. Grande attenzione verso i figli: il 41% vuole essere certo di poter aiutare i propri figli in un futuro, mentre il 18% non vuole gravare su di loro in caso di perdita di lavoro o di pensione bassa.E a proposito di pensione, quest’ultima risulta essere uno dei fattori che preoccupano di più i romani in questo momento: al primo posto nei loro pensieri si trova la paura di spese impreviste (53%), seguita, appunto, dalla prospettiva di una pensione bassa (42%) e dai fattori fiscali ed economici (35%).A chi rivolgersi, dunque? Quasi la metà dei romani (44%) si affiderebbe alla propria banca o a un consulente mentre il 26% chiederebbe consiglio ad una compagnia di assicurazioni.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I romani alla prese con il loro sindaco

Posted by fidest press agency su martedì, 18 dicembre 2018

Da quando la prima donna è stata eletta sindaco della città eterna i miei amici sparsi nel mondo hanno avuto un motivo in più per contattarmi e chiedermi cosa ne pensassi, ma soprattutto se fosse in grado d’affrontare la pesante eredità lasciata dai suoi colleghi maschi. In tempi più ravvicinati mi hanno stuzzicato su quelli che hanno ritenuto dei plateali insuccessi nel non aver risolto problemi quali la nettezza urbana, le buche stradali, i mezzi pubblici di trasporto urbano, la cura dei parchi e dei giardini e i vari “scoop giornalistici” sui topi che scorrazzano su cumuli d’immondizie abbandonati accanto ai cassonetti, le pecore che brucano l’erba dei siti archeologici e amenità del genere. Cosa avrei dovuto rispondere? Che fosse tutto falso? Mi son limitato ad una timida difesa sul fatto che la sindaca avesse ereditato una città in stato comatoso e che i rimedi, complice la burocrazia, richiedessero più tempo per essere realizzati. Al tempo stesso mi son chiesto dove i miei amici hanno attinto tante “lucubri” messaggi dello sfacelo romano e se non ci fosse lo zampino disfattista di una certa classe politica che marcia impettita e anacronistica sul “tanto peggio tanto meglio”. Dopo tutto molte altre grandi città del mondo non stanno meglio di Roma ma in molti casi si lavano i panni sporchi in casa. Non è che io condivida del tutto questa logica del nascondere la polvere sotto il tappeto, ma avrei preferito che dai palazzi della politica romana ci fosse la consapevolezza che il discredito profuso a piene mani rischia di lasciare una traccia indelebile sulla storia della città eterna e finisce con il pregiudicare anche il buono che potrebbe essere prodotto. Ma di là delle critiche che si possono fare, giusto o ingiuste che siano, a mio avviso la colpa più grave che imputo alla sindaca è la sua incapacità d’entrare in sintonia con i suoi amministrati. Molti la considerano un oggetto estraneo che sa amministrare e vivere i sentimenti dei romani entro le quattro mura del palazzo e non tra gente andando dove pulsa il cuore dei romani e a capire che è opportuno far sentire i problemi esistenti cercando un coinvolgimento popolare. Intendo dire che molti sono gli occhi che osservano ma molti pochi sono quelli che riescono a dialogare con gli uffici competenti per segnalare, ad esempio, i cassonetti dimenticati nella raccolta rifiuti e che traboccano, le buche stradali ecc. Questo perché manca un’interfaccia sensibile e pronta a recepire i messaggi e ad intervenire per farsi carico del disservizio e a porvi riparo. Probabilmente non è del tutto la soluzione del problema ma di certo aiuta i romani a rendersi conto che gli affanni della capitale non si risolvono con la critica asettica e talvolta ingenerosa ma con il coinvolgimento consapevole e diretto di chi vi abita. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Raggi, i romani e i media

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 luglio 2018

I difficili rapporti tra i romani e gli amministratori locali sanno di antico e sono stati quasi sempre conflittuali. Cosa avrebbe potuto assicurarci un cambiamento con l’attuale gestione del Campidoglio con la prima donna sindaco? Alle sue spalle, tra l’altro, ha un Movimento che si è conquistata la fama d’essere costituito da persone oneste e di buona volontà e soprattutto fortemente critico con gli inciuci partitici del passato.
Se vado a ritroso, diciamo, fino a trenta-trentacinque anni fa e poi risalgo la china sino a tutt’oggi con la lettura della cronaca locale e rispolverando il mio archivio personale mi sembra di fare copia-incolla con i malanni odierni. E allora perché tanta intolleranza per certi problemi tuttora irrisolti come se la Raggi possedesse la bacchetta magica della fatina e che con un colpetto qua e là potesse offrirci in un baleno uno spaccato della capitale nuovo di zecca? Ma a questo punto mi chiedo: sta proprio qui l’origine di tanta insofferenza che si percepisce tra la gente? O è qualcosa che si accumulata nel tempo e che ora l’attesa, sia pure giustificabile, non è più tollerata?
Di certo posso dire che il feeling con i romani ha perso consistenza e le voci di dissenso crescono anche tra gli stessi iscritti al Movimento 5 Stelle sebbene la posizione ufficiale è di pieno sostegno alla Raggi.
A questo punto non mi interessa tanto elencare le cose che continuano ad andare male, ma di capire l’irrequietezza dei romani per una sindaca che non sentono più rappresentativa, di fiducia e, a dispetto delle avversità, da sostenere. E’ forse colpa dei media che non perdono occasione per attaccarla ferocemente? Forse, sebbene nutra in proposito qualche dubbio. La mia convinzione è di tutt’altra natura. La Raggi, a mio avviso, ha perso il contatto con i romani, non parla con loro, ma lo fa solo a mezzo stampa e in forma del tutto asettica, non espone loro con franchezza i suoi crucci di amministratrice. Mesi fa suggerii in proposito alla sindaca di coinvolgere i romani nella gestione pubblica, di renderli in qualche modo compartecipi coinvolgendo il volontariato, la disponibilità di chi, come i pensionati, hanno la possibilità d’osservare e di riferire e di permettere loro di comunicare e di trovare dall’altra parte della cornetta chi prende nota dell’informativa e agisca di conseguenza in tempo reale. Roma è o non è dei romani, da chi da anni vi risiede e aggiungerei dei turisti, di quelli che l’amano e non la sporcano? (Riccardo Alfonso direttore agenzia stampa Fidest)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Romani: tutti in piazza per la “zuppa della Bontà”

Posted by fidest press agency su martedì, 12 settembre 2017

Roberto ValbuzziRoma, il 30 settembre e l’1 ottobre, Giornata mondiale di lotta alla povertà (che si celebra ogni 17 ottobre). A Roma si chiama zuppa della Bontà, ed è giunta alla sua terza edizione, e nasce con l’obiettivo di raccogliere fondi per offrire assistenza e pasti caldi a migliaia di persone senza dimora durante il periodo invernale.I volontari scenderanno in piazza nei principali luoghi di passaggio della città (l’elenco di tutte le piazze si trova sul sito lazuppadellabonta.it) per offrire una confezione di zuppa della Bontà, a fronte di una piccola donazione, a chi vorrà portare in tavola un piatto speciale da consumare insieme ai propri cari e, insieme, dare un aiuto alle persone senza dimora. Presso i banchetti di Progetto Arca si potranno scegliere tre gustosi tipi di zuppe (minestrone alla veneta, zuppa d’orzo e minestrone alla montanara) prodotte dall’azienda Pedon. Solo nell’ultimo Zuppa della Bontàanno Progetto Arca ha assistito 80.000 persone nei centri di accoglienza, negli appartamenti per l’integrazione e durante le unità di strada, distribuendo circa 2 milioni di pasti.
Quest’anno, inoltre, per festeggiare la terza edizione dell’iniziativa, la onlus lancia il Contest della Bontà, concorso di cucina che permette ad aspiranti cuochi dal cuore solidale di cimentarsi in cucina per una buona causa. Per partecipare basta inventare una ricetta di una zuppa a base di legumi e cereali, preparala e iscriversi su http://www.lazuppadellabonta.it/contest-della-bonta/. C’è tempo fino al 17 settembre.
Gli autori delle ricette più originali si sfideranno in piazza a Milano sabato 30 settembre 2017 affiancati da Roberto Valbuzzi, Chef de La Prova del Cuoco e testimonial de la zuppa della Bontà. La squadra vincitrice si aggiudicherà una cena degustazione per 3 persone presso il Ristorante di Roberto Valbuzzi Crotto Valtellina (Via Fiume 11, Malnate – Varese). In palio per i secondi classificati invece un incontro degustazione e due LAB Experience presso Eataly Smeraldo (Piazza XXV Aprile 10, Milano). (foto: Roberto Valbuzzi, Zuppa della Bontà)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Raggi i romani e i media

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

roma10I difficili rapporti tra i romani e gli amministratori locali sanno di antico e sono stati quasi sempre conflittuali. Cosa avrebbe potuto assicurarci un cambiamento con l’attuale gestione del Campidoglio con la prima donna sindaco? Alle sue spalle, tra l’altro, ha un Movimento che si è conquistata la fama d’essere costituito da persone oneste e di buona volontà e soprattutto fortemente critico con gli inciuci partitici del passato. Se vado a ritroso, diciamo, fino a trenta-trentacinque anni fa e poi risalgo la china sino a tutt’oggi con la lettura della cronaca locale e rispolverando il mio archivio personale mi sembra di fare copia-incolla con i malanni odierni. E allora perché tanta intolleranza per certi problemi tuttora irrisolti come se la Raggi possedesse la bacchetta magica della fatina e che con un colpetto qua e là potesse offrirci in un baleno uno spaccato della capitale nuovo di zecca? Ma a questo punto mi chiedo: sta proprio qui l’origine di tanta insofferenza che si percepisce tra la gente? O è qualcosa che si accumulata nel tempo e che ora l’attesa, sia pure giustificabile, non è più tollerata? Di certo posso dire che il feeling con i romani ha perso consistenza e le voci di dissenso crescono anche tra gli stessi iscritti al Movimento 5 Stelle sebbene la posizione ufficiale è di pieno sostegno alla Raggi. A questo punto non mi interessa tanto elencare le cose che continuano ad andare male, ma di capire l’irrequietezza dei romani per una sindaca che non sentono più rappresentativa, di fiducia e, a dispetto delle avversità, da sostenere. E’ forse colpa dei media che non perdono occasione per attaccarla ferocemente? Forse, sebbene nutra in proposito qualche dubbio. La mia convinzione è di tutt’altra natura. La Raggi, a mio avviso, ha perso il contatto con i romani, non parla con loro, ma lo fa solo a mezzo stampa, non espone loro con franchezza i suoi crucci di amministratrice. Mesi fa suggerii in proposito alla sindaca di coinvolgere i romani nella gestione pubblica, di renderli in qualche modo compartecipi impegnando il volontariato, la disponibilità di chi, come i pensionati, hanno la possibilità d’osservare e di riferire e di permettere loro di comunicare e di trovare dall’altra parte della cornetta chi prende nota dell’informativa e agisca di conseguenza in tempo reale. Roma è o non è dei romani, da chi da anni vi risiede e aggiungerei dei turisti, di quelli che l’amano e non la sporcano? (Riccardo Alfonso direttore agenzia stampa Fidest)

Posted in Confronti/Your and my opinions, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: A proposito degli incarichi esterni e il loro costo per i romani

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 luglio 2017

campidoglioRoma. Gli incarichi esterni a tempo determinato attualmente conferiti da Roma Capitale, ex art. 90 ed ex art. 110 del Tuel (rispettivamente collaboratori di staff degli organi politici e dirigenti a tempo determinato o figure di alta specializzazione), sono diminuiti rispetto a quelli registrati nel corso delle precedenti amministrazioni.
È quanto rende noto il Campidoglio in merito alle notizie oggi riportate da organi di stampa.Mettendo a confronto i numeri, forniti dal Dipartimento Risorse umane, risultano ad oggi in essere 50 contratti ex art. 90 per collaboratori di staff di sindaca e assessori mentre non è stato ancora sottoscritto alcun contratto ex. art. 110 per dirigenti a tempo determinato o figure di alta specializzazione. Durante il mandato del sindaco Ignazio Marino furono attivati 153 contratti (95 ex art. 90 e 58 ex art. 110). Nell’ultimo anno e mezzo di mandato del sindaco Gianni Alemanno risultavano stipulati 158 contratti (92 per staff e 66 per dirigenti e alte specializzazioni). Quanto alla spesa annua per gli incarichi esterni, comprensiva di compensi lordi e oneri di legge, si passa dai circa 12 milioni di euro del 2012 ai 7 milioni del 2013, per finire con i 5,6 milioni del 2014 e gli oltre 5 milioni del 2015. I contratti attualmente stipulati dall’attuale amministrazione capitolina prevedono una spesa annua di poco più di 3,5 milioni di euro.
In particolare dirigenti esterni e alte specializzazioni, al momento non presenti in Campidoglio, venivano assegnati non solo agli organi politici ma anche alle strutture dipartimentali del Comune come l’Ufficio stampa.Con le ordinanze con cui è stato disposto l’ampliamento degli staff di sindaca e assessori si potrà eventualmente arrivare a un massimo di 99 collaboratori: un dato quindi inferiore rispetto al numero complessivo degli incarichi esterni conferiti nelle precedenti amministrazioni.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »