Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Posts Tagged ‘ruby’

Berlusconi in: Ruby red face

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 febbraio 2011

The Italian prime minister, Silvio Berlusconi, has rarely been out of trouble during his 18-year-long political career. But le 5657/2011 of the Milan prosecutors’ oce looks as if it could give him his worst problems so far. The le, sent to a judge on February 9th, contains a request for Mr Berlusconi to be put on trial as soon as possible, charged with two unpleasant oences. Mr Berlusconi is accused of buying the services of a juvenile prostitute and then trying to hide the fact by taking illegal advantage of his position. The two oences carry maximum sentences of, respectively, 3and 12 years in prison. The prime minister denies any wrongdoing. He immediately hit back at the prosecutors, describing them as subversive, calling their investigation into his private life a disgrace and even threatening to sue the Italian state (though on what precise grounds is not clear). The 782 pages of witness statements and wiretap-transcripts in the le depict Mr Berlusconi as spending his free time as if he were one of the sleazier Roman emperors: inviting dozens of showgirls and courtesans to dinners at his home near Milan that were followed by bunga-bunga sessions involving erotic play that in turn led to sex.  Milan’s chief prosecutor, Edmondo Bruti Liberati, said that he and his colleagues had decided to ask for the prime minister to be indicted without a pre-trial hearing because of the obviousness of  the evidence against him. One of Mr Berlusconi’s guests was a young Moroccan runaway, Karima el-Mahroug, also known as Ruby Heartstealer, who the prosecutors say was aged 17 at the time. Under Italian law, it is illegal to pay for sexual services of any kind if the provider is under 18. Mr Berlusconi has admitted giving his young friend several thousand euros. But he and Ms el-Mahroug both say the money was a gift: the prime minister took pity on her after hearing her claim to have escaped from a violent father. In May 2010 Ms el-Mahroug, who had repeatedly run away from care, was taken to a Milan police station, accused of theft. But she was released after a telephone call from the prime minister during which he suggested that she was the granddaughter of Egypt’s president, Hosni Mubarak. Mr Berlusconi’s lawyers say he believed what he had been told. The prime minister him-
self said this week he had intervened to prevent a diplomatic incident. It will now be up to the judge to decide whether to accept the indictment. Assuming that she does, as seems likely, Italy could be heading for a constitutional showdown. Mr Berlusconi’s lawyers do not argue merely that the prosecutors lack a case, but that they had no right to investigate him (because they failed to refer the matter to a court for judging ministers that requires parliamentary approval to proceed). That may seem a technical point on which lawyers are best qualied to decide. But on February 3rd it was endorsed by the lower house of parliament. By 315 votes to 298, the Chamber of Deputies rejected a search application from prosecutors because the case was being overseen by the wrong court. Opposition lawmakers protested that parliament was exceeding its powers. Mr Berlusconi was said to be furious that prosecutors had not dropped the case as a result of the vote. On hearing that they had asked for his indictment, he accused them of breaking the law [and] going against parliament. His ally, Umberto Bossi of the Northern League, said it was the start of total war between the legislature and the judiciary. This is dangerous talk. It encourages suspicions that the two men are preparing the ground for an early election in which a cornered Mr Berlusconi would appeal for a mandate to neutralise the courts once and for all. The Ruby case is not his only concern. He is a defendant in two trials on nancial charges that are due to resume by March 11th. On March 5th a third case in which Mr Berlusconi is accused of nancial irregularities will go to a pre-trial hearing. The government’s 17-vote majority over the oce search suggests that, what-ever his legal diculties, the prime minister’s position in parliament is still relatively secure. Yet he relies on Mr Bossi’s continued support. And Mr Bossi has made clear that this will depend on whether Mr Berlusconi can steer through parliament a federalism bill to devolve greater spending power to local authorities. On February 3rd a panel on which supporters and opponents of the government are evenly divided threw out the federalism bill. Mr Berlusconi then tried to get it on the statute book as a decree, but President Giorgio Napolitano refused to sign it. The plan now is to resubmit the bill to parliament and use a condence vote to ram it through. Italy looks as if it is in for a torrid political spring.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Ruby come il lardo per la gatta

Posted by fidest press agency su martedì, 1 febbraio 2011

Lettera al direttore. Vorrei spezzare una lancia a favore del Cavaliere. A mio parere, dal punto di vista morale (non legale!), quella del premier, che Veronica Lario ha definito malattia, e la figlia Barbara, debolezza, non può essere considerata una colpa, giacché prescinde dalla volontà, o meglio, è più forte della volontà. Il Cavaliere, in qualche modo, è costretto ad avere contatti, non solo fisici, con giovani donne. La prova? Ce ne sono due. La prima è che se dipendesse dalla sua volontà, non si sarebbe mai messo nelle condizioni di dare un dispiacere alla famiglia, che ama profondamente, e disgusto agli italiani che pure ama profondamente.  La seconda è che, pur essendo consapevole d’essere sotto l’occhio vigile dei magistrati, ha continuato a dare sfogo ai suoi desideri per les jeunes filles en fleur. E volete che il Cavaliere non conosca il proverbio “Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino”?. Grave colpa è invece la sua ostinazione a non dimettersi. Le dimissioni, infatti, dipendono dalla sua volontà.(Veronica Tussi)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caso Ruby e attacchi alla magistratura

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 gennaio 2011

“In nessuna parte del mondo gli imputati scelgono i giudici. La prova del fatto che Berlusconi non è perseguitato dalla magistratura, come, maniacalmente, continua a sostenere, è sotto gli occhi di tutti: cinque dei giudici dei collegi giudicanti dei suoi processi in corso, infatti,  hanno chiesto e ottenuto trasferimento. Al presidente del Consiglio facciamo presente che i pubblici ministeri perseguono, non perseguitano, quando ci sono elementi. I giudici, invece, giudicano, in modo serio ed imparziale. Berlusconi la smetta di demolire la fiducia che i cittadini devono avere nella giustizia. Ci vorranno decenni per rimediare ai gravissimi danni che ha fatto e che continua a fare, solo per curarsi i propri affari. Vada a casa subito, perché l’Italia non merita un capo di governo capace solo di far vergognare il Paese”. Lo dice in una nota Federico Palomba, capogruppo IdV in commissione Giustizia alla Camera. (n.r. per dovere di cronaca riportiamo la dichiarazione del parlamentare. La versione ufficiale, come è noto, è che la vicenda di Arcore non esiste, come ci precisa il Presidente Berlusconi, e aggiunge: “è solo un tentativo eversivo di taluni magistrati milanesi e che, tra l’altro, non ne hanno competenza”.)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caso Ruby: Frattini al voto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 gennaio 2011

“Noi abbiamo iniziato una legislatura con Berlusconi, perché gli elettori l’hanno chiamato a governare il Paese. Se questo non dovesse essere più, io credo che non ci siano alternative. Se non ci si lascia governare, il voto è l’unica alternativa. Io mi auguro che questo non sia il caso, perché l’Italia ha bisogno di stabilità”: così il Ministro degli Esteri Franco Frattini, rispondendo – ai microfoni di Radio 24 – alla domanda sul possibile cambio di leadership nel Pdl, nel caso la situazione politica dovesse aggravarsi. Frattini ha successivamente risposto alla domanda, sui rischi di immagine per l’Italia all’estero, a causa degli scandali a sfondo sessuale che coinvolgono il Presidente del Consiglio, ampiamente ripresi dalla stampa internazionale: “Io sono preoccupato, perché nel mio Paese si viola la privacy, diritto fondamentale dell’Europa. Noi stiamo celebrando una fase del processo davanti ai mezzi d’informazione. Secondo la giurisprudenza europea, chiunque – anche il personaggio politico – ha il diritto che il processo si svolga in aula. Non davanti ai media. E che soprattutto persone del tutto estranee, che hanno partecipato a una cena, che sono state spiate e perquisite nelle loro case, abbiano diritto alla propria immagine. Sono presentate tutte come ragazze di malaffare, rovinando loro la vita. Questi sono diritti di cui ci dobbiamo preoccupare”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Napolitano sul caso Ruby

Posted by fidest press agency su martedì, 18 gennaio 2011

In un comunicato affidato alle agenzie il presidente della Repubblica si dice “consapevole del turbamento dell’opinione pubblica dinanzi alla contestazione, da parte della Procura della Repubblica di Milano al Presidente del Consiglio, di gravi ipotesi di reato, e dinanzi alla divulgazione di numerosi elementi riferiti ai relativi atti d’indagine. Senza interferire nelle valutazioni e nelle scelte politiche che possano essere compiute dal Presidente del Consiglio, dal governo e dalle forze parlamentari, egli auspica – conclude il testo diffuso dal Quirinale – che nelle previste sedi giudiziarie si proceda al più presto a una compiuta verifica delle risultanze investigative”.
Si precisa, inoltre, che nessun fascicolo sia pervenuto al Quirinale dalla Procura di Milano o da altre fonti e si sottolinea che il capo dello stato non è una parte “competente” e che solo la “Camera dei Deputati dovrà pronunciarsi sull’autorizzazione richiestale a eseguire una specifica perquisizione”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Berlusconi in bianco e nero

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 gennaio 2011

Editoriale. Da alcuni giorni a questa parte è riesploso il caso Ruby e il polverone che ha provocato ancora oggi avvolge i palazzi del potere, quelli della carta stampata, delle televisioni e per finire negli avanspettacoli da cabaret e nei conversari delle osterie paesane. Ciò che sconcerta l’opinione pubblica non è tanto lo scandalo emerso quanto le versioni diametralmente opposte, tra accusatori e accusati, che formulano con il carico da novanta di amici e referenti. Si ha la netta impressione che ad uscirne malconci, di là delle ragioni degli uni e degli altri, siano solo e comunque le istituzioni. Da una parte per l’immagine che si trae di una certa magistratura arrogante e presuntuosa ammantata di pregiudizi che s’inventa una storia scabrosa ai danni del Presidente del Consiglio trasformando la sua abitazione in luogo di festini a luci rosse e se la sua “protetta” viene casualmente fermata dalla polizia non esita, nonostante i tantissimi impegni di governo che gli impediscono persino di presenziare ai tre processi di cui è imputato, di telefonare di notte in questura a Milano per perorare la sua scarcerazione e affidamento ad una sua persona di fiducia. Dall’altra con un presidente che risponde con una dichiarazione di totale innocenza tanto che i suoi fedelissimi al cospetto di tante nefandezze non esitano a diffidare il cronista di scrivere o parlarne in proposito se non citando solo le dichiarazioni del Presidente. Vi è poi la classica ciliegina sulla torta di chi ci assicura che è tutta una messa in scena per scuotere la curiosità della gente e far parlare di se il premier tanto si sa che più fatti del genere gli si attribuiscono e più consensi popolari ottiene. Anzi, si fa notare, questo potrebbe essere il segnale che si sta preparando alle elezioni anticipate. A noi resta l’amarezza sul modo come le istituzioni siano messe duramente alla prova da coloro che le rappresentano e che dovrebbero fare di tutto per lasciarle fuori dalle loro beghe personali o insidie giudiziarie. Qui non ci sentiamo di trinciare un giudizio che diventerebbe subito di parte per far esultare gli uni e favorire l’esecrazione degli altri, ma vorremmo sommessamente proporre che si faccia un passo indietro e il nostro Silvio faccia il bel gesto di affidare ad altri la sua presidenza. Non gli sembra che 16 anni di logoramento non siano sufficienti per godersi ora e finalmente la sua privacy e il suo nuovo legame sentimentale nella quiete della sua Arcore? D’altra parte siamo tutti utili ma nessuno insostituibile. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Berlusconi si difende e rilancia

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 gennaio 2011

Lettera al direttore. Riccardo, “…E’ gravissima, è inaccettabile, è contro la legge, questa intromissione nella vita privata delle persone. Perché quello che i cittadini di una libera democrazia fanno nelle mura domestiche riguarda solo loro. Questo è un principio valido per tutti e deve valere anche per me. Del resto nessuno può essere rimasto turbato da quelle serate perché tutto si è sempre svolto all’insegna della più assoluta eleganza, del più assoluto decoro e tranquillità e senza nessuna, nessuna implicazione sessuale. Tutti i partecipanti a quelle serate hanno rilasciato al riguardo dichiarazioni inequivocabili. Del resto io, da quando mi sono separato, ma non avrei mai voluto dirlo per non esporla mediaticamente, ho avuto uno stabile rapporto di affetto con una persona che ovviamente era assai spesso con me anche in quelle serate e che certo non avrebbe consentito che accadessero a cena, o nei dopo cena, quegli assurdi fatti che certi giornali hanno ipotizzato….” (Silvio Berlusconi)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Russa sul caso Berlusconi

Posted by fidest press agency su martedì, 2 novembre 2010

Il ministro il ministro della Difesa e coordinatore del Pdl Ignazio La Russa ragiona da avvocato difensore e sulle pagine del Corriere della sera di stamani dichiara: “La telefonata alla Questura del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per interessarsi di Ruby non ha nessun rilievo penale e aveva tutto il diritto di farla”. E tanto per dare un contentino ai critici di turno soggiunge: “a volte, purtroppo, è più importante la prudenza dell’umanità e della generosità”. Tutto qui? Impostata in questi termini dovremmo ringraziare il presidente del Consiglio per aver sottratto alla “grinfie” della polizia una minorenne ed evitato che venisse carcerata per un peccatuccio di “dozzina” come direbbe il nostro poeta. Non solo. Ha persino trovato a stretto giro di telefonata una consigliera regionale del suo partito pronta ad accollarsi l’affido della ragazzina. Se poi questo episodio ha assunto una valenza “politica” e uno scandalo “mediatico” è tutta colpa delle opposizioni che non fanno altro che spiluccare nella vita privata del “capo” per denigrarlo. D’altra parte, sottolinea La Russa, anch’io “da giovane capo del Msi” ho fatto “decine di telefonate per far rilasciare ragazzi ingiustamente detenuti”. Una confidenza che ci apre una visuale della vita italiana dove la polizia sembra avere l’abitudine di arrestare gli innocenti, peggio ancora se minorenni e a tenerceli fin tanto che non intervenga qualcuno “autorevole” a liberarli. Che brutta polizia che abbiamo. Roba da terzo mondo. Sappiamo bene che le cose non stanno come ci sono dipinte e se il fine è solo quello di dimostrare la bontà di un intervento per una ragazza che era solita frequentare la casa del Premier, non è giusto coinvolgere in una azione men che corretta seri professionisti e operatori della giustizia colpevoli solo di aver “fermato” una “intoccabile”. Ci fa specie che i sindacati dei poliziotti, sempre attenti e giustamente sensibili alla onorabilità dei loro colleghi, non siano intervenuti tempestivamente con una dichiarazione e una precisazione.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Il caso Ruby e l’intreccio politico

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 novembre 2010

Dopo il polverone sollevato dal presunto intervento per interposta persona del Presidente del consiglio  presso la Questura di Milano per raccomandare il rilascio di una minorenne marocchina, accusata di furto, che si dice abbia frequentato l’abitazione di Arcore del premier, sono venute le dichiarazioni ufficiali. Per il ministro degli interni Maroni: “dal mio punto di vista i rapporti mi confermano che in Questura si sono comportati applicando tutte le regole, le norme e la prassi, quindi, nulla da eccepire”. A sua volta Gianfranco Fini aupisca “che la vicenda Ruby non sia accaduta così come è stata raccontata, perché altrimenti non sarebbe più una questione soltanto privata”. Per Altero Matteoli ministro delle Infrastrutture e trasporti persino il cauto commento di Fini diventa motivo di polemica: “Vedo che di argomenti ne ha pochi”, E di rimbalzo un’altra battuta proviene da Maurizio Lupi: “se fossi nel presidente Fini ripenserei a quanto gravi sono, per la democrazia del paese, le parole pronunciate stamattina sull’interdizione che Fli farà alle leggi a favore del premier”, Per Jole Santelli diventano una “noia questi novelli Savonarola sempre pronti ad emettere giudizi sulla morale altrui e generalmente altrettanto permissivi nei confronti propri e dei propri amici”. Renao Brunetta, invece, va sul pragmatico: “Bando all’ipocrisia. Berlusconi avrà tanti difetti, ma ha più pregi che difetti. Il Paese lo conosce e lo ha votato”.  L’opportunista Francesco Storace (La Destra), a sua volta, non si fa mancare l’occasione per lanciare l’ennesimo strale a Fini: “Spiace che Fini sia imbarazzato per Ruby. Noi siamo imbarazzati per lui. Ha svenduto roba non sua al cognato e ancora parla…”. E via di questo passo. E noi non possiamo dimenticare a questo punto che il sistema Italia vacilla e che si avverte da tempo un forte squilibrio tra i temi reali e quelli che danno solo spettacolo da baraccone. Possibile che gli italiani che hanno votato Berlusconi non se ne sono accorti? Seguito qui (A.R.)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Lettera aperta al Presidente Mubarak

Posted by fidest press agency su domenica, 31 ottobre 2010

Egr. sig. presidente Mubarak: Apprendiamo dalla autorevole voce del presidente del consiglio Silvio Berlusconi, che una sua stretta parente, Ruby,  è stata  fermata in quanto accusata di furto. Il ritmo di vita di questa sua nipotina, peraltro ancora minorenne, non fa certamente onore  a lei, suo zio,  e all’Egitto. Per fortuna è intervenuto il presidente del consiglio Silvio Berlusconi, il quale, tempestivamente informato del fermo di polizia, ha telefonato al questore, intimando di rilasciare sua nipote, pena un probabile incidente diplomatico.  Vede, sig. presidente, cosa significa avere un presidente del consiglio tanto democratico? Si è preso pena di  sua nipote ed è intervenuto nottetempo, inviando anche un consigliere regionale della regione Lombardia, a prendersi carico della sua nipotina Ruby. Poiché il presidente del consiglio rappresenta tutta l’Italia, Ella farà bene a rivolgere un sentito ringraziamento sia al presidente Berlusconi che a tutto il popolo italiano per le attenzioni  espresse, con tanta sollecitudine, verso la sua minorenne nipotina. Veda, piuttosto, di richiamare a casa la sua nipotina, perché si sta spargendo la voce che sia una marocchina, ma si tratta di maldicenze messe in atto da qualche magistrato politicizzato e dai soliti comunisti. Gradisca i miei distinti ossequi. (Rosario Amico Roxas) Seguito qui

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Il caso Ruby continua a far discutere

Posted by fidest press agency su sabato, 30 ottobre 2010

“Non viveva con me, non era mia amica e non abbiamo conoscenze in comune”. Cosi’ Katia Pasquino parla di Ruby, la giovane marocchina che ha raccontato di aver partecipato ad alcune feste ad Arcore, narrazione che ha coinvolto anche Emilio Fede, iscritto nel registro degli indagati per l’ipotesi di favoreggiamento della prostituzione, al pari dell’impresario tv Lele Mora e della consigliere regionale lombarda pdl Nicole Minetti. Katia è provata dopo l’articolo su Libero che la ritrae in abiti succinti e sottolinea la sua convivenza con la ragazza coinvolta nella bufera di Arcore.
In un’intervista in esclusiva al Clandestinoweb Katia a chiare lettere dice “faccio la cubista”, ma aggiunge con voce tremante “ma non sono come lei, i miei amici sono persone serie, studiano, lavorano, e se riuscissi a trovare un lavoro con la L maiuscola smetterei di fare la ballerina”.
Katia è indignata. E’ rimasta di sasso nel vedere le foto che, a corredo di un articolo, la ritraggono su Libero: “mi fanno sembrare quella che non sono” dice allarmata, “e mi accomunano a Ruby, collegandomi a tutto ci che sta accadendo. Ma io non c’entro con questa storia, il mio unico sbaglio è stato ospitarla solo per qualche giorno a casa mia”. E in quei giorni la verità è venuta fuori. Katia si è vista sparire da casa dei soldi, degli oggetti e persino un cellulare. E quando si è recata in commissariato per sporgere denuncia per furto… la sorpresa: la sua ex-ospite è minorenne e non si chiama Ruby. “Diceva di avere una madre cantante e un padre manager che non vedeva mai e di essere senza casa, per questo si appoggiava ora da me, ora da altri amici” continua Katia, “ma adesso non so più se è la verità, perchè di bugie ne ha racontate tantissime”.
E tra le tante cose che Ruby ha detto a Katia, c’è anche la rivelazione: “Mi ha raccontato che Silvio la manteneva”. Ma Katia dice di non conoscere Berlusconi. E di non aver mai visto Emilio Fede. Discorso diverso per Lele Mora: “Si’, lavoro per Lele. Per me è un padre e mi ha sempre dato dei consigli”. E Lele Mora è una delle persone a cui ha intenzione di rivolgersi Katia dopo lo sfratto subito in seguito ai mancati pagamenti dell’affitto, mancati pagamenti che sono la diretta conseguenza del furto effettuato da Ruby. Insomma, Mora a parte, Katia ribadisce di essere estranea a ci che accadeva tra le mura di Arcore, “del resto – continua Katia – se avessi davvero conosciuto Berlusconi mi sarei fatta trovare un lavoro e avrei finalmente abbandonato quello di ballerina. Tra le varie cose c’è anche che oggi non so se molte affermazioni sono vere o no, come il fatto che sosteneva che Berlusconi la mantenesse. C’è da domandarsi perchè, se mantenuta dal premier, rubava a me. Ruby di balle ne ha raccontate talmente tante da non distinguere più il vero dal falso. La cosa che a me interessa è che il fatto di essere una bella ragazza e fare la cubista non autorizza nessuno a pensare che sia lecito credere di me ci che oggettivamente il comportamento di Ruby permette di far pensare”. (di Miriam Giangiacomo da intervista esclusiva al giornale online Clandestinoweb)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caso Ruby: Santachè smentisce

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2010

Daniela Santanchè a Radio 24: “Vicenda allucinante. Per quanto mi riguarda è tutta una bufala. Non ho mai incontrato George Clooney”. “Devo dire che sono molto sorpresa che ci siano anche queste due righe in una vicenda che trovo allucinante. Pero, se questi sono i presupposti, perche’ li’ c’è scritto che avrei partecipato a una cena con George Clooney, dico che io George Clooney non ho mai avuto il piacere di conoscerlo, ne’ in Italia ne’ nel resto del mondo”. Lo ha dichiarato a Radio 24 Daniela Santanchè, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, che indiscrezioni di stampa indicano questa mattina come partecipante a una cena ad Arcore con Berlusconi, Clooney, la Canalis e Ruby. Santanchè, ai microfoni di Radio 24 smentisce la ricostruzione attribuita alla stessa minorenne marocchina: “Non mi sono mai seduta al tavolo di un ristorante, di un bar, di una casa privata con Clooney, per cui se tanto mi da’ tanto, non vorrei che tutto fosse un bufala, perche’ nel mio caso lo è e lo dico con forza e con fermezza. Non conosco Clooney, non ho mai partecipato a nessun incontro in cui ci fosse il signor Clooney”. Quanto ai riferimenti espliciti della stampa a festini a sfondo erotico avvenuti nella villa di Arcore, Santanchè ha dichiarato: “Siamo seri; è tutta la vita politica che faccio battaglie in favore delle donne. Questo non mi riguarda”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »