Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘ruggero cappuccio’

Ruggero Cappuccio alla Federico II parla di Drammaturgia e Vita

Posted by fidest press agency su domenica, 26 marzo 2017

Università di Napoli “Federico II”JPGNapoli lunedì 27 marzo alle 16 nell’Aula Magna Piovani del Dipartimento di Lettere dell’Ateneo, in via Porta di Massa, Ruggero Cappuccio terrà un incontro con studenti e docenti nel quale discuterà del suo articolato percorso di uomo di teatro e del ruolo di Direttore del Napoli Teatro Festival.
All’incontro, curato e moderato da Mariano d’Amora (docente di Drammaturgia Teatrale), interverranno il Prorettore della Federico II Arturo De Vivo, Giancarlo Alfano (coordinatore corso di Laurea Magistrale in Discipline della Musica e dello Spettacolo), ed Ettore Massarese (docente di Discipline dello Spettacolo Teatrale).
Mercoledì 29 marzo sarà la volta di James Rushbrooke che interverrà sul tema ‘Fin dove è lecito spingere la ricerca?’. L’appuntamento è alle 16 nell’Aula Magna Piovani.
Gli incontri si svolgono nell’ambito delle attività del nuovo corso di Laurea Magistrale in Discipline della Musica e dello Spettacolo. Storia e Teoria.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incontro-concerto con uno dei più interessanti compositori di oggi

Posted by fidest press agency su domenica, 29 gennaio 2017

bettaandoMercoledì 1 febbraio alle 18.00 all’Auditorium “Ennio Morricone” dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” (Macroaerea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1) la stagione di concerti organizzata da Roma Sinfonietta propone un incontro-concerto con uno dei più interessanti compositori di oggi, Marco Betta, che dialogherà con due personalità di spicco del teatro italiano, quali Roberto Andò e Ruggero Cappuccio, e proporrà l’ascolto di alcune sue composizioni, eseguite dal Gruppo Strumentale Musica d’Oggi. Marco Betta non era ancora trentenne quando si è imposto all’attenzione del mondo musicale – e non solo – partecipando all’opera collettiva in memoria di Falcone e Borsellino Requiem per le vittime della mafia, su testi di Vincenzo Consolo. Si è dedicato soprattutto alla musica per il teatro, componendo opere, balletti e musiche di scena (e anche musiche da film). La sua passione per l’opera lo ha portato a dedicarvisi anche come organizzatore, in qualità di direttore artistico del Teatro Massimo di Palermo dal 1994 al 2002.
Si segnalano per l’originalità dell’argomento alcune sue opere e balletti ispirati alle avventure del cappucciocommissario Collura di Andrea Camilleri, che in un caso ha prestato anche la sua voce alla loro realizzazione. Ma le collaborazioni più intense sono quelle con Roberto Andò e Ruggero Cappuccio, che hanno scritto i testi per alcune delle opere musicate da Betta e ne hanno anche curato la regia.
Betta, Andò e Cappuccio discuteranno insieme di queste opere e del teatro musicale contemporaneo in generale. Alle loro parole si alterneranno alcuni frammenti dell’opera “Sette storie per lasciare il mondo” e delle musiche per il film “Viaggio segreto”, nate dalla collaborazione di Betta con Andò, e dell’opera “Natura viva” e delle musiche per il film “Paolo Borsellino essendo stato”, nate invece dalla collaborazione con Cappuccio. Simultaneamente saranno proiettate anche alcune sequenze dei film di Andò e Cappuccio
Inoltre Betta proporrà all’ascolto alcuni brani di un compositore da lui particolarmente amato: il primo, il sesto e il decimo dei “Dieci Aforismi” per panoforte di Dmitrij Shostakovic.. Suonano il Gruppo strumentale Musica d’Oggi e il pianista Michelangelo Carbonara. (foto: betta, Andò,Cappuccio)

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: La prima luce di Neruda

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 ottobre 2016

ruggero-cappuccioRoma 26 Ottobre Roma Libreria Feltrinelli ( Galleria Sordi ) ore 18,30 con Ruggero Cappuccio, Roberto Andò e Anna Foglietta. Il romanzo si apre su Pablo Neruda nel 1952 a Napoli quando lo sveglia un fastidioso bussare alla sua porta. Riceve la comunicazione di essere indesiderato, verrà accompagnato da due agenti a Roma per essere instradato in Svizzera. Sul treno si trova seduto – e non per caso – a fianco del senatore comunista Massimo Caprara che, nella stazione della capitale, intima agli ufficiali di polizia di lasciarlo in libertà. Se questo non bastasse, una grande folla minacciosa si è radunata a sostegno del poeta. In mezzo a quella folla una donna, Matilde Urrutia, osserva e attende che libero sia anche il suo amore per Pablo. Dopo il clamore del mondo che lo celebra e vuole che viva la sua voce, la scena si sposta a Capri nella villa di Edwin Cerio, dove i due amanti danno profondità e splendore al loro amore. Vent’anni dopo, a Isla Negra, in Cile, altri militari arrivano a bussare alla sua porta e a intimare a Neruda malato e a Matilde di non lasciare l’abitazione. Il domicilio è coatto solo per poco perché, venti giorni dopo il golpe di Pinochet, Neruda si spegne in una clinica, forse avvelenato da un agente della Cia. Due stagioni della vita di Pablo Neruda: la stagione dell’amore, delle speranze, di un mondo che si trasforma e la stagione del buio, della violenza, della morte. Due stagioni raccontate in prima persona dalla voce del poeta e dalla voce di Matilde, due segmenti di esistenza che raccontano l’amore, ma anche l’amore per la vita, la grandezza dello stare al mondo, l’incanto, anche civile, della parola e il suo smorire dentro i destini che la vogliono ottusa o distorta. Ruggero Cappuccio si insinua nella fisicità dei suoi personaggi per rovesciarne come un guanto la grazia, e traendosene fuori solo per contemplarne dall’alto la loro esemplarità e fisarne la memoria. pag 160 euro 15,00 isbn 978-88-07-03214-1 In libreria da: ottobre 2016 (foto: RUGGERO-CAPPUCCIO)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ruggero Cappuccio incontra Luca Zingaretti

Posted by fidest press agency su domenica, 24 luglio 2016

luca zingaretti2Borgo di Valle (Sessa Cilento) 25 luglio Palazzo Coppola ore 21,00Segreti d’Autore – Festival dell’Ambiente, delle Scienze e delle Arti inaugura quest’anno la sua sesta edizione il 25 luglio con Il lavoro dell’attore, dialogo tra Ruggero Cappuccio e Luca Zingaretti, un suggestivo incontro che ha come cornice il meraviglioso borgo di Valle (Sessa Cilento) e Palazzo Coppola nel cuore del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Lo scrittore e regista Ruggero Cappuccio ripercorre con il celebre attore, amatissimo dal pubblico, la sua carriera tra televisione, cinema e teatro.L’immediatezza della TV, con la quale si diventa parte integrante del quotidiano del pubblico. Il cinema che è fotografia, luci, location naturali, sfumature, micromovimenti. Il teatro come luogo dove tutto accade, dove finzione e realtà si confondono perché non ci sono filtri, l’altrove dove tutto ebbe inizio. Tre mondi apparentemente diversi dove la parola e la comunicazione fanno da comune denominatore al percorso attoriale. Molti e diversi sono i paesaggi interni alla parola, ma non meno importanti ed interessanti sono le atmosfere che dalla parola si promanano, i climi che da essa si percepiscono. Ed è da questa prospettiva di senso che Ruggero Cappuccio e Luca Zingaretti si confronteranno, accompagnando il racconto con immagini video della carriera dell’attore. Durante l’incontro sarà conferito il Premio Segreti d’Autore 2016 a Luca Zingaretti, opera realizzata da Mimmo Paladino. La serata sarà introdotta da Elisabetta Nepitelli Alegiani.L’ingresso agli eventi è gratuito. http://www.festivalsegretidautore.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »