Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘romano’

No alle grandi navi lungo il litorale romano

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 giugno 2021

Quanti sono i porti tra Ostia e Fiumicino? Tanti ma a quanto pare per qualcuno non bastano…. Fiumicino è un porto canale, Fiumara Grande è un porto esteso dal mare fino a oltre il ponte della Scafa su entrambe le sponde con il Porto Romano all’interno, poi il Porto turistico di Ostia all’Idroscalo e il porticciolo sul Canale dei Pescatori e lungo le sponde. Quante barche sono ormeggiate in questi porti? Migliaia e migliaia …ma a quanto pare per qualcuno sembrano non essere sufficienti visto che si pensa ancora ad un altro porto turistico alla foce del Tevere per ospitare anche imbarcazioni molto più grandi e impattanti, per non parlare del faraonico progetto di porto commerciale a nord della Fossa Traianea. Insieme al porto per piccole imbarcazioni, accanto al vecchio Faro di Fiumicino, si vuole infatti realizzare un porto per accogliere le navi da crociera, il progetto iniziale del 2009 non lo prevedeva. Questa non è una semplice variante al progetto precedentemente approvato – e miseramente annegato tra i flutti delle inchieste giudiziarie; è necessario quindi, come afferma il Ministero dei beni culturali (oggi Ministero della Cultura): un “nuovo progetto per il quale risulta necessaria un’approfondita valutazione degli aspetti di competenza di questo Ministero”. E’ stato consegnato nel 2019 il “nuovo progetto” per accogliere anche le navi da crociera. Siamo sul mare di Roma, circa 3 milioni di abitanti, la città più popolosa di tutta Italia.La viabilità è esigua. In questi ultimi anni è stato grande l’impegno dell’Amm. Comunale di FIUMICINO nell’organizzare in modo idoneo il reticolo viario, introducendo diversi dissuasori e zone 30, con buoni risultati in termini di qualità della vita. Condividiamo le osservazioni del Ministero della Cultura sulla necessità di “una più accurata analisi degli impatti cumulativi…in termini di mobilità sul territorio”. L’idea è quella di arrivare con questi enormi palazzi galleggianti alle porte della capitale per poterla visitare. Ancora il parere del Ministero che osserva: “particolare attenzione andrà posta per superare il problema della presenza del “fuori scala” costituito dalle navi da crociera (caratterizzate da dimensioni, forme e materiali estranei al contesto) nella realtà dell’Isola Sacra, evitando impatti negativi – non solo visivi- che potrebbero scaturire dalla stridente differenza dimensionale-volumetrica rispetto a quelle circostanti.”Pensiamo alle migliaia di turisti che scendono dalle navi da crociera per raggiungere la città di Roma: 2000, 3000, 4000 persone che nello stesso momento in autobus si muoveranno verso la capitale. Numeri consistenti, dai 50 agli 80 autobus che partono contemporaneamente attraverso le strade non molto ampie di Fiumicino, via Trincea delle Frasche e via Coni Zugna per immettersi su via dell’Aeroporto e arrivare a Roma. Autostrada, via Portuense, via del Mare, hanno da tempo esaurito la propria capacità di carico, lo sappiamo bene, ne abbiamo tutti fatto esperienza. Rileviamo inoltre che il fondale non è idoneo, poco profondo per accogliere le navi da crociera. Questo impone “importanti dragaggi per realizzare le batimetrie necessarie al passaggio delle navi, e non solo all’interno del bacino portuale”. Da questo deriva un rischio archeologico sul patrimonio sommerso, come osserva sempre il Ministero ma anche un fortissimo impatto sull’ambiente marino e costiero. Ricordiamo che ci troviamo alla foce del Tevere è che l’afflusso di sedimenti trasportati dal fiume, seppur diminuito negli ultimi 50 anni – da qui il problema dell’erosione costiera – esiste comunque. L’apporto di sedimenti andrà in qualche modo a generare problemi di insabbiamento (un destino segnato dai tempi dell’Imperatore Claudio), quindi la necessità di mantenere periodicamente le batimetrie.Le escavazioni in mare di sicuro avranno un impatto sul Sito di Interesse comunitario, denominato “Isola Sacra” che si trova nelle adiacenze del vecchio faro. La cementificazione produrrà ulteriori drammatici fenomeni di erosione nei tratti più pregevoli della Riserva Naturale Statale del Litorale Romano. I monitoraggi costanti, auspicati e promessi, non risolveranno certamente le gravi ripercussioni in termini di inquinamento e di rumore, con conseguenze negative sulla salute degli abitanti di Fiumicino e del litorale.In attesa del parere del Ministero dell’Ambiente che affronterà gli aspetti più propriamente legati all’alterazioni provocate sull’ambiente naturale, le nostre Associazioni esprimono enormi preoccupazioni nei confronti di questo progetto.Altra prospettiva che ci inquieta profondamente, anche se il suo iter rimane ancora lungo e complesso, è il mega-porto commerciale previsto a nord del Canale di Fiumicino. Mentre il 31 marzo scorso il Consiglio dei Ministri ha finalmente approvato un decreto-legge che escluderà, in sintonia con l’Unesco, l’approdo della Grandi Navi dalla Laguna di Venezia, Fiumicino dovrebbe accogliere ancora altre navi da crociera (per 230.000 passeggeri all’anno), nonché imponenti cargo (per 3 milioni di tonnellate di merce all’anno) e traghetti (per 565.000 passeggeri all’anno).Per il nuovo scalo, cofinanziato dalla Banca Europea per gli investimenti (BEA) si prevede una spesa complessiva di 195 milioni di euro, di cui 39 già stanziati per la darsena pescherecci, unico progetto finora approvato. Estensione complessiva 1,750 milioni di metri quadrati. Tutto ciò andrebbe ad aggiungersi al traffico di prodotti petroliferi, oggi di 3,5 milioni di tonnellate all’anno.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Erosione costiera litorale romano

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

“La Regione Lazio ha recentemente approvato nel Lido di Ostia il progetto per la realizzazione di due pennelli parzialmente sommersi tra lo stabilimento Pinetina e lo stabilimento Gambrinus, che non risolverà il problema erosivo del litorale romano. Si tratta di una soluzione palliativa e inefficace, già adottata frequentemente in passato, che oltre a essere costosa economicamente non solo non risolve il problema, ma di fatto può innescare processi di erosione nelle zone limitrofe”. Lo ha affermato Ilaria Falconi, Consigliere nazionale della Società Italiana di geologia ambientale (SIGEA).“Nel dettaglio – ha continuato Falconi – nel Lazio su 290 km di litorale, le spiagge sono circa 220 km e il 18 % di queste è a rischio erosione. Fra le aree a rischio ci sono le foci fluviali, quindi le zone comprese tra Fiumicino e Ostia. In questo tratto di costa ben 16,20 km, oltre 80% dei 19,80 km di lunghezza, sono in forte erosione. Dati drammatici, che dopo ogni inverno vedono arretrare le spiagge.La Regione Lazio ha recentemente finanziato un progetto che prevede la realizzazione d’interventi di ripascimento e il posizionamento di un pannello a “T” tra lo stabilimento Pinetina e lo stabilimento Gambrinus nel Lido di Ostia, per una spesa prevista di oltre 2 milioni di euro.L’esperienza ha dimostrato che, gli interventi di difesa costiera con opere strutturali, come i pennelli, abbiano un’efficacia modesta nel contrastare l’erosione ma, piuttosto possono con la loro presenza generare effetti negativi sull’ambiente emerso e sommerso circostanti. Inoltre, si possono formare correnti di ritorno, aderenti al pennello e/o tra un pennello e l’altro, che sono molto pericolose per i bagnanti che rischiano seriamente di annegare. Dalla loro posa, infatti, sarebbe auspicabile il posizionamento di apposita cartellonistica sulle spiagge al fine di sensibilizzare i cittadini sulla presenza di eventuali pericoli intrinseci (ad es. correnti di ritorno, formazione di buche).Infine, se si considera che i pennelli sarebbero realizzati in prossimità della spiaggia di Capocotta e della Tenuta Presidenziale di Castelporziano e dell’Area Marina Protetta Secche di Tor Paterno – aree di grande pregio a livello naturalistico – si possono ipotizzare effetti dannosi che la realizzazione dell’opera produrrebbe all’ecosistema dunale. La SIGEA, riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente come associazione di protezione ambientale ritiene indispensabile che sia avviata al più presto la procedura di valutazione d’impatto ambientale, su quest’opera”. La Società Italiana di Geologia Ambientale porterà la problematica relativa all’Erosione del Litorale Romano, all’attenzione dell’opinione pubblica con un importante WeBinar.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova stagione del turismo romano, positivo il bilancio 2017

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 gennaio 2018

roma-fori-imperialiNuovo corso del turismo a Roma, all’insegna di qualità e sostenibilità contro l’overtourism. Positivo il bilancio del 2017, che inquadra un dato significativo: l’andamento degli hotel 5 stelle nel 2017 ha toccato un + 4,90% di arrivi 71.555 (unità) e un + 4,86% di presenze (147.629 unità) rispetto all’anno precedente, confermando il trend al rialzo del turismo di qualità, che impatta concretamente e positivamente sull’indotto di sistema.Il dato complessivo del 2017, registra 14.694.364 di arrivi, in crescita del + 3,04% rispetto al 2016, e 35.562.221 presenze, pari a un aumento del + 2,63% (dati EBTL – Ente Bilaterale del Turismo).Cifre importanti, che testimoniano altresì un’impennata della domanda turistica straniera pari al + 3,33% quanto ad arrivi (7.896.985 unità) e del +2,88% quanto a presenze (20.526.400 unità). I principali paesi da cui arrivano i turisti nella Capitale sono Stati Uniti, Giappone, Spagna e Germania. “I dati positivi del 2017 sul turismo sono un risultato di cui andiamo orgogliosi. Ci siamo focalizzati sulla messa a sistema strategica delle risorse esistenti, dei poli attrattivi, del personale preposto all’accoglienza, promuovendo una valorizzazione a tutto tondo delle eccellenze locali, dai percorsi inusuali e alternativi alle mete turistiche più inflazionate a quelli dell’enogastronomia tipica, dai sentieri dell’arte alle vie dello shopping e delle botteghe artigiane. E ancora: riflettori puntati sulla formazione dei nostri operatori di settore, sulla partecipazione a fiere internazionali di settore per la promozione dei servizi offerti dai Foro romanonostri operatori, sulle sinergie tra pubblico e privato e sulla condivisione di un protocollo fra città d’arte a tutela del nostro patrimonio storico-culturale. Abbiamo intrapreso una serie di azioni mirate all’accoglienza, facendo della Capitale una città ‘a portata di turista’, rispettosa di chi la rispetta”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi. “Abbiamo portato avanti iniziative centrate su due pilastri: promozione e accoglienza. Il tutto, potenziando direttrici finora tralasciate, prima fra tutte la dimensione fondamentale del turismo congressuale. Infine abbiamo razionalizzato l’organizzazione dei Tourist Infopoints di Roma Capitale e le risorse risparmiate sono state destinate alla promozione innovativa e digitale”, spiega l’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale Adriano Meloni.
“Abbiamo assecondato la vocazione turistica di Roma Capitale attraverso un’opera di diversificazione e valorizzazione delle sue varie declinazioni: monumentale, congressuale, enogastronomica e religiosa. Significativa la mozione per la candidatura all’inserimento di Ostia Antica tra i siti del Patrimonio Mondiale dell’Umanita’ riconosciuti dall’Unesco. Rilievo anche ai cosiddetti “cammini religiosi”, che sosteniamo con la proposta di riqualificazione e messa in sicurezza del Sentiero del Pellegrino, di una memoria di Giunta per perorare la candidatura della Via Nicolaiana a “Itinerario Culturale” nell’ambito del Programma del Consiglio d’Europa, e infine della valorizzazione della via Francigena”, conclude la presidente della Commissione Turismo, Moda, Eventi e Relazioni internazionali Carola Penna.

Posted in Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“La legione occulta dell’Impero Romano

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2010

Roma 5 agosto, ore 19.00 Parco del Celio – via di San Gregorio  “All’Ombra del Colosseo” presentazione del libro di Roberto Genovesi che rievoca nel primo salotto letterario della rassegna capitolina le suggestioni più misteriose della civiltà romana ne “La legione occulta dell’Impero Romano” (Newton Compton Editore).
Un romanzo-videogioco tra storia e fantasy, con protagonista una “Legio Occulta” composta di sacerdoti guerrieri, aruspici e indovini che, guidati dal fato, entrano a far parte di una forza segreta in grado di guidare le sorti della guerra grazie al contatto diretto con le divinità. Nessuno conosce con precisione la storia di alcune legioni romane, in particolare dalla 29 alla 33, e questo ha incuriosito l’autore e lo ha portato a immaginare quali eventi fossero accaduti in quel periodo ai soldati romani. Interverranno alla presentazione, tra gli altri: Francesco Antonelli, presidente di Biblioteche di Roma, Enrico Passaro, giornalista, Andrea Frediani, scrittore, Max Giovagnoli, esperto di comunicazione cross-mediale e docente di scrittura creativa alla Link Campus University di Roma e Marco Lucchetti, esperto di storia antica romana e consulente per i romanzi di V.M. Manfredi. Per l’occasione, l’Associazione Culturale Civiltà Romana rappresenterà una scena militare che farà da cornice all’illustrazione del libro. (legione occulta)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La legione occulta dell’impero romano

Posted by fidest press agency su domenica, 13 giugno 2010

Roma 25 giugno – ore 19,00 Isola Tiberina  nell’ambito della rassegna “L’Isola del cinema” Roberto Genovesi presenta il suo romanzo La legione occulta dell’impero romano Con l’autore interviene:  Angelo Mellone – giornalista e scrittore. Per la storia non sono mai esistiti ma l’Impero Romano ha nei loro confronti un inestimabile debito di riconoscenza. Il loro intervento ha permesso di realizzare strategie impensabili, di vincere battaglie impossibili. Non sono addestrati a combattere, ma a leggere e interpretare i segni degli dèi, spianando la strada alle daghe romane, o a intervenire quando la forza delle armi lascia il posto al potere del trascendente. Indossano armature bianche come la neve e tuniche nere come la notte. Veggenti, auguri, negromanti, aruspici raccolti da bambini nelle arene, nei mercati degli schiavi e nei villaggi in fiamme. Le storie che corrono sulla bocca degli ubriachi nelle bettole di confine raccontano che siano guidati da un generale padrone di un misterioso linguaggio dei gesti. Si muovono sui campi di battaglia come spettri, inarrestabili e letali. Giulio Cesare ne ha fatto un manipolo di eroi, Ottaviano Augusto li ha resi leggenda. Vigiles in tenebris è il loro motto e il nero destriero di Plutone il loro simbolo. Sono i soldati della Legio Occulta. http://www.isoladelcinema.com
Giornalista professionista, scrittore, sceneggiatore, game designer Roberto Genovesi, è responsabile Marketing & Promozione di Rai Trade. Già direttore culturale di Expocartoon, il Salone Internazionale dei Comics di Roma, è stato vice responsabile di Rai Sat Ragazzi e coordinatore editoriale di Rai Gulp. Con Sergio Toppi, uno dei più grandi artisti del fumetto europeo, ha realizzato le graphic novel sulla vita di Federico di Svevia, Carlo Magno, Gengis Khan dedicate al pubblico dei bambini.: http://www.robertogenovesi.it/?page_id=24

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un altro grande romano che se ne va

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 aprile 2010

«Con Raimondo Vianello Roma perde un altro Grande, un professionista della risata che con la sua verve comica ha accompagnato i migliori anni della televisione. Un vero signore nella sua comicità sempre garbata che non dimenticheremo». Lo afferma il senatore Mauro Cutrufo, vicesindaco di Roma.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »